Kenin-Muguruza, la finale che non ti aspetti non è pronosticabile

Australian Open

Kenin-Muguruza, la finale che non ti aspetti non è pronosticabile

Sfavorite eppure emerse vincitrici dalle rispettive semifinali, Sofia e Garbine giungono alla resa dei conti provenendo da percorsi molto diversi. E stavolta non parliamo di favorite

Pubblicato

il

Abbiamo provato a incrociare numeri, dati, sensazioni, curriculum vitae e archivi storici tanto recenti quanto lontani, ma questi Open australiani sono stati generati per smentire qualsiasi valutazione analitica condivisibile e condivisa dai più, e per carità di patria non ci azzardiamo a parlare di pronostici. Le valutazioni messe insieme dalla quasi totalità dei cosiddetti osservatori esprimevano un giudizio compatto riguardo all’epilogo del torneo femminile, ma il lentissimo cemento di Melbourne Park ha restituito risultati in totale disaccordo con le digressioni più o meno giornalistiche delle ultime quarantotto ore. Semifinali: Halep contro Muguruza, Barty contro Kenin. Elette a favorite per acclamazione erano Simona ed Ash: la prima era parsa la più in forma delle centoventotto pretendenti; la seconda capeggia da un po’ la graduatoria mondiale e faceva gli onori di casa spinta da una nazione intera.

Avevamo messo le mani avanti chiedendovi di prestare attenzione alle possibili ribellioni, ma non ci saremmo aspettati due atti di insubordinazione clamorosi e contemporanei. Per mettere il carico da novanta, Muguruza e Kenin hanno sovvertito il pronostico senza lasciare alle favoritissime nemmeno un set, sebbene Barty, forse sopraffatta dalla pressione di cui da settimane si parla, di set point ne abbia avuti due nella prima e due nella seconda frazione: basta davvero poco a cambiare le sorti di uno Slam. Le promesse finaliste si sono medicate in qualche modo le ferite: Halep affidandosi alla retorica per interposto Darren Cahill del “tornerò più forte di prima“; Barty consolandosi con la nipotina di mesi tre apparsa nella conferenza post partita, rappresentante costei le “cose che davvero contano nella vita“, ma intanto in finale ci sono andate le altre due, per un ultimo atto che nel mare magnum delle puntate complessive presso gli allibratori tennistici crediamo non abbia raccolto moltissimi consensi.

Sofia Kenin era data in crescita veloce e costante. L’ex bambina prodigio nata a Mosca e traslocata dalla famiglia in Florida via New York alla ricerca del sogno americano evidentemente in fase avanzata di realizzazione, cresciuta alla scuola del guru Rick Macci che l’aveva paragonata a Martina Hingis e preferita a Jennifer Capriati, è esplosa lo scorso anno pare dopo il clamoroso upset, ci venga perdonato l’anglicismo, imposto all’idolo Serena Williams al terzo turno del Roland Garros. “Mi ha dato una fiducia enorme quella partita, ho capito che potevo fare il salto“, ha dichiarato alla stampa Sofia, che all’epoca aveva intanto già sollevato il primo titolo in carriera a Hobart e di lì a poco avrebbe bissato e triplicato con i trionfi a Maiorca e Guangzhou, migliorando a spron battuto il ranking anche grazie a una super-estate sul cemento nordamericano con le semi a Toronto e Cincinnati e alle vittorie back-to-back contro le numero uno Barty e Osaka.

 

Il suo gioco, figlio tanto di una predisposizione naturale quanto delle deficienze passate, si è affinato in un compendio difficile da gestire per le colleghe di là dal net. Da sempre equipaggiata di un gran rovescio naturale, di una varietà di gioco notevole con predilezione per la smorzata mortifera e soprattutto di una combattività fuori dall’ordinario, doti che le erano state indispensabili nella fase di crescita considerate la scarsa potenza, i pochi chili, la trascurabile altezza, Kenin negli ultimi due inverni ha lavorato sulla conquista del campo e il controllo del gioco. Oggi, sebbene il dritto e la seconda di servizio ballino ancora nei momenti di tensione, Sofia sta cessando progressivamente di temporeggiare, e tende ad aggredire la rivale non appena questa accorcia o si rifugia in un gioco di rimessa. Il risultato, consistente in un grande assortimento di soluzioni in fase difensiva unito al contegno irruento e all’esplosività delle intenzioni non appena passa all’attacco, è un cocktail che proprio a Melbourne ha trovato il bilanciamento perfetto.

Sofia Kenin – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Perso solo un set, agli ottavi contro Coco Gauff, proprio una delle stelline connazionali che per vari motivi l’ha a lungo sottratta alle luci della ribalta, Sofia detta Sonya ha per il resto del torneo dormito sonni piuttosto tranquilli fino alla semifinale con Barty, in cui ha dato sfoggio di un’ulteriore qualità difficile da trascurare, ossia la capacità di emergere illesa dai momenti difficili: i quattro set point annullati alla numero uno del mondo rappresentano una discreta prova in questo senso.

CASA SPAGNA – A Garbine la palla viaggia, e il torrido caldo estivo che finalmente e forse esageratamente sta baciando Melbourne in questi ultimi giorni di torneo velocizza di molto le condizioni di gioco. Kenin sulle palle veloci va a nozze, ma Muguruza splende di un’impronosticabile e ritrovata fiducia. Sprofondata in una crisi acutissima esacerbatasi durante un tetro 2019 appena rischiarato dall’unico titolo, giunto dopo l’unica finale, a sua volta guadagnata vincendo la sola semifinale di stagione a Monterrey, e divorziata da Sam Sumyk al termine di una tragica esperienza di lavoro condivisa, l’ex numero uno nata a Caracas è tornata alle sapienti cure di Conchita Martinez, sotto la cui ala aveva conquistato il secondo dei due Slam comunque già in bacheca, a Wimbledon nel 2017. “L’ho trovata parecchio motivata – ha detto recentemente Conchita, peraltro in odore di Hall of Fame -, preparata fisicamente, con una gran voglia di migliorare. Abbiamo lavorato molto bene durante la off season“. I risultati sono sorprendenti ma sotto gli occhi di tutti.

E dire che l’esordio nel torneo, bagel subito da Shelby Rogers con nove punti totali messi a segno nel primo set della manifestazione, lasciava prevedere un’altra tappa fosca nel viaggio da incubo della povera Garbine (da questo tweet apprendiamo che nessun tennista in Era Open, uomo o donna, ha mai vinto uno Slam dopo aver perso 6-0 il primo set del torneo). Invece, dopo un’altra partita bruttarella ma tutto sommato rincuorante vinta con Ajla Tomljanovic nel secondo round, la spagnola è inopinatamente esplosa. La prima ad accorgersi del nuovo corso è stata l’ex maestra Svitolina, la seconda Kiki Bertens: tre giochi raccolti l’ucraina, sei la biondissima olandese. Muguruza due top ten consecutive non le batteva da Cincinnati 2017.

La semifinale con Halep, favorita per questioni tecniche ma anche a causa della nota predilezione della romena nei confronti dei climi torridi, è stata l’ultima conferma di questa subitanea rinascita, forse la più clamorosa dell’intero Open d’Australia 2020. Kenin ha dalla sua l’entusiasmo e ha imboccato a tutta velocità la rampa di lancio, ma Muguruza quando (raramente) arriva in fondo diventa selettiva e pericolosa. In carriera ha vinto appena sette titoli, ma due sono Major, con tre finali Slam sulle undici disputate in totale. Brutta compagnia da portarsi nelle fasi calde, insomma, ma Kenin, l’ex bimba che ad anni sette si riteneva in grado di rispondere al servizio di Andy Roddick, ora suo grande tifoso, di paura ne avrebbe pochina.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open, Berrettini: “Ho vinto perché la volevo di più. Match preparato bene in tutti i sensi”

L’azzurro commenta il successo su Alcaraz: “Partita di alto livello, lui è migliorato anche al servizio”. Su Carreno: “Ci siamo allenati insieme ma non ci siamo mai affrontati”

Pubblicato

il

2022 AUSTRALIAN OPEN, Matteo Berrettini (ITA), Photo © Ray Giubilo

È un entusiasta Matteo Berrettini quello che si presenta in conferenza stampa al termine della battaglia con Carlos Alcaraz chiusa al long tie-break del quinto set che gli è valsa l’accesso al quarto turno dell’Australian Open. Berrettini che dimostra di essere sceso in campo motivato dalle dichiarazioni di apertura: “Ho detto a me stesso, colui che avrebbe vinto il match era quello che lo voleva di più, immagino che io lo volevo di più. Ho detto a me stesso di essere pronto; alla fine si tratta di provare, lottare e fare la cosa giusta. Penso che questo abbia fatto la differenza”.

Sul prossimo avversario Carreno Busta (che ha battuto Korda) ha invece detto: “Siamo nel tour da diversi anni, lui più di me. Ci siamo allenati insieme una volta ma non abbiamo mai giocato una partita vera. Sarà un match interessante, è un giocatore solido, ama giocare in Australia e ama farlo sul duro, anche se molti pensano che sappia giocare meglio sulla terra. È un match di quarto turno e si tratta sempre di match complicati ma sono fiducioso“.

Queste invece le domande della conferenza in italiano.

 

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Sei d’accordo nel dire che questa sia stata una delle tue migliori partite di sempre? 17-8 nei due tie-break, vuol dire che sui punti importanti sei stato il più bravo!

Berrettini: “Sono un giocatore che gioca parecchi tie-break, che gioca punti importanti ed è importante per me giocarli aggressivo, facendo le cose e giuste sentendomi in fiducia. È stata una partita di livello molto alto che stavo dominando in termini di punteggio; se quella risposta sul 4-3 15-30 del terzo set non fosse uscita di due millimetri magari staremo parlando di una partita vinta in tre set. Ma il tennis è così, lui è stato bravo a rimanere agganciato al match e a sfruttare le possibilità che un po’ gli ho concesso io e un po’ si è preso lui”.

Lorenzo Ercoli, Il Tennis Italiano: Come ti eri immaginato la partita? Lui ti ha sorpreso in qualche modo?

Berrettini: “Non ho molti segreti. Sono un giocatore aggressivo che si basa molto su servizio e dritto e che prova a mettere in difficoltà l’avversario. Avevo studiato Carlos, avevo capito cosa gli piace fare, mi aspettavo una partenza forte, così come è stata. Nei primi due game, infatti, ho annullato palle break però li ho tenuto duro mi sentivo bene, sentivo che stavo colpendo la palla bene. Infatti sono andato avanti set e break, poi è stato bravo lui a piazzare il break. La partita l’avevamo preparata bene in tutti i sensi. Lui mi ha sorpreso. È migliorato molto al servizio soprattutto sulla prima. Poi sapevo che risponde molto bene, è aggressivo e che si muove bene. Al servizio molte volte mi ha annullato momenti importanti con la prima”.

Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport: Sei d’accordo che la preparazione mentale abbia fatto la differenza? Forse avresti dovuto scrivere “grazie, Stefano [Massari, il mental coach di Matteo]” sulla videocamera, perché credo che la tua solidità sia stata decisiva.

Berrettini: “I complimenti vanno a Stefano anche quando non vinco o le cose non vanno come ci aspettiamo, è un lavoro che facciamo a distanza da tantissimi tempo, sono entrato in campo con l’occhio giusto l atteggiamento giusto poi il tennis soprattutto negli Slam sappiamo com’è“.

Vanni Gibertini, Ubitennis: Qual è stata la tua percezione della preparazione del torneo in virtù di quello che stava succedendo con Djokovic? È stato come preparare un torneo normale o avvertivi qualcosa di diverso?

Berrettini: “Sicuramente è stata una cosa unica, ma che non ha influito sulla mia preparazione, su come mi sono allenato. Quando è uscito il tabellone, ho visto i primi turni come al solito, eravamo tutti interessati perché era impossibile non esserlo, però in termini di energie non mi ha spostato più di tanto. Adesso è passato e penso al quarto turno”.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: sarà Zverev-Shapovalov. Berrettini troverà Carreno Busta [VIDEO]

Il tedesco regola Albot in tre set. Il canadese vince la battaglia con Opelka. Avanti anche Monfils e Carreno

Pubblicato

il

Alexander Zverev all'Australian Open 2022 (Credit: @atptour on Twitter)

Oltre ai nostri Sonego e Berrettini, sono altri quattro i match del programma maschile diurno per quanto riguarda il terzo turno degli Australian Open. Vediamo com’è andata.

A. Zverev b R. Albot 6-3 6-4 6-4

Un break per set e poco meno di due ore bastano ad Alexander Zverev per regolare la pratica Albot. Inizio travolgente del tedesco che con un parziale iniziale di 12 punti a 3 piazza subito il break. Match che offre anche dello spettacolo, con Albot che sulla seconda viene travolto in risposta da Zverev; anche quando riesce ad entrare nello scambio, il moldavo soffre la potenza della palla del tedesco. Superate le difficoltà iniziali, Albot salva una palla break nel quarto game e non soffre più sul suo servizio. Sascha solido con la prima chiude il primo set in 32 minuti.

 

Secondo set e primo momento vero momento di difficoltà per Zverev. Sotto 0-1 15-40, però, tira fuori dal cilindro due vincenti di dritto che bloccano sul nascere le velleità di Albot. Nel momento in cui il moldavo abbassa i giri del motore, il tedesco prende il sopravvento. Due gratuiti da parte di Albot offrono tre palle break a Zverev che vincente di dritto concretizza. Avanti 4-3, il tedesco con un doppio fallo offre tre palle break che avrebbero rimesso in equilibrio il parziale, ma il dritto di Sascha mette le basi per annullare le speranze di Albot e chiudere anche il secondo set.

Terzo set dove entrambi i tennisti gestiscono con sicurezza i propri turni di servizio, con Albot che mostra una maggiore confidenza soprattutto quando riesce a mettere la prima in campo. Zverev comprende quindi la necessità di dover accelerare per chiudere il match. Nel settimo game riesce a conquistare due palle break, vanificando tutto con un errore di rovescio, prima che Albot si salvi anche grazie a due ottimi vincenti. Il break è solo rimandato di qualche minuto: il dritto di Zverev mette le basi per la chiusura dell’incontro. Sascha spreca due match point, con un doppio fallo sul primo e un errore di dritto sul secondo, prima che Albot ceda con un dritto out dopo un lungo scambio. 44 vincenti e 30 gratuiti per il tedesco, che mostra ottime percentuali sulla prima pur destando qualche preoccupazioni sulla seconda con solo il 35% di punti vinti e 7 doppi falli – il più clamoroso che finisce lungo nonostante una palla a 130 km/h.

Il percorso netto di Zverev (9 set vinti a zero) adesso verrà messo alla prova dal canadese Shapovalov, con cui è avanti 4-2 nei precedenti.

D. Shapovalov b. R. Opelka 7-6 (4) 4-6 6-3 6-4

Tre ore di battaglia sono state necessarie a Denis il mancino per avere la meglio dello statunitense Reilly Opelka, in un match molto nervoso da parte di entrambi. Primo parziale che parte con entrambi i contendenti solidi al servizio, con Opelka meno in controllo rispetto al canadese. Nel settimo game Opelka da 40-15 si fa recuperare fino a concedere il break al canadese. Il vantaggio di Shapovalov ha durata effimera: Denis che annulla due palle break prima di un sanguinoso doppio fallo che riporta il parziale in equilibrio. Si arriva all’atteso tie-break dove è il canadese ad essere il più preciso al servizio, costringendo all’errore Opelka, che cede anche in virtù di un brutto errore a rete.

Il secondo set vede uno Shapovalov meno convinto in campo. Nel settimo game, le difficoltà si palesano sulla palla break del parziale in cui un’ottima risposta di Opelka sulla seconda del canadese si trasforma in un tentativo di drop shot di Shapovalov che finisce largo.

Momento di difficoltà e frustrazione che continua per un game e mezzo prima di recuperare da 0-30. Denis sale in cattedra nel game successivo con risposte profonde che mettono in difficoltà il gigante statunitense. Due aces nel momento opportuno chiudono il set all’insegna delle polemiche per un nervoso Shapovalov, in guerra contro l’arbitro e contro le chiamate di Hawkeye live.

Hawkeye live che va fuori giri qualche game dopo chiamando out un servizio ampiamente valido di Opelka, alimentando le perplessità odierne di Shapovalov sulle chiamate. Tuttavia Shapovalov riprende il controllo del match e nel sesto game piazza il break decisivo con un vincente di dritto. Il quarto set vede Shapovalov concedere solo una piccola possibilità ad Opelka nel quarto game prima di piazzare il break ancora un vincente di dritto. Il canadese si irrigidisce sul più bello e manca tre match point sul servizio di Opelka (più un quarto sul suo con un brutto gratuito di rovescio) ma riesce comunque a chiudere la contesa due minuti dopo lo scoccare delle tre ore.

P. Carreno Busta b S. Korda 6-4 7-5 6-7 (6) 6-3

Cinquanta vittorie a livello Slam e 7-1 in questo solido inizio di stagione per lo spagnolo che, dopo la battaglia di oltre quattro ore con Griekspoor, regola il giovane statunitense Korda in quattro set.

Inizio equilibrato del match con solidi turni di servizio da parte di entrambi i tennisti. Carreno è il primo a piazzare il break nell’ottavo game. Tuttavia, lo spagnolo nel momento di servire per il set sciupa sei palle set prima di subire il contro break in un game durato venti punti. Lo statunitense non capitalizza l’occasione: con un doppio fallo Korda concede due palle set a Carreno, che all’ottavo tentativo porta a casa il set.

Equilibrio che regna sovrano anche nel secondo parziale, con Carreno che piazza il break decisivo nel dodicesimo parziale con un gratuito di rovescio di Korda. Lo spagnolo chiude un parziale con 18 vincenti a fronte di soli 8 gratuiti e un 81% di punti vinti con la prima. Lo statunitense paga una scarsa resa con la seconda, solo il 27% di punti vinti e un minor cinismo nei punti decisivi.

Korda riesce ad emergere in un terzo set molto combattuto. Quattro palle break salvate dallo statunitense, cinque dallo spagnolo: si va al tie-break. Korda sotto 3-5 recupera e chiude 8-6 per portare il match al quarto. Quarto set che vede lo statunitense non essere più performante al servizio: tre break concessi, 38% di punti vinti con la seconda e ben 14 gratuiti.

Per Carreno adesso ostacolo rappresentato dal nostro Berrettini vincente su Alcaraz – match inedito tra i due.

[17] G. Monfils b. [16] C. Garin 7-6 (4) 6-1 6-3

Nell’ottavo di tabellone rimasto orfano di Djokovic, continua imperterrita la marcia di un Gael Monfils che sembra rinato in questa prima parte di stagione in terra australiana. Il francese approda agli ottavi di finale del torneo australiano senza aver ancora perso un set, con poco più di cinque ore passate in campo per vincere i tre match.

In una KIA Arena animata dai tifosi francesi e cileni, il francese capitalizza cinicamente le occasioni offerte da un Garin fin troppo generoso, mostrando anche una solida tranquillità in difesa. Nel primo set il francese vola subito 3-1, ma sembra accusare il colpo alla caviglia a seguito di una caduta. Subìto il contro-break, il parziale si invola inesorabilmente verso il tie-break vinto con autorevolezza dal francese. Secondo set senza storia con Garin incapace di tenere il servizio, conquistando solo cinque punti nei tre game alla battuta, sia per meriti di un Monfils performante alla risposta sia per errori marchiani del cileno.

Anche nel terzo set, prestazione carente al servizio per il cileno, soprattutto sulla seconda di servizio. Tre break nei primi cinque game, con Monflis che piazzato quello decisivo pigia il piede sull’acceleratore chiudendo il match con un vincente di dritto un minuto dopo lo scoccare delle due ore. Il francese finisce con un saldo positivo di 30 vincenti a fronte di 27 gratuiti. Ben 45 errori gratuiti per il cileno, che dopo le battaglie contro Bagnis e Martinez non è mai sembrato in grado di impensierire il rivale odierno. Vittoria Slam N.117 per Monflis, che approda agli ottavi di finale per… l’ottava volta in carriera. E si tratterà di un match in cui il francese giocherà da favorito contro Kecmanovic per un posto nei quarti, raggiunti da Gael per l’ultima volta nel 2019 allo US Open.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: non è ancora tempo per Alcaraz, agli ottavi vanno il cuore e la testa di Berrettini

Carlos Alcaraz rimonta due set di svantaggio, ma al tie-break decisivo la spunta Matteo Berrettini. 17 punti a 8 nei due tiebreak dicono molto. Ottavi possibili, il sogno semifinale si avvicina

Pubblicato

il

Matteo Berrettini all'Australian Open 2022 (Foto Twitter @AustralianOpen)

[7] M. Berrettini b. [31] C. Alcaraz 6-2 7-6(3) 4-6 2-6 7-6(5)

Non ha tradito le aspettative il match più atteso della giornata (o forse della settimana). Duecentocinquanta minuti di tennis magari non sempre straordinario, ma che ha certamente regalato grande tensione fino alla fine. La partenza troppo disinvolta di Alcaraz che ha perso sei giochi consecutivi dal 2-2 del primo set, dopo che era sembrato uscire dai blocchi in maniera perfetta, ha creato un match ad handicap per lo spagnolo, che poi è riuscito a rimettere la partita sui binari a lui più favorevoli, asciugando le energie di un Berrettini quasi sfinito per gli ultimi due set.

 

Il n.1 italiano ha confermato la sua grande forza mentale, aggrappandosi alla sua battuta e ai suoi schemi di gioco essenziali, che riescono ad essere efficaci anche quando le gambe non rispondono come dovrebbero. Nel finale thriller del match, Alcaraz (che aveva un record di 3-0 in carriera nei match al quinto set, e aveva battuto Berrettini pochi mesi fa proprio in un tie-break decisivo) ha dimostrato i suoi 18 anni, andando in pezzi per primo sul rettilineo finale, ma uscendo a testa alta da un torneo che sicuramente lo vedrà protagonista in un futuro molto prossimo.

La partita

Inizio di match complicato per Berrettini, che nel primo turno di battuta ha subito dovuto annullare quattro palle break, peraltro tutte gestite magnificamente con la battuta. Alcaraz ha scelto di rispondere da molto vicino al campo per cercare di cogliere Berrettini fuori equilibrio all’uscita del movimento del servizio, e nello scambio ha cercato di giocare colpi filanti e rapidi per non dare troppo tempo a Matteo di fare le sue aperture.

Dopo un secondo turno di battuta molto tribolato, Berrettini è riuscito ad approfittare di un game un po’ meno incisivo di Alcaraz che con due gratuiti di diritto e un doppio fallo è stato lui il primo a subire il break al quinto gioco, finendo poi per concederne un secondo due game più tardi, sempre tradito dal diritto tirato sempre a tutta velocità ma senza sufficiente controllo.

Dopo uno scatto dalla griglia di partenza che migliore non poteva essere, Alcaraz probabilmente si aspettava un andamento diverso, ma Berrettini raccoglie tutto quello che gli viene concesso e anche all’inizio del secondo set ha conquistato subito un break di vantaggio, il terzo consecutivo, che gli ha consentito di andare subito avanti nel punteggio. Quel vantaggio non è stato però sufficiente per portare a casa il parziale, perché sul 4-3 è incappato in un paio di errori gratuiti, e Alcaraz è riuscito a iniziare lo scambio padroneggiando sulla diagonale rovescia, chiudendo il game con un magnifico rovescio slice incrociato.

Il secondo set è quindi arrivato al tie-break, nel quale Berrettini ha compiuto lo strappo decisivo prima ringraziando per un doppio fallo di Alcaraz sul 2-1, e poi mettendo a segno uno splendido passante di rovescio lungolinea tagliato per andare 4-1 e doppio break avanti.

Una chance per potenzialmente uccidere la partita si è palesata a Berrettini anche all’inizio del terzo set, quando si è ritrovato, senza colpo ferire, sullo 0-30 nel primo game di servizio di Alcaraz, ma lo spagnolo è riuscito a mettere a segno un paio di buoni servizi ed a conquistare quattro punti consecutivi per mantenere il punteggio in linea di galleggiamento. Con la prima di servizio il tennista romano conquistava cinque punti su sei, e Alcaraz non accennava ad arretrare mezzo passo dalla sua posizione in risposta che a inizio match sembrava fare miracoli, ma che con il passare dei minuti diventava sempre meno efficace.

Sul 4-3 Berrettini aveva un’altra chance da 0-30, ma le due risposte arrischiate sulle seconde dell’avversario finivano entrambe fuori, e la chance volava via in un baleno. Così come in un baleno si concretizzavano i sette punti consecutivi che mandavano Alcaraz a 0-40 sul game successivo e lo mandavano poi a servire per il set dopo poco più di due ore di gioco.

Nel quarto parziale lo spagnolo si è messo a pazientare maggiormente sugli scambi e mentre le ombre tagliavano la Rod Laver Arena in due rendendo molto complicato vedere la palla, Berrettini aveva un evidente calo di energia che gli costava due break e di conseguenza anche il set. Il match si decideva al quinto.

Con l’inerzia tutta a suo favore Alcaraz provava a premere subito sull’acceleratore per prendere subito il largo, ma il servizio di Berrettini è sempre una certezza, e teneva la partita in equilibrio. Nonostante un capitombolo causato da una caviglia appoggiata male, Matteo teneva il servizio in un terzo game complicato, nel quale ha dovuto fare i conti con le energie rimaste e con una palla break a sfavore. Poco dopo Alcaraz si inceppava un attimo in due doppi falli e doveva ricorrere a un gran diritto per cancellare la palla dell’1-3.

Il quinto set procedeva tra tensione e servizi: sul 5-6 30-30 Alcaraz metteva lungo un diritto al volo concedendo un match point a Berrettini, che sulla seconda di servizio provava senza troppa convinzione a spostarsi sul diritto e rispondeva in rete. Nel tie-break a 10 si partiva con due minibreak nei primi due punti. Lo strappo decisivo è arrivato sul 5-4 Berrettini, con una stecca diritto di Alcaraz, e poi, sull’8-5, un altro diritto in corridoio dello spagnolo e un doppio fallo per chiudere la partita.

Ottavi possibili

Superato quello che sulla carta sembrava il potenziale ostacolo più duro, ora Matteo Berrettini deve recuperare tutte le energie che può per provare a sfruttare questo tabellone che, per le note vicende, ha visto Novak Djokovic sparire dal suo quarto e costruirgli un percorso praticabile verso la semifinale. Negli ottavi di finale l’avversario di Berrettini sarà Pablo Carreno Busta, un avversario che non ha mai incontrato, per poi andarsi a scontrare con chi proverrà dalla zona di Kecmanovic e Monfils. Pensare in grande è ormai d’obbligo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement