Francesca Schiavone: "Essere viva dopo la malattia è l'emozione più grande"

Interviste

Francesca Schiavone: “Essere viva dopo la malattia è l’emozione più grande”

Lunga intervista di Sport Week alla Leonessa: “Il tumore la battaglia più dura della mia vita. Amiche nel tennis? Solo Flavia Pennetta”. Sul bis mancato a Parigi: “L’errore dell’arbitro mi mandò in tilt”

Pubblicato

il

Una carriera da record, il trionfo al Roland Garros dieci anni fa, i match indimenticabili, la malattia e la passione per la gastronomia. In una lunga intervista a Sport Week, Francesca Schiavone (ex n. 4 WTA, 8 titoli, altre 12 finali e 3 Fed Cup) racconta la sua storia, quella di una donna e di un’atleta di grande carattere, talento e dalle mille risorse, con tanta voglia di amare, sorridere, e rinnovarsi, sempre. Il primo ricordo va ovviamente a quell’indimenticabile 5 giugno 2010, quando, dominando Samantha Stosur 6-4 7-6 in finale al Roland Garros, ha consegnato all’Italia il primo titolo Slam femminile della sua storia.

Che ricordi ha Francesca degli attimi che hanno preceduto quello storico incontro?Ero sola, dentro uno stanzone immenso. Dall’altra parte c’era la mia avversaria. Non la vedevo. Né la sentivo. Ogni tanto entrava l’addetta dell’organizzazione per controllare che tutto fosse a posto. Io camminavo, camminavo. E poi mi sedevo sui divanetti per cercare la concentrazione. Provavo una sequenza continua di stati d’animo diversi: paura, eccitazione, felicità. Così per una mezz’ora. Poi il riscaldamento in un corridoio stretto stretto con il mio preparatore storico Stefano Barsacchi. […]

Nel tunnel Samantha era davanti a me, di fianco c’era la supervisor del torneo, anche lei australiana.Stavamo per entrare ed è partita la musica del Gladiatore, la canzone di uno dei miei film preferiti, che ho visto decine di volte. È stato un attimo, mi sono connessa immediatamente con le mie emozioni da guerriera, lo stress è sparito“. Grinta da vendere, Francesca, combattente degna, appunto, dei grandi gladiatori del passato. Con, inoltre, la grande dote di saper leggere a meraviglia il campo e l’avversaria, individuando perfettamente armi e punti deboli; abile nel mettere in pratica il piano A, certo, ma anche nel ricorrere, se necessario, a ulteriori strategie.

 

Sam Stosur, dal gioco potente, sulla carta era la favorita. Come ha fatto Francesca a dominarla?Con una scelta tattica. Il giorno prima, durante l’allenamento con Corrado Barazzutti, gli ho detto: “Lavoriamo principalmente sulla risposta”. Avevo deciso che contrariamente al solito avrei aggredito il suo servizio. Lei giocava molto bene il kick, soprattutto sul rovescio. La mia scelta è stata fare due passi dentro al campo per colpire la pallina nella fase ascendente, d’anticipo. Sapevo che l’avrei sorpresa, non se lo sarebbe mai aspettato. Perché è molto difficile rispondere in questo modo giocando a una mano. Cosi è stato. Avere uno schema preciso prima di entrare in campo voleva dire aver già fatto più del cinquanta per cento per vincere. E in ogni caso nella mia testa c’erano anche un piano B e un piano C”.

Il famoso piano B, addirittura quello C. Preziosi nel tennis ma, forse, oggi fin troppo snobbati da tante, troppe giovani tenniste che, nonostante le grandi doti tecnico-atletiche, non riescono a staccarsi da uno schema fisso, da un gioco monocorde incentrato sulla pressione da fondocampo.

Indimenticabile l’immagine di Francesca dopo la vittoria contro la Stosur, sdraiata sul campo, mentre bacia la terra del Philippe Chatrier. Si ricorda ancora il sapore di quella terra?Sì, assolutamente. Per alcuni secondi c’eravamo solo io e lei, la mia terra. Mi sono stesa e l’ho baciata. Bellissimo, indimenticabile. Il rosso è stato il terreno dove sono cresciuta come tennista e dove ho vinto di più“. Un successo storico, che stava per ripetersi anche l’anno successivo, su quello stesso campo, contro la cinese Na Li; non fosse stato per una decisione arbitrale alquanto controversa… “L’arbitro di sedia, Louise Engzell, incredibilmente giudicò dentro una palla della cinese che invece era nettamente fuori, lo dimostrarono anche le immagini televisive. Eravamo sul 6-5 per me, 40 pari nel secondo set. Sarebbe stato il set point e andavamo al terzo. Io ero in crescita, lei in discesa. Insomma me la sarei giocata fino in fondo. Quella scelta sbagliata mi mandò in tilt e persi la partita. Non ho mai chiesto all’arbitro il perché di quella decisione. Spero vivamente fosse convinta della sua chiamata“.

Francesca Schiavone e Li Na, finaliste del Roland Garros 2011

Un’emozione immensa per la tennista azzurra vincere il Roland Garros, ma quella più grande per la Schiavone è “essere in vita“. Negli scorsi mesi, Francesca ha infatti dovuto lottare contro uno degli avversari più ostici e subdoli a cui la vita possa metterci di fronte, un tumore. “Inutile dire che è stata la battaglia più dura della mia vita, non è comparabile con nessun’altra cosa che mi è successa. Alle volte ci penso ancora e so che un po’ sono nelle mani di Dio e un po’ nelle mie. D’altra parte non è che con il tumore chiudi la partita e finisce tutto. Adesso sto bene ma dentro un po’ di paura rimane, in particolare nei momenti in cui mi avvicino agli esami di controllo. E sarà così ancora per qualche anno. Quando ti trovi lì e devi aprire il referto… beh, non è facile. Poi vedi che è tutto ok e allora vai a bere una coppa di champagne“.

La battaglia più dura di tutte per Francesca, affrontata con forza anche grazie all’amore e alle attenzioni degli affetti più cari. Chi ha saputo per primo della malattia?Mia sorella Virginia, eravamo assieme in quel momento. Anzi, è lei che lo disse a me leggendo il referto dei medici. Poi a papà e mamma che all’epoca stava già combattendo contro un brutto male. E a Sileni. Per molto tempo sono stati gli unici a saperlo. Senza il loro appoggio non so come avrei fatto a superare questa situazione. Attenzioni, amore, coccole, cure. Mi hanno dato davvero tutto“.

E il supporto della religione, alla quale Francesca si è avvicinata ulteriormente nel periodo della malattia: “Nonostante le pazzie che ho fatto durante la mia vita, sono sempre stata una persona che quando aveva la possibilità andava a messa e diceva le sue preghierine prima di andare a dormire. Questa pratica è notevolmente aumentata durante la malattia. Mi ha dato una forza incredibile. Spesso ero da sola in casa con i miei pensieri e in quei momenti ho chiesto tantissimo. E ho fatto un paio di promesse: una la sto portando avanti, l’altra ancora la devo mantenere“. […]

Ma nella carriera strepitosa della “Schiavo” non c’è solo il trionfo parigino. L’ex n. 4 del mondo detiene ancora il record del match femminile più lungo della storia, quello vinto contro Svetlana Kuznetsova all’Australian Open 2011, 6-4 1-6 16-14 al terzo set dopo 4 ore e 44 minuti e dopo aver salvato sei match point: “Ricordo bene quel match, lei tirava a duecento all’ora di dritto e io rispondevo pan per focaccia, incredibile. Giocavamo bene, è stato vero spettacolo. E non finiva più. Basti pensare che gli highlights durano ventisette minuti. Il giorno dopo non riuscivo praticamente a muovermi. Lo sforzo era stato enorme”.

A proposito di colleghe, si dice che nel circuito femminile non sia sempre facile e scontato tessere legami di amicizia; e Francesca conferma di non aver avute amiche nel tour. Ma c’è un’eccezione, Flavia Pennetta: “La conosco da quando era nana e rompiscatole. Negli anni il nostro rapporto si è rafforzato sempre di più. Ma l‘amicizia, quella vera, bellissima, è sbocciata l’anno scorso mentre io ero sotto chemioterapia e lei stava aspettando la bambina, Farah. Avevamo più o meno le stesse reazioni fisiche originate però da qualcosa di diverso”. 

Nell’attesa di rivederla in campo come coach, ora Francesca si gode la sua nuova attività, legata al mondo della gastronomia. Da sempre esperta gourmet, ora ‘Schiavo’ ha appena portato a termine il progetto di lanciare il proprio Bistrot, a Milano: “Era un sogno che coltivavo da tanto tempo e sono curiosa di vedere come andrà. Nel frattempo, in attesa che passi questa bufera del coronavirus, il bistrot ospita una bottega di prodotti culinari molto ricercati. Lavoriamo con consegna a domicilio“.

Mai banale la Leonessa, con un cuore grande così, dentro e fuori dal campo. Tra poco più di un mese festeggerà quaranta primavere. Francesca, è solo l’inizio.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Benoit Paire: “Non ero preparato mentalmente per giocare senza tifosi”

Abbiamo parlato con il numero 28 al mondo durante una conferenza stampa poco prima del suo debutto nell’Astana Open di Nur-Sultan

Pubblicato

il

Benoit Paire - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Nessuno sa più di Benoit Paire quanto il 2020 sia stato un anno altalenante per i giocatori dell’ATP Tour. Dopo aver raggiunto la finale nell’ASB Classic di Auckland a gennaio, il francese sembrava in grado di estendere il suo periodo di forma sulla scia dei risultati ottenuti a fine 2019. Tuttavia, con l’esplosione della pandemia da COVID-19, Paire si è ritrovato in grande difficoltà, sia dal punto di vista fisico che mentale. Fa riflettere il dato di dieci tornei consecutivi senza vincere più di un match, per un prize money totale di “soli” 500.000 dollari.

Quest’anno è stato incoraggiante all’inizio; ho raggiunto la finale ad Auckland, mi sentivo bene in campo ed ero molto felice di giocare. Anche lo scorso anno ho avuto una buona stagione tutto sommato, per cui ero motivato a ricominciare col piede giusto nel 2020, ma poi è arrivato il COVID-19 e il lockdown in Francia che ci ha costretto a stare in casa senza poterci allenare”, ha raccontato Paire a Ubitennis.net durante la conferenza stampa di martedì.

Dopo una pausa di cinque mesi durante i quali nel Tour non si sono disputate partite ufficiali, il tennista transalpino puntava a tornare nello swing americano, ma le cose purtroppo non sono andate secondo i suoi piani. Alla vigilia dello US Open infatti, è stato raggiunto dalla notizia della sua positività al Coronavirus e posto in isolamento, circostanza che di fatto gli ha impedito di partecipare allo Slam americano. È tornato a giocare soltanto un paio di settimane dopo, in Germania, nonostante il tampone risultasse ancora positivo, per effetto delle regole locali che consentivano di scendere in campo regolarmente.

 

La parte più difficile, secondo le sue parole, è stata adattarsi alle nuove condizioni; come tutti i suoi colleghi ha dovuto accettare i cambiamenti imposti dalle restrizioni dovute alla pandemia: giocare con un numero limitato di spettatori, test continui per verificare eventuali positività al virus, accesso non consentito in determinati Paesi e così via. “Quando abbiamo ripreso a giocare non ero preparato mentalmente all’assenza dei tifosi. Tutto questo non è per niente facile per me, ma proverò a fare del mio meglio in Kazakistan”.

Paire è la tds N.1 del torneo di Astana, una novità nel calendario ATP introdotta per sopperire alla cancellazione di altri tornei in seguito allo scoppio della pandemia – sarà l’unico giocatore nella Top 30 a prendere parte alla competizione. Tuttavia, per ora sembra avere altre priorità rispetto alla vittoria finale.

Devo ammettere che non ho avuto la possibilità di prepararmi al meglio per questo torneo; non ho vinto molto spesso ultimamente, per cui non ho una grande fiducia nei miei mezzi al momento. Ad ogni modo, mai dire mai: se riesco a vincere i primi due match, magari la situazione cambia e posso provare anche a vincere il titolo. La cosa più importante per me in questo torneo è proprio di tornare a divertirmi giocando. Di continuare a lottare e non scoraggiarmi anche se le cose si mettono male. Ecco, questo è ciò che non sono stato in grado di fare da quando abbiamo ripreso a giocare”.

Per un ragazzo come lui che ama esaltare ed esaltarsi davanti alle grandi platee, la presenza del pubblico è certamente fondamentale; il francese ha infatti una visione piuttosto tradizionale del tennis, e non è molto d’accordo con quanti stiano cercando delle soluzioni per modernizzare il gioco; uno su tutti, il numero uno al mondo Novak Djokovic, che recentemente ha proposto di rimpiazzare i giudici di linea con un sistema di chiamata elettronico, simile a quanto abbiamo visto all’ultimo US Open.

Non mi piace per niente. Io voglio ascoltare qualcosa che arriva dalla gente, da persone reali. Non mi piace dover sentire il rumore del sistema di chiamata elettronico, non è per questo che io gioco. Io gioco per la gente, per avere il tifo da loro, di certo non gioco per un rumore artificiale”, chiosa il tennista di Avignone.

Paire, che esordirà nella giornata di giovedì in conseguenza del bye al primo turno, affronterà Mikhail Kukushkin nel match che chiuderà il programma, non prima delle 13 italiane (18 locali).


Intervista di Adam Addicott – Traduzione di Antonio Flagiello

Continua a leggere

Interviste

Djokovic: “Ho qualche rimpianto per lo US Open e per il Roland Garros”

Il N.1 ATP ha tenuto una conferenza stampa a Belgrado, parlando anche della PTPA e dei suoi piani per l’Australian Open

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Finali Coppa Davis 2019 (photo by Jose Manuel Alvarez / Kosmos Tennis)

Dopo una sessione di allenamento nella sua Academy a Belgrado, Novak Djokovic si è prestato ad una conferenza stampa all’aperto nel parcheggio del circolo. Nei giorni scorsi, Nole ha annunciato i suoi piani per il finale di stagione, che comprenderanno la prima comparsata al 500 di Vienna in 13 anni e le ATP Finals, mentre stavolta Nole non andrà a Bercy, dov’è il giocatore più vincente nella storia del torneo. Nella giornata di ieri, invece, ha spaziato su molte questioni che lo vedono protagonisti, sia dentro che fuori dal campo.

IMPRESSIONI SU QUESTA STAGIONE E OBIETTIVI PER IL 2021

Pur avendo vinto più di tutti in questa stagione, il serbo non è riuscito a portare a casa nessuno dei due Slam giocati post-lockdown, non riuscendo ad accorciare le distanze dai 20 titoli di Federer e anzi perdendo terreno da Nadal, che ha raggiunto lo svizzero grazie alla tredicesima vittoria parigina. Alla domanda su come si senta a riguardo, Djokovic ha risposto: “Ho qualche rimpianto perché non ho vinto né a New York né a Parigi sebbene fossi in grandissima forma in entrambi i tornei. All’Open di Francia il mio avversario mi è stato superiore in finale e io non ho giocato al mio solito livello, mentre a New York c’è stato un incidente spiacevole“.

Rimane però consapevole di aver giocato una grande stagione: “Comunque ho vinto sia Cincinnati che Roma, e se non contiamo la squalifica dello US Open ho perso solo un match quest’anno, quindi posso liberamente affermare che forse sto giocando il mio miglior tennis di sempre. La stagione è andata com’è andata, ma nonostante l’interruzione ho vinto tante partite, quindi posso paragonare il mio rendimento a quello del 2011 o del 2015″. Sul lungo periodo, inoltre, si sente vicino a traguardi di una portata altrettanto storica: “I miei obiettivi sono chiari – voglio chiudere l’anno al N.1 e accumulare il maggior vantaggio possibile per i primi tre mesi del 2021, così da battere il record di settimane in testa alle classifiche, uno dei miei traguardi più importanti”.

 

La domanda che sorge spontanea, e che infatti è stata posta, è se creare questo tipo di aspettative possa essere deleterio: “La pressione fa parte della mia vita di atleta professionista, dobbiamo accettarla e cercare di usarla per caricarci, cosicché non abbia l’effetto opposto. Forse alcuni hanno un problema con il modo in cui esprimo i miei obiettivi e le mie ambizioni, ma sono stato educato ad essere sincero, non mi piace fingere. Il mio obiettivo è di battere il record di settimane in testa alla classifica e sto lavorando per raggiungerlo. Mi sto davvero divertendo; potrei ritirarmi domani ed essere comunque soddisfatto di ciò che ho ottenuto, ma traggo ancora gioia dalla competizione e dall’idea di imbracciare la racchetta. Finché sarà così continuerò a giocare. Sono un professionista ed è normale avere delle ambizioni – in quel caso non è solo pressione quella che si crea, ma anche motivazione”.

Lo scorso gennaio, Djokovic ha vinto 13 partite su 13 in Australia fra ATP Cup e Melbourne, ma nel 2021 la situazione potrebbe essere più complicata a livello logistico, soprattutto per il nuovo torneo a squadre che si disputa in tre città, Sydney, Brisbane e Perth: “Non so ancora quando andrò in Australia… Le restrizioni sono quello che sono, speriamo che il periodo di quarantena una volta giunti nel Paese non sia troppo lungo. Se la situazione non cambia, molti di noi voleranno lì anticipatamente, saremo costretti a farlo. L’Australian Open è decisamente in programma per me; per quanto riguarda la ATP Cup parlerò con il mio team appena sarà finita la stagione e decideremo”.

LA NUOVA ASSOCIAZIONE GIOCATORI E LA TECNOLOGIA NEL TENNIS

L’incidente occorso a Flushing Meadows con una lineswoman ha in qualche modo dato centralità alla posizione di Djokovic in tema di innovazione; il serbo si è infatti detto a favore dell’utilizzo di Hawk-eye su ogni punto, di fatto rimpiazzando la categoria dei giudici di linea, e la sua opinione non è cambiata: “Molte persone di grande reputazione nel mondo del tennis, come Boris Becker e Patrick Mouratoglou, sono state criticate per aver parlato di innovazione nel tennis, e lo stesso è capitato a me per aver detto che bisognerebbe prendere in considerazione l’idea di sostituire i giudici di linea. Sono molti anni che lo penso, non ha niente a che fare con la mia squalifica allo US Open“.

“A New York la tecnologia è stata usata a tempo pieno in uno Slam per la prima volta, ed è andata benissimo, non c’era margine per l’errore umano. Non sono uno che non può fare a meno della tecnologia, anzi, penso che la società si sia spinta troppo oltre in certi casi, ma perché non dovremmo cercare di essere più efficienti e precisi nel tennis, se ne abbiamo la possibilità? I giudici di linea volontari potrebbero trovare altri impieghi all’interno dei tornei”.

Come molti ricorderanno, durante il torneo di Cincinnati/New York Djokovic ha fondato, assieme a Vasek Pospisil, la Professional Tennis Players Association, o PTPA, un nuovo sindacato dei giocatori su cui Nole si è soffermato lungamente alla fine della conferenza: “C’è stata grande resistenza, molti hanno provato a dissuaderci, e so che tanti la vedono in maniera diversa. Questa, tuttavia, non è una cosa che ci siamo inventati noi, è un’idea di cui si parla da vent’anni: il mio coach, Goran Ivanisevic, era stato parte della prima generazione che aveva provato a creare qualcosa di simile. Ci sono stati numerosi tentativi, ma non hanno mai avuto successo per diverse ragioni. Il tennis è uno sport globale, popolare ovunque, eppure non è neanche fra i primi dieci quando si tratta di massimizzare il suo potenziale“.

Al di là della capacità del tennis di monetizzare la propria popolarità, un punto centrale anche per Andrea Gaudenzi, lo scopo dell’iniziativa è un altro: C’è un monopolio che controlla questo sport, un sistema che esiste da decenni, ed è normale che chi sta al potere non abbia interesse a promuovere il cambiamento. Non ho partecipato alla creazione della PTPA per pestare i piedi a qualcuno, vogliamo solo rappresentare i giocatori e le giocatrici, visto che al momento non esiste un organo che lo faccia in maniera esclusiva – l’ATP rappresenta al 50 percento i giocatori e al 50 percento i tornei, e ci sono tanti conflitti d’interessi.

Inoltre, c’è una concentrazione eccessiva sui top players, la gente pensa che questo sia uno sport ricco perché noi facciamo un sacco di soldi, ma la realtà è che ci sono soltanto un centinaio di persone che vivono di tennis senza affanni economici. Stiamo solo cercando di dare una voce ai giocatori con una classifica più bassa che stanno cercando di far sapere che non è tutto così splendido nel nostro mondo. Prima di creare la nuova associazione ho parlato con Federer e Nadal, che hanno deciso di non farne parte. Non li sto criticando, si chiama democrazia. Ovviamente sarei felice se si unissero a noi, ma continueremo a sforzarci per creare un’organizzazione che rappresenti tutti come meritano”.

Infine, secondo il N.1 ATP non ci saranno problemi a gestire la propria carriera e un ruolo di rappresentanza: “Questa nuova iniziativa non mi distrae, anche se a volte mi innervosisco, nessuno è perfetto. Per me la PTPA è una vocazione, è una responsabilità che avverto di usare la mia posizione per dare una voce e del potere a chi non ce l’ha. Non sono il solo, ogni settimana abbiamo nuove adesioni. Sento che questa sarà la mia eredità, ed è sia un obbligo che un piacere per me portarla avanti. Non ne traggo dei benefici, sto solo cercando di agire coerentemente con i miei valori come persona”.

Continua a leggere

Interviste

[ESCLUSIVA] Carlos Martinez, allenatore di Daria Kasatkina, punta al ritorno in Top 10

Dopo quasi 20 settimane di allenamenti in Spagna durante il lockdown, l’allenatore di Daria Kasatkina, Carlos Martinez, racconta a UbiTennis i prossimi passi per tornare al vertice del tennis mondiale

Pubblicato

il

Daria Kasatkina - Aleksej Filippov/Sputnik

Daria Kasatkina sta vivendo un periodo non particolarmente brillante al quale si aggiunge, di tanto in tanto, anche un pizzico di sfortuna. Proprio mentre stava giocando una delle migliori partite del 2020, a Roma contro Azarenka, un infortunio alla caviglia – che per fortuna non si è rivelato grave – l’ha costretta a ritirarsi tra le lacrime. Adesso la giocatrice russa (numero 75 del mondo) si trova a Ostrava, dove ha superato le qualificazioni ed esordirà al primo turno contro la numero 6 del seeding Elena Rybakina

Poco dopo la ripartenza del circuito abbiamo intervistato il suo allenatore Carlos Martinez. L’intervista è stata condotta da Adam Addicott di ubitennis.net circa due mesi fa: trovate qui l’originale


Sono passati soltanto due anni da quando Daria Kasatkina veniva descritta come la nuova faccia del tennis russo e una stella in divenire. Già campionessa juniores dell’Open di Francia, Kasatkina ha ottenuto prima di compiere 22 anni dei traguardi a cui altre potevano soltanto aspirare. La sua ascesa è cominciata nell’aprile 2017 quando, diciannovenne, sconfisse Jelena Ostapenko e vinse il suo primo titolo WTA al Charleston Open. La definitiva esplosione avvenne l’anno successivo, quando perse da Naomi Osaka la finale di Indian Wells e si aggiudicò un altro torneo Premier a Mosca. Inoltre, ottenne due quarti di finale Slam consecutivi al Roland Garros e a Wimbledon, raggiungendo il suo miglior piazzamento di N.10 del ranking nell’ottobre del 2018.

 

Sembrava che il tennis stesse assistendo alla scalata di una futura numero 1, con una traiettoria simile a quella di Naomi Osaka. Poi però è arrivato un 2019 opaco, un forte monito su quanto sia difficile la scalata alla vetta e quanto sia, invece, facile la caduta. La scorsa stagione ha perso al primo turno in 11 tornei, faticando a ripetere i risultati dei due anni precedenti.

È ovvio che dovremo aggiustare un po’ di cose per tornare a quel livello. Lo stiamo facendo negli allenamenti, per restituirle delle buone sensazioni”, racconta Carlos Martinez ad Ubitennis. È proprio Martinez, un allenatore spagnolo, ex giocatore di doppio numero 180 del mondo e noto per aver già lavorato con Svetlana Kuznetsova, a farsi carico della sfida di riportare Kasatkina ai vertici del tennis mondiale.

La stagione 2020 di Martinez, contrassegnata da alti e bassi degni di una corsa sulle montagne russe, è cominciata in febbraio, quando Kasatkina sembrava aver riguadagnato un po’ di forma arrivando alle semifinali del torneo di Lione, in Francia. Era il settimo torneo dell’anno per la giocatrice russa, ma il primo in cui era riuscita a vincere più di due partite consecutive nel tabellone principale. Una settimana dopo, il Tour si è fermato per quella che si è rivelata una pausa lunga cinque mesi per via della pandemia da COVID-19.

È stato molto triste per noi, perché aveva cominciato a trovare un gran bel ritmo dopo Lione”, riflette Martinez. “A mio parere, ha perso [quella semifinale, ndr] nel modo giusto, perché lei è una giocatrice che ha bisogno di vincere partite e di ritrovare un po’ di fiducia nel suo gioco. In quelle condizioni, aveva ottime possibilità di fare bene ad Indian Wells. [La pausa] non è stata una buona notizia per noi e ora dobbiamo ritrovare quel ritmo, ma sono certo che tornerà di nuovo al suo livello più alto. Da noi stessi ci aspettiamo di giocare bene ogni giorno”.

Impossibilitati a competere, i due sono stati in ogni caso fortunati ad avere la possibilità di continuare ad allenarsi durante il lockdown al Club de Tenis Mollet, alle porte di Barcellona, un’Academy di proprietà dello stesso Martinez. Durante lo stop non programmato, il coach ha proseguito il lavoro con Kasatkina con uno scopo ben preciso in mente: renderla più aggressiva.

Abbiamo lavorato per cercare di rendere il suo gioco più aggressivo, perché lei è una giocatrice abbastanza consistente. Il tentativo è di farla stare un po’ più vicina al campo quando sente di avere l’opportunità di farlo. In sostanza, stiamo lavorando su questo e sul renderla più regolare al servizio, così da ottenere qualche vittoria in più”.

Carlos Martinez


IL RITORNO ALLE COMPETIZIONI

Avendo scelto di non giocare alcun match di esibizione durante la pausa, si è trattato di attendere e vedere se il duro lavoro avrebbe dato i suoi risultati. Pochi potrebbero dubitare dell’impegno di Kasatkina, ma, così come per molte altre sue colleghe, si trattava di vedere come se la sarebbe cavata dopo cinque mesi di lontananza dal Tour.

Il primo appuntamento è stato nella città italiana di Palermo, da dove l’intero circuito è ripartito. Sfortunatamente, Kasatkina ha subito un altro duro colpo, infortunandosi a una gamba durante gli allenamenti precedenti al torneo. È stata in ogni caso in grado di giocare, ma ha finito col perdere una maratona al primo turno contro Jasmine Paolini. Fortune alterne hanno atteso Kasatkina anche al torneo successivo, il Western & Southern Open a New York, dove ha perso due delle tre partite disputate. È riuscita ad entrare nel tabellone principale soltanto come lucky loser.

Non ha potuto giocare al suo meglio a Palermo, perché si era fatta male la gamba il giorno prima in allenamento. Non poteva di certo essere pronta al 100% per competere. È vero, ha giocato tre ore e dieci contro Paolini, ma onestamente, non avrebbe potuto fare di più. La gamba non le consentiva di correre”, riflette Martinez.

A Cincinnati [torneo che quest’anno è stato trasferito a New York] ha giocato tre partite, la seconda delle quali era un’ottima possibilità per qualificarsi al tabellone principale, ma ha sprecato alcune opportunità nel secondo set”. Al primo turno di Cincinnati, poi, Kasatkina ha perso da Anett Kontaveit.

Ma qual è la ragione di tutte queste sconfitte premature? Sono dovute soltanto al fatto che l’attuale numero 75 del mondo ha perso un po’ della forma di due anni fa oppure c’è qualche possibile spiegazione più complessa?

Martinez è convinto che ciò che frena Kasatkina in questo momento sia l’aspetto mentale del gioco. Se gli si domanda quanto la sua giocatrice sia vicina alla forma che l’ha portata al numero dieci del mondo, l’allenatore crede fermamente che non sia affatto distante. Tuttavia, il problema ricorrente continua ad essere la mentalità.

Il gioco ce l’ha, perché quando si allena mostra un livello davvero buono. Quando compete contro giocatrici di vertice, molte volte vince”, dice. “Il problema non è il suo gioco, il problema è che ha bisogno di credere un po’ di più in sé stessa. Di scendere in campo pensando di essere molto valida. Il modo in cui gioca è davvero una diretta conseguenza di questi pensieri. Non le manca molto per raggiungere questi traguardi. Dal punto di vista del gioco, dobbiamo solo continuare ad aggiustare poche cose e tornerà di sicuro [in top 10]. Non so quando, ma tornerà al top”.

LA PAZIENZA È UNA VIRTÙ

Nelle settimane che verranno, Kasatkina non dovrà preoccuparsi troppo della posizione in classifica grazie al cambiamento delle regole dovuto al COVID-19. La WTA di recente ha infatti modificato il proprio regolamento, introducendo il “Better of 2019 and 2020”, in cui la posizione di una giocatrice è determinata dai suoi migliori 16 risultati ottenuti tra marzo 2019 e dicembre 2020.

Per fortuna quest’anno non abbiamo pressione e questa è una cosa che lei deve capire. Tutto ciò che dobbiamo fare quest’anno è sistemare un po’ di cose, ricominciare e tornare a competere dopo il lockdown”, sottolinea Martinez. “Non ci sono obiettivi legati ai risultati. Il mio scopo è invece ristabilire di nuovo gli schemi di gioco che lei deve utilizzare quando è in campo. È molto importante per noi. So che se applicherà questi schemi e tornerà a credere in sé stessa, potrà fare bene”.

Alla luce di queste dichiarazioni, non dovrebbero preoccupare troppo i risultati in chiaroscuro di queste ultime settimane. Kasatkina ha patito una sconfitta molto dura al primo turno dello US Open, contro Marta Kostyuk, e dopo quattro buone vittorie a Roma (due nelle quali, due nel main draw) è incorsa nel succitato infortunio contro Azarenka. Quindi ha affrontato il Roland Garros senza grosse aspettative, superando il primo turno ma fermandosi al cospetto di un’altra bielorussa, Aryna Sabalenka, al secondo.

La cosa importante è comprendere la filosofia del gioco, perché, tenendo a mente quella, Daria otterrà gli obiettivi che ci aspettiamo per il futuro. Certamente, per noi si tratta di tornare in Top 10, perché lei ha la capacità di farlo. Dobbiamo soltanto essere pazienti e lavorare su questa mentalità”, conclude Martinez.

Traduzione a cura di Filippo Ambrosi

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement