WTA Melbourne 3: Azarenka per un pelo, Cirstea e Krejcikova a sorpresa

Flash

WTA Melbourne 3: Azarenka per un pelo, Cirstea e Krejcikova a sorpresa

Vika annulla due match point al super tiebreak e batte una furiosa Putintseva, la romena fa fuori in due Belinda Bencic. Bene Kerber, Brady e Sakkari, out Rybakina

Pubblicato

il

Vika Azarenka - WTA Melbourne 3, Grampians Trophy 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Nonostante anche un acquazzone leggendario abbia provato a rallentarne il percorso, il tabellone del Grampians Trophy o Melbourne 3, il torneo per le giocatrici sottoposte al regime di quarantena dura, si è finalmente allineato ai quarti di finale. È stata una nottata interessante, quella dedicata al terzo turno, per molte ragioni. La prima è legata all’eliminazione di Belinda Bencic, seconda testa di serie in gara: la svizzera, vista nelle scorse settimane palleggiare contro il vetro della finestra dell’hotel travestito da net, è stata battuta da Sorana Cirstea franando velocemente sulla distanza. Ferma dagli Internazionali d’Italia, Belinda ha evidenziato una condizione fisica lontanissima dall’ottimale, e le certezze in vista dell’esordio all’Open d’Australia contro Lauren Davis sono in verità pochine. Il quarto che andrà in scena a sud del tabellone sarà quello meno atteso: Cirstea affronterà infatti la ventenne USA Ann Li, la quale ha battuto contro pronostico Veronika Kudermetova.

Si è invece salvata per il rotto della cuffia Vika Azarenka, star del torneo e terza testa di serie. La bielorussa ha prevalso su Yulia Putintseva cancellando due match point nel super tie break del terzo, dopo aver perso malamente il secondo e vinto incredibilmente una prima frazione in cui si era trovata sotto per quattro a zero. Rimontata dal nove-sette nel set decisivo, l’irascibile kazaka si è allontanata sfasciando una racchetta e rovesciando la spazzatura in campo: ricorderete l’invettiva di Vika contro i colleghi che lasciano sporco e in disordine il posto di lavoro. Ai quarti sarà Azarenka-Kontaveit: parsa di nuovo in discreta forma, l’estone ha battuto in due set comunque tirati Bethanie Mattek-Sands.

Insieme ad Anett sembra tornata sulla buona strada Angie Kerber, campionessa dello Slam australe nel 2016. La mancina di Brema ha giocato una partita vecchio stile, battuto in modo convincente un’avversaria difficile come Ons Jabeur e nei quarti se la vedrà con Maria Sakkari, che ha disposto senza patemi di Leylah Fernandez, quest’ultima invero un pizzico deludente. L’ultima sorpresa di giornata concorre a formare l’ultimo quarto in programma domani. Perché se Jennifer Brady ha rispettato il pronostico battendo in due Marta Kostyuk, altrettanto non ha fatto Elena Rybakina, sconfitta da una Barbora Krejcikova ormai intenzionata a stabilirsi ai piani alti anche nella classifica di singolare. Per il momento alla kazaka-import non sta riuscendo l’avvio sprint con cui aveva impressionato nel 2020 prima della pandemia, ma che diamine, la stagione non è nemmeno iniziata.

Risultati:

[3] V. Azarenka b. Y. Putintseva 6-4 1-6 11-9
S. Cirstea b. [2] B. Bencic 7-5 6-2
[5] M. Sakkari b. L. Fernandez 6-2 6-2
B. Krejcikova b. [4] E. Rybakina 4-6 6-2 10-6
[8] A. Kerber b. O. Jabeur 6-4 6-4
A. Li b. V. Kudermetova 7-5 6-3
[6] A. Kontaveit b. V. Mattek-Sands 7-5 7-5
[7] J. Brady b. M. Kostyuk 6-1 6-4

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Commenti

Flash

Tennis in TV: 4 tornei, 16 ore al giorno di diretta su Supertennis

SuperTennis offre una settimana straordinaria di tennis in diretta con la prova Wta a Doha, l’ATP 500 a Rotterdam e il 250 di Buenos Aires. Anche il WTA 250 di Lione troverà ritagli di spazio

Pubblicato

il

Supertennis HD (Ch. 64 del Digitale Terrestre, Mux TIMB 3 – Copertura nazionale)

ATP 500 Rotterdam 2021
lunedì 1° marzo – LIVE alle ore 13.00: Basilashvili c. Norrie
non prima delle 14.30: Nishikori c. Auger-Aliassime
non prima delle 19.30: Murray c. Haase
a seguire: Fucsovics c. Opelka
martedì 2 marzo – LIVE alle ore 11.00, 12.30, 14.30, 19.30 e 21.15
mercoledì 3 marzo – LIVE alle ore 11.00, 12.30, 14.30, 19.30 e 21.15
giovedì 4 marzo – LIVE alle ore 11.00, 12.30, 14.30, 19.30 e 21.15
venerdì 5 marzo – LIVE alle ore 13.00, 15.00, 19.30 e 21.15
sabato 6 marzo – LIVE alle ore 15.00 e 19.30 (semifinali)
domenica 7 marzo – LIVE alle ore 15.30 (finale); in replica alle 23.00

ATP 250 Buenos Aires 2021
lunedì 1° marzo – LIVE non prima delle ore 17.00: CECCHINATO c. Djere
non prima delle ore 22.00: Andujar c. Londero
martedì 2 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.30
mercoledì 3 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.00
giovedì 4 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.30
venerdì 5 marzo – LIVE alle ore 00.05 e alle 22.30
sabato 6 marzo – LIVE alle ore 18.00 (semifinale); differita alle ore 23.00 (semifinale)
domenica 7 marzo – LIVE alle ore 19.00 (finale)

 

WTA 500 Doha 2021
lunedì 1° marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
martedì 2 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
mercoledì 3 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
giovedì 4 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00
venerdì 5 marzo – LIVE alle ore 16.00 e 18.00 (semifinali)
sabato 6 marzo – LIVE alle ore 16.00 (finale)

WTA 250 Lione 2021
lunedì 1° marzo – LIVE alle ore 11.00: Rus c. Wang
alle ore 19: GIORGI c. Kuzmova
martedì 2 marzo – differita alle ore 02.00
mercoledì 3 marzo – differita alle ore 02.00
giovedì 4 marzo – differita alle ore 02.00
venerdì 5 marzo – differita alle ore 02.00
sabato 6 marzo – differita alle ore 02.00; LIVE alle 13.30 (semifinale1)
domenica 7 marzo – differita alle ore 01.00 (semifinale2), alle ore 21.15 (finale)

Tennis TV
Copertura integrale dei tornei ATP 250, 500, 1000 in streaming

Prezzi
14,99€ per un mese
109,99€ per un anno

 

Continua a leggere

Flash

Leo Borg vince un J1, sarà fra i primi 20 junior al mondo

Il figlio del leggendario Orso svedese è partito dalle qualificazioni al torneo di Porto Alegre in Brasile, ovviamente sulla terra battuta

Pubblicato

il

Leo Borg - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

Lo svedese Leo Borg, classe 2003, ha vinto un torneo di livello J1 (o G1, il secondo per importanza) a Porto Alegre in Brasile, e sta scalando le classifiche juniores. Il figlio del Bjorn da 11 Slam (su 27 giocati, un record praticamente imbattibile) ha prevalso in un torneo sofferto sulla terra battuta (forse non un caso), in cui è partito dalle qualificazioni ottenendo il posto in tabellone solo al super tie-break del match decisivo, prima di andare al terzo in tre match su quattro giocati nel main draw (ha anche avuto un walkover a favore). In finale, ha rimontato lo statunitense Bruno Kuzuhara per il 3-6 6-4 6-2 finale, lasciandosi andare alla commozione.

Leo aveva provato la strada del professionismo nel 2020, ricevendo due wildcard consecutive per i Challenger di Bergamo e Pau, ma a neanche 17 anni si era trovato a un livello troppo alto. Anche dopo la pandemia sono arrivate due sconfitte su due partite giocate nei Futures, e quindi quest’anno sembra che la scelta sia di giocare primariamente (esclusivamente, fino a questo momento) con pari età, anche perché questo è l’ultimo anno di eleggibilità di Leo nel circuito Under 18, e sembra che la decisione stia dando i suoi frutti.

 

A fine gennaio aveva già vinto un torneo (un J5, il livello più basso) sul cemento della Costa Rica, e aveva guadagnato nove posizioni settimana scorsa facendo i quarti in un J1 in Paraguay, ma sarà questa vittoria a dargli la spinta maggiore, proiettandolo dalla quarantatreesima posizione del ranking alla Top 20 (al numero 16 per la precisione).

Questa settimana giocherà in un torneo ancora più importante, il Grade A (o JA) di Criciuma, sempre in Brasile, uno dei 10 tornei juniores che assegnano più punti assieme ai quattro Slam e a un gruppo che comprende il Bonfiglio, l’Orange Bowl, Cape Town, Osaka e Merida. Non si può che augurargli buona fortuna.

Continua a leggere

Flash

Conchita Martinez positiva al coronavirus

La vincitrice di Wimbledon ’94 si trova a Doha con Muguruza, e continuerà a seguirla da un albergo per pazienti Covid

Pubblicato

il

Conchita Martinez - Wimbledon 2017 (photo Art Seitz c2017)

La campionessa spagnola Conchita Martinez ha annunciato di essere risultata positiva al Covid-19 a Doha, dove si trova al seguito di Garbine Muguruza, impegnata nel WTA 500 al via oggi. Stando a quanto ha scritto su Twitter, la ex-N.2 al mondo aveva fatto un tampone prima della partenza, risultando negativa; una volta arrivata in Qatar, però, l’esito del test si è ribaltato e lievi sintomi hanno iniziato ad affiorare, obbligandola a trasferirsi dall’hotel del torneo ad uno per pazienti Covid.

“Ciao a tutti, volevo farvi sapere che sfortunatamente sono risultata positiva al coronavirus. Il test fatto mercoledì in Spagna era negativo, ma una volta arrivata a Doha sono risultata positiva. Ieri sono stata trasferita dall’albergo ufficiale del torneo ad uno con attrezzature mediche apposite, dove sto facendo la quarantena mentre il mio stato di salute viene monitorato. Mi sento abbastanza bene, ho solo lievi sintomi e fra qualche giorno ripeterò il test.

 

La mia speranza è di poter continuare il nostro giro del Medio Oriente [Mugu è iscritta anche al non-mandatory Masters 1000 di Dubai in programma la settimana prossima, ndr]. Per il momento continuerò a lavorare in teleconferenza, rimanendo costantemente in contatto con Garbine per dirigere gli allenamenti. Ringrazio le nuove tecnologie per aver reso la situazione più sopportabile e tutti voi per il sostegno! Un abbraccio”.

Ricordiamo che Martinez (vincitrice di Wimbledon nel 1994 e di quattro edizioni consecutive degli Internazionali fra il 1993 e il 1996, oltreché altre quattro volte finalista Slam con egual distribuzione fra singolare e doppio) ha ricominciato a lavorare con Muguruza nel 2020 dopo averla guidata al titolo dei Championships nel 2017, prima di diventare la coach di Karolina Pliskova per due stagioni. Fra i suoi trascorsi extra-campo va ricordato anche il doppio incarico di capitano in Fed Cup e Davis per le Furie Rosse.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement