Roland Garros uomini, il torneo più aperto degli ultimi anni: Alcaraz e Djokovic i favoriti dei bookmakers, su Medvedev...

evidenza

Roland Garros uomini, il torneo più aperto degli ultimi anni: Alcaraz e Djokovic i favoriti dei bookmakers, su Medvedev…

Assente Nadal, si apre la caccia al nuovo campione del Roland Garros. Spagnolo e serbo in prima fila, alle loro spalle occhio a Rune, Tsitsipas e Medvedev

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz – ATP Madrid 2023 (foto via Twitter @MutuaMadridOpen)
 

Dici Roland Garros e pensi subito a Rafael Nadal. Nelle ultime 18 edizioni per ben 14 volte è stato il tennista maiorchino a festeggiare nella capitale francese. I soli Djokovic, 2 volte, Wawrinka e Federer sono i tennisti che sono riusciti a scrivere il loro nome nell’albo d’oro durante l’egemonia dello spagnolo sulla terra rossa di Bois de Boulogne.

Non sorprende quindi che il forfait di Rafael Nadal, che ha dovuto alzare bandiera bianca davanti ai messaggi lanciati dal suo corpo, trasformi l’edizione 2023 in una delle più aperte di sempre.

Dando un’occhiata alla classifica si presenterà come capofila lo spagnolo Carlos Alcaraz. Il tennista nato ad El Palmar con i punti conquistati a Roma è ritornato in vetta al ranking ATP, sebbene a Roma sia arrivata una sconfitta a sorpresa con l’ungherese Maroszan. Ma prima di Roma sono arrivate 11 vittorie consecutive sulla terra rossa spagnola, con i trofei conquistati a Barcelona e Madrid. Lo scorso anno Alcaraz si fermò ai quarti di finale, sconfitto da Alexander Zverev. Quest’anno viene designato come favorito numero 1 anche dai bookmakers, in un ideale passaggio di consegne con Nadal tra campioni nati nella penisola iberica. Le quote garantite ad oggi per il successo di Alcaraz oscillano tra 2,20 e 2,25.

 

Il successo a sorpresa agli Internazionali BNL d’Italia ha fatto scalare la classifica a Daniil Medvedev, che si presenterà al Roland Garros insignito della testa di serie numero 2. Il tennista russo sembra aver superato la sua avversione per la terra rossa e sul suolo italiano ha conquistato un risultato insperato per lui e difficilmente pronosticatile, dato che prima di quest’anno aveva sempre salutato Roma all’esordio. Anche con Parigi non è mai scoppiato l’amore sebbene negli ultimi anni qualcosa è cambiato. Tra il 2017 e il 2020 sono arrivate quattro sconfitte al primo turno. Nelle ultime due stagioni sono arrivati i quarti nel 2021 e gli ottavi lo scorso anno, sconfitto con Marin Cilic. Che Roma abbia definitivamente trasformato Medvedev in Claydvedev è difficile da credere, ma il tennista russo potrebbe aver superato il blocco che lo portava a non esprimersi al meglio sul mattone tritato. Una vittoria del russo sarebbe ben ripagata da chi stila i pronostici. La quota per la vittoria finale di Medvedev, infatti, si aggira intorno a 11 volte la posta. Una quota assolutamente interessante per colui che complessivamente è il miglior tennista del 2023: è primo nella Race e da febbraio a maggio è passato dal n.12 al n.2 del ranking ATP.

Il principale avversario di Alcaraz sembra essere Novak Djokovic. Il tennista serbo ha festeggiato il compleanno numero 36 perdendo la vetta del ranking. A Parigi si presenta da testa di serie numero 3 e senza nessun titolo sul rosso conquistato in stagione. Djokovic, insieme a Wawrinka, è uno dei due tennisti che può vantare un titolo al Roland Garros. Tuttavia, l’avvicinamento al secondo slam stagionale non è stato facile. A Montecarlo è arrivata la sconfitta con Musetti, a Banja Luka a fermare la corsa di Nole davanti al pubblico amico è stato il connazionale Lajovic, a Roma si è arreso all’esuberanza di Holger Rune. Djokovic tuttavia, si sa, è uomo da grandi eventi e la voglia di puntare a diventare il tennista con più slam nel palmares è tanta. Fondamentale sarà il sorteggio del tabellone per vedere se il serbo sarà dalla parte di Alcaraz o di Medvedev. I bookmakers fanno molto affidamento su Djokovic. Il successo del serbo è quotato, infatti, 3 volte la posta secondo Agipro.

Le prestazioni nella capitale italiana hanno portato Holger Rune sempre più al centro dell’attenzione. Mamma Aneke e coach Mouratoglou sono certi che il tennista danese sia destinato a vincere uno Slam. I bookmakers non sono molto distanti da questa idea, dato che Rune è il terzo favorito con una quota pari a 8. La crescita del tennista danese nel corso dell’ultimo anno e mezzo è stata esponenziale. Fuori dalla top 100 a gennaio 2022, il tennista danese è già un affermato top 10 che quando affronta dei top player, tira fuori il meglio di sé (a riprova di ciò il suo bilancio contro i top 5 e di 7 vittorie e 2 sconfitte). A Parigi lo scorso anno da numero 40 al mondo si spinse sino ai quarti eliminando Shapovalov all’esordio e Tsitsipas agli ottavi. La sua corsa è stata interrotta dal futuro finalista Ruud in un match dalle molte polemiche. Nel mondo della finanza si dice che le performance passate non sono indicative dei risultati futuri. Vista la crescita del danese possiamo applicare questa frase anche al mondo del tennis, con Rune che potrebbe tentare il colpaccio. Ma va detto che fin qui non ha mai dato il meglio negli Slam: il quarto di Parigi 2022 è rimasto il suo miglior risultato nei tornei al meglio dei cinque set.

Subito dietro Rune, i bookmakers mettono Stefanos Tsitsipas con una quota pari a 10. Finale a Barcelona, quarti a Madrid e Montecarlo e semifinale a Roma. Il bottino di punti sul rosso per il tennista greco è di tutto rispetto, ma le sconfitte contro Struff in Spagna e Fritz nel principato gettano ombre sulle speranze di titolo del tennista di Atene. In stagione Tsitsipas ha incassato tre sconfitte in tre match giocati contro i top5 e gli sarà richiesto un salto di qualità in queste due settimane per definirsi un serio contendente al titolo. Le battaglie al meglio dei 5 set non fanno paura al greco, che a Parigi ha già giocato una finale, ma servirà equilibrio e pazienza per lottare per il tanto agognato Slam.

Poche chance secondo i bookmakers per il finalista della scorsa edizione Casper Ruud. 1200 punti da difendere sono molti e un inizio di stagione tutt’altro che brillante, con le sole eccezioni del titolo di Estoril e la semifinale di Roma, gettano molte ombre sulle prospettive del tennista norvegese. Il titolo del tennista nato ad Oslo farebbe molto felici gli scommettitori con una quota pari a 21 volte la posta.

Capitolo italiani. Sono sei i nostri rappresentanti presenti nel tabellone principale. Colui che ha più chance di fare strada in terra parigina è Jannik Sinner. Il tennista altoatesino, dopo la prestazione non del tutto soddisfacente agli Internazionali BNL d’Italia conclusi con la sconfitta con Cerundolo agli ottavi, si presenta in Francia con le giuste aspettative. Sinner è il sesto favorito secondo i bookmaker ed esistono quindi i presupposti per un exploit sul mattone tritato transalpino. A Montecarlo è arrivata una semifinale, persa contro Rune dopo oltre due ore e mezza di battaglia, a Barcelona si è fermato lui con il ritiro prima del match con Musetti. A Parigi è arrivato sempre alla seconda settimana. Per ben due volte è stato fermato da Nadal, mentre lo scorso anno è stato il fisico a chiedergli di lasciare il campo nella sfida con Rublev. Se la condizione assisterà il tennista altoatesino sarà un pericolo per tutti i candidati al titolo, ma ci vorrà sicuramente il miglio Jannik.

Chi ha giocato degli ottimi tornei sul mattino tritato, alternati a qualche passaggio a vuoto, è stato Lorenzo Musetti. Il tennista carrarino è sempre più solido sul rosso. A Roma, così come a Barcelona, si è arreso solamente al greco Tsitsipas, mentre a Madrid è caduto subito per mano del tedesco Hanfmann. La strada verso un titolo Slam è lunga ed impervia ma per i suoi più grandi ammiratori il sogno Slam di Lorenzo sarebbe ben ripagato. I bookmakers, infatti, garantirebbero una quota pari a 81 volte l’importo scommesso. Sognare del resto non costa nulla. 

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Roland Garros: Errani torna a ruggire in uno Slam. Rimontata una confusionaria Teichmann

Sara torna a vincere una partita Major più di due anni dopo. Grande forza nello sfruttare il crollo della svizzera dopo un ottimo primo set

Pubblicato

il

Sara Errani - Roma 2023 (foto Francesca Michieli, Ubitennis)

S. Errani b. J. Teichmann 3-6 6-4 6-2

Continua sotto un segno positivo per i colori azzurri la prima giornata del Roland Garros 2023. Dopo le belle vittorie di Musetti e Arnaldi, infatti, arrivano buone notizie anche dal tabellone femminile. Sara Errani, scivolata al n.70 al mondo e assente in un main draw Slam dallo US Open 2021, ha saputo gestire e rimontare la n.75 al mondo Jil Teichmann. La svizzera, che tra l’altro l’anno scorso qui si spinse fino al quarto turno, dopo una partenza di altissimo livello, in cui appariva pronta a chiuderla in breve, ha accusato un pesante calo psicofisico, prontamente sfruttato da una giocatrice esperta come Saretta. L’azzurra torna dunque a vincere e sorridere nel torneo che la vide semifinalista nel 2012 quasi tre anni dopo l’affermazione su Monica Puig nell’edizione d’ottobre 2020.

Il match – inizio brillante di Teichmann, che si mostra propositiva, aprendo il campo da fondo per poi prendere la rete con buona padronanza da ambo i lati. Errani regge bene lo scambio ma appare sempre un po’ in debito d’ossigeno rispetto alla svizzera. Non tarda infatti ad arrivare il break a favore del n.75 al mondo, che prima con una risposta di dritto vincente e poi con una palla corta perfetta (arma su cui può girare tanto in questa partita) strappa il servizio all’azzurra. Errani ha il merito di reagire e quantomeno rimanere in scia, riuscendo a trovare dei buoni colpi da fondo, ma la svizzera ha ben capito qual è la chiave della partita. Oltre a servire alla grande e prendere dall’inizio il controllo dello scambio, Teichmann non offre mai una palla uguale a Sara, variando in lungolinea, con palle alte e senza peso, e venendo avanti appena possibile: ben 8 volte nei primi 7 game, con soli due punti persi a ridosso della rete. E infatti, poco dopo, l’ex n.21 al mondo chiude con un ace un primo parziale giocato in scioltezza, dove nonostante i tanti errori (14, ma a fronte di 20 vincenti) ha domato l’italiana anche nello scambio lungo, tenendola a soli due colpi vincenti e 8 punti su 30 in risposta.

 

Nel secondo set Errani sembra aver preso le misure a Teichmann, che non trova le stesse risposte e gli stessi vantaggi dal variare il gioco, inizialmente subendo l’iniziativa della n.70 al mondo. E proprio la grinta, la voglia di non mollare, riescono far pendere parte della bilancia dell’inerzia verso Saretta, che riesce a strappare il servizio all’avversaria trovando un ottimo quarto game in risposta, anticipando e spingendo. La gioia è però abbastanza effimera: nel quinto game, anche sfruttando due non forzati dell’ex n.5 al mondo, la svizzera ritrova il suo gioco spumeggiante ed efficace, e chiude con una risposta di dritto vincente per riprendersi subito il maltolto. In un confusionario successivo game Teichmann sembra improvvisamente sentire una sorta di mancanza del (finora brillante) servizio, e di nuovo si trova sotto di un break, senza neanche sforzi immani della giocatrice italiana, che soffre però tantissimo nei suoi turni di battuta. Prime che sembrano seconde, quasi mai incisive, danno tutto lo spazio alla svizzera di girarsi sempre sul dritto e martellare, trovando spesso vincenti, in risposta, così da strappare per la seconda di fila (come capitato a lei) il servizio all’avversaria. Ha dell’incredibile, come tutto il set, anche il suo esito: Teichmann ha una chance di break nel nono game, che la manderebbe a servire per chiudere. Errani non ci sta, la annulla con un gran punto e scarica la pressione sulla svizzera, che non la regge per nulla. Un decimo gioco pessimo, confusionario, concluso con il sesto doppio fallo, manda un match che sembrava destinato a chiudersi al terzo set.

Il parziale decisivo ha molto più le sembianze di uno psicodramma, in cui Teichmann è la paziente, che di una partita di tennis. La prima a passare in vantaggio è Errani, che gioca un tennis solido, pesante quando deve, senza perdersi in lezzi e trovando il break. La vera forza però, una volta che la svizzera ritrova un minimo di ispirazione per rimettersi in partita, l’azzurra la mostra nel quarto gioco: la sua manovra e gli errori a valanga dell’avversaria le concedono 3 palle break. L’ultima si rivela quella buona, con Saretta che la trasforma e si porta sul 4-1, contro una Jil sempre più in balia di sé stessa e lontanissima dalla giocatrice quasi perfetta del primo parziale. Appaiono chiari però dei problemi fisici per la svizzera, che chiama due volte il medical time out nel tentativo di giocarsela fino alla fine. E in effetti gli ultimi due giochi sono un po’ meno disastrosi, ma fanno solo da contorno al ruggito e alle lacrime di Errani, che con uno scambio duro dopo l’ennesimo game ai vantaggi chiude il terzo per 6-2. L’ultima vittoria in uno Slam, per Sara, risaliva all’Australian Open 2021, contro Venus Williams. Un trionfo che va ben oltre il, seppur ottimo, secondo turno dove troverà la tds n.27 Irina-Camelia Begu, che ha vinto senza particolari problemi per 6-4 6-2 su Anna Bondar.

Continua a leggere

evidenza

Andrea Vavassori qualificato per il Roland Garros: “La conferma che stavo aspettando” [ESCLUSIVA]

Vavassori si prepara a giocare il suo primo Roland Garros: “Ho migliorato tanto la gestione mentale”

Pubblicato

il

Andrea Vavassori Foto Giampiero Sposito

Andrea Vavassori ha superato il terzo e ultimo turno delle qualificazioni per il Roland Garros, entrando per la seconda volta nel main draw di uno Slam. L’anno scorso era riuscito in un’impresa incredibile, qualificandosi per il tabellone principale di Wimbledon durante il suo esordio assoluto sull’erba. Ma quello che sta riuscendo a fare il torinese classe ’95 fa ben sperare che i margini di miglioramento siano ancora tanti. Un anno fa, entrava a Wimbledon da 250 del mondo, quest’anno entrerà a Roland Garros da 148 del mondo. Di questo passo, viene da chiedersi, potremmo vederlo agli Australian Open 2024 da top 50?

Ma le domande oggi, le abbiamo fatte direttamente a lui, che ancora sorride dopo la grande vittoria di ieri contro Alejandro Tabilo.

D: Ciao Andrea! Ancora complimenti per ieri, e per la qualificazione raggiunta al Roland Garros! Una grande vittoria anche se all’inizio sembravi un po’ titubante e sei andato subito sotto 3-0. Brutto scherzo dell’agitazione o qualcosa non funzionava?

 

Vavassori: “Sicuramente ero molto teso, più del solito. Ma la partita l’avevo preparata molto bene a livello tattico con mio padre, avevamo studiato l’avversario e sapevo bene cosa fare. Dovevo aspettare di trovare tranquillità e liberare il braccio. Però credo di essere stato molto bravo a livello mentale perché ho accettato la situazione. Ho cercato di aspettare il momento giusto per ribaltare la partita e finalmente dal quarto game del primo set ho ingranato un’altra marcia. Per me è stata la miglior partita dell’anno”.

D: Di cosa sei più soddisfatto rispetto a quest’ultimo match che aveva un significato ben preciso?

Vavassori: “Prima di tutto, della gestione mentale. Mentre a livello di gioco direi servizio e dritto. Con il dritto soprattutto gli sono sempre stato sopra, se riuscivo a spingere con il dritto sul suo rovescio sapevo di essere nettamente sopra come pesantezza di palla”.

D: Hai sentito cadere un po’ di certezza nel secondo set quando è riuscito a recuperarti da sotto 5-1 a 5-4?

Vavassori: “Un po’ di incertezza sicuramente l’ho sentita ma per merito suo, non per demerito mio. È stato molto bravo, quando ha capito che la partita rischiava di sfumare via in fretta ha liberato la mente e ha iniziato a tirare dei vincenti bellissimi. Però devo dire che l’esperienza di tante partite giocate negli ultimi mesi mi ha permesso di rimanere tranquillo anche quando vedevo che mi stava recuperando e non ho fatto l’errore di paralizzare il braccio”.

D: Quale di queste tre partite hai sofferto di più per qualificarti al Roland Garros?

Vavassori:Quest’ultima è stata la più dura senza dubbio. La prima è stata abbastanza agevole, ero sopra di 7 break e anche la seconda, a parte un po’ il primo set, ho sempre sentito di averla in mano. Questa mi ha dato più problemi, sono partito in svantaggio e ho dovuto giocare rimontando per tutto il primo set. Nel secondo sembrava facile vincere, ma sono stato io a subire la rimonta e doverla gestire”.

D: L’anno scorso prima qualificazione nel main draw di uno Slam a Wimbledon. Quest’anno prima qualificazione al Roland Garros. Qual è stata la soddisfazione più grande tra le due? Quale hai preferito?

Vavassori:Wimbledon ha un fascino speciale, diverso, è da sempre il mio torneo preferito. Quand’ero piccolino sognavo di essere lì, seguivo il torneo e sognavo un giorno di giocare su quei campi. È stata un’emozione particolare, incredibile, perché non me l’aspettavo per niente. Era il mio esordio sull’erba e non potevo crederci. Infatti, mio padre ed io siamo scoppiati in un pianto liberatorio dopo l’ultima partita di quali. Mentre l’ingresso in tabellone di quest’anno, è stata una conferma, quella che stavamo aspettando dopo tanto duro lavoro. Quindi ha un valore diverso e ci fa sperare di fare grandi cose nel futuro, perché sappiamo che c’è ancora tanto margine di miglioramento”.

D: Gli ultimi due anni sono stati i migliori della tua carriera. Dove ti senti più sicuro rispetto a prima? Cos’ha dato vita a questo momento di svolta?

Vavassori: “Il fatto di aver giocato tanto partite sia in singolare che in doppio mi ha dato tanta fiducia. Ho iniziato a vincere i match che prima perdevo. Quest’anno ho vinto tante partite sul filo del rasoio che prima avrei perso. Una volta che inizi a vincere con più continuità, prendi fiducia e ne perdi sempre meno. Non sono stati anni sprecati quelli in doppio, in tanti credevano lo fossero invece mi hanno permesso di arrivare proprio qui dove sono ora in singolo”.

D: Un anno fa eri intorno ai 250 del mondo, oggi sei 148. Di questo passo, tra un anno potresti essere nei top 50. Diventerà il tuo nuovo obiettivo per il 2024? E in doppio quale sarà l’obiettivo?

Vavassori: “Sicuramente l’obiettivo primario ora è raggiungere la top 100. E una volta che raggiungi un traguardo poi non ci si ferma mai. Questo fa ben sperare, c’è ancora tanto margine. Bisogna continuare ad avere fame e i risultati arriveranno da soli. In doppio negli ultimi anni ho dimostrato di saper giocare bene con tanti compagni diversi. Quindi l’obiettivo che mi do nel doppio per realizzare il sogno delle Nitto ATP Finals di Torino è trovare un compagno fisso con il quale avere continuità sia in allenamento che in partita”.

D: Quanto è stata dura la gavetta per arrivare fin qui? Ci sono stati dei momenti di sconforto in questi anni dove hai pensato che questo momento non sarebbe mai arrivato?

Vavassori: “La parte più dura è stata l’inizio. Una volta che ho finito il liceo scientifico, ho iniziato a girare da solo. Siamo una famiglia normale quindi non giravo con un coach insieme a me. Il mondo dei futures è sempre molto duro da affrontare da solo, quando sei così giovane e sei in viaggio continuamente ti senti solo. Quindi la gavetta è stata tosta, il doppio però mi ha aiutato a prendere più soldi a inizio carriera e mi ha dato una certa costanza. A parte qualche battuta d’arresto non sono mai arretrato particolarmente e anzi, in doppio sono sempre salito. In singolare ogni tanto ho pensato di smettere perché giocavo troppo poco, ma sono sempre riuscito a cavarmelo lo stesso finché non ho alzato il livello”.

D: Cosa ti aspetti dal primo Roland Garros della tua carriera?

Vavassori: “Ora studierò il mio avversario (Kecmanovic, ndr) per mettere in gioco la tattica giusta, come ho fatto per battere Tabilo. E poi ci saranno anche le partite di doppio. Sarà molto intenso per via della doppia preparazione da preparare. Non vedo l’ora”.

Continua a leggere

evidenza

Roland Garros, Scanagatta: “Il sorteggio del tabellone maschile? Sinner non si può lamentare” [VIDEO]

Il commento del direttore di Ubitennis al tabellone del singolare maschile del Roland Garros verso l’inizio dello Slam parigino

Pubblicato

il

È arrivato il momento del Roland Garros 2023. Il secondo Slam dell’anno si presenta come uno dei più aperti degli ultimi anni anche a seguito del forfait di Rafael Nadal, che ha annunciato di non poter prendere parte al torneo per la prima volta dal 2004 a causa dei suoi problemi fisici. Carlos Alcaraz è da molti visto come il principale favorito: sarà lui la testa di serie numero uno. Numero due del seeding è Daniil Medvedev, recente campione agli Internazionali d’Italia. Attenzione, come sempre, a Novak Djokovic, 22 volte campione Slam, che cercherà a Parigi di arrivare a 23: sarebbe un record assoluto. Tra gli italiani, speranze affidate soprattutto a Jannik Sinner e Lorenzo Musetti, assente Matteo Berrettini. Per quanto riguarda le donne, le tre favorite sono la campionessa uscente Iga Swiatek, Aryna Sabalenka (campionessa a Madrid) ed Elena Rybakina (vincitrice a Roma). Martina Trevisan (semifinalista un anno fa) e Camila Giorgi le principali azzurre in corsa. 

Il prosieguo del video è disponibile nella sezione “Sottorete” del sito web di Intesa Sanpaolo, partner di Ubitennis.

Clicca qui per vedere il video completo!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement