Wimbledon, uomini: Federer smarrisce un set, Berdych diesel. Karlovic elimina Tsonga!

Wimbledon

Wimbledon, uomini: Federer smarrisce un set, Berdych diesel. Karlovic elimina Tsonga!

Roger Federer si distrae nel terzo set, ceduto al tiebreak, prima di chiudere senza problemi contro il bombardiere Groth. Ivo Karlovic torna in ottavi a 36 anni, vincendo in quattro set contro Jo Tsonga. Si spegne la favola di Dustin Brown battuto in 4 set dalla solidità di Viktor Troicki nel match d’apertura sul campo N.3. Roberto Bautista Agut supera in 3 set senza appello Nikoloz Basilashvili, giustiziere di Feliciano Lopez; Marin Cilic vince due game per completare l’opera iniziata venerdì. Berdych ingrana dopo un set, Pospisil supera Ward in maratona

Pubblicato

il

 

[2] R. Federer b. S. Groth 6-4 6-4 6-7(5) 6-2 (da Londra, Laura Guidobaldi)

Roger Federer perde il primo set dall’inizio del torno contro Sam Groth, n. 69 Atp, per poi far suo il match in 4 set. Prestazione solida dello svizzero che si fa sorprendere soltanto al tie-break del terzo set. Il prossimo avversario sarà lo spagnolo Roberto Bautista-Agut.

L’attesa per l’ingresso in campo di Roger Federer non poteva essere scandita da atmosfera più solenne, con la presentazione dei special guest del sabato – solitamente personalità insigni dello sport – seduti nel royal box tra cui, in particolare, alcuni giocatori di rugby britannici, l’intramontabile Martina Navratilova, Boris Becker e l’ormai onnipresente mamma di Andy Murray, la biondissima Judy.

 

Tutti sono in trepidamente attesa: il pubblico british – accesissimo dopo l’impresa sfiorata da Heather Watson ieri, a due punti dall’estromettere Serena dai Championships – nonché gli immancabili e fedelissimi “Aussie Fanatics”, i fans dei tennisti australiani, onnipresenti quando i loro giocatori sono impegnati in campo. Ed ecco che l’ingresso sul Centre Court di Groth ma, soprattutto, di Roger Federer viene accompagnato da un boato appassionato e prolungato.

Lo svizzero ha vinto l’unico confronto con l’australiano, attualmente n. 69 del ranking, allo US Open 2014 con un triplo 6-4.

L’elemento che caratterizza il match di Groth è senza dubbio il servizio, seguito quasi sempre dalle discese a rete. Infatti, Sam comincia a scaricare bordate a non finire ma, nonostante ciò, è costretto a salvare una palla break sul 2-2. Ne concede un’altra con una volé di rovescio fuori misura. Ma si salva di nuovo, sempre grazie alla sua battuta supersonica servita a 142 miglia orarie. Tuttavia, con un’altra volé di Groth appoggiata a rete, l’elvetico spezza l’equilibrio di questo inizio di set e sale 3-2 e servizio. Il n. 2 del mondo conduce le danze con estremo controllo sul manto verde del centrale. Roger è centrato in tutto: servizio, volé, incrociati e lungolinea. Lo svizzero serve il proprio menù alla perfezione tant’è che intasca il primo set per 6-4 dopo soli 30 minuti di gioco.

La rapidità del gioco è una degli elementi chiave oggi in campo. I turni di battuta si svolgono velocemente, con i due tennisti che interpretano magnificamente il gioco da erba. Sam insiste con il serve&volley mettendo ovviamente grande pressione al n. 2 del mondo. Nonostante ciò, Federer riesce a strappargli il poderoso servizio in apertura di secondo set, intascando un prezioso vantaggio che gli permetterà di salire fino a 5-3 per poi suggellare con l’ennesimo ace il 6-4 del secondo parziale, dopo 59 minuti di gioco.

Finora, le armi dell’australiano si rivelano ancora troppo inoffensive per far male all’ex n. 1 del mondo, nonostante il servizio raggiunga livelli elevatissimi. Ed ecco infatti che per il tennista di Narrandera arriva il record del secondo servizio più rapido nella storia di Wimbledon, servendo a 147 miglia orarie e superando così Roddick e piazzandosi dietro a Taylor Dent.

I tifosi Aussie tentano di esibirsi nel consueto siparietto di incoraggiamento ma gli spettatori inglesi sembrano non gradire particolarmente, rispondendo loro con un timido e, forse, scherzoso “Schhhh”. L’australiano scende costantemente a rete ma, quando non chiude le prime volé, viene quasi sempre “infilzato” dai passanti di Federer, oggi inesorabilmente millimetrici e perfetti.

Il terzo set si svolge con perfetto equilibrio e si arriva al tie-break. I 7 punti decisivi saranno fatali  allo svizzero, che si fermaa 5 ed è costretto a disputare un quarto parziale per conquistare definitivamente l’incontro. L’australiano sembra cedere alla stanchezza e ad un calo di tensione. I Championships per lui finiscono qui. Lo svizzero riparte in quarta e si assicura la presenza nella seconda settimana di Wimbledon con lo score di 6-4 6-4 6-7(5) 6–2. E sarà in buona conmpagnia poiché, per la prima volta a Wimbledon, gli svizzeri approdati alla seconda settimana londinese quest’anno sono ben 4. Oltre al tennista di Basilea, si qualificano Stan Wawrinka, Belinda Bencic e Timea Bacsinszky. “È davvero bello e simpatico che ci siano per la prima volta 4 svizzeri nei sedicesimi” ha esclamato Federer in conferenza stampa “e cercheremo di vincere ancora!

Immagine

[23] I. Karlovic b. [13] J. W. Tsonga 7-6(3) 4-6 7-6(2) 7-6(9) (Michele Gasperini)

L’uomo degli aces e dei tiebreak, Ivo Karlovic, non si smentisce ancora una volta: nel secondo in match in programma sul Court No.3, il croato, testa di serie No.23 in questo Wimbledon, con 41 aces (quindicesima occasione in assoluto in cui riesce almeno 40, terza in fila) riesce ad avere la meglio su Jo-Wilfried Tsonga, No.13 del seeding, senza mai breakkarlo, per la seconda volta su due in carriera al gioco decisivo del quarto set, ancora una volta ai Championships, accedendo agli ottavi di finale del torneo per la terza volta.
Il match vede, come ampiamente prevedibile, il dominio assoluto dei servizi, con scambi ridotti all’osso: solo nel settimo gioco, dopo un errore di dritto e un paio di seconde di troppo, il 36enne di Zagabria riesce ad avere una palla break, però prontamente annullata da una prima del francese. Si arriva quindi, senza altri sussulti, al tiebrek: Karlovic è implacabile, serve in modo irreprensibile e strappa due volte la battuta a Tsonga nel quarto e quinto punto, aggiudicandoselo con grande autorità.
La seconda frazione vede lo stesso canovaccio del primo, ma stavolta è Tsonga ad avere la chanche (unica) di break nel set, ed è bravo a sfruttarla, grazie anche un piccolo calo alla battuta di Ivo nel quinto gioco, rispondendo alla grande a due seconde di Karlovic, il quale non riesce ad evitare che le sue volée cadano in rete: Jo non si farà sfuggire l’occasione e porta il set fino in fondo, pareggiando i conti.
Non si fa spaventare il croato, implacabile, il quale continua a sparare bordate fulminanti al servizio: anzi, è il croato ad avere l’unica chanche di evitare il tiebreak, nel quarto gioco, ma ancora una volta la prima di Tsonga non concede possibilità: inevitabile il ricorso ad un altro gioco decisivo, speculare per molti versi al primo, con Karlovic bravo a tenere ogni servizio e a breakkare per due volte il francese, con due sapienti chip&charge e chiudendo al volo.
Il quarto set è la prosecuzione del terzo: nessuna chanche per i due tennisti, ingiocabili alla battuta, a parte due game dove Tsonga è costretto a salvarsi ai vantaggi, senza però concedere break point. Per la terza volta nell’incontro si rende omaggio a Jimmy Van Alen, e sarà senz’altro quello più emozionante: i due tennisti non concedono punti al ribattitore per i primi 19 punti, con Karlovic abile ad annullare due set point (il primo con un dubbio su un eventuale doppio tocco su una volée di dritto), mentre Tsonga cancella due match point con due dritti poderosi, ma è costretto a capitolare, sotto 10-9, alla risposta incisiva col dritto, su una sua seconda, del croato, bravo a chiudere col dritto successivo, urlando tutta la sua gioia. Karlovic attende ora, in ottavi, il vincente fra Murray e Seppi.

[6] T. Berdych b. P. Andujar 4-6 6-0 6-3 7-6(3) (Valerio Vignoli)

Il ceco Thomas Berdych, testa di serie n. 6 del tabellone, accede agli ottavi di finale battendo in 4 set il terraiolo spagnolo Pablo Andujar, n.37 del ranking ATP. Il finalista di Wimbledon 2010 fatica all’inizio e, in generale, non incanta, ma riesce comunque sconfiggere il suo coriaceo e coraggioso avversario. Nel primo set è appunto il tennista iberico a cominciare con il piede giusto, portandosi sul 3-1, grazie alla gentile collaborazione di un Berdych troppo falloso. Il ceco reagisce e si riporta sotto. Andujar però piazza un altro break e conquista meritatamente il parziale per 6-4. Il secondo set vede però scendere in campo il vero Berdych che rifila una sonoro bagel al suo avversario. Nel successivo parziale il nativo di Cuenca, finalista a sorpresa a Barcellona in questa stagione, continua a soffrire tremendamente sul proprio turno di battuta ed è costretto a cederlo nell’ottavo gioco. Il campione ceco ne approfitta e sale in vantaggio 2 a 1 nel computo dei set. Il quarto parziale sembra in discesa per Berdych che mette a segno il break sul 1 pari. Ma Andujar è un combattente nato e, dando fondo a tutte le sue risorse, risale la china, andando addirittura a servire per rimettere in discussione il match sul 5-3. Lo spagnolo non capitalizza la chance. Si giunge così al tiebreak dove ad imporsi per 7 punti a 3 è il favorito della vigilia che chiude la pratica in oltre due ore e mezza di gioco.

V. Pospisil b. [WC] J. Ward 6-4 3-6 2-6 6-3 8-6 (Cesare Novazzi)

“Partita di una giornata di mezza estate” potrebbe essere l’inizio di un racconto, invece è il primo set della sfida tra la wild card James Ward, numero 111 del mondo, contro il canadese Vasek Pospisil, numero 56. I due tennisti sembrano scendere in campo leggeri, un po’ assenti, quasi disturbati dal pubblico che applaude forte all’unisono ogni punto dell’inglese. Il servizio funziona bene per entrambi, ma la prima palla break arriva per il canadese che coglie subito il vantaggio e chiude il primo set indisturbato. Lo stato di torpore però si infrange alla prima occasione per Ward e di colpo la partita si accende. D’un tratto Ward non gioca più carezze, ma si serve del rovescio per spostare il suo avversario per poi chiudere con il diritto in avanzamento. Cambia anche il body language dei giocatori, ora più nervosamente lucidi: Ward cerca le rete e Pospisil invece cerca la supremazia da fondo, pronto a chiudere con il lungolinea di diritto. L’inglese sorretto dal tifo breakka ad ogni occasione il canadese e si porta in vantaggio di 2 set a 1, ma nel quarto subisce il rientro dell’avversario che coglie il vantaggio decisivo con una risposta di rovescio. Epilogo al quinto set, dove i tennisti tengono agevolmente i propri turni di servizio fino al tredicesimo gioco: Ward non mette la prima e concede due palle break. Salva la prima seguendo il servizio a rete, ma cede alla seconda. Il canadese serve per il match e chiude a rete; affronterà Troicki negli ottavi di finale.

[9] M. Cilic  b. [17] J. Isner 7/6(4) 6/7(6) 6-4 6/7(4) 12-10  (Raffaello Esposito)

L’ultimo incontro di giornata sul campo 1 mette in palio l’accesso al quarto turno del torneo contro Kudla prima di un probabile quarto di finale contro il totem Nole nella parte alta. Oggi seeding e rank ATP coincidono, 9 Marin Cilic e 17 John Isner, con il croato campione a New York 2014 in vantaggio 4-0 negli scontri diretti. Cilic in carriera si è dimostrato molto più consistente di Isner negli Slam e, oltre allo squillo agli US Open dell’anno scorso, vanta una semi agli Australian 2010, i quarti a Wimbledon 2014 e tre quarti turni a Parigi. Lo statunitense di 208 cm ha come miglior risultato i quarti a Flushing Meadows 2011. “Vi prego, dateci qualche spunto” implorano i commentatori al termine di un primo set dominato dai servizi e deciso da due mini break contro uno nell’extra-set. Un game ai vantaggi è come il Gronchi Rosa, una rarità. Fra due picchiatori l’equilibrio è sempre sottile ma il croato sembra più in controllo, forse solo per la sicurezza mentale data dai precedenti. Nel secondo parziale l’andamento è identico, zero occasioni e sei pari. Apre ancora Cilic alla battuta e l’equilibrio si rompe nel quarto punto quando il croato mette in corridoio un dritto a campo aperto per lo sconforto di Goran in tribuna. Sul 4-6 Marin sembra morto ma con un improvviso passante di rovescio e un ace pareggia a sei. Tutto inutile perché subito dopo mette in rete una volée di rovescio fattibile e Isner non lo perdona chiudendo con un dritto lungolinea e strappando a Cilic il primo set da quattro anni a questa parte. Nel terzo set, dopo un’ora e mezzo di gioco, il vento cambia e improvvisamente fioccano le palle break: entrambi concedono occasioni e il primo a capitalizzare è Cilic che nel nono game brekka con una risposta vincente seguita da un dritto sulla riga. Si gioca fra continui boati provenienti dal pubblico del Centrale e della “Murray Mountain”, esaltato dalla lotta di Watson contro Serena. Il Croato però non si distrae e chiude sei quattro. Nel quarto le palle break scompaiono ancora dal tabellino e si giunge all’ennesimo sei pari. Inizia Isner e sui primi cinque punti quattro sono mini-break, due per parte. Lo strappo decisivo è di John che sfrutta un errore banale dell’avversario in volée incrociata per salire sei quattro. Un dritto lungo di Marin porta la contesa al quinto. Il croato sfrutta un nastro in risposta per brekkare al secondo game e volare sul tre zero ma si distrae colpevolmente subito dopo, va 0-40 e si fa riagganciare. Cilic comincia ad assomigliare vagamente al Mahut del 2010 e lo spettro di un quinto set infinito aleggia sul campo. Nel decimo game Marin prova a scacciarlo e va 30-40 con una risposta sulle stringhe dell’americano,  che però annulla il match point da campione picchiando sulla riga con coraggio leonino e costringendo Cilic all’errore prima di pareggiare a cinque. Ora i due difendono strenuamente le rispettive battute, con Cilic che mette giù il trentaquattresimo ace battendo il proprio personale. L’incontro viene poi interrotto per sopraggiunta oscurità alle 21.21 sul punteggio di dieci pari. Del resto quando ci sono in campo i due primi detentori dei record di durata a Wimbledon sono i rischi del mestiere. Gli incisori di targhe del circolo sono già all’erta…  E’ consuetudine a Wimbledon che gli incontri interrotti siano ripresi sullo stesso campo come secondo match di giornata. Ecco quindi che alle 15.45 ora locale i contendenti scendono nell’arena al termine di Wozniacki-Giorgi, ennesima occasione gettata al vento da Càmila. Si racconta che i due abbiano passato la notte a smontare ed oliare i rispettivi cannoni ma Cilic non conferma la voce, mette solo due prime e fatica a tenere il  game, aiutato da due chiamate errate che danneggiano Isner. Contro ogni pronostico londinese il match termina subito dopo con un gioco che va raccontato. Cilic è aggressivo in risposta, passa di dritto incrociato e va 15-40 con due match points. Isner annulla con due aces ma l’avversario si procura una terza occasione con una gran smorzata che John vanifica andandosi a prendere il punto a rete. L’americano va a vantaggio interno, commette doppio fallo e subito dopo Cilic lo passa di dritto lungolinea. Il quarto match point è quello buono perché la prima palla è lunga… e la seconda larga. Con contrappasso dantesco è stato un doppio fallo a decidere un match dominato dai servizi.

[20] R. Bautista-Agut b. [Q] N. Basilashvili 7-6(4) 6-0 6-1 (Daniele Vallotto)

Ci si aspettava forse qualcosa di più da Nikoloz Basilashvili dopo la vittoria su Feliciano López ma di fronte all’intelligenza e alla solidità di Roberto Bautista-Agut, il suo tennis senza acuti si è inceppato al punto di arenarsi in un secondo set nel quale ha vinto appena due punti al servizio. Per Bautista è la terza volta tra gli ultimi sedici in uno Slam, la prima a Wimbledon; ma le chance di arrivare per la prima volta ai quarti sono piuttosto basse, dovesse esserci Federer. Ad ogni modo Bautista ha dimostrato che quando l’avversario è alla portata non ci perde neanche per sbaglio: oggi Basilashvili ha avuto poche possibilità di breakkare e quando le ha avute lo spagnolo non ha tremato. Il copione della partita, del resto, è stato scontato quanto il tennis poco spumeggiante di Bautista. Nel primo set c’è stato equilibrio ma era Bautista-Agut a giocare un pelino meglio: logico che il tie-break lo vincesse lui grazie al mini-break sul 5-4. Poi lo spagnolo ha breakkato in apertura di secondo e ha annullato tre palle break consecutive prima di trovare il secondo break che ha di fatto chiuso la contesa. Si è giocato un altro set e mezzo, a dire il vero, ma il sogno del georgiano si era infranto su quei sette punti persi di fila tra la fine del primo e l’inizio del secondo set, crudele prologo degli undici game consecutivi che hanno ammazzato il match.

[22] V. Troicki b. D. Brown 6-4 7-6(3) 4-6 6-3 (Giovanni Vianello)

Non ha mancato di offrire spettacolo Dustin Brown, attuale 102 del mondo ma che progredirà al termine dei Championships, ma alla fine, nella cosiddetta prova del nove, a prevalere è stato nettamente Troicki, tds 22 e n.24 del ranking. Il gioco estemporaneo e variopinto del tedesco ha qualche volta messo in difficoltà il serbo, ma nel complesso Troicki è riuscito, grazie a numerosi passanti e lob vincenti, a non subire troppo l’offensività del teutonico di origine giamaicana. Nel primo set Troicki ha dovuto salvare qualche palla break, ma nel decimo gioco, in cui serviva Brown, il tedesco non ha retto alla pressione ed ha concesso il break decisivo per il 6-4. Il secondo set ha visto Brown portarsi avanti inizialmente 3-1, ma Troicki ha poi riagganciato l’estroso avversario ed ha portato il set al tie-break, dove un preciso passante del serbo ha deciso le sorti del parziale a favore di Troicki. Nel terzo set il gioco è stato molto legato ai servizi, con Brown che è riuscito ad aggiudicarsi la frazione con un break nel decimo gioco. Nel quarto set c’è stata poca lotta, Troicki si è presto portato avanti di un break ed ha strappato la battuta all’avversario in un’altra occasione nel nono gioco, portandosi definitivamente a casa il match.

Risultati:

[3] A. Murray b. [25] A.Seppi 6-2 6-2 1-6 6-1
[2] R. Federer b. S. Groth 6-4 6-4 6-7(5) 6-2
[22] V.Troicki b. D. Brown 6-4 7-6(3) 4-6 6-3
[20] R. Bautista Agut b. [Q] N. Balashvili 7-6(4) 6-0 6-1
[23] I. Karlovic b. [13] J.W Tsonga 7-6(3) 4-6 7-6(2) 7-6(9)
V. Pospisil b. J. Ward 6-4 3-6 2-6 6-2 8-6
[6] T. Berdych b. P. Andujar 4-6 6-0 6-3 7-6(3)
[12] G. Simon b. [18] G. Monfils 3-6 6-3 7-6(6) 2-6 6-2
[9] M. Cilic b. [17] J.Isner  7-6(4) 6-7(6) 6-4 6-7(4) 12-10

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon si adegua agli altri Major: da quest’anno il doppio maschile al meglio dei tre set

La decisione presa dagli organizzatori dopo la finale di oltre quattro ore dello scorso anno. “Speriamo anche che più giocatori sianno incoraggiati a iscriversi al doppio”

Pubblicato

il

Centre Court - Wimbledon 2022 (foto Twitter @Wimbledon)

I tempi cambiano, e con loro usi e costumi. Il torneo di Wimbledon, il tempio del tennis, si è sempre contraddistinto per la dogmatica rigidità delle sue tradizioni. Fu uno shock culturale l’introduzione del tetto sul campo centrale, inaugurato il 17 maggio 2009; lo fu ancora di più l’edizione mancata del 2020 a causa del Covid-19.

Adesso un’altra novità si abbatte sul torneo più antico della storia: da quest’anno infatti i match di doppio si giocheranno al meglio dei tre set. In quest’ottica i Championships si accodano agli altri tre grandi Major che adottano questa politica ormai da tempo. “Abbiamo preso questa decisione dopo una vasta serie di consultazioni, il cambiamento porterà il torneo di Wimbledon in linea con gli altri Slamsi legge in un comunicato dell’All England Club. In questo modo ci saranno anche maggiori certezze nella programmazione degli incontri. Speriamo anche che in questo modo più giocatori possano essere incoraggiati a iscriversi al doppio”.

Tra i fautori di questa svolta l’australiano Nick Kyrgios, che lo scorso anno dovette abbandonare le velleità di doppio per concentrarsi esclusivamente sul singolare dove arrivò fino alla finale poi persa contro Djokovic. Giova ricordare che la finale dello scorso anno di doppio tra gli australiani Matthew Ebden e Max Purcell e i croati Nikola Mektic e Mate Pavic durò oltre quattro ore; anche da lì la decisione degli organizzatori di cambiare.

 

Continua a leggere

Flash

Wimbledon: Debbie Jevans sarà la nuova presidente dell’All England Club

Ian Hewitt lascerà il ruolo al termine dell’edizione 2023, confermate le voci che davano Jevans come successore

Pubblicato

il

Se durante il picco della pandemia nel 2020, il torneo di Wimbledon non se la passava affatto male anche e soprattutto grazie al risarcimento milionario proveniente dall’assicurazione, possiamo affermare con cognizione di causa che la scorsa stagione è stata una delle più burrascose per gli organizzatori del torneo di tennis più longevo al mondo. Tra il ban ai tennisti russi e bielorussi (questione di rilevanza internazionale) e i problemi con la comunità locale nell’annessione del Golf Club (questione di rilevanza locale) il presidente dell’All England Club, Ian Hewitt, era stato messo fortemente in discussione, e già ad ottobre 2022 circolavano voci su chi potesse prenderne il posto. Voci che adesso si tramutano in fatti: tramite un comunicato dell’All England Lawn Tennis & Croquet Club infatti, è arrivata la notizia dell’elezione di Deborah Jevans come vice-presidente, la quale prenderà poi il posto di presidente del torneo di Wimbledon al termine dell’edizione 2023, succedendo al 75enne Hewitt.

Come già scritto in precedenza, sottolineiamo che quello di presidente è un ruolo non retribuito, nonostante l’impegno che richieda e la quantità di denaro che il diretto interessato si ritrova a gestire; tutto a causa di una costituzione datata 1868 che può scegliere il presidente del club solamente tra una cerchia ristrettissima di membri.

Come si legge nel comunicato, Jevans ha 62 anni ed è membro a pieno titolo dell’All Englad Club (il ‘circolo’ che organizza il torneo di Wimbledon) dal 1996, entrando nel Comitato del Club nel 2004. “Ex tennista professionista, ha ricoperto diverse posizioni dirigenziali di alto livello nel mondo dello sport. Ruoli significativi che includono: direttrice del tennis femminile presso la ITF; direttrice dello Sport del Comitato Organizzatore Olimpico dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2012; CEO dell’Inghilterra Rugby 2015; vicepresidente di Sport England; nonché amministratrice della Invictus Games Foundation e dell’EFL Trust.” Mentre da tennista ha avuto una discreta carriera sia in singolare che in doppio, dove come massimo traguardo c’è un quarto di finale a Wimbledon nel doppio misto del 1978 (in coppia col suo futuro marito), e un quarto turo di singolare sempre sui prati londinese l’anno successi, sconfitta da Virginia Wade.

Ian Hewitt, presidente dell’All England Lawn Tennis & Croquet Club, ha commentato: “Debbie ha una preziosa combinazione di abilità ed esperienza maturata nel corso di una lunga carriera nello sport, sia come ex tennista professionista che attraverso una serie di ruoli di leadership all’interno di organizzazioni sportive di alto profilo, sia con i suoi molti anni di servizio nel Comitato del Club. Questo la prepara bene per il ruolo e non vedo l’ora di cedere il ruolo di presidente dopo il torneo 2023, e auguro a Debbie tutto il successo nel raggiungimento dei nostri traguardi”.

 

Continua a leggere

evidenza

E se Wimbledon 2023 cancellasse il ban a Medvedev, Rublev, russi e bielorussi? L’All England Club ne discute

I cinque tornei ATP inglesi che rischiano la cancellazione in caso di mancata revoca del ban. Il caso United Cup

Pubblicato

il

Centre Court and No.1 Court under the closed roofs at The Championships 2021. The All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 1 Monday 28/06/2021. Credit: AELTC/Bob Martin

Sembra arricchirsi di un nuovo capitolo lo scontro tra la LTA (Lawn Tennis Association: è la federtennis inglese) e le due associazioni dei giocatori (ATP e WTA), dopo che l’ATP ha annunciato una sanzione di un milione di dollari nei confronti della LTA per il ban dei tennisti russi e bielorussi dai cinque tornei LTA: Queen’s, Eastbourne, Surbiton, Nottingham, Ilkley. La sanzione emanata dall’ATP segue quanto fatto lo scorso luglio dalla WTA, che ha multato per 750 mila dollari la LTA (che organizza i tre tornei femminili di Eastbourne, Nottingham e Birmingham.) e 250 mila sterline l’All England Club (sede di Wimbledon).

Secondo quanto riportato dal quotidiano The Telegraph, sono in corso valutazioni nel Regno Unito e la situazione starebbe per cambiare. L’All England Club, infatti, starebbe prendendo in considerazione l’annullamento del divieto imposto ai tennisti russi e bielorussi di giocare a Wimbledon. La posizione ufficiale dell’AELTC (All England Lawn Tennis Club) alla data odierna però non è al momento variata. Infatti, ad oggi non è stata presa alcuna decisione in merito a chi effettivamente potrà partecipare allo Slam londinese la prossima estate. Tuttavia, secondo le indiscrezioni raccolte dal quotidiano britannico, sembra essersi diffusa, all’interno del club, l’idea di porre fine a questa battaglia.

Secondo alcuni membri dell’AELTC, la posizione attuale potrebbe divenire non sostenibile l’anno prossimo, visti i crescenti timori di ulteriori ritorsioni da parte dell’establishment del tennis. Infatti, l’ATP Tour è stato chiaro. Oltre alla multa, è arrivata la minaccia di cancellare la membership della LTA, se il divieto dei giocatori russi e bielorussi dovesse essere ripetuto nel 2023, di fatto scomunicando la federazione che patrocina i tornei di tennis professionistici in Gran Bretagna.

 

Questo porterebbe alla cancellazione dei tornei organizzati sul suolo britannico e ad una conseguente rimodulazione del calendario ATP. Ricordiamo, infatti, che tra giugno e luglio il tour fa tappa per quattro settimane nel Regno Unito per la breve stagione su erba. Oltre alla due settimane dedicate a Wimbledon, il circuito ATP prevede altri due tornei in terra britannica: l’ATP 500 del Queen’s e l’ATP 250 di Eastbourne.

Un’eventuale cancellazione di questi tornei vedrebbe diverse federazioni già disponibili per colmare i vuoti nel calendario, come già accaduto negli anni precedenti. Certamente la FIT seguirà con interesse lo sviluppo di queste situazioni. Lo scorso anno infatti fu pronta a subentrare ai tornei cinesi cancellati per via del Covid. Si poterono effettuare i tornei di Firenze e Napoli a seguito di quelle cancellazioni. Oltretutto i tornei inglesi in discussione si svolgono tutti nei mesi di giugno e luglio, mesi ideali per giocare a tennis nel Bel Paese.

Se il medesimo divieto fosse imposto alla WTA, a rischio ci sarebbero il WTA 500 di Eastbourne e i WTA 250 di Nottingham e Birmingham.

La situazione rimane in continuo fermento: attraverso un suo comunicato la LTA ha dichiarato che sono in corso valutazioni su un possibile appello. Ha anche accusato i due circuiti ATP e WTA di scarsa empatia verso la questione ucraina, aggiungendo di essere “profondamente delusa” per una sanzione che li costringerebbe a ridurre il loro programma di tornei professionistici nel prossimo anno. Infatti, la LTA ha già annunciato che l’impatto di queste sanzioni porterebbe anche all’annullamento di alcuni eventi di livello Challenger che la federazione aveva intenzione di ospitare nel primo trimestre 2023.

Questa ultima è una posizione che sembra in sintonia con le idee forti del proprio governo, ribadite dal segretario per la cultura Michelle Donelan: “Per noi è chiaro il fatto che lo sport non può essere utilizzato per legittimare questa invasione mortale” – ha affermato Donelan in una nota. “Agli atleti che rappresentano Russia e Bielorussia dovrebbe essere vietato gareggiare in altri Paesi. Nonostante la condanna diffusa a livello internazionale, il mondo del tennis è determinato ad emarginarci per questo. Con un impatto sugli investimenti per la crescita del tennis a livello nazionale. Ritengo la mossa di ATP e WTA errata. Li esorto a riflettere attentamente sul messaggio che stanno inviando, e di riconsiderare la situazione.”

La situazione diventa ancora più intricata se si pensa all’atteggiamento seguito dalle due associazioni in merito alla United Cup. Nella competizione mista a squadre promossa da ATP e WTA, infatti, non ci saranno al via atleti russi e bielorussi. Ricordiamo che le squadre partecipanti alla competizione sono state scelte in base al ranking dei migliori tennisti ATP e WTA, a cui si aggiungono le squadre selezionate grazie al miglior ranking combinato del loro numero 1 maschile e della loro numero 1 femminile. Tuttavia, la compilazione dei vari ranking di ammissione non ha tenuto conto degli atleti e delle atlete russe e bielorusse, che difatti non prenderanno parte al torneo. Una situazione che evidenzia una palese difformità di trattamento del neonato torneo a squadre, rispetto ad un torneo individuale come Wimbledon. Evidentemente ATP e WTA considerano diverso il trattamento da riservare ad atleti russi e bielorussi a seconda che l’evento tennistico sia individuale oppure per squadre composte da giocatori della stessa nazionalità.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement