ATP Ranking: ricomincia il regno di Djokovic, Italia come nel 1973

Ranking

ATP Ranking: ricomincia il regno di Djokovic, Italia come nel 1973

Dopo due anni, Nole ritorna in vetta al ranking mondiale. Khachanov a un passo dalla top 10, crolla Jack Sock. L’Italia chiude con due giocatori in top 20: Fognini e Cecchinato

Pubblicato

il

 

Novak Djokovic è da questa settimana ufficialmente il nuovo numero uno della classifica ATP, a due anni esatti di distanza dall’ultima volta in cui sedette sul trono del mondo tennistico. Il serbo è il primo giocatore ad essere riuscito nella medesima stagione a raggiungere la vetta partendo da una posizione inferiore alla ventesima dopo il russo Marat Safin che vi riuscì nel 2000.

Safin, però, guardò tutti dall’alto in basso solo per nove settimane. Poche in confronto alle attuali 224 di Djokovic che inizia a intravedere le 268 di Connors e le 270 di Lendl. Peccato (per lui) che alla festa per l’incoronazione sia mancata la collaborazione attiva di Karen Khachanov che gli ha negato la vittoria nella finale di Parigi-BercyIl ventiduenne russo ha così messo una sontuosa ciliegina sulla torta in una stagione iniziata in veste di numero 47 del mondo e conclusasi 36 gradini più in alto con annessa partecipazione – seppur come riserva – alle Finals londinesi.

Di seguito i primi venti della classe:

 

Classifica ATP

Giocatore

Nazione

Punteggio

Variazione

1

N. Djokovic

Serbia

8045

1

2

R. Nadal

Spagna

7480

-1

3

R. Federer

Svizzera

6020

4

JM del Potro

Argentina

5300

5

A. Zverev

Germania

5085

6

K. Anderson

S. Africa

4310

7

M. Cilic

Croazia

4050

8

D. Thiem

Austria

3895

9

K. Nishikori

Giappone

3390

2

10

J. Isner

USA

3155

-1

11

K. Khachanov

Russia

2835

7

12

B. Coric

Croazia

2480

1

13

F. Fognini

Italia

2315

1

14

K. Edmund

GB

2150

1

15

S. Tsitsipas

Grecia

2095

1

16

D. Medvedev

Russia

1977

1

17

D. Schwartzman

Argentina

1880

2

18

M. Raonic

Canada

1855

3

19

G. Dimitrov

Bulgaria

1835

-9

20

M. Cecchinato

Italia

1819

Altre considerazioni:

  • Tra i giocatori classe ’96 che lo scorso anno presero parte alle Next Gen Finals ve ne sono tre in top 20, ovvero Kachanov, Coric, Medvedev e uno, Hyeon Chung, che dopo esservi entrato è ora venticinquesimo. Per spirito patriottico menzioniamo il loro coetaneo e avversario alle precedenti finali milanesi Gianluigi Quinzi che probabilmente chiuderà la stagione tra i primi 150 giocatori del mondo come mostreremo più avanti
  • Rafa Nadal è l’unico rappresentante di vertice della Spagna. Lo spagnolo meglio classificato dopo di lui è Pablo Carreno Busta, ventitreesimo
  • Kei Nishikori è risalito nel corso dell’anno dalla trentanovesima alla nona posizione
  • Dimitrov, non avendo guadagnato l’accesso alle finali di Londra, è uscito dai primi dieci del mondo
  • Solo due giocatori tra i primi dieci del mondo sono nati negli ani ’90: Zverev e Thiem
  • Solo un giocatore tra l’undicesima e la ventesima posizione è nato negli anni ’80: Fabio Fognini
  • Jack Sock un anno fa di questi tempi metteva a segno un magistrale doppio colpo: vittoria a Parigi-Bercy e qualificazione alle finali di londra. A dodici mesi di distanza subisce un doppio colpo: fuori ai quarti a Parigi, niente Finals e crollo verticale sino alla centocinquesima posizione

Per quanto attiene ai colori italiani, questa top 20 – che potrà subire modifiche solo nelle prime dieci posizioni in virtù dei risultati delle Finals – ricalca molto da vicino quella conclusiva della stagione 1973, l’ultima in cui l’Italia sia riuscita a piazzare due giocatori tra i primi venti. Dopo 45 anni sono Fognini (13esimo) e Cecchinato (20esimo) ad aggiornare la pagina dei record scritta da Panatta (14esimo) e Bertolucci (20esimo). Nella classifica conclusiva del 1974 né Panatta né Bertolucci riuscirono a confermare la top 20: la speranza è che Fognini e Cecchinato sappiano fare meglio nel 2019.

FINALS – Il torneo che avrà il via a Londra domenica 12 novembre vedrà ai nastri di partenza i seguenti giocatori:

Giocatore

Nazione

Punteggio

Classifica ATP

N. Djokovic

Serbia

8045

1

R. Federer

Svizzera

6020

3

A. Zverev

Germania

5085

5

K. Anderson

S. Africa

4310

6

M. Cilic

Croazia

4050

7

D. Thiem

Austria

3895

8

K. Nishikori

Giappone

3390

9

J. Isner

USA

3155

10

Oltre a del Potro mancherà purtroppo all’appello anche il numero due del mondo e della Race Rafael Nadalche ha ufficializzato la sua rinuncia a causa di persistenti problemi agli addominali e alla caviglia che dovrà essere operata. È la terza volta dal 2014 che il maiorchino è costretto a dare forfait all’appuntamento di fine stagione più prestigioso, la settima in totale. Il suo posto verrà preso da John Isner, alla sua prima partecipazione assoluta; un’ulteriore conquista per lo statunitense protagonista di un’eccellente annata che lo ha visto rientrare in top 10 dopo quattro anni e ottenere con l’ottavo posto il miglior risultato in classifica della sua carriera.

Alle Finals prenderanno parte in veste di riserva Karen Khachanov e Borna Coric.

NEXT GEN FINALS – In procinto di cominciare a Milano il torneo riservato alla Next Gen che si concluderà sabato. Date le assenze di Zverev e Shapovalov il montepremi se lo contenderanno i seguenti under 21:

Giocatore

Nazione

Punteggio

Classifica ATP

Nato nel

S. Tsitsipas

Grecia

2175

15

1998

A. de Minaur

Australia

1308

31

1999

F. Tiafoe

USA

1055

40

1998

T. Fritz

USA

974

47

1997

A. Rublev

Russia

760

68

1997

J. Munar

Spagna

661

76

1997

H. Hurkacz

Polonia

636

85

1997

Ai sette sopra citati si è unito l’italiano Liam Caruana – classe 1998 e numero 622 ATP – che si è aggiudicato la wild card messa in palio dagli organizzatori del torneo, grazie alla vittoria ottenuta contro Raul Brancaccio nella finale del torneo disputato lo scorso week end allo Sporting Milano 3. Il giovane romano nel girone eliminatorio affronterà Rublev, de Minaur e Fritz.

Da un italiano che si affaccia per la prima volta su un palcoscenico internazionale, passiamo ad altri più rodati:

ITALIANI  TOP 200

Classifica ATP

Giocatore

Punteggio

Var.

13

F. Fognini

2315

1

20

M. Cecchinato

1819

35

A. Seppi

1135

2

54

M. Berrettini

932

-1

99

T. Fabbiano

573

5

106

L. Sonego

536

-1

115

P. Lorenzi

505

1

132

S. Travaglia

433

1

146

S. Bolelli

382

-1

149

G. Quinzi

374

2

152

L. Vanni

372

-3

166

S. Caruso

332

-1

167

A Giannessi

330

-1

178

F. Baldi

306

-4

183

A. Arnaboldi

294

1

Thomas Fabbiano rientra nella top 100 mentre Gianluigi Quinzi conquista l’ennesimo best ranking in un 2018 iniziato al numero 335.

Per concludere facciamo i complimenti ai numerosi atleti che questa settimana hanno raggiunto la loro miglior posizione in carriera:

Classifica

Giocatore

Nazione

11

K. Kachanov

Russia

12

B. Coric

Croazia

16

D. Medvedev

Russia

21

N. Basilashvili

Georgia

38

M. Fucsovics

Ungheria

39

N. Jarry

Cile

46

M. Jaziri

Tunisia

47

T. Fritz

Cile

57

M. Copil

Romania

76

J. Munar

Spagna

82

G. Andreozzi

Argentina

87

C. Garin

Cile

Di alcuni di essi abbiamo già parlato; ci soffermiamo ora sull’argentino Guido Andreozzi e sul tunisino Malek Jaziri . “Formichina” Andreozzi a suon di Challenger vinti (4) a 27 anni è entrato per la prima volta nella élite mondiale, mentre Jaziri alla soglia dei 35 anni con questo risultato ha coronato un anno che lo ha visto a febbraio addirittura uscire dalla top 100. Jaziri è di gran lunga il miglior giocatore di sempre del suo Paese.

Ma sapete dirci, cari lettori, se il continente africano è mai riuscito ad avere un giocatore al primo posto della classifica mondiale?

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Race to Milan: Musetti e Rune si qualificano, Nardi ora si avvicina

Lorenzo e il danese già sicuri di partecipare alle finali Next Gen. Il gran torneo ad Astana avvicina il pesarese all’obiettivo

Pubblicato

il

Luca Nardi – Roma 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Dall’8 al 12 novembre a Milano si disputerà la quinta edizione del torneo Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals.

Il torneo è riservato agli otto giocatori nati dopo il 31 dicembre 2000 che nel corso della stagione hanno realizzato il maggior numero di punti.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Il torneo meneghino, oltre ad essere un importante laboratorio per la sperimentazione di nuove regole, nel corso delle edizioni si è anche rivelato il trampolino di lancio di alcuni dei giocatori più importanti dell’attuale scena mondiale, a partire da Daniil Medvedev che partecipò all’edizione inaugurale del 2017 e oggi occupa la poltrona numero 4 della classifica ATP della quale era il leader sino allo scorso 11 settembre; Stefanos Tsitsipas, attuale numero 6 e vincitore dell’edizione 2018; Jannik Sinner numero 10 del ranking e vincitore dell’edizione 2019; Carlos Alcaraz, campione in carica del torneo e odierno numero uno della classifica mondiale.

 

La tabella seguente riporta i nomi dei precedenti vincitori e la miglior classifica assoluta da loro raggiunta:

ANNO*VINCITOREMIGLIOR PIAZZAMENTO ATP
2017Chung Hyeon19
2018Stefanos Tsitsipas3
2019Jannik Sinner9
2021Carlos Alcaraz1

*2020 non disputato causa Covid


Proprio Alcaraz, essendo nato il 5 maggio 2003, è ovviamente il miglior Under 21 del mondo, ma è certo che rinuncerà al torneo riservato ai suoi coetanei per prendere parte alle Nitto ATP Finals di Torino che cominceranno il 13 novembre, alle quali è già matematicamente qualificato.

Ecco la classifica della Race to Milano aggiornata al 4 ottobre 2022:

PosizioneGiocatoreNazionePuntiNato nelClassifica ATP
1AlcarazSpagna646020031
2SinnerItalia2310200112
3MusettiItalia1356200227
4RuneDanimarca1338200326
5DraperGBR925200149
6NakashimaUsa867200147
7LeheckaRep. Ceca602200173
8TsengTaipei490200187
9PassaroItalia4412001123
10StrickerSvizzera3902002133
11NardiItalia3852003152
12MisolicAustria3702003138
13ZeppieriItalia3282001164
14ArnaldiItalia3132001158
15CobolliItalia2882002159
Classifica Live della Race to Milan 2022 (4 ottobre 2022)

Dietro Alcaraz c’è Sinner, ma anche Jannik è in corsa per le ATP Finals di Torino e in ogni caso il suo finale di stagione potrebbe essere inficiato dal problema alla caviglia destra rimediato a Sofia. Ecco dunque che occorre prendere in considerazione i posti della Race to Milan dal terzo al decimo.

Lorenzo Musetti, attualmente terzo, è già certo della qualificazione alle Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals 2022. Il 20enne di Carrara, dopo aver raggiunto la scorsa settimana le semifinali del “Sofia Open”, ha staccato per il secondo anno consecutivo il biglietto per l’evento in programma all’Allianz Cloud. Un anno fa, Lorenzo non si qualificò alle semifinali, perché perse nel girone da Korda e da Baez. Inutile la vittoria contro Gaston.

Insieme a Musetti, attualmente terzo, ci sarà il ritorno anche del danese Holger Rune (numero 4) che a Sofia è stato battuto soltanto in finale dallo svizzero Marc-Andrea Huesler. Il danese ha confermato su Twitter la sua partecipazione all’evento milanese. Anche per lui si tratterà della seconda apparizione sul suolo milanese: nel 2021 si fermò al Round Robin.

Per gli altri posti sono in ottime posizioni l’inglese Jack Draper e lo statunitense Brandon Nakashima, recente vincitore dell’ATP di San Diego. Alle loro spalle è bagarre e può ancora succedere di tutto, con tanti giovani italiani ancora in corsa per la qualificazione. A guidarli è Francesco Passaro (numero 9), che questa settimana è impegnato nell’ATP Challenger di Parma insieme a Flavio Cobolli (numero 15) e Giulio Zeppieri (numero 13). Quest’ultimo si è reso protagonista dell’unica variazione nel ranking degli italiani rispetto a sette giorni fa dopo aver scavalcato Matteo Arnaldi (numero 14). E da seguire con grande attenzione c’è Luca Nardi (numero 12) che è volato ad Astana dove ha raggiunto la qualificazione al tabellone principale dell’ATP 500 kazako battendo il belga David Goffin. Grazie alla vittoria su Shevchenko, il pesarese vola al secondo turno e si aggiudica 65 preziosissimi punti che gli consentono di scavalcare l’austriaco Misolic e assestarsi all’undicesimo posto. Il decimo posto dello svizzero Stricker, che attualmente sarebbe l’ultimo qualificato, è davvero a un passo.

L’elenco dei partecipanti al torneo milanese potrà variare fino ai giorni immediatamente al torneo, e un forte incentivo sarà costituito dal montepremi, che un anno fa era di oltre 1 milione e 300mila euro.

Continua a leggere

evidenza

WTA Ranking: Kontaveit torna in top3, Krejcikova si avvicina alla top 20. Sherif +25 posti

L’estone non riesce a vincere il torneo di casa ma la finale le basta per scavalcare Paula Badosa. La ceca si porta a meno di 100 punti dalla top20. La vittoria a Parma proietta Mayar Sherif in top50. Best ranking per Elisabetta Cocciaretto

Pubblicato

il

Anett Kontaveit - WTA Tallinn 2022 (foto Facebook WTATallinnOpen)

Un piacevole ritorno e una inaspettata vittoria. Il comeback è quello di Barbora Krejcikova. La ceca è stata protagonista di una stagione superlativa in doppio, specialità nella quale ha vinto tre slam quest’anno in coppia con Katerina Siniakova e dove è attualmente la n.2 in classifica. In singolare, invece, non ha raccolto risultati all’altezza di quelli del 2021. Solo una finale a Sydney e i quarti a Melbourne a inizio anno e poi una lunga sequela di uscite premature fino alla vittoria, convincente, al Tallinn Open dove ha regolato Tomljanovic, capace di arrivare nei quarti a Wimbledon e New York, Haddad-Maia, Bencic e Kontaveit, tutte atlete che la sopravanzano in classifica. Il titolo in Estonia arriva a 15 mesi di distanza dalla vittoria a Praga nel 2021 e chissà che non possa essere la svolta che le consentirà di ritornare almeno in top20. La sorpresa, invece, è il trionfo al Parma Ladies Open di Mayar Sherif. L’egiziana (la prima del suo paese a vincere un titolo WTA) ha avuto la meglio in finale su Maria Sakkari, che partiva con i favori del pronostico. Sherif era già stata finalista a Cluj-Napoca ma non aveva saputo cogliere l’occasione. La prima vittoria su una top ten le consegna il primo trofeo della sua carriera e la riporta vicino al best ranking. Per quanto riguarda le italiane, hanno giocato a Parma senza brillare. Solo Jasmine Paolini si è spinta fino ai quarti, tutte le altre sono uscite al primo o secondo turno. Delude in particolar modo Martina Trevisan, n.2 del seeding, alla settima uscita al primo turno dopo la semifinale al Roland Garros. Andiamo a vedere come questi risultati hanno influito sulla classifica di oggi 3 ottobre 2022.

LA CLASSIFICA WTA DI TENNIS AGGIORNATA

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Iga Swiatek1610180
20Ons Jabeur184885
3+1Anett Kontaveit194010
4-1Paula Badosa243934
5+1Aryna Sabalenka203470
6-1Jessica Pegula163447
70Maria Sakkari213355
80Coco Gauff173047
90Simona Halep193025
100Caroline Garcia212930
110Daria Kasatkina212895
12+1Veronika Kudermetova212561
13-1Garbiñe Muguruza192406
140Belinda Bencic182305
150Beatriz Haddad Maia312295
16+1Jelena Ostapenko192271
17+1Madison Keys182248
18-2Danielle Collins132177
190Karolina Pliskova182061
200Petra Kvitova182003
210Ekaterina Alexandrova211975
22+1Liudmila Samsonova231937
23+4Barbora Krejcikova191906
24-2Victoria Azarenka131896
25-1Amanda Anisimova161811
26-1Elena Rybakina221655
27-1Shuai Zhang331655
280Qinwen Zheng251602
290Alison Riske-Amritraj231522
300Martina Trevisan281521
310Aliaksandra Sasnovich201521
320Kaia Kanepi211478
330Irina-Camelia Begu221454
340Ajla Tomljanovic241400
350Shelby Rogers221334
360Jil Teichmann201333
370Alizé Cornet231321
380Leylah Fernandez171310
390Sorana Cirstea221300
40+1Marie Bouzkova151252
41+2Petra Martic191208
42+2Elise Mertens211146
43+2Bernarda Pera201140
44+2Naomi Osaka131122
45+2Anhelina Kalinina281091
46+7Ana Bogdan251077
47-5Yulia Putintseva181059
48+3Madison Brengle281045
49+25Mayar Sherif321040
500Sloane Stephens161035
La Top 50 del Ranking WTA del 3 ottobre 2022

Questa è la classifica delle prime cinquanta. Ricordiamo che oggi uscivano, tra gli altri, i punti del Chicago Fall Tennis Classic e dell’Astana Open. Possiamo notare che:

 
  • In top10, la finale a Tallinn riporta Anett Kontaveit al n.3. Scivola al n.4 Paula Badosa. I 55 punti in uscita a Jessica Pegula sono sufficienti per far perdere una posizione all’americana, che esce dalla top5. Ne approfitta Aryna Sabalenka, che risale al n.5.
  • In top20, nuovo best ranking per Veronika Kudemetova (+1, n.12). Scala al n.13 Garbiñe Muguruza che presto dovrà fare i conti con la cambiale di 1375 punti in scadenza relativi alla vittoria alle Finals 2021. In lieve flessione anche Danielle Collins (-2, n.18).
  • Per quanto riguarda le posizioni dalla n.21 alla n.50, Barbora Krejcikova si mette alle spalle quattro posizioni e si porta al n.23. La top20 dista solo 97 punti. Best ranking per Liudmila Samsonova che fa un ulteriore passo verso la top20. Ora è n.22. Sette posti in più per Ana Bogdan (n.46), mai stata così in alto prima di oggi, ma è Mayar Sherif a far registrare il balzo più consistente. L’egiziana segna un +25 posizioni e irrompe al n.49. Il suo best ranking è il n.44 raggiunto lo scorso luglio. Entra in top50 anche Madison Brengle (+3, n.48). La salutano Anastasia Potapova (-3, n.51) e Katerina Siniakova (-4, n.53).
  • Alle spalle delle migliori cinquanta, le atlete che guadagnano più posti sono Danka Kovinic (+12, n.66) e Donna Vekic (+10, n.75), rispettivamente in semifinale e nei quarti a Tallinn, Viktorjia Golubic (+9, n.80), autrice di un buon torneo in Estonia partendo dalle qualificazioni, Maryna Zanevska (+14, n.83) e Lauren Davis (+15, n.84), entrambe nei quarti a Parma, e Julia Grabher (+17, n.85), vincitrice di un ITF a San Sebastian.

LE ATLETE CHE PERDONO MAGGIORMENTE TERRENO

Esce dalla top50 Alison Van Uytvanck (-12, n.52), vincitrice del titolo ad Astana nel 2021. In enorme difficoltà anche Jaqueline Cristian (-14, n.82), Marketa Vondrousova (-25, n.89), semifinalista a Chicago un anno fa, Aleksandra Krunic (-17, n.99), e Varvara Gracheva (-13. n.103).

LA CLASSIFICA WTA DELLE TENNISTE ITALIANE

Segnaliamo, prima di tutto, il best ranking di Elisabetta Cocciaretto che guadagna otto posizioni e sale al n.90. La classifica è sempre comandata da Martina Trevisan, che è stabile al n.30. Un passo indietro sia per Camila Giorgi (n.60) sia per Lucia Bronzetti (n.62), mentre sono tre i posti in più per Jasmine Paolini (n.76). Variazioni in positivo per Camilla Rosatello (+37, n.244), Matilde Paoletti (+38, n.328), nonostante la sconfitta a Parma contro Begu, e Anna Turati (+15, n.404). Perdono quota invece Cristiana Ferrando (-44, n.451) e Federica Di Sarra (-20, n.476).

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
300Martina Trevisan281521
60-1Camila Giorgi19954
62-1Lucia Bronzetti29906
76+3Jasmine Paolini29772
90+8Elisabetta Cocciaretto24685
108+1Sara Errani27590
152+6Lucrezia Stefanini30402
244+37Camilla Rosatello21256
295+3Nuria Brancaccio26210
311+2Giulia Gatto-Monticone20195
328+38Matilde Paoletti10179
349+3Angelica Moratelli22163
355+1Martina Di Giuseppe27159
383+6Lisa Pigato27137
404+15Anna Turati21124
442+6Deborah Chiesa12108
447+8Jessica Pieri14105
451-44Cristiana Ferrando16103
455+3Diletta Cherubini21100
476-20Federica Di Sarra1989

NEXT-GEN RANKING: LE GIOVANI TENNISTE IN ASCESA

Non ci sono altri movimenti nel Next Gen ranking, la classifica delle giocatrici nate dopo il 1° gennaio 2002. Comanda Cori Gauff sulla cinese Qinwen Zheng. Al terzo posto Leylah Fernandez. Chiude la classifica Daria Snigur.

PosizioneVariazioneGiocatriceAnnoClassifica WTA
10Cori Gauff20048
20Qinwen Zheng200228
30Leylah Fernandez200238
40Marta Kostyuk200256
50Diane Parry200265
60Emma Raducanu200267
70Linda Fruhvirtova200577
80Clara Tauson200294
90Linda Noskova200497
100Daria Snigur2002115

LA RACE

Pochi movimenti nella RACE. Un posto in più per Maria Sakkari (n.9), due per Belinda Bencic (n.11) e tre per Anett Kontaveit (n.14). Le uniche già qualificate per le Finals sono Swiatek e Jabeur. Nelle prossime settimane ci saranno in palio quasi 2000 punti. La lotta ai posti rimanenti è quindi ancora molto aperta.

PosizioneVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Iga Swiatek149560
20Ons Jabeur164496
30Jessica Pegula153232
40Coco Gauff162983
50Caroline Garcia192896
60Aryna Sabalenka182871
70Daria Kasatkina192831
80Simona Halep152661
9+1Maria Sakkari182537
10-1Veronika Kudermetova182497
11+2Belinda Bencic172306
12-1Paula Badosa182264
13-1Madison Keys172214
14+3Anett Kontaveit152092
15-1Beatriz Haddad Maia202050
16-1Danielle Collins101997
17-1Petra Kvitova171939
180Jelena Ostapenko171882
190Liudmila Samsonova181806
200Ekaterina Alexandrova181755
La Top 20 della Race to WTA Finals

Continua a leggere

ATP

ATP Ranking: Alcaraz e Nadal, domina la Spagna. Sinner fuori dalla top 10, best ranking per Musetti

La classifica mondiale aggiornata: Huesler sale al n.64 grazie alla vittoria di Sofia, Nishioka al n.41

Pubblicato

il

Rafael Nadal - US Open 2022 (foto Twitter @ATPTour_ES)

E dopo Federer venne Huesler. Lo svizzero Marc-Andrea ha reso onore al ritiro del suo grande connazionale (e al proprio portafoglio) vincendo il torneo di Sofia con uno stile di gioco che avrà riscaldato i cuori dei nostalgici del gioco a rete. La settimana di eventi del circuito ATP appena trascorsa ha visto anche il ritorno alla vittoria di Novak Djokovic, che torna a conquistare un titolo ATP, il numero 89 della sua straordinaria carriera, superando in finale Marin Cilic. Infine, a Seul trionfa il giapponese Nishioka in finale sul canadese Shapovalov. La top 20 della classifica ATP del 3 ottobre 2022 vede dunque alcune novità.

La classifica ATP aggiornata è disponibile al seguente link, che porta alla sezione “Sotto Rete” del sito web di Intesa Sanpaolo, main sponsor della manifestazione e partner di Ubitennis.

Clicca qui per leggere la classifica ATP aggiornata!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement