Australian Open 2019: al via i playoff per trovare il nuovo De Minaur

Flash

Australian Open 2019: al via i playoff per trovare il nuovo De Minaur

Jason Kubler e Priscilla Hon sono le prime wild card discrezionali australiane. In attesa di stabilire gli altri inviti per i tennisti di casa, prende il via il mini torneo che un anno fa diede il via alla scalata dell’attuale numero 31 del mondo

Pubblicato

il

Si riempiono altre due caselle nel complesso gioco delle wild card per il primo Slam del 2019. Tennis Australia ha infatti comunicato l’assegnazione di un posto in tabellone a Jason Kubler (114 ATP, best ranking 91 in estate) e Priscilla Hon (160 WTA). Per Kubler, 25 anni e troppi infortuni a frenarlo, sarà la terza apparizione nel tabellone principale dello Slam di casa, dove anche l’anno scorso ha avuto accesso tramite wild card. La ventenne Hon, al suo secondo Australian Open, viene invece premiata per i risultati ottenuti negli ITF di Camberra e soprattutto Bendigo, dove a ottobre ha battuto in finale la connazionale Ellen Perez. Entrambi apriranno la stagione al Brisbane International, prima di spostarsi a Melbourne. Gli inviti ai due tennisti di casa vanno ad aggiungersi a quelli già riservati agli statunitensi, agli asiatici e ai francesi. La USTA ha infatti premiato Jack Sock e Whitney Osuigwe, che nella race femminile ha avuto la meglio su Varvara Lepchenko.  Per l’ex numero uno del mondo junior, 16 anni, sarà il secondo Slam in carriera dopo aver assaggiato il main draw all’ultimo US Open. Le selezioni asiatiche hanno invece premiato i cinesi Zhe Li (256 ATP, 32 anni) e Shuai Peng, con l’ex numero 14 WTA costretta a risalire dai bassifondi della classifica a causa di una bizzarra squalifica.

Con le wild card di pertinenza francese offerte a Jo Wilfred Tsonga (che aveva rinunciato al ranking protetto) e alla stellina Clara Burel, rimangono a questo punto da assegnare le altre otto gestite da Tennis Australia. Tre nel tabellone maschile e tre in quello femminile saranno discrezionali, mentre un posto verrà assegnato mediante playoff. L’obiettivo sarà emulare il cammino di Alex De Minaur, che proprio dal successo nei playoff di un anno fa ha posto le basi per la sua eccellente stagione. Se De Minaur, oggi 31 del mondo, non ha chiaramente più bisogno di passare dal torneo che prenderà il via la settimana prossima (10-16 dicembre a Melbourne Park), sarà invece di nuovo ai nastri di partenza Destanee Aiava (250 WTA, classe 2000) che vinse insieme a lui un anno fa. A comandare il seeding maschile c’è Alex Bolt, 159 ATP che in autunno è stato anche 139. Non sarà facile invece il bis per Aiava, settima in ordine di ranking tra le partecipanti al torneo femminile dove le top 200 sono Arina Rodionova (170 WTA) e la già citata Ellen Perez (184).

AUSTRALIAN OPEN 2019 PLAY OFF

 

UOMINI

[159] Alex Bolt
[200] John-Patrick Smith
[245] James Duckworth
[265] Maverick Banes
[289] Max Purcell
[334] Akira Santillan
[421] Andrew Harris
[427] Dayne Kelly
[452] Jacob Grills
[455] Bradley Mousley
[459] Blake Ellis
[467] Jeremy Beale
[470 PR] Christopher O’Connell
[477] Luke Saville
[489] Aleksandar Vukic
[1746] Rinky Hijikata

DONNE

[170] Arina Rodionova
[184] Ellen Perez
[205] Jaimee Fourlis
[223] Zoe Hives
[232] Astra Sharma
[238] Lizette Cabrera
[250] Destanee Aiava
[288] Kimberly Birrell
[290] Abbie Myers
[313] Naiktha Bains
[318] Isabelle Wallace
[359] Kaylah McPhee
[383] Alexandra Bozovic
[385] Maddison Inglis
[WC] campionessa australiana U18
[WC] discrezionale

Australian Open 2019: l’entry list maschile
Australian Open 2019: l’entry list femminile 

Continua a leggere
Commenti

Flash

La giornata WTA: prima vittoria nel tour maggiore per Martina Di Giuseppe

La ventottenne romana batte al tie break del terzo Varvara Lepchenko e approda agli ottavi di Bucarest. Caroline Garcia perde male a Losanna

Pubblicato

il

Il 17 luglio rimarrà una data da ricordare per Martina Di Giuseppe: la tennista romana, attualmente collocata alla posizione duecentoundici della classifica mondiale, ha colto a Bucarest la prima vittoria in carriera nel tabellone principale di un evento maggiore. Una vittoria memorabile di per sé, certo, ma anche per le modalità con cui è arrivata, dopo due giorni in trincea e un tesissimo epilogo al tie break del terzo set al cospetto dell’ex top 20 Varvara Lepchenko.

Il match, l’ultimo di primo turno ancora incompleto, era stato interrotto nella serata di ieri per oscurità, non essendo il campo quattro provvisto di opportuno impianto d’illuminazione: Martina era andata a nanna sul punteggio di parità avendo vinto (molto bene) la seconda frazione dopo una prima giocata con percepibile tensione. Riprese le ostilità, stavolta sul teatro del Centrale, Di Giuseppe ha subito scippato il servizio all’avversaria, per la verità approfittando dei marchiani errori commessi in serie da una giocatrice in profondissima crisi di risultati (appena due vittorie nei main draw WTA in tutta la stagione). Vittima di qualche vistoso azzardo tattico di troppo, in particolare di una tendenza anche un po’ autolesionistica alla palla corta improvvida, Martina si è fatta riacciuffare sul quattro pari per poi trascinare la nativa di Baku al tie break, chiuso positivamente con due grandiosi dritti lungo la linea.

Alla tennista azzurra, che grazie a questo risultato tornerà tra le prime duecento del ranking, toccherà agli ottavi una sfida molto difficile a Veronika Kudermetova, terza favorita in gara.

 

Spariscono i colori azzurri dal Canton Vaud, invece. Jasmine Paolini, unica nostra rappresentante ancora in lizza, ha raccolto appena due game contro Alizé Cornet, realizzando venticinque punti in meno della pur quotata rivale. La sfida era ostica e non sembra giusto gettare la croce addosso a Jasmine, mentre qualcosa in più, al solito, ci si attendeva da Caroline Garcia, seconda testa di serie in discreta crisi brutalmente cacciata dalla bombardiera USA Bernarda Pera, la quale non le ha concesso più di sei game. In assenza delle prime due vedette in cartellone (Goerges si è ritirata ieri durante il match contro la wild card locale Simona Waltert), qualsiasi pronostico abbia a che vedere con il torneo di Losanna risulta essere estremamente aperto.

Risultati:

Bucarest, primo turno
[Q] M. Di Giuseppe b. V. Lepchenko 3-6 6-1 7-6(3)
Secondo turno
I. Begu b. K. Juvan 6-4 6-3
[6] L. Siegemund b. L. Arruabarrena 7-5 6-3
[8] Kr. Pliskova b. Y. Bonaventure 6-0 6-2
[2] V. Kuzmova vs [Q] J. Fourlis

Losanna
[LL] X.Y. Han b. L. Samsonova 7-5 6-4
N. Vikhlyantseva b. [7] D. Gavrilova 6-3 6-2
B. Pera b. [2] C. Garcia 6-2 6-4
[3] A. Cornet b. [Q] J. Paolini 6-1 6-1



Continua a leggere

Flash

Lo strano caso di Jared Hiltzik: l’ATP lo accusa di “doppio torneo”, ma lui nega

Secondo l’ATP il tennista statunitense sarebbe ‘saltato’ dal challenger di Winnetka a un evento non ufficiale, dove avrebbe provato a vincere 50000 dollari. Ma lui nega tutto

Pubblicato

il

Il numero 379 del ranking ATP Jared Hiltzik è stato ammonito dall’ATP per aver disputato due tornei nella stessa settimana, precisamente la scorsa, tra l’8 e il 14 luglio 2019. Il ragazzo statunitense ha pubblicato su Twitter uno screenshot dell’e-mail ricevuta e del comunicato in allegato. Secondo l’ATP, Hiltzik sarebbe reo di essere sceso in campo per il “Centrecourt Shootout” di Chatham in New Jersey, organizzato nel weekend – dal venerdì 12 luglio alla domenica – mentre era iscritto anche a un torneo Challenger. La competizione “Shootout” non rientra nel calendario ATP e prevede un tabellone “corto” di otto partecipanti (quest’anno c’era anche Querrey), che si sfidano in quarti, semifinale (al meglio dei tre set) e finale (al meglio dei cinque). Il montepremi messo in palio è di 50.000 dollari, destinato interamente al vincitore del torneo. “The winner takes it all” come dicono da quelle parti.

Hiltzik era iscritto al Challenger categoria 80 di Winnetka in Illinois, dal montepremi (complessivo) di 54.160 dollari. Dopo aver vinto in tre set il derby statunitense con Smyczek al primo round, è stato eliminato in due set da Chris Eubanks. Martedì 9 luglio Hiltzik era dunque fuori dal torneo, sia in singolare che in doppio. Avrebbe avuto tre giorni di tempo per volare al torneo “shootout” e provare a vincere una somma vicina al montepremi totale del Challenger da cui era stato appena eliminato. Della sua partecipazione, però, non esistono prove documentate.

 

Hiltzik ha smentito subito le accuse dell’ATP scrivendo su Twitter: “Divertente, dato che non ho nemmeno giocato quel torneo!”. Trattandosi di una competizione non ufficiale è difficile reperire informazioni incontrovertibili; se da un lato appare poco probabile che Hiltzik possa aver provato a nascondere in modo tanto spudorato la sua partecipazione al torneo, d’altro canto sarebbe grossa la ‘cantonata’ presa dall’ATP in riferimento a un evento cui hanno partecipato solo otto giocatori.

Per dovere di cronaca, le dirette andate in onda sul canale You Tube del “Centrecourt shootout” riguardano match di tutte e tre le giornate e in nessuna delle partite riprese c’è Jared Hiltzik.

Continua a leggere

Flash

La Romania onora Simona Halep: sarà portabandiera alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Entusiasmo alle stelle al ritorno in patria della campionessa di Wimbledon: a Simona verrà conferita il più alto riconoscimento dello Stato rumeno

Pubblicato

il

Simona Halep - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

Con enorme entusiasmo la Romania ha riabbracciato Simona Halep, di ritorno dalla cavalcata trionfale che l’ha portata a sollevare l’ambito Venus Rosewater Dish, il piatto consegnato alla vincitrice dei Championships. La campionessa di Costanza è stata accompagnata nel viaggio da Ion Tiriac e appena atterrata nel suo Paese natale è stata accerchiata da un gruppo di tifosi per foto e autografi presso l’aeroporto di Bucarest. La capitale rumena ospiterà oggi, 17 luglio, all’Arena Nazionale (stadio principale della città) una grande festa per Simona, come annunciato dal sindaco Gabriela Firea.

A scaldare ancora di più il cuore di Simona è stata la notizia ricevuta dal Comitato Olimpico Nazionale. L’ex numero uno WTA aveva chiesto al presidente del CNO rumeno Mihai Covaliu se potesse fare da portabandiera nella cerimonia d’apertura delle prossime Olimpiadi, che si terranno a Tokyo tra poco più di un anno. Dopo il titolo conquistato a Wimbledon non ha potuto respingere la gentile richiesta di Halep, che guiderà la compagine rumena presente ai Giochi nel 2020. Ora, con due Slam in bacheca, l’obiettivo dichiarato della tennista di Costanza è portare una medaglia olimpica al suo paese: sarebbe la prima nel tennis.

 

Inoltre l’amministrazione presidenziale ha annunciato lunedì 15 luglio l’assegnazione di un alto riconoscimento per la campionessa di Wimbledon. Il presidente Klaus Iohannis riceverà Halep per premiarla con il massimo riconoscimento dello stato, ordinandola Steaua României al rango di cavaliere in riconoscenza e stima per tutti i suoi risultati.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement