Nei dintorni di Djokovic: il nuovo Nole, qui e ora. “Ho più fiducia in me stesso”

Interviste

Nei dintorni di Djokovic: il nuovo Nole, qui e ora. “Ho più fiducia in me stesso”

Il serbo racconta come l’infortunio lo abbia cambiato (“Mi ha obbligato a guardarmi dentro”), tra riflessioni serie e aneddoti divertenti. Come quello che ha per protagonista (mancato) Michael Jordan…

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Australian Open 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Le recenti sconfitte di Novak Djokovic, rispettivamente a Indian Wells contro Kohlschreiber e a Miami contro Bautista Agut, hanno fatto suonare più di un campanello d’allarme tra i sostenitori del fuoriclasse serbo. Ad alimentare le loro preoccupazioni anche alcune dichiarazioni del loro beniamino (“Può essere che troppe cose fuori dal campo mi abbiano influenzato negativamente”), che hanno fatto percepire un disagio extra-tennistico del tennista belgradese. E di conseguenza l’associazione con il ricordo ancora fresco del biennius horribilis di Nole (luglio 2016- giugno 2018), dove oltre all’infortunio al gomito destro ci furono anche alcuni problemi personali che contribuirono a farlo scivolare in quella prolungata spirale negativa.

Sia chiaro, può semplicemente trattarsi di un incidente di percorso, forse causato dalla cinque settimane di assenza dal circuito dopo la trionfale cavalcata all’Australian Open. Come peraltro ipotizzato da Nole stesso, che infatti subito dopo essere stato eliminato a Miami ha inserito nella sua programmazione il torneo di Montecarlo. Evidente l’intenzione di non ripetere l’errore e di arrivare con un rodaggio adeguato al suo prossimo grande obiettivo: il bis al Roland Garros e di conseguenza il secondo “Nole Slam” della carriera. Per cercare allora di capire se non è niente di serio ed i suoi sostenitori possono dormire sonni tranquilli, può essere utile andare a leggere l’ampia sintesi della video-intervista che proprio prima della trasferta americana il n.1 del mondo ha rilasciato alla pagina serba del portale “Vice” che vi proponiamo nel seguito dell’articolo.

Tra i tanti argomenti toccati nell’intervista, molto spazio è stato dato ovviamente all’infortunio e al clamoroso comeback. Che ad un certo punto sembrava impossibile, leggasi dopo la sconfitta con Cecchinato a Parigi, come ammesso in più occasioni dallo stesso Nole. E pensare che accadeva solo dieci mesi fa. “L’infortunio ha sicuramente rappresentato una grande punto di svolta della mia vita. Non solo dal punto di vista tennistico, ma anche da quello personale e caratteriale. In qualche modo sono stato obbligato a guardarmi profondamente dentro e probabilmente a scoprire parti di me che avevo nascosto per anni, che sono venute a galla quando le cose non giravano più nel verso giusto”.

Un punto di svolta che Djokovic ha deciso di affrontare con i suoi tempi dopo aver trascinato il problema al gomito troppo a lungo (“In realtà era iniziato più di due anni e mezzo prima, ma sono andato avanti – sbagliando – ad antinfiammatori, fino a quando non sono più riuscito ad impugnare la racchetta, nei quarti di finale di Wimbledon, e mi sono dovuto ritirare”). E che a posteriori ritiene fosse necessario per lui. “Credo fermamente sia stato questo potere più alto, semplicemente, a volermi dire in questo modo che – ok, ora devi fermarti e devi prenderti una pausa. Ho preso una pausa più lunga rispetto a quanto alcuni medici mi avevano, diciamo così, prescritto. Dicevano che dopo 3-4 mesi sarei stato a posto. Io ho detto no, ho bisogno di sei mesi, perché ho bisogno di una pausa mentale, per – come dire – ricaricare completamente le batterie dal punto di vista emotivo… Ero talmente saturo…”.

 
il ritiro contro Tomas Berdych

Proprio con riferimento a questo aspetto, il fuoriclasse serbo ha ammesso che dopo aver finalmente vinto il Roland Garros ha provato sì tanta soddisfazione ed orgoglio per aver raggiunto un traguardo inseguito così a lungo (la sua prima partecipazione risaliva al 2005, la prima delle sue otto semifinali – compresa quella del trionfo 2016 – al 2007), ma allo stesso tempo anche un senso di vuoto che non aveva mai provato sino ad allora (Mi chiedevo: “Qual è il passo successivo?”. “E adesso?”). Le riflessioni che ne sono derivate erano anche collegate alla cosa più bella che fosse accaduta nella vita di Novak, la paternità (al tempo di Stefan, poi è arrivata anche Tara). “Quando sono diventato padre, questo mi ha dato una spinta ed un entusiasmo incredibili, ho avuto i 15 mesi migliori mesi della mia carriera… Ma dopo quel Roland Garros, dopo quella sensazione, il fatto di essere un genitore mi ha fatto rendere conto del fatto che c’è molto di più nella vita. E che non avevo, come posso dire, dedicato sufficiente attenzione ad alcune parti di me, che forse erano rimaste in una sorta di zona d’ombra”.

Ed è qui il passaggio che può rassicurare i suoi tifosi relativamente all’accidentalità delle sconfitte subite nel Sunshine Double, rispetto a quanto accaduto ormai quasi tre anni fa. “Ora ho molta più fiducia e stabilità emotiva. Fiducia in me stesso, nelle mie possibilità e nelle mie qualità. So chi sono, cosa sono e cosa posso fare. E se alla fine non riesco in quello che mi ero prefissato, accetto la cosa molto meglio”.

Si entra così in quell’insieme di argomenti – la crescita personale e la ricerca interiore, le terapie alternative e l’alimentazione – in cui l’approccio non tradizionale di Djokovic agli stessi nel periodo dell’infortunio è stato spesso additato come la vera causa del suo calo. Basta ricordare le polemiche sulla sua frequentazione del “guru” Pepe Imaz. Il tutto forse causato dal fatto che l’approccio e le scelte di Djokovic non erano state spiegate nei dettagli. E magari anche dal fatto che non era stato sottolineato come certe pratiche erano per lui usuali anche quando vinceva tutto quello che c’era da vincere. A partire dalla meditazione.

Sì, pratico la meditazione già da quasi dieci anni. La meditazione è anche lavare i piatti, è osservare le stelle. La meditazione è tutto ciò che porta un uomo ad essere totalmente presente. Beh, noi siamo un po’, come posso dire, tradizionalisti, conservatori da questo punto di vista, e tutto ciò che è, per così dire, al di fuori di quello che conosciamo viene accettato con qualche riserva. E c’è stata quindi qualche incomprensione. Io pratico quella meditazione che conoscono tutti, quella del mainstream: mi siedo, respiro, sono consapevole della mia respirazione, sono cosciente dei miei pensieri, ma li lascio passare senza soffermarmicisi e in questo modo cerco di calmarmi”.

L’osservazione che viene fatta spesso a Djokovic – soprattutto da coloro che non simpatizzano per il 31enne tennista belgradese – è quella che questo approccio “zen” alla vita che traspare dalle sue parole spesso non trova riscontro sul terreno di gioco, dove diverse volte alcune sue reazioni non lo fanno di certo associare all’immagine di un monaco buddista. Nole non si nasconde. “Siamo persone, sbagliamo e ci ritroviamo in situazioni in cui non riusciamo a controllare le emozioni, non riusciamo a controllare le reazioni. Ci arrabbiamo, imprechiamo, rompiamo qualcosa e cose del genere. A me succede sul campo da gioco. Io rompo le racchette. In quel momento non ne sono certamente orgoglioso, perché so che non mando un bel messaggio a tutti i giovani che mi seguono, perché come sportivi godiamo di un grande seguito e molti giovani nel mondo ci prendono ad esempio perché vogliono diventare dei grandi atleti di successo come noi.

Ne sono consapevole e cerco di agire di conseguenza. E cerco di fare in modo che le mie parole e ciò che faccio siano allineati in questo. Ma non è sempre così. E lo accetto, come un gradino di una mia crescita. Col passare del tempo mi sono reso conto che è impossibile essere sempre positivi. E in secondo luogo mi sono reso conto che questo mio lato negativo e queste emozioni che si manifestano, non sono qualcosa di ostile, qualcosa che è entrato dentro di me, ma fanno parte di me… Io adesso cerco molto di più di ‘fare amicizia’ con il mio ego e in questo modo di controllarlo, invece di entrarci in conflitto come se fosse il nemico, come se fosse qualcosa di estraneo e in questo modo uscire sconfitto.” Insomma, a sentire il campione di Belgrado da quel tunnel in cui si è infilato poco meno di tre anni è uscito un Novak diverso. Un Novak che ha “smesso di cercare, per essere”.

“Passo meno tempo nel futuro e di più nel presente. Perché quando dici che stai cercando qualcosa, che sia la fortuna, l’amore, l’appartenenza, qualsiasi cosa sia, significa che praticamente in qualche modo tieni te stesso bloccato in un futuro e nell’incertezza che quel qualcosa accadrà, su quello che devi fare per realizzarlo. Io invece credo, e la applico praticamente ogni giorno, nel potere della visualizzazione. Questa è una pratica conosciuta dagli sportivi, non è qualcosa di cui parlo io adesso, i più grandi sportivi l’hanno utilizzata e la utilizzano. Immagino me stesso, come immaginavo me stesso quando avevo sette anni vincere un giorno il torneo di Wimbledon e mi ero anche costruito il trofeo con quello che avevo trovato in casa. La visualizzazione è una strumento molto potente, ma deve essere equilibrata con la tua capacità di stare nel presente. E tutto questo io lo vedo come uno sviluppo personale, non come la ricerca di un qualcosa. Perché sento che non ho motivo di cercare, perché tutto quello che cerco è dentro di me”.

Novak Djokovic – Shanghai 2018 (foto via Twitter, @SH_RolexMasters)

Il richiamo al piccole Nole ci permette di riavvolgere il nastro dell’intervista, che era iniziata parlando di argomenti più “leggeri”. Come il primo ricordo legato al tennis e al suo idolo Pete Sampras. “Il mio primo contatto con il mondo del tennis è stata la sua finale a Wimbledon. Si trattava della sua prima vittoria a Wimbledon (era il 1993, Nole aveva appena compiuto sei anni: Pete sconfisse Courier in quattro set, ndr). La guardai e mi innamorai del tennis. Posso dire che anche il destino ci mise lo zampino, dato che proprio in quel periodo, nello stesso anno in cui guardai quella finale, furono costruiti i tre campi da tennis di fronte al ristorante gestito dai miei genitori sul Kopaonik, dove io sono cresciuto”.

Non poteva mancare l’osservazione sul fatto che Pete Sampras è stato il suo idolo, però a fargli da coach per un periodo è stato il più grande rivale del fuoriclasse di Potomac, Andre Agassi. “Lui è un amico, una persona su cui uno posso sempre contare. E ha messo in chiaro che posso sempre contare su di lui come mentore. Diciamo che con lui ho un rapporto più stretto che, ad esempio, con Sampras”.

Sempre rimanendo in tema, Djokovic ha rivelato che come molti di noi aveva sempre avuto il desiderio di conoscere quelli che erano i suoi idoli sportivi da bambino. Data la sua posizione un tantino privilegiata, è riuscito ad incontrarne due: Sampras (“L’ho conosciuto ad Indian Wells nel 2010. Ero lì che pensavo: gli chiedo o no di giocare? Ovviamente gliel’ho chiesto ed abbiamo scambiato qualche colpo, è stato bellissimo”) e Alberto Tomba. Ma gliene manca ancora uno: Michael Jordan. E Nole confessa di aver avuto l’occasione e di non averla saputa cogliere.

“Jordan si trovava a Montecarlo, dove io vivo da dieci anni. Mi ricordo che stavo facendo una pausa tra due allenamenti. Mia moglie era andata a fare un giro in città con sua sorella. Mi suona il cellulare ed io lo metto in modalità silenziosa in modo da poter riposare – questo accadeva prima che diventassimo genitori e quindi avevamo ancora un po’ di tempo per riposare – ma ad un certo punto vedo che continua ad illuminarsi e a vibrare. Ho pensato: cosa c’è? chi mi cerca? Controllo e trovo cinque chiamate perse di mia moglie. Rispondo e – mi ricordo quel momento come se fosse ieri – lei mi dice: ‘Jordan è cinque metri davanti a me’. Io: ‘Scusa?’ Lei: ‘Michael Jordan, il tuo idolo che vuoi così tanto conoscere è davanti a me. Vieni subito qua!’. Io non so cosa mi è preso e le ho risposto: ‘Non posso perché ho l’allenamento questo pomeriggio e devo riposare…’. Giuro, l’ho detto. Ho messo giù il telefono, ci ho pensato e naturalmente dopo dieci minuti ho preso e sono andato da lei. Ma Jordan se ne era già andato. Pazienza, avremo modo di conoscerci da qualche parte. Mi hanno detto che è un grande golfista”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Cosa c’è nella vittoria di Danielle Collins a Palermo

PALERMO – “Non so se avrei potuto continuare a giocare senza l’operazione”. Danielle Collins ha rischiato di perdere il tennis a causa dell’endometriosi. Ora l’ha ritrovato, anche grazie alla Sicilia

Pubblicato

il

Danielle Collins con il trofeo - WTA Palermo 2021 (foto Pasquale Ponente)

Non serviva la vittoria del Ladies Open di Palermo, la prima nel circuito maggiore, per scoprire quanta personalità abbia Danielle Collins. È però servita per indagarla da una prospettiva differente, certamente più intima ma non per questo meno debordante.

La sua cifra sportiva e caratteriale è affrontare avversarie e giornalisti con fare aspro, quell’asprezza concepita in una notte d’amore da mamma esuberanza e papà spirito agonistico. La sua personalità un po’ ‘bitchy’, come l’avevamo definita un annetto fa in occasione del raggiungimento dei quarti al Roland Garros autunnale quando aveva sforacchiato l’avventatezza di un giornalista troppo interessato alle bolle e poco al suo tennis, è stata ammorbidita dall’influsso materno della Sicilia. E dai mesi difficili attraverso cui è dovuta transitare: l’operazione di marzo per risolvere l’endometriosi, lei che già deve convivere con l’artrite reumatoide, la solitudine tipica del tennista (in questo caso anche senza coach), il timore di non poter più tornare a certi livelli.

Quello che ho passato negli ultimi due anni è qualcosa che nessuno vorrebbe affrontareci ha detto Danielle.Ma credo che queste sfide mi abbiano motivato ancora di più, perché molte persone mi hanno detto che non sarebbe stato possibile tornare al massimo, specialmente per via dell’operazione; soffrivo di mal di schiena continui, tutti i giorni, ormai mi ero abituata e l’operazione mi ha dato grande sollievo”. 

 

L’endometriosi non è un disturbo banale; cellule appartenenti alla cavità interna dell’utero, quelle che si sfaldano provocando il sanguinamento tipico del ciclo mestruale, finiscono in zone diverse del corpo e possono provocare molti disturbi, tra cui il dolore cronico con cui la tennista statunitense è stata costretta a convivere per molti anni. Nel corso dell’intervista che abbiamo svolto su Zoom poco dopo la cerimonia di premiazione del torneo, Danielle ha scherzato sull’operazione, dimostrando quella brillantezza di pensiero che già le riconoscevamo – lei che per diletto scrive sceneggiature teatrali, giusto per mettere le cose in prospettiva.

I chirurghi hanno fatto una serie di ‘cose’ (le hanno anche rimosso una cisti ovarica grande come una palla da tennis, ndr) degli aggiustamenti nell’area della vescica, dell’intestino, e hanno riportato l’utero… nel posto in cui doveva stare! (qui si è fermata per sorridere, ndr). Mi ha fatto sentire molto meglio e mi ha consentito di giocare match più lunghi, di allenarmi tutti i giorni senza provare quella sensazione di agonia fisica di inizio anno e un po’ di tutta la vita. Non so se avrei potuto continuare a giocare senza l’operazione”.

Danielle Collins – WTA Palermo 2021 (foto Pasquale Ponente)

Il successo di Palermo, netto al punto che Collins ha vinto tutti e dieci i set disputati, è figlio anche della volontà di disputare un torneo un po’ penalizzato dalla sovrapposizione con il torneo olimpico. “La Sicilia era nella mia ‘bucket list’ da due anni, assieme a Budapest; volevo andarci a fine 2020 ma non ci sono riuscita. Quando ho visto i due tornei in calendario non ci ho pensato un attimo e ho deciso di andarci; sono state due settimane molto divertenti per me”. E infatti sono arrivati una semifinale e un titolo. 

Daniele però invita anche chi non ha bisogno del potere taumaturgico della Sicilia per vincere un torneo di tennis a visitarla: “Sono posti in cui un americano non viaggia spesso, perché sono molto lontani. L’hotel, la vista del mare, le barche, i ristoranti, il cibo italiano: tutte queste cose mi hanno colpito appena sono arrivata. Una delle cose che ammiro di più dell’Italia è come riesca a preservare la storia senza sforzi. Vedere tutti questi edifici antichi è affascinante; dove vivo io non c’è niente di simile e alla costruzione di un palazzo ne segue semplicemente un’altra. Amo la storia e ogni cosa qui; i colori, l’architettura. Spero di poter andare anche in Sardegna il prossimo anno”. 

Al termine dell’intervista, l’addetto stampa del torneo Antonio Cefalù – che ringraziamo assieme a tutta l’organizzazione del torneo per l’ospitalità – ci svelerà anche l’ultima richiesta di Danielle prima di lasciare l’isola: uno shooting fotografico a Mondello, che ospita la spiaggia più famosa di Palermo a poco meno di un paio di chilometri dal Country Club, per farsi immortalare con il nuovo abito Gucci e il nuovissimo trofeo. “Però prima trovatemi un parrucchiere”, avrebbe aggiunto. A rispondere alle nostre domande si era presentata con i capelli ancora umidicci, gli occhi stanchi e felici della vittoria, esondante in risposta a ogni domanda. Non sorprende: chi è felice vuol parlarne, mica tenersela per sé.

Danielle Collins a Mondello (dal suo profilo Instagram)

Soprattutto se non ha neanche un allenatore con cui condividere viaggi e allenamenti, successi e insuccessi. “Vincere questo torneo in questo modo, da sola, è ancora più speciale. Da un paio di anni era un mio obiettivo” racconta Danielle. Che poi approfondisce il suo rapporto conflittuale con gli allenatori, figure raramente stabili nel suo box. Nel 2019 ad Acapulco aveva conosciuto Thomas Couch, giocatore di football australiano e fitness trainer (ha lavorato anche con de Minaur), iniziando poi in ottobre a lavorare con lui per la parte atletica, trasformandolo in una sorta di coach-accompagnatore e poi iniziando anche a frequentarlo fuori dal campo. In una delle partite più importanti della sua carriera, i quarti del Roland Garros 2020 contro Sofia Kenin, con lei c’erano Nicolas Almagro (!) all’esordio di una collaborazione che poi non è germogliata e lo stesso Tom Couch, addirittura invitato da Danielle ad abbandonare il box durante la partita perché, a sua dire, la stava distraendo.

Si è spesso parlato di Zverev e Kyrgios, definiti rispettivamente difficile e impossibile da allenare, ma anche Danielle non scherza da questo punto di vista. Per me è sempre stato difficile trovare un coach fisso, sin da quando sono diventata professionista. Al college (dove ha vinto due titoli NCAA, nel 2014 e nel 2016, ndr) avevo due coach full time con cui ho lavorato per tre anni e conosco i progressi che si possono fare lavorando per così tanto tempo con una persona. Poi, però, spesso iniziavo con un coach e dopo qualche settimana dovevo già cambiare, saltellavo qui e là. Questo non mi dava la serenità necessaria a guidare il mio gioco nella direzione migliore. Quindi finché non trovo la situazione giusta, devo fare delle cose da sola”.

E così, da sola, Danielle si è presa la rivincita su Elena Gabriela Ruse che l’aveva sconfitta ad Amburgo sulla strada che avrebbe condotta la rumena verso il suo primo trofeo. Nonostante l’esito opposto, i due match hanno avuto un tratto comune: il medical time out chiesto da Ruse. In Germania ha ‘aiutato’ Ruse a vincere la partita, a Palermo Collins non si è lasciata distrarre quando la sua avversaria, nel quinto game del secondo set, si è accasciata per terra palesando un generico malessere. Che la reputasse una sceneggiata è parso evidente sin da subito, poiché è rimasta nella sua metà di campo e poi ha addirittura chiesto di parlare con il supervisor per lamentarsene.

Danielle Collins ed Elena Gabriela Ruse – WTA Palermo 2021 (foto Pasquale Ponente)

Ad Amburgo ero avanti nel punteggio nel terzo set dopo aver vinto il secondo, ero al servizio, e lei ha chiamato MTO. Poi è tornata e il trucco… ha funzionato, ha giocato un gran tennis e ha vinto la partita. A Palermo è successa la stessa cosa: chiaro, è permesso dalle regole, ma come ho detto al supervisor è qualcosa a cui il tour dovrebbe prestare attenzione. In ogni caso, mi auguro che per lei sia tutto ok”.

Via il sassolino dalla scarpa. Poi qualche pensiero sull’urlo acutissimo che ha accompagnato il match point palermitano; cosa conteneva, oltre alla gioia spicciola di vincere un torneo?Avessi vinto o perso la finale, ce l’avrei fatta comunque. Sono tornata dov’ero prima dell’operazione di quattro mesi fa. Il terzo turno a Parigi e il secondo a Wimbledon mi hanno incoraggiato, mi sono resa conto che la mia resistenza stava aumentando. Ho amato ogni minuto trascorso sul campo a Palermo perché non abbiamo avuto i tifosi per molto tempo e qui invece c’erano; portano sempre una grande energia. Anche se a volte tifano per te a volte no“. Qui sorride. Il riferimento è alla claque reclutata da Ruse per le strade del centro di Palermo, dove la tennista rumena ha conosciuto dei ragazzi italiani e ha deciso di offrire loro un posto in tribuna per tutta la settimana, ricevendone in cambio incitamenti costanti. Una claque in piena regola, come dicevamo.

A Danielle, in finale, ha fatto gioco pure questo. “Il sostegno del pubblico è una cosa che tutti gli atleti vogliono avere quando competono. Probabilmente è stato il mio miglior match dalla pandemia“. Da Palermo, Danielle Collins porta a casa una consapevolezza preziosa come gli intarsi della Cappella Palatina del Palazzo dei Normanni. Una consapevolezza che ha tanti sapori, tante influenze. Proprio come la città in cui è germogliata.

Continua a leggere

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020, Djokovic sul caldo: “Ci siamo lamentati. Sono contento che ci abbiano ascoltato”

Rispondendo a Ubaldo, Nole racconta di essere andato a protestare contro le durissime condizioni di gioco insieme a Zverev e Medvedev

Pubblicato

il

Purtroppo più che per il tennis giocato, il torneo olimpico ha fatto parlare di sé per le difficilissime condizioni di gioco legate al caldo e all’elevato tasso di umidità. In campo femminile sono stati ben quattro i ritiri, l’ultimo dei quali particolarmente impressionante: nel corso del proprio quarto di finale contro Marketa Vondrousova, la spagnola Paula Badosa è stata addirittura accompagnata fuori dal campo in sedia a rotelle, dopo essersi accasciata a terra alla fine del primo set. Per fortuna l’eco di questi spiacevoli episodi sembra finalmente essere giunta alle orecchie degli organizzatori e dell’ITF che hanno deciso di posticipare l’inizio dei match alle 15 a partire da domani.

Parte del merito di questo (tardivo) attacco di buon senso sembra da imputare alle ripetute e numerose proteste di giocatori e giocatrici, come confermato anche dal numero uno al mondo Novak Djokovic in risposta a una domanda del Direttore Ubaldo Scanagatta.

Sono contento che abbiano deciso che abbiano deciso di riprogrammare i primi incontri alle 15 a partire da domani. Noi siamo andati a parlare con il supervisor oggi e quando dico ‘noi’ intendo Zverev, Medvedev e io, insieme ai capitani. Ho parlato anche con Khachanov e Carreno-Busta, quindi la maggior parte dei ragazzi impegnati nei quarti era d’accordo. Certo, idealmente mi sarebbe piaciuto che la decisione fosse stata applicata qualche giorno prima, ma comunque è una buona cosa perché nessuno vuole vedere incidenti come quello capitato a Badosa.

 

Le condizioni sono davvero brutali. Probabilmente la gente pensa che ci stiamo solo lamentando, ma tutti gli sport di resistenza – e il tennis deve essere considerato come uno sport di resistenza – si svolgono più tardi perché la combinazione tra alte temperature e alta umidità è terribile. Ormai sono vent’anni che gioco a tennis da professionista e non ho mai sperimentato condizioni del genere in tutta la mia carriera, per così tanti giorni consecutivi. Può essere capitato di dover fronteggiare un caldo simile a Miami o a New York o da qualche altra parte, ma per una giornata sola, qui è così tutti i giorni. Credo che sia meglio anche per gli spettatori poter assistere al miglior tennis possibile, perché le condizioni sono davvero drenanti per le energie dei giocatori.”

Continua a leggere

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020, Djokovic: “Mai giocato con un caldo così, la ITF cambi gli orari”

Il numero uno del mondo dopo il successo su Dellien al primo turno: “Vivere le Olimpiadi è fantastico, l’esperienza non può essere rovinata da orari impossibili”. Intanto arriva la notizia della sua rinuncia al Masters 1000 di Toronto

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @DjokerNole)

L’esordio di Novak Djokovic alle Olimpiadi è stato facile come previsto sul piano tennistico, visto il 6-2 6-2 rifilato a Hugo Dellien, ma non lo è stato altrettanto dal punto di vista… climatico. Anzi, il numero uno del mondo – parlando con i media nel post partita – è stato perentorio: Sono le condizioni più dure in cui abbia mai giocato”.

Il riferimento è al gran caldo di Tokyo: si è giocato oggi con una temperatura di 33° gradi circa, e l’umidità si avvicinava al 90%. “Credo proprio che a nessuno piaccia giocare con un caldo e un umidità del genere, è dura per tutti – ha detto Djokovic -. Mi aspettavo che le condizioni fossero complicate, ma quando vieni qui e le provi sulla tua pelle capisci che non sei mai preparato abbastanza. Sembrava che l’aria da respirare fosse assorbita dal campo. È stata dura, anche perché giocando a quest’ora, per come è fatto lo stadio, hai metà del campo in luce e metà del campo in ombra, e quindi non è facile vedere la palla nel migliore dei modi”.

Djokovic, dunque, lancia un messaggio chiaro:Non capisco perché la ITF non sposti i match un po’ più tardi. Il mio è stato l’ultimo match sul campo centrale ed è finito alle cinque o giù di lì, quindi ci sono ancora due ore di luce del giorno e sul campo ci sono anche i riflettori, si può giocare fino a mezzanotte. Capisco che ci sia il coprifuoco, ma spero che la ITF capisca che così non va bene, oggi ci sono anche stati dei ritiri. Le Olimpiadi sono un’esperienza fantastica e non è giusto che finisca così. Quindi l’unica cosa da fare è collocare i match nel tardo pomeriggio o durante la sera. Noi giocatori non possiamo fare altro che prendere atto delle decisioni che vengono prese da altri, ma così non è facile giocare”.

Djokovic rincara la dose: “Nel nostro sport ti capita spesso di giocare col caldo, succede magari in Australia o a Miami, ma parlando anche con qualche collega nello spogliatoio ho avuto la conferma che in molti la pensano come me, probabilmente non ho mai giocato in condizioni così toste”.

Nole ha poi parlato dei giorni che sta vivendo a Tokyo, descrivendo il clima “olimpico” che si respira fuori dal campo. “Si tratta di una fantastica esperienza, siamo qui per rappresentare il nostro paese ma anche il nostro sport. È un’esperienza unica girare per il villaggio olimpico e conoscere atleti di altri sport, come lavorano, come si allenano in palestra, come recuperano, cosa pensano della loro vita da sportivi. Sul circuito passi la maggior parte del tempo da solo col tuo staff, non c’è questo sentimento del fare squadra. Mi sto davvero godendo ogni momento“.

 

Djokovic, infine, risponde a una domanda del direttore Ubaldo Scanagatta, che gli chiede quanto significato abbiano per lui le Olimpiadi, ricordando anche il suo pianto a dirotto quando nel 2016 perse al primo turno contro Juan Martin Del Potro. “Sì, è vero, in quell’occasione piansi eccome – ha detto Nole -. Rappresentare il tuo paese alle Olimpiadi crea molta pressione e molte aspettative, più di ogni altro torneo, perché arriva una volta ogni quattro anni. Nel nostro sport gli Slam arrivano ogni anno, e siamo fortunati ad avere tante possibilità di vincerli, ma non è così per questo torneo. Se perdi, sembra che il mondo ti crolli addosso. Poi il giorno dopo ti tiri su perché la vita va avanti, ma sai che questa è un’opportunità preziosa. Spero che comunque in questa settimana io possa sorridere fino alla fine!”.

Intanto, Djokovic ha comunicato il suo forfait dal Masters 1000 di Toronto, in programma dal 9 al 21 agosto. Il numero uno del mondo ha deciso di preservarsi per quel periodo di agosto, prima di giocare Cincinnati (torneo al quale ad oggi è ancora iscritto) e lo US Open, torneo nel quale andrà a caccia della missione Grande Slam. Oltre a Djokovic, si sono cancellati dal torneo di Toronto anche Dominic Thiem (numero 6 ATP), David Goffin (20) e Stanislas Wawrinka (29). Thiem e Wawrinka si sono cancellati anche da Cincinnati.

Il tabellone maschile delle Olimpiadi con i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement