Challenger, le pagelle degli italiani: 2019 da sogno per Sinner e Mager

Challenger

Challenger, le pagelle degli italiani: 2019 da sogno per Sinner e Mager

Tanti italiani hanno brillato quest’anno nel circuito cadetto. Dieci di loro hanno vinto almeno un titolo. Il pagellone di fine anno, dal 10 di Sinner al 4 Cecchinato

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Challenger Bergamo 2019 (foto Felice Calabrò)

L’Italia si conferma ancora una volta tra le nazioni più prolifiche a livello Challenger con un deciso cambio di marcia dall’estate in avanti: sono infatti ben 10 i titoli vinti da giugno in poi, per un totale di quindici in stagione. Andiamo ad analizzare nel dettaglio le prestazioni dei principali azzurri che si sono disimpegnati sul circuito Challenger in questo 2019.

Jannik Sinner: voto 10

Difficile dare un voto diverso alla stagione dell’altoatesino, che ha impressionato sin da subito per la rapidità con cui si è adattato al circuito challenger, vincendo il primo torneo a cui ha partecipato a Bergamo. Anche sulla terra rossa, dopo un inizio non molto convincente a Barletta e Alicante, ha ottenuto una finale preziosa ad Ostrava battendo anche ottimi giocatori come Vesely e Balasz. In estate Sinner è volato in Nord America dove ha conquistato un altro titolo, a Lexington, sconfiggendo Alex Bolt, che lo aveva battuto nelle qualificazioni di Wimbledon. Nel finale di stagione ha giocato due buoni tornei in Francia, raggiungendo il terzo turno ad Orleans (arrendendosi in lotta a Bedene) e venendo sconfitto con tantissimi rimpianti nella semifinale di Mouilleron Le Captif da Bourgue, e poi ha messo la ciliegina sulla torta nel torneo vicino casa, ad Ortisei, conquistando il trofeo senza perdere nemmeno un set. Nel 2020 sarà davvero raro vedere Jannik impegnato nel circuito minore, quindi con ogni probabilità il 2019 rimarrà il primo e ultimo anno a livello Challenger di Sinner, il cui obiettivo è sicuramente quello di stabilizzarsi nel circuito ATP.

Gianluca Mager: voto 8,5

Il tennista ligure per anni è sembrato pronto per fare il salto di qualità, ma mai come in questo 2019 è riuscito a dar continuità alle sue prestazioni, che fino a quest’anno erano spesso altalenanti anche all’interno della stessa settimana o di una stessa partita. Gianluca, che quest’anno ha compiuto 25 anni, ha disputato una stagione fantastica fino a settembre, conquistando i primi tre titoli della sua carriera nell’arco di nove mesi. L’annata è partita col botto con il trionfo sulla superficie rapidissima di Koblenz che ha dimostrato la duttilità del tennista ligure, che nel resto della stagione ha invece ottenuto i risultati migliori su terra battuta, conquistando i titoli di Barletta e Biella. Oltre a questi successi, tanti altri buoni piazzamenti come la semifinale a Vicenza e quattro quarti di finale, prima che la stanchezza accumulata dopo il titolo di Biella gli costasse qualche sconfitta inaspettata. Il 2020 sarà l’anno della conferma: Mager dovrà cercare l’assalto alla top 100 (attualmente lontana 19 posizioni), che permetterebbe a Gianluca di giocare regolarmente nel circuito ATP, dove con i miglioramenti tattici e mentali che ha compiuto negli ultimi mesi potrebbe iniziare a togliersi qualche soddisfazione.

 
Gianluca Mager – Firenze Tennis Cup 2018 (foto Francesco Peluso)

Salvatore Caruso: voto 8,5

In questa stagione Salvatore è approdato tra i primi 100 per la prima volta in carriera, non solo tramite i risultati ottenuti nel circuito Challenger ma anche grazie a prestazioni sorprendenti sul tour maggiore, come il terzo turno al Roland Garros e la semifinale di Umago. Il tennista nato ad Avola ha vissuto una stagione davvero di alto livello, confrontandosi con tanti giocatori di spessore e riuscendo a mostrare grandi miglioramenti atletici, tattici e tecnici. L’acuto a livello Challenger è arrivato a fine settembre col trionfo a Barcellona, ma anche in precedenza aveva ottenuto ottimi piazzamenti come le semifinali a Siviglia e Phoenix.

Stefano Travaglia: voto 8

Dopo tanti anni passati a combattere con i problemi fisici che ne hanno impedito l’ascesa, nell’ultimo anno e mezzo “Steto” ha finalmente espresso quel livello di tennis che aveva già da parecchi anni ma che non era riuscito mai a mostrare per via dei problemi ai legamenti della mano destra e alla schiena. A giugno, dopo la vittoria ottenuta a Francavilla a fine aprile, ha tagliato per la prima volta in carriera anche lui il traguardo della top 100 grazie anche alla semifinale di Heibronn e la finale di Shymkent. Il tennista azzurro ha raggiunto anche altri buoni risultati, tra i quali spicca la vittoria a Sopot di inizio agosto, seguita dalla semifinale a Como e da un paio di ulteriori buoni quarti di finale. Anche per lui nel 2020 l’obiettivo sarebbe quello di giocare meno challenger possibili e mantenere al tempo stesso il ranking attuale (numero 84), che permetterebbe al tennista marchigiano di accedere a tutti gli Slam, alle qualificazioni di gran parte dei Masters 1000 e ATP 500 e a quasi tutti i main draw dei 250.

Paolo Lorenzi: voto 7,5

Impossibile non ammirare ancora una volta le gesta di uno splendido professionista come Paolino che nel 2019 ha raggiunto altre tre finali challenger (Tallahassee, Manerbio e Biella), cedendo però sempre all’atto conclusivo. Grazie anche ad alcuni risultati nel circuito ATP Paolo chiude questa stagione alle soglie dei primi 100 (numero 116), ma ciò che stupisce sempre di più è la sua tenacia in campo. Le due battaglie vinte in rimonta nell’ultimo torneo della stagione, quello di Maia, al termine di un 2019 estremamente dispendioso, sono l’ennesima dimostrazione di un professionista infinito che nel 2020 ripartirà dalle qualificazioni dello Slam australiano senza l’intenzione di mollare.

Lorenzo Musetti e Giulio Zeppieri: voto 7,5

I due Next Gen più promettenti del panorama italiano dopo Sinner, si sono affacciati al circuito professionistico quest’anno per la prima volta e hanno ottenuto anche diversi risultati interessanti nei tornei challenger, centrando una semifinale a testa e dimostrando di avere già il livello per competere nel circuito. Il 2020 li vedrà sicuramente sempre più protagonisti e da entrambi ci si aspetta tanto, non tanto sotto il punto di vista del ranking quanto sotto quello della crescita, che a questa età potrebbe avvenire anche in modo sorprendente e immediato.

Musetti e Zeppieri in doppio all’Australian Open 2019

Federico Gaio: voto 7,5

La domanda guardando giocare Gaio è la stessa da diversi anni: è possibile che questo ragazzo non riesca ad entrare tra i primi 100? Sebbene nel 2019 il tennista faentino abbia disputato qualche buon torneo, specialmente a Manerbio dove ha centrato il titolo che gli ha permesso di entrare tra i primi 150 giocatori al mondo, da lui ci si aspetta ancora qualcosa di più. Il ritorno del coach Daniele Silvestre ha sicuramente dato continuità alle prestazione del tennista azzurro, che oltre al titolo di Manerbio ha ottenuto tanti buoni risultati in estate come la finale a Parma persa con tanti rimpianti contro Tommy Robredo e le semifinali di Lione e San Benedetto. L’obiettivo del 2020 deve essere anche per lui quello di sfondare il muro dei primi 100 in quanto le doti tecniche certamente non mancano. Per farlo servirà ancora più continuità nei risultati, specialmente sul duro dove ha le carte in regola per giocare bene ma specialmente in questa stagione non ha brillato.

Lorenzo Giustino: voto 7+

Tre lampi di luce in una stagione da ritenere comunque positiva per il tennista campano, che ha centrato la prima vittoria in carriera in un challenger al terzo tentativo stagionale, vincendo il titolo di Almaty dopo aver perso in finale a Launceston e Zhangjiagang. La seconda parte di stagione però, specialmente da agosto in poi, è stata davvero deludente a causa di problemi fisici sui quali ha continuato a “giocare sopra”, senza mai fermarsi, spinto dalla voglia di tentare l’assalto ai primi 100. Obiettivo anche per lui rimandato alla prossima stagione.

Riccardo Bonadio e Andrea Vavassori: voto 7

Pagella unica anche per i due tennisti italiani che sono stati in grado di approfittare al meglio della riforma delle classifiche, inserendosi a tutti gli effetti nel circuito Challenger dopo una carriera passata a giocar prevalentemente tornei ITF. Riccardo ha disputato oltre trenta tornei quest’anno, dimostrando di poter salire pian piano di livello e ottenendo diversi scalpi notevoli: tra tutti spiccano le vittorie su Kohlschreiber e Pedro Sousa e la sconfitta al tie-break del terzo set contro Albert Ramos-Vinolas.

Negli ultimi due anni, Vavassori ha deciso di dedicarsi principalmente al doppio, dove è attualmente 130 al mondo. In questo 2019 invece, ha dimostrato di aver compiuto grandissimi passi in avanti anche in singolare, sfondando il numero dei primi 400 a suon di serve&volley, che gli ha consentito di ottenere ottimi risultati come la semifinale di Poznan e i quarti di finale a Maia. La programmazione di questi due ragazzi e i miglioramenti sul piano del gioco hanno prodotto i risultati sperati, e nel 2020 potranno continuare a giocare prevalentemente sul circuito Challenger.

Roberto Marcora: voto 7

Nella stagione dei trent’anni entra finalmente tra i primi 200 Roberto Marcora, che raggiunge ben tre finali challenger, tutte su cemento, confermandosi uno specialista dei campi veloci grazie all’ottimo servizio e al bel rovescio ad una mano. Dopo tanti problemi fisici, i buoni risultati di questa stagione saranno il trampolino di lancio che gli permetterà di credere ancora nelle sue potenzialità. Visto che le doti tecniche non gli mancano, è lecito aspettarsi almeno un titolo nell’anno che verrà.

Roberto Marcora

Gian Marco Moroni: voto 6

Dopo l’esplosione avvenuta nel 2018 sotto la sapiente guida di Oscar Burrieza, che ha migliorato molto “Jimbo” dal punto di vista atletico rendendolo un giocatore davvero ostico da incontrare, il 2019 doveva essere l’anno della consacrazione, grazie ad una classifica che finalmente permetteva a Moroni di disputare anche le qualificazioni Slam, ma così non è stato. Dopo una discreta prima parte di stagione coronata dalla finale a Roma, c’è stato un deciso calo di rendimento nella seconda metà dell’anno con tante sconfitte inattese specialmente su terra battuta, la sua superficie preferita. Il suo gioco, molto dispendioso fisicamente, richiede sempre la massima integrità fisica, di cui speriamo che Moroni possa godere nel 2020, in modo da provare a fare il salto di qualità e diventare sempre più un “competitor” per i titoli a livello challenger.

Alessandro Giannessi: voto 6

Dopo un 2017 che lo aveva portato tra i primi 100, sia il 2018 che il 2019 del mancino di La Spezia sono stati probabilmente al di sotto delle aspettative, soprattutto per quanto riguarda la continuità e l’atteggiamento in campo. Alessandro, da sempre gran lottatore, in questa stagione è apparso più volte nervoso in campo; ha lasciato andare anche partite in modo abbastanza inspiegabile, alternando però anche ottimi tornei come quello disputato a Vicenza, vinto, e quello di San Benedetto, dove si è arreso solamente in finale in lotta a Renzo Olivo. Le sue doti atletiche su terra sono fuori dal comune e il suo gioco è sempre molto fastidioso per gli avversari, ma la sensazione è che avrebbe potuto fare meglio in questa stagione che lo vede comunque chiudere tra i primi 150 tennisti al mondo.

Stefano Napolitano, Filippo Baldi, Gianluigi Quinzi: voto 5

Tre delle principali promesse azzurre dell’annata 1995/96 si sono abbastanza perse in 2019. Per motivazioni diverse, hanno tutti perso diverse posizioni nel ranking, che li vedeva dentro i primi 150 fino alla scorsa stagione. L’annata peggiore dal punto di vista personale è stata sicuro quella di Filippo Baldi, che ha perso il padre a febbraio e non è riuscito successivamente a brillare come nella scorsa stagione, separandosi a fine anno dallo storico coach Aldi. Per quanto riguarda Gianluigi Quinzi il discorso è decisamente più ampio: sarà però fondamentale per lui, se vorrà continuare la rincorsa ai primi 100 giocatori al mondo, mettersi alle spalle i successi ottenuti da junior e ripartire da zero, puntando sul suo buon atletismo e sul rovescio, da sempre colpo più efficace del tennista marchigiano, che cambiando tantissime guide tecniche ha anche piano piano trovato maggior efficacia nel servizio.

Marco Cecchinato: voto 4

Dopo il 2018 stellare, la semifinale al Roland Garros e l’approdo tra i primi 20 giocatori al mondo, nel 2019 il tennista siciliano è sicuramente calato di rendimento e ha cercato di ritrovare fiducia nei challenger. Nei tre tornei disputati ha però ottenuto due eliminazioni immediate per mano di avversari non irresistibili come Coria e il Next Gen brasiliano Seyboth Wild, ottenendo solo una semifinale a Stettino dove è stato sconfitto da Kovalik in un match nel quale ha dimostrato ancora una volta tutte le lacune mentali che hanno contraddistinto l’annata del siciliano. Il tennis, soprattutto su terra battuta, è sempre di ottima fattura ma l’aspetto mentale è totalmente da ricostruire: Marco è un giocatore senza fiducia e la nuova guida tecnica dovrà riuscire a trasmettergli la tranquillità di cui ha bisogno. Nel 2020 sarà importante usare i Challenger come trampolino di lancio per mettere tanti match nelle gambe e tornare a giocarsela a livello ATP contro i migliori specialisti del rosso.

Marco Cecchinato – Madrid 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Cosa ci aspetterà nel 2020? Quali altri giovani italiani si affacceranno nel circuito? Chi riuscirà a fare il salto di qualità verso il tour principlae e chi invece deluderà le aspettative? Solo il tempo potrà fornirci le risposte necessarie.

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Nei Challenger gli italiani si prendono una settimana libera

Eliminati prematuramente Agamenone e Arnaboldi, gli unici due azzurri in tabellone a Quimper

Pubblicato

il

Franco Agamenone al Challenger di Forlì 3 (Foto Gentilmente Concessa dall'Ufficio Stampa del Torneo)

Al Challenger 80 di Quimper (Bretagna, cemento indoor) fanno poca strada Franco Agamenone e Andrea Arnaboldi, gli unici due italiani in tabellone. L’italo-argentino si ferma al primo turno contro il portoghese Joao Sousa (N.140 ATP e sesta testa di serie) con un punteggio (6-3 6-3) che descrive molto bene quanto successo. Troppa la superiorità di Sousa, che ha avuto migliori percentuali sia al servizio che in risposta e ha ottenuto quattro break contro uno solo.

Franco ha iniziato la stagione in maniera un po’ altalenante, quasi fosse sospeso tra due mondi: i Challenger e il circuito maggiore. Ma salire di categoria ogni sei mesi è piuttosto complicato e lui, da ragazzo intelligente, lo sa fin troppo bene. Lo aspettano probabilmente mesi difficili in cui la ricerca di un nuovo equilibrio sarà costellata di molti alti e bassi. Sempre senza dimenticare che pochi mesi fa giocava i Futures e non si era mai affacciato al piano di sopra. Intanto la sconfitta prematura in terra di Bretagna gli ha un po’ scombussolato la programmazione (che a questo punto prevede il 7 febbraio un altro Challenger a Cherbourg e l’ATP 250 a Marsiglia la settimana successiva), consigliandogli un pit stop a Lecce per raccogliere le idee.

Inizio di stagione un po’ deludente per Andrea Arnaboldi che ha raccolto una sola vittoria a fronte di quattro sconfitte. Qui a Quimper è stato fermato al secondo turno delle qualificazioni da Hiroki Moriya (i giapponesi devo avercela con lui visto che a Melbourne è stato Taro Daniel a imporgli lo stop). Poi la sorte gli ha offerto una seconda chance ripescandolo come lucky loser, ma purtroppo il tennista azzurro è stato costretto al ritiro quando era sotto 6-3 3-0 con Lestienne.

 

Il torneo nel frattempo si è allineato ai quarti di finale con poca fortuna per le prime teste di serie e per i vecchi leoni. Henri Laaksonen e Pierre-Hugues Herbert (i primi due giocatori del seeding) sono usciti subito per mano rispettivamente di Damir Dzumhur e Alexandre Muller. Nella categoria ‘vecchi leoni’ abbiamo assistito con un po’ di tristezza all’ennesima tappa del malinconico declino di Gilles Simon e Jo-Wilfred Tsonga che, complici anche diversi problemi fisici, dimostrano per l’ennesima volta di non essere più competitivi. Preferiamo ricordarli su altri palcoscenici.

Al Challenger 80 di Santa Cruz (Bolivia, terra battuta) abbiamo un seeding tutto sudamericano con Hugo Dellien (N.114 ATP) che presidia la parte alta del tabellone e Francisco Cerundolo (N.127 ATP) che cerca di sterzare dopo un inizio di 2022 non particolarmente brillante. C’è poi l’inossidabile Fernando Verdasco, che a 38 anni prova a giocarsi le ultime carte di una fantastica carriera.

Si gioca un Challenger 80 anche a Columbus (Ohio, cemento indoor), dove il grande e unico favorito è il padrone di casa Jenson Brooksby, che dopo le riuscitissime incursioni al piano di sopra (Newport, Washington, US Open e Anversa) e dopo aver saltato lo swing australiano causa COVID-19 torna ai suoi amati Challenger, forse per rifinire una classifica che già lo vede al N.58 ATP. Qualche chance se la giocano anche Jack Sock, da cui non sai mai cosa aspettarti, e lo specialista Bjorn Fratangelo.

Continua a leggere

Challenger

Il 23enne Pavel Kotov vince il Challenger di Forlì

Il giovane russo conferma di trovarsi a proprio agio in terra romagnola e bissa il successo di dicembre.

Pubblicato

il

Pavel Kotov - Forlì 2022 (foto Uff. Stampa Challenger Forlì)

Il russo Pavel Kotov (n.231 ATP), che qui aveva già vinto in dicembre, mette in bacheca il Challenger 80 di Forlì 3 (cemento indoor), battendo in finale il francese Quentin Halys (n.148 ATP) con il punteggio di 7-5 6-7(5) 6-3. Una partita aspra e combattuta, durata più di due ore e mezzo, che il 23enne russo ha tenuto a lungo in pugno, pur accusando alcuni passaggi a vuoto che hanno concesso qualche chance all’avversario. Il primo set segue la regola dei servizi fino al 5-5 quando il francese si fa brekkare a zero e si condanna ad una gara di rincorsa. Che sembra avere successo quando nel secondo parziale Kotov è prima costretto, già nel secondo game, ad annullare tre palle break e subito dopo a ricorrere ad un lungo medical timeout per un fastidioso problema ad un ginocchio. Questo non gli impedisce comunque di arrivare al tie-break che però lo vede soccombere, rimandando la decisione ad un terzo set in cui il russo prende quasi subito il comando con un break nel quarto game. È lo strappo decisivo perché Kotov, servendo sul 5-3, chiude al secondo match point, non prima in realtà di aver annullato una palla break che avrebbe potuto riaprire l’incontro. Per Kotov, che era arrivato alla finale senza perdere nemmeno un set, è la seconda vittoria Challenger in carriera che gli regala il nuovo best ranking al n.180, sesto miglior giocatore russo in graduatoria. Per Halys continua un’anonima navigazione a ridosso dei primi 100, senza che sia mai riuscito ad entrarci. E i 25 anni già compiuti gli mettono senz’altro un po’ di pressione.

Fuori ai quarti i due italiani superstiti Franco Agamenone e Jimbo Moroni. L’italo-argentino perde 7-5 7-5 contro l’esperto tedesco Cedrik-Marcel Stebe. In un primo set che segue a lungo la regola dei servizi, Franco si fa brekkare a zero nel dodicesimo gioco, mentre nel secondo parziale perde il servizio e va sotto 3-5. Qui reagisce, come nel suo carattere, annulla un match point e recupera il break, tornando in partita. Poi, sventato un secondo match point, riperde a zero il maledetto dodicesimo game ed è costretto a fare i bagagli, con destinazione Francia per una lunga trasferta che lo vedrà partecipare a due Challenger in Bretagna e Normandia (Quimper e Cherbourg) e alle qualificazioni dell’ATP 250 di Marsiglia.

Ancora più combattuta la partita di Jimbo Moroni che lotta strenuamente contro il francese Quentin Halys, ma alla fine è costretto a cedere 7-6(1) 7-6(2) dopo un’ora e quaranta di partita.

 

Si è giocato un Challenger 80 anche in Cile, a Concepcion (terra battuta) e ha vinto Daniel Elahi Galan che in finale ha avuto la meglio sull’argentino Santiago Rodriguez Taverna (n.264 ATP) con il punteggio di 6-1 3-6 6-3, conquistando così il suo terzo titolo Challenger (S.Benedetto del Tronto 2019 e Lima 2020 i precedenti). Il 25enne colombiano risale così alla posizione n.122 ATP, riprendendo la rincorsa a quella top 100 che già aveva sfiorato nello scorso mese di marzo.

Continua a leggere

Challenger

Bene gli azzurri Agamenone e Moroni al Challenger 80 di Forlì

Out al primo turno Jack Draper, il vincitore della scorsa settimana. Torna alla vittoria Stefano Napolitano, che sembra finalmente sulla via del recupero

Pubblicato

il

Franco Agamenone al Challenger di Forlì 3 (Foto Gentilmente Concessa dall'Ufficio Stampa del Torneo)

Franco Agamenone, reduce dalla spedizione australiana dove ha collezionato una semifinale al Challenger di Bendigo e un primo turno nelle qualificazioni dell’Australian Open, riprende esattamente da dove aveva lasciato. Riprende cioè a dominare nel circuito Challenger, che ormai per lui è come il giardino di casa. Mostra infatti una tale confidenza che non lascia trapelare il fatto che sono appena pochi mesi che si è guadagnato il diritto di giocare a questo livello. Qui a Forlì, su un tappeto piuttosto veloce che in teoria non dovrebbe favorirlo, ha prima faticato non poco per avere la meglio del rumeno Marius Copil (N.275 ATP, ma ex Top 100 dal rovescio monomane pesantissimo), poi si è riposato contro il giapponese Kaichi Uchida (N.263 ATP). Il figlio del Sol Levante infatti non ha praticamente visto palla e il 6-2 6-4 finale, maturato in poco più di un’ora, rende solo in parte l’idea di come la partita sia stata totalmente a senso unico. Quattro break contro uno solo, concesso dall’italo-argentino in un momento di distrazione quando era convinto di avere ormai portato a casa la partita. Ora lo attende una sfida probabilmente più complicata contro l’esperto tedesco Cedrik-Marcel Stebe (N.247 ATP) che ha eliminato il britannico Jay Clarke, finalista qui la settimana scorsa.

Comunque vada a finire, l’azzurro ha ulteriormente migliorato il suo best, come minimo alla posizione N.178. Ma questa non è una novità perché lo fa ogni settimana.

Un grande Jimbo Moroni approda anche lui ai quarti di finale superando nell’ordine il francese Antoine Hoang (N.200 ATP) e il cinese di Taipei Tung-Lin Wu (N.268 ATP). Con Hoang il tennista romano è stato costretto ad una gara di rincorsa, vinta 6-7(4) 6-0 6-2, mentre con Wu ha sempre avuto in mano il pallino del match anche se nel primo set ha dovuto sudare non poco, prevalendo in un drammatico tie-break alla terza occasione utile. Il punteggio di 7-6(8) 6-3 e la durata di quasi due ore chiariscono bene la durezza dell’incontro. Al prossimo turno affronterà il francese Quentin Halys che si è sbarazzato in rimonta del connazionale Manuel Guinard.  

 

In ogni caso ‘El bufalo’ si è già garantito il rientro in Top 200 (N.199 ATP), a sole quattro posizioni dal suo best.

Fuori invece Stefano Napolitano e Andrea Pellegrino che hanno vissuto entrambi di alti e bassi. Napolitano ha superato all’esordio l’insidioso croato Nino Serdarusic (N.245 ATP) col punteggio di 7-6(6) 2-6 7-6(2), annullando ben sei set point nel primo set. Un buon segnale perché il tennista piemontese, in questo suo complicato rientro alle competizioni dopo l’operazione al gomito, aveva sempre accusato dei passaggi a vuoto proprio nei momenti delicati dei match. Troppo solido nel turno successivo il canadese Vasek Pospisil (N.138 ATP e prima testa di serie) che ha prevalso 6-3 6-4, sfoggiando a tratti sprazzi di quel talento che nel 2014 lo avevano portato alla posizione N.25 in classifica.

Pellegrino, quasi irriconoscibile col capello corto e senza lo smanicato d’ordinanza, ha faticato non poco all’esordio contro lo slovacco Lukas Lacko (N.188 ATP), dando l’impressione di essere ancora alle prese con il fuso orario australiano. Poi si è assestato e ha recuperato la sua proverbiale energia che, dopo la vittoria su Lacko, l’ha portato a condurre anche contro il portoghese Frederico Ferreira Silva (N.239 ATP e vincitore al primo turno di Matteo Arnaldi). Vinto il primo set, il tennista pugliese è andato a servire sul 5-4 nel secondo parziale, ma qui purtroppo ha subito il break che ha fatto girare l’incontro, dando inizio a un percorso accidentato che, attraverso due tie-break, l’ha portato a perdere 4-6 7-6(5) 7-6(5).

Non avevamo finito di tessere le lodi di Jack Draper che il ventenne tennista britannico ci ha spiegato in maniera esaustiva perché la sua classifica non sia quella che il suo enorme talento gli potrebbe consentire. Contro il croato Borna Gojo (N.286 ATP), l’eroe della scorsa Davis, è arrivata una sconfitta del tutto inaspettata ma anche ineccepibile. Draper nel primo set, preso subito un break di vantaggio, si era avviato, così almeno sembrava, verso un facile successo. A questo punto decideva però di mostrarci il lato oscuro della luna, cominciando a sbagliare cose elementari e apparendo per di più anche un po’ svogliato. Così si faceva trascinare ad un tie-break che perdeva malamente. Encefalogramma piatto nel secondo parziale e il risultato di 7-6(3) 6-3 lo costringeva ad utilizzare un biglietto di ritorno anticipato.

Si gioca anche a Concepcion (Cile, terra battuta) dove va in scena un Challenger 80 con una buona entry list. Hugo Dellien (N.114 ATP) presidia il tabellone con la prima testa di serie, e se dovessimo indicare un favorito alternativo faremmo i nomi di Francisco Cerundolo (N.127 ATP) che a questi livelli sarebbe un grave errore trascurare, e del colombiano Daniel Elahi Galan Riveros (N.121 ATP).

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement