Mondo Challenger: Gaio, trionfo e best ranking. Johnson domina ad Aptos

Challenger

Mondo Challenger: Gaio, trionfo e best ranking. Johnson domina ad Aptos

Splendida settimana di Federico Gaio che trionfa a Manerbio dopo il netto successo in finale su Paolo Lorenzi

Pubblicato

il

Paga la scelta di Steve Johnson che decide di giocare ad Aptos anziché tentare le quali a Montreal e vince il titolo. Sugita trionfa a Yokkaichi, Hanfmann a Augsburg.

Challenger Manerbio (Italia, terra battuta, montepremi €46.600)

Splendida settimana da parte di Federico Gaio che conquista il primo titolo del 2019, il terzo in carriera a livello Challenger, e migliora il suo best ranking approdando al numero 145 della classifica ATP. Il faentino, tornato da qualche mese sotto la guida di Daniele Silvestre, come ha ripetuto più volte in questa settimana grazie al coach di Latina sta riuscendo a mettere ordine nel suo gioco ed è quello che è sempre servito a Gaio, dal tennis a tratti spettacolare ma troppo discontinuo, specialmente nei momenti chiave del match. Proprio con un match difficile, che ha fatto notare i miglioramenti sotto il punto di vista mentale, é iniziato il cammino di Gaio, riuscito a battere Reboul solamente al tie break del terzo parziale. Anche nel match successivo Federico ha dovuto rimontare un set al croato Serdarusic prima di vincere 6-4 al terzo e poi approfittare nel pomeriggio della grande stanchezza di Lorenzo Giustino, costretto al doppio turno a causa dalla pioggia, che nel match del mattino aveva battuto il russo Kotov ma aveva accusato un problema al gomito che lo avrebbe costretto al ritiro dopo 6 games nel match con Gaio. La semifinale contro Federico Coria, fratello d’arte, è partita in modo pessimo per il tennista di Faenza che ha perso il primo parziale per 6-1 e anche all’inizio del secondo è apparso ancora troppo falloso ma ha ritrovato fiducia tenendo un game complesso e piano piano il pressing da fondo campo dell’argentino é diminuito di intensitá permettendo a Gaio di comandare negli scambi e di iniziare ad usare con grossa intelligenza anche la palla corta, ottima arma del faentinoche ha stancato sempre di più Coria. Nel terzo set l’argentino, visibilmente stanco, ha ceduto con un netto 6-2 che ha permesso a Federico di strappare il pass per la finale. 

 

Dall’altra parte della rete, ad attenderlo, c’era l’espertissimo Lorenzi, giunto in finale dopo qualche problema specialmente nei match contro Torebko e Doumbia vinti con più fatica del previsto. I due italiani, che si conoscevano da anni ed anni e si sono anche allenati spesso assieme a Tirrenia, han dato vita ad un match meno equilibrato del previsto; dopo un inizio con tanti game lunghi ed uno scambio di break, Gaio ha iniziato a dominare in lungo e largo non concedendo mai la possibilitá a Lorenzi di comandare gli scambi e gli errori del tennista senese sono piano piano aumentati. Dopo un primo set chiuso con lo score di 6-3, Gaio in tutto il secondo parziale ha concesso appena due punti al servizio, breakkando in due occasioni Lorenzi e chiudendo con un netto 6-1 a suon di dritti vincenti e palle corte millimetriche. 

Finale: F. Gaio b. P. Lorenzi 6-3 6-1

Challenger Aptos (USA, hard outdoor, montepremi $81.240)

Steve Johnson sceglie di abbassare il livello, rinuncia alle qualificazioni del Master1000 di Montreal per riprendere punti e fiducia e la scelta paga: torneo dominato dall’inizio alla fine da parte del tennista statunitense che in tutta la settimana non ha concesso nemmeno un set ai suoi avversari, dimostrando di appartenere ad un altro livello. L’uscita della prima testa di serie, Damir Dzumhur, un altro dei nomi eccellenti di questo torneo ha sicuramente aiutato ma non vanno levati i meriti a Steve Johnson che ha sconfitto comunque avversari di buon livello per questa categoria, specialmente ai quarti di finale e in semifinale, dove ha battuto rispettivamente Go Soeda e Egor Gerasimov. 

Ad attenderlo all’atto finale c’era Dominik Koepfer, uno dei tennisti in maggiore crescita in questo 2019 che era arrivato in finale anche lui senza perdere un set. Il tedesco, dopo una falsa partenza, aveva riagguantato l’americano sul 4-4, ma un altro passaggio a vuoto sul 4-5 con una volèe non chiusa e un dritto sbagliato han permesso a Johnson di aggiudicarsi il primo parziale al primo tentativo. Nel secondo set entrambi han tenuto agevolmente i propri servizi, con una sola palla break concessa dal tedesco, ma ben annullata, che coincideva con un match point in favore di Johnson: si giunge così al tie break dove l’americano continua a servire molto bene e due errori di rovescio son fatali a Koepfer, sconfitto nel tie break con lo score di 7-4.

Finale: S. Johnson b. D. Koepfer 6-4 7-6(4)

Challenger Augsburg (Germania, terra battuta, montepremi €46.600)

Secondo successo stagionale per Yannick Hanfmann che dopo un periodo costellato da problemi fisici sembra aver ritrovato la migliore condizione fisica ed un tennis di un livello simile a quello che nel 2017 permise al tedesco di affacciarsi tra i primi 100 giocatori al mondo. Dopo un inizio di torneo complicato con due match vinti in rimonta contro Molcan ma soprattutto Bachinger, in un derby di ottimo livello, Hanfmann ha battuto facilmente Vanneste ai quarti di finale e Mena in semifinale, lasciando per strada appena cinque games complessivi e giungendo in finale da netto favorito contro la sorpresa del torneo, il finlandese Emil Ruusuvuori, capace in precedenza di estromettere anche la prima testa di serie Laaksonen. Dopo un primo set nel quale Hanfmann non ha saputo sfruttare le occasioni concesse dal finlandese e ha perso ogni game lottato, finendo per concedere il parziale con un falso 6-2, a partire dal secondo set il tennista tedesco ha alzato il livello sbagliando molto di meno e iniziando a rispondere meglio sulle palle break, vincendo il secondo set con lo score di 6-4. Il terzo è stata una vera e propria battaglia con il finlandese che soffriva maggiormente nei propri turni di servizio ma riusciva a tenerli tutti fino ad avere match point sopra 5-4: a quel punto il braccio tremava, tre risposte o sbagliate o troppo corte su tutti i match point permettevano ad Hanfmann di restare in partita ma non solo, anche di breakkare nel game successivo, con Ruusuvuori che ha commesso tanti altri errori grossolani. Uscito di testa dal match, con tantissimi rimpianti, Emil ha perso anche l’ultimo gioco senza lottare particolarmente concedendo a Hanfmann la gioia del secondo titolo stagionale e il rientro tra i primi 200 giocatori al mondo, esattamente al numero 187 del ranking ATP. 

Finale: Y. Hanfmann b. E. Ruusuvuori 2-6 6-4 7-5

Challenger Yokkaichi (Giappone, hard outdoor, montepremi $54.160)

Secondo successo nel giro di 20 giorni per Yuichi Sugita che finalmente sembra tornato ad un buon livello sia di tennis e sia di fiducia nei propri mezzi. Dopo aver sconfitto il giapponese Tatsuma Ito e il giocatore di Taipei Yang, Yuichi ha approfittato del walkover di Hyeon Chung ai quarti di finale, in quanto il coreano non è ancora abituato a giocare tutti questi match in pochi giorni, essendo rientrato da pochissimo dall’infortunio. Dopo una vittoria in due set in semifinale contro la sorpresa del torneo, Sho Shimabukuro, Sugita all’atto finale ha affrontato James Duckworth, altro tennista con un recente passato ampiamente tra i primi 100 giocatori al mondo. Una grande battaglia che, dopo la vittoria di un set per parte, si è conclusa solamente al tie-break del terzo set dove ad imporsi é stato proprio il tennista giapponese che puó festeggiare il ritorno tra i primi 150 giocatori al mondo, precisamente al numero 133. 

Finale: Y. Sugita b. J. Duckworth 3-6 6-3 7-6(1)

Andrea Pellegrini Perrone

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Tallon Griekspoor trionfa ad Ercolano e conquista il suo sesto Challenger stagionale

L’olandese bissa il successo di Napoli ed eguaglia il recente record di Benjamin Bonzi. Rivincita italiana in doppio con Marco Bortolotti

Pubblicato

il

Tallon Griekspoor con il trofeo della Vesuvio Cup (Photo Courtesy of the Tournament)

Sul centrale dello Sporting Poseidon l’olandese Tallon Griekspoor vince facile (6-3 6-2) la finale del Challenger 80 di Ercolano (terra battuta) contro il sorprendente Alexander Ritschard, proveniente dalle qualificazioni.

Troppo rapido Griekspoor e troppo veloce la sua palla: l’82% di punti sulla prima contro il 52% dell’avversario hanno partorito quattro break contro nessuno, raccontando in maniera esauriente un match che si è concluso in poco più di un’ora. Ritschard, americano di origini svizzere, aveva evidentemente ormai finito la sua dotazione di miracoli, perché altrimenti non possono definirsi le sue vittorie nei turni precedenti contro Agamenone, Moroni e Hanfmann.

Griekspoor da parte sua ha visto aprirsi davanti a sé il tabellone come Mosè sul Mar Rosso, complicandosi appena un attimo la vita nei quarti contro il francese Manuel Guinard, l’unico che è riuscito a strappargli un set. Ma, tutto sommato, la sua è stata una settimana abbastanza rilassante che gli ha regalato la sesta vittoria Challenger in stagione, permettendogli così di eguagliare il record appena stabilito da Benjamin Bonzi. E sei vittorie in un anno sono evento assai raro, tanto che gli unici precedenti risalgono al 2016 (Facundo Bagnis), al 2001 (Juan Ignacio Chela) e al 1998 (Younes El Aynaoui). Domani tutti questi trofei si tradurranno finalmente nell’ingresso in Top 100, alla posizione 89.

 

Si fermano in semifinale entrambi gli italiani. Flavio Cobolli perde 6-4 6-4 dal vincitore, forse accusando il peso di una stagione molto lunga ed intensa. Ricordiamo che il teenager romano a inizio anno frequentava senza brillare particolarmente i Futures, mentre adesso è salito addirittura al N.219 ATP, conquistando il diritto di partecipare alle qualificazioni del prossimo Australian Open. Una scalata semplicemente vertiginosa.

Anche Franco Agamenone stabilisce il suo nuovo best (N.210 ATP, dopo che aveva iniziato l’anno al N.675), ma forse è arrivato un po’ stanco al termine di questa incredibile stagione che lo ha visto finalmente affacciarsi sui palcoscenici che contano, dopo che a 28 anni compiuti sembrava ormai perso per il grande tennis. In questo indimenticabile 2021 ha messo in bacheca due Challenger e cinque Futures, dimostrando non solo una grande padronanza tecnica ma soprattutto una convinzione che raramente ha vacillato. E anche se è vero che in questo momento rischia di voler spremere troppo da questo incredibile periodo, onestamente chi avrebbe il coraggio di criticarlo?

Rivincita per l’Italia nel doppio: ha infatti vinto Marco Bortolotti che, in coppia con lo spagnolo Sergio Martos Gornes, ha battuto 6-4 3-6 10-7 la coppia del momento Vavassori/Brown, i quali hanno così visto interrompersi una fantastica striscia di ben undici successi consecutivi. Per il tennista di Guastalla è la seconda vittoria in carriera a livello Challenger (dopo qualcosa come 41 vittorie Futures) che gli consente di conquistare la posizione N.207 ATP, a soli cinque posti dal suo best ranking. Bortolotti dopo la premiazione ha detto: “Non partivamo certo con i favori del pronostico visto che i nostri avversari venivano da due tornei vinti di fila. Quindi abbiamo giocato a braccio sciolto fino all’8-1 del match tie-break, quando ci siamo un po’ bloccati per la tensione. Fortunatamente abbiamo messo due prime di servizio e siamo riusciti ad alzare il trofeo”.

Ad Alicante (Challenger 80 cemento outdoor) la vittoria è di Constant Lestienne (N.258 ATP) che in finale batte 6-4 6-3 il connazionale Hugo Grenier (N.203 ATP). Il tennista di Amiens strappa sul 5-4 il servizio al connazionale alla prima palla break con uno splendido pallonetto. È evidente come la velocità e la leggerezza di piedi di Lestienne mettano in difficoltà l’avversario, troppo macchinoso nella preparazione dei colpi e quindi raramente in grado di dispiegare tutta la sua potenza. Un altro break nel sesto game del secondo parziale pone praticamente fine alla contesa, che si chiude sulla prima palla utile in poco meno di un’ora e mezzo. Lestienne, col suo terzo successo Challenger (Ostrava 2016 e Portorose 2018 i precedenti), risale al N.208 (lontano comunque dal 142 che toccò nel 2019), mentre Grenier si consola con il nuovo best ranking di N.188 ATP.

Continua a leggere

Challenger

Challenger Ercolano: quattro italiani ai quarti di finale

Meno bene invece al Challenger di Alicante dove il solo Fabbiano riesce a superare un turno

Pubblicato

il

Alla Vesuvio Cup di Ercolano (Challenger 80, terra battuta) il primo italiano ad approdare ai quarti di finale è Flavio Cobolli che prima ha battuto il croato Duje Ajdukovic (n.261 ATP) e poi il bravo Matteo Arnaldi che, a soli vent’anni, sta dimostrando di poter già stare tranquillamente a questi livelli. Flavio nei quarti affronterà Lorenzo Giustino che a sua volta si è sbarazzato di Nino Serdarusic (n.235 ATP) e Andrej Martin (n.120 ATP). Un derby che promette scintille e che vede il teenager romano leggermente favorito. Jimbo Moroni supera in rimonta 3-6 6-1 6-4 Marco Cecchinato che non riesce ad onorare la sua testa di serie n.2 e continua ad inanellare risultati deludenti in una stagione che gli ha riservato poche gioie e lo ha visto perdere diverse posizioni in classifica. Da lunedì l’azzurro dovrebbe essere n.104 ATP, cioè ad un passo dal baratro. Perdendo solo un’altra posizione, nel tabellone degli AO dovrà cercare di entrare attraverso le qualificazioni. Di sicuro non lo aiuta l’atteggiamento in campo: lamentarsi di tutto con tutti non pare molto costruttivo.

Bravissimo invece Moroni che, sotto di un set, non si è perso d’animo e anzi ha preso con decisione il comando delle operazioni. Un altro buon risultato per lui che ormai è abituale frequentatore delle fasi finali dei Challenger e il quarto di finale contro l’americano, di origine svizzera, Alexander Ritschard (n.302 ATP) appare del tutto alla sua portata. Franco Agamenone riprende la sua marcia inarrestabile dopo il piccolo passo falso di Napoli (sconfitto al primo turno da Andrea Vavassori). Questa volta nel suo mirino sono finiti i cugini francesi: prima la testa di serie n.3 Hugo Gaston che deve cedere in tre set 6-4 2-6 6-3.

Poi Mathias Bourgue (n.201 ATP) che, scopertosi privo del servizio, la sua arma migliore, è riuscito comunque a vincere il primo parziale, annullando un set point, e nel secondo a servire sul 5-3, portandosi avanti 30- 0, a due soli punti dalla vittoria. Agamenone sembra pronto per la doccia, ma quest’anno l’italo-argentino è davvero renitente alla sconfitta. Anzi questa è una parola che sembra proprio non conoscere, tanto che riesce a guadagnarsi il tie- break che finisce per dominare senza problemi. E domina anche il parziale decisivo dove il transalpino arriva un po’ scarico e forse demoralizzato, cedendo col punteggio di 5-7 7- 6(3) 6-1 al termine di oltre due ore e mezza di partita. Al prossimo turno Agamenone troverà lo spagnolo Bernabe Zapata Miralles (n.122 ATP e settima testa di serie) che in teoria si presenta da favorito, in teoria.

 

Al Challenger 80 di Alicante, nell’Academy di Juan Carlos Ferrero (cemento outdoor) i tre italiani in tabellone fanno ben poca strada. Roberto Marcora, dopo le ottime prestazioni di Indian Wells, offre poca resistenza a Feliciano Lopez che a 40 anni sarà pure a fine carriera, avrà anche perso parecchie posizioni in classifica (n.108 ATP), ma non è certo un avversario che puoi prendere sottogamba come il 6-3 6-1 finale ha dimostrato. Subito fuori anche Matteo Viola che perde 6-1 7-6(5) contro il portoghese Joao Sousa (n.182 ATP). Peccato perché nel secondo set il veneto era andato a servire sul 6-5 e avrebbe potuto dare un indirizzo diverso al match. Appena un po’ meglio Thomas Fabbiano che almeno supera un turno contro l’indiano Ramkumar Ramanathan (n.191 ATP) per poi fermarsi 6-1 6-4 contro il tedesco Oscar Otte (n.138 ATP) in un incontro che era ampiamente alla sua portata. Ma quest’anno al tennista pugliese niente sembra girare per il verso giusto, nonostante il recente cambio di coach.

Continua a leggere

Challenger

Challenger, si ferma in finale la corsa di Andrea Pellegrino: la Napoli Cup va a Griekspoor

Il tennista pugliese finisce la benzina proprio all’ultimo atto, consegnando a Tallon Griekspoor il quinto successo stagionale

Pubblicato

il

Andrea Pellegrino alla Napoli Cup 2021 (Credit: Tennis Napoli CUP on Facebook)

Andrea Pellegrino ha giocato un torneo magnifico al Challenger 80 di Napoli, probabilmente rinvigorito dalla nuova partnership con Luca Vanni che, alla sua prima esperienza da coach, sembra aver dato la scossa al tennista pugliese, reduce da un prolungato cono d’ombra dopo la vittoria al Challenger di Roma. I due ci sono parsi veramente molto affiatati: sempre assieme, assorti in un ininterrotto flusso di conversazione. Sono sicuramente buoni segnali per la nascente collaborazione. Che infatti ha dato subito risultati incoraggianti con la doppia finale in due settimane, prima Lisbona e ora Napoli. Purtroppo anche questa volta all’azzurro è mancato l’ultimo scatto e sul centrale del Tennis Club Napoli, gremito di gente, ha ceduto nettamente (6-3 6-2) in poco più di un’ora alla testa di serie N.4, l’olandese Tallon Griekspoor. Tutto si è deciso tra il sesto e l’ottavo game, quando una serie di break e contro-break ha consegnato il primo set all’olandese. Andrea è apparso un po’ demoralizzato, e il break subito nel terzo gioco del secondo parziale è stato il colpo di grazia. Del resto si sapeva come non fosse una partita facile, Griekspoor sta infatti giocando la miglior stagione della propria carriera e il quinto trionfo di questo 2021 lo pone immediatamente alle spalle del dominatore assoluto Benjamin Bonzi oltre a riportarlo alla posizione N.106 ATP, a ridosso del proprio best ranking. Best ranking ulteriormente migliorato invece per Pellegrino che sale al N.216, conquistando così la certezza di poter giocare le qualificazioni Slam, cosa che rappresenta un po’ lo spartiacque nella carriera di un giocatore.

Stefano Travaglia è stato anche lui vittima di Griekspoor (probabilmente con dei conti in sospeso con gli italiani, visto che in precedenza aveva fatto fuori anche Julian Ocleppo e Jimbo Moroni), il quale in semifinale lo ha superato in rimonta (2-6 6-4 6-2). Grande delusione per l’ascolano che però si consolerà con l’ulteriore progresso in classifica (adesso è N.83 ATP), che blinda di fatto la sua posizione in vista dei prossimi appuntamenti.

Che era poi lo stesso piano che ha portato Andreas Seppi a disputare il ricco Challenger 90 di Mouilleron le Captif (cemento indoor). L’altoatesino è stato molto brillante fino alle semifinali, dove nulla ha potuto contro l’esperto ceco Jiri Vesely (N.84 ATP) che lo ha fermato col punteggio di 6-4 7-6(1) senza mai lasciargli una vera chance. I punti conquistati permettono però ad Andreas di rimanere in top 100 (precisamente al N.97) e di continuare a sperare in un posto nel tabellone principale dei prossimi AO.

 

Intanto al Challenger 80 di Barcellona (terra battuta) il bulgaro Dimitar Kuzmanov ti confeziona la sorpresa che non ti aspetti e alla ‘Emilio Sanchez Academy’ alza il primo trofeo in carriera, al termine di una finale senza storia (6-3 6-0) contro Hugo Gaston (N.112 ATP e prima testa di serie). Certo, il seeding non era di prima fascia e Kuzmanov si è infilato in una parte di tabellone poco presidiata, ma per il ventottenne rimane un grande risultato che lo proietta tra l’altro alla posizione N.128 ATP, suo nuovo best ranking. Nuovo record anche per il ventunenne talento francese che, pur continuando a perdere finali (la quinta quest’anno, la sesta se calcoliamo anche l’ATP di Gstaad) sale al N.104 ATP, ormai a un passo dalla top 100.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement