Stephens dà sponda a Osaka: "Aiuterà anche altri a parlare, non è sbagliato farsi aiutare"

Flash

Stephens dà sponda a Osaka: “Aiuterà anche altri a parlare, non è sbagliato farsi aiutare”

L’ex campionessa dello US Open, che sta provando a rilanciarsi, ha raccontato i suoi momenti più difficili: “Ho perso i miei nonni per il Covid-19, mi pentirò per tutta la vita di non essere stata ai loro funerali per il tennis”

Pubblicato

il

Sloane Stephens - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Il viaggio nella mente dei protagonisti del circuito è adesso tema dominante. L’ha spinto in prima pagina Naomi Osaka (e sul caso ci è tornato il direttore Scanagatta nell’ultimo editoriale), l’ha sottolineato in giallo Sloane Stephens. Prendendo le distanze, con garbo, da chi tende a minimizzare. Nelle parole dell’ex campionessa dello US Open 2017, una dimostrazione di vicinanza concreta alle difficoltà psicologiche esplicitate dalla giapponese.

Penso che della salute mentale dei giocatori non se ne parli abbastanza – ha commentato -, sostengo Naomi e penso che la sua uscita pubblica aiuterà anche altri a parlare di come si sentono. I sentimenti sono reali e siamo tutti umani, quindi spero che si prenda tutto il tempo di cui ha bisogno. Ho letto delle cose poco carine su di lei, ma non dovrebbe esserci spazio per prendere a calci chi è già a terra. Specie se si tratta di una giocatrice che tutti apprezziamo molto“.

Nella profondità e nella decisione delle parole di Stephens si trova traccia del viaggio interiore che negli ultimi tempi ha dovuto compiere anche lei. Il momento più difficile l’ha vissuto in Australia, all’inizio della stagione, quando ha dovuto fare i conti in famiglia con la tragedia del Covid-19 . Il virus le ha portato via una zia e i nonni, ai cui funerali non ha potuto partecipare trovandosi a Melbourne per la quarantena obbligatoria. “Ripensandoci avrei dovuto chiedere di lasciare la bolla e di tornare a casa – racconta -, è qualcosa di cui mi pentirò per il resto della mia vita, perché ho dato la priorità al tennis rispetto alle cose che mi stavano accadendo“.

LA RISALITA – Il percorso per ritrovare la serenità è passato anche dalla necessità di non negarsi gli aiuti. “Non c’è nulla di sbagliato nell’essere in terapia o avere un consulente del dolore“, ha tenuto a rimarcare. Stephens, ben lontana dal momento migliore della sua carriera, sta però provando a ritrovare fiducia anche dai risultati. È scesa al numero 59 del mondo dopo essere stata 3 nel 2018, agli Internazionali è stata costretta a partire dalle qualificazioni e non le accadeva dal 2012. Nel mezzo, le tormentate evoluzioni del suo staff tecnico: dopo la separazione nel 2018 dal coach di lungo corso, Kamay Murray,è passata da altre collaborazioni (con Sven Groeneveld è durata appena quattro mesi) fino alle più recenti esperienze con Diego Moyano e Darian King.

In vista della stagione su terra, ha lavorato a Barcellona con Francis Roig e Jordi Villarò, partnership che sta iniziando a produrre risultati considerando la semifinale raggiunta a Parma e il primo turno passato superato a Parigi in quello che rimarrà però il grande giorno di Carla Suarez Navarro. Al secondo turno ha battuto un po’ a sorpresa Karolina Pliskova, al termine di un match che per almeno un’ora è stato di altissima qualità. Adesso le si propone un’altra sfida complessa contro Karolina Muchova, giocatrice assai polivalente che all’Australian Open ha sfiorato la finale. Una sfida che vale un posto agli ottavi; Sloane non ne gioca uno a livello Slam dal 2019, quando si spinse fino ai quarti proprio qui a Parigi.

Stephens, in ogni caso, trasmette a chi la ascolta la sensazione di una che il peggio potrebbe averlo messo alle spalle. “Penso che il tennis sia uno sport soggetto a cambiamenti molto veloci – ha concluso, speranzosa -, bisogna farsi trovare pronti quando le cose volgeranno per il meglio“.

 
Suarez Navarro e Stephens – Roland Garros 2021 (via Twitter, @rolandgarros)

Continua a leggere
Commenti

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020, Svitolina rimonta (due volte) Rybakina: è medaglia di bronzo per l’Ucraina

Elina conquista il podio ai Giochi battendo una Rybakina timorosa e sprecona: era avanti 3-1 nel secondo set e 3-0 nel terzo

Pubblicato

il

Elina Svitolina - Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @ITFTennis)

Ha tantissimo da recriminare anche in questo match Elena Rybakina, sconfitta i semifinale da Bencic nonostante i cinque set point mancati nel primo set e il break di vantaggio nel terzo parziale. Nella finale per la medaglia di bronzo dei Giochi Olimpici di Tokyo, ha vinto nettamente il primo set contro Elina Svitolina, ma non ha gestito un vantaggio di 3-1 nel secondo set e di 3-0 15-40 nel terzo. Svitolina ha vinto 6-4 il parziale decisivo in 2 ore e 28 minuti e al settimo match point utile ha portato a casa la quinta medaglia (tutte di bronzo) per l’Ucraina in questa Olimpiade e la prima della sua storia nel tennis. Rybakina avrebbe permesso al Kazakistan di agganciare proprio l’Ucraina nel medagliere a quota quattro.

Svitolina ha giocato un primo set molto scarico. È stata la prima ad andare sotto nel punteggio, brekkata nel quarto gioco dopo aver avuto a sua volta chance di break nel game precedente (durato ben 18 punti). C’è una grossa differenza sulla diagonale di rovescio, colpo con il quale Rybakina non ha avuto alcun problema ad aprire gli angoli e spingere, mentre l’ucraina ha pagato l’atteggiamento troppo difensivo, sorpresa anche da qualche palla corta della sua avversaria sul finale del set. Il dominio nel gioco di Rybakina si è tradotto in un rapido 6-1.

Le difficoltà di Svitolina a prendere in mano il gioco sono continuate nel secondo set. A comandare è stata sempre la tennista kazaka, che ha guadagnato un break di vantaggio a inizio set. Una grafica mostrata a metà secondo set ha evidenziato il diverso atteggiamento delle due: Rybakina ha risposto sempre coi piedi sulla linea di fondo alla seconda avversaria, Svitolina circa due metri dietro. La qualità di gioco della kazaka è però calata man mano che si avvicinava la linea del traguardo (e la medaglia di bronzo): ha mancato una palla del 4-2 e ha perso il vantaggio, andando in confusione. Il numero di non forzati (25 a fine set) si è alzato, avvicinandosi a quello dei vincenti. Con troppa fretta ha giocato gli ultimi game del parziale, sbagliando una risposta (che sarebbe stata vincente) di pochi centimetri sul 4-4 30-30.

 

Il primo grande rimpianto di Rybakina è arrivato però nel tie-break, dove sul 5-5 gioca un ottimo punto ma manda in corridoio l’appoggio con la volée di dritto a campo aperto. Sarebbe stato match point. Invece Svitolina con un servizio che forse ha sorpreso la sua avversaria per la sua lentezza ha forzato il terzo set. Mai dare per spacciata Elina, che vanta un’ampia collezione di match rimontati in extremis. L’ucraina però non è entrata in campo rinfrancata nel terzo. Molto contratta, ha perso subito il servizio con un doppio fallo, mandando Rybakina in vantaggio 3-0. La numero 22 del mondo ha avuto due palle del doppio break, senza però sfruttarle. Il match è cambiato da lì in poi: il dritto di Rybakina, rivelatosi il colpo in più tra fine secondo e inizio terzo set, è andato in crisi. Quattro errori dal lato destro hanno concesso a Svitolina il contro break. Da 1-4 ha impattato 4-4, per poi approfittare di un’altra coppia di non forzati col dritto di Rybakina per andare a servire per la vittoria. Il coraggio sul finale (4 match point salvati con colpi vincenti) non è bastato alla kazaka. Svitolina ha chiuso il match in lacrime, consapevole di aver raggiunto un traguardo di enorme importanza per lei e per il suo Paese.

Il tabellone femminile delle Olimpiadi con i risultati aggiornati

Continua a leggere

ATP

ATP Washington, il tabellone: torna in campo Nadal, presenti anche Sinner e Seppi

Dopo quasi due mesi di stop e l’assenza a Wimbledon e Tokyo, Rafael Nadal torna in campo a Washington. C’è anche Jannik Sinner, che cerca di riscattarsi

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

Appena dopo il termine del Roland Garros, che per lui si è concluso in semifinale al cospetto di un sontuoso Novak Djokovic, Rafael Nadal ha annunciato che non avrebbe partecipato a Wimbledon e alle Olimpiadi di Tokyo 2020 per la necessità di recuperare le energie in vista della parte conclusiva di stagione.

Lo spagnolo, che vanta già due ori olimpici (in singolare a Pechino 2008 e in doppio a Rio 2016), ha compiuto una scelta tutto sommato comprensibile. Con l’approssimarsi del trittico Toronto-Cincinnati-US Open e il dichiarato obiettivo di rimettere tennis nelle gambe, dopo quasi due mesi di stop, Nadal sarà a Washington, dove parteciperà per la prima volta in carriera al torneo di categoria ATP 500. Per Nadal sarà anche la prima volta che gioca un torneo sul duro tra la stagione sull’erba e i due Masters 1000 estivi nordamericani.

Lo spagnolo avrà ovviamente la prima testa di serie sulle spalle e dopo un bye al primo turno affronterà il vincitore della sfida tra Sock e Nishioka. L’eventuale ottavo di finale, secondo proiezione del seeding, sarebbe contro Lloyd Harris che però non sta attraversando un periodo di forma eccellente (una vittoria negli ultimi tre tornei disputati). Ai quarti Nadal incrocerebbe probabilmente uno tra Bublik e Norrie, che stanno disputando la miglior stagione della carriera e non sono avversari da sottovalutare – anche se con Norrie, Rafa, avrebbe il vantaggio di giocare ‘allo specchio’ contro un mancino.

 

Di seguito la parte alta del tabellone dell’ATP 500 di Washingon, che vede Dimitrov come seconda testa di serie più alta e ipotetico avversari di Nadal in semifinale. Il bulgaro però non si esprime ai suoi livelli da diversi mesi, e la sensazione è che Evans e Fritz, in un periodo di forma decisamente migliore (Fritz sembra aver recuperato rapidamente dall’operazione al menisco), abbiamo più chance di spingersi avanti. Occhio anche a Nick Kyrgios, sconfitto nettamente da Norrie ad Atlanta e opposto al primo turno a McDonald; l’eventuale sfida contro Paire al secondo turno accenderebbe facilmente gli entusiasmi del pubblico di Washington.

(clicca per ingrandire)

Un italiano, il deluso Jannik Sinner reduce dalla brutta sconfitta di Atlanta contro O’Connell, si trova invece in cima alla parte bassa del tabellone. La strada che potrebbe portare Sinner, quinta testa di serie, ad affrontare il secondo favorito Auger-Aliassime in semifinale è però lastricata di difficoltà e lo scarso periodo di forma del tennista italiano (forse anche influenzato dalle critiche per la scelta di non andare a Tokyo) non contribuisce ad aumentare la fiducia. L’esordio di Sinner avverrà contro un qualificato o più probabilmente contro Emil Ruusuvuori; una sfida già non semplice, ma il livello di difficoltà si alzerebbe ulteriormente agli ottavi contro – probabilmente – Sebastian Korda. Ai quarti ci sarebbe poi de Minaur; insomma, non certo un sorteggio ideale per chi ha bisogno di ritrovare la vittoria, e magari anche più di una.

ll secondo italiano presente in tabellone, Andreas Seppi, potrebbe invece essere il primo avversario di Auger-Aliassime ma prima dovrà superare il primo turno contro un qualificato. In questa zona di tabellone è da tenere d’occhio anche a Opelka – reduce dai quarti di Atlanta.

(clicca per ingrandire)

A.S.

Tutti i tabelloni della settimana

Continua a leggere

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020, Djokovic dà forfait in doppio misto: “Infortunio ad una spalla”

Il n.1 del mondo lascia il Giappone a mani vuote regalando la medaglia di bronzo agli australiani Barty/Peers. “Spero che le conseguenze fisiche non siano un problema in vista dello US Open” ha detto Nole in conferenza stampa

Pubblicato

il

Djokovic/Stojanovic - Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @ITFTennis)

Le Olimpiadi di Tokyo si concludono davvero male per Novak Djokovic: il numero uno del mondo torna a casa a mani vuote dalla trasferta giapponese. Dopo la sconfitta nella finale per la medaglia di bronzo nel singolare maschile, infatti, il campione serbo ha dato forfait per quella di doppio adducendo un infortunio alla spalla sinistra. Avrebbe dovuto giocare insieme a Nina Stojanovic: il terzo posto nel doppio misto va dunque agli australiani Ashleigh Barty e John Peers.

Peers/Barty – Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @ITFTennis)

Djokovic dovrà ora digerire in fretta l’amarezza in vista dello US Open, in cui cercherà di completare il Grande Slam. Prima di New York, il serbo dovrebbe prendere parte al Masters 1000 di Cincinnati (ha invece dato forfait per il precedente torneo di Toronto). “Sono molto rammaricato per non aver vinto alcuna medaglia per il mio paese – ha detto Djokovic -. Non ho portato a termine l’incarico che avevo, sia ieri che oggi. Il mio livello di tennis è calato, anche a causa della stanchezza fisica e mentale. Ma non rimpiango il fatto di essere venuto alle Olimpiadi. Credo che nella vita non ci siano coincidenze e tutto accada per un motivo. Ho avuto alcune sconfitte molto dolorose alle Olimpiadi e nei grandi tornei e so che mi hanno reso più forte, solitamente”.

Ancora Djokovic: “So che recupererò da questa delusione. Proverò ad esserci a Parigi 2024 per vincere una medaglia. Mi dispiace aver deluso molti tifosi in Serbia, ma questo è lo sport, ho dato tutte le energie che avevo, che non erano molte. Spero che le conseguenze fisiche non siano un problema in vista dello US Open. Ma non ci sono rimpianti: quando c’è la tua patria in ballo, bisogna dare tutto”.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement