Laver Cup: Djokovic frenato da un problema al braccio destro. Auger-Aliassime "eroe" di giornata porta in vantaggio il Team World

ATP

Laver Cup: Djokovic frenato da un problema al braccio destro. Auger-Aliassime “eroe” di giornata porta in vantaggio il Team World

Adesso, dopo i due match ball sprecati dagli Europei, il destino è nelle mani di Frances Tiafoe. L’americano potrebbe regalare alla sua squadra uno storico primo trionfo, al cospetto del Dream Team. Tsitsipas per prolungare ulteriormente la sfida

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Laver Cup 2022 Londra (foto Twitter @lavercup)
 

Resto Del Mondo – Europa 10-8

F. Auger – Aliassime (WOR) b. N. Djokovic (EUR) 6-3 7-6(3)

Era il 14 maggio 2022 e Novak Djokovic assieme a Felix Auger Aliassime, sulla terra rossa del Centrale del Foro Italico, dava vita ad uno dei migliori match dell’anno per intensità e qualità del tennis espresso dai due protagonisti in campo. Il campione serbo s’impose per 7-5 7-6(1) guadagnandosi la semifinale, con la vittoria numero 999 della carriera, per poi alzare due giorni dopo il sesto trofeo del Masters 1000 romano della sua carriera – l’unico grande trionfo, oltre a Wimbledon, messo in bacheca da Nole in questa sua stagione travagliata. Ebbene si ritrovavano nuovamente uno di fronte all’altro a distanza di poco più di quattro mesi, in un contesto però totalmente differente sia per la superficie di gioco che per l’evento nel quale lo scontro si verificava.

 

Le premesse vedevano, ancora una volta, il n. 7 ATP nettamente favorito per ottenere il successo, è tutt’ora pregnante nei nostri occhi il ricordo della prestazione dominante ammirata contro il malcapitato Tiafoe. Inoltre a rendere ulteriormente più arduo il compito del giovane canadese, di origini togolesi, il ruolino di marcia eccezionale nelle competizioni a squadre del 21 volte campione Slam. Dalla sconfitta di quattro anni fa subita per mano di Kevin Anderson, in quella che era la sua prima partecipazione alla competizione, proprio in Laver Cup ha disputato 15 incontri di singolare compresi anche quelli in ATP Cup e Coppa Davis vincendoli tutti e lasciando per strada soli tre set. Nonostante tutti questi numeri fantascientifici a favore del 35enne di Belgrado, tra cui anche l’unico scontro diretto, il n. 13 del mondo ha realizzato l’impresa imponendosi 6-3 7-6(3) in 1h35′.

C’è da dire che Nole, come ieri, era partito fortissimo incantando il pubblico della O2 Arena, prima però di spegnersi gradualmente a causa del nervosismo nel primo set – ma anche di un Felix cresciuto esponenzialmente al servizio, chiuderà con 13 ace scagliati e l’81% di trasformazione con la prima – e di un problema fisico accusato all’avanbraccio destro nella seconda frazione, probabilmente dovuto alla doppia fatica di ieri ma anche ai carichi agonistici molto impellenti a cui ha dovuto far fronte dopo un paio di mesi di totale assenza dalle competizioni. Per il semifinalista dello US Open 2021 si tratta dell’undicesima vittoria contro un Top Ten, tra l’altro la seconda consecutiva dopo quella della scorsa settimana fatta registrare ai danni di Alcaraz in Davis, la quinta del 2022: aveva battuto anche Zverev in ATP Cup ad inizio anno, poi il Canada trionfò nella manifestazione e, uno dietro l’altro Rublev e Tsitsipas per conquistare il suo primo torneo nel Tour maggiore lo scorso febbraio a Rotterdam spezzando così la maledizione delle finali perse.

Dunque sprecati entrambi i match point per il Team Europe, con la giornata che era stata aperta dallo score – maturato ieri – di 8-4 per la squadra di Bjorn Borg. Adesso invece la situazione si è totalmente ribaltata, in seguito anche al successo in rimonta dello stesso canadese in coppia con Sock contro Berrettini/ Murray, ed ora i ragazzi di John McEnroe pregustano il rimontone. Avanti 10-8 il Resto Del Mondo, in campo fra qualche minuto Tsitsipas-Tiafoe: Frances ha sulla racchetta la storica prima affermazione dei “rossi” da cinque edizioni a questa parte. Ma l’eroe in ogni caso sarebbe Felix da Montreal, che ha portato a casa due “pesantissime vittorie” da tre punti ciascuna – per di più sostenendo lo sforzo di due match consecutivi, e riscattando la sconfitta con Berrettini dell’incontro di apertura della seconda giornata -, dando prima la speranza al suo team di potercela fare ed infine un’ulteriore conferma ai suoi compagni di poter credere realmente nella prima strabiliante affermazione del Team World.

IL MATCH – La sfida vede la presenza speciale di un ospite d’onore sulla panchina europea, si tratta dell’attore britannico Tom Hiddleston, divenuto celebre per aver interpretato il ruolo del Dio dell’inganno Loki nell’Universo Marvel, che chiacchiera amabilmente con Ruud mentre Djokovic e Auger-Aliassime sono impegnati nel palleggio di riscaldamento.

Il campione serbo sembra non aver mai abbandonato la O2 Arena, probabilmente ha messo le tende e ha riposato direttamente sul campo da gioco, ripartendo da dove aveva finito ieri contro Tiafoe. Semplicemente, il primo game della partita è un manifesto della perfezione tennistica, un’enciclopedia di come si dovrebbe giocare a questo sport: Nole è dominante in ogni aspetto dello scambio, si diverte prima a spolverare l’incrocio delle righe con un rovescio lungolinea sensazionale che solo lui e pochi altri eletti nella storia di questo gioco possono permettersi di eseguire. Poi, non contento, il 35enne di Belgrado mostra un strettino di dritto da cineteca abbinato ad un successivo approccio in slice sempre dal lato destro, essenzialmente meraviglioso e letale. La grandezza di Nole, come anche degli altri due Big Three, è stata la costante capacità di evolvere il proprio tennis aggiungendo in continuazione soluzioni innovative.

Il break in apertura di partita, è proprio la conseguenza dell’abilità costruita lungo la carriera nel saper variare e attingere sovente a stratagemmi diversi: i tagli in back sono mortiferi e regalano l’1-0 e servizio all’ex n.1 del mondo. Chiaramente, però, bisogna riconoscere come il lavoro sia stato notevolmente facilitato, se non addirittura posto sul piatto d’argento, dalla prima mancante di Auger-Aliassime – una su cinque punti giocati nel game -. Pian piano, tuttavia, il 22enne canadese riesce a scuotersi e ad entrare mentalmente dentro il match. Si porta per due turni di risposta consecutivi sul 30-30: mentre però nel primo caso le sfilettate del dritto serbo non lasciano scampo comandando a più non posso; nella seconda circostanza dopo un miracolo in difesa con un’anticipazione motoria incredibile del 21 volte campione Slam, Felix sfrutta due disattenzioni del n. 7 ATP – tra cui un doppio fallo sul break point – per centrare il contro-break. Il rendimento della battuta del classe 2000 di origini togolesi, a questo punto, accresce sensibilmente la propria capacità di perforazione. Tanti punti diretti, anche due ace, e il parziale del nordamericano ribalta lo score (3-2). Il semifinalista dello US Open 2021 ha le idee molto chiare, si sposta frequentemente dal lato sinistro per giocare lo sventaglio ed evitare così d’incastrarsi con il suo bimane sulla diagonale “rovescia” dell’uomo di gomma. Finora 10/13 con la prima per il n. 13 del ranking, 3/7 con la seconda: dunque se si volesse sintetizzare in maniera brusca, FAA deve mettere in campo il proprio primo servizio altrimenti non c’è quasi mai partita.

Nel settimo game Djokovic esce dalla diagonale al momento giusto con il bimane in parallelo, il nativo di Montreal arriva in ritardo sulla palla ed è break point. Qui i nervi di Novak iniziano ad “affogare” nella rabbia, chiamata dubbia con il giudice di sedia che rettifica la decisione del giudice di linea. Il serbo non ci sta e caccia fuori un urlaccio”, ma il replay sbugiarda sia lui che l’arbitro. Il tennista in maglia blu non sembra essere riuscito a placare la sua ira, per l’occasione mancata, e così nonostante l’aiuto derivante dalle palle nuove gioca un pessimo turno di servizio: facendosi addirittura strappare la battuta a 0, con la complicità di uno scatenato Auger-Aliassime che si esalta attraverso un vincente pazzesco dopo l’altro – due di dritto ad inframmezzarne uno di rovescio -. Il vincitore di sette Wimbledon si consegna definitivamente attraverso discese a rete insensate, Felix non si fa pregare e chiamando a raccolta il bolide-cannone che si ritrova, va avanti di un set: 6-3 in 38 minuti per Team World.

Il campione serbo è in rottura prolungata, si fa breakkare in apertura di seconda frazione. Troppo docili le sue seconde, eccessivamente comode da attaccare per l’avversario. Il n. 1 del Canada entra che è un piacere, specialmente con il dritto, in ribattuta; e se Nole commette anche errori gratuiti in uscita dal servizio la situazione si complica maledettamente per lui. Infatti, da par suo, il ragazzo in maglia rossa continua a sfornare ace a gogo e in una amen siamo 2-0. Nel frattempo Djokovic comincia a toccarsi vistosamente il braccio destro, cercando di sciogliere il polso. Ed ecco, che allora ci vengono puntualmente in soccorso le immagini del riscaldamento di rifinitura, in palestra, dove il campione di Roma 2022 ha svolto dei lavori specifici durante lo stretching proprio sull’arto superiore destro assieme al suo storico fisioterapista argentino Ulises Badio. S’intravede difatti, come Novak adesso faccia enorme fatica sia a spingere la battuta che il dritto. L’ex n. 1 del ranking in qualche modo riesce comunque a mantenersi in scia, pur non essendo al meglio, grazie soprattutto alla sua micidiale copertura del campo tentacolando. Felix è in totale controllo, tuttavia se c’è un aspetto sul quale può ancora compiere miglioramenti ingenti è la tenuta mentale: inspiegabilmente infatti sente il momento, e con una sequela di regali confeziona il 3-3. Djokovic ringrazia, e sembra rigenerarsi oltre che assorbire nuova linfa vitale dalla parità conquistata.

Il dritto però non cammina, ha quasi un blocco psicologico nel lasciarlo andare: allora Felix gli monta sopra nuovamente, quasi come se riuscisse ad esprimersi al meglio soltanto quando deve inseguire; il settimo game è un autentico viaggio agli Inferi e ritorno con il candese che prima sale 15-40, ma poi al momento di guadagnarsi il nuovo vantaggio manca il colpo del ko su esecuzioni molto banali. Nonostante venga ripristinato l’ordine on-serve, i turni di servizio del tennista balcanico continuano ad essere delle montagne russe: nell’ottavo gioco con la prima un pò ballerina per via del problema al polso il serbo è costretto a fronteggiare un pericoloso 30-30, tuttavia il back canadese ricade largo. Al cambio campo, per sdrammatizzare, viene strappato un sorriso a Djokovic da parte di Berrettini, che lo invita a metterci un mix tra “cazzimma napoletana e serba“.

Nole in questo frangente di gara verticalizza maggiormente, per allievare la sofferenza nei propri turni di battuta; dal canto suo Auger gestisce con autorità. Sarà quindi tie-break: scambio di mini-break per iniziare, poi è il n. 13 a piazzare il secondo allungo nel quarto punto con un rovescio tagliato che Novak non controlla. Questo strappo porta Felix sul 5-2, il quale tiene entrambi i suoi servizi per consolidare il vantaggio, da sottolineare il secondo dove il 22enne di Montreal gioca uno spettacolare bimane sulla riga dopo una seconda. Djokovic non c’è più, rovescio sparato lungo. Al secondo match point, schema prediletto da Auger – servizio e dritto – e partita in cassaforte: 7-6(3) in 57 minuti.

LE PAROLE A CALDO DEL VINCITORE

AUGER-ALIASSIME: “Ci sono andato vicino qualche volta recentemente, nel battere questi grandi campioni e finalmente ci sono riuscito. Sicuramente una vittoria molto importante per me e per la mia squadra. Oggi è stato molto importante giocare in doppio, dopo il match mi sono sentito sciolto. Ho colpito bene sia la risposta che il servizio, e questo sicuramente mi ha aiutato anche per il singolare dandomi tanta fiducia.”

Infine viene chiesto a Felix quale sarà la chiave del singolare tra Stefanos e Frances: “Non sarà sicuramente semplice, ma Tiafoe è uno dei giocatori più in forma del momento, ed io ho grande fiducia in tutto il team anche per quanto riguarda l’ultimo singolare“.

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP e WTA, calendario di gennaio: manca poco al via della stagione 2023 in Australia

A breve si ricomincia In Australia. Dopo la United Cup, ATP e WTA di nuovo in campo ad Adelaide. Ecco il calendario ufficiale del primo mese dell’anno

Pubblicato

il

La stagione 2022 si è conclusa da poco con le finali di Coppa Davis e della Billie Jean King Cup – e le storiche vittorie rispettivamente del Canada e della Svizzera – tuttavia manca pochissimo all’avvio del circuito 2023 che, come da tradizione, ripartirà dall’emisfero australe.

Oltre alla United Cup, competizione mista a 18 squadre che si svolgerà tra Brisbane, Perth e Sydney dal 29 dicembre all’8 gennaio, i ragazzi possono ricominciare a scaldare i motori il 2 gennaio con l’Adelaide International 1, evento della categoria 250. Per il primo appuntamento del 2023 hanno confermato la loro presenza Novak Djokovic – fresco campione delle Nitto ATP Finals – e Jannik Sinner che ha scelto proprio Adelaide per ricominciare a competere dopo lo stop per infortunio.

Si gareggerà contemporaneamente anche a Pune (in India, l’unico evento ATP a gennaio che non si trova nell’emisfero australe), con un torneo della stessa categoria. Dal 9 gennaio i ragazzi saranno impegnati ancora ad Adelaide con l’Adelaide International 2 e con l’opzione dell’ASB Classic di Auckland, in Nuova Zelanda.

Anche per le ragazze, oltre alla United Cup, la stagione riparte il 1 gennaio da Adelaide (Adelaide International 1), anche se per loro il torneo apparterrà alla categoria 500. Allo stesso tempo si svolgerà anche il torneo femminile 250 ASB Classic di Auckland (una settimana prima rispetto a quello maschile), a cui parteciperanno anche le sorelle Fruhvirtova (Linda grazie al ranking e Brenda con una wild card). Dal 9 gennaio, si continua con l’Adelaide International 2 (ancora un 500 per le donne). Il circuito WTA sarà impegnato contemporaneamente anche all’evento ‘250’ di Hobart.

E poi, dal 16 gennaio, tutti presenti a Melbourne per il primo slam dell’anno, l‘Australian Open, che si concluderà il 29 gennaio con la finale maschile. La finale femminile si disputerà invece il sabato 28.

Continua a leggere

ATP

Nakashima: “Devo migliorare sui cinque set, Sinner ne aveva più di me allo US Open” [ESCLUSIVA]

Intervistato da Steve Flink, il vincitore delle Next Gen Finals Brandon Nakashima parla del percorso nel torneo milanese, “Più corti sono i set più c’è divertimento”, gli insegnamenti di Pat Cash, “Andare a rete il più possibile”, e dei suoi big match in stagione

Pubblicato

il

Brandon Nakashima - Milan 2022 (Twitter @nextgenfinals)
Brandon Nakashima - Milan 2022 (Twitter @nextgenfinals)

Nel 2022 ha vinto nella natia San Diego il suo primo e finora unico titolo ATP, ma ha alzato anche il trofeo Next Gen a Milano. Classe 2001, anche in questa stagione Brandon Nakashima ha continuato il percorso di miglioramento in quel termometro che è il ranking di fine anno. Se nell’agosto del 2021 aveva fatto l’ingresso in top 100, quest’anno ha sfondato il muro successivo e lo ritroviamo così al numero 47, dopo un picco al 43° posto.

Intervistato da Steve Flink per Ubitennis.net, Brandon ha cominciato la conversazione rispondendo alle domande sull’esperienza milanese, soprattutto per quanto riguarda la gestione del formato particolare e delle regole differenti. “Con i set brevi, subisci un break e in pratica vai al set successivo. Toglie dall’equazione l’elemento del cercare di rientrare quando sei in svantaggio perché è estremamente difficile farlo. Personalmente preferisco il solito sistema di punteggio, ma è una buona idea provarlo per le Next Gen Finals. Più corti sono i set, più divertimento c’è per i fan”.

Naturalmente, ha approfittato del vantaggio di aver già giocato con queste regole l’anno prima, quando aveva raggiunto le semifinali, sconfitto da Korda. “Mi ero un po’ abituato al formato, ma ero comunque nervoso prima dell’esordio di quest’anno. Sapevo di avere l’opportunità di fare bene e avevo delle aspettative alte”.

 

E, in effetti, proprio il suo primo match è stato quello più impegnativo, con Matteo Arnaldi unico a costringerlo al quinto set sulle ali dell’entusiasmo del pubblico amico. “Un incontro che mi ha aiutato per quelli successivi in termini di mentalità e approccio ai punti decisivi”.

Lo ha certo aiutato nella vertiginosa semifinale contro Jack Draper, del quale dice: “Ha un buon gioco a tutto campo per diventare un top player. Sono certo che questa non sarà stata l’ultima volta che ci gioco. Ci spingeremo l’un l’altro a migliorare nei prossimi anni”.

La parte più difficile della finale è stata giocare di nuovo contro Lehecka, giù battuto nel girone. “Sapevo che il primo match non significava granché a quel punto. Lui cercava la rivincita e sarebbe partito forte, quindi dovevo superare la tempesta. Un paio di punti nei tie-break hanno fatto la differenza. Alla fine, questo torneo sarà un trampolino”.

Abbiamo detto del primo titolo, che era uno degli obiettivi stagionali per Nakashima. “Sapevo di aver il gioco per riuscirci, mancava solo l’occasione giusta. Vincere nella mia città natale con famiglia e amici a tifare è stato speciale, non lo dimenticherò mai”.

Brandon aveva già avuto modo di dire che il suo idolo era Roger Federer, nonostante il suo gioco assomigli più a quello di Djokovic. Tenere i piedi sempre vicini alla linea di fondo sembra quasi un dogma per lui, tanto che nessuno avrebbe nulla da ridire, anzi, se in determinate situazioni si prendesse un po’ più di tempo e spazio. 188 cm di altezza, inappuntabile dal punto di vista atletico e muscolare, è sedicesimo nella classifica dei migliori battitori dell’anno compilata dall’ATP. Non è bastato per superare colui che in quella classifica è secondo, Nick Kyrgios, trascinato comunque al quinto agli ottavi in Church Road per il miglior risultato Slam del californiano. “Ho avuto l’opportunità di giocare contro alcuni dei più forti e ho tirato fuori il mio tennis migliore. Mi ha dato tanta fiducia. È stato fantastico giocare sul Centrale di Wimbledon oppure sull’Armstrong allo US Open nonostante abbia perso. La vittoria su Dimitrov a New York è stata uno dei migliori momenti della mia stagione”.

Brandon si sofferma poi sull’esperienza con Pat Cash, terminata alla fine del 2020. “Andare a rete il più possibile è una delle tante cose che ho imparato da lui. Poi ho provato diversi coach e ora ho Eduardo [Infantino] e Franco [Davin]. Collaborano e comunicano molto ed entrambi aggiungono valore al mio tennis”.

B-Nak, questo il suo soprannome, è uno dei nove statunitensi in top 50. “Il tennis Usa è messo bene, quindi per me è grandioso essere a questo punto, ma voglio continuare a migliorare. Gli obiettivi per il prossimo anno sono l’ingresso tra i primi 25 o 30 e andare avanti in tutti gli Slam. Ho 21 anni, quindi sto ancora costruendo la mia forma e diventando più forte e veloce. Una delle chiavi sarà migliorare la resistenza nei tre su cinque. Sento che allo US Open Sinner ne aveva assolutamente più di me negli scambi tirati. Ci sto lavorando, so che differenza può fare”.

Continua a leggere

ATP

Luca Vanni entra nello staff del Piatti Tennis Center: sarà maestro

L’ex n.100 ATP trasmetterà i suoi valori e conoscenze ai giovani del centro di Riccardo Piatti a Bordighera

Pubblicato

il

Luca Vanni - ATP Challenger Bergamo 2019 (foto Antonio Milesi)

La legge non scritta che nel tennis si possa arrivare in alto solo se si esplode in età abbastanza giovane, e che i treni passano poche volte, è stata ribaltata, forse non così frequentemente, ma non mancano gli esempi. E in tal senso, per quanto riguarda i colori italiani, Luca Vanni è uno dei maestri. Il 37enne ex n.100 al mondo, ritiratosi nel 2021, ha iniziato a emergere a certi livelli solo verso i 30 anni (best ranking raggiunto proprio a quell’età), mostrando come abnegazione e sacrificio spesso possano ribaltare storie apparentemente già scritte. E così, memore della sua carriera, dopo un anno in cui ha seguito Andrea Pellegrino, si è lanciato in una nuova, entusiasmante avventura: sarà maestro al Piatti Tennis Center di Bordighera. La notizia è stata annunciata con grande entusiasmo dal direttore sportivo Andrea Volpini: “Il nostro obiettivo era di alzare ulteriormente il livello dei maestri, inserendo nel team un coach che avesse grande conoscenza del gioco sulla base di esperienze vissute sulla propria pelle. Ho pensato a Luca: ottima persona e professionista affidabile, con un’enorme passione per il tennis e altrettanta conoscenza di questo sport“.

E lo stesso Vanni, che vanta anche una finale ATP (San Paolo 2015, persa al tie-break del terzo contro Pablo Cuevas), è apparso ben felice di mettere a disposizione dei giovani, dei ragazzi che sognano di emergere in questo sport, la sua esperienza e competenza. “A Bordighera“, spiega Luca, “ho trovato un ambiente davvero stimolante, nel quale si lavora sodo e c’è grande spirito di squadra. Qui i maestri insegnano, ma allo stesso tempo imparano. Trascorrendo ore e ore in campo, a grande intensità, si cresce costantemente. Nella mia prima settimana di impegno ho toccato con mano il funzionamento di un centro come questo, iniziando a capire quali sono i punti cardine del metodo Piatti“. Dunque una collaborazione che promette grandi soddisfazioni, sia per il Piatti Tennis Center, che potrà vantare un ex top 100 tra i propri maestri, sia per Luca Vanni, che avrà l’occasione di trasmettere il suo vissuto e provare a fare da allenatore anche di più di quanto fatto nell’ottima carriera da giocatore.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement