Fed Cup play-off: USA sul 2-0 in Australia. Russia-Bielorussia e Romania-Germania sull'1-1

Fed Cup

Fed Cup play-off: USA sul 2-0 in Australia. Russia-Bielorussia e Romania-Germania sull’1-1

Il costante bombardamento da parte di Madison Keys e la solidità Christina McHale portano gli USA sul 2-0 contro l’Australia. A Cluj-Napoca, Romania e Germania sono sull’1-1: Angelique Kerber supera facilmente la Begu, Simona Halep pareggia dopo una battaglia di quasi tre ore contro Andrea Petkovic. In Russia-Bielorussia facili vittorie di Daria Kasaktina e Viktoria Azarenka

Pubblicato

il

FED CUP, World Group, play-off
AUSTRALIA – USA 0-2 (dal nostro inviato a Brisbane, Robbie Cappuccio)

Sicuramente non il risultato che ci aspettava a conclusione della prima giornata qui a Brisbane per i play off della Fed Cup e USA a un passo dalla vittoria. Per l’occasione la superficie della Pat Rafter Arena (oltre 2000 spettatori oggi e tantissimi bambini) è stata cambiata in terra rossa, in modo da agevolare sia Stosur (semifinalista al Roland Garros nel 2012 e finalista nel 2010) che Gavrilova (quarti a Roma l’anno scorso). Mentre il pronostico dell’incontro di apertura è stato rispettato, con Madison Keys in splendida forma e braccio al fulmicotone che si sbarazza abbastanza facilmente di Daria Gavrilova, un pò troppo nervosa al suo esordio in Fed Cup coi colori verde oro dell’Australia, la sorpresa viene dal secondo singolare, dove Christina McHale vince in recupero lo scontro con Sam Stosur, protagonista dell’ennesima “stosurata”, e porta gli Stati Uniti sul 2-0, lasciando poche speranze alla squadra di casa.

Madison Keys (USA) b. Daria Gavrilova (AUS) 6-4 6-2

 

La giornata si apre con l’esordio di Daria Gavrilova a difendere i colori Australiani dopo il nulla osta in extremis dell’ITF. Dopo 6 giochi equilibrati in cui i nervi prevalgono sui colpi Keys trova la misura e inizia a bombardare Gavrilova che fa il tergicristallo, si rifugia in lob, cerca di spezzare il ritmo, ma non ce la fa a contrastare la potenza dell’americana: Dasha perde il servizio al fatidico settimo gioco con un doppio fallo e finisce per perdere il primo set 6-4.
Una Gavrilova remissiva nel secondo set“colpivo palle alte (leggi pallonettoni) troppo spesso e non ero abbastanza agressiva” confessa in conferenza stampa – non può nulla contro i fendenti da fondocampo di Keys, specialmente il dritto anomalo ad uscire: delle specie di missili terra-terra a partire dalla risposta al servizio, ben più potente del servizio dell’australiana. E così il secondo set si trasforma presto in un monologo americano dal terzo gioco in poi, quando Gavrilova affossa in rete uno smash da una distanza di circa un metro dalla rete. Keys invece continua a macinare vincenti: saranno 28 in totale per lei, contro i soli 4 dell’australiana.

Christina McHale (USA) b. Sam Stosur (AUS) 3-6 6-1 7-5

Le speranze di riequilibrare il match da parte dell’Australia sono riposte in Sam Stosur. Ah, il mindset, l’approccio mentale! Quanto è costato a Sam nella sua carriera?!? Una partita a scacchi tra le due, che giocano in modo tatticamente simile: lunghi scambi, dritto con topponi (soprattutto Stosur) ad uscire, rovescio alternato tagliato o piatto.
Un bel set con begli scambi, e le giocatrici che coprono chilometri di campo. Stosur fa prevalere la sua classe e esperienza e si porta 5-2 e set point per poi trasformarsi lentamente in colei che quasi quasi ce la fa e poi crolla. McHale salva il set e poi altri 3 set point sul servizio dell’australiana fino a cedere grazie ad una specie di demi volee di Stosur da fondo campo: 6-3 Stosur ma i segni sono già tutti là.
Ed ecco il cambio di inerzia: Stosur va in totale confusione con una serie pazzesca di errori non forzati. Sul 3-0 manda due palle sul soffitto e due in tribuna e poi perde il gioco successivo a 0. Il set finisce 6-1 in 25 minuti e Stosur è talmente stordita che inizia il terzo set camminando verso la metà campo sbagliata accorgendosene solo quando si trova sulla linea di fondo assieme a McHale!!
L’australiana fronteggia subito 2 palle break ma tiene e riesce ad uscire dall’abulia. Continuano gli scambi lunghi come nel primo set, e ce ne sono di pregevoli, come una stop volley di rovescio di McHale che si porta sul 2-2. Stosur ha ripreso confidenza, ma gli errori non forzati (44 nel match conotro i 33 di McHale) eccedono i vincenti (27 alla fine per l’australiana, 33 per l’americana). Il settimo gioco è drammatico a dir poco. 15-30 e ace, ma poi vincente di rovescio da parte di McHale e prima palla break. Salvata. Facile passante di rovescio sbagliato da Stosur. Palla break. Braccio di ferro a topponi di dritto e Stosur si salva. E così via per lunghissimi minuti con 6 palle break salvate da Stosur che alla fine tiene il gioco e la Pat Rafter Arena esplode: 4-3 Australia. Altre giocatrici avrebbero approfittato del momento per chiudere: non Stosur. O forse è merito di McHale che non si fa minimamente turbare dall’occasione persa (“ho solo cercato di rifocalizzare e non pensare ai punti passati ma a quelli a venire”) dice McHale in conferenza stampa. E rifocalizza bene riportandosi in parità sul 4-4 e poi sul 5-5. Stosur serve (malino) e commette due errori non forzati di troppo lasciando il gioco a McHale. Al cambio campo scaraventa per terra la bottiglietta d’acqua e il “pat pat” sulla gamba da parte della capitana Alicia Molik a nulla serve. McHale ha l’occasione e non se la fa scappare chiudento il terzo set 7-5 alla prima occasione.

In conferenza stampa Mary Joe Fernández, capitana USA, non nasconde la soddisfazione per le vittorie e per la scelta di McHale su Vanderweghe per il singolo. “So far, so good (fin qui tutto a posto)” dice Fernandez “abbiamo visto come le giocatrici si allenavano, come si sentivano sul campo e abbiamo preso la decisione” che si è rivelata vincente. “È un compito arduo a dir poco” commenta invece una realista Alicia Molik.

 

ROMANIA-GERMANIA 1-1  (Gabriele Ferrara)

Alla Sala Polivalenta di Cluj-Napoca (terra indoor) va in scena uno scontro tra Romania e Germania che si preannuncia incerto ed equilibrato. Come si poteva prevedere, alla fine della prima giornata le squadre si sono aggiudicate un match per parte, con Kerber e Halep che si sono imposte rispettivamente su Begu e Petkovic. Domani, probabilmente, sarà decisiva la sfida tra le due vincitrici di oggi.

A. Kerber b. I. Begu 6-2 6-3     

Nel primo match di singolare Angelique Kerber non ha problemi nel superare Irina-Camelia Begu, sconfitta con lo score di 6-2 6-3 in un’ora e ventisei minuti di partita.

I precedenti vedevano la tennista di Brema in vantaggio per 3-2, avendo vinto l’ultimo scontro la settimana scorsa nei quarti di finale di Charleston, anche se la rumena ha vinto l’unico scontro a livello Slam, quando lo scorso anno prevalse al primo turno degli Australian Open.

Si parte con la numero 3 del mondo che appare inarrestabile sia con il dritto lungolinea che con il rovescio in diagonale – i suoi due colpi migliori – mentre la giocatrice rumena appare in confusione, producendo poco gioco da fondocampo e non capendo a quale arma aggrapparsi per mettere sistematicamente in difficoltà l’avversaria. La Kerber dà spettacolo – notevole il passante con il dritto lungolinea che la porta sul 4 a 1 – e si porta avanti 5-1, anche se nell’ottavo game commette due errori gratuiti con il rovescio e concede un break point, ma Begu lo sciupa sbagliando in lunghezza una risposta di rovescio non impossibile, consentendo così alla teutonica di incamerare il primo set con il punteggio di 6-2 in 31 minuti.

Nel terzo gioco del secondo set la numero 35 Wta annulla con coraggio una palla break, ma- dopo un rovescio lungolinea vincente della Kerber ed un errore della rumena con il medesimo colpo – è costretta a cedere il servizio. Nel gioco successivo la tedesca è costretta ai vantaggi, ma riesce a trovare un gran dritto in cross ed un rovescio lungolinea estremamente profondo e potente che induce all’errore l’avversaria: 3-1. Nonostante riesca a salvare tre palle break nel quinto game, la ventiseienne di Bucarest non crea problemi alla tedesca nei suoi turni di battuta, con Angelique che mantiene una buona percentuale di prime (64%) e che si difende, come sempre, in maniera meravigliosa. Sul 5-3 la campionessa degli Australian Open trova due ottimi rovesci in diagonale e, dopo un errore di Begu con lo stesso fondamentale – in questo caso in lungolinea – archivia l’incontro con lo score di 6-2 6-3 in un’ora e ventisei minuti di gioco. Ottima prestazione della tedesca, troppo superiore ad un’avversaria che ha commesso molti errori (34 non forzati in totale).

 

S. Halep b. A. Petkovic 6-4 6-7(5) 6-4

Gli head to head vedevano la rumena avanti 5-1, avendo vinto anche il loro scontro più importante, ovvero la semifinale del Roland Garros 2014, quando l’attuale numero 6 del mondo si impose in due set.

Si parte con Halep che si porta avanti 3-1 e che si procura cinque chance del 4-1, non riuscendo però a concretizzarle. Nel game successivo la rumena commette un doppio fallo e, dopo un paio di ottime accelerazioni di dritto della Petkovic, concede il controbreak all’avversaria, che però sul 3 pari si fa strappare nuovamente la battuta. La giocatrice tedesca va costantemente in difficoltà quando si scambia sulla diagonale del rovescio, con la venticinquenne di Constanta che archivia il primo set per 6-4. Nel terzo gioco del secondo parziale la Halep sfrutta un paio di gratuiti dell’avversaria e, con l’ennesimo rovescio lungolinea, centra il break. La ventottenne di origini bosniache, che negli ultimi mesi è apparsa in grande difficoltà soprattutto dal punto di vista psicologico, sembra sempre più sfiduciata. Tuttavia, sul 3-2, l’allieva di Darren Cahill accusa un piccolo passaggio a vuoto e, dopo un rovescio lungolinea che termina in rete, concede il controbreak. Sul 4 pari Halep preme sul dritto dell’avversaria, che commette due errori gratuiti e che sulla palla break accorcia molto con questo fondamentale, consentendo alla rivale di chiudere comodamente in lungolinea e di salire 5-4. Ciò nonostante, nel decimo gioco la rumena gioca malissimo e, dopo aver affossato in rete un rovescio in diagonale, perde nuovamente il servizio. Si arriva al tiebreak, dove la giocatrice di Tuzla trova tre splendide accelerazioni di dritto e va avanti 5-2, trovandone un’altra per il 6-3, chiudendo poi 7-5 con uno schiaffo al volo.

Nella frazione decisiva la rumena approfitta delle difficoltà croniche di Petkovic sul lato del rovescio, portandosi avanti 4-2. Nel gioco seguente, tuttavia, sembra avere troppa fretta e. dopo un gratuito di rovescio, cede la battuta. Sul 4-3 la finalista del Roland Garros 2014 trova un gran rovescio lungolinea e si procura un break point, ma la tedesca si salva chiudendo a rete dopo aver spinto bene con il dritto. Tuttavia, Petkovic sbaglia un rovescio e un dritto in difesa, perdendo un’altra volta il servizio: 5-3 Halep. La teutonica, però, non molla e trova due splendide accelerazioni di dritto e si porta sul 30-40, ma Halep è brava a salvarsi facendola muovere repentinamente verso destra. Nonostante ciò, la rumena rimane troppo lontana dal campo e sbaglia malamente due dritti, con la rivale che rientra dunque sul 5-4. Nel decimo game, ancora una volta, Petkovic sente la tensione e sbaglia due dritti tutt’altro che impossibili e va sotto 15-40. Stavolta Halep gioca bene e induce all’errore l’avversaria dal lato destro, archiviando il match con il punteggio di 6-4 6-7 (5) 6-4 in due ore e quarantanove minuti di dura lotta. Prestazione altalenante da parte della rumena, mentre la tedesca potrà ripartire da questo incontro per ricominciare ad esprimersi ad altri livelli, magari già dalla giornata di domani, che sarà dunque decisiva per l’esito finale di questo appassionante scontro.

 

RUSSIA-BIELORUSSIA 1-1 (Tommaso Voto)

A Mosca una Russia priva della Divina  Sharapova, ferma per le note vicende doping-Meldonium, deve difendersi dall’assalto della Bielorussia di Vika Azarenka.

Kasatkina b. A. Sasnovich 6-3 3-6 6-1

Davanti ad un pubblico poco caloroso e con gli spalti praticamente mezzi vuoti, Daria Kasatkina conquista il primo punto della sfida dei play off di Fed Cup tra Russia e Bielorussia. È proprio la giovane russa il perno su cui la capitana Myskina ha impostato le sue convocazioni in vista di questo scontro contro la nazionale dell’ex n.1 Vika Azarenka. La Russia, finalista di Fed Cup appena qualche mese fa, rischia seriamente di uscire dall’elite del tennis mondiale dopo ben 18 anni, perché costretta a giocarsi questi play off con una formazione sperimentale e decisamente inesperta. La Bielorussia schiera, invece, Vika Azarenka, che, dopo i trionfi americani (Indian Wells e Miami), è pronta a giocare un brutto scherzo alla Madre Russia.

Il primo set è “on serve” fino al quinto gioco, poi è un doppio fallo della bielorussa a spezzare l’equilibrio del match. Ottenuto il 3 a 2 Kasatkina inizia ad imporre il suo gioco da fondo campo con più facilità, anche perché la differenza di “cilindrata” e di peso di palla, tra le due, è abbastanza evidente. Aliaksandra, n.100 della classifica WTA, non riesce a contenere l’esuberanza della russa, che con il diritto ribalta, spesso e volentieri, l’inerzia dello scambio a suo favore. La partita è molto mediocre, perché il gioco è frammentato e privo di elementi spettacolari. La bielorussa è in chiara difficoltà, infatti subisce il secondo break consecutivo  e permette alla russa di andare  sul 5 a 2. La tensione gioca brutti scherzi alla tennista di casa, che spreca due set point e perde addirittura il servizio. Tuttavia è una rimonta effimera, perché si apre un drammatico nono gioco, che ha una durata di ben 19 punti, in cui Kasatkina ha altri 6 set point. Sarà l’ottavo il punto che regala il primo atto alla russa, ma, in questi ultimi minuti, la dinamica del match sembra quantomeno propendere verso un match più equilibrato.
Il rendimento della Sasnovich, nel secondo set, è decisamente migliore, anche perché è più sicura con i colpi da rimbalzo e con il servizio ottiene punti facili. Questo cambio destabilizza la russa, che si innervosisce ed il suo gioco ne risente. La bielorussa è impeccabile in battuta e si porta avanti 5 a 2, poi subisce la reazione della Kasatkina, che ottiene il controbreak. La giocatrice di casa gioca a sprazzi, non è costante e perde troppo spesso la misura dei suoi colpi. Questo rinvigorisce Aliaksadra, che strappa la battuta (per la terza volta nel set) alla n.32 del mondo e chiude sul definitivo 6 a 3. La russa è in crisi, non riesce più a tenere il ritmo dei primi minuti e continua a fare molta fatica quando Sasnovich spinge con il diritto. Durante il cambio campo Myskina cerca di tranquillizzare la sua giocatrice, perché comprende che perdere questa partita comprometterebbe l’intera sfida di Fed Cup.
Ed è proprio la giocatrice di casa a partire meglio dai blocchi ed ha dominare il parziale dal primo all’ultimo game. Lo score definitivo è un 6-1 netto, che non lascia scampo alla bielorussa, che ha avuto praticamente un crollo. Per la Russia questa vittoria è importante, anche perché in questa sfida, con una formazione rimaneggiata, parte sfavorita. Ora il secondo match vedrà in campo Gasparyan e Vika Azarenka.

 

Azarenka b. M. Gasparyan 6-2 6-3  

Vika Azarenka liquida in due facili set  Gasparyan e riporta la parità nella sfida tra la Russia e la Bielorussia. È stato un match a senso unico, in cui l’ex n.1 ha dimostrato di essere tornata finalmente al top della forma. Il 2016 della bielorussa è, fin’ora, praticamente perfetto (unico neo la sconfitta agli Australian Open contro la futura campionessa Kerber). Già nel duplice successo americano (Indian Wells e Miami) si è vista in campo una Vika aggressiva, tonica e capace di dettare lei i ritmi del match.
Il passaggio sulla terra battura, seppure indoor, non ha dato alcun problema all’ex n.1 del mondo che, al netto di qualche sbavatura, ha saputo neutralizzare il gioco vario e potente della sua avversaria.
Gasparyan, che ha nel rovescio ad una mano un colpo stilisticamente quasi perfetto, è stata in partita solo per alcuni tratti, ma è troppo acerba ed inesperta per poter sperare di fare partita pari contro una big del tennis femminile.
C’è da dire che il match era iniziato con un break a favore della russa, ma Azarenka ha man mano sistemato il suo tennis ed ha poi imposto un ritmo da fondo campo praticamente impossibile da tenere per la sua avversaria.
Una volta scaldati i “motori” Vika ottiene il controbreak immediato e da quel momento il primo set diventa una formalità. Un 6-2 netto che fotografa in modo cristallino il gap tecnico che esiste tra le due protagoniste in campo.
Anche il secondo parziale si apre con un break a favore della russa, ma il finale del film resta identico, perché Azarenka picchia duro, costringe Gasparyan alla difensiva e, una volta pareggiato i conti sul 2 a 2, non ha più alcun problema a mettere fine alle ostilità.
Vika ottiene così l’ 1 a 1 nella sfida contro la Russia e, molto probabilmente, sarà il doppio a decidere chi tra le due nazionali retrocederà.

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup: Romania-Italia 0-2. Cocciaretto e Trevisan non tradiscono

Vittoria al cardiopalma per Martina, che salva due match point a Buzarnescu. Tutto facile per Cocciaretto contro Bara

Pubblicato

il

Inizia nel migliore dei modi per la nazionale azzurra la sfida di play-off contro la Romania nella Billie Jean King Cup (ex Fed Cup). Nel cemento indoor della Sala Polivalenta di Cluj le italiane guidate da Tathiana Garbin (senza la numero 1 Camila Giorgi, positiva al coronavirus) hanno vinto i primi due match di singolare, andando a riposo sul 2-0. La Romania non sta certamente schierando la sua formazione migliore: mancano infatti le prime cinque giocatrici della nazione, ovvero Simona Halep, Patricia Maria Tig, Sorana Cirstea, Irina Camelia Begu e Ana Bogdan. Non per questo il risultato che potrebbe acquisire l’Italia vincendo il tie (la qualificazione ai preliminari del tabellone di BJK Cup 2022) avrebbe meno valore.

La prima sfida è tutta nel segno di Elisabetta Cocciaretto. Scesa in campo da numero 2, ha battuto nettamente Irina Bara, n.132 WTA, in un’ora e mezza di partita con il punteggio di 6-1 6-4, recuperando da uno svantaggio di 0-3 nel secondo parziale dopo aver dominato il primo. Per Elisabetta è la quarta vittoria con i colori della nazionale azzurra: le prime tre sono state preziosissime (e anche più nette rispetto a quella su Bara). Le ha messe a segno lo scorso anno in Estonia e hanno permesso alle nostre ragazze di giocare questo match di play-off.

Il secondo match invece è stato un autentico dramma, durato oltre tre ore. Martina Trevisan ha superato Mihaela Buzarnescu (n.137 WTA) al tie-break del terzo set (7 punti a 5), finendo il match in lacrime. Una vittoria che ha il freddo valore del 2-0 per la squadra, ma ha un significato inestimabile per lei. Anzi, probabilmente ce lo spiegano quelle lacrime alla stretta di mano e l’abbraccio con Tathiana. Martina infatti aveva vinto un solo match in questo 2021, quello nel primo turno di qualificazione a Dubai contro Rodionova. La striscia di sconfitte stava per allungarsi oggi, perché nel terzo set (durato la bellezza di 103 minuti) è stata a un passo dalla sconfitta.

Prima si sono rifilate un 6-2 per parte. Poi è iniziata una sfilza di break, che ha portato la rumena a servire per il match sul 5-4. Martina è stata tenace e nonostante non si stesse esprimendo al meglio (complici alcuni fastidi fisici) è riuscita a salvare due match point consecutivi (40-15) e anche a non lasciarsi condizionare dal disappunto per aver perso il servizio sul 5-5 con numerose chance di tornare avanti nel punteggio. Ha recuperato ancora una volta il break e non si è distratta nel lungo Medical Time Out di Buzarnescu che ha preceduto il tie-break. Qui si è portata avanti 5-3 per poi chiudere il match alla prima occasione.

Sabato si continua con gli altri due singolari: salvo imprevisti, Cocciaretto incrocerà proprio Buzarnescu, mentre a Trevisan toccherà Bara.

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement