ATP Bastad: Fognini stende Gasquet al terzo, settimo titolo in carriera

ATP

ATP Bastad: Fognini stende Gasquet al terzo, settimo titolo in carriera

Fabio conquista il torneo svedese: 5 dei suoi 7 titoli sono arrivati nello swing di luglio sulla terra battuta. Ora si prepara a difendere il titolo a Gstaad

Pubblicato

il

[3] F. Fognini b. [4] R. Gasquet 6-3 3-6 6-1

Lasciato alle spalle il torneo di Wimbledon e con la stagione sul cemento americano nel mirino, il circus ha fatto tappa questa settimana a Newport, Umago e Bastad per tre tornei ATP 250. In particolare, nella cittadina della Svezia meridionale si è disputata l’edizione numero 71 degli Internazionali di Svezia, dal 2010 denominati SkiStar Swedish Open, una manifestazione dalla grande tradizione che in passato ha regalato più di una gioia ai tennisti italiani grazie ai successi di Zugarelli, Barazzutti, Canè e Gaudenzi. E non è finita, come avremo modo di raccontare. Ad ospitare il torneo è stato il Bastad Tennis Stadium, impianto aperto nel 1991 la cui capienza di circa 5000 posti a sedere supera curiosamente il numero degli abitanti della minuscola città situata nella contea di Scania. Da segnalare che dal 2002 al 2013 i giocatori hanno votato proprio Bastad quale miglior torneo di categoria. Protagonisti della finale odierna l’azzurro Fabio Fognini e il transalpino Richard Gasquet, terza e quarta testa di serie del seeding, vittoriosi rispettivamente su Verdasco e Laaksonen nelle semifinali disputate sabato. Non si è trattato di uno scontro inedito con Gasquet avanti nei precedenti per due vittorie – nette ma piuttosto datate – a una ma sconfitto nell’unico precedente sul rosso che risale a Montecarlo 2013. Ad aggiudicarsi il trofeo, il settimo della carriera su sedici finali e secondo hurrà di quest’anno, è stato Fognini al termine di un incontro altalenante nel punteggio ma tutto sommato ben controllato dal tennista ligure. Grazie a questo successo il trentunenne di Arma di Taggia risale in quattordicesima posizione nel ranking mondiale, un solo gradino sotto al personale best ranking distante adesso solo dieci punti.

 

LA CRONACA – In una splendida giornata di sole si parte con Fognini al servizio. Avvio peggiore non poteva esserci per l’azzurro che, complice un parziale di 8 punti a 1, in un amen è già costretto a inseguire nel punteggio un avversario uscito più rapidamente dai blocchi. La rincorsa, tuttavia, dura poco perché un dritto malamente affossato in rete dal trentaduenne francese consente a Fabio di ricucire lo strappo. Pregevole, come era prevedibile, il confronto sulla diagonale rovescia dove si oppongono due colpi stilisticamente diversi ma di grande efficacia. Gasquet, complice anche la pressione a cui è sottoposto da un avversario in palla, in questa prima fase assume sovente un atteggiamento passivo e una posizione sul campo troppo lontana dalla riga di fondo. Il risultato è un deciso e repentino cambio dell’inerzia del match con Fognini che, dal 2 a 0 sotto, inanella con autorità cinque giochi in successione prima di far proprio il parziale con il punteggio di 6-3 al primo set point. Ad inchiodare il francese in evidente confusione tattica anche una percentuale di prime palle al di sotto del cinquanta percento.

In apertura di secondo parziale Fognini ha subito sulla racchetta tre palle break di una certa importanza che un Gasquet finalmente propositivo cancella con caparbietà. Il rammarico per l’italiano si fa ancora più pressante quando, nel corso del quarto gioco, tre doppi falli regalano all’allievo di Tulasne un insperato allungo. Chiamato però a confermare il break, Gasquet confeziona un turno di battuta infarcito di errori rimettendo in equilibrio il parziale. A dimostrazione di un momento di partita tutt’altro che esaltante, uno smash non chiuso e uno per la verità non facile spedito a metà rete dal nostro giocatore consentono al francese di agguantare un game di risposta che sul 40-15 sembrava perso. Sfumato l’aggancio sul tre pari, di fatto il set si chiude qui. Gasquet allunga inesorabilmente e dopo un game interlocutorio appannaggio del rivale fissa lo score sul 6-3. L’impressione tangibile è che a Fognini sarebbe bastato poco per contendere fino in fondo questa seconda partita. Troppi, infatti, i punti importanti lasciati per strada dal taggiasco a causa di errori di esecuzione dopo una pregevole costruzione degli stessi.

Nel terzo e decisivo parziale è un Fognini rinfrancato a far da lepre. Turno di servizio agevole in apertura e break immediatamente capitalizzato sanciscono un prezioso 3 a 0 quando il cronometro si avvicina alla prima ora e mezza di gioco. Dei due, la sensazione è che a godere di una migliore condizione fisica sia in questo momento il pupillo di Davin che senza strafare si porta a due soli turni di battuta dal titolo. Gasquet esibisce un linguaggio del corpo preoccupante e l’atteggiamento arrendevole, condito da tre dritti malamente sbagliati, manda in onda i titoli di coda. Fognini, con alle spalle tutta l’inerzia del mondo e avanti con pieno merito per 5 giochi a 1, si appresta dunque a servire per il match. Un primo ace cancella una fastidiosa palla break, un secondo significa vantaggio e al quarto match point la pratica Gasquet è finalmente risolta. Pugno (e bicipite) al cielo per Fabio, Bastad è tutta sua. Più tardi ha giocato anche la finale di doppio insieme a Simone Bolelli contro la coppia Peralta/Zeballos. Gli azzurri sono usciti sconfitti in due set per 6-3 6-4.

Appuntamento ora a Gstaad dove Fabio è chiamato a difendere la vittoria conseguita dodici mesi fa, con la Top 10 che nelle settimane a venire potrebbe non essere un sogno.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Finalmente Shapovalov! A Stoccolma il primo titolo

Il canadese gioca un’ottima partita e regola Krajinovic in due set. Da lunedì sarà numero 27 (+7 posizioni)

Pubblicato

il

[4] D. Shapovalov b. F. Krajinovic 6-4 6-4

E alla fine arriva Shapo. A Stoccolma, Denis Shapovalov riesce a sbloccarsi e a vincere il primo titolo della sua carriera. Una carriera che sembrava poter esplodere nel 2017 quando il giovane canadese superò Rafael Nadal a Montreal, arrivando fino alle semifinali. Da lì in poi però ci sono stati moltissimi alti e bassi per Denis, con una preponderanza dei bassi e un’irruenza tennistica che sembrava ostacolarlo non poco.

Nella partita odierna contro Filip Krajinovic invece, Shapovalov è riuscito a imbrigliare la sua esuberanza, traendo il meglio dai suoi fantastici fondamentali senza strafare. Ottima la prestazione al servizio (93% di punti vinti con la prima e 16 ace) e ancora migliore quella in risposta con Krajinovic quasi sempre costretto a partire sotto pressione nello scambio.

 

Il primo set si chiude col punteggio di 6-3, frutto del break ottenuto da Shapo già nel terzo game, ma sarebbe potuto terminare anche con un punteggio più rotondo. Il canadese, scioltissimo, arriva a palla break in tutti i successivi turni di servizio di Krajinovic, che però fa buona guardia, annullando anche un set point sul 5-3. Nulla può però nel game successivo, vinto con autorità da Shapovalov.

Nel secondo parziale, Krajinovic riesce a tenere con più continuità le bordate di Shapovalov e addirittura si affaccia a palla break nel quarto gioco, senza però riuscire a convertirla. Denis allora torna a sbracciare con il rovescio e nel gioco successivo torna a farsi pericoloso sul servizio di Krajinovic, ancora costretto a fare gli straordinari. Il serbo salva tre palle break, ma l’impressione è che il braccio di Shapovalov sia tornato a frullare su ritmi troppo alti. Il canadese continua a rispondere tanto e bene e si prende il break decisivo nel nono gioco. Sull’ultimo rovescio messo in rete da Krajinovic, Shapovalov è libero di gridare a pieni polmoni la gioia per il primo titolo ATP.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

A Mosca si parla solo russo, Rublev stende Mannarino e succede a Khachanov

Finale senza storia in Russia, il beniamino di casa schianta il francese e conquista il secondo titolo in carriera. Best Ranking per lui al N.22

Pubblicato

il

[6] A. Rublev b. [7] A. Mannarino 6-4 6-0

Primo incrocio in carriera tra Andrej Rublev e Adrian Mannarino e secondo trionfo in carriera a livello ATP per Rublev, ed è sicuramente quello più dolce. Il tennista russo ha vinto il torneo di casa sua, Mosca, in una partita senza storia sin dalle prime battute.

Lo sfidante, il francese Adrian Mannarino già finalista qui nel 2018, non è riuscito ad opporre resistenza al tennis rude ma potente ed efficace di Rublev, capace di brekkarlo “a freddo” in avvio di match e di non voltarsi mai indietro. Il servizio sin da subito è stato la chiave tecnica del match, con il russo praticamente inattaccabile nei turni di servizio e con una sola palla break fronteggiata in tutta la partita, sul 3-2. Scampato il pericolo il francese non ha mai avuto modo di essere incisivo in risposta e si è limitato a tenere il servizio senza scossoni fino alla chiusura decisiva del set di Rublev.

Alla ripresa però Mannarino non c’è più in campo, e se prima il problema era la risposta ora anche il servizio manca all’appello. Nonostante il 57% di prime in campo, il 2/14 totale di punti al servizio di Mannarino nel secondo set spiega bene il perché dei tre break consecutivi e Rublev si limita a servire alla perfezione, con un 100% di punti vinti con la prima, ed a quel punto il bagel è la naturale conclusione del match.

 

Grande soddisfazione per Rublev che corona con un titolo la sua annata positiva e lunedì si isserà al best ranking di 22 del mondo. Continua invece lo scarso feeling di Adrian Mannarino con le finali. Nonostante si sia sbloccato con la vittoria a s’Hertogenbosch quest’anno, è l’ottava finale persa su nove . Entrambi da domani saranno di scena a Vienna, Mannarino contro Sam Querrey e Rublev in una sfida Next Gen contro Auger-Aliassime.

Il tabellone completo

Giorgio Di Maio

Continua a leggere

ATP

Per Murray stavolta le lacrime sono di gioia: clamorosa rimonta e titolo ad Anversa

Andy completa la favola dopo un set e mezzo sott’acqua. Wawrinka spreca troppe occasioni e alla fine cede al carattere e alla volontà dell’ex N.1 del mondo

Pubblicato

il

[PR] A. Murray b. [4/WC] S. Wawrinka 3-6 6-4 6-4

Dopo tutto quello che ho passato, è una delle vittorie più belle della mia carriera“. Basterebbe questo per riassumere una memorabile finale di un torneo che sulla carta doveva essere un semplice ATP 250 utile per raccattare gli ultimi punti per andare a Londra. Invece è diventato un torneo dal significato profondissimo, con Andy Murray, lo stesso giocatore che nel gennaio scorso aveva annunciato di fatto il ritiro, che torna a vincere un titolo dopo più di due anni e mezzo. Si tratta del 46° titolo della carriera, il più inatteso, il più insperato dopo l’operazione all’anca di nove 9 mesi fa.

Le lacrime di gioia a fine match sono inevitabili dopo un match ribaltato dopo 2h27 in modo imprevedibile contro un altro grande campione ritrovato Stan Wawrinka, che ha sulla coscienza troppe occasioni mancate nei momenti decisivi ma non solo e non tanto per il vantaggio di 6-3 3-1 che non è riuscito a condurre in porto.

Per un set e mezzo infatti le strepitose capacità di accelerazione e di spinta dello svizzero hanno il sopravvento su un Murray che non riesce a gestirlo. Ma lo spirito da leone dello scozzese non lo pone mai fuori dal match e alla fine la sua pazienza come quella di un abile tessitore lo porta ad aspettare il momento buono in cui lo svizzero concederà qualcosa specialmente dal lato del dritto. Sul lato del rovescio infatti stiamo parlando di due fenomeni assoluti, la potenza sovramuna di Wawrinka a una mano, la sensibilità da giocatore di biliardo di Andy anche quando è chiamato a correre in avanti a due mani. Un punto così è arrivato proprio nell’ultimo game del match, quando Andy dopo una rincorsa in avanti lunghissima è riuscito a chiudere di rovescio nonostante la presa bimane.

 

Wawrinka ha sprecato davvero troppo anche nel set decisivo. Per due volte avanti di un break nel terzo è stato immediatamente contro-breakkato e nel decisivo decimo game ha sprecato 4 opportunità del 5 pari una delle quali con un errore grossolano con la volée alta di rovescio. Murray ha speso tutto quello che aveva, e alla fine ha avvertito di essere il giocatore più freddo, più tranquillo in campo. Che poi è il motivo principale per cui lui ha vinto quasi il triplo dei titoli rispetto al suo avversario. Non certamente per motivi tecnici.

Alla fine parole al miele anche da Stan nonostante la delusione fosse evidente sul suo volto: “Mi dispiace di aver perso ma sono felice per te”.

Una frase che riassume perfettamente il sentimento di tutti gli appassionati di tennis, che hanno assistito a un vero e proprio miracolo sportivo, inimmaginabile anche solo poche settimane fa. La magia dello sport, di questo sport in particolare, è tutta lì. Murray chiude così la sua stagione (ridotta) 2019 ma siamo certi a questo punto che nel 2020 sarà un brutto cliente per tutti. Intanto ora può andare a casa ad accudire sua moglie che sta per regalargli il terzo figlio e sua grande sostenitrice.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement