Racchette e palline su tela: i capolavori del 2018

Focus

Racchette e palline su tela: i capolavori del 2018

Dal surrealismo di Caroline Wozniacki e Roger Federer alla scultura di Juan Martin del Potro. Un flashback dei migliori eventi della stagione appena conclusa

Pubblicato

il

Roger Federer - Australian Open 2018 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

“Tienimi per mano”… con questo incipit, nonché titolo di una toccante poesia, Hermann Hesse suggella il significato dell’esistenza umana, invocando il sostegno di una persona che possa condurlo “nel difficile vivere”. Questa rubrica non ha certo la pretesa di illuminare il sentiero dei nostri lettori, ma piuttosto di accompagnarli lungo un corridoio di una galleria d’arte, rivivendo i migliori eventi di un 2018 che ormai volge al termine. Non sarà un bilancio di ranking e statistiche, bensì un viaggio a ritroso nei momenti che hanno tenuto incollati gli appassionati anche di notte, tracannando caffè, pur di sostenere i propri idoli tennistici. Un excursus tra opere d’arte di ogni stile, ricche di emozioni, lacrime versate sui campi, sudore terso dai polsini macchiati di rosso.

Tutto ha inizio nella torrida Australia, in quel di Melbourne. Si alza il sipario, la platea ridonda di brusii, le attrici calcano la scena e sono pronte per recitare il loro copione nella finale del primo Slam dell’anno. Le protagoniste non possono che essere la numero uno e due del mondo: Simona Halep e Caroline Wozniacki. Nell’aria si respira tensione, l’esito è quanto mai incerto: da un lato una guerriera da anni sulla cresta dell’onda che vuole confermarsi e affermarsi; dall’altro una combattente dalle sembianze elfiche anche lei a caccia del primo titolo Slam. Il tennis sfoggiato dalle due è di alto livello, come non si vedeva da tempo nel circuito femminile: la rumena trova soluzioni estreme per sfondare il muro danese eretto da Wozniacki nel primo set. Halep incrocia dritti in top, ma anche palle corte taglienti, costringendo Caroline ad un gioco a rete forzato. Strategia vincente che infiamma la Rod Laver Arena tra sussulti e palpitazioni.

Lob, smorzate, spostamenti laterali, per quanto impeccabili, non possono nulla contro una Wozniacki dagli occhi di ghiaccio, talmente pungenti da imprimere la loro fermezza anche attraverso la telecamera. Un fendente a rete di Halep porta al cielo le braccia di Caroline, la quale non può fare a meno di lasciarsi cadere, abbandonando la fedele arma. Il suo sguardo granitico, impresso nella tela che stiamo osservando, si scioglie nella giusta commozione per il primo titolo Slam in carriera, dopo 43 partecipazioni e 3 finali disputate (le precedenti agli US Open 2009 e 2014). La vittoria porta Wozniacki di nuovo in vetta al ranking mondiale a distanza di sei anni. La giusta pennellata finale a compimento della prima opera d’arte dell’annata 2018.

 

Caroline Wozniacki – Australian Open 2018 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Continuiamo lungo la sezione della nostra galleria, distogliendo lo sguardo dalle tele al femminile, stile Frida Khalo, per passare ad un quadro surrealista. Sì, proprio così, perché quello che ha compiuto il Re del tennis va oltre ogni realtà pensabile. Stesso scenario, stessa arena, ma ad entrare in scena sono i finalisti del torneo maschile: Roger Federer e Marin Cilic. Neanche a dirlo, il pubblico inneggia allo svizzero come ormai siamo abituati a sentire. L’interrogativo è uno solo: riuscirà a bissare l’impresa dell’anno precedente?

Il “pof pof” della pallina è una pennellata morbida ed elegante, che si infrange da una parte all’altra del rettangolo, incantando il pubblico ludibrio. Le tinte rosa degli indumenti targati RF danzano sul tappeto blu del campo, accarezzando lo schizzo giallo che macchia di là e di qua la tela per due set di dominio. Per amalgamare il colore, Cilic è costretto più volte all’avanzamento a rete e a rovesci inchiodati sulle linee, riuscendo ad imporsi in un secondo e quarto set che fa tremare i federeriani. È solo il momento d’incertezza di una mano d’artista che sa già come dare il tocco finale al suo capolavoro. La volée che dà colore, il dritto in anticipo lucente, il rovescio in chiaroscuro e il servizio vincente ad uscire mettono la firma sul 20esimo Slam nella carriera di Roger Federer. Non resta che la commozione (anche dello stesso artista) di fronte a cotanta bellezza.

Si fa appena in tempo a distogliere lo sguardo da questo quadro, che la parete surrealista è pronta a regalarci ancora emozioni. Cambio di sfondo: Rotterdam, un mese dopo. L’artista è sempre lui, il tocco è inconfondibile. Questa volta la cornice è meno ridondante, ma i colori sono sempre vivi, energici. Ormai i co-protagnisti si amalgamano allo sfondo, ciò che appare è un autoritratto dell’ennesimo trionfo: Federer conquista il suo 97esimo titolo e torna ad essere il numero uno del mondo dopo 14 anni dalla sua prima volta (2 febbraio 2004), raggiungendo un totale di 303 settimane (neanche a dirlo, record già suo). È il dettaglio a fare la differenza tra un falso e un’opera autentica e irripetibile (forse): a 36 anni Roger è il più vecchio numero uno della storia del tennis, battendo il record di Agassi (33 anni).

Roger Federer – ATP Rotterdam 2018 (foto www.tennisimages.com)

Con la mano ancora stretta alla nostra guida si prosegue alla fine di questa prima sezione e, come degna conclusione, si erge una scultura in marmo. La sua imponenza è conturbante, la potenza baroccheggiante, ma le linee del volto sono gentili. È Juan Martin del Potro in finale ad Indian Wells. Il suo rovescio slice scalfisce come uno scalpello, il servizio dà corpo al capolavoro che si sta costruendo, seppur a fatica contro il surrealista svizzero, che non ne vuole sapere di non incorniciare un’altra tela da esporre. La torre di Tandil, con il suo dritto di marmo e le nuove soluzioni compensatorie per un polso martoriato, si erge in una sala dominata dal surrealismo per riportare la concretezza dell’arte che solo una scultura può donare.

Un pezzetto di roccia alla volta ed ecco che l’opera prende corpo e vita: nel terzo set Delpo salva ben tre match point, dopo averne sciupato uno nel tiebreak del secondo parziale. Il tiebreak finale squarcia la tela di Federer, così come quella degli US Open 2009 ed è il completamento del capolavoro marmoreo che suggella il primo Masters 1000 in carriera di Juan Martin del Potro.

Juan Martin del Potro – Indian Wells 2018 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Lettere al direttore: il talento di Fognini e l’archivio sterminato

Ma se Federer, Nadal e Djokovic fossero stati coetanei? Cosa sarebbe accaduto? Tutte le VHS di Ubaldo e la complessa questione sulla carriera di Fognini. Ha ottenuto il giusto, troppo o troppo poco?

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Ecco le risposte alle altre lettere che mi avete mandato. Continuate a scrivermi a scanagatta@ubitennis.com.


Caro Scanagatta,

Ho fatto un sogno. Federer, Nadal e Djokovic nati nello stesso mese e nelo stesso anno! Si fosse verificata tale eventualità, quanti slam in più avrebbe il Maestro Federer, irraggiungiibile Goat, insuperabile interprete della bellezza del Tennis? Perché nessuno degli esperti, lei compreso, non sottolinea questo aspetto più che determinante, data la differenza d’età di 5-6 anni, decisiva in termini di successi sportivi? Federer è stato, è e sarà sempre il migliore, al di là delle simpatie e del tifo esercitato per questi grandi campioni.

 

Dott. Alberto Romano Terzigno (Na)

Lei sogna, beato lei, e si ricorda pure i sogni. Io non me li ricordo quasi mai. Salvo quelli del primo mattino se mi riaddormento. Ma non sogno quasi mai tennis, salvo che trionfare a Wimbledon una o anche più volte di fila. Cosa vuole che risponda a un sogno-ipotesi del genere? Vuole che le confermi che Federer è il campione più  popolare di tutti, vinca oppure perda da vecchietto (rispetto ai due giovanotti di cinque e sei anni più giovani)? Non c’è bisogno che glielo dica io. Lo sanno tutti, e lo sanno perfino coloro che non lo amano ma sono fan di Rafa o Nole.  Potrei dirle forse che anche da coetanei Rafa avrebbe battuto Roger sulla terra rossa più volte di quanto ci avrebbe perso. Ma non sarei originale. Come se dicessi chi venderebbe più biglietti al botteghino (quello vero… non alludo al soprannome che hanno dato a Binaghi in Sardegna i suoi amici) nel caso di un confronto fra due coetanei Federer e Djokovic. Però non scommetterei la casa sul vincitore di quel duello fra…coetanei. Troppe variabili imprevedibili. La superficie, il clima, gli avversari e le battaglie combattute prima del loro confronto. L’eleganza è una cosa, la sostanza non sempre vi si accompagna. E la bellezza è quel che piace. Continui pure a sognare lei, mi raccomando.


Gentile direttore Scanagatta, mi è piaciuta molto la riproposizione su Sky di alcune storiche telecronache di Rino Tommasi e Gianni Clerici. Immagino che lei conservi vecchie videocassette con le sue telecronache insieme a Tommasi o a Roberto Lombardi, trasmesse da Telecapodistria e poi da Telepiù, e volevo chiederle questo: potrebbe per favore digitalizzarle e renderle disponibili a tutti gli appassionati, su Ubitennis, o YouTube, o dove preferisce?

Non sono un esperto, ma leggo in giro su Internet che basta un semplice cavetto per digitalizzare una VHS e trasportarne il contenuto su computer. Potrebbe per favore vedere se la cosa è fattibile e fare un bel regalo a tutti noi? 🙂 (Alberto R. – Milano)

Ho tre casse di videocassette, in soffitta. Mia moglie vorrebbe farle fuori perché occupano spazio da tempo immemorabile. Molte non le ho mai sentite neppure io. E temo non le sentirò mai. Per respingere gli assalti di mia moglie che non si azzarda a dirmi le stesse cose per 500 libri di tennis (ma lo fa invece per raccolte cartacee per l’archivio di centinaia di giocatori e giocatrici) dico: “Magari un giorno ai miei figli (nipoti?) potrebbe anche prendere il ghiribizzo di ascoltare la voce del nonno e dei suoi celebri compagni di merende tennistiche (beh sì, in termini di preparazione e cultura tennistica quasi dei “mostri”)”. Mento sapendo di mentire. Non interesseranno mai a nessuno. Anni fa credo anche, Alberto, di aver comprato uno strumento (chissà dov’è?) che consentiva di trasferire le cassette in un qualche sorta di hard disk. Non mi pare fosse un semplice cavetto. Il regalo, detto tra noi, me lo farebbe chi avesse voglia di passare da casa mia a Firenze, per un pranzetto e per recuperare tutto questo materiale e ridargli vita. Temo non lo farà mai nessuno. E se per le cassette in fondo, beh poco male, mi piange invece il cuore a pensare a tutto quel materiale cartaceo raccolto in poderosi contenitori da ½ chilo l’uno, con le storie, le interviste, i migliori articoli in più lingue, di tanti campioni del passato. Avere un sito di tennis e non poter riversare ai lettori un centesimo di quello che ho nei libri, in quegli scaffali – un armadio è diviso in quattro ante e dietro ciascuna c’è materiale solo per i 4 Slam, un anta ciascuno! – mi angoscia. Perché il giorno in cui non ci sarò più finirà tutto al macero vanificando mezzo secolo e più di stupida inutile archiviazione.


Ciao Ubaldo,

Volevo chiederti cosa ne pensassi di Fognini (solo come tennista, so che avete avuto dei problemi dal punto di vista umano: ”gelataio” ecc…). Nella sua stagione d’oro è arrivato 11° nella race, mentre un Dimitrov è riuscito ad arrivare 3° nella sua stagione della vita.Non credi che forse Fognini sia stato sopravvalutato dalla stampa italiana? (per me sì e lo dimostra il fatto di non aver mai giocato un quarto in uno Slam).

Cordiali saluti (Taranto, Francesco Putignano)

L’argomento scotta e non vorrei bruciarmi. Perché chi segue Ubitennis sa dei difficili rapporti che ho con Fabio che evita, quando può, di rispondermi. E se è costretto a farlo nelle conferenze stampa lo fa il più delle volte in maniera scortese per non dire ineducata.

La storia alla base di tutto ciò è risaputa. Fabio ha sempre pensato che io fossi il responsabile di quanto scrivevano e scrivono su Ubitennis i lettori. Riteneva, sbagliando, che avrei dovuto cancellare le critiche che gli venivano rivolte. Non ho mai cancellato quelle che vengono rivolte a me, e non ne sono mancate anche di pesanti, e non sono state cancellate neppure le critiche che venivano indirizzate a lui. Si sono cancellate invece le offese, quando non ci sono sfuggite. E non mi pare che ci siano sfuggite a lungo. Non sono mai arrivate critiche sui comportamenti di Seppi, Berrettini, Lorenzi, Bolelli, Fabbiano, Sinner, Travaglia, Caruso, Pennetta, Vinci, Errani, Schiavone, dico i primi nomi che mi vengono in mente, come invece ne sono arrivate incessantemente per Fabio.

A quelle si sono aggiunte, in certe occasioni, come quel giorno del suo incontro con Tsonga a Montecarlo, anche le mie critiche. Sempre collegate alle cronache puntuali, oggettive di quanto era accaduto, dalle parolacce indirizzate al suo clan, a tutto il resto. Come riferito anche dai giornalisti presenti. Idem nel giorno dei pesantissimi insulti alla giudice di sedia che arbitrò il suo match all’US Open con Travaglia, quello che gli costò l’espulsione dal torneo. Roba successa a McEnroe (in Australia, ma durante il match con Pernfors) e forse a nessun altro.

Se Fognini avrebbe preferito che io non ne parlassi, o che io non citassi alcuni episodi di sua evidente maleducazione, beh… non potevo proprio venire incontro ai suoi desideri. Avrei tradito il mio mestiere di cronista. Sono stato più severo di altri colleghi? Forse, ma forse anche perché a differenza di colleghi obbligati dal loro status di dipendenti di giornali e quindi costretti a rendere conto ai loro direttori di una mancata intervista, di un “buco” giornalistico, non avevo bisogno di conquistarmi le sue benemerenze per future interviste one to one.

Non ha voluto parlare con me? Sono sopravvissuto serenamente e Ubitennis non ne ha risentito. Avessi avuto un datore di lavoro, forse non me lo sarei potuto permettere. Lui questo non lo ha capito, è arrivato a credere perfino che io potessi fare autolesionisticamente il tifo contro di lui, quando non è mai successo. Anzi, mi sono eccitato, esaltato come se fosse mio fratello quando ha colto exploit importanti, la vittoria in rimonta su Nadal all’US Open, la lezione di tennis con 13 smorzate vincenti a Murray in Davis a Napoli, la maratona all’imbrunire del Roland Garros con Monfils.  

La faccio breve adesso. Sono consapevole del rischio che queste vicende possano – agli occhi dei lettori – far pensare che io non riesca a essere obiettivo sul suo conto, nel momento in cui io mi debba esprimere sul Fognini tennista. Che è invece quel che mi chiede qui Francesco.

Allora ribadisco quanto sempre affermato : Fabio è stato indiscutibilmente il miglior tennista italiano degli ultimi 40 anni. L’ho scritto mille volte. È un tennista che ha una mano (ma anche due piedi…) straordinaria. Ha un talento allo stato puro che – se fosse stato accompagnato da 7/10 cm in più e da un servizio all’altezza – con un’altra testa lo avrebbe inserito fra i primi 5 del mondo stabilmente. Quando dico testa dico talmente tante cose – e non che sia stupido, sia chiaro – che l’elenco sarebbe lunghissimo. Capacità continua nel tempo, negli allenamenti, in una gara, lungo tutto un torneo, più tornei, di concentrazione e determinazione in lui assolutamente non paragonabili con i campioni della sua generazione, i Murray, i Djokovic, i Wawrinka più che “genius” Federer che non può esser considerato suo coetaneo. Questa palese carenza non gli ha permesso di centrare l’obiettivo top 10 che pareva tranquillamente alla sua portata, fino ai 32 anni. Né di centrare un quarto di finale in oltre 40 Slam salvo quello conquistato nel 2011 al Roland Garros dopo aver annullato caterve di match point a Montanes e senza averlo potuto difendere contro Djokovic (peraltro unico dei più celebri “coetanei” a non aver mai battuto).

Lo sport con i suoi risultati non mente. Se Fognini non è stato a lungo top 10 e più su di dove è arrivato un motivo, più d’uno c’è. Sopravvalutato? Beh, uno che è il n.1 d’Italia per un decennio merita tutta l’attenzione possibile. E di gente che, nelle giornate di vena, fa spettacolo come lui, ce n’è poca, pochissima. Dia o o meno in escandescenze – che è un po’ quel che tutti si attendevano anche quando giocava McEnroe – Fabio è un tennista dal tennis originale, diverso, imprevedibile, creativo, fantastico da vedersi. Pochi sono i giocatori che possono farti gridare più ‘Ohhh‘ di meraviglia di lui. Ti fa anche incavolare per come è capace di rovinare quel talento all’improvviso, di come può indisporre arbitri, avversari, pubblico, tutti quanti. Ma è fatto così, prendere o lasciare. Un genitore più rigido e inflessibile – come è stato papà Federer con Roger quando lo svizzero fracassava racchette e gridava improperi – avrebbe potuto limitarne gli eccessi? E costruire le premesse per un campione super top? Non lo sapremo mai.

Continua a leggere

Racconti

Storie di tennis: Renée Richards, la donna che visse due volte

Non come intendeva la questione Hitchcock, ma nel senso che è stata la prima atleta transgender dello sport professionistico

Pubblicato

il

Teatro di questa puntata di “storie di tennis” è l’Open degli Stati Uniti. In tempi normali avrebbe quindi visto la luce più in là nel tempo ma, poiché i tempi che stiamo vivendo di normale hanno ben poco, abbiamo deciso di raccontarvela adesso. Protagonista della storia è una stimata oftalmologa americana ed ex tennista professionista: Renée Richards.

L’eccezionale avventura umana e sportiva di questa donna, che ha ispirato due autobiografie e due film, comincia a New York nel 1934 quando in una ricca famiglia borghese viene al mondo un neonato di nome Richard, Richard Raskind. Richard è un’atleta eccellente e mostra una notevole predisposizione per ogni tipo di sport; al liceo eccelle nel football, nuoto, tennis e baseball, sport per il quale riceve l’invito a un provino dai New York Yankees. Raskind decide però di dedicarsi esclusivamente al tennis e negli anni ‘50 partecipa per cinque volte allo Slam nord americano senza però mai andare oltre il secondo turno in singolare. L’ultima apparizione di Raskind agli US Open risale al 1960 quando al primo turno perde contro il futuro vincitore, Neil Fraser.

Il 1960 è anche l’ultima stagione che lo vede partecipare a un torneo maschile. Quell’anno il nostro protagonista abbandona il tennis e si dedica con successo all’esercizio della professione medica e contemporaneamente a combattere i conflitti interni che lo tormentavano sin dall’adolescenza. Alla fine della battaglia nel 1975 – sposato e padre di un bambino di 3 anni – Richard Raskind decide di accettare la sua natura e di sottoporsi all’operazione che gli consentirà di riapparire di fronte al mondo con il nome di Renée (in francese “rinata”) Richards.

Renée ha 41 anni, è una dottoressa di grande successo ma non è riuscita a venire a patti con la sua passione per il tennis agonistico ad alto livello. Dopo avere divorziato si trasferisce in California dove – parallelamente alla sua professione medica – riprende a calcare i campi da tennis in tornei semi-professionistici femminili nascosta sotto lo pseudonimo di Renée Clark. L’anonimato durò poco. La sua statura (188 cm) e il suo stile di gioco aggressivo e atletico attirano l’attenzione di un reporter che nel volgere di un giorno scopre la sua identità originaria e la rende di dominio pubblico.

La United States Tennis Association prende immediatamente posizione sulla vicenda esprimendo un parere negativo in merito alla sua partecipazione ai tornei professionistici precludendole di fatto così la possibilità di partecipare allo US Open. Posizione resa ancora più forte da un episodio coevo: quando un coraggioso organizzatore – ignorando il parere dello USTA – le dà una wild card per prendere parte il suo torneo, 25 giocatrici su un totale di 32 si ritirano immediatamente. Le altre giocatrici non volevano affrontare un’avversaria così alta e potente indipendentemente dal fatto che avesse superato i 40 anni di età e fosse inattiva a livello professionistico da 15 anni.

Siamo nel 1976 – per coincidenza anno in cui William Bruce Jenner, ora all’anagrafe Caitlyn Jenner, vince l’oro olimpico nel Decathlon a Montreal – e a Renée si presentano due opzioni: accettare la decisione dello USTA (prendendo anche atto dell’ostilità delle altre giocatrici) limitando così le sue performance tennistiche al club del quartiere, oppure dare battaglia legale. Sceglie la seconda strada perché “non mi piace che mi dicano cosa posso e cosa non poso fare”, avrebbe dichiarato anni dopo.

Fa quindi causa alla USTA presentando ai giudici incaricati le dichiarazioni del chirurgo che la aveva operata e di Billy Jean King – all’epoca seconda giocatrice del mondo – che ne garantiscono la femminilità fisica e psichica. La USTA si difende affermando la teoria che, in caso di sentenza favorevole a Richards, il mondo del tennis femminile avrebbe potuto subire un’infiltrazione massiccia da parte di altri atleti uomini. Il giudice dà ragione a Renee che nel 1977 può così iniziare la seconda parte di una carriera interrotta nel 1960 quando ancora si chiamava Richard Raskind.

Richard Raskind nel 1972 (foto AP)

Il debutto al primo turno dello US Open richiama una folla degna di una finale ma Virginia Wade la supera abbastanza facilmente in due set; Richards si toglie comunque la soddisfazione di raggiungere la finale del doppio nella medesima edizione e di arrivare al terzo turno nel singolare nel 1979, anno in cui raggiunge la ventesima posizione assoluta nel ranking. Sino al 1981 – anno del suo ritiro – le manifestazioni di ostilità contro di lei sono comunque forti e incessanti e culminano nel plateale ritiro dal campo prima dell’inizio della partita di una sua avversaria, Kerry Reid, australiana numero 7 del mondo.

Dopo l’abbandono dei campi da gioco, Renée non lascia il tennis e per i due anni successivi allena di una delle poche tenniste che si erano schierate sin dal primo momento al suo fianco insieme a Billy Jean King: Martina Navratilova.

Renée Richards è stata la prima atleta transgender nella storia dello sport professionistico. A distanza di oltre quarant’anni il dibattito su questo argomento nel mondo dello sport è ancora vivo e aspro, come dimostra la travagliata vicenda che riguarda la mezzofondista sudafricana Mokgadi Semenya. Nel mondo del tennis, a schierarsi contro la partecipazione delle atlete transgender ai tornei femminili è stata Martina Navratilova.

Quanto sia delicato il tema e labile il confine tra giusto e sbagliato lo dimostrano a fortiori le affermazioni rilasciate dalla stessa Renée Richards nel corso di un’intervista risalente allo scorso anno, nella quale afferma di aver deciso di competere nel circuito femminile solo perché il suo vantaggio atletico era a suo parere compensato dall’età; in caso contrario si sarebbe astenuta dal farlo dato che altrimenti – parole testuali – avrebbe “fatto polpette” delle sue avversarie. E non le sarebbe sembrato giusto.

 

Renée Richards, la transessuale che ha fatto storia – Un articolo del 2010

Continua a leggere

Focus

In memoria del vecchio campo n.1 del Roland Garros

O anche ‘Bullring’, come veniva chiamato per la sua configurazione circolare, simile a un’arena. Ora demolito, è stato teatro dell’esordio di Nadal e di altre partite storiche

Pubblicato

il

Un mese fa, lunedì 1 Giugno, il giornalista del New York Times Christopher Clarey ha condiviso tramite il suo account Twitter una foto del cantiere in corso nell’impianto del Roland Garros: sotto un cielo senza nuvole e al cospetto del nuovo Chatrier si vedono gli operai che hanno ricominciato a lavorare dopo la pausa imposta dalla pandemia. Fino a qualche mese fa sulla distesa di terra in primo piano sorgeva l’iconico Campo N. 1, il cosiddetto Bullring.

Nel grande progetto di rinnovamento del parco in cui si svolge lo Slam parigino vi è la creazione di una grande area verde da cui, durante le due settimane di torneo, si potranno vedere le partite su un maxi schermo installato sul Philippe-Chatrier. Durante tutto il resto dell’anno la zona rimarrà aperto al pubblico come estensione del giardino delle serre d’Auteuil.

 

Amatissimo dagli spettatori del Roland Garros, il Bullring deve il suo nome alla particolare configurazione circolare che lo faceva somigliare a una arena per corride piuttosto che a un campo da tennis e la vicinanza del pubblico al terreno di gioco creava un’atmosfera da Cinco de la tarde, all’opposto dell’eleganza chic degli altri due palcoscenici del Suzanne-Lenglen e del Philippe-Chatrier. 

L’idea bizzarra di costruire un contenitore circolare per un campo rettangolare si deve all’architetto Jean Lovera, che curiosamente ebbe un passato da tennista di alto livello: raggiunse il secondo turno dell’Open di Francia nell’edizione del 1974 e ancora oggi dirige il suo studio a Grenoble continuando a disegnare palazzetti e campi da tennis. Il Bullring venne inaugurato nel 1980 alla presenza di Jean Borotra (uno dei quattro Moschettieri del Tennis francese) e fu concepito come un “Centrale bis”, forte dei suoi 4.300 posti (poi diminuiti a 3.800). Venne poi superato nel 1994 dall’arrivo del Suzanne-Lenglen, che ha una capacità di circa 10mila spettatori.

Proprio perché era diventato il terzo campo nella gerarchia del torneo (l’anno scorso addirittura il quarto con l’inaugurazione del Simonne-Mathieu), vi andavano in scena molti match considerati non “di cartello” che tuttavia sono poi entrati nella storia del torneo, e in 39 anni di servizio non sono mancati i colpi di scena. Per esempio un certo Rafael Nadal ha tenuto qui il suo battesimo a Parigi nel Maggio 2005, prima di diventare Re due settimane più tardi, alla sua prima partecipazione allo Slam. L’americana Chris Evert, sette volte campionessa, invece vi giocò l’ultima partita al Roland Garros nel 1988, perdendo al terzo turno dalla Sanchez Vicario. 

Sempre su questo campo nel 1997 un giovane brasiliano, Gustavo Kuerten, fece scalpore eliminando Thomas Muster al terzo turno e conquistando successivamente la prima delle sue tre Coppe dei Moschettieri. E come non ricordare la volta in cui Marat Safin si abbassò i pantaloncini al termine di uno scambio forsennato e memorabile durante una maratona combattuta su due giorni (6-4, 2-6, 6-2, 6-7, 11-9). Il pubblico se la rise di gusto, l’arbitro meno, tanto che lo sanzionò.

A far perdurare la memoria di questo mitico campo, oltre alle immagini e ai ricordi di Christopher Clarey e di noi tutti, restano oggi una serie di oggetti realizzati con materiali di riciclo derivati dalla sua demolizione: sedie, borse e portafogli fatti con i teloni pubblicitari e clessidre riempite di terra rossa. Tutta la collezione è andata esaurita in 24 ore e il ricavato di circa 30.000 euro è stato devoluto alla fondazione Fête le Mur, patrocinata da Yannick Noah.

Pietro Tovaglieri

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement