Australian Open: splendido Roger Federer, via col Venti

Australian Open

Australian Open: splendido Roger Federer, via col Venti

MELBOURNE – Roger Federer vince il 20esimo Slam della sua incredibile carriera. Battuto in cinque set Marin Cilic

Pubblicato

il

Ancora clamoroso Roger! L’impresa Slam numero 20 del fuoriclasse svizzero scrive una pagina di storia che difficilmente potrà essere superata. Si sono visti in campo momenti di Federer sopraffino e momenti di Federer più umano, vittima dei naturali cali atletici dell’età. A inizio partita il suo braccio sembrava fendere l’aria con la rapidità dei giorni migliori, poi sono arrivate le difficoltà che hanno permesso a Cilic di prendersi il secondo e il quarto set, fino a lasciar sospettare che il quinto e decisivo parziale potesse essere davvero una battaglia. Non è stato così: Roger Federer ha dominato l’ultimo set, e dopo 3 ore e 3 minuti di lotta ha vinto il sesto Australian Open e il suo 20esimo Slam. 

 

[2] R. Federer b. [6] M. Cilic 6-2 6-7(5) 6-3 3-6 6-1 (dal nostro inviato a Melbourne)

Siamo dunque arrivati alla fine anche di questo Australian Open. In campo per l’atto conclusivo del singolare maschile, lo svizzero Roger Federer (36 anni, 2 ATP) e il croato Marin Cilic (29 anni, 6 ATP). Per Roger è la finale Slam numero 30, di cui 19 vinte (qui l’elenco con la descrizione di ogni match), per Marin è la terza, una vittoria allo US Open 2014 (su Kei Nishikori) e una sconfitta a Wimbledon 2017 (da Federer). I precedenti sono 8-1 in favore dello svizzero. La serata è molto calda, la Rod Laver Arena è gremita, non c’è un posto libero, il pubblico è entusiasta, l’atmosfera è veramente piacevole. Si gioca con il tetto chiuso, in effetti il caldo è insopportabile all’aperto: 38 gradi, la heat policy impone prudenza.

FULMINANTE ROGER – Primo game, al servizio Cilic, subito Roger entra cattivo con la risposta di rovescio da destra, palla break, ma Hawk-eye salva il croato a cui era stato chiamato fuori un diagonale. Si rigioca il punto, e su un pallonetto altissimo dello svizzero Marin affonda malamente lo smash: 1-0 Federer, che poi tiene con autorità la battuta. Bello un dritto in controbalzo, 2-0, grande avvio per lui. Continua a spingere alla grande con la risposta Roger, Cilic in evidente difficoltà cambia la racchetta, il pubblico mormora, ma arrivano altre tre palle break per Federer. Sulla seconda Marin commette un altro erroraccio di rovescio, siamo 3-0 con doppio break, sono passati pochi minuti e il primo set sembra già avere un padrone. Uno scambio di pura potenza sulla diagonale di dritto conquistato da Roger, a velocità di braccio e palla incredibili, provoca gli “oooh” della folla, e arriva il 4-0. 16 punti a 4 finora, il proverbiale avvio shock per Cilic. Quando Marin tiene il primo game di servizio gli applausi di incoraggiamento sono fragorosi, la gente può amare Federer quanto si vuole, ma se hai pagato centinaia di dollari (come minimo) per essere qui, vuoi una partita. Roger pare di diverso avviso, e chiude in scioltezza 6-2. 26 punti a 13, il doppio esatto, non servono altre statistiche.

REAZIONE MARIN – Giustamente, Cilic reagisce a inizio secondo set, conquistando con un gran rovescio lungolinea due palle break, le prime per lui, nel secondo game. Ma il servizio e il dritto dello svizzero gliele cancellano, ottimo Federer nel piccolo momento di difficoltà. Nel game successivo, risalendo da 40-15 sotto, Roger va a palla break, bravo qui Marin a stampare l’ace esterno. Sta salendo almeno con il rendimento al servizio, il croato, per il resto non sembra avere armi per far male all’avversario. Ci mette 16 punti in tutto Cilic a tenere la battuta e andare 2-1, che fatica contenere questo Federer, che lo raggiunge sul 2-2 in un attimo. Una rispostona lungolinea di dritto di Federer lo manda ancora a palla break poco dopo, è il servizio a tenere a galla Marin, ma sta rischiando tantissimo, siamo 3-2. Se l’unico modo per non farsi costantemente aggredire è tirare a 210 kmh senza sbagliare mai, la faccenda è preoccupante. Finchè ci riesce, il croato rimane lì col punteggio, bravo lui a rifiutarsi di uscire dal match, siamo 4-3 in suo favore. Roger esce spesso vincitore anche dagli scambi in pressione violenta, manovra in controbalzo da maestro, e due game dopo ha di nuovo palla break dopo un bel passante di rovescio. L’ace con la seconda palla di Marin che la annulla è significativo di quanto il croato debba tirare tutto al limite solo per fare match pari, ma è ammirevole il modo in cui lotta, 5-4 per lui. La sua tenacia viene premiata: due doppi falli Federer, e set-point Cilic, ma il rovescio in rete lo fa sfumare. Se ne va un’occasione forse irripetibile, siamo 5-5. Pochi minuti dopo, eccoci al tie-break. Sul 2-2, minibreak per Roger con una gran combinazione rovescio in cross e dritto in contropiede, ma una fulminante legnata in risposta di Marin rimette le cose a posto, 3-3. Buon livello adesso, ed emozioni assicurate. Quando un’altra risposta di rovescio di Cilic, seguita dal drittone, lo porta ad altri due set point, l’arena trattiene il fiato. Il primo viene annullato col servizio da Roger, lo smash di Cilic trasforma il secondo, 7-5, e siamo un set pari. Bravissimo Cilic, grinta e testa lo hanno premiato, adesso è tutta da giocare. 

UN FEDERER ATTENTO – Il terzo set inizia in modo equilibrato, finalmente Marin fa viaggiare bene i suoi colpi, Federer sembra aver accusato un po’ la reazione dell’avversario, si procede testa a testa fino al 3-2. In particolare, Cilic sta trovando il tempo nelle risposte, azzeccandone anche diverse vincenti dirette. Ma tirando tutto senza margine, si corre sempre il rischio di andare fuorigiri e commettere errori anche in serie: nel sesto game, accade questo, e la conseguenza sono tre palle break consecutive per Federer. Una gran risposta di dritto nella seconda occasione fa esplodere la Rod Laver Arena, siamo 4-2 per Roger, e in un attimo 5-2. Poco dopo, sul 5-3, un chirurgico Federer mette quattro prime palle, e chiude i terzo set con un ace, 6-3. Con il Cilic visto dal secondo set in poi bisogna stare bene attenti, e lo svizzero è stato il primo ad accorgersene.

CILIC NON MOLLA MAI – Continua a fare molta attenzione Roger anche a inizio quarto set, corre e anticipa senza cali di intensità come nel secondo parziale. Approfitta di un paio di errori di Marin, brekka al primo game, tiene per il 2-0, incassa il doppio fallo del croato e una palla del secondo break. Si scuote Cilic, si salva tirando a tutto braccio, e accorcia sul 2-1. Poteva già compromettere tutto, gli è andata bene. Federer sta nuovamente salendo di livello, il campanello d’allarme del secondo parziale lo ha ben stimolato. Si vedono belle discese a rete, una gran palla corta, un paio di super-dritti. Ma anche diverse risposte d’incontro spaventose da parte di Marin, che nel sesto game arriva a 0-40, e tre palle del contro-break. Con un bel dritto diagonale trasforma la prima, e siamo 3-3, bravissimo. Nel game successivo, di nuovo nei guai Cilic al servizio, palla break, ma ancora la battuta e la spinta da fondo lo traggono d’impaccio, le occasioni sono tante da entrambe le parti adesso, siamo 4-3 per il croato. Che continua a rischiare tutto su ogni palla, e va a prendersi il 15-40 sul servizio di Roger: due rovesci falliti annullano le due pericolosissime palle break. Poi uno scambio fantastico da fondo vinto da Marin con dritto vincente, ace di seconda di Federer, risposta vincente di Cilic, vediamo di tutto in questa fase. Da fondo Marin è un muro, e arriva la terza palla break: dritto vincente in avanzamento, ed è 5-3, la partita adesso è bellissima. Un dato spicca in negativo: meno del 40% di prime palle in campo per Roger in questo set. Il croato ringrazia, tiene a zero la battuta, 6-3, ed è quinto e decisivo set. E dire che all’inizio si temeva di non avere spettacolo.

TRIONFO STORICO – Il quinto set è una lotta su ogni punto fin dall’inizio, i giocatori danno tutto; nel primo game Cilic fallisce di dritto una palla break cruciale, nel corso del successivo un doppio fallo e un errore di dritto del croato consegnano il break a Federer. Adesso lo stadio è una bolgia, il tifo è per lo svizzero, ma l’ammirazione per il croato e la sua grinta si sente bene dagli applausi che gli vengono tributati. Roger sale 3-0 tenendo ai vantaggi un delicatissimo game di servizio, poi conserva il vantaggio fino al 4-1. Sono salite le percentuali di prime palle in campo di Federer, se ne vedono i risultati nel punteggio. Sale il grido “let’s go Roger, let’s go!“, ora c’è un’ovazione a ogni 15 fatto dallo svizzero. Un dritto fallito in larghezza da Cilic porta due palle per il secondo break in favore di Roger, è come fossero match-point a questo punto, un altro dritto di Marin che si spegne sotto il nastro manda Federer a servire sul 5-1. La gente è come impazzita intorno alla tribuna stampa. Un minuto dopo, è Storia che si realizza davanti ai nostri occhi: risposta in rete di Cilic, challenge sul servizio, ed è il freddo responso di una macchina elettronica che consegna il titolo Slam numero venti a un giocatore che non è più possibile descrivere. Si può solo essergli grati, con l’orgoglio di chi ha avuto il privilegio di essere testimone diretto di qualcosa che probabilmente non verrà più visto da nessun altro. Grazie Roger. 20 titoli Slam, lo riscrivo per essere certo che sia vero. E lo è eccome.

Raggiunti a quota 6 Australian Open Novak Djokovic e Roy Emerson (che in effetti però vinse i campionati australiani, non erano Open all’epoca), insieme a Ken Rosewall è diventato l’unico a vincere 3 Slam dopo i 35 anni. Roba per pochi, roba da leggende.

 


Verso la finale: 

È successo nel Day 13:

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open: Sinner con Tsitsipas, Berrettini contro Nadal e quei pronostici così difficili da indovinare

I bookmakers si coprono e non perdono mai. I critici o non si espongono o se lo fanno spesso sbagliano. Nel femminile Keys e Collins semifinaliste a sorpresa. Bene per Matteo che sia nato il caso Bernardes

Pubblicato

il

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

Jannik Sinner ha subìto una dura lezione dal miglior Tsitsipas che io abbia mai visto. Il greco non sembrava neppure lontano parente di quello visto con Fritz. Il tennis è così, nessuna giornata è davvero mai uguale all’altra.

Lo testimoniano del resto la maggior parte dei confronti diretti fra i grandi giocatori. Una volta vince uno e un’altra volta l’altro, se i livelli sono lì lì e oscillano di poco a seconda della giornata di vena del giocatore A o di quello B.

Per questo può accadere che i bookmakers, che avevano dato per favorito Sinner, prendano un granchio, anche se loro hanno sempre modo di coprirsi e di conseguenza guadagnano sempre.

Io invece non avevo nulla da…coprire e così come ho azzeccato il pronostico di Berrettini su Monfils – e avrei dubitato di quello all’inizio del quinto set – ho sbagliato quello di Sinner Tsitsipas.

Ma Tsitsipas era in quella che i tennisti chiamano “The Zone”, gli riusciva tutto. Sparava dritti che pareva il miglior Sampras, ma ha giocato anche alcuni rovesci vincenti da far paura. Sempre sulla riga. Mats Wilander ha fatto vedere un grafico su Eurosport-Discovery secondo cui Tsitsipas ha colpito il 67% per cento delle palle quando erano ancora in ascesa, mentre salivano. E Stefanos non si limitava ad anticipare tutto. Ma tirava fortissimo, spesso di controbalzo. Colpi debordanti sui quali Sinner non riusciva a opporsi e tantomeno poteva tentare di prendere l’iniziativa. Il pallino del gioco è stato costantemente nelle mani del greco.

E Sinner ha mostrato senza tema di smentita quanto ancora oggi lui sia migliore come attaccante in pressing da fondocampo rispetto al difensore costretto ai recuperi. Non è ancora Djokovic, insomma, e neppure Nadal. Difficile intuire se potrà diventarlo, anche se a occhio ad oggi il suo fisico sembra meno elastico rispetto a Nole, meno possente rispetto a Rafa.

Ma lui, dopo aver detto per primo “Mi ha dato una lezione” è un tipo che ha voglia di imparare, che lavora per imparare, che ha le qualità per imparare. Quindi imparerà certamente. Quanto potrà migliorare però, e fino a che punto, nessuno può saperlo.

Ma restiamo sui fatti: a 20 anni non sono tanti quelli che giocando solo 9 Slam hanno raggiunto 2 volte i quarti di finale, se è vero che dai tempi di del Potro (2008-2009) non c’era più riuscito nessuno. Sono trascorsi più di una dozzina d’anni.

Quindi seconda me ci vuole pazienza. Non è il caso di decretare sentenze negative, come è tipico dei leoni da tastiera. Il fatto che Jannik sia perfettamente consapevole per primo di dover fare tanto lavoro per migliorare tutti gli aspetti del suo gioco, garantisce che si applicherà per curare tutti i dettagli necessari per arrivare dove vuole. Chi gli sta accanto oggi e chi affiancherà il team Piatti domani lo aiuterà a farlo. Intanto lui ha confermato che qualcuno noto arriverà “Io so chi è ma non posso dirlo”. Io non credo che possa essere McEnroe. Almeno non John. Patrick? Boris Becker? Se ne dicono tanti. Per quanto mi riguarda spero solo che non si tratti di una mossa di marketing. Francamente Riccardo Piatti non mi sembra tipo portato a quel genere di mossa. Vedremo.

Tornando alla difficoltà di indovinare i pronostici di una partita fra due top-ten, vi chiedo: ma quanti avrebbero pensato che Aliassime fosse in grado di impensierire o addirittura battere Medvedev dopo il 6-4,6-0 patito dieci giorni fa in ATP Cup, o i tre set a zero della semifinale dell’US Open?

Eppure Aliassime ha vinto i primi due set, ha avuto il matchpoint sul 5-4 nel terzo – che Daniil gli ha annullato con una bomba di servizio a 216 km orari – e poi ha cancellato 3 pallebreak importanti anche nel quinto set. Se vinceva Aliassime, come poteva benissimo per un centimetro o due, tutti quelli che avessero dato per scontata la vittoria di Medvedev, avrebbero sbagliato pronostico. Sì, lo avrebbero sbagliato, ma…sarebbe stato giusto sbagliarlo…se capite quel che sto provando a dire.

E i tre set a zero di Shapovalov a Zverev qualcuno li aveva previsti?

Tornando a Tsitsipas…ma che dritti ha tirato? Impressionanti. Perché di fantastici rovesci ne avrà tirati 5 o 6, ma di dritti vincenti e in tutti gli angoli, davvero tanti. Vorrei averli contati.

Nel singolare femminile …non ne parliamo. Abbiamo visto arrivare nei quarti la n.115 Kanepi che dopo aver fatto fuori Kerber e Sabalenka ha messo in difficoltà anche la Swiatek e nella stessa metà tabellone la n.30 Collins e la n.61 Cornet che, a 32 anni, non si era mai spinta così lontano in uno Slam.

E anche nella metà superiore del tabellone, a parte la n.1 Ashley Barty che fino alla semifinale ancora da giocare con la Keys ha letteralmente passeggiato, proprio la Keys n.51 WTA – sia pur finalista d’un US Open – ha eliminato via via la campionessa 2020 Kenin, la Wang che aveva sopreso la Gauff, per lasciare 4 game a Badosa e 5 a Krejcikova. Erano forse pronostici prevedibili?

Allo stesso modo come si fa a pronosticare il vincitore del duello Nadal-Berrettini? Lo si fa con un atto di fede perché Matteo è sembrato fisicamente e mentalmente in una condizione eccezionale, mentre Rafa non ha giocato benissimo contro uno Shapovalov piuttosto sciupone?

E perché Rafa, a 35 anni, potrebbe non aver recuperato altrettanto bene che Matteo, lo sforzo di 5 set molto duri in condizioni climatiche più pesanti?

Se mi sbilanciassi in tal senso e Matteo perdesse, ecco che salterebbero fuori i soliti del senno di poi a sentenziare la “scelta provinciale di Scanagatta”.

Stessa critica verrebbe rivolta a un mio collega spagnolo che avesse pronosticato la vittoria di Nadal e avesse invece vinto Berrettini.

Ho già scritto nell’ultimo editoriale che il dritto mancino di Rafa sembra fatto apposta per …crocifiggere Matteo sul suo rovescio che non vale nemmeno da lontano, nonostante i progressi, quello di Roger Federer.

E anche che Matteo dovrà forzarsi a giocare… contro natura perché il suo dritto a sventaglio prediletto, quello di solito indirizzato nell’angolo sulla sinistra dell’avversario, non potrà giocarlo con la stessa insistenza.

E, infine, che anche al servizio dovrà cercare gli angoli opposti a quelli che è abituato a cercare. Qualcuno può immaginare se pure dovendo comportarsi così Matteo riuscirà a mantenersi su percentuali di prime palle più vicine all’80 per cento che al 65%?

Sarà “in the zone” come Tsitsipas cui tutto riusciva? E se Rafa riuscirà a rispondere anche al 70% dei servizi di Matteo, poi Matteo riuscirà a chiudere con il secondo colpo il punto, pur tirandolo dalla parte opposta rispetto a quella cui è abituato a fare, onde evitare di esporsi ai missili mancini di Rafa?

A tutti questi interrogativi è impossibile rispondere con cognizione di causa da decine di migliaia di chilometri di distanza, senza conoscere il meteo e, al momento, neppure l’orario di gioco. Per non parlare delle condizioni fisiche dei due contendenti.

Un piccolo vantaggio per Matteo può essere quel che è successo fra Nadal e Shapovalov. Sia che avesse ragione oppure torto a lamentarsi il canadese per via dei tempi dilatati e oltre i 25 secondi regolamentari concessi dall’arbitro Carlos Bernardes a Rafa fra un punto e l’altro, chiunque arbitrerà Nadal-Berrettini, sarà inevitabilmente più fiscale.

Nadal è stato spesso accusato di prendersi più tempo del dovuto. Se il codice di condotta è stato pensato e istituito per via delle intemperanze di Ilie Nastase e John McEnroe, l’orologio segnatempo è stato messo per Rafa Nadal e pochi altri.

Nel 2015 Carlos Bernardes affibbiò qualche warning per “time violation” a Nadal. Nadal non gradì e fece quel che facevano un tempo le squadre di calcio più potenti: chiede di non essere più arbitrato da Bernardes.

Vittima della ricusazione Bernardes rischiò di perdere la possibilità di arbitrare tutte le finali dei tornei più importanti sulla terra rossa, dove quasi sempre c’era Nadal fra i duellanti.

Quando in una conferenza stampa di un Roland Garros di qualche anno fa io dissi a Rafa che l’opzione di poter ricusare gli arbitri non mi sembrava assolutamente giusta da esercitare il suo media manager non gradì e mi dette del provocatore.

Forse me lo direbbe anche adesso se io sostenessi pubblicamente, e lo faccio come potete vedere, che adesso Bernardes potrebbe essere un po’ condizionato da quanto successe. Probabilmente è anche quel che ha pensato Shapovalov. Penso anche che, così come le squadre di calcio più importanti, negano che un arbitro possa essere condizionato dal loro maggior peso mediatico e politico, Bernardes non ammetterà mai di aver un occhio di riguardo per i giocatori più importanti.

Di certo comunque, Bernardes, non arbitrerà Berrettini-Nadal

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Con Sinner ci vorrebbe più pazienza”

Ubaldo parla dei quarti di finale: “Ricordiamo che Jannik ha solo 20 anni, è serio e umile. Berrettini può giocarsela con Nadal”

Pubblicato

il

Jannik Sinner all'Australian Open 2022 (Credit: @atptour on Twitter)

Nella quotidiana pillola realizzata per il canale Instagram di Ubitennis (se ancora non ci seguite lo trovate a questo link), il direttore Ubaldo Scanagatta parla della sconfitta di Jannik Sinner contro Stefanos Tsitsipas, sottolineando la grande giornata di quest’ultimo e ricordando la precocità dell’azzurro, che a 20 anni è decisamente più avanti nella tabella di marcia rispetto a campioni come Medvedev – Jannik ha tanto tempo per raggiungere i migliori, e conoscendolo non si farà abbattere dal risultato odierno. Di seguito il video:

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: troppo facile, adesso, salire sul carro di Matteo Berrettini

Berrettini giocherà la sua prima semifinale in Australia, la terza in carriera negli Slam. Abbiamo raccolto gli articoli in cui, a differenza di altri, avevamo creduto in lui

Pubblicato

il

Australian Open 2022 (foto Twitter @AustralianOpen)

Il match contro Gaël Monfils conferma ancora una volta tutte le grandi sensazioni e aspettative che – giustamente – circondano Matteo Berrettini. Grazie alla vittoria sul francese, infatti, il venticinquenne romano è diventa il primo italiano nella storia a raggiungere le semifinali a Melbourne.

Il percorso del massimo esponente del tennis italiano, tuttavia, è partito da molto lontano, e sarebbe quantomeno ingeneroso salire sul suo carro soltanto adesso, magari chiedendo spazio a chi, da lì, non è mai sceso. Abbiamo quindi deciso di raccogliere i pezzi di Ubitennis in cui, da quasi quattro anni (dal 2018, quindi da ben prima della semifinale di Flushing Meadows) si augurava e/o prevedeva un grande futuro per lui. Eccoli qui:

Articolo a cura di Giovanni Pelazzo

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement