WTA, diario di un decennio: il 2018

Al femminile

WTA, diario di un decennio: il 2018

Nona puntata dedicata agli anni ’10 in WTA: la fine del tabù Slam per Caroline Wozniacki e Simona Halep, i segnali importanti delle nuove generazioni e la vittoria di Naomi Osaka a New York nella finale più discussa degli ultimi anni

Pubblicato

il

Naomi Osaka e Serena Williams - US Open 2018 (foto Art Seitz c2018)
 

Nono articolo dedicato agli anni ’10 del tennis femminile, che tratterà del 2018. Per la illustrazione dei criteri adottati, rimando alla introduzione del primo articolo, pubblicata martedì 26 novembre.

ANNO 2018

 

Australian Open 2018
Si potrebbe definire il primo Slam del 2018 come quello della supremazia del tennis difensivo su quello offensivo. Wozniacki, Halep, Kerber e Mertens sono le semifinaliste, e forse per la prima e unica volta negli anni ’10 manca fra le ultime quattro una giocatrice con caratteristiche spiccatamente di attacco.

Era stata Angelique Kerber nel 2016 a interrompere lunghi anni di prevalenza negli Slam di tenniste aggressive; l’edizione 2018 degli Australian Open rappresenta il punto più alto della tendenza opposta, basata sulla efficacia del gioco di contenimento.

Nel quarto presidiato da Elina Svitolina emerge Elise Mertens, che sconfigge nettamente Svitolina (6-4, 6-0). Kerber (testa di serie numero 21) esce vincitrice dalla porzione di tabellone teoricamente di Muguruza (tds 3), e che offre le partite più sorprendenti della prima settimana. È merito soprattutto di Hsieh Su-Wei: la giocatrice di Taiwan sconfigge Garbiñe al secondo turno e Radwanska al terzo, grazie al suo tennis creativo che in questo torneo si esprime ai massimi livelli. E poi dà vita a un grande match contro la stessa Kerber, che prevale solo al terzo set al termine di una partita memorabile.

Ma il cammino è tutt’altro che tranquillo anche per le altre due semifinaliste, le teste di serie numero 1 Halep e numero 2 Wozniacki. Entrambe seguono la tradizione delle ultime edizioni degli Australian Open, che ha visto arrivare in finale giocatrici sopravvissute a match point contrari. Era accaduto nel 2014 (Li Na, poi vincitrice), 2015 (Sharapova), 2016 (Kerber, poi vincitrice).

A Caroline lo spavento capita nel secondo turno contro Jana Fett. La croata numero 119 del ranking si trova a condurre nel terzo set 5-1, 40-15 e servizio. Sul primo match point serve una prima imprendibile che atterra vicinissima alla linea del servizio. Dentro? Fuori? La giudice di linea la chiama fuori, e Fett, malgrado le indicazioni del suo angolo, rinuncia a chiedere la verifica del falco.

Fett perderà i due punti successivi e poi Wozniacki rimonterà vincendo sei game consecutivi sino al 7-5 finale.

Halep invece rischia addirittura due volte. La prima nel terzo turno contro Lauren Davis. Un match maratona, sotto un caldo terribile, tra due giocatrici che amano il tennis basato su scambi articolati. Simona salva tre match point consecutivi sull’10-11, 0-40 e servizio.

Halep vince 4-6, 6-4, 15-13 dopo 3 ore e 44 minuti di lotta. Ma le sue fatiche non sono finite, visto che in semifinale dà vita a un altro incontro durissimo contro Angelique Kerber. È un’altra battaglia estremamente incerta, che non può che concludersi al terzo set. Simona ha due match point sul 5-4 e servizio, ma non riesce a chiudere. E deve a sua volta fronteggiare due match point sul 5-6, 40-15 servizio Kerber:

Per la seconda volta nel torneo Simona si salva a un passo dal precipizio, finendo per vincere per 6-3, 4-6, 9-7. E dovrà essere pronta a un altro match fisicamente durissimo contro Wozniacki che ha sconfitto in due set Mertens.

Wozniacki b. Halep 7-6(2), 3-6, 6-4 Australian Open, Finale
La finale dura quasi tre ore (169 minuti), e si disputa nella Rod Laver Arena con il tetto aperto. A causa della condizioni climatiche estreme, si applica la cosiddetta heat rule, la norma che prevede dieci minuti di pausa al termine del secondo set. Con due tenniste molto forti nel gioco di contenimento, diventano fondamentali i fattori tattici e quelli fisici.

Parte tattica: scendono in campo una giocatrice simmetrica come Halep (cioè con dritto e rovescio equilibrati), contro una giocatrice asimmetrica come Wozniacki (che possiede rovescio di grande qualità, ma dritto incerto). Dunque sulla carta la diagonale sinistra si annuncia con un leggero vantaggio danese, quella destra a vantaggio rumeno.

Da sempre il primo accorgimento a cui Caroline ricorre per non soffrire troppo con il suo colpo più debole è adoperare spesso il dritto lungolinea, in modo da invogliare l’avversaria a costruire il gioco sulla diagonale sinistra, quella dei rovesci. In sostanza (a conferma della sua asimmetria) Wozniacki usa i lungolinea con due obiettivi opposti: a scopo offensivo con il rovescio, a scopo difensivo con il dritto.

Di fronte a questa strategia, Halep ha fondamentalmente a disposizione due soluzioni: la prima, più prudente, prevede la replica al dritto lungolinea con il rovescio lungolinea, per rifiutare la “proposta” avversaria di spostare lo scambio sulla diagonale sinistra. La seconda soluzione prevede invece di aggredire le palle meno incisive del dritto di Wozniacki con accelerazioni di rovescio incrociato, in modo da mettere in soggezione l’avversaria e provare a ottenere vincenti diretti.

Ma Halep non riesce a capitalizzare abbastanza con questa seconda opzione: in parte per le grandi capacità di Caroline nelle fasi di contenimento; in parte per una certa difficoltà a produrre vincenti immediati. E quando Simona non riesce a fare male con il suo primo rovescio incrociato, si trova incastrata sulla diagonale destra: esattamente l’obiettivo di Wozniacki. E così una tennista che sulla carta ha un deficit tecnico di una certa rilevanza, riesce a fare partita pari, “mascherando” i propri limiti.

Ma quanto più i fattori tecnico-tattici si equivalgono, tanto più diventano determinanti quelli fisici. Halep ha speso di più nei turni precedenti, ed è reduce da una semifinale logorante contro Kerber. Nei game finali il confronto si decide sul terreno più favorevole a Wozniacki: quello della resistenza.

Sintesi definitiva dell’ultima parte di match è il punto del terzo set sul 5-4, 30-30 in cui Simona non riesce a sfondare le difese avversarie, è destabilizzata da un rovescio in cross strettissimo di Caroline (davvero un gran colpo), e finisce per perdere il quindici, pagandone le conseguenze anche nello scambio successivo. Infatti sul match point sbaglia un colpo non impossibile, chiudendo la partita con un rovescio in rete.

L’evoluzione tecnico-tattica del confronto ha reso decisive le doti fisiche. E, nel caldissimo sabato di Melbourne, fisicamente la più forte è Caroline Wozniacki. Dopo le maratone contro Davis e Kerber, lo sforzo richiesto a Simona Halep durante la finale è tale da farle passare la notte precauzionalmente in ospedale, ricoverata per problemi di disidratazione.

Wozniacki riesce finalmente a coronare un sogno inseguito per tutta la carriera: conquistare uno Slam. Non c’era riuscita da giovanissima emergente, quando era stata battuta da Clijsters in finale agli US Open 2009. Non era riuscita a vincere Major nemmeno nel periodo in cui era stata numero 1 del mondo (fra il 2010 e il 2012). E le era sfuggito nel 2014, quando era tornata in finale a New York, ma aveva trovato una Serena troppo superiore.

Il successo a Melbourne rappresenta una grande rivincita professionale per Wozniacki, spesso accusata di essere incapace di vincere i tornei che contano davvero. E per quattro settimane Caroline tornerà anche numero 1 nel ranking. Il 2018 è la sua ultima grande stagione prima di scoprire di soffrire di artrite reumatoide, un passo che la avvicina al ritiro annunciato per gli Australian Open 2020, il torneo che le ha regalato la soddisfazione più grande della carriera.

a pagina 2: Da Indian Wells a Parigi

Pagine: 1 2 3 4

Continua a leggere
Commenti

Al femminile

Il fallimento di FTX costa caro a Naomi Osaka

Grave perdita economica per la tennista giapponese Osaka, che aveva investito nella criptovaluta FTX

Pubblicato

il

Non un gran momento per la ex numero 1 al mondo Naomi Osaka. Oltre alle sconfitte sul campo di gioco, per la pluricampionessa Slam i problemi provengono anche dalle finanze. È, infatti, una delle azioniste di FTX, un’azienda per lo scambio di criptovalute che ha dichiarato bancarotta l’11 novembre.

Non solo Osaka, ma sono tanti gli sportivi che hanno visto andare in fumo i propri proventi dal fallimento di FTX. L’azienda era riuscita ad acquistare così tanta credibilità da riuscire a mettere il proprio logo sulle vetture e le divise di Lewis Hamilton e George Russel, piloti della Mercedes in Formula 1; e anche a vedersi intitolato lo stadio NBA dei Miami Heats.

Il valore di mercato di FTX ha subìto un grave crollo negli ultimi sette giorni, passando da $22 a $1.40. Il CEO di FTX Sam Bankman-Fried – ora sotto investigazione per come ha gestito l’azienda fondata nel 2019 – ha già dichiarato fallimento a seguito dell’enorme svalutazione della criptovaluta.

 

Osaka aveva firmato l’accordo con FTX nel marzo 2022 mentre era negli Stati Uniti impegnata per l’Indian Wells e il Miami Open. La tennista ha acquistato delle azioni di FTX e nell’accordo era previsto che la tennista giapponese fosse ambasciatrice nel mondo dell’azienda, per influenzare quante più persone possibili a credere in loro. L’accordo di Naomi Osaka includeva anche la sua partecipazione nella creazione di contenuti multimediali per promuovere la criptovaluta. Non sono state ufficializzate le cifre riguardanti la perdita subita dalla tennista.

Continua a leggere

Al femminile

International Hall of Fame: Cara Black la più votata dai tifosi di tennis

Cara Black, dieci volte campionessa di Slam in doppio e misto, ha superato Ana Ivanovic e Carlos Moya nel voto popolare

Pubblicato

il

International Hall of Fame - Newport (foto Ubitennis)

Gli appassionati di tennis hanno espresso il loro giudizio: Cara Black, la dieci volte campionessa di Slam in doppio e doppio misto, merita di essere inserita nell’International Tennis Hall of Fame. La campionessa zimbabwese ha preceduto Ana Ivanovic e Carlos Moya.

Votazione di grande successo, con decine di migliaia di tifosi ad aver votato, provenienti da 150 paesi.

Il giudizio degli appassionati di tennis  è solo una componente del multiforme processo elettorale della Hall of Fame. Oltre al voto dei tifosi, ci sarà la votazione dei giornalisti di tennis, degli storici e degli Hall of Famers.

 

Ciascun candidato riceverà punti percentuali in base al gruppo di provenienza dell’elezione. Black riceverà tre punti percentuali in più, Ivanovic due punti percentuali in più, Moya guadagnerà un punto percentuale in più. “La votazione dei tifosi è giunta al suo quinto anno e rappresenta un tassello importante nel motore di questo sport. Il numero elevato dei votanti e la loro provenienza da tutto il mondo testimonia quanto affetto c’è per questa disciplina”, afferma Todd Martin, CEO, International Tennis Hall of Fame

Durante i suoi 17 anni di carriera, Black ha vinto 60 titoli WTA di doppio, di cui tre a Wimbledon e uno agli Australian Open e agli US Open. Con 163 settimane in testa alla classifica di doppio della WTA, Black è dietro solo a Martina Navratilova e Leizel Huber di tutti i tempi. Nel doppio misto, è tra le giocatrici più affermate della storia, conquistando cinque titoli importanti con due partner. Black è una delle sole tre donne nell’era Open ad aver ottenuto un Career Grand Slam nel doppio misto.

Sono orata del giudizio dei tifosi e del loro voto. Essere inseriti nella International Tennis Hall of Fame è  un traguardo che tutti i tennisti vorrebbero tagliare”, afferma Cara Black.

Continua a leggere

Al femminile

Wimbledon, le lacrime di Katie Boulter e il segreto rivelato a fine partita

Boulter ha confidato che sua nonna è venuta a mancare martedì, il giorno della sua vittoria al primo turno. Ora punta alla seconda settimana

Pubblicato

il

Katie Boulter (GBR), Wimbledon. Credit: AELTC/Ian Walton

La 25enne Katie Boulter sta vivendo in assoluto il suo miglior Wimbledon, dove alla sua sesta partecipazione (qualificazioni incluse) ha raggiunto il terzo turno per la prima volta. Tuttavia per certi versi questo non si può definire il suo torneo più felice. Ieri infatti, dopo la vittoria in rimonta su Karolina Pliskova per 3-6 7-6(4) 6-4, la tennista britannica visibilmente commossa ha spiegato, nell’intervista rilasciata in campo davanti al pubblico del Campo Centrale, la situazione di lutto familiare che l’ha toccata. Il successo su Pliskova, finalista della passata edizione infatti, è stato dedicato da Boulter a sua nonna venuta a mancare martedì, proprio il giorno in cui lei ha disputato il primo turno (vinto in due set con Burel). La madre della tennista ha deciso di non informarla della cosa fino al termine del match, per assicurarsi che la sua prestazione non venisse influenzata emotivamente. “Non sapevo nulla fino a dopo il mio primo incontro in cui mia madre mi ha praticamente preso da parte e me lo ha detto” ha spiegato Boulter.

Come si legge su The Thelegraph, anche suo nonno in lutto Brian Gartshore, visibilmente commosso, ha viaggiato da Leicestershire per essere nel box giocatori sugli spalti ed esultare per il match della nipote vinto ieri. L’impatto della famiglia, e soprattutto dei nonni, è stato fortissimo nella formazione di Boutler. Basti pensare che sua nonna era una campionessa regionale di tennis, e viveva vicino al club di tennis dove Katie ha colpito le sue prime palline da bambina; mentre il nonno – un inventore che ha inventato il cartellino dei negozi antifurto – è un punto di riferimento per lei. “È letteralmente il mio idolo, qualcuno che ammiro” ha spiegato poi Boutler. “Ha installato le luci degli aeroporti di Gatwick e Heathrow, è un tipo dannatamente intelligente. E abbiamo delle conversazioni davvero fantastiche su cose che non hanno nulla a che fare col tennis. È una piccola opportunità di distrazione”.

A contribuire a rendere serena l’atmosfera attorno alla n.118 del mondo c’è anche il suo fidanzato Alex de Minaur, anche lui tennista che ieri ha battuto sul campo 1 il britannico Jack Draper dopo un match palpitante. Tutta questa serenità sta spingendo la 25enne Katie Boulter avanti nel torneo, e anche le imprese di certe sue connazionali fungono da sprone. “Quello che ha fatto [Raducanu] è stato sorprendente. È scesa in campo, ha sorpreso tutti e ha giocato a tennis senza paura. Questa è la cosa così impressionante. Spero di poter andare là fuori e fare lo stesso. Mi piacerebbe fare quello che ha fatto lei. Non si sa mai, un giorno potrebbe succedere”. Il prossimo avversario di Boulter sabato sarà Harmony Tan, la francese che ha sconfitto la sette volte campionessa Serena Williams al primo turno.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement