Flavia Pennetta, apripista e modello del tennis italiano

WTA

Flavia Pennetta, apripista e modello del tennis italiano

Pubblicato

il

TENNIS AL FEMMINILE – Conquistando Indian Wells, Flavia Pennetta è diventata la prima giocatrice italiana ad aver vinto un Premier Mandatory. Prima anche a raggiungere la Top ten nel 2009, Pennetta ha fatto da apripista ai grandi miglioramenti del tennis italiano femminile degli ultimi anni. AGF

Se settimanalmente trovate questa rubrica sul tennis femminile, e se oggi state leggendo questo articolo, il merito (o la colpa, decidete voi) è di Flavia Pennetta.
Detta così sembra una frase senza senso, ma in realtà è una semplice constatazione.
Mi spiego: senza Flavia Pennetta non so quando avrei scoperto Ubitennis, e quindi non so se avrei mai cominciato a scrivere dei commenti da semplice lettore, per poi passare a scrivere dei pezzi, con tutto quello che ne è seguito.

 

Bisogna ritornare al 2009, in agosto: mese anomalo, di vacanze e viaggi. Non avevo a disposizione il satellite né le pay tv: potevo solo contare su Internet.
Nel tennis non sono particolarmente patriottico, ma ugualmente ero interessato a seguire la rincorsa di una giocatrice italiana che cercava un risultato senza precedenti: l’ingresso nella Top ten.
Per il movimento tennistico sarebbe stato il ritorno nei primi dieci a distanza di circa trent’anni (Panatta e Barazzutti); e per una donna sarebbe stata la prima volta in assoluto.

Come sappiamo, avere come obiettivo un particolare posto nel ranking è una faccenda   complicata: non basta solo vincere partite, occorre anche tenere presente i risultati di chi precede e segue in classifica, quali sono i punti da scartare etc. etc.
Da assoluto incapace nei conteggi del ranking (anche oggi non provo nemmeno a farli) avevo bisogno di un aiuto, e trattandosi di una questione soprattutto italiana, dovevo trovare qualche sito italiano che desse le indicazioni giuste. Ecco perché ho cercato su Internet e scoperto Ubitennis.

Non avrei raccontato questo episodio personale, del tutto trascurabile, se non pensassi che il mio interesse per la rincorsa di Pennetta fosse il sintomo di qualcosa di più diffuso, che stimolava e incuriosiva molti altri appassionati.
Quanto era rilevante quel traguardo? In fondo era un semplice dato numerico: dieci o undici, concretamente non fa grande differenza; e altre tenniste la posizione undici l’avevano già ottenuta.
E però la conquista di quel decimo posto a mio avviso era importante, perché il raggiungimento aveva un valore simbolico: finalmente una giocatrice italiana sarebbe stata capace di andare oltre il limite della (pure ottima) mediocrità, raggiungendo la vera élite del tennis. Sarebbe stato abbattuto quel muro che confinava il tennis italiano alla provincia dell’impero, e che impediva di allargare lo sguardo verso l’orizzonte aperto del vero, grande tennis mondiale.

Sappiamo che ci fu il lieto fine: gli ottimi risultati di Pennetta (15 vittorie consecutive) consentirono di ottenere quel traguardo storico.

A questo Flavia aggiunse subito dopo una partecipazione agli US Open di grande qualità (la fermò solo Serena Williams nei quarti di finale), impreziosita dalla vittoria contro Vera Zvonareva, allora n° 7, dopo sei match point salvati (3-6, 7-6, 6-0).
Quella memorabile partita, vinta in una “night session” dell’enorme centrale di Flushing Meadows, non fu solo la consacrazione di una giocatrice; no, secondo me fu anche un segnale per le sue colleghe italiane: era davvero possibile diventare protagoniste del circuito ai massimi livelli.

L’anno dopo (2010) Francesca Schiavone avrebbe vinto il Roland Garros.
Le imprese di Pennetta avevano influito sull’exploit di Schiavone? Io penso di sì. Così come penso che difficilmente Errani e Vinci avrebbero avuto la stessa convinzione nel cercare di migliorarsi anno dopo anno senza l’esempio e lo stimolo di quei successi.
Intendiamoci: non che il tennis femminile italiano non avesse avuto risultati di rilievo prima di quella estate; ma se si vuole individuare un punto di svolta, un momento significativo per datare l’innegabile salto di qualità di questi ultimi anni, credo non si possa che scegliere l’ingresso nella Top ten di Flavia Pennetta.

Nelle interviste di quei giorni Flavia, ventisettenne, diceva di sentirsi altri tre, quattro anni di carriera davanti. E invece dopo cinque anni è ancora capace di abbattere barriere, essendo di nuovo la prima italiana a vincere un torneo Premier Mandatory (il livello massimo della WTA) come Indian Wells.

La Pennetta del 2009 era una giocatrice che stava vivendo una seconda fase di carriera, dopo le difficoltà del 2006-7, in cui aveva avuto problemi fisici e sentimentali molto seri, tanto da portarla ad una crisi che aveva richiesto pazienza e tempi lunghi per poter risalire.
Finalmente aveva trovato la serenità e la forza per affrontare anche le migliori, e stava raccogliendo il frutto di anni di lavoro grazie ad un tennis di ritmo, basato sulla grande capacità di muoversi in orizzontale con rapidità e leggerezza, e poter così giocare bene sia in difesa che in attacco.
Non disponendo di una potenza devastante, Flavia doveva costruirsi il punto attraverso scambi articolati, con cui mettere sotto pressione in modo progressivo le avversarie.
E tutto sommato, a parte Serena, con questa impostazione Pennetta è riuscita a tenere testa e a sconfiggere anche tenniste molto potenti come Venus Williams e Sharapova.

Il colpo di Pennetta è sempre stato il rovescio, quello che normalmente la sorregge nei momenti di difficoltà; e con il lungolinea, eseguito con un movimento di naturale eleganza, ha spesso ottenuto i punti decisivi nei match più importanti; non solo nello scambio ma anche con le risposte. Di rovescio non teme nemmeno le esecuzioni di mezzo volo su palle profonde, e questo le consente di stare nel palleggio senza essere costretta ad arretrare e a cedere campo. E con il rovescio gioca efficaci drop-shot.

Il dritto è invece un colpo più costruito, quello che può tradirla nei frangenti di difficoltà, e che nei periodi di cattiva forma fa viaggiare poco la palla. In sostanza è un po’ la cartina di tornasole della sua condizione: se il dritto funziona, significa che il momento è positivo.

Per quanto riguarda i colpi di inizio gioco, direi che Pennetta ha una risposta più che discreta, che le consente di cavarsela bene anche sui kick delle giocatrici più potenti.
Nel servizio ha rendimento incostante, più legato alla condizione psicologica che a quella fisica. Per questo anche quando è in forma può capitare la giornata di tensione che fa scendere drasticamente (sotto il 50%) la percentuale di prime.

Del resto la componente caratteriale è per Flavia un aspetto non sempre facile da gestire. In alcuni match la sua ansia diventa tangibile, e può crescere al punto da comprometterle la respirazione. Lei stessa ha raccontato che fin dal suo primissimo incontro, ancora bambina, aveva dovuto fare fronte a un attacco di panico.

Pennetta è stata anche numero uno del mondo di doppio (e ha vinto Masters e Australian Open in coppia con Gisela Dulko) e senza dubbio di volo ci sa fare.
Però su questo aspetto del gioco ho un’opinione che penso non convincerà tutti: non credo che in singolare debba cercare molto la rete.
Dopo tante partite seguite negli anni, mi sono convinto che faccia troppa fatica nel  volleare sulla corsa (con percentuali basse di colpi eseguiti al meglio) per potersi basare su tattiche che richiedano di affrontare spesso la transizione verso la rete.

A questo proposito, farei un ragionamento più generale: secondo me il movimento in verticale è un punto debole di Flavia.
In confronto alla sua esemplare mobilità orizzontale, sono sorprendenti le incertezze che incontra nel colpire in modo altrettanto efficace dopo le corse in avanti, e questo anche nelle esecuzioni al rimbalzo nel pressi della rete.
Negli ultimi anni la ricordo davvero incisiva in questa ambito del gioco nei due match vinti contro le italiane (Errani e VInci) agli US Open 2013. Ma più spesso, invece, le doti di tocco e di riflesso che mostra nei pressi della rete durante i match di doppio vengono meno se non può contare su una posizione statica.

Dicevo che nel 2009 Pennetta stava vivendo la seconda fase di carriera. Oggi, nel 2014, possiamo dire che sia alla terza.
Dopo seri dolori al polso e alcuni conseguenti ritiri, nell’agosto 2012 Flavia si è dovuta operare. Non solo, ha cambiato il suo storico allenatore, Gabriel Urpi e ha smesso di giocare con Gisela Dulko, la sua compagna dei maggiori successi in doppio, che ha deciso di ritirarsi.

In sostanza nel giro di pochi mesi Pennetta ha perso tutti insieme i principali riferimenti della sua attività di tennista: allenatore, compagna di doppio (e migliore amica nel circuito) ed efficienza fisica.

Dopo l’operazione Flavia ha iniziato a collaborare con un nuovo coach, sempre spagnolo: Salvador Navarro. La ricordo nei primi match di rientro a Bogotà (febbraio 2013) affrontare le tipiche difficoltà di chi non gioca partite da parecchio tempo: incertezze nel timing, nella posizione durante il palleggio, nell’anticipo dei colpi avversari.
Il recupero è stato lungo e faticoso; faticoso a tal punto che per la mancanza di risultati era arrivata a pensare al ritiro: in fondo a 31 anni compiuti poteva anche essere arrivato il momento di dire basta.
Ma il talento non può scomparire nel nulla: dopo grandi disagi, quasi improvvisamente Pennetta ha ritrovato il suo gioco, risalendo in poche settimane dal 166mo posto (24 giugno 2013, prima di Wimbledon) al 31mo del ranking (9 settembre, dopo gli US Open).

Oggi possiamo dire che il lavoro con il nuovo allenatore le ha procurato ulteriori progressi tecnici: ha aumentato la potenza del servizio (e in diversi match i punti ottenuti grazie alla battuta hanno fatto la differenza) e ha imparato a ”sporcare” il dritto. Con un dritto più carico di spin, finalmente Pennetta ha limitato uno dei suoi maggiori problemi: la tendenza che aveva, grazie ai colpi molto puliti, a mettere in palla con il passare dei game le sue avversarie.
Questa caratteristica finiva spesso per rendere i suoi match molto “ben giocati”: non solo però da lei, ma anche da chi aveva di fronte, che si ritrovava con il miglior assetto tecnico proprio nelle fasi conclusive e determinanti delle partite. Ed evidentemente Flavia aveva tutto da perdere da questa situazione.

Ancora una volta sono stati gli US Open (2013), con il raggiungimento della prima semifinale Slam, a dare vigore alla terza fase di carriera.
Non è stata impresa da poco arrivare in fondo ad un Major avendo come compagne di semifinale Serena, Azarenka e Li Na. Traguardo ottenuto dopo aver sconfitto le teste di serie numero 4, 27, 21, 10 (Errani, Kuznetsova, Halep, Vinci)

Nata sui campi in terra battuta italiani (e poi spagnoli) in realtà Pennetta ha raggiunto sul cemento americano i migliori risultati: a New York negli Slam; e in California (Los Angeles) nel 2009 aveva anche vinto il torneo tecnicamente più qualitativo della sua carriera.

Raccontavo all’inizio come con la conquista della Top ten Pennetta abbia in un certo senso fatto da apripista per l’intero movimento tennistico italiano, e il fatto che la nazione in cui si esprime meglio siano proprio gli Stati Uniti si sposa perfettamente con il ruolo di Flavia.
Infatti nessun popolo quanto quello americano ha radicato nella propria cultura il mito del pioniere; la figura coraggiosa e intraprendente che per prima è capace di raggiungere una nuova meta: è una classica storia dei film western.
E come ai tempi della “Gold Rush”, con la vittoria ad Indian Wells per Pennetta la Callifornia è di nuovo tornata una terra promessa. Anche per lei, la terra dell’oro.

—————————————————————————

Indice della rubrica:

Mona Barthel, talento speciale del tennis tedesco

Dominika Cibulkova, futura top ten?

Venus e i campioni anziani: quando è giusto smettere?

Ascesa e declino dell’impero russo

Li Na, grande nonostante il carattere

Bencic e Keys: absolute beginners

Dove può arrivare Simona Halep?

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Cincinnati: trionfo made in USA per Madison Keys

Affermazione di grande prestigio per Keys che supera Svetlana Kuznetsova in due set

Pubblicato

il

Da Cincinnati, il nostro inviato

[16] M. Keys b. [WC] S. Kuznetsova 7-5 7-6(5)

Madison Keys ha trovato la quadratura del suo tennis e della sua forma fisica proprio nel momento più importante della stagione. Lei che è il prototipo del tennis a stelle e strisce e che aveva proceduto a strappi durante tutta la stagione, sembra aver raggiunto il picco della condizione alla vigilia dell’appuntamento più importante per il tennis “made in USA”, quello con l’US Open. Supportata da un poderoso servizio (13 ace in finale, 14 contro Kenin in semifinale, entrambi match di due set), Madison ha innestato nel suo tennis una condizione atletica che spesso l’ha abbandonata nel corso della sua carriera, in modo da poter piazzarsi ottimamente e tirare i suoi traccianti potentissimi.

 

Inizio di match in salita per Keys, che commette sei errori gratuiti nei primi due giochi e lascia scappare l’avversaria sul 2-0. Il livello di gioco in avvio non è straordinario, e non può essere altrimenti: la temperatura è abbondantemente sopra i 30 gradi e l’umidita fa sì che l’aria sembri pesantissima e si fatica anche solo a respirare. In cima alle tribune del centrale c’è qualche refolo di vento, ma a livello del campo sembra di giocare in un acquario. Keys non riesce a giocare il suo tennis aggressivo, Kuznetsova gioca in difesa palle alte e liftate neutralizzando la maggiore potenza della statunitense, che ha due palle per il 3-3 ma le sciupa malamente. Dopo essersi salvata da due palle del doppio break (2-5), Keys riceve la visita del suo coach Todero che le dice di lasciar perdere la coscia che le fa male e di giocare più avanti: “Non ti può battere stando là in fondo”. Iniziando dalle risposte, Madison comincia a macinare il suo tennis e la sua potenza piano piano prende il sopravvento. Dal 3-5 infila quattro giochi consecutivi, portando a casa il primo set per 7-5 in 51 minuti.

Mentre il vento comincia a soffiare anche al livello del campo, Keys smarrisce il lancio di palla su alcune battute e finisce per perdere anche il servizio, mandando Kuznetsova avanti 2-1. Mentre Svetlana continua imperterrita con il suo tennis ad alta probabilità, alcuni degli errori che avevano costellato i primi game del match per Keys cominciano a riaffiorare. È più che evidente che è Keys ad avere la partita sulla racchetta: “Lasci scendere troppo la palla” le dice Todero durante un altro cambio di campo, e come per incanto ricominciano i vincenti. Come nel primo set Kuznetsova sente la tensione quando serve per il set, sul 5-4, e subisce il controbreak. Nel successivo tie-break le due giocatrici rimangono sempre a contatto: Keys arriva al match point sul 6-4, Kuznetsova annulla il primo con un vincente, ma sul secondo il suo diritto vola via oltre la linea di fondo, consegnando a Madison il suo primo successo a Cincinnati, il secondo torneo della stagione e il ritorno nella Top 10.

“Se mi aveste detto, all’inizio della settimana, che sarei stata qui a sollevare il trofeo non ci avrei mai creduto” ha detto durante la cerimonia di premiazione Madison Keys, che ora entra prepotentemente nella lista di favorite per la vittoria finale allo US Open. Per quanto riguarda Svetlana Kuznetsova, la sua cavalcata dalla wild-card alla finale sembra essere il lieto fine più adatto all’assurda vicenda che l’ha vista non difendere il suo titolo al Citi Open di Washington il mese scorso perché non le era stato concesso il visto in tempo. Questo risultato le permette di scalare ben 91 posizioni nella classifica WTA arrampicandosi fino al n.62, risolvendole in questo modo parecchi problemi di programmazione per la stagione autunnale post-US Open.

Continua a leggere

WTA

Kuznetsova ruggisce ancora: è in finale a Cincinnati. Incontrerà Madison Keys

La russa gioca un altro grande match e dispone agevolmente di Barty, forse rallentata da un problema alla caviglia. 42esima finale in carriera per lei

Pubblicato

il

Svetlana Kuznetsova - Cincinnati 2019 (via Twitter, @WTA)

Continua la settimana da favola di Svetlana Kuznetsova. La russa, grazie al suo tennis vario e solido, si guadagna l’accesso alla finale di Cincinnati sconfiggendo in due comodi set la numero due del mondo Ashleigh Barty. Una prestazione davvero molto solida della russa che per la prima volta in carriera elimina tre top 10 nello stesso torneo (Stephens e Pliskova le altre due). Questa vittoria le vale la 42esima finale della carriera (18-23 il bilancio) e un salto in avanti di almeno 91 posizioni (numero 62), in attesa ovviamente del verdetto di domenica. Barty invece, probabilmente rallentata da un problema alla caviglia destra, manca il sorpasso a Naomi Osaka che mantiene dunque la vetta della ranking WTA per appena 105 punti. 

La partita in realtà inizia con un parziale di otto punti a due in favore di Barty che la portano sul 2-0. Kuznetsova sembra un po’ contratta, ma un paio di imprecisioni dell’australiana la rimettono in carreggiata. Dal 2-2, la situazione si inverte completamente: Kuznetsova gioca a braccio sciolto, mischiando benissimo le carte come suo solito, mentre Barty appare un po’ pesante nei movimenti e finisce sempre per sbagliare prima dell’avversaria. La russa piazza vincenti da entrambi i lati del campo e sulle ali dell’entusiasmo trova un secondo break, cui ne segue immediatamente un terzo. Sotto 5-2, Barty chiede un medical time out per farsi fasciare la caviglia destra. Probabilmente era questa la causa dei movimenti non proprio brillanti dell’australiana. Dopo il cambio di campo, Kuznetsova tiene agevolmente il servizio e in meno di mezz’ora si aggiudica il primo set col punteggio di 6-2

In avvio di secondo set, Kuznetsova allunga a otto la striscia di game consecutivi vinti, aiutata sempre dagli errori di una Barty a mezzo servizio. La russa, forte del vantaggio, ora gioca al risparmio i game in risposta e questo permette all’australiana di tornare finalmente a muovere il punteggio. Entrambe difendono abbastanza comodamente i turni di servizio. Barty tenta di accorciare il più possibile gli scambi ricorrendo sempre più insistentemente allo slice e variando al servizio, ma purtroppo in fase di risposta è vittima inerme dei colpi angolati di Kuznetsova. Senza sussulti dunque si arriva al 5-4 con la russa che tiene il servizio a zero e vola verso una inaspettata quanto meritata finale

 

LA “CHIAVE” DELLA STAGIONE – Dopo una primavera ed un’estate largamente deludenti (“solo” un quarto di finale al Roland Garros in mezzo a tante sconfitte al primo o al secondo turno) Madison Keys ha trovato la quadratura del suo gioco nella campagna dell’Ohio, raggiungendo per la prima volta in carriera la finale del Western&Southern Open di Cincinnati. La sua vittoria su Sofia Kenin (7-5, 6-4 in un’ora e 21 minuti) rappresenta la fine di un periodo negativo, che era iniziato dopo l’affermazione a Charleston in primavera, e la dimostrazione che qualcosa può essere scattato nel suo gioco. “Questa stagione ci sono stati momenti in cui sono riuscita ad ingranare con il mio gioco e altri in cui sono andata vicina a vincere partite ma non sono riuscita a mischiare tutti gli ingredienti del mio tennis nella maniera giusta – aveva detto Keys dopo il suo quarto di finale – Credo che rimanere calma e fiduciosa nei miei mezzi, sapendo che avevo fatto il lavoro necessario sul campo e in palestra sia stata la chiave per far sì che le cose ingranassero”. E sicuramente si può dire che in questo sabato pomeriggio a Cincinnati il suo gioco ha ingranato, mettendo a segno ben 14 ace e portando a casa ben l’83% di punti con la prima di servizio.

Partenza a tutto gas di Keys, che facendo leva sul suo solito tennis di potenza toglie la possibilità a Kenin di imbastire qualunque trama e va subito avanti di un break sul 3-1. Madison rintuzza gli attacchi dell’avversaria, che nel game seguente ha la chance del controbreak e si issa 4-1. Kenin, però, è in un ottimo momento di forma e in grande fiducia e non si dà per vinta: sul 3-5 approfitta di alcuni errori da fondocampo di Keys per ottenere il controbreak, e subito dopo, sul 4-5, annulla con grande coraggio due set point con altrettanti colpi vincenti. Due giochi più tardi, però, Keys arriva di nuovo a set point, e questa volta un rovescio in rete di Kenin chiude il primo parziale in favore di Madison dopo 43 minuti.

La partita è molto spezzettata, nessuna delle due riesce a dare continuità alla sua azione e anche se il match è stato ritardato di quasi tre quarti d’ora per uno scroscio, la temperatura è ancora molto calda e l’aria umida e pesante. È sempre più evidente che il match è sulla racchetta di Keys, che quando riesce a sviluppare con continuità la potenza dei suoi colpi non trova risposta dall’altra parte della rete. Per due volte Madison va sotto di un break, e in entrambe le occasioni riesce a recuperare rapidamente grazie alle sue accelerazioni da fondo. Kenin prova a rompere il ritmo con qualche slice e palla corta, soprattutto dalla parte del rovescio, ma spesso non ha proprio il tempo di giocare i suoi colpi. Sul 5-4 in suo favore Keys si procura due match point con una sequenza di palla-corta di rovescio a uscire e passante in cross slice dall’altro lato. Due punti più tardi esce il grido di “come on” che sancisce il suo ritorno alla semifinale di un Premier dopo il torneo di Charleston lo scorso aprile.

In finale contro Svetlana Kuznetsova, contro la quale non ha mai perso un set in tre precedenti confronti diretti (che sono però tutti piuttosto datati) cercherà di vincere il titolo più prestigioso di questa stagione.

Il tabellone completo

Continua a leggere

WTA

A Cincinnati, Kuznetsova rimonta Pliskova e vola in semi con Barty. Si ritira Osaka

Svetlana Kuznetsova ferma la rincorsa alla vetta della classifica di Karolina Pliskova, Ashleigh Barty vince in tre set su Maria Sakkari e Naomi Osaka si deve ritirare contro Sofia Kenin

Pubblicato

il

Svetlana Kuznetsova – Western & Southern Open (foto via Twitter @CincyTennis)

Sono almeno due i motivi di interesse per la giornata dei quarti di finale a Cincinnati: la promessa di match interessanti dopo alcuni godibilissimi incontri degli ottavi e la lotta a distanza (sempre più ravvicinata) per la vetta del ranking. Barty e Pliskova entrano infatti in campo anche per riprendersi il numero 1 WTA, mentre Osaka per non lasciare il trono che è tornata a occupare lunedì scorso.
Il giovedì, dicevamo, ha offerto alcune sfide pregevoli, come quella annunciata e tuttavia relegata sul campo 10 Su-Wei Hsieh e una Naomi che, risatine al limite dell’isteria a parte (anche un warning per la conseguente violazione di tempo), sembra poter tornare ai livelli precedenti alla rottura con coach Bajin. Oltre match tirato che ha visto Madison Keys prevalere su Simona Halep, c’è stata la vittoria in rimonta di un’incredibile trentanovenne di nome Venus Williams su Donna Vekic. E anche Barty e Sakkari, protagoniste del quarto d’apertura, se lo sono dovuto sudare parecchio contro, rispettivamente, Kontaveit e Sabalenka. Vediamo intanto cosa è successo nei primi due confronti e perché Pliskova sicuramente non si muoverà dal suo terzo posto…

LA TORRE DI IPSWICH? –Con l’esclusione di un breve passaggio a vuoto nel finale del primo set, un’Ashleigh Barty capace di salire inesorabilmente di intensità batte in rimonta Maria Sakkari, grazie anche a una resa al servizio con numeri che potrebbero essere propri di John Isner sul ghiaccio: 4 punti persi nei 7 turni di battuta tra secondo e terzo parziale in barba ai suoi 166 cm.
È proprio Ashleigh a partire meglio e, nonostante un dritto ancora da registrare appieno, piazza il break al secondo gioco. Maria muove finalmente il punteggio senza però a incidere minimamente in ribattuta e, sotto 1-4, chiede l’intervento di coach Hill che le consiglia di essere aggressiva in risposta e di tenere la diagonale sugli slice di rovescio australiani aspettando la palla giusta per tirare, senza farsi ingolosire subito. Finora inattaccabile al servizio, Barty lo cede addirittura a zero sul 5-3: prima, la ventiquattrenne di Atene sorprende l’avversaria (e tutti quanti) ricamando un rovescio tagliato strettissimo e imprendibile, un punto che deve fare malissimo ad Ash che poi “sbuccia” un dritto a campo aperto con la palla che le resta sulla racchetta. La gran corsa greca in avanti a scavare da terra un nastro fortunato dell’altra è premiata dal lob oltre la linea di fondo e, a quel punto, la fiducia a mille si concretizza in una risposta vincente. L’inerzia si è completamente invertita e Barty si è dimenticata di come vinceva i punti fino a pochi minuti prima, con l’inevitabile conseguenza di cinque giochi consecutivi e set per Sakkari.

Ashleigh torna incisiva in battuta, mentre Maria paga il calo di intensità al quarto game e si ritrova ancora a dover inseguire, così richiama in campo Tom Hill sullo stesso punteggio della prima partita. La mossa non funziona né dal punto di vista tattico né psicologico perché la numero 1 del seeding non sbaglia più, lascia due punti in battuta e pareggia il conto dei set andandosi a prendere un altro break, insperato dal 40-0, che le evita la pressione di servire per chiudere, magari con la testa a quanto successo prima. Entrambe cercano di mettere molta attenzione e dispensano qualche bella giocata, ma il match non si accende, anche perché i picchi dell’una coincidono con i cali dell’altra. Cali ormai dimenticati per Ashleigh, che continua a rasentare la perfezione nei suoi game di servizio, ha trovato contromisure ai kick e continuità in risposta e sale sempre più di livello. Sakkari non può evitare il bagel e Barty vola in semifinale contro una sorprendente Kuznetsova.

 

MISSION SVETLANA –È una rimonta quasi impossibile quella messa a segno da Svetlana Kuznetsova contro una Karolina Pliskova che ha vestito i suoi migliori panni da grande colpitrice per quasi due set, salvo poi disunirsi a due punti dalla vittoria. I suoi 47 vincenti sono stati annullati da altrettanti gratuiti e, soprattutto, da una Kuznetsova che non ha mai smesso di crederci a dispetto di un’avversaria che si era presentata subito in grande spolvero.

Aveva rischiato di addirittura di non essere qui, Svetlana, la cui età effettiva (34) inizia ad avvicinarsi a quella percepita – a quella percepita anni fa per una ragazza che è nel circuito dallo scorso millennio. Più forte delle vicende burocratiche e degli infortuni, Svetlana si è riavvicinata alla top 100 per essersi guadagnata i quarti battagliando da par suo nei primi due turni; e lo avrebbe fatto anche agli ottavi se non si fosse trovata di fronte una con l’entusiasmo di una stiratrice dipendente in una lavanderia il pomeriggio del 14 di agosto. Anzi, proprio a Ferragosto. Meglio così, un po’ di riposo per le gambe che le tornerà utile. Da parte sua, Pliskova ha sofferto un po’ o, forse, ha voluto dare l’impressione di doversela giocare contro Rebecca Peterson.

L’impressione è ben diversa, ora: partenza travolgente di Karolina che sale subito 3-0 con un break che custodirà fino ad assicurarsi la prima partita, grazie a tre prime su quattro in campo ; la ragazza di Louny (e moglie di Michal) aveva sottolineato la necessità di essere aggressiva e mantiene fede al suo piano, come dimostrano i 16 vincenti in nove game. Pliskova colpisce che è un piacere, però c’è anche Kuznetsova, brava ad annullare una potenzialmente letale palla break al terzo gioco con un gran passante di rovescio e a farsi pericolosa al game successivo, ma le sue prime tre occasioni sono schiacciate da gialli comodini made in Czechia. Sul 3 pari, Karo accelera in risposta e consolida il vantaggio salvando un’altra palla break con il servizio; contrariamente al primo set, ora si gioca almeno sulla seconda battuta di Karolina, ma il risultato pare non cambiare. Come nella miglior tradizione tennistica, l’ultimo treno per Svetlana passa quando Pliskova deve chiudere sul 5-4: la nativa dell’allora Leningrado ha il biglietto giusto, praticamente offerto dall’avversaria che sente il momento e deve addirittura risalire da 15-40 (due set point contro) per agguantare il 6 pari. Fatica inutile perché il feeling con la palla appare al momento irrimediabilmente perduto, come dimostra il tie-break a senso unico che porta Kuznetsova al terzo. Com’era logico aspettarsi, la leggerezza è tutta della russa che concretizza il vantaggio al terzo gioco e, con l’avversaria che pare inerme, si procura addirittura due palle del 4-1 pesante. La ceca le annulla e ciò basta per farla ridestare dal torpore ma, nonostante i consigli “base” di Conchita Martinez (guarda la palla, due-tre passetti non uno lungo, aspetta prima di cambiare direzione), manca l’opportunità dell’aggancio, prima al sesto poi all’ottavo game. Karolina accusa il colpo e Svetlana non si fa pregare oltre, prendendosi un altro break e il match dopo due ore e un quarto. E, ça va sans dire, rientra prepotentemente (e abbondantemente, n. 82 virtuale) fra le prime 100 del mondo.

OSAKA ABBANDONA E RISCHIA LA VETTA – Giornata davvero sfortunata per i tennisti giapponesi quella odierna al Western&Southern Open di Cincinnati: dopo il forfait per intossicazione alimentare che ha messo fuori gioco Yoshihito Nishioka, si è dovuta ritirare a partita in corso anche la n.1 del mondo Naomi Osaka durante il suo quarto di finale contro Sofia Kenin.

Sofia Kenin

Naomi ha iniziato la partita senza in maniera piuttosto distratta: il servizio era sicuramente a posto, tanto da mettere a segno due ace nel primo turno di battuta, ma il rovescio non ne voleva sapere di ingranare. Ben tre gratuiti le costavano il break al terzo gioco in un match che vedeva scambi molto scarni, molto probabilmente a causa del gran caldo (i paramedici hanno dovuto soccorrere un paio di persone colte da malore nel corso della giornata). Kenin proseguiva nella sua partita ordinata, alternava i rovesci coperti a quelli tagliati e gli errori da parte di Osaka continuavano ad arrivare, come sul 4-3, quando la nippo-americana metteva in rete un facile rovescio sulla palla del controbreak. Sofia mostrava grande carattere annullando con la battuta l’altra palla break di quel game (saranno tre in tutto nel set quelle cancellate) e poco dopo incamerava il primo parziale per 6-4 in 38 minuti.

Tutt’altra musica nel secondo set: Osaka vinceva i primi sette punti del set, si portava subito avanti 2-0, resisteva al ritorno di Kenin nel game successivo e poi finiva per dilagare: 5-0 per lei, con i colpi che d’incanto sembravano trovare gli angoli giusti. Purtroppo per Naomi però, nel corso del secondo parziale iniziavano ad affiorare dei fastidi alla gamba sinistra, che sullo 0-1 del terzo set la costringevano a fermare il gioco ed a chiedere l’intervento del fisioterapista. Dopo un medical time-out Osaka riprendeva con la zona intorno al ginocchio visibilmente fasciata, ma riusciva a giocare solamente altri due punti prima di stringere la mano all’avversaria e prendere mestamente la via degli spogliatoi.

Con questa vittoria Kenin conquista la seconda semifinale consecutiva di un Premier 5, dopo quella della settimana scorsa a Toronto, e si assicura per la prima volta in carriera l’ingresso nella Top 20 della classifica WTA. Osaka, invece, potrebbe perdere la vetta del ranking se Ashleigh Barty dovesse sconfiggere Kuznetsova sabato e arrivare in finale.

Risultati:
[1] A. Barty b. M. Sakkari 5-7 6-2 6-0
[WC] S. Kuznetsova b. [3] K. Pliskova 3-6 7-6(2) 6-3
S. Kenin b. [2] N. Osaka 6-4 1-6 2-0 rit.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement