Nadal, 50 da record. Quarti a Madrid. Lajovic sorprende Delpo

ATP

Nadal, 50 da record. Quarti a Madrid. Lajovic sorprende Delpo

50esimo set consecutivo vinto. Record in Era Open su una singola superficie (superato McEnroe). Ora Thiem. Delpo fuori al tie-break decisivo. Shapovalov si prende il derby

Pubblicato

il

 

dal nostro inviato a Madrid

RAFA E UN RECORD DURATO 34 ANNI – In conferenza stampa ieri aveva detto che non era un suo pensiero, ma Rafa Nadal, battendo uno Schwartzman che ha mostrato di meritare la sua classifica di top 20, ha stabilito stasera l’ennesimo record della sua carriera. Da oggi infatti, il maiorchino, vincendo gli ultimi 50 set giocati sulla terra, ha superato John McEnroe (che vi era riuscito sui tappeti indoor) nella miglior serie di parziali vinti sulla stessa superficie. Soprattutto, contro un avversario che non ha mollato nulla, ha mostrato il suo eccellente stato di forma e di fiducia, il miglior viatico possibile per affrontare questo che storicamente è il mese più importante della sua stagione.

Si è dovuto attendere l’esordio nel programma serale di Rafa Nadal per vedere il primo pienone nel centrale della Caja Magica. Gli oltre diecimila spettatori che hanno riempito il Manolo Santana non saranno certamente venuti per l’avversario del beniamino di casa, ma Rafa aveva di fronte un tennista dall’ottimo ranking: Diego Schwartzman, 16 ATP. Era rassicurante per il numero 1 del mondo il bilancio degli head to head: il maiorchino aveva affrontato l’argentino già quattro volte, perdendoci solo un set, a gennaio in Australia. L’inizio di partita non è stato certamente facile per Nadal, che anzi, dopo non aver capitalizzato due palle break nel secondo game, nel terzo ne ha dovuto annullare a sua volta una. Schwartzman in questa fase mostra il meglio delle sue qualità, contro colui che, sebbene abbia appena sei anni di più, ha dichiarato essere il suo idolo tennistico. Diego si muove velocissimo per il campo, lottando su ogni palla con una “garra” ammirevole, senza rinunciare a cercare anche punti vincenti. Il problema, contro questo Nadal, è però restare su ritmi altissimi e non sfiancarsi, quando invece il campione di dieci Roland Garros resta ancora fresco come se avesse appena iniziato il riscaldamento. Dopo la prima mezz’ora di gioco, molto equilibrata, Rafa va al cambio campo sul 3-2, ma, sino a quel momento, l’equilibrio è sovrano. Del resto Schwartzman, in conferenza stampa post-vittoria contro Lopez, ieri aveva affermato che l’unica maniera per poter vincere contro Nadal era quella di partire molto forte, per provare quantomeno a scalfire la grande fiducia con cui in questo mese sta giocando il campionissimo spagnolo. Arrivava però, non appena Diego calava leggermente d’intensità, quasi inevitabilmente il break, più precisamente nel sesto gioco. Uno strappo nel punteggio che consentiva poi a Nadal di chiudere sul 6-3 in 45 minuti.

 

Un tennista come Schwartzman, anche davanti a un Everest da scalare come quello rappresentato dal vincere due set consecutivi sulla terra a Nadal, non ci pensa minimamente a mollare. L’argentino è coraggioso nel corso del primo gioco del secondo parziale ad annullare – costringendo Rafa a sbagliare un passante di rovescio – una palla break che psicologicamente sarebbe stata pesantissima. Per un paio di volte, non solo il Manolo Santana, ma anche Rafa Nadal, lo applaude, per due passanti molto spettacolari. Come accaduto nel primo set, i giochi iniziali del secondo parziale sono divertenti e ben giocati: il pubblico si diverte ad ammirare, da un lato la forza strabordante del suo campione, dall’altra, la voglia di non arrendersi dell’argentino. Impiega mezz’ora Rafa per brekkare il 16 del mondo e portarsi sul 3-2 e servizio. Un tennista normale desidererebbe la doccia. Invece, Schwartzman è così un lottatore nato da non mollare nemmeno un set e un break sotto contro un campione che non perde un parziale sulla terra da 49 volte. Nell’ottavo gioco Diego conquista addirittura due palle break: la prima Rafa l’annulla con un servizio vincente; la seconda, chiudendo con una stop volley di dritto uno spettacolare scambio. Non c’è due senza tre: il 25enne argentino conquista una terza palla break e questa volta la converte, chiudendo con un dritto a rete un lungo scambio.

Il nono gioco racconta benissimo cosa voglia dire attualmente giocare contro Nadal: Schwartzman fa grandi punti, corre come un matto da una parte all’altra del campo e, nonostante un Rafa determinatissimo a ristabilire il vantaggio, guadagna due palle per andare sul 5-4. Un tale sforzo, che con altri tennisti avrebbe portato ben altri risultati, che non viene però premiato. In quel momento persino un lottatore indomito come Schwartzman si sente scorato prima e stanco poi. Non crediamo che a un giocatore dalle sue caratteristiche sia capitato molte volte, come successo stasera, di fare in una situazione delicatissima di punteggio come questa, doppio fallo sulla palla break per l’avversario. Nel pugilato sarebbe k.o. tecnico, nel tennis si devono aspettare altri cinque minuti: Rafa chiude senza problemi nel game successivo e dopo un’ora e quarantacinque minuti, nel fragoroso boato del Manolo Santana, conquista l’accesso ai quarti, concedendo quantomeno all’argentino il momento per l’ammirato applauso che giustamente il pubblico gli concede. Domani lo attende Dominic Thiem, l’ultimo tennista ad averlo battuto sulla terra, l’anno scorso a Roma. Ma erano entrambi giocatori diversi da adesso, in un differente stato di forma psico-fisica, come si è già visto all’ultimo Roland Garros e, soprattutto, tre settimane fa a Montecarlo. Domani sarebbe davvero una grandissima sorpresa se Rafa non si prendesse la terza rivincita contro l’austriaco.

LAJOVIC SUPER, DEL POTRO SPRECONE – Esce dal Mutua Madrid Open il più accreditato antagonista di Nadal: Juan Martin del Potro perde una partita che più volte aveva dato l’impressione di avere in pugno. Era stato padrone del campo sino a metà del secondo set, ma, soprattutto, deve recriminare per come ha sprecato un vantaggio di 4-0 nel tie-break decisivo. Il gigante di Tandil è dunque rimandato per l’ennesima volta sul rosso (non raggiunge una semi su questa superficie da Madrid 2012), ma va dato il giusto onore a Lajovic, autore di una prova coraggiosa e tignosa, nella quale ha mostrato al pubblico di Madrid tutto il talento e le qualità di cui dispone. E dire che l’inedito match con Lajovic, pur essendo il 27enne serbo solo 95 ATP, sulla carta nascondeva le sue insidie, avvisaglie che avrebbero dovuto mettere in allarme Delpo. L’allievo di Jose Perlas – ex coach tra gli altri di Fabio Fognini – proveniva dalla qualificazioni e in questi giorni a Madrid ancora doveva perdere un set, nonostante avesse sconfitto ben quattro giocatori, alcuni dei quali di buonissimo livello (Gimeno-Traver, Florian Mayer, Khachanov e Gasquet).

Dopo 21 minuti di partita si è già sul 3 pari: nessun gioco arriva ai vantaggi e il match vive la più classica delle prolungate fasi di studio. Il settimo gioco, come vuole una vecchia regola non scritta del nostro sport, è quello dove arriva la prima svolta: del Potro deve fare poco più che assistere, perché Lajovic si produce in una serie di gratuiti che concedono all’argentino il break. Delpo prima conserva facilmente il servizio, poi strappa nuovamente la battuta al serbo: senza quasi sudare, il numero 6 del mondo conquista in appena 32 minuti il primo set. Il pubblico ama il gigante di Tandil. Nonostante questa sia l’ultima partita del programma diurno, tifa per lui: nel catino del Manolo Santana, rimbombano i “Vamos Delpo!”. La prima parte del secondo set segue la stessa falsariga di quella del primo: nei primi sei giochi chi è al servizio concede complessivamente solo quattro punti a chi riceve. Nel settimo game, ancora come accaduto nel primo parziale, arriva la svolta: Juan Martin si distrae, mentre Dusan spinge sull’acceleratore e arriva a palla break. L’argentino se la cava con lo schema servizio-dritto, ma Lajovic guadagna una seconda chance, che con una bella accelerazione di dritto converte. Il numero 6 del mondo nel game successivo avrebbe due palle per mettere a posto le cose, ma Lajovic con il servizio le annulla. Si percepisce il nervosismo di del Potro per essersi lasciato sfuggire una partita che controllava facilmente: l’argentino prova a ingranare le marce, ma intanto Lajovic si è come sciolto dalla tensione. Il serbo ha preso fiducia e gioca bene: serve ottimamente (nel secondo set conquista l’81% di punti con la prima e il 69% con la seconda), spara belle accelerazioni da fondo campo, alternate con buoni colpi di tocco. Dopo 1 ora e 14 minuti, si va giustamente al terzo set, un epilogo impensabile appena venti minuti prima.

Chi immagina che il più titolato dei due subito rimetterà a posto le cose, rimane basito dall’inizio del decisivo parziale. Lajovic guadagna due palle break nel gioco iniziale, che del Potro è bravo ad annullare. Ne arriva però la terza, sulla quale giunge la stecca di dritto del gigante argentino: l’immagine migliore della crisi inaspettata che il 6 ATP sta vivendo in campo. Il serbo conquista una palla del 2-0, grazie a una discesa in controtempo conclusa con una splendida volée di rovescio, un punto testimoniante appieno il suo buonissimo potenziale, ancora non uscito fuori a 27 anni. Tuttavia, subito dopo, Lajovic ricorda a tutti anche perché abbia una classifica modesta e regala, senza che del Potro faccia nulla di rimarchevole, il controbreak. Dopo i primi due set nei quali si aveva la percezione di una partita asettica – soprattutto a causa della sensazione che Delpo avesse sempre e comunque la partita in pugno, anche quando era in svantaggio -, il terzo parziale si fa davvero coinvolgente. Si vedono bei punti e banali errori da ambo le parti del campo e, soprattutto, si avverte un vero equilibrio in campo, perché Lajovic, da metà secondo set in poi, sta finalmente giocando (molto bene) come fatto nei precedenti turni di Madrid. Dopo l’1 pari non ci sono più sussulti, nessun game arriva ai vantaggi e così il tie-break diventa l’epilogo inevitabile per decidere chi dei due andrà ai quarti di finale. Il gioco decisivo non tradisce l’andamento del resto del match e va ad ondate: un servizio vincente dell’argentino e tre errori banali del serbo mandano Delpo sul 4-0 e il match sembra assegnato. Non è così e Lajovic, con la complicità del gigante Tandil, apparso pigro e lento, rimette in piedi la partita e anzi, si porta sul 6-5. Delpo annulla il primo match point con un servizio vincente, ma una risposta profonda di Dusan gli garantisce la seconda palla per il match. Dopo un lungo scambio, un rovescio lungo dell’argentino, manda ai quarti di finale Lajovic, miglior risultato, sin qui, della carriera (mai era arrivato così avanti in un Masters 1000). Domani il 27enne serbo affronterà Kevin Anderson, 8 ATP, contro il quale, sul cemento di Miami, l’anno scorso ha perso l’unico precedente.

THIEM SUPERA CORIC E VA DA NADAL  Un Dominic Thiem lunatico trionfa alla distanza contro un solidissimo Borna Coric, che è persino andato a servire per il match sul 5-4 nel secondo set. È proprio allora che l’austriaco, dopo un set e mezzo dove ha alternato molti gratuiti (frutto della sua endemica impazienza) a pochi vincenti di qualità, ha ritrovato se stesso sfoderando una prestazione magistrale. Riavvolgendo il nastro, è lampante come quel decimo game sia stato la sliding door dello scontro: fino a quel momento Coric aveva dominato l’incontro sfruttando un’ottima percentuale di prime (82% nel primo set), che, combinata alla posizione eccessivamente arretrata di Thiem in risposta, ha conferito al croato una tremenda efficacia nell’uno-due e la possibilità di giocare in scioltezza i game in risposta, dove ha sempre giocato alla regola cercando di allungare gli scambi e far puntualmente sbagliare l’avversario. Dopo aver salvato il match però il nr.2 su terra del 2017 gioca un ottimo tiebreak e nel terzo set è insolitamente assennato sino all’ottavo game, il più bello del match, quando sopperisce alla scomparsa della prima di servizio usufruendo del suo pazzesco rovescio monomane a tutta potenza che salva due palle break e provoca lo stupore del pubblico e dell’avversario. Quest’ultimo vicendevolmente non regge più il ritmo altissimo del suo avversario ed è costretto ad alzare bandiera bianca nel finale, siglando un solo punto negli ultimi due game prima di concedere partita e incontro.

CANADA GIOVANE – Il primo capitolo della rivalità canadese tra i due migliori tennisti del grande paese nord-americano viene vinto – con buon margine – da Shapovalov, il più inesperto e peggio classificato, ma anche quello maggiormente dotato di talento. Senza esperienza specifica sulla terra, Denis, ad appena 19 anni compiuti il mese scorso, sfodera una prova quasi perfetta, fatta di grande personalità, colpi spettacolari e una sensazione, lasciata in chi lo vede, che davvero abbia ancora ampi margini di crescita.

Il cielo di Madrid non presenta nuvole, fa caldo (23 °) quando i due giocatori scendono in campo. Che sia primavera e non estate lo capiamo solo dalla tempesta di polline che a più riprese si scatena nel secondo set. Il terreno di gioco della Arantxa Sanchez presenta, a causa del suo tetto richiudibile, il solito antipatico gioco di luci e ombre. Vivendolo in prima fila dalle tribune riservate alla stampa nel secondo impianto per importanza della Caja Magica, va però detto come appaia meno fastidioso per i tennisti, rispetto almeno all’impressione che se ne ricava dagli  schermi della televsione. Pronti-via e subito si capisce che aria tira: Milos nel gioco inaugurale spara tre ace. Inizialmente i due concedono poco al servizio e si vede pochissimo tennis – dopo 12 minuti si è sul 2 pari – ma poi due spettacolari accelerazioni da fondo campo di Shapovalov regalano al più giovane dei canadesi in campo due palle break consecutive. Milos non ci sta e col servizio guadagna quattro punti consecutivi, che gli levano le castagne dal fuoco. Questi si rivelano essere i prodromi del break per Denis, che concretizza il miglior avvio di partita due giochi dopo: sul 30 pari, con uno splendido passante di rovescio incrociato, guadagna la terza palla break della sua partita, che poi converte anche con un pizzico di fortuna. La sua risposta al servizio atterra sulla riga, mandando fuori tempo Raonic. Milos prova a rientrare in partita, ma nel primo set riesce solo nell’ottavo gioco ad andare ai vantaggi, senza pero’ conquistare alcuna palla break. Nei momenti delicati, Denis risolve la contesa con splendide accelerazioni con entrambi i fondamentali. Con merito, Shapovalov conquista il primo set dopo 39 minuti di partita.

Il quinto è il primo gioco significativo del secondo set: con un passante di rovescio al fulmicotone, dopo 56 minuti, Shapovalov ha due palle break molto pesanti: il più maturo tra i due canadesi – sebbene abbia solo 27 anni – ne esce molto bene con ace e servizio vincente, tenendo viva la partita. Nel gioco successivo, come paradossalmente tante volte avviene nello sport, Milos si ritrova ad avere la più grande occasione della partita, la sua prima palla break, ma Denis si aiuta con l’effetto mancino sul servizio e l’annulla. Il treno perso costa caro a Milos: sul 3-3 30 pari, affossa in rete una non impossibile volée di rovescio. Shapovalov, come già accaduto nel primo set, non si lascia sfuggire la seconda occasione e vola sul 4-3 e servizio. Dieci minuti dopo è l’ora delle strette di mano. In appena 1 ora e 22 minuti, tra l’entusiasmo e l’ammirazione del pubblico, Denis accede per la prima volta ai quarti di finale a Madrid – e per la seconda in un Masters 1000 dopo Montreal 2017 – dove affronterà in una sfida tra nuove leve (ma il britannico ha 23 anni) Edmund.

I CHILI DI KYLE – Nel solo precedente, finale Davis 2015, Goffin (10 ATP, tds 8) finì sotto di due set contro Edmund (22 ATP) prima di vincere 6-0 al quinto. Questa volta il tennista inglese si prende una meritata rivincita mettendo in mostra notevoli miglioramenti da quel dì. Sempre pesantissimo con servizio e dritto – colpo che ricorda vagamente quello di Jim Courier –, Kyle oggi difende alla grande anche il lato del rovescio e si aggiudica agevolmente il primo set strappando due volte la battuta al rivale. Nel secondo qualcosa sembra cambiare quando Goffin sale subito 15-40 in risposta ma Edmund non crolla, annulla due volte col drittone e tiene la testa. David appare svagato e poco incisivo nelle traiettorie, i troppi errori gli costano il match in un sesto gioco che era iniziato bene. Dal 30-15 invece due dritti larghissimi e un terzo a mezza rete anticipano la sentenza, scritta poco dopo dall’ennesima combinazione servizio-dritto dell’inglese. Al prossimo turno quinto incrocio (parità) con la mano fatata di Denis Shapovalov. La prima volta, in Davis, ci andò di mezzo l’arbitro, Ricordate?

KEVIN PICCHIA DURO – Forse sarà stata l’altitudine o la terra veloce, probabilmente il ricordo della recente maratona  persa in Davis contro Ferrer, sta di fatto che le mazzate di Kevin Anderson (8 ATP, tds 6) hanno sgretolato le difese di un remissivo Philipp Kohlschreiber (28 ATP). Primo set quasi perfetto fino al 5-1 per il sudafricano, che con la risposta in allungo per il secondo break mostra di non essere tutto servizio. Musica simile nel secondo parziale soprattutto perché il tedesco non riesce ad essere incisivo in battuta e continua a soffrire la maggior velocità della palla avversaria. In più perde spesso anche gli scambi lunghi. Anderson rimane tremendamente efficace in risposta e quando sul 15-40 del quinto gioco un dritto incrociato di Kohlschreiber atterra in corridoio i giochi sembrano fatti. Sul più bello però Anderson cede la battuta e si imbarca in un tie-break lungo e nervoso. Il tedesco risponde come un ossesso ma sul set point del 6-5 stecca malamente un dritto. Ne avrebbe un altro ma Kevin rintuzza con due aces consecutivi e chiude 8-6.

SASCHA SENZA AFFANNI – La scritta “next gen contender” nella sua pagina sul sito ATP fa un po’ ridere, ma Alexander Zverev ha poca voglia di scherzare e si libera in due set di Leonardo Mayer, 45 ATP, vincendo oltre l’80% dei punti anche con la seconda di servizio. Primi quattro giochi di studio, poi due errori a rete di Leo offrono la possibilità di allungare a Sascha che ne approfitta prontamente. Sul punto di disunirsi, Mayer evita il doppio break, resta in scia e, con due soli punti strappati in risposta fino a quel momento, sul 4-5 si procura la palla per rientrare, ma Zverev salva e chiude il set a forza di prime. Il tedesco detta il ritmo dall’inizio del secondo parziale e piega agevolmente la resistenza argentina guadagnando così i quarti come lo scorso anno quando fu fermato da Cuevas. Ma questa volta non troverà l’uruguaiano, bensì John Isner che ha fatto suo il match dopo tre tie-break.

UNA BATTAGLIA LUNGA TRE TIEBREAK – John e Pablo, 33 anni l’uno e 32 l’altro, non si sono mai incontrati prima: differenti frequentazioni, probabilmente. I turni di servizio non sono mai in discussione perché, se Isner veste i panni di sé stesso, Cuevas non gli è da meno, tanto da arrivare al tie-break vantando il 100% di punti con la prima. Pur con un paio di sbavature che gli costano immediatamente i mini-break di vantaggio, Pablo resta concentrato e fa suo il gioco decisivo al ventesimo punto con una risposta bloccata su cui John sbaglia il dritto. Il secondo set ricalca il precedente tranne che per una discussione a causa di un segno che l’arbitro non vuole verificare dicendo che lo ha perso, ma poi, come raramente accade benché previsto dalle regole, scende e si fa aiutare dal giudice di linea dopo le insistenze di Cuevas che comunque perde il punto. E tranne per il fatto che il tie-break scivola agevolmente dalla parte di Isner, mentre Pablo deve accontentarsi di vincere lo scambio più bello. Due break point a inizio terzo set che Cuevas non può giocarsi per colpa del servizio di Long John e si arriva al prevedibile epilogo: un passante di rovescio a testa per infiammare il pubblico, poi è una catenata di dritto in risposta da parte di Isner a decidere il match a favore dell’americano, sotto 1-3 nei precedenti con Zverev.

con la collaborazione di Raffaello Esposito, Niccolò Masiero e Michelangelo Sottili

Risultati:

K. Edmund b. [8] D. Goffin 6-3 6-3
[6] K. Anderson b. P. Kohlschreiber 6-3 7-6(7)
D. Shapovalov b. M. Raonic 6-4 6-4
[Q] D. Lajovic b. [4] J.M. del Potro 3-6 6-4 7-6(6)
[5] D. Thiem b. B. Coric 2-6 7-6(5) 6-4
[2] A. Zverev b. L. Mayer 6-4 6-2
[7] J. Isner b. P. Cuevas 6-7(9) 7-6(3) 7-6(4)
[1] R. Nadal b. [13] D. Schwartzman 6-3 6-4

Il tabellone maschile

Continua a leggere
Commenti

ATP

Il tennis domina su Google: Djokovic, Nadal e Serena Williams i tre sportivi più ricercati nel 2022

I tre tennisti dominano la categoria “atleti” di Google Trends per il 2022. In Italia Sinner, Berrettini e Djokovic tra i più ricercati

Pubblicato

il

Novak Djokovic - ATP Finals, Torino 2022 (Credits Photo Giampiero Sposito:FIT)

Si avvicina il 31 dicembre e come di consueto è tempo di classifiche che sintetizzino i fatti salienti di questo 2022, che è giunto ormai agli sgoccioli.

Una delle classifiche che si attende con più curiosità alla fine di ogni anno solare è quella redatta da Google. Sulla base dei dati raccolti dal motore di ricerca, Google fornisce un elenco delle parole più in tendenza, sia per ogni paese che complessivamente a livello globale.

Se la guerra in Ucraina e la morte della Regina Elisabetta hanno monopolizzato l’attenzione degli utenti per quanto riguarda le notizie più ricercate, alla voce atleti a farla da padrone è il mondo del tennis.

 

Quattro tennisti tra i primi 10 atleti più ricercati, rende l’idea di come l’attenzione verso il nostro sport sia in costante crescita. Occorre sottolineare come le prime tre posizioni della classifica siano completamente appannaggio di tennisti. Coloro che hanno monopolizzato le ricerche su Google sono, infatti, Novak Djokovic, Rafael Nadal e Serena Williams. A completare il trionfo del mondo del tennis troviamo al decimo posto il nuovo leader della classifica ATP, Carlos Alcaraz.

Non sorprende che data la grandezza dei personaggi, noti non solo agli appassionati di tennis, e la particolarità di questo loro 2022 li abbia portati sulla bocca, o meglio sulle tastiere di tutti. I tre, infatti, per diversi aspetti in questo 2022 hanno tenuto i loro fan alla ricerca di notizie ed aggiornamenti.

Il caso più controverso è stato sicuramente quello di Novak Djokovic. Il serbo ha monopolizzato l’attenzione degli appassionati di tennis e non solo per la nota vicenda australiana di inizio anno. Nole, infatti, contrario a sottoporsi al vaccino contro il Covid-19, è prima atterrato sul suo australiano per poi essere espulso qualche giorno dopo. Nel mezzo si è assistito ad un processo, con annullamento del visto e ban per l’ingresso nel paese. Situazione che per la gioia di Djokovic è ormai alle spalle, con Nole che è certo di tornare in Australia per iniziare la stagione.

Ciò che ha segnato la stagione per Serena Williams, è l’annuncio del ritiro avvenuto alla vigilia dello US Open sulle pagine di Vogue. Rafa invece ha vinto le prime due prove dello Slam nel 2022 restando in corsa per la prima posizione mondiale fino all’ultima settimana di tennis; nonché è stato co-protagonista del un lungo e commovente addio in Laver Cup del grande amico e rivale Roger Federer.

Se ci spostiamo alle ricerche effettuate in Italia, l’Australian Open si posiziona al numero 4 come parola dell’anno dietro solo a Ucraina, Regina Elisabetta e Russia Ucraina. Le vicende dei nostri portacolori, invece, hanno monopolizzato le ricerche dei fan italiani. Jannik Sinner si posiziona al numero 4 nella categoria personaggi dietro a Vladimir Putin, Drusilla e il cantante Blanco. Nella stessa classifica seguono al numero 5 il calciatore Vlahovic che precede altre due tennisti: Novak Djokovic e Matteo Berrettini.

Continua a leggere

ATP

Auger-Aliassime, viaggio umanitario nel “suo” Togo: “Ho visto cose bellissime”

Il tennista canadese ha effettuato un viaggio nel paese di origine del padre per verificare ciò che è stato costruito con i soldi derivanti dal progetto benefico che porta avanti da tempo

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime – Davis Cup Finals 2022 (foto: Roberto dell'Olivo)

Tre titoli ATP e la coppa Davis conquistata a Malaga hanno caratterizzato il finale di stagione scoppiettante di Felix Auger-Aliassime. Ma niente vacanze lunghe su spiagge esotiche. Il giovane tennista canadese, infatti, ha deciso di compiere una scelta più nobile, scegliendo di visitare il Togo, paese di origine del padre Sam, e più precisamente la regione settentrionale di Kara.

Il legame con la sua terra di origine è stato sempre forte per Felix, sebbene il canadese abbia scoperto le sue radici solo nel 2013 e questo viaggio in Togo sia solamente il secondo della sua giovane vita. Tuttavia, sin dal 2020, Auger-Aliassime ha lanciato una iniziativa benefica a favore del suo paese d’origine. Si tratta di una donazione dell’importo di 5 dollari per ogni punto conquistato nelle competizioni ufficiali a beneficio di CARE, una associazione che si occupa dei bambini togolesi. Nella sua attività benefica Auger-Aliassime è affiancato da uno dei suoi sponsor, BNP Paribas. La banca francese, nota come sponsor di diversi eventi tennistici, per ogni punto conquistato dal numero 6 del mondo dona ulteriori 15 euro.

Alla fine di questo 2022 i punti vinti da Auger-Aliassime hanno fruttato una cifra di circa 330 mila euro e da lì la scelta del canadese di vedere con i suoi occhi quanto fatto dal suo progetto umanitario. “Ho visto cose bellissime. – ha dichiarato Felix – Il rinnovamento degli edifici scolastici, la fornitura di tutte le attrezzature necessarie alle scuole primarie che ho visitato, attrezzature scolastiche ma anche attrezzature sportive. Sembra sciocco ma abbiamo fornito loro palloni, scarpe, reti per porte da calcio e così via”.

 

Un progetto ha visto dieci villaggi beneficiare delle attività svolte. I progetti hanno portato alla ristrutturazione di 10 campi sportivi e altrettante scuole, alla formazione di 80 insegnanti e alla dotazione di attrezzature adeguate. Inoltre, centinaia di bambini hanno ricevuto cibo, vestiario, assistenza medica o psicologica. “La cosa importante per me era incontrare non solo i più piccoli delle elementari ma anche i più grandi. Hanno tra i 17 e i 20 anni e avevano abbandonato la scuola. Ora grazie al progetto vengono seguiti e introdotti nelle officine come apprendisti falegnami, sarte, saldatori o altro”.

Auger-Aliassime è stato accolto dai bambini togolesi come Babbo Natale. E la visita ha fatto capire al tennista canadese come molto rimanga ancora da fare per il suo paese d’origine. Una nazione che vede una grossa parte della propria popolazione vivere ancora al di sotto della soglia di povertà.

Continua a leggere

ATP

Kyrgios sull’assenza in Coppa Davis: “L’Australia mi considera solo ora…”. Intanto dopo il battibecco di Wimbledon gioca in doppio con Tsitsipas!

“Non dimentico quanto detto su di me e sulla mia famiglia. Meglio più soldi che una Davis che non ha senso per me”, afferma Nick Kyrgios. “E’ il primo anno che mi rispettano”

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - US Open 2022 (foto Twitter @atptour)

Colpo di scena alla Diriyah Tennis Cup. Nella giornata di ieri si sono conclusi i quarti di finale con relativi verdetti. A giocarsi le semifinali ci saranno Wawrinka, Medvedev, Norrie e Fritz. Ma la notizia che tiene banco è la decisione da parte degli organizzatori di ripescare gli otto giocatori eliminati per formare quattro squadre di doppio.

E fin qui niente di nuovo. Se non che una delle quattro squadre sarà formata dalla coppia Nick Kyrgios e Stefanos Tsitsipas. Già, direte voi: ma non si erano lasciati male dopo Wimbledon? Quando i due giocatori si sono affrontati a Championships quest’anno, il 27enne australiano ha vinto in quattro set. Tuttavia, la partita ha vissuto una serie di polemiche, con tanto di momenti accesi tra i due giocatori. Detto questo staremo a vedere se ci saranno ancora scintille, o se i nostri avranno deposto l’ascia di guerra. La coppia oggi Hubert Hurkacz e Dominic Stricker per un posto in finale.

A proposito di frizioni, Nick Kyrgios ha rilasciato un’intervista dall’Arabia dove racconta i motivi dietro il suo forfait in Coppa Davis con l’Australia. A detta sua la mancanza di empatia da parte della federazione nei suoi confronti è alla base della decisione di non prendere parte alla competizione. Per Nick giocare a tennis in Arabia Saudita per una somma a sette cifre piuttosto che rappresentare l’Australia è stata una “facile” decisione. “Forse se l’Australia mi avesse considerato un po’ di più, ci giocherei e porterei a casa il trofeo“, ha detto il finalista di Wimbledon. “Ma chi lo sa?”.

Il 27enne ha poi aggiunto: “A questo punto della mia carriera, farò sempre ciò che è meglio per me. In questo periodo dell’anno posso viaggiare in tutto il mondo esibendomi in tornei a sei cifre – sai, sento di essermi messo in quella posizione – quindi è facile per me. Mi prenderò del tempo con la mia famiglia e la mia ragazza, e mi godrò esperienze in giro per il mondo. Preferisco guadagnare quel tipo di denaro piuttosto che giocare una settimana in qualcosa in cui non sarei pagato così bene. La Davis prosegue Kyrgios – non ha davvero senso per me e per la mia progressione come atleta“. Gli chiedono dunque se prenderà mai più parte alla competizione per nazioni: “Forse, chi lo sa?” dice il numero 22 del mondo. “Aggiungere un’altra settimana in Europa a Malaga non era davvero ciò che desideravo”. Se fosse stato in Australia, forse sarebbe stata una storia diversa?

Ma sotto sotto si capisce che la questione economica non è la più importante.Non è sempre facile per me dimenticare tutto ciò che in Australia viene detto negativamente su di me o sulla mia famiglia“. Certo dopo la finale Wimbledon qualcosa è cambiato, forse la gente ha cambiato idea sul suo conto: “Sì, lo so, ma non dimentico i primi sette anni della mia carriera… Non possono semplicemente convocarmi di punto in bianco”.

Questo lato nascosto di Kyrgios, quello più fragile, è quello che la gente non comprende. Sento che questo è il primo anno in cui mi sono guadagnato il rispetto, quando avrebbero dovuto mostrarmelo già dal primo anno. Li ho rappresentati, li ho messi sulla mappa del tennis avendo prodotto uno delle annate maschili di maggior successo nell’ultimo decennio per l’Australia, e mi sto solo godendo il momento, non credo sia colpa mia.” Alla domanda su cosa pensa di dover fare per guadagnarsi tutto l’affetto del pubblico australiano, ha risposto: “Onestamente non mi interessa, vado avanti con la mia vita”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement