Stakhovsky: "Vi spiego com'è nata l'ATP Cup"

Interviste

Stakhovsky: “Vi spiego com’è nata l’ATP Cup”

L’ucraino, da ex membro del Player Council, racconta il dietro le quinte della creazione di ATP Cup e della “nuova” Davis: la posizione ambigua di Kosmos e ITF, le trattative con Doha e Larry Ellison

Pubblicato

il

La prima ATP Cup sta entrando nel vivo e subito si riaccendono i dibattiti e le polemiche in relazione alla nuova Coppa Davis. Fa bene al circuito avere due competizioni “gemelle” a così poca distanza di tempo? Quale delle due funziona meglio? Si uniranno mai i loro percorsi in modo da dare vita ad un unico evento? Beh nelle ultime ore sono venute alla luce dichiarazioni molto interessanti che spiegano la genesi dei due eventi e come mai al momento essi siano incompatibili. A delineare i chiaroscuri della storia è stato Sergiy Stakhovsky, avvezzo alle dichiarazioni scomode ed ex membro dell’ATP Player Council (ha lasciato prima di Wimbledon 2019, insieme a Robin Haase e Jaime Murray per essere sostituiti da Federer, Nadal e Melzer). Il tennista ucraino ha rivelato in un’intervista rilasciata al portale ucraino bto.org.ua che il progetto ATP Cup affonda le sue radici molto indietro nel tempo e che a supportarlo c’era lo stesso gruppo Kosmos che ha rivoluzionato la Davis. Insomma molte ombre e molti interessi inconciliabili sembrano celarsi dietro alla nascita delle due grandi competizioni a squadre.

Di seguito le dichiarazioni di Stakhovsky:

In realtà l’idea della ATP Cup è stata concepita molto tempo fa e c’era dietro il gruppo Kosmos di Gerard Pique. Avevano presentato un progetto all’ATP. Il Player Council ha apprezzato molto l’idea e in più Kosmos offriva un montepremi enorme, 50 milioni di dollari. Altri 30 milioni dovevano andare all’ATP. Per un anno abbiamo lavorato al progetto, parlando con i giocatori, e a quasi tutti piaceva. Sarebbe giusto dire che volevamo creare un’alternativa alla Davis Cup.

 

L’idea principale era liberare i giocatori dall’obbligo di giocare la Coppa Davis per poter partecipare alle Olimpiadi. Avevamo pianificato di entrare in contatto con il Comitato Olimpico Internazionale e proporre questo nuovo evento come uno dei modi di qualificarsi alle Olimpiadi. Dopo aver trovato il modo e aver fatto progressi nelle trattative con il Comitato Olimpico, Kosmos ci ha detto: “Va tutto bene, ma queste sono le date che preferiamo.” Quindi hanno fatto tre proposte: 1) la settimana dopo la finale di Coppa Davis, 2) la settimana della finale di Coppa Davis, 3) la settimana di Natale.

Abbiamo detto loro che, dal momento che offrivano moltissimo denaro, potevano dettare le regole su molte cose, ma nessuno dei top player avrebbe giocato in quelle date e senza la loro presenza l’intero progetto era senza senso. Kosmos ci ha portato un contratto scritto che prevedeva un finanziamento per ospitare il torneo in quelle date. Abbiamo parlato con i giocatori, ma tutti i top players hanno detto che, non importa quanto denaro avrebbe offerto Kosmos, non avrebbero giocato in quelle date. Troppo in là nella stagione, avrebbe distrutto la preparazione in off season. Semplicemente non era realistico.

Allora il Player Council – Djokovic non ne faceva parte all’epoca, è stato eletto alla fine del 2016 – ha riferito la decisione a Kosmos e ha suggerito di trovare un’altra sistemazione nel calendario. Dopotutto è il nostro calendario, possiamo tirare un po’ qua e là per fare spazio all’evento, ma non alla fine della stagione. Kosmos però rimase irremovibile sulla propria posizione.

A quel punto, uno dei membri dell’ATP Board – non ne fa più parte al momento – iniziò a tentare di persuaderci. Solo molto dopo abbiamo saputo che questo membro dell’ATP Board aveva i propri interessi in questo progetto e che ne avrebbe tratto beneficio. Questa persona stava promuovendo l’idea ad una delle riunione e mi ricordo che ero seduto accanto a Gilles Simon: nessuno dei due riusciva a capire come fosse possibile sviluppare qualcosa che era chiaramente destinato a fallire. Dovevamo danneggiare il marchio ATP? Noi giocatori dovevamo riportare il buon senso nell’ATP Board. È stato divertente vedere come molte persone nell’ATP non abbiano idea di ciò che fanno. Alla fine abbiamo rifiutato l’offerta di Kosmos, ma non abbiamo abbandonato l’idea di una nuova competizione a squadre. Abbiamo detto ai capi dell’ATP di trovare uno sponsor e che tutti i giocatori avrebbero amato di prendere parte a un evento del genere, a patto che avesse una buona collocazione in calendario.

Chi aspettava da tempo di avere un grande evento era Doha. Avevano già proposto di comprare la licenza di Parigi Bercy e questo nuovo torneo sembrava ancora più importante. Chris Kermode è andato a Doha e ha iniziato le contrattazioni, ma all’ultimo momento il Qatar ha dovuto affrontare una crisi politica e, in secondo luogo, avevano appena portato Neymar al PSG per 300 milioni di dollari. Nasser Al-Khelaifi (presidente del PSG e della Federazione qatariota di tennis, ndr) ci ha detto: “Non abbiamo abbastanza soldi e non siamo interessati.” Io personalmente ho incontrato il direttore del torneo di Doha, Karim Alami, per convincerlo a non sprecare un’occasione così unica, ma anche lui ha detto che la situazione politica era complicata, che non c’erano abbastanza soldi e che comunque non erano interessati.

Allora abbiamo iniziato le negoziazioni con l’Australia e con Larry Ellison (capo del colosso Oracle e proprietario del torneo di Indian Wells, ndr). Con Larry non ha funzionato per via della location: voleva ospitare il torneo a Indian Wells a gennaio, ma volare da lì all’Australia non era l’opzione migliore. Tennis Australia ha fatto l’offerta economica più bassa perché sapeva di avere la sede e lo slot di calendario ideali. La cosa più importante però è che Tennis Australia ha offerto di dividere a metà tutti i “profitti extra”, una cosa senza precedenti. Sulla base di questa offerta, abbiamo optato per l’Australia.

I “profitti extra” includono tutti i soldi degli sponsor, dei diritti televisivi e degli altri diritti che eccedono i costi dell’ospitare il torneo e i “profitti normali” definiti dal contratto. Tutto questo denaro sarebbe stato equamente diviso tra ATP e Tennis Australia.

L’ATP Cup offre fino a 750 punti che potrebbero aumentare fino a 1000, quando il nuovo stadio di Sydney sarà completato. Questo evento è molto cool. Non abbiamo molti eventi a squadre sul Tour. La Coppa Davis è cool, emozionante e via dicendo, ma il suo format si è esaurito. Ecco perché l’ATP ha voluto portare qualcosa di nuovo nel tennis. “”

Stakhovsky rivela che, prima di procedere con l’idea di un nuovo evento, i giocatori avevano per anni cercato di introdurre modifiche nel format della Coppa Davis per renderla più appetibile e moderna.Il Player Council ha parlato molto con l’ITF per cambiare la Coppa Davis in modo da mantenere l’evento, pur modificando il formato. Abbiamo suggerito di cambiare il formato dei match, trasformarlo in un torneo da una o due settimane oppure disputarla ogni due anni. La risposta dal Comitato della Coppa Davis è sempre stata la stessa: no, è la tradizione, gli sponsor non approverebbero, tutto rimarrà com’è sempre stato.

Quando Kosmos, dopo aver fallito l’accordo con l’ATP, si è recata dall’ITF – così potete capire l’assurdità della situazione – il presidente dell’ITF ha annunciato la riforma della Coppa Davis senza nessuna consultazione con il Comitato o con gli sponsor di allora. Né Rolex, né BNP Paribas, né Adecco sono state avvisate che Kosmos sarebbe divenuta un nuovo partner dell’ITF e che la Coppa Davis sarebbe stata modificata radicalmente.

All’inizio ero sicuro che l’ITF Annual General Meeting non avrebbe passato la riforma, i membri erano troppo radicali. Ma dopo aver parlato con Gerard Pique – ha provato a fare pressioni perché abbandonassimo l’idea dell’ATP Cup e fondessimo i due eventi – ho capito, grazie ad una sua frase, che ce l’avrebbero fatta. Ha detto che sapeva come funzionava la FIFA e che avrebbe avuto i voti. Non so e non voglio sapere cosa intendesse esattamente con quelle parole, ma, come abbiamo visto, ha funzionato.

Allora Djokovic ha iniziato a promuovere attivamente la fusione tra Coppa Davis e ATP Cup. Ha proposto di disputare l’evento unificato nella settimana della Laver Cup, ma abbiamo insistito sul fatto che il contratto con Tennis Australia era stato già firmato e che era meglio avere il nostro torneo, separato dall’ITF. Il contratto è di dieci anni, se non sbaglio. Dopo questo termine ATP e Tennis Australia diventeranno co-proprietari e potranno muovere l’evento dove vorranno, in Cina o in Europa, ma sempre in accordo con i giocatori. Allo stato attuale, credo che format, location e condizioni per i giocatori in questo torneo siano ideali.

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Indian Wells, Sinner: “Contro Fritz sensazioni non buone, ma ho avuto le mie chances”

L’altoatesino dopo la sconfitta negli ottavi: “Prima del match ho detto a Riccardo Piatti che mi sembrava fosse un altro primo turno. Ma non cerco scuse”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Indian Wells 2021 (foto Vanni Gibertini)
Jannik Sinner - Indian Wells 2021 (foto Vanni Gibertini)

Fritz non è amico degli italiani: Taylor, dopo Matteo Berrettini, ha superato con lo stesso risultato (6-4 6-3) anche Jannik Sinner. Una vittoria sostanzialmente meritata, quella dell’americano, apparso più brillante dell’azzurro e con una pesantezza di palla maggiore. “In campo non avevo buone sensazioni. Non mi sentivo bene sulla palla, era come se non riuscissi a muovermi bene – è stata l’analisi di Jannik nella conferenza stampa post match -. Ma ho provato a lottare fino alla fine. Lui sicuramente ha giocato meglio di me, io ho però ho avuto tante palle break, le mie chances le ho avute, penso al primo game del secondo set. Poi ho servito io, ho avuto le palle per andare 1-1 ma non ce l’ho fatta. Cose che normalmente faccio non mi sono riuscite. Comunque, nonostante la giornata opaca, sono rimasto lì fino alla fine, ho fatto un controbreak e sono andato vicino a procurarmi le occasioni per il secondo. Quest’anno ho già perso alcune partite in modo simile, ma ogni partita ha un suo perché”.

Dialogando con il nostro Vanni Gibertini, Sinner ha spiegato perché a volte il forfait di un avversario, come capitato a lui con Isner nel turno precedente, sia qualcosa che può giocare a sfavore. “Quando ero in camera di chiamata con Riccardo (il suo coach Piatti, ndr) prima del match gli ho detto che mi pareva di dover giocare un altro primo turno, perchè sono passati tre giorni dalla prima partita a questa. Quando passa questo tempo non è molto semplice presentarsi in campo subito pronto in tutto e per tutto, specie se trovi poi un avversario in fiducia come Taylor, che aveva battuto Berrettini giocando un ottimo tennis (anche se Matteo non era al meglio). Noi ci siamo allenati tanto, abbiamo fatto il massimo che potevamo. Inoltre non devo trovare scuse – sottolinea Sinner -. Quando c’è un forfait di un avversario non è che ti rifiuti di andare avanti senza giocare, inoltre John si è ritirato per un buon motivo, ossia la nascita di un figlio”.

Infine, il 20enne di San Candido conferma la sensazione vista in campo, ossia che il suo gioco rischia di mettere particolarmente “in palla” Taylor Fritz. “Ogni giocatore del circuito, me compreso, ha quei due-tre giocatori contro cui ama giocare, contro i quali sente la palla particolarmente bene – spiega Jannik -. Forse io sono questo tipo di avversario per Taylor. Con lui ci siamo allenati a Washington e mi disse che era stato uno dei suoi migliori allenamenti. Ma questa partita la potevo vincere anche io: se sul 4-2 del primo set avessi tenuto meglio l’angolo sarei andato 5-2 e servizio. Nel secondo set, se avessi fatto il break al primo gioco, sarebbe stata un’altra partita. Ma con i se non si va da nessuna parte, è andata così. Lui si è sentito bene contro di me, e io dovevo sicuramente fare prima quello che ho fatto verso la fine del match, ossia cambiare qualcosa dal punto di vista tattico”.

 

Continua a leggere

Flash

Sinner: “Devi essere pronto e trovare una soluzione ai momenti difficili”

I due gran punti sulle palle break, gli elogi a Monfils, l’adattamento a Indian Wells e la corsa alle Finals tra gli argomenti toccati da Jannik

Pubblicato

il

È tornato a Sofia per difendere il titolo da favorito e non ha deluso le attese: Jannik Sinner ha regolato in due set Gael Monfils mettendo le mani sul quarto trofeo della sua giovane carriera. Non capita spesso che un italiano riesca nel bis (Bertolucci a Firenze 45 anni fa, per dire), quindi il ventenne di Sesto deve avere un buon feeling con l’Arena Armeec. “Tornare qui e giocare di nuovo un grande torneo è una sensazione davvero speciale” spiega Jannik nella conferenza stampa dopo la vittoria in finale. “Mi piacciono le condizioni, mi piace il campo. Credo di aver giocato molto bene. Mi sono sentito sempre meglio a ogni incontro e sono molto soddisfatto della mia prestazione e del torneo che ho disputato”. Non può allora non lasciare aperta la possibilità di tornare nel 2022, nella speranza di giocare con gli spettatori dopo questa edizione purtroppo resa triste dagli spalti deserti. “Venire qui è davvero speciale. Non so cosa succederà l’anno prossimo o quale sarà il calendario, ma perché no? Mi trovo bene qui, magari la prossima volta giocherò davanti al pubblico”.

Le capacità atletiche e difensive di Lamonf sembrano non risentire del tempo che passa, quindi sorprende un po’ che l’incontro sia stato piuttosto rapido. “Penso che sia stato un match molto fisico, ci sono stati scambi lunghi. Mi sentivo bene da fondo, oggi ho anche servito meglio e nei game di risposta, quando ho avevo l’opportunità, cercavo di prendermela. A dire il vero, nel secondo set ho risposto un paio di volte sullo 0-30 [nel terzo e nel settimo gioco, dopo il break in apertura, ndr], ma lui è stato bravo. Oggi ho capito bene la situazione in campo e questo mi ha fatto sentire a mio agio”.

A proposito del risultato raggiunto da Monfils – diciassettesima stagione consecutiva con almeno una finale –, Sinner non risparmia elogi e non solo tennistici: “Quello che sta facendo è incredibile. Muoversi così in campo alla sua età è altrettanto incredibile. Ha un gran talento ed è un ragazzo simpatico. Credo che siamo abbastanza amici, ci capita di scherzare negli spogliatoi. Non è facile giocare contro un amico, ma questo risultato è folle, solo Rafa ha fatto meglio [tra quelli che hanno la striscia ancora aperta]”.

 

Dopo aver giocosamente assicurato di avere abbastanza spazio nel suo appartamento di Monte Carlo per i trofei che vincerà a Sofia e negli altri tornei del Tour, prosegue più serio: “Sollevare un trofeo non è mai facile, attraversi momenti in cui le cose non sono facili, affronti situazioni toste in cui devi tirare fuori il tuo miglior tennis – oggi ho giocato due gran punti sul 4-2 15-40. Devi evitare di infilarti in momenti difficili, ma, quando accade, devi essere pronto e trovare una soluzione; per questo vincere un torneo è difficile a ogni livello. Mi porto questo a casa e vediamo cosa ci riserva il futuro”.

Prendiamoci ora un momento per dare uno sguardo indietro e descrivere gli ultimi undici mesi, il tempo trascorso tra i due titoli nella capitale bulgare. “È stato un anno fantastico che mi ha dato più fiducia in campo. Ci sono stati alti e bassi, che è normale alla mia età. Mi alleno sempre sodo, cerco di avere la soluzione giusta al momento giusto”. Ma, lo sappiamo, Jannik non smette di guardare avanti anche nei momenti più lieti: “L’anno, però, non è ancora finito e ci sono ancora dei grossi tornei, così domani volerò a Indian Wells dove proverò a giocare bene. In questo momento posso essere felice, ma allo stesso tempo bisogna anche pensare al futuro. Un trofeo in più o in meno non importa, devo essere concentrato su quello che viene e migliorare”.

La vittoria gli permette di superare Auger-Aliassime staccandolo di 185 punti piazzandosi al decimo posto della Race (nono, contando che Nadal ha chiuso la stagione). Subito davanti a lui, nella corsa a Torino, ci sono Hurkacz e Ruud: come valuta lo stato di forma dei suoi avversari diretti? “Non so come stiano gli altri, bisognerebbe chiederlo a loro” replica. “Sicuramente sono tutti in forma, la settimana più importante sarà quella di Parigi perché spesso gli ultimi posti si decidono lì. Adesso non voglio pensare a che posizione occupo. Sono contento di questa partita perché ho dovuto alzare il livello e l’ho alzato. I tornei si vincono così, quando magari non ti senti benissimo per alcune partite ma poi ritrovi te stesso. Ma riguardo a Torino, è ancora lunga, tante cose possono cambiare, sperando anche che nessuno si faccia male, perché c’è anche il fisico e non è semplice giocare tutte le settimane. Intanto, sono contento di far parte di questo gruppo, ma non è che tutte le mattine appena mi sveglio sia un ‘devo andare lì, devo andare lì’. Mi sveglio per migliorare e stare meglio in campo, poi vediamo a fine anno cosa esce”.

In finale, Jannik ha messo il 50% di prime in campo ottenendo però uno straordinario 93% a cui si affianca il 63% sulla seconda. Quanto è frutto dei cambiamenti che sta apportando e quanto è invece una questione mentale? “Normalmente, quando cambi, non ti senti sicurissimo. In un certo senso, puoi dire ‘ho cambiato tutto, mi sento meglio’, ma, quando alzi il lancio e basta, è un’altra cosa. Oggi mi sentivo meglio in campo, quindi anche sulla seconda mi sono mosso bene e l’ho fatto giocare tanto, anche perché lui non mi ha attaccato tantissimo e questo mi ha aiutato a entrare nello scambio. Ma, ripeto, c’è ancora tanto da fare, migliorare cose che sappiamo tutti e l’obiettivo è quello. Ci saranno partite dove servo meglio e poi perdo, ci può stare anche quello”.

Il prossimo appuntamento, il Masters 1000 di Indian Wells è imminente e, soprattutto, le condizioni del deserto californiano saranno parecchio differenti e la transizione si annuncia complicata. “Non è una situazione facile perché arrivi tardi, hai un paio di giorni e devi essere pronto per la partita” conferma Jannik, “ma bisogna anche imparare a gestire queste cose. Sarà una situazione molto diversa, non ho mai giocato il torneo, solo il Challenger [nel 2020, perse da Kudla agli ottavi]. I campi sono molto ruvidi e la palla rimbalza alta, condizioni ambientali secche, può esserci il vento, quindi è totalmente diverso. Sarà difficile a prescindere dall’avversario, ma vediamo cosa succede”.

La crescita personale, la vita ‘reale’: un campo di gioco ancora più diverso, ma il modo di affrontare le difficoltà non lo è poi così tanto. “A vent’anni devi imparare tutto, non solo il tennis, ma come gestirti fuori dal campo e puoi sempre migliorare. Credo di essere lo stesso ragazzo di cinque o sei anni fa, cerco di fare del mio meglio. Ci sono anche esperienze che fanno male, ma alla fine è importante avere vicino a te le persone di cui sai di poterti fidare; soprattutto la famiglia, sai che saranno sempre uguali che tu vinca o perda. Anch’io sbaglio fuori dal tennis – come fai a non sbagliare a vent’anni –, ma bisogna capire gli errori e andare avanti. È lo stesso che succede sul campo, ma questo ti resta per sempre, mentre il tennis lo giochi per venti, venticinque anni. La vita è un altro discorso”.

La crescita di un tennista è strettamente legata al suo team, con il quale il rapporto non può non essere di completa fiducia. Di sicuro, questo vale per Sinner e la sua squadra: “Siamo una famiglia, ci conosciamo molto bene a partire da Riccardo [Piatti], poi sono arrivati Dalibor Sirola e Claudio Zimaglia che mi hanno aiutato quando sono salito un pochettino e adesso conosco meglio della mia famiglia, sono felice di far parte di questa squadra. Il rapporto è semplicemente bello; sono loro le persone che girano con te, ogni tanto si danno il cambio, però a me non cambia tanto, perché ognuno ha lo stesso obiettivo e sa quello che deve fare”.

Continua a leggere

Flash

Monfils: “L’Italia ha trovato l’oro. Berrettini e Sinner potrebbero giocare contro una finale Slam”

“Esclusiva” con Gael Monfils su: chi più forte tra Berrettini e Sinner in prospettiva? “Li vedo entrambi top-10 a fine anno. Non è vero che il rovescio di Berrettini non è un buon rovescio”

Pubblicato

il

Gael Monfils - Sofia 2021 (foto Ivan Mrankov)

Ho approfittato della simpatia e della disponibilità di Gael Monfils, fresco reduce da una facile e rapidissima vittoria nei quarti di finale (6-2,6-2 in 49 minuti e 53 secondi) sul nostro Gianluca Mager a Sofia – “Ma che atmosfera triste senza pubblico! C’era un così bell’ambiente quando ero venuto l’ultima volta“-  e alla seconda semifinale consecutiva in due settimane, per chiedergli un’opinione su due tennisti italiani che lui conosce molto bene, Matteo Berrettini e Jannik Sinner per averci lottato a lungo in due maratone di 5 set (e non solo).

Monfils è stato n.6 ATP come best ranking, ora è n.20 ed è testa di serie n.2 a Sofia, preceduto dal nostro Sinner.

Matteo raggiunse le semifinali dell’US Open dopo un’epica battaglia di cinque set con Gael conclusasi al tiebreak decisivo  (3-6,6-3,6-2 36,7-6), per poi ribatterlo in ATP Cup questo gennaio 6-4 6-2.

 

Jannik e Monfils invece hanno duellato tre volte, Sinner ha vinto due volte. La prima ad Anversa 2019 (6-3,6-2) e la terza all’ultimo US Open 6-4 al quinto (7-6,6-2,4-6,4-6,6-4), nel mezzo ci perse a Vienna (6-3,7-6).

Chiedo a Gael se lui si sente di dare una risposta a tutti quanti chiedono se Jannik diventerà più forte di Matteo, che è una domanda che ci si sente rivolgere molto spesso dagli appassionati italiani.

Matteo dacchè ha raggiunto la semifinale del 2019 all’US Open ha veramente …”decollato”, è diventato un tennista di una solidità impressionante. Da due anni è mezzo non è solo un top-ten, è un top-8, è incredibile come si adatta su qualunque superficie…

E Jannik?

Beh, l’ho conosciuto davvero molto giovane, mi ha anche subito battuto la prima volta a Anversa. Penso che gioca estremamente bene, è molto rapido da tutti i due lati, tira molto forte, ha una palla pesante, fa tutto bene…se diventerà più forte di Matteo? Non posso dire altro che di essere sicuro che entrambi saranno ancora più forti a breve, e non mi sorprenderebbe che i due si possano trovare un giorno a giocare una finale d’uno Slam l’uno contro l’altro!  Matteo ne ha già giocata una e Jannik ha certo il potenziale per arrivare a giocarne una anche lui e anche per vincerla e quindi dire adesso chi diventerà più forte tra i due è difficile da dire adesso, lo sa solo Dio. Ma i due sono un tesoro per il tennis italiano! Sono entrambi due top-ten garantiti”.

Vabbè Gael, però in questo modo non è che ti sbilanci troppo! Capisco che non sia facile eh…, anche a me quando mi chiedono se Jannik diventerà più forte o meno di Matteo mi stringo nelle spalle…Ma puoi provare a essere un po’ meno diplomatico? Hai visto Jannik contro Gerasimov giovedì sera?

No, non l’ho visto perché volevo guardare la partita della mia signora (ma femme; Elina…) a Chicago”.

Puoi provare a fare un’analisi tecnica dei due, per esempio che ne pensi del rovescio di Matteo? E’ chiaro che ha servizio e  dritto formidabili, ma il rovescio a quel livelli è un punto debole non trovi?

No, attenzione, un momento. Il suo rovescio è molto buono…non è all’altezza del dritto, ma il suo rovescio slice è molto fastidioso, e anche quello piatto. Non è forte come il dritto perché altrimenti sarebbe straordinario, ma che non sia forte come il dritto non vuol dire che abbia un brutto rovescio. Il suo dritto è certamente uno dei tre migliori del circuito, e il rovescio soffre il paragone con il dritto ma è un rovescio comunque molto buono. Berrettini con quel servizio che ha poi…quando te lo trovi di fronte è davvero difficile, davvero molto complicato trovare il modo di contrapporcisi. E dal 2019 i risultati che è capace di produrre in continuità parlano per lui: fa finale in uno Slam, semifinali o quarti di finale [perdendo solo da Djokovic…n.d.UBS], grandi match, è arrivato in finale al Masters, fa finali a Masters 1000, vince tornei 250, 500, è un giocatore che fa risultati da top 6…

Mentre Jannik…

Jannik ha 20 anni! Ha fatto risultati enormi per la sua età. Ha fatto finale in un Masters 1000 [Miami], ha vinto un 500 [Washington], ha vinto dei tornei, è appena al di fuori dei top-ten, gioca in un modo incredibile, i due sono diversi, hanno caratteristiche differenti, non so che cosa posso dirti ma credimi, voi avete trovato l’oro con questi due ragazzi…non so che cosa dirti di più. Alla fine per rispondere alla tua domanda su chi abbia maggiore potenziale fra i due, avrai risposte soggettive: dipende infatti da come quello a cui lo chiedi si è trovato giocando contro di loro. Dipende anche dai match ma a un giocatore può piacere più affrontare Berrettini e a un altro Sinner e il suo giudizio ne sarà influenzato. Magari a uno potrebbe preferire affrontare Jannik sul duro e Matteo sulla terra battuta, o meglio giocare con Sinner sull’erba perché avanti è meno forte piuttosto che Matteo che sull’erba gioca molto bene..è molto difficile risponderti perché è come se ti chiedono se preferisci giocare contro Rafa o contro Roger…dipende dove, quando, come. Comunque a fine anno i vostri ragazzi saranno entrambi entrambi top-10“. 

E su questo vaticinio rassicurante di Gael e i miei saluti a Elina Svitolina in Monfils, ci siamo allegramente salutati.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement