AO interviste, Raonic: "Con Moya abbiamo lavorato più sull'aspetto psicologico"

Interviste

AO interviste, Raonic: “Con Moya abbiamo lavorato più sull’aspetto psicologico”

Australian Open interviste, secondo turno. M. Raonic b. T. Robredo 7-6 7-6 7-5. L’intervista del dopo partita a Milos Raonic

Pubblicato

il

 

Ogni giorno un avversario diverso. Non sei sembrato molto penetrante. Forse è perché Robredo gioca in maniera diversa?
Sì, in un certo senso ho sentito di esser calato un poco dopo aver perso tutte quelle palle break nel primo set. Se forse avessi fatto di più con il dritto, specialmente nel primo gioco in risposta, poteva essere più demotivante per lui e avrebbe aiutato me ad alzare il mio livello.
Sentivo che stavo giocando forzandolo un poco. Stavo cercando di tirare la palla piuttosto che giocare con un po’ più di calma come avevo fatto nei match precedenti.

È stato un po’ per il fatto che lo avevi battuto così facilmente le ultime due volte?
No, non credo abbia niente a che fare con questo. Penso sia perché volevo iniziare meglio. Credo sia più perché era un giorno differente, è un differente tipo di match.
Non penso di aver giocato così bene come avrei voluto fare. Ma alla fine della giornata la cosa più importante è che ho vinto.

Puoi spiegare un po’ di più il lavoro con Carlos?
È stato piuttosto breve. Abbiamo passato un paio di giorni insieme durante l’IPTL. Stiamo iniziando a conoscerci, a discutere su cosa pensa lui e su cosa io credo di dover fare meglio per raggiungere i miei obiettivi. Nelle scorse settimane essendo vicini ad uno slam, non abbiamo aggiunto molte cose. Forse un po’ meglio dal lato psicologico che dal lato fisico e su come accordarci meglio in certe situazioni. È stato molto coinvolto durante Brisbane. Così ha visto a che punto eravamo. Ma penso ci sia molto che potremmo aggiungere al mio gioco, penso ci sia solo bisogno di tempo.

 

Molte persone ti vedono qui come un outsider. Pensi che questa potrà essere la tua prima finale slam? Stai giocando con molta fiducia.
Penso sia troppo presto per dirlo. Sento che sto giocando bene. Penso di poter portare oltre il mio tennis. Ma sabato ho una grande sfida dinanzi a me. Spero di poter andare oltre e affrontarle una ad una.
La prima settimana la cosa più importante è sempre quella di trovare un modo per vincere. Spero di poter giocare sempre meglio ogni partita e che questo mi possa portare lontano.

Parlando di infortuni,  hai risolto tutti i problemi che avevi nel 2015?
Sì, il mio corpo è in ottima forma.

Ci sono stati alcuni punti che hai vinto sul secondo servizio. Ha avuto molti problemi per rispondere. Cosa avevi nella mente mentre tiravi la seconda contro uno come lui su un punto importante?
Lui è un giocatore di ritmo. Più a lungo giochi, più lungo è il punto, più diventi schiavo. Si tratta solo di tirare la seconda in campo un po’ di più. Ha sempre lottato sul mio servizio. Non so quante volte abbiamo giocato, ma non credo mi abbia brekato più di due volte in sei match o qualcosa del genere.

Ti ha sorpreso quanto ha lottato oggi in campo?
Sono impressionato da quando duramente lotta ogni volta. Ad ogni modo non mi ha sorpreso, è quello che ti aspetti. Penso che sia uno dei ragazzi che ha salvato più match point nelle sue partite. Ne ha salvato uno nell’ultima partita. Penso sia arrivato nei quarti di finale al Roland Garros 3 volte di fila recuperando da due set sotto.

Puoi parlarci del tuo prossimo avversario Viktor Troicki?
Sarà difficile. Ha vinto la scorsa settimana. L’ho guardato un po’. Quindi è in forma. Ha combattuto durante il match del primo turno, salvando match point credo.
Poi ha avuto una buona vittoria oggi. So come gioca. L’ho incontrato a Beijing non molto tempo fa. Penso che se riuscirò a fare il mio gioco in modo più pulito ed efficiente di oggi, e se riuscirò ad essere un po’ più efficiente a rete, sarò in grado di avere delle opportunità.

Traduzione di Alessandra Montenero

Continua a leggere
Commenti

Flash

Iga Swiatek: “Non giocherò la Billie Jean King Cup. Troppo vicina alle Finals: delusa da WTA e ITF”

Le parole della n.1 al mondo durante il Media Day del torneo di Ostrava: “Mi piace molto qui, è più tranquillo e rilassante”. E intanto salta la BJK Cup

Pubblicato

il

Iga Swiatek - US Open 2022 (foto Twitter @rolandgarros)

Ad Ostrava, in Repubblica Ceca, tornerà in campo, a poco più di 20 giorni dalla vittoria allo US Open, secondo Slam della sua incredibile annata, la n.1 del mondo Iga Swiatek, in un torneo non come gli altri. Infatti Ostrava è molto vicina al confine polacco, c’è aria di familiarità per la giovane campionessa (anche se il torneo di Varsavia in estate non le portò molto fortuna) che ha rilasciato interessanti dichiarazioni, anche di questo tipo, durante il Media Day del torneo di categoria 500 (del quale è anche semifinalista uscente). “É stato abbastanza divertente“, spiega la n.1 del mondo, “perché di base la maggior parte delle persone presenti erano polacche, quindi mi sono sentita come a casa. Mi piace molto che qui è così calmo perché dopo città come New York è buono andare in un posto in cui puoi davvero riposarti. Forse i miei amici verranno, ma solo se arriverò in semifinale. Quindi sono sotto pressione“.

Non sarà però un torneo facile in campo, dato l’alto livello del tabellone, in cui lei esordirà contro Tomljanovic o Zhang, e della voglia di molte giocatrici di far punti preziosi in vista delle WTA Finals. Inoltre Swiatek sarà presente senza il suo coach, Wiktorowski, e senza tutto il suo staff, a cui ha preferito concedere un break in vista del rush finale della stagione negli USA, dove si giocheranno le Finals a Fort Worth. “Abbiamo fatto qualcosa di simile a Dubai e Stoccarda“, chiarisce Iga, “abbiamo già le nostre abitudini. Lui è sempre a disposizione. Lavoreremo ancora in termini di tattica e preparazione alla partita. Sento che sia buono per loro stare un po’ di più a casa ed essere più freschi per il nostro viaggio negli USA“. E proprio oltreoceano, con la grande affermazione nell’ultimo Major dell’anno, la polacca ha avuto un’ulteriore iniezione di fiducia: “Mi ha dato la sensazione che possa vincere in qualsiasi condizione. Anche se non mi sento al meglio, posso comunque fare bene e mettere pressione sulle mie avversarie“.

IL TABELLONE COMPLETO DEL WTA 500 DI OSTRAVA

 

Si è però permessa di riposarsi una sola settimana Swiatek, tornando subito poi ad allenarsi a Varsavia, dunque in casa. E fa notizia in questo senso la rinuncia di rappresentare la propria nazione, con cui ha un certo legame e per la quale spesso spende parole dolci, durante le BJK Cup Finals. Scelta però abbastanza obbligata, dato che si terranno dall’8 al 13 novembre a Glasgow, quindi subito dopo le WTA Finals, dal 31 ottobre al 7 novembre a Fort Worth, uno degli eventi più attesi e per una tennista più desiderati, che saranno anche l’ultimo torneo del 2022 per la polacca. A tal proposito, Iga è intervenuta in tackle, con una storia su Instagram: “Ci ho pensato molto e ne abbiamo discusso parecchio con il mio team, ma non riuscirò a giocare a Glasgow per la Billie Jean King Cup. E ciò mi rattrista molto. Mi spiace, perchè gioco per la Polonia ogni volta che ciò è possibile dando sempre il massimo. Giocare in Polonia quest’anno è stato un onore e speravo di rifarlo a fine stagione. Sono delusa dal fatto che gli enti governanti del tennis non siano giunti a un accordo su qualcosa di così basilare come il calendario dei tornei, dando alle giocatrici solo un giorno per viaggiare attraverso il mondo e cambiare il fuso orario. Questa situazione non è sicura per la nostra salute e potrebbe causare infortuni. Ho intenzione di parlare con WTA e ITF per cercare di cambiare qualcosa. Questa situazione è difficile non solo per le giocatrici come me, ma soprattutto per i fan che supportano il nostro sport”.

Swiatek, in ogni caso, non rinuncia ai campi di casa per prepararsi all’ultimo, intenso mese di tennis, partendo da Ostrava: “Le condizioni (a Varsavia) sono simili a quelle che abbiamo qui. Questo torneo potrebbe essere difficile perché non ho giocato neanche una partita in tre settimane, e tornare dopo aver vinto un Grande Slam è sempre difficile. Ma dal punto di vista tennistico mi sento pronta“.

IL TABELLONE COMPLETO DEL WTA 500 DI OSTRAVA

Continua a leggere

ATP

Guido Pella prova il rientro: “Non ho cartilagine nel ginocchio ma ho voglia di giocare ancora”

L’argentino ha ripercorso in un’intervista per “El Grafico” gli ultimi dodici mesi: dalla pausa coincisa con la paternità alla rieducazione del ginocchio dopo aver pensato al ritiro

Pubblicato

il

Guido Pella - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

Il tennis può creare dipendenza. Una dipendenza che prende la forma di voglia di competere, anche quando le condizioni fisiche cercano di incanalare su una strada lontana dai campi. Guido Pella e il suo tentativo di rientrare nel circuito sono l’ennesima dimostrazione di quanto sia difficile dire addio allo sport amato. Anche Federer ci ha provato fino in fondo, continuando a interrogare il proprio ginocchio prima di annunciare definitivamente il ritiro. Pella, adesso, si trova in una fase che lo svizzero ha già vissuto e spera di ottenere risposte diverse. Anche per lui il tormento è rappresentato dal ginocchio, privo di cartilagine e rieducato praticamente da zero – come raccontato dallo stesso argentino a Pablo Amalfitano di El Grafico.

Guido non gioca una partita ufficiale da ottobre dell’anno scorso, ma i problemi fisici erano evidenti già prima: nel 2021 aveva infatti giocato 26 partite perdendone 18. La causa prima è una lesione cronica al ginocchio destro: “Non esiste una cura per quello che ho. Alla fine dell’anno scorso ho avuto una ricaduta molto forte, un dolore che mi impediva praticamente di camminare sul campo. Ho deciso di prendermi una pausa. Un mese dopo ho scoperto che sarei diventato padre. Tutto si è riunito per permettermi di fare un passo indietro per un po’”.

Presto, però, si è fatta sentire la mancanza della racchetta, della terra rossa (indubbiamente la superficie più adatta alle caratteristiche di Pella) e della tensione che ogni match porta con sé: “Ho iniziato ad allenarmi ad aprile e il ginocchio ha iniziato a farmi molto male. Ne ho parlato con il mio chinesiologo e gli ho detto che non potevo più giocare perché non riuscivo ad allenarmi bene; mi faceva male persino alzarmi dal letto. Abbiamo avuto due consulti e mi hanno detto che dovevo rieducare il mio ginocchio da zero, dall’alzarmi da una sedia al camminare in modo diverso, solo per far sì che il ginocchio sentisse sollievo dalla lesione”.

 

L’argentino non si è fatto spaventare da questa prospettiva e, con pazienza, ha fatto tutto l’indispensabile per darsi un’altra possibilità. Nel corso di questa settimana, l’ex numero 20 del mondo è tornato a frequentare gli ambienti del tennis professionistico, allenandosi a margine del Challenger di Buenos Aires. Ora proverà a giocare alcuni tornei in Sudamerica, in modo da gettare le basi su cui costruire il ritorno effettivo nel circuito ATP che gli sarà facilitato dal ranking protetto (sarà virtualmente numero 75 del mondo). A motivarlo c’è la dipendenza da competizione ma non solo: “Ora che sono papà voglio tornare per dimostrare a mia figlia, anche se è piccola e non può capire, che se si vuole si può giocare di nuovo, dopo un anno, nonostante il dolore. Ci sto provando e sono felice. Sento che sto giocando bene per il tempo in cui sono stato fuori”.

Se le cose non dovessero andare nel verso giusto, Pella sarebbe comunque entusiasta di vivere un tipo di vita che ha già sperimentato nei mesi di stop forzato: “Ho ritrovato la mia famiglia, i miei amici, un tenore di vita normale. Anche essere normali è bello. Non tutto è fatto di viaggi, alberghi e tornei. Essere un normale essere umano è fantastico. Se avrò un’altra possibilità, cercherò di sfruttarla. Se non posso, sono felice di rimanere a casa a mangiare con la mia famiglia”.

Continua a leggere

ATP

Niente Astana per Sinner: “Mi dispiace molto per questo infortunio, amo la stagione indoor”

L’infortunio alla caviglia impedirà a Sinner di partecipare all’Astana Open la settimana prossima. In forse anche l’ATP di Firenze

Pubblicato

il

Il torneo che tre anni fa aveva consegnato Jannik Sinner alla lista dei giocatori capaci di vincere almeno un torneo professionistico quest’anno non è stato troppo fortunato per Jannik Sinner. L’altoatesino si è dovuto ritirare nel corso della semifinale contro il danese Holger Rune a causa di una distorsione occorsa alla caviglia destra che ora mette in forse tutto il resto della stagione per il giovane italiano.

Sinner ha fatto sapere attraverso il responsabile dell’ATP a Sofia che rinuncerà alla trasferta in Kazakistan della prossima settimana dove avrebbe dovuto prendere parte all’Astana Open, un torneo ATP 500 in programma ad Astana (città che è recentemente tornata ad assumere il suo precedente nome di Astana dopo che nel 2019 era stata ribattezzata Nur-Sultan). Si tratta di uno dei tornei con licenza annuale che sono stati organizzati quest’anno per sostituire le competizioni in programma in Cina: la settimana prossima infatti avrebbe dovuto disputarsi il China Open a Pechino, tradizionale e ricchissimo appuntamento per gli ATP 500, in contemporanea con la Rakuten Japan Open Tennis Championships di Tokyo, che invece è regolarmente in programma.

L’italiano effettuerà le verifiche mediche del caso e si è detto speranzoso di poter partecipare quantomeno all’Unicredit Firenze Open al via nel capoluogo toscano il 10 ottobre prossimo.

 

Sinner era in tabellone a Nur-Sultan con la testa di serie n. 6 ed era stato sorteggiato contro il tedesco Oscar Otte.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement