Il detentore Zverev è il meno in forma, ma alle Finals sarà il più motivato

Focus

Il detentore Zverev è il meno in forma, ma alle Finals sarà il più motivato

Un 2018 finito da ‘Maestro’ assoluto, un 2019 da assoluta comparsa. Le motivazioni più forti però sono le sue

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Finals 2018 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Per Alexander Zverev, il titolo conquistato l’anno scorso rimane il più prestigioso della carriera. Superare Federer in semifinale, vincere 8 set su 10 nell’intero torneo, riuscire a dominare il serbo a suon di bordate spaventose non era francamente prevedibile, ma vista la grande prova in una finale così importante era ancor meno immaginabile un 2019 così deludenteDoveva essere l’anno della consacrazione, è stato un anno nel quale ha mostrato tutti i suoi limiti.

Oltre a confermare un ruolo ancora da comprimario negli Slam (secondo quarto di finale a Parigi dopo il 2018, ottavi a Melbourne e New York e inopinata eliminazione al primo turno a Wimbledon per mano di Vesely), nel 2019 ha vinto la miseria di un titolo, il 250 di Ginevra (peraltro dovendo annullare due match-point a Nicolas Jarry) e raggiunto due finali, ad Acapulco e nel recente 1000 di Shanghai, dove è stato soverchiato da un inesauribile Medvedev. Proprio il ruolino di marcia nei 1000 ha sorpreso in negativo, dopo tre titoli nel biennio 2017-2018 con altre due finali: esclusa la finale di Shanghai si è spinto fino ai quarti di finale a Madrid e Montreal, poi poco altro. Aggiungiamo le due semifinali nei 500 (a Pechino ed Amburgo) e concludiamo che la possibilità di difendere il titolo dell’O2 Arena sembra quasi una benedizione per il ventiduenne di Amburgo.  

Ecco, cosa può aspettarsi dalle ATP Finals 2019 Sascha Zverev? Visto da destra, la brutta stagione viziata anche da problemi personali, partendo da quelli di salute del padre per arrivare alla tumultuosa vicenda legale con il suo ex manager ora risolta, e l’incipiente necessità di arrivare lontano avendo 1300 punti da difendere potrebbero mettergli addosso una pressione che molto spesso ha dimostrato di non saper gestire. Visto da sinistra, la rabbia che si porta dietro da un anno e la voglia di mostrare che il 2019 è stato solo un’eccezione di una fulgida carriera trovano nel Masters di fine anno un palcoscenico perfetto. Le motivazioni dell’ex n.3 del mondo sono enormi e il sorteggio l’ha collocato indubbiamente nel girone più abbordabile.

Il gruppo Agassi lo vedrà sfidare i seguenti avversari:

Rafa Nadal, n.1
Daniil Medvedev, n.4
Stefanos Tsitsipas, n.6

Non poco dipenderà dalla presenza o meno di Rafa Nadal, che se sarà in campo lunedì sera al debutto contro lo stesso Zverev dimostrerà di avere piena possibilità di vincere le sue prime ATP Finals. È vero che Sascha dà il meglio nei due set su tre, ma con Nadal ha perso cinque volte in altrettante sfide, due delle quali sul veloce. Di sicuro Sascha tra oggi e lunedì darà diverse occhiate al cellulare per controllare se e quando Rafa scioglierà le riserve sulla sua partecipazione. Se Rafa dovesse dare forfait, non si metterebbe le mani nella sua zazzera bionda.

I precedenti giocano invece a suo favore contro Medvedev, battuto quattro volte su cinque e sempre sul duro (la prima volta indoor, a San Pietroburgo). Le quattro vittorie si fermano però ad Agosto 2018, quando Medvedev non era ancora questo Medvedev. Anche contro Tsitsipas il campione in carica non ha buoni precedenti, avendo vinto solo la prima sfida a Washington, prima di soccombere tre volte, l’ultima nella recente semifinale di Pechino.

Sulla carta quindi le prospettive di Sascha sembrano grigie, viste anche le motivazioni di Nadal per il primo titolo di Maestro e quelle di Djokovic per il sesto, che gli permetterebbe di agganciare Federer e ritrovare quasi certamente la vetta della classifica. I due esordienti più pericolosi – Tsitsipas e Medvedev, dei quali vi abbiamo parlato qui – sono pericolosi eccome, poiché hanno le fattezze del giocatore più in forma degli ultimi mesi e di un giovane greco che insieme lo stanno relegando al terzo posto tra gli under 23 in classifica. Tutto da perdere per Sascha, per non parlare dei 1300 punti da difendere…virtualmente già persi, poiché il sistema delle classifiche li decurta prima dell’inizio del torneo: Zverev è infatti scivolato al settimo posto, con poche chance di salire in classifica anche giocando un ottimo torneo poiché paga un ritardo di oltre 1000 punti dal sesto posto di Tsitsipas.

 

A ben guardare, però, è lui che comincia le Finals con le motivazioni più forti. Nadal, Djokovic e Federer su teatri così non steccano mai, ma non hanno la stessa ferocia che li accompagna in uno Slam. Tra le prime Finals, il secondo Australian Open o il tredicesimo Roland Garros, cosa scarterebbe per primo il Re di Manacor? Si può forse dire altrimenti per Nole e Roger? Per Sascha, invece, il suo Slam è – almeno per ora – il torneo dei Maestri. Che non è un Major ma non è nemmeno un torneino come Ginevra, con tutto il rispetto.

E gli altri giovanotti possono millantare motivazioni superiori? Berrettini non vuole fare la comparsa ma le sue Finals le ha già vinte, Tsitsipas viene da una stagione decisamente migliore ma forse non ha la fame del tedesco, Thiem è molto migliorato sul veloce ma anche per lui il vero torneo da vincere è uno Slam (leggasi Roland Garros). L’unico che in quanto a fame non parte mai secondo a nessuno è il provocatore di New York. Medvedev ha quasi strappato uno US Open dalle mani di Nadal ma le sue risorse fisiche potrebbero esaurirsi da un momento all’altro, mentre il serbatoio del Maestro 2018 ha fatto molta meno strada proprio per i tanti tornei finiti anzitempo. 

Insomma, tra rabbia da incanalare nella giusta direzione, motivazione superiore agli altri e stato fisico meno provato, Zverev può veramente relegare il 2019 a un periodo maledetto ma circoscritto, circoscritto da due titoli di ‘Maestro’ consecutivi. Difficile? Sì, ma forse non impossibile.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Sonego si conferma a Montecarlo: Fucsovics regolato in due set, adesso la sfida a Zverev

Il 24enne torinese supera il primo ostacolo nel Principato. Fucsovics si lamenta per il grunting di Sonego, l’italiano replica: “Ha cercato di condizionarmi, non è piacevole. Non faccio niente per dare fastidio all’avversario”

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - ATP Cagliari 2021

L. Sonego b. M. Fucsovics 6-3 6-4

Lorenzo Sonego è pronto per fare bene anche a Montecarlo. Dopo il titolo conquistato a Cagliari domenica, il 24enne torinese parte ottimamente nel Masters 1000 del Principato superando Marton Fucsovics al primo turno (6-3 6-4). L’azzurro dimostra un’ottima capacità di adattamento alle diverse condizioni e mette in mostra una maggior capacità di stare sempre dentro al match – anzitutto a livello mentale – rispetto al magiaro numero 40 del mondo. Sonego così avanza al secondo turno: affronterà domani Alexander Zverev sul Ranieri III e per il tedesco non sarà una passeggiata.

LA CRONACA – Sonego si presenta sul Court 9 con la stessa mascherina color granata vista a Cagliari: nel primo set a spezzare per primo l’equilibrio è Fucsovics, che gioca in modo aggressivo e sale 2-3 e servizio. Ma dopo il cambio di campo per l’ungherese la luce si spegne: tre errori gratuiti consegnano a Sonego lo 0-40. L’ungherese spesso cerca di venire a rete per accorciare gli scambi: così Marton arriva 40-40, ma poi un errore di diritto dell’ungherese vale il contro-break (3-3). Da lì Sonego prende il sopravvento, giocando con solidità e pazienza. Nell’ottavo game si arriva a parità sul servizio di Fucsovics e Lorenzo ha una palla per andare a servire per il primo set quando un diritto dell’avversario finisce lungo. Il magiaro salva questa e un’altra palla break. “Stai attivo su ‘ste gambe”, si dice Sonego: detto-fatto, perché alla terza Lorenzo strappa il servizio all’avversario grazie a un ottimo passante in corsa col diritto. Bravo e fortunato l’azzurro, visto che Fucsovics era stato costretto a scendere a rete a causa di una deviazione del nastro. Sonego va a servire per la prima partita e non spreca l’occasione grazie anche a un punto spettacolare, in cui Lorenzo si difende sul pressing di Fucsovics mettendo un miracoloso recupero di rovescio negli ultimi centimetri di campo per poi chiudere a rete su uno strano passante-tweener dell’ungherese. È 6-3, parziale meritato per il giocatore più solido e continuo.

 

Lorenzo ha l’occasione di allungare già ad inizio secondo set, quando Fucsovics sparacchia fuori un rovescio permettendogli di salire 15-40. Marton però scende a rete per salvare le due palle break; poi, dopo un punto durissimo, piazza un’accelerazione di diritto sulla riga e una prima vincente per tenere il servizio. Nel secondo game è Sonego a soffrire sul suo servizio: cancella una palla break, poi detta i tempi del gioco e va a prendersi l’1-1 raccogliendo a rete i frutti di un ottimo diritto inside-in dalla parte sinistra. La storia si ripete anche nel quarto gioco: Sonego concede due palle break, ma si difende bene e alla fine è Fucsovics a sbagliare per primo (2-2). Qui il magiaro perde lucidità e si innervosisce, iniziando a borbottare ad ogni punto. E nel quinto game pensa bene di fare un doppio fallo sul 30-30. Marton salva la prima palla break chiudendo a rete una volèe di rovescio dopo un’accelerazione col dritto, ma poi commette un altro errore e regala a Sonego un’altra possibilità di allungare.

La frustrazione si impadronisce di Fucsovics, che va a parlare con il giudice di sedia lamentandosi per un presunto atteggiamento irritante di Sonego. Poi sbaglia, cede il servizio (4-2) e scaraventa la pallina fuori dal Country Club. Sonego ha la partita in mano e resta concentrato: si trova sotto 0-30, ma tiene il servizio andandosi a prendere il 4-2 con una morbida volee di rovescio. Sempre presente con la testa e bravo a mantenere un’intensità costante, a differenza dell’avversario, Sonego approfitta delle possibilità che gli vengono concesse e prova a chiudere la partita già sul servizio dell’avversario sul 5-3. Ci va vicino perché arriva al match point dopo due erroracci a rete di Fucsovics, il quale però resta aggrappato al match (5-4). Sul suo servizio, però, Sonego non ha indugi e chiude il match con un passante vincente di diritto, a coronare una prestazione solida e convincente che gli vale la quinta vittoria consecutiva a livello ATP.

LE PAROLE – Pochi minuti dopo il match Sonego ha parlato in conferenza stampa: “Fisicamente sto bene, sono arrivato ieri e sono riuscito ad allenarmi poco per la pioggia ma comunque mi sento bene, e questo è importante – sono state le sue parole sul match -. Le condizioni di gioco? La terra è più veloce rispetto a Cagliari, poi oggi si giocava su un campo molto stretto. All’inizio ho fatto un po’ di fatica ad adattarmi, poi col passare del tempo è andata sempre meglio”. Sulle lamentele di Fucsovics: Oggi ha iniziato a lamentarsi dalla fine del primo set, diceva che facevo dei versi in ritardo, non so perché, e si lamentava con l’arbitro. Ha cercato di condizionarmi e questo non è piacevole perché io non faccio mai niente in campo per dare fastidio all’avversario. Sono comunque contento di aver vinto la partita”.

Sul suo “grunting”, Lorenzo specifica: “Mi viene naturale farlo, è così da quando sono piccolo”. La testa, ora, va alla sfida con Zverev: “Sarà una partita dura, è un giocatore tosto e abituato a giocare certe partite. Io però sto giocando bene e sono in fiducia. Devo giocare il mio tennis, avere le idee chiare ed essere sempre lì con la testa: come avete visto nelle ultime partite, se l’attitudine è buona durante tutto il match qualcosa di buono può succedere. Anche perché ora che mi conoscono tutti è più difficile ottenere risultati, perché nessuno mi sottovaluta, quindi è necessario giocare tutte le partite col coltello tra i denti”.    

Il tabellone completo di Montecarlo

Continua a leggere

ATP

Montecarlo: Sinner è pronto per la sfida a Djokovic. Buona vittoria in due set su Ramos-Vinolas

Primo turno vincente per Jannik, 6-3 6-4 allo spagnolo. Buona prova soprattutto con servizio e diritto. Incrocerà il numero uno mondiale Djokovic al secondo round

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Montecarlo 2021 (foto via Twitter @ROLEXMCMASTERS)

Ottimo esordio per Jannik Sinner al Masters 1000 di Montecarlo. 6-3 6-4 ad Albert Ramos-Vinolas in un’ora e 23 minuti, un buonissimo rodaggio in vista del secondo turno, dove lo attende una delle sfide più dure del circuito contro il numero uno del mondo Novak Djokovic. Un match-up molto complicato per Jannik (prima sfida ufficiale), ma con la fiducia accumulata a Miami e soprattutto in questi 80 minuti abbondanti a Montecarlo potrà entrare in campo sicuro dei suoi mezzi e giocare la sua partita. A prescindere dal risultato finale sarà un giorno molto importante per lui.

Un match con Ramos-Vinolas su terra è sempre insidioso, ancor di più su questi campi dove nel 2017 ha raggiunto la finale, perdendo da Rafa Nadal 6-1 6-3. Era anche la prima sfida tra Ramos e il nostro altoatesino. Tuttavia Sinner si è imposto con più facilità del previsto, rimpinguando il suo bottino di vittorie nei Masters 1000, categoria nella quale ha giocato la sua prima finale dieci giorni fa in Florida.

LA CRONACA – C’è una bella notizia ancor prima che il match abbia inizio. Non solo la pioggia di ieri ha lasciato spazio a sole, ma Carlos Bernardes, dopo i problemi al cuore di qualche mese fa, è tornato ad arbitrare un match ATP. Tutti gli appassionati di tennis sono sicuramente felici di rivederlo seduto al suo posto, sulla sedia dell’arbitro. Pronti via e c’è subito un break per Ramos, che sale 2-0. Sinner ha subito capito di non aver di fronte un avversario semplice da affrontare su questi campi e ha sfoderato le sue armi migliori. A livello tattico, lo spagnolo ha preferito andare a pungere Jannik sul lato destro, che è straordinario, ma meno pericoloso del rovescio.

 

Dallo 0-2 però l’azzurro infila un parziale di cinque giochi consecutivi mostrando una solidità notevole. Da sottolineare il game giocato in risposta sul 3-2 in suo favore, quello che gli consegna un vantaggio decisivo nel primo set. Una raffica di vincenti che ha ricordato l’ultimo gioco della semifinale di Miami vinta con Bautista Agut. Sembra ormai scontato che Jannik sia in grado di elevare con questa disinvoltura il suo livello, ma non lo è affatto per un ragazzo della sua età. Il primo set va abbastanza facilmente nelle mani di Sinner, 6-3 in poco più di mezz’ora.

È però un match molto più delicato di quanto sembri. E l’impressione è che Jannik lo sappia bene. Per questo non molla un centimetro nemmeno a inizio secondo parziale e si prende il break di vantaggio nel primo game del set, entrando nella fase più critica dell’incontro. In risposta ha diverse occasioni per guadagnare un vantaggio ancora più comodo, ma Ramos rimane aggrappato nel punteggio difendendosi bene con il dritto. Sul 2-1 e sul 3-2, Sinner gioca i due game più importanti della sua partita. Il primo recuperando da 15-40, il secondo da 15-30, in entrambi i casi trovando soluzioni molto incisive col dritto. Proprio da questo lato pesca ben 18 dei 26 vincenti totali (27 gli errori non forzati). Nessun problema anche con il servizio, che gli viene in aiuto sul 5-4 per chiudere la partita dopo un’ora e 23.

Il tabellone di Montecarlo con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

ATP

ATP Montecarlo, Fognini batte Kecmanovic a suon di vincenti

Ottima prova di Fabio che offre sprazzi del suo miglior tennis e guadagna il secondo turno contro Jordan Thompson

Pubblicato

il

[15] F. Fognini b. M. Kecmanovic 6-2 7-5

Contro Miomir Kecmanovic, Fabio Fognini inizia la difesa del titolo monegasco mettendo a segno una vittoria in due set più che convincente sotto ogni aspetto – tecnico, atletico e anche caratteriale. Perché, dopo un primo parziale filato via liscio in un quasi-show azzurro, Fognini ha saputo venire a capo della reazione di Kecmanovic che si è confermato un ottimo banco di prova: ha un livello piuttosto costante, si muove bene, non fa sciocchezze, sulla terra portegna di febbraio ha battuto Monteiro e Djere; insomma il giocatore contro cui Fabio sbatterebbe malamente contro in una giornata no, ma che arriverebbe a surclassare dopo essersi alzato dalla parte giusta del letto. Come detto, per oltre un set abbiamo assistito alla seconda versione, che peraltro avremmo volentieri continuato ad apprezzare fino alla fine, ma le difficoltà che è riuscito a creargli il serbo salendo di livello e il superamento di quelle situazioni negative di cui a volte Fognini resta prigioniero rendono forse anche migliore un risultato che non può che far bene al n. 18 del mondo, dopo un inizio di stagione caratterizzato da alti e bassi con sette vittorie e altrettante sconfitte – curiosamente. lo stesso bilancio di Kecmanovic. Picchi di assoluto valore come nelle vittorie contro Carreño Busta e de Minaur si sono alternati a prestazioni decisamente negative nelle sconfitte subite da Novak in ATP Cup e a Marbella da un Munar peraltro poi finalista.

IL MATCH – Kecmanovic sceglie di rispondere e fa suo il primo gioco approfittando di una partenza lenta di Fognini che riesce subito a pareggiare. Il passante di dritto che nel primo gioco gli era rimasto sul nastro fa ora il suo abituale dovere, prontamente seguito dal vincente lungolinea di rovescio dopo l’apertura di campo incrociata. Tranquillizzato dal servizio tenuto, dal successivo game di risposta Fabio insegna e disegna tennis, dando l’impressione che la metà campo serba sia di alcuni metri più larga. Con circa il 50% di prime, il servizio non gli regala punti diretti; tuttavia, questo aspetto negativo è annullato perché lo stesso problema affligge anche Kecmanovic e quando si entra nello scambio – praticamente sempre – il divario con il n. 47 è quello che dice la classifica. Forse un po’ di tensione al momento di chiudere un set si risolve prima in un paio di errori che costano il break sul 5-1 e poi in un errore in risposta sul primo set point, ma Fognini si rifà alla grande piazzando due vincenti che gli valgono il parziale. 12 unforced per entrambi, ma per Fogna c’è anche lo stesso numero di vincenti contro gli zero di Miomir. D’altra parte, la sua prima viaggia all’identica velocità di quella azzurra e non gli offre neanche una risposta da attaccare comodamente.

 

È bravo il taggiasco a non far scendere la concentrazione a inizio secondo set e, mentre Kecmanovic non vince il punto neanche mandando tre colpi consecutivi agli incroci delle righe, il nostro chiude a rete il puntazzo del 2-0. Quando la dolce discesa sembra continuare, un doppio fallo e il primo vincente rimettono in corsa il ventunenne di Belgrado che opera il sorpasso al settimo gioco, approfittando di un fallo di piede sulla seconda e prendendosi un punto pesante dopo una strenua difesa. Sale così in fiducia e si fa più aggressivo soprattutto a inizio scambio, ma Fabio riesce a mantenere la calma nonostante sfumino due opportunità del pareggio; se ne procura quindi una terza che trasforma piazzando nel pochissimo spazio a disposizione il contropiede vincente. Lancio di racchetta dopo aver mancato una chiusura di dritto abbastanza comoda e situazione che si replica quasi identica al punto successivo (lancio solo accennato) per un game che rischia di volare via. “Rema, rema” urla dopo essere rientrato nel punteggio. La lotta spalla a spalla termina quando Kecmanovic serve sotto 5-6: Fognini incassa due errori dell’altro, rovescia l’inerzia del punto con una difesa dei giorni migliori e chiude al secondo match point dopo un’ora e 25 minuti con una risposta pesantissima. 27 vincenti a 4, 19 di dritto (compresi ovviamente smash e volée), scambi tra i cinque e i nove colpi dominati 29 a 15. Al prossimo turno troverà Jordan Thompson, già battuto all’Australian Open 2020 e non certo un amante della terra battuta.

LE PAROLE DI FABIO – “È stato difficile, venire qui con un po’ di pressione” dice a caldo ai microfoni di Tennis TV. “Sono contento perché la scorsa settimana ho fatto una bruttissima performance. Ora ho voltato pagina, sono contento di essere al secondo turno. Lui ha cominciato meglio di me, solido e stava servendo bene, poi ho meritato la vittoria. Qui ho fatto la miglior performance della mia carriera, vivo e sono nato qui vicino e questo torneo sarà sempre nel mio cuore. Sfortunatamente non c’è pubblico, perché credo che questo torneo, con il mare alle spalle e la gente sugli spalti, sia uno dei più belli del mondo.”

In conferenza stampa, Fognini ridacchia quando vede il Direttore Scanagatta prendere la parola. La domanda è a proposito della positività al Covid-19 di Daniil Medvedev, costretto quindi a rinunciare al torneo. Sinceramente non me ne frega più di tanto replica secco Fabio, non sappiamo quanto condizionato dal suo rapporto non proprio idilliaco con l’interlocutore. “Sfortunato, sì” elabora poi. “Spero che non abbia una reazione grave, perché io ho avuto il Covid ed è molto noioso. Per il resto, gli auguro una pronta guarigione perché se lo merita. Riguardo a eventuali contatti con il moscovita, Fognini rassicura: “L’ho visto una volta che andava in palestra e basta”.

La differenza rispetto all’incontro con Munar è presto spiegata: “Semplicemente a Marbella ho fatto schifo, poi tutte le volte ci metto un po’ di tempo ad adattarmi alla superficie. Per il resto, sono molto tranquillo. Monte Carlo è uno dei miei tornei preferiti. Ho giocato bene, sono contento soprattutto di come sono stato in campo. Ho un’altra opportunità domani perché, se rimango così in campo, il gioco è tutta una conseguenza”.
Sul prossimo avversario, Thompson, non si fa troppi problemi: “Io guardo me stesso, non mi interesso degli altri. Se sto come adesso, come atteggiamento, se sto bene, so che posso battere chiunque. Voglio ancora giocare partite nei grandi tornei, quello che mi interessa di più da qua alla fine della mia carriera.

Il tabellone aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement