Rublev spodesta Thiem a Vienna: sfiderà un ottimo Anderson, che batte Medvedev

ATP

Rublev spodesta Thiem a Vienna: sfiderà un ottimo Anderson, che batte Medvedev

Tredicesima vittoria di fila in un ATP 500 per il russo, contro un Thiem non al top. Anderson ritrova la semifinale in un torneo ATP dopo quasi due anni

Pubblicato

il

Nella parte bassa del tabellone di Vienna giocheranno la semifinale i due sfavoriti (sulla carta) dei quarti di finale. Kevin Anderson e Andrey Rublev. A dirla tutta la vera sorpresa è la vittoria del sudafricano, che ha sbarrato la strada a Daniil Medvedev nel primo incontro in programma sui campi dell’ATP 500 austriaco. Rublev invece è ormai una certezza e nonostante Thiem non perdesse in Austria da 11 partite (ha vinto il titolo qui a Vienna e a Kitzbhuel lo scorso anno), la sua non può nemmeno definirsi un’impresa: quest’anno solo Novak Djokovic ha vinto più partite di lui (39 contro le 37 del moscovita).

Anderson e Rublev si sono sfidati un mese fa al terzo turno del Roland Garros. Il russo ha vinto agevolmente, ma è lecito aspettarsi tutta un’altra partita a Vienna e non solo per via della superficie. Kevin Anderson è tornato finalmente a brillare, ritrovando la semifinale dopo quasi due anni di attesa (l’ultima risaliva all’ATP di Pune di gennaio 2019). La sofferta vittoria del primo turno contro Dennis Novak ( tre match point annullati nel finale) l’ha sbloccato. Al secondo turno ha dato due set a zero a Carreno Busta e nei quarti ha riservato lo stesso trattamento a Daniil Medvedev, non di certo uno che non digerisce il cemento indoor.

La partita si è messa subito sui binari giusti per il numero 111 ATP (con questo risultato salirà almeno nei primi 90 del mondo). Con il break di vantaggio sin dal primo game, il sudafricano ha dovuto annullare solo una palla break nel primo set e nonostante Medvedev non abbia perso nemmeno un punto con la prima in tutto il set, il punteggio della prima frazione recita 6-4 Anderson, in 35 minuti. Anche all’inizio del secondo set il copione è rimasto lo stesso: la profondità in risposta di Anderson si è rivelata decisiva e il russo ha dovuto correre rischi enormi per poter salvare la battuta nei primi due game (quattro palle break salvata, con rovesci sulla riga e seconde di servizio sopra i 180 orari).

 

Alla fine è stato il tie-break a dare la semifinale ad Anderson. Dopo essere scivolato sotto 2-0, ha trovato tre mini-break per portarsi 6-3. Con un vincente di dritto e un solido passante Medvedev ha provato ha rientrare in partita, ma al servizio per portarsi sul 6-6 ha spedito lungo un rovescio non impossibile. Vittoria assolutamente meritata per Kevin, che non batteva un top 10 dal 2018 (Nishikori alle Finals). Allo stesso anno, proprio contro Nishikori in finale, risale il suo successo a Vienna, il suo primo successo a livello di ATP 500 in carriera.

ANDREY… IN SEMI – E parlando della categoria ‘500’ non possiamo che ricollegarci alla striscia di 13 vittorie consecutive di Andrey Rublev nella categoria d’argento (ha trionfato a San Pietroburgo e ad Amburgo). Oggi ha battuto per la seconda volta in carriera Dominic Thiem, per la prima volta sul duro e l’ha fatto addirittura a casa sua, dove difendeva il titolo. Ci si aspettava una partita entusiasmante, e così è stato. Ma solo nel primo set. Thiem ha avuto l’opportunità di fare gara di testa nel terzo game, ma ha mancato due palle break. Da lì in poi entrambi hanno infilato una lunga striscia di game rapidissimi, ma pieni di vincenti di alta qualità. E alla fine si è arrivati al tie-break, altrettanto spettacolare: dopo due punti in difesa, Rublev ha beneficiato di un dritto sparato lungo di qualche spanna da Thiem e con un ace si è preso il primo parziale.

L’austriaco ha iniziato a dare segnali non incoraggianti all’inizio del secondo. Infatti non riusciva più a muoversi così rapidamente come nel primo set, complice un fastidio al piede destro. Rublev, impassibile e costante nel suo martellamento da fondocampo, si è trovato avanti non di uno, ma ben due break, sul 5-1. Impossibile per questo Thiem, lontano dalla sua miglior forma atletica, anche solo tentare una rimonta. Avanza perciò in semifinale per la quinta volta in stagione il russo, dopo un’ora e 34 minuti. Negli ultimi quattro tornei vanta un impressionante bilancio di 17 vittorie e una sconfitta.

Risultati:

[PR] K. Anderson b. [4] D. Medvedev 6-4 7-6(5)
[5] A. Rublev b. [2] D. Thiem 7-6(5) 6-2

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

ATP

Goffin interrompe il digiuno a Montpellier: rimontato Bautista Agut

Il belga vince in tre set in poco più di due ore di gioco e torna a sollevare un trofeo a tre anni di distanza dall’ultima volta

Pubblicato

il

David Goffin, con il trofeo - Montpellier 2021 (via Twitter, @OpenSuddeFrance)

[2] D. Goffin b. [1] R. Bautista Agut 5-7 6-4 6-2

David Goffin è il campione dell’edizione 2021 del torneo ATP 250 di Montpellier. Il belga supera in rimonta la prima testa di serie Roberto Bautista Agut e torna a sollevare un trofeo dopo più di tre anni dall’ultima volta (Tokyo 2017). Per entrambi si trattava di una partita molto importante, non tanto per il peso specifico del torneo in sé, ma per ricostruire un po’ di fiducia in vista del resto della stagione. Sia Goffin che Bautista non giocavano infatti una finale dal 2019 e nel corso della partita odierna si è chiaramente percepita la tensione di chi sapeva che in ballo c’era molto di più dei 250 punti e dell’assegno del vincitore.

Nonostante un difficile primo set, il belga è riuscito a reagire e a spuntarla al terzo, mentre Bautista Agut è andato via via spegnendosi di pari passo con la crescita del livello dell’avversario. Per Goffin questo è il quinto titolo in carriera su quattordici finali, mentre per lo spagnolo arriva la nona sconfitta su diciotto finali. Da lunedì il belga occuperà la quattordicesima posizione del ranking ad appena dieci punti di distanza proprio dal suo avversario odierno.

 

IL MATCH – Goffin parte subito molto aggressivo e si procura una palla break già nel terzo gioco. Il suo rovescio lungolinea però atterra largo, graziando così Bautista-Agut. Lo spagnolo ringrazia e nel game successivo è lui a ottenere il break, sfruttando un orrendo turno di servizio dell’avversario. Bautista Agut continua a servire con una percentuale di prime vicina al 90% e da fondo sembra avere una marcia in più. Entrambi giocano più o meno allo specchio, gestendo gli scambi con intelligenza e puntando sulle geometrie precise piuttosto che sulla potenza nuda e cruda. Il livello di gioco è anche gradevole, ma Bautista sembra in pieno controllo della situazione.

Sul 5-3 però, al momento di servire per il set, lo spagnolo incappa in tre errori di dritto che lo condannano a subire il break. Goffin tiene ai vantaggi il successivo turno di battuta e impatta sul 5-5. Entrambi appaiono piuttosto nervosi e la qualità del match ne risente in queste fasi finali del parziale. Bautista Agut riesce però a scendere a patti con la tensione e alza notevolmente il ritmo nel dodicesimo gioco, piazzando la zampata decisiva e facendo suo il set col punteggio di 7-5.

In avvio di secondo set, Goffin non sembra aver accusato il colpo del set appena perduto e affonda subito il piede sull’acceleratore. Un bel rovescio lungolinea vincente sigilla il break a zero in suo favore. Bautista Agut prova a rimanere attaccato, ma non riesce mai a impensierire l’avversario nei turni di risposta. Dal canto suo Goffin serve con percentuali decisamente migliori rispetto al primo parziale e addirittura mette a segno tre ace nel game che chiude il set.

Anche nel terzo set è Goffin a partire meglio. Il belga strappa subito la battuta a un Bautista un po’ impreciso e si difende dalla reazione dell’avversario, piazzando due prime robuste su altrettante palle dell’immediato controbreak. Il copione sembra tale e quale a quello del secondo parziale con Goffin ormai padrone degli scambi da fondo, mentre Bautista Agut fatica a trovare ritmo e soprattutto occasioni per potersi rifare sotto nel punteggio. Forte del vantaggio conquistato, Goffin gioca a braccio ancora più sciolto e costringe l’avversario, ormai visibilmente teso, a fare il tergicristallo ben lontano dalla linea di fondo. Il belga ottiene così un secondo break di vantaggio che lo proietta a servire per il match sul 5-2. Bautista prova a dare un ultimo colpo di coda e si procura una palla break, sulla quale è tradito dal nastro che smorza un dritto in avanzamento di Goffin. Una prima vincente e un rovescio sulla riga consentono al belga di alzare le braccia al cielo dopo più di due ore di partita.

Il tabellone completo di Montpellier

Continua a leggere

ATP

ATP Singapore: primo sigillo per Alexei Popyrin

A Singapore il 21enne Alexei Popyrin conquista il primo titolo ATP alla sua prima finale. Battuto Bublik in tre set

Pubblicato

il

Primo titolo ATP per Alexei Popyrin. Il 21enne di Sydney, attuale n. 114 del ranking, ha la meglio in finale a Singapore sul kazako Alexander Bublik, n. 46. Per Popyrin il primo successo giunge dunque alla prima finale in carriera, mentre per il 23enne Bublik, alla sua quarta finale finora (dopo quelle di Newport, Chengdu e Antalya), sfuma ancora la prima vittoria importante.

Un match combattuto tra i due nel quale il kazako prende subito il controllo intascando la prima manche con lo score di 6-4. Poi, il crollo. In soli 23 minuti cede il secondo set per 6-0 e non riesce più a risollevare le sorti di un incontro che sarà definitivamente appannaggio dell’australiano. Popyrin, alla fine, si aggiudica il titolo con il punteggio di 4-6 6-0 6-2 e, da lunedì, sarà n. 82 del mondo.

Continua a leggere

ATP

ATP Cordoba, in finale Ramos-Viñolas vs Cerundolo

Al torneo di Cordoba Open giungono in finale Albert Ramos Viñolas e il qualificato argentino Juan Manuel Cerundolo

Pubblicato

il

Al Cordoba Open giungono in finale lo spagnolo Albert Ramos Viñolas e il qualificato argentino Juan Manuel Cerundolo. Il 33enne di Barcellona, attuale n. 47 del mondo, raggiunge la sua nona finale in carriera (due titoli vinti), dopo aver battuto in semifinale Facundo Bagnis con lo score di 7-5 5-7 6-3. Ricordiamo che Ramos Viñolas ai quarti di finale ha estromesso la testa di serie n. 1 del torneo, Diego Schwartzman.

Per Juan Manuel Cerundolo, 19 anni, di Buenos Aires, e n. 335 ATP, invece si tratta della prima finale nel circuito, per giunta conquistata alla sua prima partecipazione ad un torneo del tour maggiore. L’argentino ha superato al penultimo round il connazionale Federico Coria in tre set (6-4 4-6 6-2). Che sia una svolta definitiva per la sua carriera?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement