ATP Marrakech: a Lorenzi il derby azzurro, Quinzi out con onore

Due generazioni di tennis italiano a confronto. Ancora una volta è l'esperienza a spuntarla, ma soltanto in tre set e sette camicie belle sudate. Sorpresa Robredo, fuori Dimitrov

ATP Marrakech: a Lorenzi il derby azzurro, Quinzi out con onore

Di scena un derby italiano nel secondo turno di Marrakech, si sfidano infatti il veterano Paolo Lorenzi (testa di serie n.5) e la promessa Gianluigi Quinzi, che ricordiamo come vincitore di Wimbledon juniores 2013 e proveniente dalle qualificazioni.

La partita vede Lorenzi partire solido al servizio, con due ace nei primi due turni di servizio, anche se sull’1-1 Paolino è costretto ai vantaggi, senza dover salvare però palle break. Il senese si rifà poco dopo, sul 2-1 in suo favore. Quinzi va sotto 0-40, recupera fino alla parità ma poi cede la battuta ai vantaggi. Nel sesto game Gianluigi è nuovamente costretto agli straordinari sulla propria battuta, salvando una palla break sul 30-40, ma alla fine trova il 2-4 che lo tiene vivo nel set. Nel gioco successivo il marchigiano rientra definitivamente in partita, operando un break a 15 su Lorenzi, che commette doppio fallo sulla prima palla break concessa nell’incontro, così lo score vede ancora Lorenzi in vantaggio per 4-3, con Quinzi però alla battuta. Nel prosieguo della frazione Quinzi continua con difficoltà notevoli alla battuta, lascia che Lorenzi vada due volte a due punti dal set sul 5-4 e concede due set point sul 6-5 (entrambi i punteggi, ovviamente, in favore del toscano), ma con freddezza cancella le occasioni, così il set va al tie-break. Il tredicesimo gioco vede un mini-break per parte in avvio. Quinzi poi concede un altro mini-break e si cambia campo sul 4-2. Lorenzi si issa fino a 5-3 in suo favore, ma a questo punto concede a sua volta un altro mini-break. Quinzi sul 5-5 trema e concede un mini-break a Lorenzi, che ha un servizio a disposizione per chiudere e si aggiudica il tie-break.

 

La seconda frazione è molto meno combattuta. Nel primo game Quinzi salva una palla break ai vantaggi ed in seguito tiene il servizio. Nel secondo game Lorenzi comincia a mostrare segni di cedimento e perde la battuta a 15. Quinzi va poi avanti 2-1 e nel quarto game opera un break, che questa volta conferma, salendo poi 4-1. Il divario a favore del marchigiano si fa ancora più pesante nel sesto game, che vede Quinzi strappare ancora la battuta al senese, il nativo di Cittadella si trova così in vantaggio 5-1 e servizio. Quinzi nella prima occasione in cui serve per il set perde la battuta, ma nell’ottavo gioco sfrutta l’ennesima debacle al servizio di Lorenzi nel set e così la seconda frazione va a Quinzi per 6-2. Lorenzi sembra ricomporsi in avvio di terzo set, quando prima strappa la battuta a Quinzi e poi conferma il break, salvando due consecutive palle dell’1-1 e chiudendo il secondo game con addirittura un ace di seconda palla. Quinzi va ancora più in difficoltà nel terzo game, quando cede per la terza volta consecutiva la battuta e concede il 3-0 “pesante” in favore di Lorenzi. Il senese poi tiene la battuta a 15, salendo 4-0. Quinzi al quinto game tiene finalmente il servizio (a 15), ma ormai la partita si gioca sul servizio di Lorenzi. Il senese si porta dopo il cambio campo senza problemi 5-1 in suo favore. Nel settimo game Quinzi concede due match-point sul suo servizio, ma infine tiene la battuta e mantiene viva qualche piccola speranza di rimonta. Nella prima occasione in cui serve per il match, Lorenzi va sotto 15-40 e cede la battuta a 30, rinfocolando l’animo di Gianluigi, che riduce le distanze a 3-5. Nel nono game del terzo Quinzi dà un’altra dimostrazione di tenacia, salvando un match-point sul 30-40 e tenendo la battuta ai vantaggi. A questo punto Paolino, che comunque è giocatore molto esperto, potrebbe risentire dei 3 complessivi match-point mancati. Nel decimo gioco, tuttavia, il senese si porta avanti 40-15 sul suo servizio e, nonostante Quinzi annulli un match-point, Lorenzi tiene la battuta a 30 e vince così 7-6(5) 2-6 6-4.

Quinzi ha dato dimostrazione di essere un buon lottatore e forse l’Italia avrà un nuovo buon giocatore fra qualche tempo, ma c’è ancora un po’ da lavorare. Lorenzi è quasi sembrato il più giovane ed inesperto dei due, considerato il modo in cui ha perso il secondo set e i 4 match point falliti nel terzo, anche se per sua fortuna si è aggiudicato comunque la partita.

Nella prima partita sul centrale Radu Albot subisce un 6-2 periodico dal più estruoso Benoit Paire. Mai in partita il moldavo, centrato il francese, nonostante qualche stecca di troppo col dritto. A seguire sul centrale la grande sorpresa, la wild card e t.d.s. 1 Grigor Dimitrov viene eliminato da Tommy Robredo, veterano spagnolo reduce da un infortunio ed entrato in tabellone principale grazie al protected ranking. Il primo set, decisosi su pochi punti, viene vinto dall’iberico 6-4. Il secondo set vede un assolo di Dimitrov, che prevale per 6-1. Ciononostante, Robredo al terzo si impone di autorità 6-1 e si qualifica per i quarti. Si aggiudica un posto nei quarti anche il tedesco Jan-Lennard Struff, che con un break per set estromette la wild-card locale Ahouda.
In una partita dall’andamento controverso, Philipp Kohlschreiber vince in tre set su Jeremy Chardy. Nel primo set si assiste ad un dominio totale del tedesco, complice anche un Chardy distratto, ed il parziale termina addirittura 6-0 in favore del teutonico. Il secondo set vede Kohlscreiber spegnersi e perdere 6-2. Il terzo set comincia in equilibrio, ma dal 2-2 si assiste ad un parziale di 4 giochi a 1 in favore del tedesco che fra l’altro porta a casa due break. Nella prima partita sul campo 2, Mischa Zverev viene sconfitto da Jiri Vesely per 6-4 6-4. Un break solo a fare la differenza nel primo set, nel secondo Vesely opera un break in avvio, si fa rimontare fino al 3-3 ma strappa nuovamente la battuta a Mischa nel game successivo.

Risultati:

[6] B. Paire b. R. Albot 6-2 6-2
J. Vesely b. [4] M. Zverev 6-4 6-4
T. Robredo b. [1/WC] G. Dimitrov 6-4 1-6 6-1
[5] P. Lorenzi b. [Q] G. Quinzi 7-6(5) 2-6 6-4
J.L. Struff b. [WC] A. Ahouda 6-3 6-4
[3] P. Kohlschreiber b. J. Chardy 6-0 2-6 6-3

CATEGORIE
TAG
Condividi