ATP Vienna: Troicki furioso contro l'arbitro di sedia

Video

ATP Vienna: Troicki furioso contro l’arbitro di sedia

Il giocatore serbo protagonista di uno show contro il giudice di sedia nella sfida contro Kevin Anderson nel torneo austriaco

Pubblicato

il

Continua a leggere
Commenti

Flash

Del Potro prepara il rientro: continua la riabilitazione al ginocchio sinistro

In attesa di conferme definitive sulla ripresa del Tour ATP, il campione dello US Open 2009 si sta allenando ancora senza racchetta

Pubblicato

il

Juan Martin del Potro (via Twitter, @ESPNArgentina)

Si è rifatto vivo sui social Juan Martin del Potro. Fino a poche ore fa l’ultima notizia data dal tennista argentino era l’annuncio della separazione con il coach Sebastiàn Prieto. Giovedì ‘DelPo’ ha invece pubblicato un aggiornamento sul suo profilo Instagram, un brevissimo video in cui è alle prese con alcuni esercizi fisici a casa sua, probabilmente per recuperare al meglio la condizione del ginocchio sinistro, operato l’anno scorso. Nei prossimi giorni verrà comunicata la decisione definitiva sui tornei di fine estate (US Open e Cincinnati): speriamo che tra due mesi la ‘Torre di Tandil’ possa tornare in campo.

Continua a leggere

Flash

Fabio Fognini torna a camminare dopo l’operazione

Dopo l’intervento chirurgico ad entrambe le caviglie di 10 giorni fa, continua la riabilitazione del tennista italiano: “Fogna is back”

Pubblicato

il

Fabio Fognini (foto via Instagram, @fabiofogna)

Prosegue senza intoppi il recupero dall’operazione alle caviglie di Fabio Fognini. Il tennista di Arma di Taggia si era operato in artroscopia ad entrambe le caviglie il 30 maggio scorso, operazione che lo stesso Fognini su Instagram aveva comunicato essere perfettamente riuscita. E sempre al social di proprietà di Facebook, l’azzurro ha affidato un breve video in cui mostra di essere tornato a camminare a 10 giorni dall’intervento.

View this post on Instagram

Fogna is back 💪🏻

A post shared by Fabio Fognini (@fabiofogna) on

 

I problemi alle caviglie disturbavano Fabio da tre anni e mezzo ma aveva stretto i denti nel finale delle scorse due stagioni, nel tentativo di raggiungere la qualificazione alle ATP Finals. Visto lo stop forzato del circuito, Fognini ha colto l’occasione per operarsi, nella speranza di riuscire a rientrare in tempo per l’eventuale svolgimento degli US Open.

Continua a leggere

Flash

Proteste in USA, il discorso di Coco Gauff a Delray Beach

Non si ferma la mobilitazione sociale negli States: la sedicenne, promessa del tennis femminile, scende in piazza e prende in mano il microfono per parlare alla folla di manifestanti

Pubblicato

il

Da oltre una settimana gli Stati Uniti continuano a mobilitarsi dopo l’uccisione del 46enne George Floyd per mano di un poliziotto di Minneapolis, avvenuta lo scorso 25 maggio. Le radici della protesta generalizzata che divampa da una costa all’altra degli States sono però tanto più profonde del singolo caso Floyd. Le persone scese in piazza protestano contro l’intero sistema poliziesco statunitense, ma soprattutto si mobilitano per i diritti degli afroamericani, contro ogni forma di razzismo, una questione che al di là dell’Oceano non si è mai definitivamente risolta.

Tanti sportivi hanno fatto sentire la propria voce sui social, ma ben pochi hanno partecipato attivamente alla protesta e ancora meno si sono uniti ai cortei. Naomi Osaka fa parte di questo piccolo gruppo. La tennista giapponese si è recata proprio a Minneapolis, nel cuore pulsante della protesta. Non è stata da meno la sedicenne Cori Gauff che a Delray Beach è scesa in piazza e nella giornata di giovedì ha parlato alla folla di manifestanti.

Il suo discorso: “Il mio nome è Coco e quella che ha parlato prima di me è mia nonna. È triste che io sia qui a protestare per lo stesso motivo per cui protestava lei più di cinquant’anni fa. Sono qui per dirvi prima di tutto che dobbiamo volerci bene l’un l’altro senza distinzioni. Secondo, ho passato gli ultimi giorni a discutere con i miei amici non neri, a mostrare loro come possono aiutare il movimento. Dobbiamo agire, il mio futuro, quello di mio fratello e il vostro è nelle vostre mani. Terzo, usate la vostra voce, non importa se avete poco o tanto seguito. Come è stato detto, il silenzio delle persone buone è peggio della brutalità delle persone cattive. Non state in silenzio. Se scegliete di stare in silenzio, scegliete di stare con chi vi opprime.

Ho sentito nei giorni scorsi qualcuno dire ‘non è il mio problema’. Allora voglio dirvi questo: se ascoltate la musica afroamericana, vi piace la cultura afroamericana e avete amici neri è anche la vostra lotta. Se siete tra queste persone, ma dite che non vi importa ciò che è capitato a George Floyd, questo non ha nessun senso. Io chiedo un cambiamento ora, è triste che sia dovuta morire un’altra persona nera per far capitare questo. Dobbiamo capire che andiamo avanti così da tanti anni. Non è solo George Floyd. Avevo otto anni quando Trayvon Martin venne ucciso e perché io sono qua a sedici anni che ancora chiedo che cambi qualcosa? Mi spezza il cuore”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement