US Open: Konta subito fuori! Venus in tre, bene Kvitova e Muguruza

US Open

US Open: Konta subito fuori! Venus in tre, bene Kvitova e Muguruza

La britannica è la prima ad abbandonare la corsa al n.1. Eliminata all’esordio da Krunic. Petra batte Jankovic, la spagnola domina Lepchenko. Williams di forza

Pubblicato

il

A. Krunic b. [7] J. Konta 4-6 6-3 6-4 (Michelangelo Sottili)

Johanna Konta entra in campo per iniziare la corsa che potrebbe terminare con la prima posizione del ranking tra due settimane e fallisce clamorosamente. Senza nulla togliere alla grande prestazione di una mai doma Aleksandra Krunic, buona mano e piedi rapidissimi, è difficile negare che il miraggio della vetta metta tanta pressione a più di una giocatrice.

Diciassette centimetri e altrettanti chili separano le due: per fortuna della piccola Krunic, numero 78 WTA e mai tra le prime 60, c’è la rete a dividerle, ma la differenza di peso della palla è importante. Così, anche se non si sono mai incontrate, Aleksandra sa bene che non può metterla sul ritmo, ma deve variare altezza e velocità con il dritto, alternare le rotazioni dal lato del rovescio (buone le rasoiate con lo slice che usa anche per le smorzate) e approfittare della sua incredibile mobilità sul campo senza però lasciare che l’avversaria la faccia correre. La realtà, tuttavia, vede Konta partire molto centrata e solida nel suo tennis di pressione e, complici alcuni doppi falli serbi, portarsi rapidamente sul 4-1 pesante. Il set sarà effettivamente appannaggio della britannica, ma non prima di aver regalato l’insperato recupero sul 4-4 con Johanna che perde il filo ma lo recupera prima di ulteriori problemi. Nella seconda partita,salvati i primi due turni di servizio, Alex prende fiducia mentre salgono i gratuiti di Konta e, all’ottavo gioco, piazza l’unico break che le permette di allungare il match. Nella partita finale, continuano le difficoltà della numero 7 del mondo a tenere i turni di battuta, lei che è la migliore in gara con il suo 80,6% di game vinti al servizio quest’anno. La serba brekka dapprima al terzo gioco – grazie anche a una palla trattenuta dal nastro su cui Konta si esibisce in una “cosa” da far rabbrividire un taglialegna e al doppio fallo (con)seguente – ma si fa subito riprendere. Alex si ripete in risposta al settimo game e questa volta conferma. Servendo sul 5-4, Krunicdimentica in fretta lo 0-30 del gioco precedente, non trema e, anzi, con coraggio va a prendersi la vittoria e il secondo turno contro Alja Tomljanovic.

 

[13] P. Kvitova b. J. Jankovic 7-5 7-5 (Manuel Dicorato)

Periodico 7-5 e accesso al secondo turno per Petra Kvitova che in un’ora e trentuno minuti ha ragione di una Jankovic in grande difficoltà. L’ottavo match tra la due volte campionessa di Wimbledon e l’ex regina del tennis femminile ci ha raccontato delle difficoltà diverse che le due tenniste stanno affrontando. Se la Kvitova è ancora convalescente per l’incidente di dicembre (questo è appena il secondo Major nel 2017 che disputa), per Jankovic i problemi alla schiena che in Primavera le avevano fatto pensare al ritiro sono la causa di un declino così lento ed inesorabile. Il primo sussulto dell’incontro arriva sul 3-2 quando Kvitova grazie ad un doppio fallo dell’avversaria vola sul 4-2. Sul 5-3 la Jankovic sale in cattedra e chiude il game con una straordinaria volèe di dritto al corpo. Il dodicesimo game é lo specchio del match: errori su errori (sopratutto di rovescio) da parte di Jankovic consentono a Kvitova di chiudere 7-5 il primo parziale. Nel primo game del secondo set tocca a Petra sbagliare e con un game fotocopia di quello della sua avversaria sul 6-5 del primo set consegna il break alla serba. Nel game successivo l’ex numero 1 del mondo è bravissima ad annullare due palle break ma è costretta a cedere nel quarto gioco quando grazie ad uno splendido game di risposta la ceca impatta sul 2-2. Nel settimo gioco Jankovic trova il break che la porta sul 5-4 a servire per andare al terzo set. È qui che escono fuori tutti i suoi attuali limiti: Jelena crolla clamorosamente consegnandosi a Kvitova, che senza troppi problemi chiude con un altro 7-5. Jankovic saluta mestamente New York al primo turno per la seconda volta in carriera, Kvitova invece affronterà al secondo turno la francese Cornet (l’unico precedente, favorevole a Kvitova, proprio agli US Open 2012).

[5] C. Wozniacki b. [Q] M. Buzarnescu 6-1 7-5 (Andrea Ciocci)

Vincere la prima, sperando di non perdere l’ultima. Chissà se Caroline Wozniacki ci avrà pensato, a quell’invalicabile ostacolo finale, in questo esordio vincente contro la qualificata romena Mihaela Buzarnescu. Per dimostrare, a chi crede che i secondi siano solo i primi degli ultimi, che la sua stagione non è stata fallimentare. Pesano eccome le sei finali su sei perse, sgradita bicicletta regalatale dalla premiata ditta Pliskova-Svitolina-Konta-Siniakova. Il controcampo, però, ci propone una campionessa dal rendimento costante e in lotta – alla vigilia del torneo assieme alle altre sette sorelle del club “quasi prime” – per il trono lasciato vuoto dall’immanente assenza delle regina madre Serena Williams. Si parte con la danese che tesse la sua ragnatela e appare subito evidente la differenza fra le due. D’altronde, per la romena si tratta del primo match in assoluto in un torneo maggiore (Slam e non, attenzione). Lunghezza di palla e copertura di campo impeccabili consentono a Caroline di chiudere facilmente la prima frazione sul 6-1. Non si può negare che ci provi Mihaela. Nel secondo set, è lei a colpire con più anticipo e a utilizzare le traiettorie corte e incrociate, tipiche dei mancini, a volte associate a bei traccianti di dritto lungolinea. E fino al 5-5 è lei a vincere ai punti. Ma è lì che il tennis ripropone l’ennesimo tributo alla psicologia. Il braccio trema e consegna break e match alla numero 5 del seeding. Che avanza, rilanciando la sfida alle altre 6 sorelle rimaste a lottare per il trono (visto che la Konta è già stata eliminata). Chi la spunterà? 

[3] G. Muguruza b. V. Lepchenko 6-0 6-3 (Tommaso Voto)

La campionessa di Wimbledon Muguruza travolge la statunitense Lepchenko in poco più di un’ora di gioco e sembra essere la vera favorita anche a New York. Prestazione impressionante per la n.3 del seeding, che ha letteralmente spazzato via la sua avversaria, incapace di opporre alcun tipo di resistenza. La pressione e le aspettative erano tutte sulle spalle della spagnola, che, dopo il trionfo a Church Road, ha dominato la concorrenza anche a Cincinnati, dove ha messo in mostra un tennis praticamente perfetto. L’assenza di “mamma” Serena rende il circuito femminile incerto, Garbiñe sembra finalmente in grado di poter esprimere il suo enorme potenziale e di poter, legittimamente, aspirare al trono vacante. Già dai primi minuti è apparso abbastanza chiaro l’esito del match, del resto Lepchenko non ha i mezzi tecnici e fisici per contrastare le bordate della Muguruza. A Varvara manca potenza e, soprattutto, penetrazione nei colpi, che il più delle volte hanno una gittata troppo corta per permetterle di comandare lo scambio. Muguruza ha subito preso in mano le redini del gioco, usando sapientemente il combinato disposto servizio-dritto, che già a Londra è stato decisivo. La bi-campionessa Slam ha badato al sodo, non ha mai abbassato la guardia ed ha evitato quei “down” che spesso hanno segnato alcune delle sue prestazioni. Incassato il 6-0, la n.3 del mondo non arretra, ma finalmente Lepchenko muove il punteggio ed il pubblico del centrale di New York approva con un caloroso applauso. C’è adesso un po’ di lotta, ma Varvara è come un “pugile” suonato, attende semplicemente il momento del knockoutIl 4-2 arriva, ma dal nulla Lepchenko estrae un controbreak che per un attimo rimette in discussione il secondo parziale. La rimonta è vana, in quanto la venezuelana di nascita ma spagnola di passaporto, torna aggressiva e chiude le ostilità sul definitivo 6-3. Ora sfida asiatica, Duan. Nulla che questa Muguruza possa temere.

[9] V. Williams b. [Q] V. Kuzmova 6-3 3-6 6-2 (Roberto Ferri)

18-0 era il bilancio del confronto tra le presenze allo US Open della statunitense Venus Williams (37 anni, n. 9 WTA) e quelle della slovacca Viktoria Kuzmova (19 anni, n. 135 WTA), alla vigilia del loro incontro sull’Arthur Ashe Stadium. A rendere ancora più arduo il debutto in un torneo dello Slam per la teen-ager proveniente dalle qualificazioni, la consapevolezza che nelle precedenti 18 apparizioni Venus era sempre giunta almeno al secondo turno. Con la vittoria di questa sera Williams ha portato a 19 la sua striscia vincente, ma non ha dato rassicuranti indicazioni sul suo stato di forma. Sicuramente negative quelle riguardanti il servizio, limitato nella sua efficacia per tutta la durata del match da problemi nel lancio di palla. Kuzmova – robusto e tenace clone di innumerevoli altre giocatrici moderne – ne ha tratto vantaggio quando, nel secondo set, è finalmente riuscita a porre un freno ai suoi errori gratuiti e a spostare l’avversaria con regolarità da una parte all’altra del campo. Nel primo set Williams si è procurata palle break in ogni turno di servizio della slovacca, concretizzandone solo una: sufficiente comunque per aggiudicarsi il primo parziale. Doppio e forse anche triplo circoletto rosso per la squisita carezza di diritto con la quale Venus si è portata sul 5-2: difficile pensare a una sola altra giocatrice in grado di eseguirla con la stessa maestria. Doppio circoletto nero invece per lo smash “ciccato” dalla slovacca sul punteggio di 30-40 e 0-2 a suo sfavore nel secondo parziale quando il match sembrava ormai perso per tutti… ma non per lei! Dal game successivo la diciannovenne iniziava a martellare con sufficiente precisione la trentasettenne statunitense costringendola a correre da un lato all’altro del campo sino a farle perdere lucidità, due turni di servizio e, infine il set. Non inganni il risultato netto con il quale Williams ha vinto il terzo: sul 2-0 in suo favore ha dovuto annullare tre palle break consecutive e ci è riuscita più per demerito di Kuzmova che per propri meriti. Da quel momento in avanti, pur dovendo sempre fare i conti con un servizio deficitario, non ha più incontrato seri ostacoli sulla strada della vittoria ed ora al secondo turno incontrerà la francese Oceane Odin.

Gli altri incontri

Va forte, molto forte, la Francia di Cornet e Garcia. La prima regola con punteggio (e match) regolare la britannica Watson, la seconda passa senza pietà sui resti della qualificata Martincova (6-0 6-1). Caroline è un cliente da tenere d’occhio. Va meno forte invece la Francia della wild card Amandine Hesse, che si ferma al cospetto della cinese Peng (tds n.22). Non sorprende troppo la vittoria di Krystina Pliskova su Eguchi, mentre è certamente più inatteso l’esito del derby statunitense vinto dalla quasi diciannovenne Sofia (o Sonia?) Kenin contro Lauren Davis, 32esima tds. L’altra favorita del seeding a saltare è Kiki Bertens (24), che cede alla greca Maria Sakkari senza neanche vincerle un set. La predilezione dell’olandese per la terra battuta rimane piuttosto evidente. Fatta eccezione per la sorprendente sconfitta di Johanna Konta (e quella meno sorprendente di Halep contro Sharapova) passano tutte le altre teste di serie: bene Sevastova sull’insidiosa Witthoeft, agilissima la vittoria di Goerges nel derby tedesco contro Beck, molto più combattute le affermazioni di Cibulkova (11) e Lucic-Baroni (29). La slovacca – reduce dalla finale persa a New Haven – ha dovuto rimontare Cepelova, la croata si è lasciata trascinare in una lunga battaglia dalla portoricana Puig, tennista nuovamente in cerca d’identità dopo un rendimento piuttosto negativo negli ultimi mesi. La stessa Lucic-Baroni ha interrotto a New Haven un digiuno di vittorie durato tre mesi, e adesso sfiderà al secondo turno Suarez Navarro per certificare il potere “curativo” degli Slam sul suo rendimento. A Melbourne, ultimo Major su cemento, aveva funzionato parecchio bene tanto da spingerla sino in semifinale. Avanti anche l’ex lady Kyrgios Tomljanovic, Sasnovich e Babos (in tre set su una Golubic ormai in crisi di risultati).

Risultati:

E. Alexandrova b. [Q] A. Zaja 6-2 6-3
A. Cornet b. H. Watson 6-4 6-4
Kr. Pliskova b. M. Eguchi 6-2 6-2
[WC] S. Kenin b. [32] L. Davis 7-5 7-5
[31] M. Rybarikova b. C. Giorgi 6-3 6-4
[Q] S. Vickery b. N. Vikhlyantseva 4-6 6-4 6-1
[13] P. Kvitova b. J. Jankovic 7-5 7-5
[WC] A. Rodionova b. R. Jogenkamp 7-5 7-5
[18] C. Garcia b. [Q] T. Martincova 6-0 6-1
[3] G. Muguruza b. V. Lepchenko 6-0 6-3
M. Sakkari b. [24] K. Bertens 6-3 6-4
[30] J. Goerges b. A. Beck 6-1 6-0
Y.Y. Duan b. [Q] C. Liu 7-6(8) 7-6(3)
[Q] K. Kozlova b. I.C. Begu 6-2 7-6(7)
A. Krunic b. [7] J. Konta 4-6 6-3 6-4
[16] A. Sevastova b. C. Witthoeft 7-5 6-1
D. Vekic b. B. Haddad Maia 6-2 6-1
S. Zheng b. A. Van Uytvanck 6-4 3-6 6-1
S. Stephens b. R. Vinci 7-5 6-1
[9] V. Williams b. [Q] V. Kuzmova 6-3 3-6 6-2
A. Tomljanovic b. J. Larsson 7-5 6-4
E. Makarova b. M. Barthel 6-2 6-1
A. Sasnovich b. J. Boserup 6-2 6-2
[22] S. Peng b. [WC] A. Hesse 6-4 6-1
A. Barty b. [21] A. Konjuh 4-6 6-0 6-1
C. Wozniacki b. [Q] M. Buzarnescu 6-1 7-5
C. Suarez Navarro b. [Q] I. Soylu 6-4 6-2
[11] D. Cibulkova b. J. Cepelova 6-7(5) 6-3 6-2
[29] M. Lucic-Baroni b. M. Puig 6-4 6-7(4) 7-6(4)
O. Dodin b. P. Parmentier 3-6 6-0 7-6(6)
T. Babos b. V. Golubic 7-5 5-7 7-5
[WC] M. Sharapova b. [2] S. Halep 6-4 4-6 6-3

US Open: la prima di Fabbiano, bene Lorenzi. Vinci, sconfitta che sa di resa [AUDIO]

US Open: Zverev passa nella notte, Shapovalov incanta. Avanti Cilic

US Open: Sharapova torna a ruggire, Halep eliminata in tre set

Continua a leggere
Commenti

Focus

Gli outfit dello US Open 2020

Bene (per una volta) Serena Williams. Benissimo Osaka. Agassi è di nuovo tra noi. Djokovic impeccabile… non come in campo. A Berrettini serve più fantasia

Pubblicato

il

Serena Williams - US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Anche i tennisti sono rimasti loro malgrado in pigiama e pantofole per un sacco di giorni. Niente scarpe, fascette e polsini. Immaginiamo che avranno avuto una voglia matta di tornare a sfoggiare quelle che sono le loro uniformi, come il camice per il dottore, la toga per gli avvocati e la divisa per i poliziotti. A maggior ragione considerando che il primo Slam dell’era post-Covid è stato lo US Open, dove si sa, in termini di outfit, vale un po’ qualsiasi cosa. E noi siamo lieti, a pochi giorni dall’inizio del Roland Garros, di poter tornare a commentare quelli che sono riusciti a scegliere gli abiti migliori e quelli che invece, a forza di girare per casa con quello che trovavano, hanno perso il buon gusto in fatto di vestire.

Serena Williams – Nike

Finalmente! No, Serena non ha vinto il tanto agognato 24esimo titolo Slam – fermata in semifinale da un’ispiratissima Vika Azarenka – ma, per una volta, ha centrato la mise in campo. Nike le ha creato un abito elegante dalle linee abbastanza classiche, mettendo da parte gli eccessi di dubbio gusto. Molto graziosa la gonna dai volant asimmetrici ma senza esagerazioni. Azzeccati i colori: beige per la sessione diurna e rosso carminio per quella serale. Unico neo, l’elastico per capelli col doppio pon pon. Un po’ naïf e fuori contesto ma, trattandosi di un piccolo accessorio, glielo perdoniamo. (Laura Guidobaldi)

Serena Williams – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Novak Djokovic e Lacoste

Lacoste dimostra ancora una volta l’estrema eleganza nella scelta dei completi con i quali presentare a un torneo il suo uomo immagine: il numero uno del mondo Novak Djokovic. Le due versioni disegnate per lo US Open sono complementari: sfondo blu elettrico con il lato destro decorato da righe oblique candide, per i match serali e maglietta total white, con le medesime righe color blu elettrico, per i match giocati sotto il sole di Flushing Meadows. Il pantaloncino si intona di volta in volta al colore delle righe creando un effetto molto chic. Anche a New York, quindi, Lacoste si conferma indiscussa regina di stile nel mondo del tennis, senza strafare ma puntando su uno stile semplice e classico. Il bianco piace sempre molto. Certo il completo con la maglietta candida non passerà alla storia per aver però portato fortuna a Nole nel match contro Carreno Busta, ma questo è un altro discorso!

 
Novak Djokovic lascia il campo dopo lo squalifica – US Open 2020 (via Instagram, @djokernole)

Il coccodrillo colpisce nel segno però anche con la sua collezione “basic”, riservata a tutti coloro che non si chiamino Djokovic. La polo di Daniil Medvedev è ad esempio un riuscito gioco di linee (due verticali, bianche, spezzate a metà) e colori molto classici (il blu sulla spalla e il nero nel resto). Peccato per le scarpe verde acido Nike che ci stanno a dire ben poco. In ogni caso se il russo ha fatto un passo indietro nel risultato rispetto all’anno scorso, fermandosi in semifinale, ha fatto un passo in avanti nel look rispetto alla rivedibile fantasia a ragnatela che gli era stata appioppata nel 2019. (Chiara Gheza)

Daniil Medvedev – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Naomi Osaka – Nike

Nike si ispira a un quadro di Mondrian per infilare Naomi Osaka in una tuta da super eroina. Come consuetudine a New York il modello viene presentato in due diverse varianti: il colore dominante resta in entrambe le versioni il viola, ma le forme geometriche che completano il look sono in un caso salmone e arancione chiaro, nell’altro nere e giallo fluo. La tutina super aderente viene smorzata da un paio di short che Osaka indossa sopra quella che pare essere una seconda pelle. Un completo molto difficile da sfoggiare, ma che Naomi riesce a valorizzare al meglio trasformandolo in uno degli outfit più riusciti e originali di questa edizione dello US Open.

Naomi Osaka – US Open 2020 (photo by Adam Glanzman/USTA)

Naomi a New York si dimostra una vera eroina, non solamente per aver conquistato il suo terzo titolo Slam, ma soprattutto per il coraggio di utilizzare la sua immagine a sostegno della lotta contro il razzismo. Osaka ha giocato sette match e a ogni ingresso in campo ha indossato una mascherina nera con scritto il nome di una vittima del razzismo. Naomi ha alzato al cielo la coppa indossato l’outfit viola, nero e giallo. Una volta rientrata nello spogliatoio è scivolata fuori dalla sua tutina per infilarsi la maglia di un altro eroe dello sport: Kobe Bryant. E così con il numero otto dei Lakers in bella vista è tornata sull’Arthur Ashe per le foto di rito. Perfetta anche nel cambio d’abito finale, insomma. (Chiara Gheza)

Collezione Nike Agassi

Un outfit nel segno dell’amarcord. La collezione dedicata al “Kid” di Las Vegas ci fa rivivere gli anni d’oro del giovane ex campione, rivoluzionario non solo nel maneggiare la racchetta con esasperato anticipo, ma anche nell’osare una mise inedita e “ribelle”. Ed ecco l’acrobatico Shapovalov indossare la celebre T-Shirt con maniche larghe giallo fosforescente, molto anni ’90, che staccano benissimo sul bianco della parte anteriore e il nero sulla schiena. E poi i mitici pantaloncini di jeans, portati sopra gli short aderenti giallo fluo. Il tutto è ovviamente molto psichedelico e futurista, in perfetto stile US Open. Il revival è una bella idea, tuttavia dal punto di vista prettamente estetico e dell’eleganza non era il massimo allora e non lo è neanche trent’anni dopo. Ma almeno “Shapo” non si è ossigenato i capelli e sfoggia un biondo naturale. E niente capelli a spazzola. Decisamente più classy il canadese anche se il cappellino portato al contrario sarebbe sempre da evitare.

Futurista, sgargiante e grintosa anche la collezione femminile. Vika Azarenka indossa magnificamente gli short di colore fucsia. I pantaloncini le portano decisamente bene, li indossava anche quando vinse il suo primo titolo Slam a Melbourne, nel 2012. La canotta, semplice e accollata, anch’essa fucsia, è variegata con “macchie” viola e righe diseguali bianche, con un pizzico di giallo fluo. Semplice ma accesa, essenziale ma esplosiva, proprio come il gioco di Vika in campo. (Laura Guidobaldi)

Vika Azarenka – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Collezione Adidas

Semplicità e sobrietà per la collezione Adidas di fine agosto, con un tocco di vivacità grazie al color ciclamino. Per Sascha Zverev pantaloncini dalla tinta accesa abbinati alla T-shirt grigio chiaro lievemente “spruzzata” di grigio perla, gli conferiscono un’aria un po’ sbarazzina. Anche la fascetta sulla fronte, dello stesso colore degli short, contribuisce a ravvivare un completo decisamente classico.

Alexander Zverev – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Anche la versione Adidas femminile è, come sempre, raffinata. Forse questa volta manca un po’ di originalità ma il gonnellino è comunque vezzoso con, inoltre, un tocco di “grinta”, grazie alla tinta “dégradé” del color ciclamino. Così come è di buon gusto la canotta bianca con il richiamo del colore viola chiaro della gonna sui bordi delle spalline. La fascetta è rigorosamente colorata, come il gonnellino. Tutto molto carino ma non eccezionale. (Laura Guidobaldi)

Karolina Muchova – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Collezione Fila

Fila sceglie un completo spezzato per vestire Sofia Kenin a New York: canotta blu in stile marinara e gonnellino a vita alta verde menta. La tonalità scelta per la gonna è accesa, allegra e fuori dagli schemi. Forse la forma della stessa si potrebbe rivedere poiché sembra troppo corta e troppo aderente, quasi scomoda per muoversi sul campo. Lo stesso outfit, ma con gonnellino svolazzante avrebbe potuto essere tra i più riusciti di questo Slam, in campo femminile.

Sofia Kenin – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Per i maschietti il brand di Biella sceglie un abbinamento più sobrio. Il blu navy per la maglia viene confermato anche in versione uomo. La tonalità molto scura è illuminata da sottili linee orizzontali che decorano l’intera maglietta. Il pantaloncino è invece classico, bianco con un paio di inserti laterali blu e rosso. Diego Schwartzman abbina poi il polsino blu e rosso completando così un outfit perfetto e senza tempo. Non certo il look più originale visto a Flushing Meadows, ma decisamente di classe e, come insegna Chanel, lo stile e la classe non passano mai di moda. (Chiara Gheza)

Diego Schwartzman – US Open 2020 (photo by Mike Lawrence/USTA)

Matteo Berrettini – Lotto

Ennesimo outfit di Matteo Berrettini, firmato Lotto, molto lineare e semplice. Fin troppo lineare e semplice. Maglietta rosso fuoco con bordino navy e stemma dello storico marchio di Treviso in bianco. Pantaloncini navy a richiamo. Nessun fronzolo. Che ne so una striscia sulla maglietta, dei motivi nei pantaloncini. Nulla di nulla. Zero assoluto. Il risultato è inevitabilmente ordinario per non dire banale. E dire che in questi tempi di revival anni novanta Lotto potrebbe attingere ai meravigliosi completi indossati in quegli anni da Boris Becker e Thomas Muster, con i loro motivi colorati e sgargianti, rivisitandoli in chiave moderna. Ci riflettano per favore che cominciamo ad essere stanchi di vedere il nostro bel Matteo vestito in maniera così scialba. (Valerio Vignoli)

Matteo Berrettini – US Open 2020 (courtesy of USTA)

Andy Murray – Castore

Castore è il nome di una montagna del massiccio del Monte Rosa alta oltre 4mila metri e di un sistema stellare facente parte della costellazione dei gemelli. Non si sa a cosa i fratelli Beaton, Tom e Phil, nativi di Liverpool, ex sportivi di alto livello, rispettivamente nel Cricket e nel Calcio, si siano ispirati quando hanno fondato l’omonimo brand d’abbigliamento sportivo. In ogni caso l’obiettivo era puntare in alto. Molto in alto. A quello che probabilmente è uno degli atleti, se non l’atleta, più riconoscibile del Regno Unito, ovvero l’ex n.1 del mondo Andy Murray. Dall’inizio del 2019, il fenomeno scozzese veste infatti gli outfit di questo piccolo ma ambizioso brand locale, con un simbolo formato da due ali.

Andy Murray – US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

La collaborazione era partita all’insegna della semplicità, con T-Shirt eleganti e semplici, in puro stile Murray, come quella indossata nello sportivamente drammatico match contro Roberto Bautista Agut agli Australian Open. In questi US Open post-Covid però c’è stato il salto di qualità, con uno degli outfit della seconda edizione della Andy Murray Collection (AMC). Raffinatissima e al contempo aggressiva la maglietta bianca con due righe blu notte abbinata a pantaloncini blu notte con laccetti bianchi. So British. Un outfit non per tutti. In tutti i sensi dato che la combo top-pantaloncini sul sito ufficiale costa in totale 150 euro. Ma si sa, lo stile ha un prezzo. (Valerio Vignoli)

Jan-Lennard Struff – Diadora

Da un paio di stagioni Diadora, marchio iconico nel mondo del tennis, basti pensare alle scarpe di Bjorn Borg o alle polo di Gustavo Kuerten, si è riaffacciata nel tennis che conta. Lo ha fatto con una scelta di testimonial non di primissimo piano ma comunque interessanti: l’esperto olandese Robin Haase, l’esplosivo tedesco Jan-Lennard Struff e il giovane spagnolo Alejandro Davidovich Fokina. Gli outfit sono un trait d’union tra passato e presente. Tagli e fantasie un pò retrò, colori e vestibilità assolutamente contemporanee. La collezione del marchio veneto per questi US Open era tutta giocata sul verde, nelle su diverse sfumature: verde bosco (nel chevron sulla maglietta e nei pantaloncini), verde acceso (nella parte superiore della t shirt) e verde lime (nelle finiture). Un look riconoscibile e di impatto che riporta dritto dritto Diadora al top nel settore. (Valerio Vignoli)

Jan-Lennard Struff – US Open 2020 (courtesy of USTA)

Bonus Off Court – Non sappiamo chi sia e chi abbia fatto l’abito ma vorremmo saperlo al più presto

Per quanto ci si possa vestire in maniera stravagante per seguire una partita di tennis è difficile farsi riconoscere tra la folla. Soprattutto tra quella immensa dell’Arthur Ashe Stadium. Ma quest’anno era tutto diverso come ben sappiamo. E così abbiamo potuto apprezzare come merita questo fenomenale completo a pois multicolori con la cravatta in tinta sfoggiata da uno dei pochissimi spettatori. Non è dato sapere chi sia quest’individuo e cosa ci facesse sugli spalti mentre Medvedev e Rublev se le davano di santa ragione. Dai commenti su Twitter pare possa essere uno degli Chef presenti nella bolla newyorkese. Così come non è dato sapere dove abbia comprato il suo outfit. Fatto sta che è magnificamente kitsch. Numero uno vero. (Valerio Vignoli)

Il calendario compresso di questo 2020 ci impone di darvi appuntamento già tra tre settimane, quando commenteremo le scelte compiute dai vari marchi per il Roland Garros pronto a cominciare: saranno lanciata nuove collezioni o verranno ‘riciclati’ i completini dello US Open, con i quali i giocatori sono scesi in campo anche a Roma? Non molto è trapelato sinora, tranne le scelte di Nike già rese note a maggio – Nadal dovrebbe vestire così; si tratta però di una collezione estiva, pensata prima del rinvio del torneo a settembre. Non resta che attendere la prova del campo.

Continua a leggere

Al femminile

US Open 2020, scontro generazionale

Naomi Osaka e Jennifer Brady da una parte, Victoria Azarenka e Serena Williams dall’altra. A New York la gioventù ha prevalso sull’esperienza

Pubblicato

il

By

Naomi Osaka - Finale US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Una conferma e una smentita: il primo Slam giocato nell’epoca del Covid ci ha consegnato un risultato che può essere interpretato in modi diversi. La conferma: nel tennis femminile prosegue la regola che vede il successo negli Slam delle giocatrici giovani. È stata infatti la ventiduenne Naomi Osaka a conquistare il titolo; Osaka è nata il 16 ottobre 1997, e quindi non ha ancora compiuto 23 anni. Dallo US Open 2018 abbiamo sempre avuto vincitrici sotto i 24 anni, con l’unica eccezione di Halep a Wimbledon 2019.

La smentita: questa volta non abbiamo aggiunto un nome nuovo alla lista di vincitrici di Major, come era accaduto di recente (Kenin, Andreescu, Barty). Osaka, infatti è già al suo terzo titolo “pesante”, e ancora giovanissima sta costruendosi un palmarès degno di nota, capace di non sfigurare anche nei raffronti storici con le grandi giocatrici del passato di pari età.

Rimane da definire il valore assoluto del torneo, il contenuto tecnico di una competizione che non aveva al via sei delle prime otto giocatrici del ranking (Barty, Halep, Svitolina, Andreescu, Bertens, Bencic), e con in più l’anomalia della assenza di pubblico a sottolineare l’eccezionalità della situazione. Come ho già scritto in sede di presentazione, penso che solo i tempi della storia stabiliranno la definitiva percezione di questo torneo. Oggi noi possiamo però provare a definire la qualità delle partite giocate.

La caduta delle prime due teste di serie
Come detto, delle prime otto giocatrici del mondo, ne erano presenti solo due: Karolina Pliskova (tds 1, numero 3 del ranking WTA) e Sofia Kenin (tds 2, numero 4 del ranking WTA) campionessa in carica dell’Australian Open 2020.

A conti fatti nessuna delle due è risultata protagonista del torneo. Pliskova è stata eliminata al secondo turno da una “nobile decaduta” come Caroline Garcia; oggi fuori dalle teste di serie, ma ex numero 4 del ranking. Credo che per molti aspetti la situazione di Pliskova possa essere considerata esemplare di quanto accaduto a molte giocatrici in questo periodo.

Come si era già capito dalla sua prestazione nel Premier di NewYork/Cincinnati (quando era stata eliminata all’esordio da Kudermetova), Pliskova non era in forma. Credo che per le giocatrici non sia stato semplice gestire preparazione e allenamenti in un contesto del tutto inedito, con un calendario incerto e in continuo divenire. Sbagliare qualcosa nella tempistica era molto facile, e inevitabilmente qualcuna ne ha pagato le conseguenze.

Alla precaria condizione fisico-tecnica, probabilmente Karolina ha aggiunto nello Slam una ulteriore incertezza mentale, causata dalla brutta sconfitta nella settimana precedente. Di fatto il match perso contro Kudermetova aveva certificato la sua scarsa competitività, e sono convinto che la consapevolezza di essere giù di forma non l’abbia aiutata a giocare tranquilla contro Garcia. Chissà, forse se fosse scesa in campo con un atteggiamento più ottimista sarebbe riuscita a recuperare un match nel quale era partita male, ma che nel secondo set poteva ancora essere raddrizzato (6-1, 7-6). Sta di fatto che il tennis funziona con un meccanismo drastico e crudele: un solo passo falso e sei fuori dalla competizione, e questa Pliskova non era pronta per superare le trappole che il tabellone le aveva proposto.

Situazione un po’ diversa per Sofia Kenin, che si è spinta sino agli ottavi di finale. Kenin stava trovando la condizione match dopo match, migliorando progressivamente il rendimento. Lo aveva dimostrato al terzo turno quando aveva sconfitto una giocatrice in ascesa e dal gioco brillante come Ons Jabeur: dopo aver sofferto nel primo set, Sofia aveva finito per prevalere alla distanza grazie alla maggiore continuità mentale (7-6, 6-3).

Poi però nel match degli ottavi di finale, Kenin ha sperimentato sulla propria pelle cosa significa il cambiamento di status determinato dalla vittoria all’Australian Open. In pratica a New York ha dovuto affrontare la classica situazione di una fresca campionessa Slam: le avversarie ti considerano un “target”, un bersaglio grosso a cui mirare per affermarsi. E se sono di ranking inferiore, giocano contro di te avendo poco da perdere. La responsabilità e il rischio del fallimento ce l’hai tu, che hai vinto a Melbourne e sei chiamata a confermarti a quei livelli. Psicologicamente la peggiore situazione possibile.

Kenin ha trovato di fronte a sé una Elise Mertens in giornata di grazia. Soprattutto il primo set di Mertens è stato eccezionale: Elise ha sfiorato la perfezione, visto che ha commesso appena 4 errori non forzati (e nessuno nei primi sei game) a fronte di 12 vincenti, ottenuti tenendo costantemente in mano la situazione. Vincenti raccolti in ogni modo: 3 ace, 3 dritti, 4 rovesci, 2 volèe. Mai avevo visto una Mertens tanto ispirata, esprimersi così sicura e a braccio libero. In conferenza stampa ha detto: “Oggi ha funzionato tutto”. E davvero non ha esagerato.

Kenin, di fronte a un’avversaria in tale condizione, ha percepito il rischio della sconfitta come un peso sempre più grande, sino a diventare insostenibile. A dispetto del punteggio, (6-3, 6-3), in realtà i due set sono stati piuttosto differenti. Dopo avere provato ad arginare in modo razionale la situazione nel primo set, nel secondo Sofia è andata in crisi anche sul piano mentale. Normalmente è una giocatrice molto carica sul piano agonistico, che però riesce a mantenersi tatticamente sempre lucida. Non è stato così in questo match.

Nel secondo set una volta che si è trovata sotto di un break, Kenin ha cominciato a cercare il vincente su ogni palla: non era più il suo solito tennis, ma una specie di scommessa alla va o la spacca. In questo modo ha sì aumentato il numero di vincenti, ma anche quello degli errori non forzati. Con questo atteggiamento, di fatto Sofia si è consegnata alla avversaria, che ha raccolto tutto il possibile commettendo appena 3 gratuiti.

Alla fine il saldo tra vincenti ed errori non forzati ha restituito la differenza di rendimento in modo evidente: +13 Mertens (20/7), -3 Kenin (23/26). Insomma, un conto è vincere un grande torneo partendo a fari spenti, un altro confermarsi con tutte le responsabilità e le attenzioni riservate alle prime del ranking. Kenin sta affrontando il tipico percorso che tocca inevitabilmente a ogni nuova vincitrice Slam.

a pagina 2: Serena Williams

Continua a leggere

Focus

Steve Flink: “Zverev ha sprecato delle opportunità, ma Thiem avrebbe risentito di più della sconfitta”

Ultimo video a tema US Open di Ubaldo Scanagatta che commenta le oltre quattro ore di finale maschile con la partecipazione del giornalista statunitense

Pubblicato

il

Dominic Thiem e Alexander Zverev - US Open 2020 (via Twitter, @atptour)

Il membro della Hall of Fame di Newport, Steve Flink, ha raggiunto il Direttore di Ubitennis per parlare della finale di Flushing Meadows, non sempre bella ma estremamente incerta, fra Dominic Thiem e Sascha Zverev, risoltasi in favore dell’austriaco al tie-break del quinto set. A cosa era dovuta la tensione evidente dei due? Cosa aspettarsi dal Roland Garros con Nadal e Djokovic in prima fila? Questo e altro ancora nel video:

LE PARTI SALIENTI DELL’INTERVISTA

00:00 – Si parla della finale maschile degli US Open. Ubaldo: “Una finale molto strana, non credo giocata bene, entrambi i giocatori erano molto tesi. Il livello è stato molto più basso rispetto alle finali con i Big Three”.

 

02:00 – Ubaldo: “L’errore di Zverev è stato non chiudere il secondo set 6-1 o 6-2, perché in tal caso per Thiem sarebbe stato molto più difficile pensare ad una rimonta”.

03:10 – Ubaldo: “Il quinto set è stato pieno di suspence ma non giocato bene”. Flink: “Hanno sofferto durante il tie-break anche perché avevano speso molto fisicamente”.

06:10 – Flink: “Entrambi sono stati coraggiosi, non è stato un match di qualità dall’inizio alla fine ma entrambi hanno avuto fegato. Mi dispiace per Zverev, ha avuto diverse opportunità”. Ubaldo: “È giovane, ma non so quanto tempo gli servirà per dimenticare, è stato quasi uno shock”. Il precedente di Coria.

08:55 – Gli esempi di Murray e Lendl. Flick “Penso che Zverev possa vincere nei prossimi anni, è un giocatore talentuoso”.

10:30 – Flink: “Fantastico per Thiem, per quello che significava per lui, dopo tre finali perse sarebbe stato devastante per lui perdere oggi, ma finalmente ha vinto il suo primo Slam”. Ubaldo: “Per Thiem, un conto è perdere con Nadal o Djokovic, un altro perdere, soprattutto 3-0, con Zverev, contro cui aveva vinto sette dei novi precedenti”.

12:50 – Ubaldo: “Molto dipendeva dal servizio di Zverev, che alla fine l’ha tradito, 15 doppi falli e molte prime non veloci”. Flink; “Zverev ha iniziato a servire veloce, poi ha iniziato a perdere potenza, ha servito ogni set meno veloce del precedente e questo lo ha destabilizzato”.

16:00 – Ubaldo: “Federer, Nadal e Djokovic sin dalla loro prima finale Slam hanno giocato ad alti livelli gestendo la tensione. Stasera entrambi, che sono tra i migliori tra quelli nati negli anni Novanta, hanno un’inattesa fragilità a livello nervoso”. Flink: “Per Thiem ha inciso la pressione della vittoria al quarto tentativo, per Zverev il trovarsi nell’inaspettata possibilità di vincere il titolo. Per Thiem adesso sarà più facile in queste situazioni”.

19:00 Ubaldo: “Se Nadal non è al top della forma, Thiem può essere considerato forse il favorito per il Roland Garros”. Flink: “Djokovic non ha ancora perso quest’anno sul campo, non possiamo non considerarlo tra i favoriti. Sarà una lotta a tre, dipenderà dal sorteggio”.

25:30 – Il Roland Garros, la presenza del pubblico e dei giornalisti, e le aree separate. Flink: “Per me stanno facendo un errore, per quest’anno dovevano seguire l’esempio di Roma e dello US Open”.

31:15 – Ubaldo: “La USTA ha fatto un buon lavoro”. Flink: “Concordo, anche i giocatori lo hanno riconosciuto. Non è stato facile organizzare Cincinnati e lo US Open, e hanno avuto solo pochi problemi, vedi il caso Paire”. Ubaldo: “Per l’organizzazione francese ci saranno più complicazioni per la presenza del pubblico e la sua gestione”.

Trascrizione a cura di Giuseppe Di Paola

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement