L'ennesimo record di Djokovic, Nadal e Federer

Flash

L’ennesimo record di Djokovic, Nadal e Federer

Nole, Rafa e Roger cannibalizzano le prime tre posizioni del ranking mondiale per la settima volta in carriera. I numeri dei primi 10 giocatori del 2018

Pubblicato

il

Con la pubblicazione della classifica di lunedì 26 novembre, si chiude ufficialmente il 2018 dell’ATP (qui l’articolo originale). Il terzetto composto da Novak Djokovic, Rafael Nadal, e Roger Federer ha occupato le prime tre posizioni alla fine dell’anno per la settima volta (2007-11, 2014, 2018), la prima dal 2014. I tre si sono anche divisi la corona in diversi momenti dell’anno. Per il secondo anno consecutivo, metà della top 10 finale è rinnovata. Sono due gli esordienti: il numero 6, Kevin Anderson, e il 10, John Isner, entrambi ex giocatori del circuito universitario americano. Fra i ritorni nobili in top ten: Novak Djokovic, che aveva terminato lo scorso anno al numero 12, Juan Martin Del Potro, e Kei Nishikori. Per la prima volta nella storia, la top 10 comprende cinque diverse macro-regioni del mondo: Asia, Sud America, Africa, Nord America, Europa. I top 10 inoltre, per la seconda volta negli ultimi tre anni, rappresentano 10 nazioni diverse.

LA TOP 10 FINALE DEL 2018

1. Novak Djokovic (SRB) – Quinta volta da Re per Nole (2011-12, 2014-15, e 2018).

2. Rafael Nadal (ESP) – Il maiorchino chiude l’anno nella top 10 per il quattordicesimo anno consecutivo, raggiungendo Federer: è secondo solo a Jimmy Connors (16 anni di fila). È inoltre la decima volta che finisce la stagione tra i primi due, solo Federer ha fatto meglio (11).

3. Roger Federer (SUI) – Il più anziano della storia, a 37 anni, a terminare tra i primi tre. Per Roger è il quattordicesimo anno chiuso nella top 3, un record (cinque volte al numero 1, sei volte al numero 2 e tre volte al numero 3).

4. Alexander Zverev (GER) – Il più giovane a chiudere due stagioni consecutive tra i primi quattro dal 2007-08 di Djokovic.

5. Juan Martin del Potro (ARG) – Prima stagione chiusa in top 10 per l’argentino dal 2013. Del Potro terminò al numero 5, il suo record, anche nel 2009 e nel 2013.

6. Kevin Anderson (RSA) – Record africano per Kevin Anderson: mai nessuno aveva terminato la stagione così in alto. Anderson è il primo sudafricano a finire l’anno in top 10 dopo Wayne Ferreira nel 1996 (al numero 10).

7. Marin Cilic (CRO) – Quarta volta negli ultimi cinque anni nei top 10 per il croato, che ha raggiunto quest’anno anche il best ranking al numero 3.

8. Dominic Thiem (AUT) – Terzo anno consecutivo in top 10 per Thiem, che eguaglia il record nazionale di Thomas Muster.

9. Kei Nishikori (JPN) – Ritorno nella top 10 finale per Kei Nishikori dopo 3 anni.

10. John Isner (USA) – È l’americano più ‘vecchio’ a terminare l’anno nella top 10. Isner è stato il numero 1 americano a fine anno in sei delle ultime sette stagioni.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Djokovic: “Aver centrato il N.1 di fine anno ha pesato, ero a Vienna per quello. Ma Sonego ha meritato”

La performance di Nole non è stata all’altezza. Colpa dell’appagamento per il n.1 e della tristezza per la morte di una figura di spicco della chiesa ortodossa. Ma il serbo passa oltre: “Sto bene e voglio chiudere alla grande a Londra”

Pubblicato

il

Ha raccolto appena tre giochi in due set. La peggior sconfitta della carriera di Djokovic nei match giocati due su tre, la peggiore dal 2005 (6-0 6-2 6-1 da Safin all’Australian Open) se consideriamo anche gli Slam e gli altri incontri al meglio dei cinque: questo è il verdetto del campo di Vienna, dove a fare la voce del leone è stato Lorenzo Sonego. Una prestazione incolore da ogni punto di vista quella del n.1 del mondo, non all’altezza delle aspettative. Contro un avversario che ha giocato la cosiddetta “partita della vita”. Questa è stata la sintesi del match in conferenza stampa data dallo stesso Djokovic. Da una parte, i meriti dell’avversario che l’ha messo costantemente sotto pressione. Dall’altra i suoi demeriti nell’incapacità di alzare il livello ai suoi soliti standard.

Mi ha spazzato via dal campo. Questo è tutto”
, ha sintetizzato in maniera molto sportiva il fenomeno serbo. “È stato migliore di me in ogni aspetto del gioco. Io non ho avuto una buona giornata, lui ne ha avuto una fantastica. Ha sicuramente meritato questa vittoria”.

Nole, d’altro canto, non sembra dare troppa importanza alla sconfitta e anzi riconosce di non essere entrato in campo concentrato al 100%. “Il fatto di aver centrato l’obiettivo del numero 1 di fine anno (dopo la vittoria con Coric agli ottavi, ndr) ha pesato su di me oggi. Ho fatto quello per cui ero venuto qui e mi va benissimo il risultato di oggi. Sto bene e non vedo l’ora di chiudere alla grande la stagione a Londra“. Certo, non è difficile immaginare che Djokovic avesse la testa altrove, e il livello di tennis espresso è lì a testimoniarlo, ma sono parole che fanno comunque effetto quando pronunciate dal numero uno del mondo, un cannibale che ci ha abituato a non lasciare per strada neanche le briciole. 

Un’altra ragione di distrazione per Djokovic potrebbe essere stata la morte del 82enne Risto “Amifilohije” Radovic, metropolita del Montenegro, una figura di spicco e influenza all’interno della chiesa ortodossa serba. “Sono stato fortunato abbastanza da conoscerlo, passare del tempo con lui e sentire la grande energia che lui emanava. Dovremmo ricordarlo con un sorriso ed essere grati per tutto quello che ha fatto. È stato un esempio di come preservare la nostra cultura e la nostra tradizione”, ha affermato Djokovic, che è molto devoto. Sinceramente questa notizia mi ha un po’ segnato. Mi sentivo un po’ giù di morale. Ma non darei la colpa a questo”.

VERSO LONDRA – Il serbo aveva rinunciato con largo anticipo al Masters 1000 di Parigi-Bercy, dove da campione in carica non avrebbe potuto guadagnare né perdere alcun punto ATP, poiché il ranking è ancora “congelato”. Le due vittorie contro Krajinovic e Coric in Austria gli permettono invece di chiudere l’anno al N.1 con qualche settimana di anticipo e di sfruttare la settimana del torneo parigino per prepararsi al meglio in vista delle Finals, dove invece avrà l’opportunità di incamerare nuovi punti. “È stata solo una brutta partita. Passerò un po’ di tempo con la mia famiglia in Serbia. Farò una buona preparazione per chiudere nella miglior maniera possibile la stagione”, ha detto Nole. Insomma, solo un incidente di percorso. Un sassolino nella strada che lo tiene in vetta al mondo del tennis. Per una volta, fortunatamente, il sassolino era tricolore.

Continua a leggere

Flash

Parigi-Bercy, il tabellone delle qualificazioni: sei italiani al via

Travaglia, Cecchinato, Caruso, Mager, Lorenzi e Giannessi cercano l’accesso al tabellone principale. La prima testa di serie è Fucsovics. Quattro le wild card francesi

Pubblicato

il

Comincia dalle qualificazioni la spedizione azzurra al tradizionale appuntamento indoor di Parigi Bercy, l’ultimo Masters 1000 di questa sventurata stagione condizionata dalla pandemia di Coronavirus. Sono sei gli italiani impegnati nel tabellone cadetto. In ordine di classifica: Stefano Travaglia (testa di serie n.5), Marco Cecchinato (testa di serie n.7), Salvatore Caruso (testa di serie n.8), Gianluca Mager (testa di serie n.14), Paolo Lorenzi e Alessandro Giannessi. 

Travaglia parte assolutamente da favorito contro il portoghese Pedro Sousa, n.110 del ranking ATP e molto poco meno a suo agio sui campi veloci. Al secondo turno, decisivo per la qualificazione, potrebbe sfidare in un derby Mager, qualora quest’ultimo sconfiggesse il colombiano Daniel Galan, n.132 della classifica mondiale. Un’altra sfida al secondo turno potrebbe essere quella tra Caruso e Lorenzi. Il siculo però dovrà fare attenzione all’australiano Marc Polmans, giocatore aggressivo e insidioso sul cemento. Il toscano a sua volta è nettamente sfavorito contro il rampante spagnolo Alejandro Davidovich Fokina, terzo favorito del seeding, che dalla ripresa del tour vanta un notevolissimo bilancio di 13 vittorie e 4 sconfitte. 

Marco Cecchinato, reduce dalla bella settimana al Sardinia Open, dove ha raggiunto la finale, affronta il cinese di Taipei Jason Jung, n.127 del ranking ATP. Un giocatore di spessore inferiore ma che è molto più abituato di Cecchinato a giocare sul veloce. Infine, Giannessi affronterà il moldavo Radu Albot, n.85 della classifica e testa di serie n.10 del tabellone cadetto, in un match abbastanza proibitivo sulla carta. A dimostrazione della qualità del field, la prima testa di serie, e quindi primo escluso dal main draw, è Marton Fucsovics, n.52 del mondo. Dovrebbe giocare contro il 18enne francese Arthur Cazaux, una delle quattro wild card di casa. Le altre sono Elliot Benchetrit, Antoine Cornut-Chauvinic e Arthur Rinderknech. 

 

Il tabellone completo delle qualificazioni (con tutti i risultati aggiornati)

Continua a leggere

Flash

ATP Nur-Sultan: Millman e Mannarino in semifinale contro la Next Gen

L’australiano batte in rimonta al tie-break decisivo Paul. Ora affronterà Frances Tiafoe. Il francese non lascia scampo a McDonald e si giocherà la finale contro Ruusuvuori

Pubblicato

il

John Millman - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Le semifinali della prima edizione del Astana Open, torneo di categoria ATP 250 da oltre 300mila dollari di montepremi che si gioca a Nur-Sultan, capitale del Kazakistan, saranno il più classico degli scontri generazionali. Nella parte alta del tabellone, il 32enne mancino francese Adrian Mannarino, numero 41 del ranking e testa di serie n.3 del seeding, sfiderà il classe 1999 finlandese Emil Ruusuvuori, giocatore promettente e già capace di battere il nostro Sinner ad inizio stagione. A contendersi l’altro posto in finale saranno invece il 31enne veterano australiano John Millman, quarta testa di serie del torneo, e il 22enne statunitense Frances Tiafoe, n.63 del ranking mondiale uno dei volti più celebri della nuova generazione di tennisti made in USA. 

Mannarino e Ruusuvuori hanno dovuto faticare ben poco nei loro rispettivi match di quarti di finale. Il transalpino, con il suo tennis personale e imprevedibile, ha travolto l’americano Mackenzie MacDonald, giustiziere di Andreas Seppi al secondo turno, con lo score di 6-1 6-4. Il giovane finlandese, proveniente dalle qualificazioni, ha invece spento i sogni di gloria di Mikhail Kukushkin di trionfare tra le mura amiche, dominandolo per 6-3 6-1. Ruusuvuori continua la sua avventura in quello che era già il suo miglior torneo ATP in carriera, centrando la prima semifinale. Con Mannarino, un giocatore navigato, dotato di talento e anche intelligenza in campo, sarà per lui una vera prova del nove. 

Hanno avuto vita molto più dura invece Millman e Tiafoe. L’australiano, n.44 della classifica mondiale, ha dovuto dare fondo a tutte le sue grandi capacità di resistenza, atletica e mentale, per avere la meglio del 23enne statunitense Tommy Paul, vincitore del Roland Garros junior che sembra finalmente aver trovato la sua strada anche tra i professionisti. Dopo aver perso il primo set al tie-break, Millman ha pareggiato i conti nel secondo per 6-4 e ha conquistato il terzo ancora al tie-break per 7 punti a 5 dopo quasi tre ore di gioco. Da notare che Paul era in vantaggio 3 a 0 nel tie-break decisivo. 

 

Tiafoe è uscito vincitore di un’altra maratona da oltre due ore e mezza contro il 27enne bielorusso Egor Gerasimov, conclusasi con il punteggio di 7-6 5-7 7-5 in suo favore. L’esplosivo afroamericano se l’è vista brutta quando si è ritrovato sotto 4 a 3 di un break nel terzo set. Gerasimov però non ha confermato il vantaggio e si è poi spento. Millman e Tiafoe si sono divisi equamente le vittorie nei quattro precedenti scontri diretti, tutti giocati su superfici rapide. L’ultima sfida si è giocata ai recenti US Open ed è stata una battaglia, in cui ha prevalso il tennista aussie al quinto set dopo essere stato sotto 2 a 1. Insomma, ci sono tutti i presupposti per vedere un incontro molto acceso. 

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement