Sascha Bajin premiato a Brisbane come miglior coach WTA 2018

Flash

Sascha Bajin premiato a Brisbane come miglior coach WTA 2018

Il coach di Osaka, in precedenza di Wozniacki e sparring di Serena, riceve il premio a Brisbane, subito dopo aver dimostrato quanto sia forte la sua influenza su Naomi

Pubblicato

il

Una foto della riccia coda svolazzante di Naomi Osaka è stata scelta dal New York Times tra gli scatti più significativi del 2018. Non ce ne voglia David Gray, autore della fantastica istantanea sui campi di Melbourne, ma senza il successo della giapponese a Flushing Meadows quella foto non avrebbe trovato spazio nell’album. La finale dell’US Open è lo spartiacque della carriera di Osaka ed è curioso che sia avvenuto proprio in un match contro Serena Williams, ex-allieva dell’attuale allenatore di Naomi. Sascha Bajin è stato eletto miglior coach WTA del 2018, giusto riconoscimento per essere stato artefice di un progresso così marcato. Ha ricevuto sul campo centrale di Brisbane il riconoscimento di “coach of the year” subito dopo aver dato prova di quanto sia importante la sua figura per Naomi Osaka.

La nipponica era sotto di un set contro Sevastova nei quarti di finale del torneo. Bajin alla pausa è sceso dagli spalti e ha parlato con convinzione a Naomi. Il consiglio è stato quello di restare calma per evitare di accumulare errori non forzati. Da lì in poi è iniziata la rimonta della giocatrice del Sol Levante, che ha cambiato registro e vinto i successivi due parziali, 6-0 6-4. Al termine del match, mentre posava col suo coach, Osaka ha fatto i salti di gioia per celebrarlo, sollevata dalla vittoria, che in parte è anche merito dell’intervento del suo allenatore. Queste le parole di ringraziamento di Bajin su Twitter: “È un vero onore ricevere questo premio, ma non avrei avuto l’opportunità di riceverlo senza Naomi e tutto il mio team, che sono stati semplicemente fantastici per tutto l’anno. Facile essere un allenatore quando hai un’allieva come lei e un team come il nostro alle spalle.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Gli orari di gioco di venerdì 23 agosto: Sinner e Lorenzi per il sogno US Open, Giorgi per la finale

I tre italiani scenderanno in campo in serata. Incognita schiena per Sinner, che però ha l’incrocio più semplice. Lorenzi e Giorgi in contemporanea

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Umago 2019 (foto Felice Calabrò)

La settimana era cominciata con tanti, tantissimi italiani pieni di speranze: addirittura 22. Ce n’erano ben 17 nei tabelloni di qualificazioni degli US Open (13 uomini e 4 donne), 4 in quello dell’ATP 250 di Winston-Salem e Camila Giorgi in quello del Bronx Open di New York.

Alle soglie del venerdì, quinta giornata settimanale di incontri, ne sono rimasti in gioco soltanto tre, tutti a New York: Jannik Sinner e Paolo Lorenzi a Flushing Meadows, per il turno finale di qualificazione, e Camila Giorgi impegnata in un match di semifinale.

Di seguito l’orario di gioco tre italiani, tutti in campo nella serata italiana. Sinner e Lorenzi possono essere seguiti su Eurosport Player, Giorgi andrà invece in diretta su Supertennis.

  • [15] P. Lorenzi vs J. Vesely – secondo match sul Court 5, ore 19 circa
  • [24] J. Sinner vs M. Vilella Martinez – terzo match sul Court 5, ore 21 circa
  • [1] Q. Wang vs C. Giorgi – secondo match sul Victor Kim Stadium, ore 21 circa

L’incrocio più fattibile dovrebbe essere quello di Sinner, che affronta un 24enne spagnolo fuori dalla top 200 (dove è entrato per la prima volta una settimana fa, uscendone subito). L’altoatesino ha però concluso per miracolo la sfida di secondo turno contro Galovic, a causa di una probabile contrattura alla schiena. Tutto o quasi dipenderà dalla sue condizioni fisiche, e la prospettiva di giocare il primo Slam potrebbe non essere sufficiente se il problema è serio. Sarà complessa per Lorenzi e Giorgi. Vesely è un tennista ostico, che in giornata vale molto più della 140esima posizione che occupa in classifica, e soprattutto ha un servizio mancini che può creare molti problemi all’italiano. Giorgi affronta la prima favorita Wang, che si sta riavvicinando al periodo di stagione in cui, lo scorso anno, aveva fatto il botto. La cinese è preparatissima atleticamente ed è una validissima contrattaccante. In caso di vittoria, Giorgi affronterebbe in finale una tra Linette e Siniakova.

 

Continua a leggere

Flash

Perché seguire Ubitennis (anche) su Instagram, Facebook e Twitter

Vi rubiamo solo pochi minuti, ve lo promettiamo (e non ve ne pentirete)

Pubblicato

il

Il nostro nuovo logo, per le due settimane degli US Open

Fare informazione nel 2019 significa adeguarsi alle velocità dell’era dei social network, dove le notizie corrono alla stessa velocità di un servizio di John Isner e ogni giornalista tenta di giocare con l’anticipo di Roger Federer. Ubitennis non può – né deve! – essere da meno. Oltre alle decine di migliaia di lettori che popolano il sito, dobbiamo occuparci di ‘soddisfare’ la sete di aggiornamenti di chi ci segue su Instagram, Facebook, e Twitter. Dove il profilo di informazione deve necessariamente modificarsi, per venire incontro alle diverse esigenze dell’utente. Rubandovi solo pochi minuti, vi spieghiamo perché potrebbe piacervi seguirci sui nostri canali social, e cosa facciamo di diverso.

Perché seguirci su Instagram?

Spesso un’immagine vale più di mille parole. Sul profilo Instagram Ubitennis troverete ogni giorno i migliori scatti dei tornei in corso e le immagini esclusive catturate dai nostri inviati in giro per il circuito. Ci saranno anche grafiche dedicate e sondaggi, oltre che una possibilità continua di interazione con la redazione. Lo strumento delle stories diventa prezioso soprattutto durante i grandi tornei: i nostri inviati comunicano in tempo reale gli aggiornamenti, anche i più piccoli che a volte non trovano spazio in un articolo dedicato ma diventano preziosi per la fruizione completa dell’esperienza Ubitennis. Siamo su Instagram principalmente per due motivi: perché è il canale di comunicazione più al passo coi tempi che c’è e perché… tanto lo sappiamo che ci passate un sacco di tempo anche voi, quindi tanto vale non lasciarvi soli!

 

Clicca qui per seguire Ubitennis su Instagram

Perché seguirci su Facebook?

Informazione in tempo reale sui temi di ATP e WTA e collegamento diretto e immediato agli articoli pubblicati sul sito comodamente sulla vostra “home”. Attivate la notifica per le dirette e sarete avvisati non appena Vanni Gibertini e Luca Baldissera si collegheranno in diretta per commentare con voi la giornata di incontri appena conclusa. Potrete interagire con loro nei commenti e porre le domande che più vi incuriosiscono, oltre che contattare direttamente la redazione utilizzando lo strumento di posta. Su Facebook trovate anche grafiche dedicate, piccole curiosità, immagini esclusive dai tornei o anche semplicemente un nuovo spazio di discussione, sotto i post degli articoli pubblicati.

Clicca qui per seguire Ubitennis su Facebook

Perché seguirci su Twitter?

Rapidità e stringatezza sono i punti forti di Twitter, la piattaforma che più si adegua alla trasmissione della notizia nel Nuovo Millennio. Oltre alle semplici “flash news” i tweet di Ubitennis vi porteranno dentro il torneo con le dichiarazioni in tempo reale dei giocatori direttamente dalla sala stampa dei principali tornei. Non mancheranno inoltre piccole statistiche, in formato testuale e grafico, oltre a tutti gli aggiornamenti relativi a tabelloni ed entry list, che in forma ordinaria – e ordinata – potete trovare nei nostri calendari (ATP e WTA; li conoscete, VERO??).

Clicca qui per seguire Ubitennis su Twitter

Continua a leggere

Flash

Qualificazioni US Open, Day 4: fuori Giannessi e Caruso

Escono di scena al secondo turno di qualificazione i due tennisti azzurri

Pubblicato

il

Salvatore Caruso - Umago 2019 (foto Felice Calabrò)

Finisce l’avventura americana di Salvatore Caruso e Alessandro Giannessi sconfitti rispettivamente da Lukas Rosol e da Constant Lestienne. Un po’ di rimpianti per il match di Caruso che è entrato in campo con pessime sensazioni, non riuscendo mai a comandare gli scambi, servendo piuttosto male e commettendo parecchi errori piuttosto banali con tutti i fondamentali continuando a lamentarsi con il proprio angolo, quasi sfottendosi da solo per il pessimo rendimento odierno. Tuttavia, sotto di set e break, senza avere più nulla da perdere, il tennista di Avola si è un po’ sciolto e sopra 5-4 40-40 è stato a due punti dal set ma Rosol ha servito ancora una volta bene senza concedere occasioni a Caruso che è incappato in qualche grave errore nel game successivo che di fatto gli è costato il match. 

Dura molto poco la partita di Alessandro Giannessi contro il francese Lestienne che giá nel 2018 lo aveva estromesso dalle qualificazioni degli US Open. Dopo un inizio equilibrato, Giannessi ha cominciato ad innervosirsi polemizzando di continuo con l’arbitro e uscendo di fatto molto presto di scena da un match nel quale non ha mai trovato buone sensazioni col rovescio e quando ha provato a sopperire a questa mancanza spostandosi di dritto non ha mai fatto sufficientemente male lasciando lo spazio a Lestienne per far male con un ottimo rovescio incrociato. Lo score finale recita 6-3 6-0, con un parziale pesantissimo di otto games a zero a partire dal 4-3 in favore del fantasioso francese. 

Le sconfitte degli italiani

 

C. Lestienne b. A. Giannessi 6-3 6-0
L. Rosol b. [6] S. Caruso 6-1 7-5

Il tabellone maschile completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement