Fognini sceicco d'Arabia e i nuovi sogni azzurri (Crivelli). Serena Williams e Alexis Ohanian, storia di una coppia straordinaria (Piccardi)

Rassegna stampa

Fognini sceicco d’Arabia e i nuovi sogni azzurri (Crivelli). Serena Williams e Alexis Ohanian, storia di una coppia straordinaria (Piccardi)

La rassegna stampa di venerdì 13 dicembre 2019

Pubblicato

il

Fognini sceicco d’Arabia e i nuovi sogni azzurri (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Nella foto di gruppo, lasciata ai posteri a mo’ di Atp Finals, l’unico a disagio nel dishdasha, l’abito tradizionale, è lo spilungone Isner, perché coprire di stoffa i suoi due metri e otto rimane impresa ardua. Per il resto, gli otto protagonisti della Diriyah Cup stanno scrivendo a loro modo una pagina di storia, perché mai una partita di tennis, anche se è un’esibizione, è stata ospitata dall’Arabia. Insieme a Isner, in campo ci sono Medvedev, Monfils, Fognini, Goffin, Wawrinka, Pouille e Struff. I sauditi e l’antica capitale Diriyah scelgono lo sport per proiettare verso il futuro l’immagine di un paese che vuole aprirsi al mondo provando a cancellare un passato anche recentissimo di pesanti violazioni dei diritti umani, tanto che Federer ha rinunciato al viaggio già un anno fa e Tiger Woods ha detto no al torneo Pga di golf che si disputerà a febbraio. Gli sforzi di normalità vanno a braccetto con un montepremi di lusso (2.700.000 euro), un’ospitalità sentita e un’organizzazione comunque di alto livello. Per i giocatori l’occasione di riprendere un blando contatto con il clima partita nella fase più delicata della stagione. quella dei preziosi allenamenti invernali. Dopo l’Arabia. Fabio (che ha ufficializzato Barazzutti come coach) tornerà a Barcellona a rifinire la preparazione. prima del debutto ufficiale nel 2020 con la Atp Cup. Il programma subirà la più dolce delle modifiche quando Flavia Pennetta partorirà la secondogenita della coppia. In ogni caso, fino ad aprile, il numero 12 del mondo ha pochissimi punti da difendere e quindi può serenamente pianificare un altro assalto alla top ten. Chi nei dieci sta molto comodo (e felice) è Matteo Berrettini. ottavo giocatore del mondo dopo un’irresistibile ascesa (un anno fa di questi tempi era ancora fuori dai 50). Passate le vacanze a Miami con la compagna Tomljanovic, che in Florida si allena, Berretto ha ripreso la preparazione a Montecarlo sotto la guida attenta di coach Santopadre, consapevole che questo mese sarà fondamentale per immagazzinare la benzina idonea a rendere meno faticoso un calendario che giustamente dovrà essere ambizioso. Matteo partirà per l’Australia il 28 dicembre, giocherà pure lui l’Atp Cup e dopo gli Australian Open batterà la terra e il cemento sudamericani. In Australia trascorrerà l’inizio del 2020 anche Jannik Sinner. Il vincitore delle Next Gen seguirà Piatti a Brisbane, dove il coach sarà all’angolo della Sharapova nel torneo femminile: «Jannik giocherà gli Australian Open per la prima volta e voglio che si ambienti bene». […]

Serena Williams e Alexis Ohanian, storia di una coppia straordinaria (Gaia Piccardi, Corriere della Sera – 7)

 

Sei uova. Mezzo litro di latte rigorosamente di mandorla. Farina senza glutine per accontentare Serena. Lamponi per far felice Olympia. Mescolare tutto in una terrina. Con amore quanto basta. Possibilmente, in abbondanza. «Cascasse il mondo, il rito della colazione della domenica è un piacere a cui non rinuncio. Cucino io i pancakes per le mie donne. Telefonini spenti, televisione silenziosa, solo parole. Per far funzionare un matrimonio non servono gesti eclatanti. Noi non siamo diversi dagli altri. Il segreto sta nei dettagli». Detto da Alexis Ohanian, il marito che per soddisfare una voglia di spaghetti alle vongole della moglie incinta la portò con un volo privato a Venezia e che per darle il bentornato al tennis dopo la maternità fece tappezzare gli ultimi 30 chilometri dell’Interstate 10 per Palms Springs (California) di cartelloni pubblicitari (“Serena Williams GMOAT’, dove l’acronimo sta per Greatest mum of all time, Serena Williams la più grande mamma di tutti i tempi), si fa fatica a crederlo. Il 16 novembre 2017 ha sposato a New Orleans la ragazza più ingombrante d’America, una personalità strabordante. Eppure, grazie alla fondamentale collaborazione di Serena, Alexis porta avanti una relazione globetrotter e impegnativa. In realtà basterebbe osservare l’espressione con cui lui la guarda mentre gioca, per rendersi conto che gli Ohanians – la coppia all’apparenza più paritaria ed equilibrata nel variegato universo delle celebrities – sono veri, di carne, ossa e ventricoli palpitanti. Tutto era cominciato sulla terrazza dell’Hotel Cavalieri, nella bellezza verde e panoramica di Monte Mario, proprio sopra i campi del Foro Italico. Maggio 2015. Serena è la stella degli Internazionali d’Italia, Alexis lo speaker di una conferenza nella Capitale. Lei si sveglia tardi, di malumore; la sala colazioni è già chiusa, per un caffè la indirizzano al bar in terrazza. Lui è seduto là fuori, gli occhi pesti di sonno dopo il volo intercontinentale puntati sul computer. «Io fossi in te lascerei quel tavolo: lì sotto c’è un topo», scherza Serena. «Baby non mi impressioni, sono di Brooklyn: tra i topi, ci sono cresciuto», ribatte Alexis. Il primo settembre 2017, non senza complicazioni, nasce Alexis Olympia Ohanian junior. «Assistere mia moglie che è stata molto male per dare la vita a nostra figlia, mi ha cambiato la prospettiva sull’esistenza». ll punto di vista sulle cose di Serena lo conosciamo. È interessante, invece, partire alla scoperta di quello di Alexis, che ha appena lanciato una battaglia: far diventare il congedo di paternità un diritto garantito dalla legge. «Mettermi in aspettativa quando è nata Olympia, per me, è stato facile», racconta. «Sono il capo di me stesso. Ma tutti i padri dovrebbero poterne usufruire: fa bene al bambino, alla coppia e, in ultima analisi, al lavoro. Perché quando torni in ufficio sei una persona più appagata, felice e soddisfatta». Esserci, con qualità: ecco il tesoro che Alexis ha portato nella relazione con Serena. Prima regola: «Mai più di una settimana lontani, se è possibile. Quando sei sposato con la più grande tennista di tutti i tempi, la logistica può rivelarsi complicata». Il modello parentale è l’architrave di qualsiasi relazione. «Tutto il merito di quello che so in fatto di rapporti interpersonali, è di mio padre Chris e mia madre Anke», racconta. «Lui armeno, lei tedesca dell’Est. Mia madre seguì negli Stati Uniti mio padre da clandestina, lavorando come ragazza alla pari mentre aspettava il visto. Le nozze la misero in regola con la legge. La vita, quando ero piccolo, non è sempre stata facile. Magari mancava un pasto caldo in tavola ma i miei c’erano sempre. Di sostegno l’uno all’altra e a loro figlio. Presenti nonostante i sacrifici. […] Io e Serena non passiamo la giornata a contare i trofei sulle mensole però sappiamo quanto lavoro e dedizione servono per riuscire nella vita e questa conoscenza condivisa è un valore aggiunto sulla nostra tavola. Parliamo tanto, ci facciamo domande a vicenda: cosa desideri raggiungere? Cosa sei disposto a fare per ottenere ciò che vuoi? Siamo lontani dalla perfezione, ma concordiamo su un punto: al di là delle legittime ambizioni personali, ci stiamo impegnando a crescere una figlia forte e autodeterminata». […]

Continua a leggere
Commenti

Rassegna stampa

Salta Madrid e Nadal si decide: «Niente Us Open, troppi rischi» (Cocchi). Nadal, è no agli Us Open: «Rischio Covid elevato» (Bertellino). Cocciaretto: «Io, che volevo essere come la Pennetta» (Vannini)

La rassegna stampa di mercoledì 5 agosto 2020

Pubblicato

il

Salta Madrid e Nadal si decide: «Niente Us Open, troppi rischi» (Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport)

Lo Us Open non ha mai visto un match tra Federer e Nadal, e nemmeno quest’anno, se lo Slam di New York (31 agosto- 13 settembre) si giocherà, l’attesa sfida potrà andare in scena. Dopo lo stop di Federer, neanche Rafa Nadal, numero 2 al mondo e campione in carica infatti non volerà negli Stati Uniti. Una scelta che si poteva immaginare considerata la preparazione esclusivamente “terrestre” del mancino di Maiorca che insegue il 13° titolo del Roland Garros (dal 27 settembre) e l’aggancio allo svizzero a quota 20 Slam. Ieri sera la federtennis Usa ha pubblicato le entry list ufficiali dello Us Open dove spiccava l’assenza di Nadal. Era da 21 anni che Rafa e Roger erano contemporaneamente assenti dallo stesso Slam. Un evento epocale, basti pensare che l’ultima volta era accaduto allo Us Open del 1999. Pochi minuti dopo l’annuncio della Usta, Rafa ha spiegato i motivi della sua scelta: «Ci ho pensato a lungo – ha scritto su Twitter -, e alla fine ho deciso che non giocherò lo Us Open. La situazione in tutto il mondo è davvero complicata, i casi di Covid stanno aumentando e sembra che íl contagio sia ormai fuori controllo». Una scelta non facile per Rafa, molto legato a Flushing Meadows, di cui è campione uscente e dove ha trionfato già quattro volte. «È una decisione che non avrei mai voluto prendere, ma ho scelto di seguire il cuore. In questo periodo preferisco non viaggiare». E presumibile dunque che Nadal lo rivedremo agli Internazionali d’Italia a Roma dal 21 settembre, in preparazione al Roland Garros: «Capisco e ringrazio tutti per gli sforzi che stanno compiendo per garantire che i tornei vengano giocati, so che il calendario ridotto, dopo quattro mesi senza giocare è drammatico». Nella lista degli iscritti c’è invece Novak Djokovic, il numero 1 al mondo che all’inizio era tra i più scettici verso lo Slam di New York. Il serbo, però, il coronavirus l’ha contratto nell’Adria Tour di Belgrado, da lui organizzato a giugno, dove tra i partecipanti si erano contagiati anche Dimitrov e Coric ma non Sascha Zverev. Il tedesco numero 7 del mondo è ancora presente nell’elenco dei partecipanti ma pochi giorni fa aveva ammesso di nutrire qualche dubbio verso il viaggio in America: «Voglio vedere come si sviluppa la situazione nelle prossime settimane. Potrei non andare se non mi sento al sicuro». Nel pomeriggio di ieri era stato ufficializzato l’annullamento del torneo maschile e femminile di Madrid. La situazione in Spagna, con una importante recrudescenza dei casi di Covid, ha convinto le autorità sanitarie e gli organizzatori a rinviare tutto al 2021. […]

Nadal, è no agli Us Open: «Rischio Covid elevato» (Roberto Bertellino, Tuttosport)

 

La notizia era nell’aria ma l’ufficialità è arrivata ieri sera. Rafael Nadal, numero 2 del mondo, non difenderà il titolo agli US Open 2020, conquistato nella scorsa edizione in finale contro il russo Daniil Medvedev. Il maiorchino si è così espresso attraverso un tweet: «Dopo molte riflessioni ho deciso di non partecipare agli US Open di quest’anno. La situazione sanitaria è ancora molto complicata in tutto il mondo con i casi di Covid-19 e focolai che sembrano fuori controllo. Sappiamo che il calendario di questa stagione, dopo quattro mesi senza giocare è una sorta di assurdità». Dopo 21 anni, alla partenza dello slam americano non ci saranno dunque né Rafael Nadal né Roger Federer, alle prese con il recupero post operazione al ginocchio. Altre assenze eccellenti in campo maschile quelle di Wawrinka, Kyrgios e Fognini. Tra le donne della numero 1 del mondo Ashleigh Barty. Le speranze di vedere l’iberico in campo a New York avevano trovato nuova linfa dopo un’altra notizia non certo felice per il tennis mondiale maschile, ovvero l’ufficialità della cancellazione del Masters 1000 di Madrid, uno degli appuntamenti europei sulla strada verso il Roland Garros 2020. Dopo vari consulti gli organizzatori hanno accolto la richiesta della Consejera de Salud della Comunità Autonoma di Madrid, che riteneva l’organizzazione del torneo “non consigliabile” in ragione dell’incrementato numero di positività riscontrato nell’ultimo periodo a Madrid e in Spagna.[…]

Cocciaretto: «Io, che volevo essere come la Pennetta» (Paolo Vannini, Corriere dello Sport)

Quando dici l’importanza dell’emulazione. Elisabetta Cocciaretto, ci racconta come si è innamorata del tennis? «Ogni estate a Porto S. Elpidio, vicino a casa mia nelle Marche, si giocava un torneo giovanile under 12. I miei genitori mi portavano sempre a vederlo. E io mi appassionavo di più ogni edizione e tornavo a casa felicissima. Mio padre, che era un buon giocatore amatoriale, a quel punto mi chiese se volessi fare tennis in maniera più seria lo praticavo anche altri sport ma una volta fatte le prime lezioni, non ho avuto più dubbi e ho scelto la racchetta». Elisabetta è classe 2001, il tempo è ampiamente dalla sua e le prospettive cominciano a essere interessanti. Il primo main draw Wta conquistato l’anno scorso proprio a Palermo, il passaggio delle qualificazioni agli Australian Open (dove già da junior aveva raggiunto le semifinali) col debutto dignitoso contro la Kerber,la fiducia della Garbin che la schiera in Fed Cup e viene ripagata da perentori successi. E ora la vittoria contro la Hercog che la manda al 2° turno del Palermo ladies Open.

Cocciaretto, quanto è felice per questo successo contro una avversaria quotata come la Hercog?

Molto, è stata certamente la migliore vittoria in carriera Conoscevo bene la Hercog, mi sono allenata contro di lei diverse volte e l’avevo anche affrontata 3 anni fa. Sono entrata in campo per perseguire i miei obiettivi e metterla in difficoltà, è andata bene.

E’ possibile che dopo il lockdown gli equilibri del tennis, già instabili per conto loro, possano essere diversi e provocare sempre più sorprese? Questi primi turni di Palermo lo stanno dimostrando.

Forse qualcosa può cambiare: sarà favorito chi è riuscito a gestire al meglio il periodo di stop, anche sul piano psicologico. Personalmente sono consapevole che nel circuito tutte le giocatrici sono molto preparate fisicamente. Adesso, dopo tanti mesi senza tornei, andrà avanti chi è più pronto sotto ogni punto di vista.

Come ha vissuto i mesi di interruzione agonistica?

Un mese di quarantena a casa, poi piano piano ho ricominciato ad allenarmi nei circoli per mantenermi in forma. Ho provato anche a conciliare allenamenti e studio, perché sono iscritta a giurisprudenza all’Università di Camerino e voglio proseguire con gli esami. Fino a maggio ho fatto soprattutto un lavoro fisico, poi ho privilegiato la parte tecnica; ho badato ad intervenire con costanza sui miei limiti per essere pronta per Palermo, il primo evento importante. Dall’anno scorso, quando passai le qualificazioni qui al Country, sono cambiate tante cose. Mi sento maturata, migliorata nel modo di allenarmi, sto prendendo consapevolezza dei miei mezzi. Ho giocato più match, accumulato esperienza.

Nella sua cameretta da bambina quale poster di tennista c’era?

Quello di Caroline Wozniacki. Ma io sono nata e cresciuta guardando il tennis in Tv e in particolare proprio il torneo di Palermo, dove arrivavano in fondo sempre le giocatrici italiane: Pennetta, Errani, Vinci. Volevo diventare come loro: pensare oggi di essere sugli stessi campi e fare bene è davvero un sogno che si realizza.

Continua a leggere

Rassegna stampa

Berrettini: parte da New York un anno speciale, Tokyo l’occasione da non perdere (Cocchi). Azzurre, i due volti del sorriso (Vannini)

La rassegna stampa di martedì 4 agosto 2020

Pubblicato

il

Berrettini: parte da New York un anno speciale, Tokyo l’occasione da non perdere (Federica Cocchi, Gazzetta dello Sport)

I Giochi olimpici sono il traguardo di ogni sportivo. E non è vero che i “ricchi” tennisti hanno poca passione verso i cinque cerchi, anzi. C’è Federer che, nonostante i 20 Slam in carriera, rincorre ancora l’oro in singolare. E per Matteo Berrettini, numero 1 del tennis italiano, l’obiettivo olimpico è sicuramente tra quelli più ambiti: «Dopo aver tagliato tanti traguardi fino a raggiungere la top 10, lottare per i grandi tornei è quello che voglio fare e l’Olimpiade per me è sempre stato un grande obiettivo. Non parlo solo di medaglie. Voglio vivere l’atmosfera incredibile di questo evento e nel 2021 spero di esserci». La pandemia e il lockdown hanno fermato il mondo, dello sport e no. Il romano ha trascorso i mesi di isolamento con la fidanzata in Florida, a Boca Raton […] Alle Uts organizzate da Mouratoglou ha vinto battendo Tsitsipas in finale mostrando un’ottima condizione fisica, a dispetto dei problemi alla caviglia che lo avevano condizionato allo Us Open: «Purtroppo, o per fortuna, sono abituato a gestire lunghi periodi senza gare. Nella mia vita fin da giovanissimo ho dovuto subire stop per gli infortuni. Ho imparato a gestirli, ho imparato in qualche modo anche a uscirne più forte». Lo Us Open è lo Slam che lo ha lanciato, che ha fatto vivere a lui e all’Italia del tennis emozioni che nel maschile non si vivevano da quarant’anni. La semifinale con Rafa Nadal, lo scorso anno a New York, è stato un’altro dei momenti decisivi della sua giovane carriera. Quest’anno, sebbene la conferma definitiva non sia ancora arrivata, lo Us Open si giocherà e Matteo è deciso a giocarlo. La partenza è prevista subito dopo Ferragosto da Montecarlo, dove si sta allenando e dove lo raggiungerà a giorni il suo coach e maestro Vincenzo Santopadre, che però non volerà negli Stati Uniti: «Matteo sta benissimo ed è tirato a lucido — ci ha spiegato il tecnico —. Ha deciso di partire ma io non sarò con lui, preferisco non andare per motivi di sicurezza. I contagi galoppano. Matteo sarà accompagnato da Marco Gulisano, che collabora con noi». Non è una questione di classifica, Berrettini lo aveva detto già in tempi non sospetti, prima che la Atp riformasse il sistema di punteggi e allargasse a 22 mesi la finestra in cui i giocatori non perderanno punti: «Se andrò — aveva detto —, non sarà certo per i punti, ma per quello che Flushing Meadows ha rappresentato lo scorso anno per me. Però sono soddisfatto di come hanno gestito la questione punteggi. Era difficile contemperare le esigenze di tutti, perciò credo si sia arrivati a un buon compromesso. Soprattutto, si è tenuto conto delle preoccupazioni dei giocatori in merito alla loro salute: chi non se la sente di viaggiare perché ritiene non ci siano le condizioni di sicurezza necessarie non avrà conseguenze negative sul ranking. Ed è giusto così». Non soltanto l’ Ultimate Tennis Showdown di Mouratoglou, Berrettini si è messo alla prova su tutte le superfici, erba compresa. E poco importa se Wimbledon quest’anno non si giocherà. A inizio stagione, prima che questo assurdo 2020 si mangiasse decine di tornei, l’obiettivo dichiarato del numero 8 al mondo erano gli Internazionali. Giocare a casa sua, davanti agli amici e alle persone che ama di più è il sogno coltivato da quando era bambino. Ma adesso non è più tempo di sognare: «Nessuno di noi, dopo quello che è successo, può fare pronostici — ha spiegato Matteo —. Ci saranno sicuramente tante incognite. Ma io sono fiducioso, fisicamente sono tornato a posto e mentalmente ho la carica giusta, anche perché la pausa forzata mi ha comunque permesso di riposare. Il calendario ricomincia praticamente solo con grandi tornei, è ovvio che l’obiettivo è quello di arrivare più lontano possibile in ogni occasione» […]

Azzurre, i due volti del sorriso (Paolo Vannini, Corriere dello Sport)

C’è un’Italia che ruggisce in questa ripresa internazionale del tennis dopo cinque mesi di sosta. La speranza e la veterana, Cocciaretto ed Errani, regalano a Palermo soddisfazioni forse inattese. La 19enne ragazza di Ancona, che già l’anno scorso su questi campi ottenne la prima qualificazione a un tabellone principale Wta, batte in due set la n.45 del mondo (prima vittoria contro una Top 50 in carriera), Polona Hercog, fisico statuario e finalista agli Open siciliani nel 2011. Sara, che quasi profeticamente delle giovani emergenti aveva detto «date loro tempo», tira fuori dal suo repertorio un’altra dimostrazione di coraggio e abnegazione. Il modo in cui supera Sorana Cirstea, che d’altronde sulla terra aveva sempre battuto, è un suo marchio di fabbrica. Sofferenza, capacità di venire fuori dai momenti meno felici, compreso un medical time-out nel terzo set e alla fine il break decisivo rimontando da 40-0, scatenando applausi e tifo vecchio stampo per i 200 presenti (distanziati e disciplinati) sul Centrale. Una vittoria che serve alla Errani non tanto per la classifica, ma soprattutto per continuare a credere in se stessa. «Sto cercando di affrontare le partite in modo sereno – ha commentato Sara alla fine – in questi mesi ho lavorato con uno psicologo e la vita personale influenza e aiuta. Sono contenta, nel finale avevo i crampi, ho dato tutto, ho fatto svoltare il match dallo 0-2 sotto nel terzo. Il primo match post Covid? Il torneo è gestito benissimo, manteniamo ogni sicurezza, sono orgogliosa che siano l’Italia e Palermo a far riparare il tennis. Poi in campo al virus non ci pensi più ed è tutto come prima». Cocciatetto è scesa in campo subito col piglio di chi vuole sfruttare l’occasione fornitale: va sopra 5-2, è bravissima a non smontarsi per la rimonta della Hercog (in vantaggio 6-5), poi domina il tie break (7-1) e replica il copione nel secondo set, quando recupera da 1-3 vincendo cinque giochi di fila. Per lei, n.157 del ranking, seguita con grandissima attenzione dalla capitana Tathiana Garbin, adesso un secondo turno da brivido, contro la 24 del mondo Donna Vekic, ieri apparsa subito nella forma giusta contro l’olandese Rus, cui ha lasciato il primo gioco per poi dominare facilmente. Ma l’esperienza che metterà da parte sarà comunque straordinaria. Non ce l’ha invece fatta ad arricchire la pattuglia azzurra nel main draw Martina Trevisan, che nell’ultimo turno delle qualificazioni ha ceduto alla giovane slovena Kaja Juvan. […] C’è grande attesa però anche e soprattutto per Camila Giorgi, alla prima apparizione a Palermo dove sinora non ha mai giocato. La numero 1 azzurra dovrà scrollarsi di dosso i mesi di forzato riposo agonistico (ultimo match a Lione in marzo) e battere la svedese Rebecca Peterson, che la sopravanza di 45 posti in classifica ma con cui è pari (1-1) nei precedenti. Anche se la sconfitta è arrivata per un suo ritiro.

Continua a leggere

Rassegna stampa

Il nostro pranzo con Federer (Piccardi). Errani: “Non sono al top ma io lotto sempre” (Vannini). La “cura” Barazzutti. “Fabio ti spremo e tornerai al top” (Cocchi)

La rassegna stampa di lunedì 3 agosto 2020

Pubblicato

il

Il nostro pranzo con Federer (Gaia Piccardi, Corriere della Sera)

“Roger, do you “know tiramisù?». Messo alle strette dalla spontaneità di Vittoria, 13 anni, e Carola, n, le mini tenniste che in piena pandemia avevano fatto il giro del mondo grazie al video del palleggio sui tetti di Finale Ligure (oltre 9 milioni di visualizzazioni sui social), pare che il divino Federer abbia dovuto improvvisare una risposta, questa volta né di dritto né di rovescio.

[…]

 

Gnocchi, bruschetta, ciao, buongiorno, buonasera e, appunto, tiramisù. Ha ammesso che a lui, da bambino, non piaceva. Da grande, invece, si è appassionato al nostro dolce preferito: siccome girando per tornei Roger viaggia molto, ci ha detto di averlo assaggiato in ogni ristorante in cui è stato».

[…]

Il video fenomeno del lockdown, con felice intuizione di Barilla di cui Federer è ambassador, è diventato uno spot da record. E così il 10 luglio Vittoria e Carola — che sono amiche e compagne di allenamenti al Tc Finale Ligure e vivono in due palazzi dirimpetto, affacciati sul mare — sono state attirate sull’ormai celebre terrazza con la scusa dell’ennesima intervista. «Non sospettavamo nulla…» ridacchia la piccolina, fresca di quinta elementare e super tifosa, anche lei, del campione svizzero dei 20 titoli Slam. La sorpresa di ritrovarsi di fronte Roger Federer, appena atterrato con un jet privato al Riviera Airport di Albenga, è stata impagabile. «Più che di un sosia ero convinta si trattasse di un manichino — confessa Vittoria —, perché non mi sembrava possibile che fosse lui in carne ed ossa». Tutto vero, invece. Incluso lo scambio improvvisato lì per lì: Roger su un tetto e le due impunite sull’altro, impegnatissime a non sparacchiare palline sulle auto posteggiate, mentre un drone riprende la scena. «Nonna, c’è Federer sul nostro tetto!». «Federer, quello vero!». Carola e Vittoria con la loro simpatia hanno conquistato il fuoriclasse del tennis, che le ha invitate a pranzo (pasta cucinata dallo chef di Academia Barilla Marcello Zaccaria), ha condiviso con loro ricordi dell’infanzia («Ci ha mostrato un video sul telefonino in cui palleggia con la sorella: avrà avuto 4-5 anni»), è stato prodigo di consigli («Si è raccomandato che alla nostra età affrontassimo il tennis con gioia e divertimento, senza stress») e regali: la racchetta con cui ha sfidato il n.1 del mondo Novak Djokovic nella semifinale dell’Australian Open dello scorso gennaio, la T-shirt autografata, polsini, fascette tergisudore, palline. Più, sorpresa nella sorpresa, l’invito ad andare ad allenarsi sull’isola di Maiorca, alla scuola di Rafael Nadal, l’arcirivale che di Federer è anche buon amico. Tempi e modi, compatibilmente con gli impegni della scuola, da definire. «Ce le manderemo, certo: è un’esperienza che le ragazze meritano di vivere anche se da grandi non dovessero mai fare le tenniste» confermano Massimiliano Pessina e Lorenza Oliveri, papà di Carola e mamma di Vittoria, i genitori travolti dagli eventi che oggi smistano con agilità le richieste di intervista che piovono da tutta Europa. In questa bizzarra estate divisa tra compiti, tennis, spiaggia e mare, Vittoria e Carola ormai vengono riconosciute per strada da tutti.

[…]

Potenza dei social, della pasta italiana più diffusa nel mondo e del tennista più amato, che a 39 anni suonati (compleanno sabato, auguri di cuore) per una giornata si è divertito come un bambino con due bambine. Il segreto, in fondo, della sua longevità.

Intervista a Sara Errani: “Non sono al top ma io lotto sempre” (Paola Vannini, Corriere dello Sport)

È l’ultima moschettiera di un periodo epico del nostro tennis rosa. Il quartetto che comprendeva lei, Flavia Pennetta, Francesca Schiavone e Roberta Vinci (tutte almeno finaliste di Slam oltre che campionesse del Mondo in Fed Cup) ha regalato all’Italia emozioni indimenticabili, rese oggi forse più nostalgiche dall’inevitabile flessione del settore. Sara non ha ancora mollato, nonostante l’incredibile serie di intoppi che le sono capitati negli ultimi anni. Ed oggi rieccola in un tabellone principale Wta: giocherà il primo turno nel pomeriggio contro la romena Cirstea, in quel torneo di Palermo che per lei è stato spesso magico e che, anche in virtù degli antichi splendori, le ha offerto una wild card. In questo strano e inusuale primo appuntamento del tennis che riparte, la Errani torna a parlare, o meglio, viene intervistata attraverso la piattaforma virtuale che per adesso deve obbligatoriamente fare da filtro a qualsiasi contatto. II tono è sereno, lo sguardo dolce. Ma anche a distanza, dalle parole traspare qualcosa di diverso: la consapevolezza che la corsa agonistica volge al termine e che potrebbe non bastare la straordinaria forza di volontà che l’ha sempre portata oltre i propri limiti per insistere alla ricerca di nuovi successi.

Errani la sua corsa riprende da Palermo, dove ha vinto due volte (2008 e 2012) e disputato altrettante finali. Che sensazioni prova? «Devo ringraziare Oliviero Palma, il direttore del torneo, che in questi anni mi ha sempre trattato benissimo fino a farmi addirittura socia onoraria del circolo. Sono onorata di aver ricevuto la wild card (da n. 169 del ranking avrebbe dovuto giocare le qualificazioni, ndc) e spero di far bene». Ricorda le sue lacrime dell’anno scorso dopo la sconfitta con la Stollar? «Sì, e spero ovviamente di fare qualcosa di meglio. Ma dopo essere stata ferma per tanti mesi non è facile per nessuna riprendere. D’altra parte Palermo per me è una seconda casa dove ho spesso giocato bene. Il pubblico, quello che ci sarà, spero possa darmi una mano».

[…]

33 anni compiuti ad aprile, ma l’età per competere ad alti livelli si è spostata di parecchio nell’ultimono periodo. Ha ancora voglia dl lottare? E come si immagina il suo futuro? «Gli anni passano per tutti, devo riconoscere che non sono più quella di tanti anni fa. Però ho ancora voglia di fare qualcosa di buono, di dare le ultime tirate. Continuo ad allenarmi al massimo per ottenere il meglio possibile. So che il mio livello non è quello degli ultimi anni, ma sto cercando di fare tutto il possibile per ottenere altri risultati».

[…]

E con la Cirstea che affronta oggi sul campo centrale? I precedenti sono in suo favore (5-2 su 7 incontri) ma l’ultimo risale al 2014. «Ci ho giocato spesso, lei è una che spinge molto e ha tanta esperienza. Ti toglie il tempo, dovrò cercare di essere più solida possibile. Ce la metterò tutta, mi auguro davvero che Palermo torni a regalarmi un sorriso”.

[…]

La “cura” Barazzutti. “Fabio, ti spremo e tornerai al top” (Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport)

Neanche il caldo torrido della Puglia può fermare il suo desiderio di tornare in forma. Fabio Fognini, reduce da una doppia operazione alle caviglie il 30 maggio, ha già ripreso a pieno ritmo gli allenamenti insieme al tecnico e capitano di Davis Corrado Barazzutti. L’obiettivo è tornare in campo a inizio settembre, saltando ovviamente Cincinnati e Us Open, e dedicarsi alla terra rossa: «Se tutto va bene Fabio potrebbe giocare già a Kitzbuehel, in Austria, a partire dall’8 settembre. Siamo abbastanza fiduciosi perché tutto procede secondo i programmi, senza intoppi», racconta Barazzutti.

[…]

Appena 28 giorni dopo l’operazione, Fognini si mostrava felice sui social in campo ad Arma di Taggia con la moglie Flavia Pennetta, per l’occasione sparring partner. Primi approcci con la racchetta prima del lavoro duro, in Salento, con coach Barazza, uno che non fa sconti. I due hanno eletto a sede degli allenamenti il Circolo Tennis Maglie, che ha messo loro a disposizione strutture e professionalità, compresi preparatore atletico e fisioterapista.

[…]

Allenamenti duri, anche sotto i 40 gradi del sole salentino: «Fabio sa quel che deve fare se vuole recuperare al meglio, e si sta impegnando tantissimo. Ci alleniamo dalle 10 alle 14.30, tutti i giorni. Il percorso di miglioramento sta andando benissimo e sono molto soddisfatto sia del suo impegno che dei risultati». Tra famiglia e campo, Fognini ha ritrovato forma e serenità: «Credo che avere vicino Flavia e i bambini, poter stare con loro durante il giorno gli faccia molto bene e gli stia dando la forza necessaria a superare la fatica. E poi, il fatto di aver risolto il problema alle caviglie, gli ha tolto un peso. Per un atleta dover convivere con gli infortuni è all’ordine del giorno, ma non certo piacevole. Ora è soddisfatto e tranquillo». Flavia spesso è in campo con lui, il tormentone di un suo ritorno al tennis è sempre vivo, e alimentato anche da Fabio che si diverte a stuzzicarla anche lanciando sondaggi su Instagram ai fan: «Un ritorno di Flavia? Mah, non lo vedo molto probabile, però io sono qui. A disposizione…», assicura Barazzutti. Progressi I miglioramenti, dunque, ci sono, e il tecnico prevede che Fabio possa entrare in forma al cento per cento in tempi rapidi: «Credo che tra un paio di settimane Fognini sarà pronto. Poi ne avremo altre quattro di lavoro che svolgeremo a Roma prima di tornare ai tornei, la seconda settimana di settembre sulla terra rossa di Kitzbuehel». Per poi continuare con Madrid, Internazionali d’Italia e Roland Garros: «C’è da augurarsi che tutto vada per il meglio — commenta Corrado Barazzutti.

[…].

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement