Schiavone, incubo finito: "Ho sconfitto il cancro, adesso torno a sognare. E magari alleno la Halep"

Rassegna stampa

Schiavone, incubo finito: “Ho sconfitto il cancro, adesso torno a sognare. E magari alleno la Halep”

Nella rassegna stampa del 14 dicembre, gli articoli pubblicati da Gazzetta dello Sport e Corriere dello Sport su Francesca Schiavone. “Allenare? Un italiano, o magari Halep”. Le parole di Barazzutti: “Può essere utile al nostro tennis”

Pubblicato

il

Schiavone incubo finito. “Ho sconfitto il cancro, adesso torno a sognare. E magari alleno la Halep” (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Meno di un minuto per ritrovare la vita. In quei 55 secondi dati in pasto al mondo su Instagram, Francesca Schiavone condensa le emozioni di mille e mille partite, di mille e mille vittorie. Offrendole a chi l’ha amata, seguita, tifata, osannata con il corredo di un sorriso che racconta la gioia del successo più importante di tutti, contro un rivale tremendo. La trionfatrice del Roland Garros 2010, uno dei momenti più alti nella storia dell’intero sport italiano, ci aveva assestato un pugno nello stomaco a Trento, presentandosi dolente e smagrita nel collegamento video con il Festival dello Sport. Ora, a due mesi di distanza, la paura viene esorcizzata da una story di 55 secondi, appunto, in cui Francesca annuncia che la leonessa ha vinto anche questa terribile sfida […] Game, set, match: Schiavone batte malattia due set a zero. Nella voce tornata euforica, nel gaudio delle sue parole, si sublima l’enorme contentezza di un duello all’apparenza senza scampo, affrontato con il coraggio e la voglia di superare ogni ostacolo come in una finale che non si poteva perdere, anche se i ricordi bruciano ancora: «Nonostante tu sia un’atleta, tu sia abituata alla competizione, una notizia del genere ti taglia le gambe. Ma non voglio voltarmi indietro, voglio guardare al futuro, a quello che posso ricominciare a costruire». Prima di tutto, il pieno recupero fisico: «La priorità è recuperare la piena efficienza fisica, tornare in forze, ritrovare completamente la salute. Non sapete com’è meraviglioso adesso alzarsi al mattino, ascoltare il proprio respiro e sussurrare “sì, sto bene”». Prima di affrontare la malattia Francesca, ritiratasi nel 2018, gestiva in prima persona la sua accademia di tennis per bambini e aveva intrapreso ii percorso di allenatrice seguendo la Wozniacki. Si ripartirà da lì, ma un vulcano come la Schiavone, ora che la quotidianità è tornata a sorriderle, esplorerà orizzonti a 360°: «Ovviamente ritroverò i campi da gioco e riavvolgerò il filo di tutto quello che avevo lasciato, ma mi dedicherò anche all’organizzazione di eventi sportivi non solo relativi al tennis. Uno spazio importante sarà riservato ad attività legate a ciò che mi è appena successo, e poi ci saranno due grandi sorprese tennistiche che mi sono appena state comunicate e che vi svelerò nei prossimi giorni». Un entusiasmo che apre il cuore, il suo e i nostri, pronto a riversarsi nella ripartenza di una nuova fase dopo il buio e lo spavento. Così, Francesca non pone limiti ai desideri: «Se dovessi tornare ad allenare, mi piacerebbe stare all’angolo di un giocatore o di una giocatrice italiani, per tenere alti i nostri colori e per condividere un’esperienza comune. Se invece la proposta arrivasse dall’estero, sarei onorata di allenare la Halep, perché è una ragazza seria, di talento e con le potenzialità per tornare numero uno del mondo e rimanerci a lungo» […] Addio dunque a Miami, dove si trasferì dopo il ritiro agonistico: «Non appena mi è arrivata la diagnosi, sono tornata a Milano, dai miei genitori. Se non ci fossero stati loro, forse non avrei avuto la forza di affrontare a testa alta la malattia» […] E quando il destino ti affronta a muso duro, chiedendoti una resistenza sovrumana alle intemperie della vita, comprendi davvero quali siano le persone che hai portato e continuerai a portare nell’anima e quelle di cui invece potrai fare a meno: «È assolutamente così — conferma la vincitrice di tre Fed Cup – e quindi, accanto a papà e mamma, credo sia giusto che io rivolga un pensiero riconoscente e di grande affetto alla dottoressa Cantonetti e alla sua equipe per l’enorme abnegazione e professionalità, nonché a una donna che è sempre rimasta nell’ombra ma mi ha dato una forza incredibile, Virginia Formica (figlia di Luigi, storico medico di Francesca, ndr), che per me ormai è quasi una sorella». Durante la degenza e i pesanti cicli di chemio, la campionessa ha provato a evadere dai pensieri negativi aggrappandosi ai programmi tv: «Ormai sono una grande esperta di serie e telefilm – sorride — però non ci crederete ma un ringraziamento speciale devo riservarlo ai tennisti uomini italiani». La ragione è presto svelata: «Ho avuto tempo di seguirli con più attenzione e guardarli giocare mi ha davvero divertito. Fognini, Berrettini, Sonego e nelle ultime settimane Sinner sono stati semplicemente fantastici, ovviamente con Fabio c’è un feeling più approfondito, ma degli altri conosco l’ambiente da cui arrivano e la bravura dei loro allenatori: la cosa bella è che tutti loro si meritano di stare dove sono arrivati. E mi hanno colpito non solo per la qualità del gioco, ma anche per gli enormi margini di crescita che ancora si portano dietro e che possono portarli a livelli addirittura più alti» […]

Schiavone: “La mia vittoria” (Stefano Semeraro, Il Corriere dello Sport)

Stavolta è stata tosta. Perché al posto dei set ci sono stati tre cicli di chemioterapia e l’avversario era feroce, un linfoma di Hodgkin scoperto mentre si trovava a Montecarlo per tifare Fabio Fognini, il suo ‘fratello minore’, il marito della sua amica e rivale di sempre Flavia Pennetta. Ma Francesca Schiavone, numero 4 del mondo del tennis nel 2011, non è solo una delle più grandi campionesse della storia dello sport italiano. È soprattutto una che non molla mai. «Vi racconto cosa è successo negli ultimi sette mesi della mia vita», ha spiegato con un video postato ieri su Instagram la campionessa del Roland Garros 2010, prima italiana di sempre ad alzare un trofeo dello Slam, che dopo il ritiro dello scorso anno si era eclissata anche dai social. «Mi è stato diagnosticato un tumore maligno. È stata la lotta più dura che ho affrontato, in assoluto. La cosa più bella è che sono riuscita a vincere questa battaglia. E quando me l’hanno detto qualche giorno fa sono esplosa dalla felicità. Ancora adesso vivo di felicità, la posso tagliare con il coltello. Sono già pronta sia qui (toccandosi il cuore, ndr) che qui (toccando la testa, ndr) ad affrontare i nuovi progetti che già avevo, ma che non potevo affrontare. Quindi ci rivedremo presto. Sono felice di quello che sono adesso». La sua malattia è stato il segreto meglio conservato del 2019, in tanti nell’ambiente sapevano, nessuno ha detto niente. Per amore, per rispetto […] «Sei la numero 1, fighter; te quiero hermana major!», ha commentato su Instagram Fabio Fognini, mischiando lingue ed emozioni. «Ora goditi a full sti progetti, e si te stessa sempre!». Suggerimento genuino, di cuore, ma in fondo superfluo. Francesca se stessa lo è stata sempre, in campo come nella malattia, una che la vita se la vuole gustare tutta, e soprattutto a modo suo. Nei lunghi mesi di cure a Roma le è stato molto vicino anche Corrado Barazzutti, il suo ex capitano di Fed Cup, coach, e oggi amico carissimo. «A Francesca sono molto, molto affezionato – dice Corrado – Questo match è stato più duro di una finale del Roland Garros, ma lei è una grandissima lottatrice e ha vinto anche questa battaglia. A Francesca mi unisce una grandissima passione per il tennis, abbiamo continuato a parlarne insieme anche in questo periodo. Ha tantissimi progetti, e al nostro tennis può essere utile sotto tutti i punti di vista» […] La malattia è riuscita a tenerla sette mesi a fondocampo, ma alla fine si è dovuta arrendere. Da oggi si ricomincia, la Leonessa è tornata e il nostro tennis farà bene a tenersela stretta.

“Così ho sconfitto il cancro” (Diego De Ponti, Tuttosport)

 

Leonessa sempre, anche di fronte al male e alla commozione nel raccontare la sua battaglia. Francesca Schiavone si è presentata così, in un video messaggio su Twitter, per raccontare che ha giocato il match più difficile e lo ha vinto. L’ex tennista milanese ha descritto i 7 mesi in cui è stata impegnata nella lotta contro un tumore maligno «La lotta più dura in assoluto che ho mai affrontato» le parole di Francesca. […] Francesca Schiavone, la prima italiana a conquistare un titolo del Grande Slam in singolare, che ha cambiato la storia del tennis azzurro con il trionfo al Roland Garros, non ha perso lo spirito battagliero. Francesca mostra, nel video, il sorriso dei giorni migliori, perché questa sì è una vittoria speciale: «Ho fatto la chemioterapia e la cosa più bella è che sono riuscita a vincere questa battaglia. Quando me l’hanno detto qualche giorno fa, sono esplosa dalla felicità. E anche oggi vivo di felicità, la posso tagliare con un coltello». E lo spirito della Leonessa torna prepotente guardando al futuro: «Sono già pronta sia qui che qui – continua indicando testa e cuore – ad affrontare nuovi progetti che sto pensando, che avevo e non potevo fare. […] LA CARRIERA Trai messaggi di vicinanza quello dell’Inter: «La tua forza, il tuo coraggio, il tuo “ruggito” sono sempre un’ispirazione. Forza Leonessa». Nel corso della sua carriera, Francesca Schiavone ha vinto 8 tornei WTA in singolare e 7 in doppio. La vittoria nell’Open di Francia del 2010, battendo in finale l’australiana Samantha Stosur, l’ha resa la prima italiana a vincere un torneo del Grande Slam nel singolo. Nel 2011 la tennista lombarda ha raggiunto il quarto posto nel ranking WTA, eguagliando il primato azzurro di Adriano Panatta. Il ritiro dall’attività agonistica è arrivato nel 2018 ma dopo l’annuncio Francesca ha manifestato l’intenzione di non lasciare il mondo del tennis, dedicandosi all’attività di tecnico. Ora che la partita più difficile è stata vinta, quel progetto può diventare realtà. Con lo spirito di una leonessa.

Indomita Francesca. “Avevo un tumore. Ora sono tornata” (Gaia Piccardi, Il Corriere della Sera)

Felicità Smagrita ma sollevata […] Senza criniera, pallida e smagrita. Ma Francesca Schiavone, c’è poco da fare, è nata leonessa: «Ciao. Mi hanno diagnosticato un tumore maligno, è stata la lotta più dura che ho mai affrontato, ho vinto. E ora ho addosso una felicità tale che la potrei tagliare con il coltello». Bastano 55 secondi di verità su Instagram per scatenare una pioggia d’affetto social sulla guerriera emozionata che guarda dritto in camera senza paura come ha fissato negli occhi le avversarie in campo e la malattia nella vita. «Vi racconto cosa è successo negli ultimi sette mesi…». Ce lo racconta lei, come è giusto che sia, dopo che la notizia era filtrata nell’ambiente attraverso uno spiffero gelido, mentre gli amici stretti (Flavia Pennetta, pochissimi altri) si precipitavano a chiudere la finestra e a stringersi intorno. Montecarlo, aprile scorso. Francesca, che è stata la prima tennista italiana a conquistare un titolo del Grande Slam (Roland Garros 2010), la terza in assoluto nella storia dopo Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta, è nel Principato per fare il tifo per Fabio Fognini, l’amico di sempre (e marito di Flavia) che fa l’impresa e vince il torneo. È felice, ma preoccupata. Ha appena scoperto una ghiandola ingrossata. Farò degli esami, dice ripartendo verso uno dei mille progetti che popolano la sua esistenza da ex numero quattro del mondo. Quando li fa, la diagnosi è un pugno in faccia. Linfoma di Hodgkin. Tumore del sistema linfatico. Maligno, però curabile. […] Cominciano mesi di andirivieni tra Milano, dove tiene casa, e Roma, dove c’è il medico di fiducia che le organizza i cicli di chemioterapia. La sua presenza sui social, dove è sempre stata attivissima, si dirada; fino a scomparire. I capelli che cadono a ciocche sono un colpo duro da digerire. Ma Francesca non indietreggia. A metà settembre compare in video al Festival dello sport di Trento, in collegamento con la Pennetta. Si parla di tutto e niente, di quanto sarebbe divertente allenare Fognini: tutti e due duri fuori e morbidi dentro. Sorride perché ha promesso alla Gazzetta di esserci e una leonessa non si rimangia mai la parola. È magrissima, pelata, bianca come un’aliena. Ma non fa parola della malattia e il doveroso rispetto per il suo riserbo è totale. […]Next Gen a Milano, le Atp Finals a Londra. Come sta la Franci? Sai qualcosa? Il suo contatto con il mondo è l’amica Chiara, che lascia filtrare pochissimo: ti ringrazia, ti saluta. Fiato sospeso fino a ieri, quando la Schiavo, fedele a se stessa, ha ripreso in mano le redini della comunicazione social. Essenziale e diretta, come certi rovesci a una mano imparati dalla maestra Daniela Porzio e affinati con Barbara Rossi al Tennis club di via Arimondi, 126 anni di storia. Questa, che dura da 39, è la storia di Francesca Schiavone. Una settimana fa, la buona notizia: tumore regredito. Certo bisognerà rimanere sotto controllo, ma la palla esce ancora rotonda dalla racchetta: «Sono pronta, nel cuore e nella testa, per affrontare i nuovi progetti. Ci rivedremo presto. Felice di quello che sono oggi». Basta ruggiti. D’ora in poi soltanto (meritate) carezze

Il bacio e il perdono di Francesca (Gianni Clerici, La Repubblica)

Adesso capisco il bacio. Forse dovrei scrivere il perché del bacio. Francesca Schiavone me lo diede inaspettatamente su una guancia mentre ci trovavamo nella hall di un grand hotel. […] Quando aveva d’improvviso vinto il Roland Garros, non mi aveva nemmeno invitato alla cena in suo onore: forse non aveva apprezzato quanto avevo scritto di lei, che non mi era parso male, pur nella sorpresa di una ragazza che sempre avevo seguito, senza lasciarmi andare all’ammirazione, cosa che non ho mai fatto se non ho, al contempo, fatto un pronostico sulla sorpresa avvenuta. Sulla Schiavone avevo creduto di sbagliarmi in un antico pronostico, su quella che era stata soprannominata Leonessa d’Italia dal tempo in cui l’avevo vista al Tennis Club Milano, bambina e mi ero detto e avevo scritto, “questa bambina ha le caratteristiche di una che potrebbe addirittura vincere uno Slam”. Infine il bacio. Non certo seguito al trionfo non pronosticato al Roland Garros. Insomma, doveva essere il segno che ero stato perdonato. E perdonarmi, era il simbolo che la Leonessa ben meritava il suo grande successo.

Il match più duro della Leonessa: “Ho sconfitto il cancro. Ora riparto” (Paolo Rossi, La Repubblica)

Il regalo di Natale più bello, la guarigione dalla malattia. Francesca Schiavone ha voluto rivelarlo a tutti, a modo suo come ha sempre fatto e vissuto la sua vita. La prima tennista italiana a vincere uno Slam (Roland Garros 2010) ha acceso la telecamera e su Instagram ha postato la sua storia: «Vi racconto quello che mi è successo negli ultimi sette mesi: mi hanno diagnosticato un tumore maligno. È stata la lotta più dura in assoluto che ho mai affrontato, e la cosa più bella è che sono riuscita a vincere questa battaglia e quando me lo hanno detto, qualche giorno fa, sono esplosa dalla felicità, e anche oggi vivo di felicità. La posso tagliare con un coltello. Sono già pronta, nella testa e nel cuore, ad affrontare nuovi progetti che sto pensando, che avevo ma non potevo realizzare. Ci rivedremo presto, felice di quello che sono oggi». Pochi secondi in cui c’è tutta la campionessa che abbiamo ammirato per anni: ha scelto uno sfondo bianco, semplice e spartano per comunicare, iniziando da un tono duro fino al sorriso finale. […] Era il Festival dello Sport, e la “Leonessa” vi aveva partecipato in collegamento video, mostrando per la prima volta pubblicamente il nuovo look con i capelli corti, che aveva incuriosito i presenti. Era già in cura, la `Schiavo” (come l’hanno sempre chiamata tutti), e il mondo dello sport italiano era a conoscenza della sua situazione sanitaria. Ma nessuno ne ha mai fatto parola, e tutti hanno rispettato la sua richiesta di privacy. Fino a ieri. Ma se Schiavone ha voluto dirlo è solo per condividere la bella notizia, e probabilmente la prima a essere felice sarà stata la piccola Mila Fossati, la bimba che aveva conquistato la borsa di studio per potersi allenare con lei. Perché Francesca Schiavone, ancora a maggio, era coinvolta a Milano in un’iniziativa a favore dei giovanissimi “Tu puoi… provaci!”. Non solo: era sempre lei, attivissima sui social con il suo “Schiavo Channel”, a rivelare una collaborazione con Caroline Wozniacki, per suggerimenti sulla terra rossa. […] E l’ex numero quattro del mondo sapeva già con cosa stava convivendo: il linfoma di Hodgkin, dopo che ad aprile – a Montecarlo – le avevano notato un nodulo sul collo. Da quel momento è iniziata la partita più difficile della sua vita, come ha ammesso Francesca Schiavone. Durata sette mesi e tre cicli di chemioterapia, con la notizia dei sanitari della remissione del tumore. Ora può tornare ai suoi progetti, con Flavia Pennetta che ancora a ottobre, scherzosamente, le chiedeva di allenare Fabio Fognini. «Hanno due caratteri simili, insieme sarebbero perfetti. Lei sarebbe perfetta come suo coach». E Fognini, sotto la supervisione di Barazzutti, ha giusto palleggiato con lei a Roma la scorsa settimana. Ma per tutto questo ci sarà tempo: la ragazza dal rovescio a una mano, con cui ha incantato il mondo e dato il via al boom femminile, ha ribadito una volta di più la sua vita senza mezze misure. L’Italia del tennis ha vissuto un 2019 di grandi risultati e successi, e la prossima settimana si prepara a festeggiarli a Torino. La notizia di Francesca Schiavone guarita è la ciliegina che mancava: ora c’è l’happy end.

“Ho sconfitto il tumore” (Guido Frasca, Il Messaggero”)

Un video di 55 secondi sul suo profilo Instagram e un annuncio semplice e diretto: dopo aver vinto mille sfide sui campi di tennis di tutto il mondo, Francesca Schiavone ha superato un’altra battaglia, la più difficile. A poco più di un anno dall’annuncio del ritiro, la 39enne campionessa milanese, prima italiana della storia a conquistare uno Slam nel tennis femminile, ha raccontato di aver sconfitto dopo 7 mesi di chemioterapia un tumore del quale non aveva mai parlato prima. Si tratta del linfoma di Hodgkin, una grave patologia del sistema linfatico. «Vi racconto cosa è successo negli ultimi 7 mesi della mia vita – ha rivelato – mi hanno diagnosticato un tumore maligno. E’ stata la lotta più dura in assoluto che abbia mai affrontato. E la cosa più bella è che sono riuscita a vincere questa battaglia». Lo scorso metà ottobre la Schiavone aveva partecipato in collegamento video dalla sua casa di Milano al Festival dello Sport di Trento. In quell’occasione era apparsa provata, ma non aveva fatto nessun accenno alla malattia. […] Una vicenda che ricorda quella di Sinisa Mihajlovic, l’allenatore del Bologna che si è sottoposto a tre cicli di cure e a un trapianto di midollo per curare una leucemia. LA SPECIALE «Quando me l’hanno detto qualche giorno fa sono esplosa dalla felicità e anche oggi vivo di felicità. Sono già pronta ad affrontare nuovi progetti che avevo, ma non potevo realizzare. Ci rivedremo presto, felice di quello che sono oggi», ha detto ai fan. Vuole tornare presto nel mondo del tennis, il suo mondo, come coach dopo la breve parentesi al fianco di Caroline Wozniacki o per proseguire nel suo progetto di scovare i campioni del futuro. Sempre durante la serata di Trento, l’amica rivale Flavia Pennetta l’aveva invitata ad allenare il marito Fognini: «Insieme sareste perfetti – aveva detto la brindisina, trionfatrice degli US Open 2015 – Fabio e Francesca sono molto simili. Si chiudono a riccio e tengono tutti lontano, ma fuori sono dolcissimi. Per questo dico che lei sarebbe perfetta come suo coach». Altrettanto scherzosa la risposta della milanese: «Tuo marito è quello che ha il vero talento in famiglia. Può vincere più di te». UN’APRIPISTA Superfluo addentrarsi in dibattiti sul fatto se sia stata la più forte o meno tra le tenniste azzurre. Di sicuro è stata l’apripista di un miracolo italiano. […] Oltre che, naturalmente, sulle qualità tecniche grazie alle quali Francesca ci ha regalato emozioni e sfide leggendarie. Al di là degli 8 titoli vinti (l’ultimo a Bogotà a 37 anni la passata stagione), delle 4 Fed Cup alzate al cielo, del n.4 del ranking raggiunto nel 2011: mai nessuna italiana così in alto. Perché il mondo della Schiavone è ben più complesso dell’incredibile successo a Parigi, quando il 5 giugno 2010 è diventata Nostra Signora dello Slam. Qualcuno aveva baciato la terra rossa, qualcun altro ci si era tuffato. Qualcun altro ancora ci aveva dipinto un cuore grande cosi. Ma nessuno l’aveva mangiata come ha fatto lei

La Schiavone: “Felice di come sono ora. Avevo un tumore però ho vinto io…” (Marco Lombardo, Il Giornale)

[…] Francesca Schiavone è tornata a farsi vedere, su Instagram, con due post che hanno costruito il finale perfetto. Il primo per dire «dopo 7-8 mesi di assenza dai social, dal mondo praticamente, sono qui per raccontarvi cosa è successo», accompagnato da un «to be continued». Il secondo per raccontare quello che molti avevano capito, ma che non era giusto che si sapesse se non da lei. Un tumore, maligno, chissenefrega dove. Quella notizia che si spera di non ascoltare mai, pensando che comunque accadrà sempre a qualcun altro. E invece: «È stata la lotta più dura in assoluto che ho mai affrontato. E la cosa più bella è che sono riuscita a vincere questa battaglia. E quando me l’hanno detto qualche giorno fa, è stata la felicità. E anche oggi vivo di felicità, la posso tagliare con il coltello. Sono già pronta ad affrontare con la testa e il cuore i nuovi progetti a cui stavo pensando, e che non potevo mettere in pratica. Ci vedremo presto, felice di quello che sono oggi». Felice. Felici. Il viso tirato ed emozionato, i capelli corti di Francesca non devono ingannare: è come se avesse ancora la lunga chioma da Leonessa del tennis. Quello spirito ce l’ha dentro, glielo si legge negli occhi. E questa vittoria rende niente il suo Roland Garros, è un trofeo che va oltre lo sport, ma che dallo sport viene per spiegare a noi (comuni) mortali che la vita va difesa ad ogni costo. […]. E la battaglia di Francesca è quella di Sinisa Mihajlovic, che ha guardato negli occhi il nemico più cattivo, da sgretolare tra le lacrime, com’è giusto che sia. «Sono stufo di piangere», però ha detto durante la recente conferenza stampa che annunciava il ritorno in panchina. E per questo ancora adesso che non sa di avere battuto definitivamente il nemico, ha comunque vinto. Così come Gianluca Vialli, che nascondeva gli effetti del tumore riempiendosi di maglioni sotto la giacca, ma che poi ha detto al mondo che non bisogna mai vergognarsi di quello che il destino ti riserva. […] Non esiste una data di scadenza per un essere umano, bisogna ricordarselo sempre. C’è solo il fatto che vivere accettando ogni sfida è il modo migliore per essere d’esempio. Francesca, Sinisa, Gianluca non sono eroi come lo sport è abituato a raccontare, ma messaggeri di una verità che grazie a loro tutti noi dobbiamo cogliere. Per essere felici di quello che siamo. Felici come una Leonessa.

Leonessa non per caso (Leo Turrini, Giorno-Carlino-Nazione Sport)

La Leonessa è tornata a ruggire. Dopo un inconsueto silenzio durato tanto, troppo. […] Lei, invece, ci mette la faccia. Come sempre, verrebbe da dire; anche oggi che, a 39 anni, annuncia la sua vittoria più grande: «Ho sconfitto un tumore maligno». Francesca Schiavone è lì, davanti allo smartphone; la vedi nel video di 55 secondi postato sul suo profilo Instagram e ti viene in mente il suo urlo divenuto leggendario, il suo mangiarsi la terra rossa di quello stadio del tennis centrale al Roland Garros del 2010, quando vinse uno Slam che sa ancora oggi di leggenda e d’impresa. Lei che, capello corto e viso smagrito, non assomiglia per nulla a quella Leonessa indomabile; almeno, nel fisico: «La lotta più dura in assoluto che ho mai affrontato – la sua ammissione – ho fatto la chemioterapia e la cosa più bella è che sono riuscita a vincere questa battaglia. Quando me l’hanno detto qualche giorno fa, sono esplosa dalla felicità». È stanca, per colpa delle cure e forse anche per il logorio mentale subito, e si vede. Ma non è stanca di rimanere tra di noi e raccontare la sua storia, Francesca Schiavone: «E anche oggi vivo in felicità, la posso tagliare con un coltello – prosegue – sono già pronta sia qui che qui». E indica la testa e il cuore, attributi che sempre tutti le hanno confermato di avere quando battagliava sul campo: «Sono pronta ad affrontare nuovi progetti che sto pensando, che avevo e non potevo fare. Ci rivedremo presto, felice di quello che sono oggi». Francesca Schiavone, 39 anni, è senza ombra di dubbio la più grande tennista italiana di sempre: un Roland Garros 2010 vinto battendo la Stosur in finale, uno sfiorato l’anno dopo, quando venne sconfitta nell’atto conclusivo dalla Na Li. È stata la prima italiana (e il terzo rappresentante del Bel Paese in assoluto dopo Pietrangeli e Panatta) ad aver vinto un torneo del Grande Slam nel singolare, la vittoria più importante per il tennis italiano al femminile al pari del successo della Pennetta allo US Open 2015. Ma anche otto tornei WTA vinti in singolare e sette in doppio, l’unica azzurra ad aver disputato due finali del Grande Slam e l’ultima tennista al mondo ad essersi aggiudicata un torneo dei più prestigiosi del circuito mondiale utilizzando il rovescio ad una mano. Lei che, dall’alto di quel quarto posto nelle classifiche mondiali conquistato a gennaio 2011 (suo best ranking e posizione fino ad oggi più alta raggiunta da un’italiana), ora questa storia fantastica di sport e coraggio la vuole raccontare a tutti. Sorridente, come sempre, nel video annuncia di voler ritornare presto in campo come coach. Ora che la sua battaglia contro il tumore, che le era stato diagnosticato sette mesi fa e del quale non aveva mai parlato prima, l’ha vinta

Continua a leggere
Commenti

Rassegna stampa

Berrettini vince e “punta” Djokovic ai quarti (Scanagatta). Robe da Matteo (Cocchi). Matteo da battimani (Mastroluca). Quando la palla è un problema (Azzolini). I campioni come Serena si caricano sotto stress (Mouratoglou)

La rassegna stampa di mercoledì 30 settembre 2020

Pubblicato

il

Berrettini vince e “punta” Djokovic ai quarti (Ubaldo Scanagatta, La Nazione)

La pioggia e il maltempo imperversano su Parigi quasi quanto il Covid – 16.000 contagi in un giorno ultimamente – ma di sicuro il tennis italiano non sembra risentirne. Anzi, il cielo sarà grigio plumbeo, ma al Roland Garros non è mai apparso così azzurro. Matteo Berrettini, favorito n.7 del torneo, ha dominato (63 61 63) il canadese Pospisil, n.76 ATP, e giocherà da favorito sia contro il sudafricano Harris che poi – eventualmente – con il vincente di Struff-Altmaier, nonché in ottavi contro chi emergerà dal trio Bautista Agut, Pella, Carreno Busta. Insomma il traguardo dei quarti, per uno scontro forse letale con Djokovic, facile vincitore ieri (60 62 63) dello svedese di colore Ymer, non appare per nulla improbabile. Ha perso ieri un match interrotto per pioggia due volte e giocato sotto le insistenti goccioline un Mager (n.88 Atp) insolitamente nervoso con il serbo Lajovic, n.24. Ma gli azzurri al secondo turno sono 6 e aggiunti alle 3 ragazze è un record. Il mondo del tennis si chiede il perché di questa invasione azzurra sempre più costante sia nei top 100 (otto) sia negli Slam – qui la pattuglia azzurra era di 14 “soldatini”, 10 uomini e 4 donne – e le risposte ormai più volte ricordate sono legate all’apporto dei team privati, non più in conflitto con la federtennis, e alla seria fedeltà decennale dei giovani tennisti ai loro coach, Berrettini con Santopadre, Sinner con Piatti, Sonego con Arbino, etcetera. E poi alla proliferazione dei challenger in Italia. Aiutano a viaggiare di meno, a fare punti e classifica in casa. Costano di meno. Oltre a Berrettini hanno grandi chances di fare strada soprattutto Sinner, superfavorito oggi con il qualificato francese Bonzi e successivamente anche con Paire o Coria per arrivare agli ottavi contro Zverev. Cecchinato gioca un match alla pari con l’argentino Londero, Sonego e Travaglia non sono chiusi contro – rispettivamente – il kazako “matto” Bublik e il “Giap” Nishikori che sui terreni pesanti potrebbe soffrire la sua insostenibiole leggerezza, nel fisico e nei colpi.

Robe da Matteo (Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport)

 

Matteo ama il silenzio, preferisce che sia il campo a parlare. Come ieri, quando ha strapazzato in tre set il canadese Vasek Pospisil, concedendogli appena 7 game e regalando all’Italia il primato di sei azzurri al 2° turno del Roland Garros, mai accaduto nell’Era Open. Il prossimo impegno sarà contro Lloyd Harris, battuto da Lorenzo Musetti pochi giorni fa. Il martello del romano picchia duro, pronto a sbriciolare i dubbi che lo accompagnano come un rumore di fondo dal nuovo inizio della stagione. Lo scorso anno a Parigi si era fermato al secondo turno contro Casper Ruud, lo stesso che lo ha dolorosamente castigato agli Internazionali.

Matteo, l’inizio migliore per cancellare un po’ quel rumore di fondo sugli ultimi risultati.

Non sarei sincero se dicessi che non ho sentito questo “rumore”. Lo avverto, un po’ naturalmente mi dispiace, ma l’unica cosa che posso fare e andare avanti sulla mia strada, che so essere quella giusta. Contro Pospisil mi sono sentito molto bene in campo, mi sono mosso bene, ho dato più peso ai colpi. Per ora non sento nessuna pressione. Sarebbe bello poter far capire a tutti che non è stato facile raggiungere gli ottavi a New York e i quarti a Roma. Ho lottato a ogni match, ho affrontato e superato momenti difficili. Non è che i risultati piovano dal nulla. […] Ora sono concentrato e sereno. Continuo ad avere un confronto costante con il mio mental coach Stefano Massari. Il tema è non farmi trascinare dalle aspettative altrui. Se lavoro e mi impegno per raggiungere un risultato è perché lo voglio io, perché così sono più felice, non di certo perché temo di deludere gli altri.

Quest’anno guidava un gruppo nutrito. Dieci italiani nel tabellone maschile. L’ultimo a essersi fatto notare è stato Lorenzo Musetti. Ottavi a Roma e primo Challenger conquistato. Come lo vede?

Lorenzo lo conosco abbastanza bene e mi piace molto. Ha un tennis bello da vedere, è umile, un grande lavoratore, molto focalizzato sul tennis. Condividiamo Umberto Rianna come tecnico e lui già da qualche tempo mi diceva che questo ragazzo ci farà divertire. Però bisogna lasciarlo crescere con calma e sbagliare. Jannik invece è certamente più avanti al momento, ma a quest’età è difficile stabilire quanto futuro possa avere un giocatore. Se quando avevo 18 o 19 anni avessero detto che sarei diventato un top 10 non penso che nessuno ci avrebbe creduto. Sinner sta migliorando in fretta, lo abbiamo visto anche qui a Parigi.

Che consiglio si sentirebbe di dare a queste nuove leve?

Di non avere fretta di bruciare le tappe. Di vivere ogni vittoria, sconfitta, viaggi, difficoltà e trarne un insegnamento. Da fuori sembra tutto facile, ma arrivare sul circuito maggiore può essere un piccolo shock. Quindi più esperienze vivi, più puoi crescere. […]

L’organizzazione a Parigi è diversa da quella di New York?

No è molto simile. Dobbiamo fare tamponi ogni due giorni e possiamo uscire soltanto per andare ad allenarci o a giocare. Può essere alienante. Mi accorgo di essere a Parigi perché se guardo dalla finestra dell’albergo la Tour Eiffel è così vicina che la posso toccare.

Come si è trovato con le condizioni del campo?

Tutto molto diverso da come siamo abituati di solito. Fa freddo, soprattutto se si arriva dai 35 gradi degli Internazionali a Roma. Il campo è lento e io non nego che prediligo le situazioni in cui la palla viaggia un po’ di più. Però tutti noi dobbiamo fare i conti con questa situazione, non è solo un problema mio.

Tra condizioni meteo e palline nuove si dice che Rafa non sia così favorito per il 13 titolo del Roland Garros.

Beh, non mettere tra i favoriti uno che ha vinto già 12 volte mi sembra un po’ azzardato. Alla prima uscita non è parso in difficoltà… È vero però che Djokovic sembra ritemprato dopo i fatti di New York, e arriva con un pieno di fiducia grazie alla vittoria di Roma. Ma non dimentichiamoci Thiem, la terra è il suo pane, e magari uno Slam tira l’altro.

Matteo da battimani (Alessandro Mastroluca, Corriere dello Sport)

Matteo Berrettini si muove come a casa sul Suzanne Lenglen, il secondo campo per importanza del Roland Garros.Il suo esordio in questa edizione fredda e piovosa, senza punti di riferimento, è solido, efficiente, sicuro. Berrettini lascia sette game, e appena sette punti con la seconda di servizio, al canadese Vasek Pospisil. Il 6-3 6-1 6-3 finale, in un’ora e 48 minuti di gioco, dà la misura di una partita mai davvero in discussione. «Non penso che lui abbia giocato male, io però ho servito e risposto bene, gli ho messo molta pressione. Mettevo più peso sulla palla e vedevo che faticava a vincere gli scambi» ha detto il numero 1 azzurro dopo il match. Rispetto alle condizioni abituali al Roland Garros, quest’anno le palline si appesantiscono più facilmente e rimbalzano più basse. In questo modo sono emerse con ancora maggiore evidenza le difficoltà sulla terra battuta di Pospisil. ll canadese ha giocato appena venti partire in carriera su questa superficie nel circuito maggiore, e ha perso tutte le ultime 19. Fin dall’inizio del match, i colpi potenti di Berrettini hanno messo in evidente difficoltà il canadese, più leggero da fondo. Mentre la pioggia inizia a cadere leggera rendendo il campo più scivoloso, Pospisil nel secondo set prova ad accorciare gli scambi e a scendere di più a rete. Ma la fretta non è una buona consigliera e dopo un’ora, per la gioia del capitano di Coppa Davis Corrado Barazzutti, è già avanti due set a zero. Nel terzo, Berrettini non spreca più energie del necessario. «Mi concentravo sui miei turni di battuta e aspettavo l’occasione per fare un break. Ero fiducioso, ma dovevo rimanere presente e concentrato perché tutto avrebbe potuto cambiare da un momento all’altro». […] Il suo Roland Garros proseguirà contro Lloyd Harris, sudafricano numero 90 del mondo che la settimana scorsa si è ritirato contro Lorenzo Musetti in semifinale al Challenger di Forlì. […]

Quando la palla è un problema (Daniele Azzolini, Tuttosport)

Non è un tennis per giovani, forse. Ma nemmeno per attempati tennisti che sul Tour ne hanno viste di tutti i colori. Non basta la vivacità dei venti anni e non è risolutiva l’esperienza di chi ha giocato in tutte le condizioni possibili. La prima edizione autunnale del Roland Garros ha le sue esigenze, e propone sfide ai limiti del tennis conosciuto. È un tennis per adulti, quello che si richiede a 128 rimasti in gara, 64 per parte, un tennis che va studiato e capito, rabbonito con molti accorgimenti particolari, ma sempre con le dovute buone maniere. In molti non l’hanno capito, o non ci stanno, e smoccolano come camalli quando in porto si presentano troppe navi insieme, tutte da scaricare. Ce l’hanno con le palle, quasi tutti. Il Roland Garros le ha cambiate e quelle che sono state scelte dopo i primi tre colpi diventano arruffate come gatti e ingrassano a vista d’occhio, fino a diventare obese. «Non vanno bene nemmeno per i nostri cani», la sentenza di Dan Evans, numero 34 del ranking e primo fra i britannici, in attesa che Murray si rifaccia vivo. «A Roma e Amburgo abbiamo giocato con altre palline, qui è tutto differente. Quel che è peggio è che non abbiamo avuto il tempo per abituarci». […] Anche Rafa Nadal va per le spicce. «Non è il solito Roland Garros, e sarà ancora più difficile arrivare fino in fondo. Il gioco è lento, troppo lento, le palle si spingono a fatica. Difficile dire se possono favorire qualcuno, la gran parte dei tennisti ormai gioca da fondo campo, ma colpendo con forza e sfruttando la velocità della palla. Con queste non ci si riesce. Cambiare non è stata una scelta opportuna, e non doveva essere fatta. Queste palle con cui giochiamo non sono adatte alla terra rossa, forse vanno bene per i terreni più rapidi, ma non su questa superficie». L’altro aspetto che poco funziona è che molto fa rabbia viene dalla scivolosità dei campi. «Quella mi preoccupa non poco», dice Berrettini, «io ho sempre avuto problemi alle caviglie. È una questione di grip… Nelle zone più umide il piede slitta sotto il peso del corpo. Il rischio di farsi male è serio».

I campioni come Serena si caricano sotto stress (Patrick Mouratoglou, La Gazzetta dello Sport)

Oggi Serena Williams torna in campo per il 2° turno contro la bielorussa Pironkova. All’esordio contro la connazionale Kristie Ahn ci sono stati due match in uno da parte della Williams, come si evince dal risultato 7-6 6-0. Un primo set molto combattuto, e un secondo nel quale si è distaccata dall’avversaria fin dai primi game. Dopo il match Serena ha ammesso di risentire molto dello stress di inizio partita, collegato al suo perfezionismo. Ha anche spiegato che mano a mano che la partita va avanti, riesce a sentirsi meglio e giocare il suo miglior tennis, e il risultato finale lo dimostra. È evidente che per tutti i giocatori, l’ansia di ritornare in campo in una competizione importante come Roland Garros, e la mancanza di partite giocate dopo tanti mesi di fermo, occupa un ruolo predominante che si ripercuote sulla qualità del gioco della maggior parte dei partecipanti allo Slam parigino. Sono convinto che molti degli spettatori stenteranno a credere che una giocatrice come Serena Williams, vincitrice di 39 tornei del Grande Slam, (considerando singolare, doppio e doppio misto), che non deve provare più nulla, possa ancora risentire dello stress da primo turno in un Torneo del Grande Slam come Parigi, ma è così. Serena ha bisogno di essere coinvolta al 100% tanto emotivamente quanto fisicamente e visto che il risultato finale è per lei importantissimo, di qualsiasi match si tratti, questo le genera ansia. Quest’ansia per lei è indispensabile e positiva. Mi spiego: per essere performante al massimo, Serena deve sentire questo stress, grazie al quale lei riesce a dare il massimo, a elevare il suo livello di gioco al limite. Durante una partita bisogna battere l’avversario, ma c’è una battaglia da vincere anche con se stessi, il tennis è uno sport individuale e tu sei solo davanti al rivale. Serena deve lottare e “addomesticare” il suo stress, trasformandolo in una forza positiva che la faccia sentire migliore tennisticamente e mentalmente.

Continua a leggere

Rassegna stampa

La maratona vincente di Giustino al Roland Garros (Scanagatta, Crivelli, Mastroluca, Azzolini). Errani, sorriso Slam dopo tre anni a secco. Fognini, altro crac? (Cocchi)

La rassegna stampa di martedì 29 settembre 2020

Pubblicato

il

Giustino, maratona vincente di 6 ore. Nadal ok (Ubaldo Scanagatta, La Nazione)

Tradizione vuole che al Roland Garros i 128 singolari di primo turno dei due tabelloni, maschile e femminile, richiedano tre giorni e non due come in Australia e a Wimbledon. Così, prima che stamani alle 11 Matteo Berrettini (n.8 Atp) scenda sul Suzanne Lenglen contro il canadese Pospisil (n.76) e che Mager (n.88) sfidi poi il serbo Lajovic (24), non si può fare un bilancio completo per gli azzurri. Ma rispetto all’anno scorso, quando su 9 uomini e 2 donne, solo Berrettini, Fognini e Caruso superarono il primo turno, andiamo già molto meglio. La pattuglia azzurra vedeva già 8 dei nostri al secondo turno prima del match di oggi di Berrettini (Caruso invece ha perso in 4 set dall’argentino Pella). Intanto tre ragazze, Trevisan (n.159 Wta ed emersa dalle qualificazioni), Paolini (n.90 che ha battuto la spagnola Bolsova n.97 64 63) e Errani (n.134 vittoriosa 62 61 sulla campionessa olimpica di Rio Puig, n.98) sono approdate al secondo round. Anche se sarà dura andare avanti, per Trevisan e Paolini è una “prima” assoluta in uno Slam, mentre per Sara Errani si tratta di un gradito ritorno in questo torneo che la vide protagonista soprattutto nel 2012, quando perse soltanto in finale da Maria Sharapova e vinse il doppio con Roberta Vinci, arrampicandosi al quinto posto del ranking mondiale. Trevisan con Gauff, Paolini con Kvitova e Errani con Bertens non sono favorite, ma intanto sono lì. E sono lì anche già 5 azzurri: a Sinner, Cecchinato e Travaglia si sono aggiunti anche due maratoneti di casa nostra, il torinese Sonego (25 anni e n. 46) e il napoletano Giustino (29 anni e n.156). Il primo dopo una battaglia di 5 set (67 63 61 67 63) in 4 ore e 7 minuti con Emilio Gomez, ecuadoriano e figlio d’arte destrimane di quell’Andres mancino che trionfò al Roland Garros nel 1990 battendo a sorpresa Andre Agassi. Il secondo al termine del match più lungo del torneo contro il francese Moutet (n.70), 6 ore e 5 minuti, con un ultimo set interminabile, 18-16! Punteggio 06 76 76 26 e 18-16. E’ il match più lungo mai giocato da un italiano, il primato precedente apparteneva a Omar Camporese, che perse 14-12 al 5° con Becker all’Australian Open del ’91, in 5 ore e 11 minuti. Al Roland Garros un solo match è stato più lungo, Santoro-Clement del 2004 durato 6 ore e 33 minuti. Sonego troverà domani Bublik che ha sorpreso Monfils, Giustino invece Schwartzman. Rafa Nadal, che punta a vincere lo Slam n.20, ha vinto in 3 set con Gerasimov, e Serena Williams, che sogna lo Slam n.24 in 2 con la connazionale Ahn.

Nella storia in 6 ore (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

 

La notte di San Lorenzo. Una stella venuta dal nulla illumina la fredda serata parigina e scrive uno di quei romanzi bellissimi che resteranno per sempre tra gli scaffali magici dello sport. C’era una volta, le favole cominciano cosi. C’era una volta il mezzo scugnizzo Giustino, nato a Napoli ma cresciuto a Barcellona, che aveva tentato di qualificarsi al tabellone principale di uno Slam per 17 volte prima di riuscirci al Roland Garros autunnale (aveva giocato anche in Australia a gennaio, ma da lucky loser, perdendo subito da Raonic). Lorenzo, che a 29 anni non aveva ancora vinto un match Atp e solo una volta in carriera era riuscito a battere un top 100 e d’improvviso sceglie il modo più ardito, imprevedibile e affascinante per infilarsi da protagonista nella mappa del tennis dei grandi, piegando il mancino francese Moutet, 71 del mondo, dopo una maratona di sei ore e cinque minuti. Nessun italiano, nella storia, si era mai spinto così in là, visto che il record apparteneva a Camporese, vittima di Becker agli Australian Open 1991 in una battaglia di 5 ore e 11 minuti. Nello Slam parigino, invece, resta intonso il primato di Santoro (vittorioso) e Clement, che rimasero in campo 6 ore e 33 minuti nel 2004. Giustino spalma l’impresa che non t’aspetti su due giorni, perché il match era stato sospeso domenica alle dieci di sera causa pioggia e terreno scivoloso, con l’italiano avanti 4-3 e servizio nel terzo set. Alla ripresa, vinto il terzo set e perso il quarto, l’incrocio con Moutet diventa antologico. Il set decisivo, da solo, durerà tre ore esatte. Giustino non sfrutta un match point sull’8-7, ottiene altrettanti controbreak nelle due occasioni in cui l’avversario può servire per il match e al 34′ game può finalmente festeggiare il trionfo con i muscoli massacrati dal crampi: «A un certo punto ho deciso di tirare a tutto braccio e di stare con i piedi sulla riga di fondo per farlo correre e impedire che lui muovesse me, perché altrimenti sarei morto». E invece sopravviverà, provando immediatamente a recuperare energie immergendosi nel ghiaccio in vista di un secondo turno da brividi con Schwartzman: «Un grande giocatore – sorride Giustino — e io adesso sono vuoto. Vuoto ma felice. Proverò a fare il mio, intanto cercherò di ritemprarmi bevendo tanta acqua con il sale, assumendo carboidrati e proteine senza grassi e dormendo con le gambe in alto per la circolazione». Sul punto decisivo, steso sulla terra rossa, Lorenzo avrà indubbiamente benedetto il giorno in cui i genitori, in vacanza a Barcellona, decidono di rimanerci per dare un futuro migliore ai figli. Lui ha sette anni, si divide già tra sci e tennis, ma in Catalogna sceglie definitivamente la racchetta. Quando il grande Manolo Orantes, che frequenta lo stesso club, lo vede palleggiare, gli suggerisce di intensificare gli allenamenti e le soddisfazioni non tardano ad arrivare: a livello giovanile vince sia i campionati catalani sia quelli spagnoli, tanto che Luis Bruguera tenterà senza successo di naturalizzarlo. per farlo giocare con la Roja. Ma è con il figlio di Luis, Sergi, il due volte vincitore di Parigi, che Giustino completa il suo percorso, seppur frenato da problemi fisici ed economici. Del resto, all’Accademia applicano la filosofia che si attaglia perfettamente alla sua personalità da perfezionista: lavoro, lavoro e ancora lavoro. Da due anni, è seguito da coach Gianluca Carbone, che gli ha migliorato servizio e dritto e soprattutto gli ha infuso nuove convinzioni: «Mi ha fatto capire che si può crescere tecnicamente a qualsiasi età». […]

Le 6 ore da sogno del señor Giustino (Alessando Mastroluca, Corriere dello Sport)

Disteso e felice. Mentre l’azzurro della maglia si impasta con l’ocra della terra, Lorenzo Giustino assapora l’impresa la prima volta che non si può dimenticare. A 29 anni, ha festeggiato così la prima vittoria nel circuito maggiore. Ha impiegato sei ore e tre minuti, spalmati in due giorni, per battere Corentin Moutet, mancino francese con la passione per il pianoforte e le palle corte. Ha chiuso 0-6 7-6 7-6 2-6 18-16, il quinto set da solo è durato tre ore. L’ultimo dritto lungolinea, al terzo match-point, fa calare il sipario sulla seconda partita più lunga nella storia del Roland Garros. Durò mezz’ora in più la maratona record di Parigi, la vinse “il Mago” Fabrice Santoro nel 2004 contro Arnaud Clement. Anche allora, si giocò in due giorni. Domenica Moutet ha forzato la sospensione per pioggia sul 4-3 per l’azzurro nel terzo set. Alla ripresa, Giustino ha vinto il parziale al tie-break, poi ha perso nettamente il quarto set. Il quinto è un romanzo che combina voglia di non mollare e paura di vincere. Tre volte Moutet ha servito per il match (7-6, 14-13, 15-14), tre volte Giustino ha piazzato il break della speranza e la partita è diventata una maratona. Giustino la dura e la vince, pur con 25 punti in meno del francese (217 a 242). Ha completato meno colpi vincenti (57 contro 88), ha commesso più errori (96 a 88), ha ottenuto in percentuale meno punti al servizio sia con la prima, sia con la seconda. Eppure, è lui a festeggiare. Numero 157 del mondo, con un best ranking di 127 nell’agosto 2019 prima di un infortunio al braccio, Giustino ha firmato la seconda vittoria in carriera contro un Top 100. Al secondo turno sfiderà Diego Schwartzman, l’argentino numero 11 del mondo che a Roma ha battuto Rafa Nadal e Denis Shapovalov a 24 ore di distanza. […]

Giustino in tempo (Daniele Azzolini, Tuttosport)

Un giorno di gloria, e di ordinaria follia. Quasi tutto trascorso sul campo. Sei ore e cinque minuti divisi in due giornate. Cominciate malissimo e poi trasformate in un gioiello di straordinaria lucentezza. La storia di Lorenzo Giustino è di quelle che nessuno conosce, ma sono cariche di buoni propositi e grondano pensieri stupendi. E non è vero che siano storie di retrovia, di quelle che valgano una sola giornata, e alla fine della stessa si dissolvano. Forse per noi o per altri, ma non per lui, che la sua giornata «più bella della vita» se l’è capata con tutto l’amore e l’affetto, l’attenzione e la sofferenza che merita un’opera d’arte. La prima vittoria nel Tour, la prima in uno Slam. Può esserci qualcosa di più grande per un tennista che si è sempre fatto in quattro per competere nel circuito, e ha trovato nella voglia di partecipare a quei quattro tornei che hanno fatto la storia la sua idea guida, quella che gli ha dato la forza di darci dentro, senza mai smettere d’inseguire la meta sognata? Dal 2014 ne ha giocati 17, tutti smarriti nelle qualificazioni, fino agli Australian Open dello scorso gennaio. Promosso e subito opposto a Milos Raonic. Poi, di nuovo a Parigi, tre turni di qualifiche e finalmente la patita della vita. Giocatore di challenger Lorenzo Giustino. Ne ha vinti sette in carriera, e uno in doppio. […] Prossimo avversario Diego Schwarzman, il campione in formato mignon, recente finalista a Roma, uno che d’improvviso ha scoperto che contro Lorenzo non sarà una passeggiata. Il fatto è che Lorenzo Giustino ha vinto una delle più incredibili battaglie che si siano mai viste su questi campi del Mondiale in rosso, seconda solo a Santoro-Clement del 2004, durata 28 minuti in più. Del resto, in 6 ore e 5 minuti può succedere di tutto. Era partito malissimo, domenica scorsa. Subito un bagel, un sei-zero in lingua tennistica. Dovuto ai nervi, alla disabitudine, alla voglia di spaccare il mondo che come sempre diventa un freno per le grandi imprese. Ma Giustino alle condizioni disagevoli c’è abituato, Moutet assai meno. Mentre la serata si fa avanti e sul campo la luce scarseggia, Lorenzo aggiusta i colpi e comincia a giocare in contropiede, rallenta e d’improvviso aumenta i battiti del proprio tennis, cerca traiettorie difficili e in mezzo infila una smorzata. Moutet non comanda più. Il tie break del secondo va al napoletano, che si porta avanti anche nel terzo. Per i francesi è troppo… Sospensione. Si torna in campo dopo le 12, lunedì. E qui comincia la storia di Lorenzo, la sua giornata più bella, quella che farà dire a Moutet… «Non so che dire, non sento più il mio corpo, come lo avessero devastato». Giustino viene raggiunto ma si riprende nel tie break del terzo e passa avanti 2-1, perde il quarto, e nel quinto comincia una battaglia. Giustino va avanti 3-0 e sull’8-7 ha il primo match point. Moutet arranca, ma si salva. Sul 13 pari è il francese che fa il break, ma Giustino se lo riprende. Moutet ne fa un altro, e Giustino si riprende anche quello. Quindici pari. È quasi tempo di match point. Il secondo arriva sul 16-17, e Lorenzo spreca con un rovescio lungo. Ma sul terzo piazza un dritto che sembra uno straccio, sul quale Moutet si avventa inutilmente. Palla in rete. Occhi al cielo. Mani sul volto. È la giornata di Lorenzo, forse non cambierà il tennis, ma il tennis è felice per lui.

Errani, sorriso Slam dopo tre anni a secco. Fognini, altro crac? (Federica Cocchi, La Gazzetta dello Sport)

Il sorriso Slam le mancava da tre anni e ieri a Parigi, la sua Parigi, Sara Errani (n. 150 Wta) l’ha ritrovato superando 6-2 6-1 la portoricana Monica Puig, n.90 del ranking e oro olimpico a Rio de Janeiro. Un successo cercato, desiderato, arrivato nel match numero 100 in uno Slam e dopo un lungo periodo di difficoltà seguito alla squalifica per doping. D’altronde, per Sara, Parigi è da sempre foriera di buone notizie a partire dalla finale del 2012, sconfitta da una Maria Sharapova all’apice della forma. L’anno successivo, il 2013 aveva raggiunto la semifinale, mentre nel 2014 e 2015 era uscita ai quarti. Ieri, per Sara, le condizioni erano più difficili: freddo, umidità e le nuove palle che, ha dichiarato fin dalle qualificazioni, non le piacciono molto: «Monica non ha giocato molto bene – ha dichiarato la romagnola nella conferenza post match -. Ma sono contenta del mio rendimento anche al servizio, e più in generale di come sta andando la stagione». L’obiettivo dichiarato è di tornare almeno tra le prime 100 giocatrici al mondo, ma soprattutto ritrovare la giusta serenità in campo e continuità. Intanto, al secondo turno, uno scoglio ben più alto da superare, l’olandese Kiki Bertens, n. 8 del mondo e semifinalista proprio al Roland Garros nel 2016. I precedenti, 5-0, sono tutti a favore della Errani, ma le due non si incrociano da quattro anni. Passa anche Jasmine Paolini. La 24enne di Castelnuovo di Garfagnana, n. 94 del ranking, e alla seconda presenza del tabellone principale, ha battuto 6-4 6-3 la spagnola Aliona Bolsoya, n.97, che l’anno scorso a Parigi aveva raggiunto gli ottavi. Per lei adesso Petra Kvitova, semifinalista nel 2012 e mai incrociata precedentemente in carriera. […] Esce sconfitto e acciaccato Fabio Fognini dal primo turno contro il kazako Michail Kukushkin. Fabio, alla terza presenza sul circuito dopo l’operazione a entrambe le caviglie subita a fine maggio, ha faticato da subito contro il rivale non irresistibile sulla terra. La situazione del campo così diversa dal solito lo ha messo ancora più in difficoltà. La forma mostrata dal 33enne numero 15 al mondo nelle prime uscite non è stata certo all’altezza della sua fama e delle sue capacità, ma era prevedibile dopo un intervento così invasivo subito appena quattro mesi fa. Le condizioni di Fognini, seguito anche a Parigi da Corrado Barazzutti, non sarebbero tali da pregiudicare il resto della breve annata tennistica: «Sono fiducioso – ha detto il capitano di Davis -, mi auguro che Fabio riuscirà a giocare fino alla fine della stagione».

Continua a leggere

Rassegna stampa

La magia di Sinner nel gelo di Parigi. Adesso può sognare (Crivelli). Sinner spiana Goffin. Nel freddo di Parigi vanno forte gli italiani (Piccardi). Sinner che esordio: fuori Goffin. E Cecchinato cancella due anni (Scanagatta)

La rassegna stampa di lunedì 28 settembre 2020

Pubblicato

il

La magia di Sinner nel gelo di Parigi. Adesso può sognare (Riccardo Crivelli, La Gazzetta dello Sport)

Ciò che misura la virtù di un uomo non sono gli sforzi, ma la normalità. Sinner è un rivoluzionario tranquillo, perché fa apparire semplice il debutto al Roland Garros e per di più sul Centrale, una delle chiese laiche dello sport mondiale che qualche brivido deve pur lasciartelo, anche se mette un po’ di tristezza vederlo frequentato solo da mille spettatori intirizziti. C’era la qualità dell’avversario, l’amico Goffin con cui si allena spesso a Bordighera, abituato da anni a frequentare i piani nobilissimi della classifica. E c’erano condizioni ambientali ovviamente mai sperimentate nello Slam parigino, che da tradizione si gioca tra maggio e giugno, non a cavallo tra settembre e ottobre, e perciò regala cielo plumbeo, vento, pioggia e temperature da ghiacciaia (quando si comincia, alle 11 del mattino, la temperatura percepita è di 6 gradi): eppure Jannik, senza fare una piega, passa sopra i previsti pericoli e domina la partita con la personalità del califfo di consumata esperienza, come se i 19 anni compiuti poco più di un mese fa fossero solo un numero da giocare alla roulette. Puntando sul rosso, ovviamente. Colpi pesanti Tra l’altro l’allievo di Riccardo Piatti potrà fregiarsi del titolo onorifico di primo giocatore della storia ad aver vinto un match sotto il tetto dello Chatrier, la grande novità di quest’anno prima che il virus imponesse anche le sue, di regole.

[…]

 

Se Jannik non fosse titubante con il servizio, almeno nel primo set, la lezione risulterebbe ancor più dura per il belga, fallosissimo sul rovescio, praticamente inesistente con la seconda palla e sistematicamente in difficoltà di fronte alla profondità degli scambi dettati dalla potenza del rivale italiano. Peraltro, sistemata la battuta, dal 5-5 del primo parziale Sinner metterà in fila 11 game consecutivi che sotterreranno le residue velleità del tenero David. Ed è proprio questo che sorprende: a un certo punto è apparso addirittura normale che il numero 74 del mondo fosse padrone della scena contro il numero 12

[…]

Intanto lui ci sta facendo l’abitudine a metterli sotto. Il 31 dicembre 2018 era un ragazzetto pressoché sconosciuto e in classifica si segnalava un 551 accanto al suo nome. Ventun mesi dopo ha già battuto 5 volte un giocatore tra i top 20, dimostrando pure di saper gestire con maggior lucidità di un veterano le condizioni estreme: «Non è stato semplice, il campo è piuttosto lento. Il tetto di sicuro aiuterà nei prossimi giorni quando è prevista pioggia. Fortunatamente sono riuscito a palleggiare due volte nei giorni scorsi sul Centrale, ma c’era più vento e faceva anche più freddo». A Goffin, invece, tra le altre cose è mancata sicuramente un po’ di tempra mentale, visto che i programmi prima di Parigi prevedevano un matrimonio che non c’è mai stato: «Dovevo sposarmi il 19 settembre (con Stephanie, la fidanzata storica da 8 anni, ndr) ma a causa del Covid abbiamo dovuto rinviare la cerimonia. Così sono andato a Roma, ma è stato un errore, non c’ero con la testa. Poi mi sono allenato cinque giorni a Montecarlo, pensavo di aver ritrovato una buona forma». E dunque a Sinner va riconosciuto qualche merito nella ripassata

[…]

Speriamo che David sia facile profeta. Intanto il tabellone apre squarci molto interessanti a Jannik: al secondo turno troverà il qualificato francese Benjamin Bonzi, numero 227 Atp uscito dalle qualificazioni, ed eventualmente al terzo turno uno tra il francese Paire e l’argentino Coria, prima di un eventuale ottavo contro Alexander Zverev. Dalla stessa parte c’è pure Nadal, ma al momento è meglio limitare i sogni all’oggi. Anche se dalla normalità di Sinner ormai bisogna attendersi solo eventi straordinari.

Sinner spiana Goffin. Nel freddo di Parigi vanno forte gli italiani (Gaia Piccardi, Corriere della Sera)

David Goffin, n.12 del mondo, è la prima foglia a cadere in questo Roland Garros autunnale, scattato sotto la pioviggine di Parigi, al freddo e in piena emergenza Covid. Jannik Sinner da Sesto Pusteria, 19 anni, è già troppo forte per il belga: al suo debutto parigino, per la prima volta sul centrale che inaugura la chiusura del nuovo tetto, l’azzurro non trema e si guadagna in tre set una sfida potabile con il francese Bonzi. È un torneo insapore, con tutti i disagi dei frutti che si vogliono portare per forza in tavola fuori stagione. È arrabbiato Forget, direttore del Roland Garros, che sognava 11.5oo spettatori al giorno (distanziati, parbleu) e invece per ordini del governo francese ne può ospitare solo mille; sono infastiditi I giocatori, protagonisti dopo l’Open Usa del secondo Slam pandemico, costretti a misurarsi la febbre a ogni piè sospinto: a New York si facevano più tamponi e si viveva in una bolla impermeabile, a Parigi i controlli sono più laschi e l’hotel dei tennisti è aperto ai turisti; ed è furibondò anche Rafa Nadal, padrone del torneo per 12 volte: sostiene che il cambio di palle, da Babolat a Wilson, non lo favorisca.

[…]

Un Sinner in grande spolvero, ma è grand’Italia su tutti i campi. Cecchinato, rinvigorito dalla cura ricostituente di coach Sartori e uscito a testa alta dalle qualificazioni, vola al secondo turno battendo De Minaur: è la prima vittoria Slam del siciliano da Parigi 2018, l’edizione in cui raggiunse a sorpresa la semifinale. Ed è brillante anche Travaglia, che conferma la forma messa in mostra al Foro Italico prendendosi lo scalpo di Andujar.

[…]

Sinner che esordio: fuori Goffin. E Cecchinato cancella due anni (Ubaldo Scanagatta, La Nazione)

Via al Roland Garros-Era Open n.53, primo di sempre a fine settembre causa Covid. La prima con il Philippe Chatrier coperto da un tetto. II primo a vincerci è stato la più grande promessa del tennis italiano, Jannik Sinner. II Pel di Carota della Val Pusteria, 19 anni compiuti il 16 agosto e n. 74 ATP (n.1 fra gli under 20), ha battuto nuovamente e in 3 set, 75 60 63, il belga David Goffin, 30 anni, n.12 ATP e n.11 a Parigi (manca Federer). Goffin era stato il primo top-ten battuto dall’allievo di Riccardo Piatti, a febbraio a Rotterdam, torneo indoor. Da allora i due si erano allenati spesso insieme, a Montecarlo dove entrambi hanno la residenza, e a Bordighera al Centro Piatti. Fino a diventare amici.

[…].

II torneo sembra essere la grande opportunità per Rafa Nadal di vincere il suo Roland Garros n. 13 nonché lo Slam n.20 che gli consentirebbe di eguagliare i 20 del grande assente Federer. Ma il sorteggio gli ha piazzato nella sua metà di tabellone il vincitore dell’US Open Thiem, finalista delle ultime due edizioni, semifinalista delle due precedenti. Così sono salite le azioni di Djokovic. Per Sinner si trattava invece di un esordio. E non poteva essere più felice. Dopo un primo set caratterizzato da 4 break di fila e di tennis bruttarello. Sul campo umido e pesante le palle Wilson parevano gatti arrotolati. Goffin, servendo sul 5-6, ha regalato 3 punti e mollato il game di servizio con un rovescio fuori d’un metro. Vinto quel set in 53 minuti, per un Sinner rinfrancato è stata tutta discesa: ha inanellato 11 game di fila, fino al 3-0 del terzo set. Non sarebbe stato più ripreso da un Goffin presto rassegnato.

[…]

Cecchinato, sceso a n.110 da n.16 è tornato alla vittoria in uno Slam. Tranne che per la stupefacente semifinale parigina del 2018 aveva perso 11 volte al primo turno. Stavolta ha invece battuto l’australiano De Minaur, n.27 ATP, 76 64 60, quarto finalista al recente US open. «Sto tornando a essere il Cecchinato di 2 anni fa… ho messo più muscoli, ho un nuovo team, è tornata la fiducia, mi diverto anche a lottare» ha detto il neopapà. Felice anche Travaglia, n.73: ha battuto Andujar, n.50, 63 63 64 nel giorno in cui Wawrinka, dominando Murray 61 63 62, ha dimostrato che lo scozzese ex n.1 del mondo non è proprio guarito.

[…]

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement