ATP Cagliari: Musetti salva 4 match point ed elimina Evans. Fuori Cecchinato

ATP

ATP Cagliari: Musetti salva 4 match point ed elimina Evans. Fuori Cecchinato

Vittoria al fotofinish per Lorenzo, che torna nei quarti a Cagliari. Battuto il numero uno del seeding di rabbia, non senza polemica finale: “Mi ha infastidito molto”. Sfuma il quarto di finale tutto italiano

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti si è portato a casa l’ennesimo match emozionante del suo 2021. Sulla terra rossa dell’ATP 250 di Cagliari ha battuto 6-1 1-6 7-6(8) il numero uno del tabellone Dan Evans, salvando quattro match point nel tie-break decisivo. Il giovane azzurro ha raggiunto i quarti di finale del torneo, dove sfiderà il vincente di Djere-Millman. Un match alla sua portata che, se vinto, lo porterebbe a eguagliare il risultato dello scorso anno: l’aria ventosa e insolitamente fredda di Cagliari piace tanto a Musetti. Oggi è andato vicinissimo alla sconfitta dopo aver dominato il primo set. Evans è riuscito a infastidirlo anche in maniera non correttissima (come ha confermato nell’intervista post-partita), ma nei tie-break a livello ATP Musetti è ancora imbattuto: quattro vinti su quattro giocati. Quando deve tirar fuori il carattere, l’azzurro riesce sempre a farlo, da vero lottatore, da vero vincente.

LA CRONACA – L’avvio di match è stato tutto in favore di Musetti con un parziale di 16 punti a 4 per il 4-0 iniziale con doppio break. Sono le traiettorie liftate a fare più male al tennista inglese, che nemmeno con il rovescio in back è riuscito a fare partita pari. Lorenzo invece sulla terra battuta cagliaritana sembra essere proprio nel suo “habitat naturale” e in 25 minuti si è preso il primo set col punteggio di 6-1, quasi senza storia. Il game che gli dà più fiducia è il quinto, dove si è salvato da 15-40 giocando in modo intelligente per poi sfoggiare un paio di soluzioni brillanti.

Stesso punteggio, ma storia ben diversa quella secondo parziale, vinto da Evans. Visibilmente irritato a fine primo parziale dall’incapacità di contrastare il gioco di Musetti, l’inglese è sceso in campo con tutt’altra attitudine dopo il 6-1 subìto. Ha iniziato a seguire il servizio a rete e a rispondere vicino alla riga del servizio (quasi una rivisitazione della SABR di Roger Federer). Tanto è bastato per destabilizzare Musetti, che si è ritrovato sotto di un break e poi 3-0 dopo qualche occasione mancata per ritornare “on serve”. Il momento di appannamento di Musetti è continuato. L’azzurro non ha trovato le giuste misure con il passante, ha recuperato un break sullo 0-4, ma poco dopo ha ceduto ancora una volta il servizio ed Evans ha restituito il 6-1.

 

Apprezzabile il gioco estremamente offensivo del numero uno del tabellone e di Gran Bretagna. Musetti invece è calato in maniera vistosa, ma un buon game d’apertura di terzo set gli ha dato una nuova spinta. Infatti è l’azzurro ad andare vicino al break nella prima metà del set decisivo. Prima in un lunghissimo quarto game dove però è molto impreciso con la risposta, poi sul 3-2 in suo favore non sono bastati i due vincenti più belli dell’incontro per sorprendere un Evans molto concentrato e carico (anche troppo nelle sue esultanze, spesso accentuate sugli errori di Musetti). Sul 4-4 è stato invece Evans ad avere due palle break: un dritto largo e un gran passante di Musetti gli hanno negato l’opportunità di servire per l’incontro.

Le occasioni più grandi per Musetti sono arrivate poco più tardi, sul 6-5, quando Evans ha commesso un doppio fallo concedendo al carrarese un match point, mancato per poco con un difficile dritto in corsa spedito lungo. Lorenzo ha sentito il colpo e nel tie-break è scivolato sotto 4-0. Evans ha avuto tre match point consecutivi, ma dal 6-3 in suo favore ha commesso un non forzato e poi ha dovuto applaudire due vincenti di Musetti, uno sulla palla corta, il colpo che ha funzionato meglio in tutto il terzo parziale. Sul 7-8 ha scagliato un gran servizio (ottimo nel match, quasi 75% di prime in campo) al centro per annullare anche un quarto match point. Alla sua terza occasione l’azzurro ha chiuso con la smorzata e ha esultato con rabbia scagliando a terra la racchetta (“da deficiente” ha detto lui a fine partita, scherzando).

“Nel primo ero molto concentrato” il commento a caldo di Musetti. “Poi ho subito un break stupido nel secondo set, mi è girato male qualche punto e mi sono innervosito. Anche per il suo atteggiamento non molto corretto, mi ha infastidito molto. Ci tengo a dirlo. Alla fine son rimasto lì e ho lottato tutti i punti. Facevo fatica a rispondere quando scendeva a rete, copriva bene il campo”. Non lo esalta la sua eccellente statistica nei tie-break: “Il tie-break è una roulette russa, può capitare di tutto come oggi. Bisogna stare lì e dare tutto, sperare in Dio o nella fortuna, che oggi è stata dalla mia parte. Con Evans son state scintille, non iniziate da parte mia perché ho molto rispetto per l’avversario. Sinceramente anche se sono un ragazzino, lui si è comportato poco correttamente. Magari si ritiene esperto e lo può fare. Ma non me ne frega, ho vinto”.

DA LORENZO A LORENZO – Vittoria anche per Lorenzo Sonego nel terzo match in programma. Il torinese giocherà per la quarta volte nei quarti di finale di un torneo del circuito maggiore. Sonego ha battuto in due set Gilles Simon, 6-4 6-1 in un’ora e 35 minuti. Una vittoria importante, perché ‘Gilou’ sa essere un cliente fastidioso, ne sa qualcosa Stefano Travaglia, battuto 6-4 al terzo. Lorenzo è stato bravo a chiudere il primo set con un break nel decimo gioco e a guadagnarsi un vantaggio iniziale a inizio secondo. Non ha mollato la presa e ha continuato a insistere nel momento di massima difficoltà del francese, che ha finito per cedere.

Il dritto è il colpo che nel primo set ha fatto il bello e il cattivo tempo per l’azzurro nel primo parziale. Gli ha permesso di recuperare un break nel quarto game e (sul 4-3) di portarsi in vantaggio 5-3. Non è riuscito a chiudere col servizio, ma un doppio fallo di Simon sul 30-30 del decimo game gli ha dato un prezioso set point, occasione che Sonego non si è fatto sfuggire, vincendo un gran punto. Il suo momento positivo è continuato nel secondo set. Al termine di un lunghissimo turno di battuta ha allungato 4-1, piegando definitivamente la resistenza di Simon.

FUORI MARCO – La giornata di tennis si è aperta però con una sconfitta per il tennis azzurro. Marco Cecchinato, che in questo 2021 non ha ancora vinto due match consecutivi (l’ultima volta in un main draw gli era riuscito proprio qui in Sardegna, nell’ottobre 2020), ha perso con qualche rammarico contro Yannick Hanfmann, prossimo avversario di Sonego. Partita godibilissima nel primo set per merito di entrambi, con Cecchinato che come suo solito ha fatto un notevole uso della smorzata di dritto mentre il tedesco ha arricchito il match di spettacolo con frequenti serve&volley. Hanfmann ha sfruttato una posizione in risposta molto avanzata, e la sua reattività gli ha permesso di mettere pressione a Marco sin da subito. Quest’ultimo, invece, in risposta ha adottato la tattica opposta, invitando così il suo avversario a sperimentare con la palla corta.

L’equilibrio che sembrava destinato a durare fino al tie-break, purtroppo per Cecchinato si è interrotto nell’undicesimo game nel quale un paio di accelerazioni di Hanfmann e una stecca di Cecchinato sono valsi il break decisivo per la vittoria del primo set (7-5) – e conseguentemente della partita. Sulla scia della fiducia, Hanfmann ha infatti proseguito alla grande con le sue risposte violente, finendo per ottenere sette game consecutivi a cavallo dei due parziali. Cecchinato non si è più ripreso dalla sbandata e ha ceduto anche mentalmente, rompendo una racchetta dopo un doppio fallo. Hanfmann (n. 105 del mondo) ha infine chiuso 6-1 dimostrandosi a suo agio sui campi sardi, dove aveva raggiunto i quarti di finale anche lo scorso ottobre nell’edizione del torneo disputata sui campi di Santa Margherita di Pula. ‘Ceck’ tornerà in campo a Montecarlo la prossima settimana, poi giocherà le qualificazioni a Barcellona e l’ATP 250 di Belgrado.

Ha collaborato Paolo Di Lorito

Risultati:

Y. Hanfmann b. M. Cecchinato 7-5 6-1
L. Musetti b. [1] D. Evans 6-1 1-6 7-6(8)
L. Sonego b. G. Simon 6-4 6-1
L. Djere [6] vs J. Milman

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

ATP

Vit Kopriva stupisce ancora: è in semifinale all’ATP di Gstaad

Il tennista ceco conferma la bella vittoria con Shapovalov lasciando un solo game a Ymer. Gaston annulla 4 match point a Garin

Pubblicato

il

La vittoria su Denis Shapovalov negli ottavi di finale non è stata un caso. Il 24enne Vit Kopriva è l’uomo della settimana all’ATP 250 di Gstaad. Il tennista ceco ha vinto i match di qualificazione per il torneo svizzero e ha potuto fare il suo debutto in un evento ATP. Nel suo primo quarto di finale in carriera nel circuito maggiore, sfidava il classe 1998 Mikael Ymer. Il giovane svedese aveva tutti i favori del pronostico, ma è entrato in campo con un atteggiamento molto remissivo. Kopriva invece, forte della striscia di vittorie inanellata negli ultimi giorni, ha dominato la partita, soprattutto con il dritto. Ymer non ha avuto la pazienza necessaria per tenere il palleggio e non è mai entrato nel match.

Kopriva ha chiuso 6-1 6-0 in appena 51 minuti. È il secondo giocatore che nel 2021 riesce a raggiungere le semifinali al suo primo torneo ATP (Juan Manuel Cerundolo ci arrivò a Cordoba). L’ultimo a farcela fu Attila Balazs a Bucarest 2012.

La semifinale della parte bassa del tabellone vedrà incrociare le racchette Hugo Gaston e Laslo Djere. Il giocatore francese, già messosi in mostra lo scorso autunno al Roland Garros, ha infiammato il match contro lo specialista Christian Garin, sconfitto nei quarti di finale anche una settimana fa a Bastad. Il cileno, quarta testa di serie, ha sprecato un break di vantaggio nel terzo set (conduceva 4-2) e ha anche servito per il match sul 5-4. Nel tie-break Gaston è riuscito ad annullare 4 match point, chiudendo 13-11 il gioco decisivo. Anche per lui sarà la prima semifinale nel circuito maggiore.

 

Djere è invece arrivato nel penultimo atto di un torneo ATP per la terza volta nel solo 2021 (sempre sul rosso). Anche lui ha vinto al terzo set, contro il francese Rinderknech. Djere non ha mai perso il servizio in tutto il match, ma dopo aver chiuso 6-4 il primo ha ceduto il tie-break della seconda frazione al numero 100 ATP. Ha dimostrato una certa sicurezza a inizio terzo parziale, nonostante i suoi turni siano stati sotto attacco per due volte di fila. Un nastro fortunoso che gli ha accomodato la palla sul match point gli ha dato la vittoria finale.

In chiusura di programma Casper Ruud ha superato in 3 set Benoit Paire, apparso comunque in netta ripresa come attengiamento in campo. Il norvegese continua la sua eccellente estate sul rosso dopo la vittoria nell’Open di Svezia a Bastad la scorsa settimana. Affonterà Kopriva in semifinale

Risultati:

[Q] V. Kopriva b. M. Ymer 6-1 6-0
[3] C. Ruud b. [6] B. Paire 6-2 5-7 6-3
H. Gaston b. [4] C. Garin 6-4 1-6 7-6(11)
[7] L. Djere b. A. Rinderknech 6-4 6-7(5) 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Gstaad: sorpresa Kopriva, Shapovalov va k.o., avanti Ruud e Paire

Il ceco, 249 del mondo, ha rimontato un set di svantaggio contro il fresco semifinalista di WImbledon. Ai quarti troverà Michael Ymer, che ha superato Feliciano Lopez

Pubblicato

il

Casper Ruud - Gstaad 2021 (via Twitter, @SwissOpenGstaad)

Al debutto nel circuito maggiore, il ventiquattrenne ceco Vit Kopriva si è tolto una bella soddisfazione. Nel giovedì di Gstaad, da qualificato, ha infatti sorprendentemente fermato la corsa di Denis Shapovalov, fresco semifinalista di Wimbledon. Il canadese, numero 10 del mondo e prima testa di serie, aveva vinto senza affanni il primo set. Poi però si è trovato ad affrontare l’impetuosa reazione del debuttante qualificato, 249 ATP, che nei due successivi parziali gli ha lasciato appena cinque game con la spinta dell’82 per cento di punti vinti sulla prima di servizio (anche se gli ace sono stati solo tre, contro gli 11 del canadese).

L’impresa di Kopriva lascia anche un segno statistico: è il giocatore peggio classificato a battere un top 10 da quando – era il 2017 – Thanasi Kokkinakis superò al Queen’s Milos Raonic, allora sesto del ranking. Ai quarti, il ceco troverà Michael Ymer che ha salvato due match point contro Feliciano Lopez, riuscendo anche lui ad avere la meglio in tre set. L’unico quarto di finale tutto tra teste di serie sarà quello tra Casper Ruud e Benoit Paire, che ha vinto il primo set contro Tallon Griekspoor beneficiando poi del ritiro dell’olandese. Per il norvegese, invece, sono bastati due set a superare Dennis Novak.

Risultati:

C. Ruud [3] b. D. Novak 6-4 7-6(5)
M. Ymer b. F.Lopez [8] 6-7(6) 7-6(7) 6-4
B. Paire b. T. Griekspoor 6-4 rit.
V. Kopriva [Q] b. D. Shapovalov [1] 2-6 6-3 6-2

Il tabellone completo

 

Continua a leggere

ATP

ATP Umago: Mager sorpreso da Altmaier in tre set

L’azzurro vince il primo set, poi perde 9 giochi di fila. Altmaier stoppa il suo tentativo di rimonta, chiudendo 7-5. Sarà Lajovic il suo avversario. Domani torna in campo Travaglia

Pubblicato

il

Gianluca Mager non è riuscito a raggiungere Stefano Travaglia ai quarti di finale dell’ATP 250 di Umago. Sul campo Grandstand, il numero 75 ATP (e numero 8 del tabellone) ha ceduto in un’ora e 50 minuti al qualificato Daniel Altmaier, rimontato dopo aver il vinto il primo set 4-6 6-1 7-5. Altmaier tornerà a giocare un quarto di finale nel circuito ATP dopo 4 anni (sull’erba di Antalya venne sconfitto da Sugita in due set). Da inizio secondo set in poi il tedesco è stato chiaramente il miglior giocatore in campo. Tuttavia, dopo un inizio di partita molto rapido dove il buon servizio di entrambi ha fatto indirizzato gli scambi, Mager ha sfruttato con grande cinismo l’unica palla break messa a disposizione da Altmaier (falloso col dritto) nel decimo game.

La racchetta scagliata al suolo dopo il set point e il brutto inizio di secondo parziale (Mager ha due occasioni di portarsi avanti 2-0 e servizio) lasciava pensare che il tedesco fosse in totale confusione e preda del nervosismo. Dal terzo game in poi è iniziata però un’altra partita: Gianluca ha iniziato ad affrettare troppo la manovra, ha subìto il break e nei turni successivi ha dato la sensazione di voler uscire dalla partita, colpendo una serie di errori non forzati grossolani. Non è cambiata la solfa a inizio terzo set e il giocatore tedesco ha infilato il nono gioco consecutivo portandosi 3-0 nel parziale decisivo. Dopo aver smosso il punteggio col servizio, Mager si è esaltato nel settimo game, sotto 2-4. Ha pescato il punto più bello del match e poco dopo ha recuperato il break. Il controllo del match da parte dell’azzurro è però durato poco: sul 6-5 Altmaier, Gianluca ha giocato un altro game negativo, capitolando dopo un bel rovescio lungolinea vincente del suo avversario, che – molto più concreto – ha meritato la vittoria.

Sul Campo Centrale ha avuto pochi problemi invece il terzo favorito del tabellone, Filip Krajinovic, che ha superato un piccolo inciampo a fine primo set (ha perso il servizio sul 5-3 in suo favore) per poi controllare Radu Albot, battuto 6-4 6-2. Più complessa invece la partita di Dusan Lajovic: ha recuperato un break di svantaggio nel primo set a Zapata Miralles e ha salvato due set point. Ha chiuso in quasi due ore di partita, 7-5 6-4. Sarà lui a sfidare Altmaier nei quarti di finale.

 

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement