WTA Charleston 2: la quindicenne Linda Fruhvirtova accede ai quarti di finale

Flash

WTA Charleston 2: la quindicenne Linda Fruhvirtova accede ai quarti di finale

Avanti anche Ons Jabeur, mentre Osorio Serrano vince la settima partita di fila. Per lei Clara Tauson, che ha battuto Tomljanovic

Pubblicato

il

Linda Fruhvirtova - WTA Charleston 2021 (via Twitter, @VolvoCarOpen)

Si sono conclusi gli ottavi di finale del torneo di Charleston 2, dove non è verde solo la terra ma anche la linea, visto che, fra le otto rimaste in gara, tre nella parte bassa sono sotto i vent’anni, e una, Linda Fruhvirtova, deve ancora compierne 16.

La classe 2005 ceca, N.499 WTA, ha sconfitto un’altra wildcard, la 2001 Emma Navarro, con il punteggio di 6-4 6-2. La partita ha vissuto di parziali: dopo il 2-0 iniziale in suo favore, Fruhvirtova ha perso quattro giochi di fila, prima di restituire il favore e chiudere il parziale. Similmente, nel secondo ha recuperato subito il break subìto nel primo gioco e ha chiuso vincendo gli ultimi quattro game dell’incontro – 30 vincenti per lei, ma anche 11 doppi falli, cosa che spiega il misero 26 percento di punti vinti sulla seconda a fronte del 75 sulla prima. Al momento guadagnerebbe 138 posizioni, salendo al N.361; la sua prossima avversaria sarà l’australiana Astra Sharma, a cui sono servite due ore 27 minuti per battere la tds N.8 Madison Brengle per 6-4 4-6 7-5.

Sempre nella parte bassa, si prospetta un quarto estremamente interessante fra Clara Tauson e Maria Camila Osorio Serrano. Le due hanno praticamente un anno di differenza (la colombiana è del 22 dicembre 2001, la danese del 21 dicembre 2002) e hanno recentemente vinto il primo titolo a livello WTA, rispettivamente a Lione e Bogotà. Encomiabile l’endurance di Osorio Serrano, che dopo il successo della scorsa settimana ha preso un volo per la South Carolina e sta sfruttando appieno la Special Exemption fornitale dagli organizzatori: al secondo turno ha ottenuto la settima vittoria consecutiva in poco più di una settimana, la terza al set decisivo, rimontando Christina McHale per 2-6 7-6(2) 7-6(1) in due ore e 32 minuti. La statunitense (che aveva eliminato Errani al primo turno) sembrava in controllo del match, trovandosi a servire per il match sul 5-4 e sul 6-5 nel secondo set, ma in entrambi i casi l’avversaria è riuscita a strapparle la battuta, dominando il tie-break. Nel terzo è stata Osorio Serrano a non chiudere sul 5-4 e servizio, ma nonostante il break subito è riuscita a mantenere la calma, conquistando gli ultimi sei punti del match dall’1-1 del gioco dirimente.

 

Nei quarti, come detto, fronteggerà Tauson, che nei primi due match ha mostrato la stessa condizione che l’aveva portata a vincere sette incontri di fila senza concedere set in Auvergne-Rhône-Alpes. Particolarmente convincente la vittoria più recente ai danni di Ajla Tomljanovic, un perentorio 6-1 6-4 in 96 minuti sull’onda di 31 vincenti. Nel primo parziale la danese è scappata rapidamente, portando a casa gli ultimi cinque giochi con un parziale di 21-8, ripetendosi nel secondo quando dall’1-4 è riuscita a cambiare l’inerzia del parziale. Qualche rimpianto comunque per l’australiana, che ha avuto una palla per andare a servire per il set sul 4-3 in suo favore prima di procurarsene ben quattro nell’ultimo game dell’incontro – solo un break point sfruttato (su dieci) per lei.

Nella parte alta, invece, prosegue spedito il percorso della tds N.1 Ons Jabeur, alla ricerca del suo primo titolo WTA; dopo il facile 6-4 6-0 amministrato nel match di secondo turno con la qualificata Alycia Parks, si giocherà un posto in semi con la giapponese Nao Hibino. L’ultimo quarto di finale, infine, vedrà di fronte giocatrici in ascesa come Shelby Rogers, che con il doppio 6-2 inferto a Liu si è assicurata il best ranking di 45, e Danka Kovinic; la finalista di Charleston 1 della scorsa settimana ha battuto Lauren Davis per 6-1 1-6 6-3.

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Roma: niente festa per la millesima di Serena. Agli ottavi va Podoroska

L’argentina gioca un’ottima partita e batte Serena nella sua partita numero 1000 in carriera. Agli ottavi sfiderà Martic

Pubblicato

il

N. Podoroska b. [8] S. Williams 7-6(6) 7-5

Serena Williams non ha potuto festeggiare con una vittoria la sua partita numero mille sul circuito (851-149 lo strepitoso bilancio aggiornato). Sul centrale del Foro Italico la statunitense si è infatti dovuta arrendere al cospetto di un’ottima Nadia Podoroska, che ha così ottenuto il suo terzo successo in carriera contro una top 10. La sconfitta potrebbe suonare sorprendente – e in effetti quasi ogni inciampo di Serena viene accolto con stupore nonostante veleggi ormai verso i quarant’anni – ma non bisogna dimenticare che Podoroska è pur sempre semifinalista in carica del Roland Garros e sa come muoversi bene su questa superficie. Entrambe hanno giocato una partita di buonissima qualità, pur con qualche comprensibile calo di tensione, e hanno dato vita ad una discreta battaglia.

Il primo set in particolare è stato di ottimo livello come testimonia anche il saldo vincenti/errori gratuiti, positivo per entrambe (22/18 Serena, 14/7 Podoroska). L’argentina parte subito molto aggressiva, ottenendo una palla break nel primo game e strappando poi il servizio all’avversaria nel terzo. La reazione di Serena non si lascia attendere e conduce a un immediato controbreak. La statunitense prova a forzare il vincente entro i primi due/tre colpi, ben consapevole di non poter reggere sulla lunga distanza un continuo braccio di ferro da fondo. Se non riesce a sfondare entro tale soglia, fare il punto diventa molto più difficile per lei, soprattutto perché Podoroska concede davvero poco. L’argentina trova un altro break nel nono gioco e va a servire per il set, ma ancora una volta Serena riesce a mettere subito una pezza, impattando sul 5-5. Si approda infine al tiebreak, nel quale Podoroska allunga subito sul 5-2 e poi sul 6-3. Qui Serena gioca da campionessa, annullando i tre set point con altrettanti vincenti. Un dritto lungolinea largo di pochi centimetri la costringe a fronteggiarne un quarto sul quale stavolta Podoroska è cinica, chiudendo il set con la combo servizio-dritto.

 

Nel secondo parziale, Serena si tiene in scia fino al 3-2, ma sembra chiaro che l’inerzia della partita sia dalla parte di Podoroska. La statunitense incappa in un disastroso sesto game che proietta l’avversaria verso il 5-2. A questo punto però, Serena tira fuori le unghie, mentre Podoroska spegne la luce proprio nel momento di servire per il match. Un parziale di dodici punti a zero ristabilizza la situazione sul 5-5. L’argentina non si lascia sgomentare dal mini black out e si ricompone, trovando nuovamente la via del break nel dodicesimo gioco ed evitando così le insidie di un secondo tiebreak. Agli ottavi Podoroska sfiderà Petra Martic, che ha eliminato Kiki Mladenovic con il punteggio di 7-5 6-3.

Serena commenta così a fine match: “La prima partita sulla terra è sempre molto difficile. Parlerò con il mio team, può darsi che io abbia bisogno di giocare qualche altra partita. Non è facile allenarsi per settimane e trovare subito il ritmo al primo match”. E aggiunge: “Ho incontrato delle difficoltà, soprattutto negli spostamenti. Non volevo certo rompermi le caviglie! In un certo senso è stato positivo affrontare subito una giocatrice da terra battuta, dall’altro è stato un po’ frustrante. Però credo sia solo questione di tempo“.

Il tabellone femminile aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere

Flash

Internazionali di Roma, il programma di giovedì 13 maggio: Berrettini e Sonego sul Grandstand

Centrale riservato a Djokovic e Nadal oltre a due match femminili. Berrettini a pranzo contro Tsitsipas, Sonego-Thiem in sessione serale

Pubblicato

il

Il programma degli ottavi di finale al Foro Italico fa storcere il naso a molti: come sapete da giovedì 13 arriverà il pubblico che finalmente potrà varcare i cancelli dell’impianto ma i possessori del prezioso biglietto per il Campo Centrale non vedranno gli ultimi due giocatori italiani rimasti in tabellone: Matteo Berrettini e Lorenzo Sonego, impegnati rispettivamente contro Stefanos Tsitsipas e Dominic Thiem, due giocatori di altissimo profilo. Sono fioccate le proteste.

Sul Centrale aprirà Djokovic alle ore 10 contro lo spagnolo Davidovich Fokina, a seguire la N.1 del femminile Ashleigh Barty contro Kudermetova. Terzo match in campo quello di Nadal contro Shapovalov, ma questa collocazione non è piaciuta per niente allo spagnolo che e’ stato fortemente critico quando ha parlato con la stampa spagnola intorno alle 21,30 dopo il match vinto su Sinner (“Queste sono cose che succedono qui…l’avrà deciso il direttore del torneo…terzo turno senza specificare ‘il non prima delle…” vuol dire che dovrò venire prestissimo qua, perché non si può’ sapere quanto dureranno i primi due match, e se poi si andava al terzo?” ).

A seguito delle sue lamentele – piuttosto giustificate perché un giocatore non può arrivare all’ultimo momento con il rischio che uno dei match che precedono il proprio non si disputino o duri pochissimo – l’organizzazione ha allora rimediato stabilendo un inizio …”non prima delle 14”.

 

I due azzurri saranno impegnati sul Grandstand: Berrettini non prima delle 12 contro il campione di Montecarlo Tsitsipas, Sonego non prima delle 19 contro il campione dello US Open Thiem.

Questo il programma completo:

Campo Centrale ore 10
[1] N. Djokovic vs [Q] A. Davidovich Fokina
[1] A. Barty vs V. Kudermetova

non prima delle ore 14

[13] D. Shapovalov vs [2] R. Nadal

non prima delle ore 18

[12] G. Muguruza [5] E. Svitolina

Grand Stand Arena ore 10
R. Opelka vs A. Karatsev

non prima delle ore 12

[9] M. Berrettini vs [5] S. Tsitsipas
[9] Ka. Pliskova vs [Q] V. Zvonareva
J. Ostapenko vs A. Kerber

non prima delle ore 19

[4] D. Thiem vs L. Sonego

Campo Pietrangeli ore 10
C. Gauff vs [7] A. Sabalenka
B. Krejcikova vs [15] I. Swiatek
F. Auger-Aliassime vs [Q] F. Delbonis
[6] A. Zverev vs K. Nishikori
[10] R. Bautista Agut vs [7] A. Rublev

Campo N. 1 ore 10
E. Alexandrova vs J. Pegula
N. Podoroska vs P. Martic

Continua a leggere

Flash

WTA Parma, wildcard a Serena e Venus Williams

Le due sorelle vogliono prepararsi al meglio per il Roland Garros, e hanno scelto Parma per farlo. Il loro unico precedente italiano risale al… 1998!

Pubblicato

il

Serena e Venus Williams - Indian Wells 2018 (foto via Twitter, @BNPPARIBASOPEN)

I riflettori sull’Emilia-Romagna Open, il nuovo torneo WTA di Parma in programma la settimana prossima, si sono improvvisamente moltiplicati: le sorelle Venus e Serena Williams hanno infatti ottenuto una wildcard per giocare in Emilia.

“Al Tennis Club Parma scenderanno in campo due delle giocatrici più forti di ogni epoca”, si legge nel comunicato. “Le sorelle Serena e Venus Williams hanno ricevuto una wild card a testa per il tabellone principale dell’Emilia-Romagna Open femminile, torneo WTA 250 organizzato da MEF Tennis Events e diretto da Laura Ceccarelli”.

Venus e Serena vogliono giocare qualche partita in più sulla terra prima del Roland Garros. Speravano di farlo a Roma, ma Venus si è dovuta ritirare all’ultimo minuto, mentre Serena ha perso oggi al debutto con Podoroska nel suo millesimo match WTA (come riporta l’account Twitter dello US Open, Venus e Sam Stosur sono le altre due giocatrici in attività ad aver raggiunto la quadrupla cifra). Dopo il match, Serena (che a Parma sarà la prima favorita) aveva già fatto trasparire l’intenzione di voler disputare un altro torneo prima di Parigi al termine: “Parlerò con il mio team, può darsi che io abbia bisogno di giocare qualche altra partita. Non è facile allenarsi per settimane e trovare subito il ritmo al primo match”.

 

Le due potrebbero teoricamente finire contro già al primo turno nel main draw a 32 in quello che sarebbe il loro primo duello italiano del millennio. Le sorelle si sono infatti già sfidate una volta in Italia (su 31 partite totali), ma sostanzialmente nel Pleistocene: il precedente risale al 1998, quando Venus vinse 6-4 6-2 nei quarti degli Internazionali d’Italia – le due si sarebbero poi dovute incontrare a Roma anche nel 2019, ma Serena si ritirò prima di giocare quel secondo turno.

Il torneo aveva subito un colpo di PR a causa del forfait di Bianca Andreescu, impossibilitata a raggiungere la penisola perché potenzialmente obbligata ad auto-isolarsi dopo aver avuto il coronavirus, ma oltre alle Williams potrà comunque disporre di una entry list di altissimo livello, con, fra le altre, Sloane Stephens, Cori Gauff, Madison Keys, Amanda Anisimova e Camila Giorgi. Al termine del comunicato si legge anche che i nomi delle ultime wildcard verranno svelati durante la conferenza pre-torneo di questo venerdì, 14 maggio, alle 15:30.

La manifestazione è in programma da sabato 15 a sabato 22 maggio: oltre a stelle quali , ci saranno anche Serena Williams e Venus Williams, entrambe ex numero 1 del mondo. Le statunitensi sono due delle atlete più vincenti di sempre: Serena ha conquistato in carriera ben 23 titoli dello Slam, Venus 7. Entrambe saranno a Parma per vincere e regalare spettacolo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement