Coppa Davis: ora tutto si complica ma nulla è ancora perduto. Se fossi Volandri...

Coppa Davis

Coppa Davis: ora tutto si complica ma nulla è ancora perduto. Se fossi Volandri…

La sconfitta di Sonego rischia di metterci nei guai: nel doppio non siamo favoriti. Nei singolari sì. Ma Musetti o Sonego in doppio con Bolelli? E in singolo?

Pubblicato

il

 
 

Dalle stelle alle stalle…Sì perché ieri ricordando che la squadra detentrice della Coppa Davis, la Russia, è stata esclusa dalla manifestazione di quest’anno salvo contrordini, si era detto che l’Italia quest’anno avrebbe avuto buone chance di portarla a casa, sempre che Berrettini e Sinner fossero sempre stati disponibili.

Invece ci troviamo sull’1 a 1 a Bratislava alla vigilia di un doppio che noi dovremo quasi improvvisare e che quindi non ci vede favoriti sebbene i nostri giganteschi avversari abbiano quasi 40 anni, Igor Zelenay (1m,98 cm, 4 tornei vinti ), e quasi 37, Filip Polasek, (1 m,93 cm e17 tornei vinti compreso un Australian Open nel 2021) e non possano definirsi imbattibili. Polasek è ancora n.13 del mondo di specialità, Zelenay 145.

Ma noi abbiamo soltanto Bolelli come specialista, ex campione di Slam e recente vincitore del torneo di Rio in coppia con Fognini che però si è stirato il polpaccio.

 

Non è una situazione facile, perché la sconfitta di Sonego complica maledettamente le cose.

Non è stato davvero incoraggiante, per Sonego che aveva già perso un duello decisivo a Torino con il croato Gojo, n.279 del mondo, riperdere anche con il ventinovenne Horansky,203 ATP che quasi – ora esagero un po’ – ma non vinceva più una partita dacchè trionfò al Bonfiglio 11 anni fa e che si è trovato a scendere in campo soltanto perché Molcan ha contratto il Covid proprio nella mattinata di questo venerdì. Tant’è che aveva ripreso gli studi di giurisprudenza per tentare la strada dell’avvocato

In mattinata ho visto Musetti allenarsi in doppio con Bolelli e quasi certamente questa sarebbe stata la coppia che avrebbe voluto schierare Volandri. …però se Volandri avesse pensato di far poi giocare a Musetti il singolare al posto di Sonego beh, l’idea di mettere in campo due volte Musetti che in Coppa Davis non ha praticamente mai giocato, è un discreto rischio. Non è chiedergli troppo? Ciò anche se le caratteristiche di questo campo sembrano essere ideali per Lorenzo. Non è troppo veloce, di certo aiuta i suoi movimenti ancora troppo ampi.

Musetti ha esordito a Torino nel doppio che non contava contro gli Stati Uniti, Ram e Sock, dopo che gli azzurri avevano battuto sia Isner sia Opelka nei singoli. Quindi di fatto questo sabato il suo sarebbe un esordio vero e proprio, con ben altre responsabilità.

Se si fossero giocati prima i singolari e poi il doppio il problema non si sarebbe posto. Ma con questa formula così  balzana, con il doppio che vale un quinto dei punti come nella vecchia Coppa Davis ma che si gioca prima dei singolari – come era anche una volta, ma allora la Davis si giocava in tre giorni e non in due – far giocare il doppio a uno che poi deve giocare anche il singolare e probabilmente addirittura il singolare decisivo sul 2 pari è un bel rischio e un bel rompicapo.

Nel doppio infatti sembrano favoriti i veterani slovacchi che al doppio si sono sempre dedicati. Poi su questo campo e con la folla che li incoraggia, abbiamo visto che i due singolaristi sono stati capaci entrambi di rendere molto più del solito.

Se fossi io il capitano, e non ho visto giocare in questi giorni Travaglia che è stato convocato a sostituire l’infortunato Fognini e non mi risulta essere un gran doppista, farei giocare Bolelli e Sonego per lasciare tranquillo Musetti. Non è detto che Sonego se ha giocato al di sotto delle sue possibilità di venerdì non possa giocare bene sabato. Avrebbe più o meno le stesse chances di giocare altrettanto bene che Musetti. Non farei questo scelta perché avrei paura che Musetti si stancasse a giocare due partite. A 19-20 anni giocare due match sui due set su tre, uno dei quali è un doppio, sotto il profilo fisico è uno scherzo. Ma sotto quello psicologico invece può essere dura.

Ma metterlo in campo per un doppio che è più facile perdere che vincere potrebbe avere conseguenze di tipo nervoso. Dopo il doppio gioca Sinner con Horansky e anche se Sinner non è stato particolarmente convincente nella prima giornata, tuttavia lui mi pare proprio di un’altra categoria. Quando è il momento di chiudere chiude. Quindi il punto credo proprio che lo porterà a casa, sia che sia quello del 3-1 e della vittoria, sia che sia quello del 2 pari, in rimonta dopo aver malauguratamente perso il doppio.

Ma mi pare tanta roba chiedere a Musetti oltre a un esordio pesante nel doppio di gestire anche quell’intervallo fra due gare a distanza di poco più di due ore, mentre Sinner gioca…e quindi alimentarsi, concentrarsi, non stressarsi a guardare Sinner pur…dovendo seguire quel che accade per prepararsi a scendere in campo, Insomma troppe cose tutte insieme per un tennista certamente inesperto.

Di sabato il National Tennis center sarà ancora più pieno, caldo ed entusiasta.

E questo venerdì abbiamo constatato che la Davis ha cambiato abito ma non abitudini. Sinner è il n.11 del mondo ma giocando contro il n.110 Gombos ha fatto il suo  stesso numero esatto di punti, 85 ciascuno, come se quei 99 posti di differenza non esistessero. Vero che nel tennis i punti non sono uguali. Contano quelli che decidono e Sinner, dopo aver faticato molto più del previsto, alla fine li ha fatti lui. Nel terzo set è riuscito a non fare arrivare mai a 40 il suo avversario che invece nel secondo set gli aveva strappato due volte la battuta. “Ho avuto un calo di concentrazione sul 2-1 “ ha ammesso Jannik, sempre lucido nell’analizzare le sue partite. Difatti ha perso il servizi, nel quarto e nel decimo gioco, nonostante che un break a Gombos nel primo game sembrava avesse spianato la partita a favore del ragazzo della Val Pusteria.

In teoria, quella teoria che in Davis viene spesso smentita, fra Sonego, n.21 e il sostituto dell’ultima ora Horansky, n.203, il divario avrebbe dovuto essere ancora più netto: 182 posizioni non sono uno scherzo.

Eppure l’equilibrio del primo set, vinto al tiebreak dallo slovacco che era forte da junior – vinse il Bonfiglio 11 anni fa, era il n.3 del mondo – ma da adulto non aveva mai combinato nulla di buono, si è spezzato nel secondo…Ma non a favore di Sonego, bensì della riserva slovacca che dopo aver mancato una palla break per il 4-2 ha sfruttato a suo favore la quarta per il 5-3.

Dopo di che non ha tremato nemmeno un filo e ha chiuso il set e il match dominando l’ultimo game, nonostante un bel punto di Sonego sul 30-0. Un fuoco di paglia purtroppo.

Uno a uno quindi in una giornata nella quale alle 17, anziché in questo stadio del tennis, avrei voluto essere in piazza SNP, acronimo che però va tradotto come Slovak National Uprising, a circa 300 metri dal palazzo presidenziale slovacco, bellissimo, e a 500 dal castello di Bratislava, all’interno di un centro storico tutto da camminare a piedi, bello e e piacevole…se non fosse che bisogna vestirsi da eschimesi. Lì, vicinissimo al Ministero della Cultura e all’ufficio centrale e gigantesco della Posta slovacca ho visto che stavano montando un palco gigantesco con un mega video. Mi sono informato: non era per una partita di calcio dello Slovan Bratislava. Era per il discorso in streaming che il premier ucraino Zelensky aveva fissato di fare intorno alle 17 per 8 Paesi collegati simultaneamente.

Era previsto che sarebbe arrivata una folla strabocchevole. Peccato che l’orario di inizio lo rendesse incompatibile con i miei doveri di cronista, per i motivi che mi hanno portato qui.

Fra questi anche le ormai famose magliette con il simbolo “Tennis for Peace” che mi sono scervellato per decidere a chi cercare di farle indossare dopo che già tutta la delegazione italiana si era presentata con il suo “Stop the War”. Finchè mi è venuta l’ispirazione di farle indossare a chi sarebbero stati sicuramente i più inquadrati dalle telecamere: i sette componenti della claque slovacca armati di tamburi e …voci da tenori.

Supporter slovacchi con le magliette di Ubitennis col simbolo #tennisforpeace (foto Felice Calabrò)

Ripeterò l’esperimento anche nella seconda giornata, ma devo far stirare le t-shirt perchè le hanno tutte stropicciate…Insomma bisogna pensarle proprio tutte…anche se poi il discorso ai fini televisivi è abbastanza inutile perché pensare che chi commenta su Supertennis citi una iniziativa di solidarietà, seppur oggettivamente lodevole, di Ubitennis è altamente improbabile. “Quel telecronista potrebbe rischiare il licenziamento ad osare così tanto”…ironizzava un collega. Sono comunque orgoglioso del mio team che ci ha consentito di avvisare tutte le 72  federazioni impegnate in questo primo turno di Davis, ma anche ATP, WTA, Hall of Fame, Tennis Europe e l’associazione internazionale dei giornalisti, più i soci dell’International Club. E l’iniziativa è stata presentata in 3 lingue, con l’aiuto dei nostri traduttori. Quanti destinatari? Oltre 600. Ci siamo mossi prima che lo facessero i 7 grandi poteri del tennis, il cui silenzio era stato assordante fino a quel momento.

Ma al di là di tutto, t-shirt o meno, speriamo che oggi l’Italia, dopo essersi complicata così la vita, riesca a sfangarla. Coraggio.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

David Ferrer è il nuovo direttore della Coppa Davis

L’ex numero 3 al mondo prende il posto di Albert Costa, in carica dal 2019: ha vinto il trofeo tre volte da giocatore. “Entusiasta per questo nuovo ruolo”

Pubblicato

il

Madrid,Davis Cup USA-ESP

La competizione a squadre più famosa della storia del tennis continua a parlare in spagnolo: è notizia di stamattina, infatti, che il nuovo direttore del torneo è David Ferrer. Ad annunciarlo è la stessa compagnia Kosmos, fondata nel 2017 dal calciatore Gerard Pique, che da tre anni ha rivoluzionato il format della competizione, attirando su di sé anche numerose critiche.

Il 40enne di Alicante, uno dei tennisti più amati della sua generazione, aveva annunciato il suo ritiro dalle competizioni al termine del torneo di Madrid nel 2019, ponendo la parola fine ad una carriera che lo aveva visto  spingersi fino alla posizione 3 del ranking ATP, frutto dei 27 titoli conquistati a partire dal 2000, anno del suo esordio tra i pro. Proprio qualche mese fa, raccontandosi ad Ubitennis, aveva descritto il suo speciale rapporto con la Coppa Davis, da lui ricordata come “la vittoria che mi ha fatto provare più orgoglio di tutte”, la sua predilezione per Federer (“ha fatto sembrare il tennis uno sport semplice”) e la “gratitudine per aver potuto giocare nello stesso periodo dei migliori tre della storia”.

Ferrer e la Coppa Davis, la magica insalatiera da lui sollevata in ben tre occasioni (2008, 2009 e 2011), per un totale di 20 match disputati: nelle ultime due vittorie spagnole era proprio Albert Costa a guidare la nazionale iberica, dopo il suo successo come giocatore nel 2000. E adesso i due si passano il testimone alla guida del torneo che così tanto ha dato loro: “Sono davvero entusiasta per questo mio nuovo ruolo”, le prime parole di Ferrer. “Questa è una competizione unica, che da giocatore vorresti sempre vincere per quello che rappresenta: giochi per il tuo Paese, in una squadra, in un’atmosfera incredibile!”. A Ferru vanno i migliori auguri per questa sua nuova avventura!

 

Clicca qui per leggere la classifica ATP aggiornata al 20 giugno 2022!

Continua a leggere

Coppa Davis

Presentata la Coppa Davis a Bologna, Binaghi: “Vogliamo vincere il trofeo entro quattro-cinque anni”

Il presidente FIT presenta il girone della Coppa Davis a Bologna con il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. Parte oggi la vendita dei biglietti

Pubblicato

il

Filippo Volandri e Angelo Binaghi - Bologna 2022 (Twitter - @federtennis)
Filippo Volandri e Angelo Binaghi - Bologna 2022 (Twitter - @federtennis)

Si avvicina il tempo dei gironi di Coppa Davis 2022, che saranno disputati alla Unipol Arena di Bologna dal 13 al 18 settembre. Nel girone dell’Italia, paese ospitante e qualificatosi tramite la vittoria con la Slovacchia ai playoff, ci saranno Argentina, Croazia e Svezia. Proprio il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha presentato oggi in una conferenza stampa congiunta con il presidente FIT Angelo Binaghi l’appuntamento tennistico di settembre. “Ringrazio la Federazione Italiana Tennis e il Dipartimento per lo Sport, ma anche la sottosegretaria Vezzali, con cui abbiamo già collaborato più volte e costruito un sodalizio che per la Regione sta dando risultati straordinari. […] In questo contesto, ospitare la Davis Cup è un sogno che si realizza. Io sono del ’67, faccio parte quindi di quella generazione cresciuta con l’Italia in Coppa Davis e grazie a quei quattro ragazzi e al capitano che è seduto qui in prima fila (Nicola Pietrangeli n.d.r.) abbiamo conosciuto il tennis. Ricordo che, in quelle stagioni, uno dei nostri condomini dove abitavamo inaugurò per la prima volta la costruzione di campi da tennis, che creavano inevitabilmente un movimento sportivo più robusto del passato. Poi, è pur vero che dopo quelle stagioni straordinarie oggi siamo a un punto che non si è mai visto nella storia nazionale del tennis, avendo toccato addirittura 10 atleti nella top 100 maschile. Ieri l’altro ero a Montechiarugolo, per la conferenza stampa di quello che sarà il torneo Challenger 125 nel parmense – con Francesca Schiavone, testimonial del torneo e che sta vincendo la partita più importante della sua vita – mentre domenica Musetti trionfava al Challenger 125 di Forlì. Insomma, il tennis e il padel rappresentano attualmente un’opportunità straordinaria per il nostro Paese.“.

Gli fa eco il presidente Binaghi, che non nasconde la sua speranza di portare a casa la Coppa Davis. Speranze fondate, perchè l’Italia se riuscirà ad avere tutti i suoi migliori è sicuramente tra le favorite del torneo, specialmente dopo la defezione della Russia. “E’ il momento giusto anche perché noi vogliamo vincere. Non chiediamo al nostro capitano di vincere per forza quest’anno la Coppa Davis ma, come è giusto fare in ogni azienda che si rispetti, abbiamo un programma di medio termine, 4-5 anni. Abbiamo iniziato lo scorso anno un ciclo che deve portarci alla vittoria, a riconquistare la Coppa Davis. Partiamo da Bologna e credo che ci siano tutti i requisiti per dover puntare a questo successo, sia per quanto riguarda l’organizzazione federale sia soprattutto per il valore dei nostri giocatori, nonostante in questo periodo abbiano avuto una serie di infortuni. Pensiamo che Bologna e l’Emilia Romagna abbiano insieme a noi un’occasione straordinaria. Quindi credo che quella dell’Emilia Romagna sia la scelta migliore per consentire alla nostra Nazionale di poter essere vista e supportata dal maggior numero di appassionati possibile. Qui a Bologna non giocherà un romano come Matteo Berrettini o un altoatesino come Jannik Sinner: giocherà la Nazionale, che è di tutti, e deve essere facilmente fruibile dal maggior numero possibile di appassionati del nostro sport”.

Oggi, alle ore 18, prende il via sul sito tickets.italy.daviscupfinals.com e su quello di Ticket One (www.ticketone.it) la vendita al pubblico dei biglietti per i sei match del girone di Bologna, con i tesserati FIT che potranno usufruire di uno sconto del 20% sia sui tagliandi individuali che sugli abbonamenti. Inoltre, saranno disponibili pacchetti di corporate hospitality (per informazioni scrivere a hospitality.daviscup@federtennis.it) e pacchetti turistici, realizzati in collaborazione con Bologna Welcome, che consentiranno di coniugare la passione per il tennis con il godimento delle bellezze turistiche della città di Bologna e dell’Emilia-Romagna.

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Finals Coppa Davis 2022: i calendari dei gruppi

L’Italia esordirà contro la Croazia il 14 nel girone di Bologna. Il 16 la sfida con l’Argentina, il 18 quella con la Svezia. Tutti i calendari degli altri gironi

Pubblicato

il

Sono stati compilati stamani, 12 maggio, i calendari dei Gruppi delle Finals della Coppa Davis che si svolgeranno a settembre dal 14 al 18 settembre nelle quattro sedi designate e cioé Bologna, Valencia, Amburgo e Glasgow.

Vediamo innanzitutto il sorteggio del gruppo A, quello dove è inserita l’Italia e che si giocherà per l’appunto a Bologna alla Unipol Domus Arena, località Casalecchio di Reno.

Il calendario prevede subito per l’Italia un esordio in salita con l’ostacolo più duro, la Croazia vice campione in carica. La sfida si disputerà il 14 settembre, mentre il 16 l’Italia incontrerà l’Argentina e il 18 la Svezia, sempre alle ore 16 (che è l’orario unico per tutti i match del gruppo).

 

Quindi nella sostanza avversari di livello decrescente per i nostri tennisti (lo schema è lo stesso per tutti i gironi, le squadre delle prime due fasce all’atto del sorteggio si affrontano subito). Guardando il bicchiere mezzo pieno e ricordando che passano le prime due di ogni girone alle Finals di Malaga in programma a novembre, per l’Italia sarà fondamentale iniziare subito alla grande di modo da poter affrontare senza patemi l’ultima sfida con gli svedesi, sulla carta gli avversari più morbidi.

Questo il calendario del Gruppo A:

13 settembre Argentina-Svezia

14 settembre Croazia-Italia

15 settembre Croazia-Svezia

16 settembre Italia-Argentina

17 settembre Croazia-Argentina

18 settembre Italia-Svezia

Questi invece i calendari degli altri gruppi. Iniziamo dal gruppo B, quello di Valencia (tutte le sfide inizieranno alle ore 16):

13 settembre Canada-Corea

14 settembre Spagna-Serbia

15 settembre Serbia-Corea

16 settembre Spagna-Canada

17 settembre Canada-Serbia

18 settembre Spagna-Corea

Big match il secondo giorno con la sfida tra Spagna e Serbia.

Calendario gruppo C (quello di Amburgo, inizio sfide ore 14)

13 settembre Belgio-Australia

14 settembre Francia-Germania

15 settembre Francia-Australia

16 settembre Germania-Belgio

17 settembre Francia-Belgio

18 settembre Germania-Australia

Calendario gruppo D (quello di Glasgow, inizio sfide ore 14 locali, 15 in Italia)

13 settembre Kazakistan-Olanda

14 settembre USA-Gran Bretagna

15 settembre USA-Kazakistan

16 settembre Gran Bretagna-Olanda

17 settembre USA-Olanda

18 settembre Gran Bretagna-Kazakistan

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement