Tommy Haas scalda i motori per Melbourne con il nuovo look

Al Kooyong Classic il tedesco cede a Janowicz ma guarda avanti con fiducia. Nel 2017 giocherà quattro tornei in Germania in quello che potrebbe essere il suo tour d'addio. Ma prima di tutto, il ritorno all'Australian Open

Tommy Haas scalda i motori per Melbourne con il nuovo look

A quindici mesi dall’ultima apparizione nel circuito, Tommy Haas sta per assaporare il momento dell’ennesimo ritorno. Sconfitto da Jo-Wilfred Tsonga nel primo turno del torneo di Vienna nell’ottobre del 2015, il giocatore di Amburgo ha da allora dovuto fare i conti con i continui e problematici postumi dell’operazione alla martoriata spalla destra subita nel giugno del 2014. Refrattario a qualunque ipotesi di comprensibile resa nonostante l’età e il rilevantissimo numero di infortuni alle spalle, il vecchio Tommy sfrutterà il ranking protetto per partecipare all’imminente Open d’Australia. Nel percorso di preparazione al primo slam dai tempi dello US Open 2015, l’ex numero 2 ATP ha scelto di giocare il Kooyong Classic, tradizionale torneo d’esibizione che si disputa alla vigilia del primo slam stagionale. Nel match d’esordio Haas è stato sconfitto al super tiebreak da Jerzy Janowicz, altro atleta ultimamente bersagliato dagli infortuni e in procinto di tornare alle competizioni ufficiali proprio in occasione della kermesse di Melbourne.

Tommy Haas, trentanove anni il prossimo tre aprile e già nominato direttore del Masters 1000 di Indian Wellsnelle scorse ore ha inoltre confermato l’intenzione di partecipare a quattro tornei ATP in programma sul suolo tedesco: gli spettatori di Monaco di Baviera, Stoccarda, Halle e Amburgo potranno applaudire il loro beniamino durante quello che ha tutta l’aria di essere un tour d’addio.

Sempre attento agli aspetti commerciali della propria vicenda agonistica, Haas ha infine annunciato attraverso il proprio profilo Instagram l’inizio della collaborazione con Sportkind, marchio tedesco dedicato all’abbigliamento sportivo che l’accompagnerà per tutto il 2017. Sarà davvero la sua ultima stagione?

CATEGORIE
TAG
Condividi