Roland Garros, qualificazioni maschili: ben 12 azzurri al via

Pubblicata l'entry list del tabellone cadetto dell'Open di Francia: con una dozzina di tennisti, tra cui Simone Bolelli, l'Italia è insieme agli USA il Paese più rappresentato

Roland Garros, qualificazioni maschili: ben 12 azzurri al via
Marco Cecchinato - Roland Garros 2016 (foto di Roberto Dell'Olivo)

L’inizio ufficiale delle due settimane di Roland Garros è previsto per il 22 di maggio. Come sempre l’appuntamento più importante sulla terra battuta sarà preceduto da una terza settimana di gioco, dedicata alle qualificazioni, e l’Italia ha tutti i numeri per vivere almeno quella come nazione protagonista: insieme agli Stati Uniti, infatti, è il nostro Paese a portare il maggior numero di tennisti nel tabellone maschile di qualificazioni dello Slam rosso. Al netto di eventuali ritiri, e in attesa ovviamente di scoprire a chi verranno assegnate le 9 wild card (l’anno scorso andarono a 8 tennisti transalpini più l’australiano Matthew Barton, in onore al patto di scambio stipulato tra la FFT e Tennis Australia). La Federazione francese, che deciderà intorno alla metà di maggio, ha inoltre recentemente annunciato che dal prossimo anno il sistema di assegnazione delle wild card del Roland Garros cambierà radicalmente.

Gli azzurri a contendersi un posto nel main draw di Parigi saranno Alessandro Giannessi, Luca Vanni, Marco Cecchinato, Thomas Fabbiano, Federico Gaio, Simone Bolelli (grazie all’utilizzo del ranking protetto), Stefano Napolitano, Lorenzo Giustino, Riccardo Bellotti, Salvatore Caruso, Stefano Travaglia e Matteo Donati. Fuori di alcune posizioni, ma con qualche speranza di entrare, si trovano Andrea Arnaboldi (24), Matteo Berrettini (31) e Gianluigi Quinzi (38). Tra gli altri tennisti spiccano le presenze di Jurgen Melzer, che al Roland Garros nel 2010 arrivò fino alla semifinale, e di Tommy Haas, che pur avendo la possibilità di accedere direttamente al tabellone principale grazie al ranking protetto non si è iscritto in tempo. Il trentanovenne tedesco sarà quindi costretto a sudare tre match in più – al meglio dei tre set – per ottenere un posto nel tabellone principale.

 

CATEGORIE
TAG
Condividi