Pagelle: l’assicurazione di Nole e le mire di Masha

La svolta di Djokovic, i propositi di Sharapova e Schiavone che non molla. Mentre parte il torneo più lungo del mondo con più giocatori del mondo, tranne forse qualcuno

Pagelle: l’assicurazione di Nole e le mire di Masha

E rieccoci qui. Dopo aver vaticinato il primo trionfo slam di Camila Giorgi (7), vi annunciamo che il prossimo anno l’Inter farà il triplete e Maria Sharapova, Kiki Maldenovic e Eugenie Bouchard andranno a cena insieme. Masha intanto è tornata subito determinata dopo quindici mesi di stop passati a vedere e rivedere tutte le puntate di Gomorra, al grido di “ce arripigliamm’ tutt’ chell che è o’nuost’ “, ex fidanzato compreso.

Ha trovato comunque una WTA (4) in grandissima forma, capace di iniziare tornei mentre quelli della settimana precedente sono ancora alle semifinali con giocatrici evidentemente ubique e con un sito ufficiale rinnovato (3) nel quale per trovare un qualsiasi dato l’unica soluzione è il ricovero immediato.

 

La settimana è stata indubbiamente scossa dall’annuncio shock di Novak Djokovic che ha messo fine alla storica collaborazione con Marian Vajda e il suo staff: un cambio radicale di cui aveva decisamente bisogno, una botta di vita festeggiata con un nuovo sponsor dopo il botto automobilistico. Nole infatti è divenuto testimonial di tutte le compagnie assicurative del mondo “con amore e paz la constatazione amichevole non sarà più un problema”.

Non ha fatto danni al volante invece Alexander Zverev (7,5) nel suo giro d’onore con la sua nuova Bmw nonostante non abbia ancora la patente e i guai allora cominciano a prefigurarsi per i suoi avversari. Intanto però ha preso il via il torneo più lungo del mondo con più partecipanti al mondo, quindi ci scuserete se non potremo occuparci del challenger di Madrid in programma questa settimana, un torneo minore nel quale possono anche concedersi il lusso di dare una wild-Card a Francesca Schiavone (7,5).

Il quinto slam ovviamente non poteva sprecare un invito per concedere la possibilità di salutare il suo pubblico alla nostra prima campionessa slam che – pensa un po’ – è anche l’unica capace di vincere più di due partite di fila quest’anno. Con le altre wildcard appannaggio della ex-meldonata e di Sarrita Errani si sarebbe dovuto fare a meno della sagra paesana delle pre-quali, eh no, noi mica siamo come gli americani che quando si accorgono di aver fatto una boiata poi corrono ai ripari. Noi no, ed anzi il giorno dopo la finale del torneo partiranno subito le pre-pre-pre-pre-prequali per l’edizione 2018 con wildcard per Pericoli e Pietrangeli.

Comunque nessun problema, come ha annunciato la Gazzetta dello Sport, agli internazionali 2017 “ci saranno tutti i big del tennis mondiale”, chi saranno mai quei due tizi che hanno vinto 18 e 23 slam? Ah, ma tanto si tifa tutti Nadal…e se Roger Federer (2) avrà nostalgia della amatriciana potrà chiedere un piatto di bucatini al suo nuovo sponsor, anche se siamo offesi che abbia preferito la concorrenza alla pasta Garofalo e quindi il voto è automatico.

Tutte chiacchiere inutili comunque, Roma avrà come di consueto numeri record con il pubblico delle grandi occasioni, mica come ad Istanbul dove ci sono stati meno spettatori in tutto il torneo di quelli di Pescara-Crotone: peccato però, perché ha trionfato Marin Cilic (7) e non è bello che nessuno se ne sia accorto…

CATEGORIE
TAG
Condividi