ATP Basilea: meglio di così non poteva andare

BASILEA- Semifinali dall'esito incerto alla St. Jakobshalle. Alle 14:30 del Potro-CIlic, a seguire Federer-Goffin

ATP Basilea: meglio di così non poteva andare

da Basilea, il nostro inviato

È tempo di semifinali a Basilea. Per la prima volta, da quando nel 1975 si sono iniziate a registrare le statistiche, sono giunti al penultimo atto tutte e quattro le prime teste di serie. Per di più tutti i giocatori impegnati oggi sono stati almeno una volta finalisti in questo torneo. Ben tre di loro poi sono ex campioni: Roger  Federer ha vinto sette titoli (2006, 2007, 2008, 2010, 2011, 2014, 2015) su dodici finali, del Potro ha portato a casa due coppe consecutive nel 2012 e nel 2013, mentre Marin Cilic difende il titolo conquistato nel 2016. Il quarto semifinalista è David Goffin, runner-up nel 2014 quando fu sconfitto piuttosto nettamente da Federer.

 

Gli incontri odierni sono quantomai aperti, sebbene i precedenti, in entrambi i casi, pendano decisamente da parte di uno dei giocatori. Del Potro, ad esempio, ha perso solo due volte in undici confronti con Cilic e viene da sei vittorie consecutive, inclusa la splendida rimonta realizzata l’anno scorso in finale di Coppa Davis. Entrambi però hanno mostrato qualche amnesia di troppo durante la settimana, permettendo ad avversari in palese difficoltà di rientrare in partita. L’argentino oggi è chiamato a dimostrare tutti i propri miglioramenti sulla diagonale sinistra, se vuole fare partita pari. Per tutti e due sarà fondamentale mantenere alto il rendimento al servizio e cercare di aggredire il prima possibile l’avversario.
Nel secondo incontro invece la bilancia sembrerebbe pendere tutta dalla parte di Federer. I precedenti recitano un netto 5-0 in favore dello svizzero che ha sofferto poco anche nei due match disputati sotto il tetto della St. Jakobshalle. Il sette volte campione del torneo però finora non ha completamente convinto. Se contro un Paire inesistente aveva passeggiato nonostante una scarsa confidenza coi colpi da fondo, contro Mannarino si è salvato grazie a un miracolo e alla spinta del pubblico. Il belga d’altra parte è l’unico a non aver ancora perso un set e il suo tennis geometrico e rapido risulta molto efficace sull’azzurro cemento indoor di Basilea. Per Federer dunque una sfida da non sottovalutare e aperta anche ad una possibile sorpresa.

Di seguito gli eventuali incroci e relativi H2H in finale:

Federer-del Potro 17-6
Federer-Cilic    7-1
Goffin-del Potro 1-1
Goffin-Cilic 3-2

CATEGORIE
TAG
Condividi