Rafa Nadal rinuncia al Queen’s: “Devo ascoltare il mio corpo” – Ubitennis

Focus

Rafa Nadal rinuncia al Queen’s: “Devo ascoltare il mio corpo”

Per il terzo anno consecutivo il maiorchino non giocherà un torneo di preparazione a Wimbledon: “Ci tenevo ad esserci ma la stagione sulla terra è stata molto lunga”. Fuori anche Schwartzman

Luca De Gaspari

Pubblicato

il

Dopo la conferenza stampa conclusiva a Parigi, era nell’aria la scelta di Nadal di non giocare il torneo del Queen’s a cui si era iscritto. Il n.1 del mondo sentiva di non poter recuperare in tempo dopo la lunga stagione sulla terra battuta in cui ha giocato quattro tornei oltre ai quarti di Coppa Davis contro la Germania. Poco fa è arrivata la conferma ufficiale da parte degli organizzatori del torneo inglese: Siamo ovviamente dispiaciuti per la decisione di Rafa di non giocare ma gli auguriamo il meglio e speriamo di rivederlo sui nostri campi. Allo stesso tempo siamo elettrizzati dall’aggiunta di Novak Djokovic a un elenco che include già molti dei migliori giocatori del mondo. Non vediamo l’ora di iniziare”.

Nadal non gioca un torneo ufficiale prima di Wimbledon dal 2015 quando, eliminato ai quarti del Roland Garros, aveva vinto il torneo di Stoccarda per poi essere sconfitto all’esordio al Queen’s da Alexander Dolgopolov. Queste le parole con le quali ha annunciato il forfait londinese: “Vorrei chiedere scusa agli organizzatori del torneo e soprattutto a tutti i tifosi che speravano di vedermi giocare ma ho parlato con i miei dottori e devo ascoltare quello che il mio corpo mi sta dicendo“. Restano quindi i dubbi sulla programmazione in vista di Wimbledon, lo Slam nel quale ha incontrato le maggiori difficoltà negli ultimi anni: non raggiunge i quarti di finale dal 2011 e lo scorso anno si è fermato agli ottavi contro Gilles Muller, al termine di una partita molto combattuta.

FUORI ANCHE SCHWARTZMAN

Il Queen’s perde anche un altro protagonista. Si tratta di Diego Schwartzman, sconfitto proprio da Nadal al Roland Garros, che ha optato per un rientro in campo più tardivo e si prenderà una ulteriore settimana di riposo prima di disputare l’ATP 250 di Eastbourne. A seguito di queste due rinunce entreranno in tabellone Daniil Medvedev, appena sconfitto da Verdasco a ‘s-Hertogenbosch, e Jared Donaldson. Il russo avrà quindi modo di difendere i quarti di finale raggiunti nel 2017.

Questa l’entry list aggiornata del torneo, che ricordiamo vedrà in campo anche Novak Djokovic. Al momento sembra possa scendere in campo anche Andy Murray, fermo dallo scorso Wimbledon per l’infortunio all’anca.

Tutte le entry list della week #25

Continua a leggere
Advertisement
Commenti

Australian Open

Retroscena Federer: “Da giovane ho rinunciato a giocare troppo”

In conferenza stampa a Melbourne lo svizzero racconta il piano a lungo termine dietro la sua longevità tennistica. La rinuncia agli assegni di ieri per creare il campione di oggi

Pubblicato

il

Roger Federer - Australian Open 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Spazio sponsorizzato da Barilla

Secondo Novak Djokovic, i favoriti per le grandi coppe saranno i soliti anche nel 2019. Roger Federer, pur noto per una modestia sportiva ma spesso poco realistica, non si è nascosto dietro un dito e ha confermato: “Noi tre sappiamo come si vincono gli Slam, Novak, Rafa e io”. Manca un nome, il quarto, quello che in questi primi giorni di Australian Open è stato al centro dell’attenzione mediatica e di una sorta di lutto collettivo: quello di Andy Murray.

 

Purtroppo la lista di Federer è corretta: oggi non ha più senso parlare di Fab Four. Nella più ottimistica delle previsioni, il futuro di Murray rimane appeso a un filo. Tra le lacrime di frustrazione, lo scozzese ha confessato che, potendo tornare indietro, eviterebbe di sovraccaricare il proprio fisico, ascoltandone i segnali e prendendosi più giorni off. L’esperienza di Federer è invece diametralmente opposta, e i risultati si vedono. “Ricordo bene una conversazione avuta con Pierre Paganini, il mio preparatore atletico, nel 2004, proprio qui a Melbourne, quando ero appena diventato numero 1. Mi disse: ‘Per favore, non inseguire ogni gettone di presenza e non giocare tutti i tornei che ti propongono’. Gli risposi che non lo avrei fatto, e che se l’offerta fosse stata esorbitante, o se io avessi avuto desiderio di giocare in un certo posto, ne avremmo parlato in anticipo”.

“Sono molto felice di aver fatto quella scelta” ha proseguito Federer. “All’epoca avevo ventitré anni, non avevo idea di quanto a lungo sarei rimasto al vertice, né di quante altre volte avrei ricevuto offerte come quelle. Semplicemente, non sapevo quando successo avrei ancora avuto”. In effetti, all’epoca in cui lo svizzero iniziava a imporsi nel circuito, le prime posizioni del ranking e le finali dei grandi tornei mostravano una alternanza di facce molto più serrata. I trent’anni inoltre sembravano ancora un limite temporale per molte carriere, mentre Federer ne compirà ormai trentotto il prossimo agosto. Penso che la vita di un tennista sia fatta di piani a breve termine. È un equilibrio difficile: non abbiamo contratti da cinque anni come negli sport di squadra. Dobbiamo condurre vite normali, in un certo senso, cosa che credo ci aiuti tutti a rimanere umili”.

Le rinunce di Federer, che non gioca un match su terra battuta ormai da tre anni proprio dietro consiglio di Paganini, hanno pagato: insieme al suo talento naturale, sono la ragione per la sua longevità ad altissimo livello in un’era di infortuni sempre più frequenti. Al di fuori dell’incidente domestico di inizio 2016, nessun grave infortunio direttamente causato dal tennis ha fermato un corpo da novantanove titoli di singolare. Dal gennaio 1999 per più di diciassette anni, Federer non è mai stato costretto a saltare una singola presenza Slam. Qui emerge il delicato equilibrio di questa ultima fase della carriera dello svizzero: proprio dai risultati nei grandi tornei, oggi, dipendono la riuscita del suo progetto e insieme la sopravvivenza del suo ranking stellare. Anche se non sempre è facile tenere fede alle proprie scelte di gioventù, soprattutto quando il tempo sembra sempre meno.

È dura sottopormi a un blocco di allenamento per cinque, sei settimane durane la stagione mentre gli altri vincono tornei e io penso: ‘Oh, potrei starne vincendo un paio anche io'”. In effetti Federer, scalati i punti del titolo all’Australian Open che difende in queste settimane, si ritrova virtualmente fuori dalla top 5. La stessa situazione si ripeterà in febbraio a Rotterdam, con altri 500 punti da difendere. Per le ragioni già spiegate da lui stesso, il numero di eventi a cui Federer può partecipare nel corso della stagione non può essere aumentato di troppo (e nella maggior parte dei casi la sua programmazione già include quelli che sono i suoi punti di forza, come erba, cemento nordamericano, e i maggiori indoor). Questo fa appunto sì che il suo margine di errore, ogni volta che si ripresenta a Melbourne, a Wimbledon o a Flushing Meadows, sia quasi inesistente.

A proposito di Slam: da quest’anno ogni major avrà il proprio modo di risolvere un eventuale 6-6 al quinto set. L’Australian Open ha adottato una formula intermedia, quella del tie-break ai dieci punti (già felicemente sfruttata dal nostro Thomas Fabbiano). “Penso sia divertente avere quattro finali diversi” ha commentato Federer. Dopo una riflessione romantica sui campioni delle ere passate, in cui il tie-break non era stato ancora inventato per nessuno dei set, e sul non potersi confrontare con loro, lo svizzero è tornato pragmatico. Capisco che il gioco oggi chiede molto di più al nostro fisico. E giocare un tie-break finale, come qui o agli US Open, aumenta le possibilità di proseguire il torneo giocando al meglio. Spero comunque di non trovarmici in prima persona ha concluso con un sorriso. Perché alla fine è sempre meglio giocare di meno, per giocare di più.

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: 4 italiani al terzo round, un discreto risultato [VIDEO]

Un po’ di storia azzurra a Melbourne. Indovinate quante volte e partite hanno giocato Pietrangeli e Panatta. E il migliore fra tutti? Il più continuo?

Ubaldo Scanagatta

Pubblicato

il

VIDEO: Zverev shows great character in 2nd round battle

Quattro tennisti italiani al terzo turno dell’Australian Open. Dopo Fabbiano e Seppi anche Fognini e Giorgi ce l’hanno fatta. E loro senza perdere un set, mentre Fabbiano aveva battuto Opelka al long tiebreak del quinto set e Andreas in tre su Thompson.

 

Non è ancora un risultato straordinario, ma di Slam ne ho seguiti parecchi – questo è il mio n.151 (45 Wimbledon, 43 Roland Garros, 35 US Open e 28 Australian Open – e ne ho visti parecchi andare molto peggio a cominciare da quello tristemente memorabile di un Wimbledon in cui perdemmo 11 partite su 11 al primo turno.

Stanotte giocheranno Fabbiano contro Dimitrov testa di serie n.20 nella Melbourne Arena e qui una volta in semifinale e due nei quarti e Seppi contro Tiafoe (Andreas nel 2015 battè Federer!) il primo certamente contro pronostico, il secondo più equilibrato sulla carta.

Andreas è n.35 ATP, Tiafoe n.39. Andreas ha quasi 35 anni, Tiafoe ne ha 20, 15 di meno. Di chi è il vantaggio? Meglio essere più esperti o più giovani? Non dovrebbe fare troppo caldo. Seppi non sarà entusiasta dell’orario, secondo match del giorno dopo un doppio, ma il clima non sarà torrido: “A me piace giocare o il primo match, così sai esattamente a che ora cominci, oppure va bene anche il terzo perché si va verso ore più fresche anche se su certi campi possono dar noia giochi di luce e ombra”.

È la prima volta nell’Australian Open che tre italiani hanno raggiunto il terzo turno qua. L’anno scorso fu il primo anno in cui in due raggiunsero contemporaneamente gli ottavi: Fognini e Seppi. Fognini per la seconda volta dopo il 2014 e perse netto da Berdych, Seppi per la quarta e perse da Edmund.

Ricordando che Camila Giorgi dovrà affrontare Karolina Pliskova (ci ha perso 4 volte su 5; l’unica vittoria è arrivata sulla terra rossa, la superficie meno amata dalla Pliskova che perse a Praga, torneo che non avrebbe mai giocato se non fosse stato a casa sua), Fognini domani dovrà giocare con Carreno Busta con il quale ha perso 5 volte su 5 sembra abbastanza improbabile – mai dire mai però – che vincano tutti e tre e si qualifichino quindi in massa per gli ottavi. Se succedesse sarebbe la prima assoluta per il nostro tennis maschile non solo qua ma in tutti gli Slam a livello di Era Open.

Ora si dirà che in fondo aver vinto due partite non è poi granché, però è abbastanza curioso pensare che una volta in Australia i nostri giocatori più forti non venivano neppure. I due nostri giocatori di maggior prestigio, Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta sono venuti fin qui una sola volta. Come, del resto, Bjorn Borg che avrebbe affrontato la trasferta australiana soltanto se avesse potuto centrare il Grande Slam come Rod Laver: ma quattro finali perse all’US Open lo persuasero a restarsene a casa.

Quell’unica volta, nel ’57, Nicola Pietrangeli si fermò proprio al terzo turno e perse dall’australiano Mal Anderson 97 62 62. Panatta venne soltanto a 18 anni e mezzo, quando la federtennis decise di inviare in Australia cinque giocatori per un paio di mesi. Adriano l’erba non l’ha mai digerita troppo. Aveva un servizio potente ma piatto, senza troppo slice esterno. Perse al primo turno da un australiano ben più modesto di Anderson, Terry Addison. E perse proprio male: 60 75 61 al primo turno nel 1969. Contro Addison-Keldie, mi capitò di perderci un doppio.

Agli ottavi in Australia il primo azzurro di sempre è stato Omar Camporese. Era il ’92 e Omar perse da Lendl in tre set. L’anno prima era stato il terzo turno quando lui perse un match memorabile 14-12 al quinto da Boris Becker che avrebbe poi vinto il torneo e sarebbe diventato n.1 del mondo. Qualche giorno dopo quel trionfo Boris affrontò l’Italia in Coppa Davis a Dortmund. L’Italia perse ma Camporese batté Stich (che a luglio avrebbe vinto Wimbledon battendo in finale Becker nell’unica finale tutta tedesca di tutti i tempi) e rese nuovamente dura la vita a Becker. Alla vigilia di quel match fui in grado di realizzare una clamorosa intervista scoop…solo perché Boris mantenne la parola di farsi perdonare per essermi franato addosso sull’aereo Lufthansa di ritorno Melbourne Francoforte e mi concesse un’intervista esclusiva dopo aver fatto uscire dalla sala conferenze della Westfalen Arena di Dortmund dopo aver fatto uscire un centinaio di increduli colleghi tedeschi – Boris era appena diventato il primo n.1 del mondo della storia del tennis tedesco – e una dozzina di italiani. Vedi video aneddoto  ma decisamente quando mi addormento – vedi recente episodio con Rafa Nadal – ottengo risultati insperati!

A Melbourne Furlan arrivò in ottavi nel ‘96 dopo aver battuto Ivanisevic, ma perse da Enqvist. Ma Cristiano Caratti aveva fatto meglio di tutti nel ’91: è stato il piemontese l’unico azzurro mai giunto qui nei quarti. Batté Krajicek al quinto, e perse da Patrick McEnroe al quinto. Krajicek, classe ’71 aveva 20 anni e ancora pochissimo rovescio. Era cresciuto 25 cm in poco più di un anno, fino al metro e 96, e si muoveva male perché le cartilagini delle ginocchia avevano sofferto per una crescita troppo rapida. Il padre un giorno sì e l’altro pure lo seminava con l’auto a 7 km da casa, sulla via del ritorno dal circolo tennis, e lo costringeva a rincorrerlo fino allo sfinimento. Però l’olandese nel ’96 avrebbe vinto Wimbledon spezzando la serie di Sampras.

Tornando agli italiani e al terzo turno forse sarà il caso di ricordare che Pozzi (in 11 partecipazioni) e Gaudenzi (in 9…) al terzo turno ci sono arrivati una sola volta. Per questo l’attuale traguardo dei nostri tre …non è banale né disprezzabile.

Certo, al di là del risultato estemporaneo di Caratti, e di quello più pronosticabile di Camporese, nessuno ha fatto meglio in Australia di Andreas Seppi che non ha quasi 38 anni come Federer, ma il 21 febbraio ne compie 35. Non c’è dubbio che qua in Australia si trova meglio che…a Caldaro, il suo paese di nascita. Altrimenti non avrebbe centrato già quattro volte gli ottavi di finale, incluse le ultime due edizioni. Per lui, insomma, approdare al terzo turno, non è una gran novità, anche se da n.35 del mondo significa intanto essere in fondo entrato fra i 32 superstiti del torneo. Chissà perché a New York, dove si gioca sempre su campi in cemento anche se un tantino diversi, Andreas non è mai andato oltre tre terzi turni in 15 presenze, con 7 ko al primo e 5 al secondo.

Lui lo spiega con il fatto che a settembre arriva stanco, mentre qui arriva dopo qualche settimana di riposo e qualche altra di preparazione fisica. Perché lui e il suo coach di sempre Sartori non abbiano mai pensato che forse poteva valere la pena di non giocare tornei ad agosto ma di fare una ripresa di preparazione fisica non so.

Parlando di tenniste invece qui ai quarti ricordo esserci arrivate Adriana Serra Zanetti – cui ebbi l’incombenza di farle da coach il giorno in cui giocò contro Martina Hingis solo perché il suo coach abituale era ripartito con sua sorella Antonella: chissà che se Adriana avesse battuto Martina non avrei cambiato mestiere, liberandovi da un Ubitennis mai nato – Francesca Schiavone e Sara Errani.

Ho esaurito qui il capitolo italiani e spero di non avervi annoiato con gli amarcord.

Tennis Internazionale allora?

Fra le donne non è successo nulla, perché la sola testa di serie a crollare è stata la Suarez Navarro, n.23, davanti all’ucraina Yastremska. Ma se perdeva Simona Halep con la Kenin avanti 4-2 nel terzo, sarebbe stata ben altra notizia. Ma a Simona piace vivere pericolosamente.

Fra gli uomini va registrato il ritiro di Thiem, n.7, con la wild card aussie Popyrin, la battaglia vinta al tiebreak decisivo di Nishikori con Karlovic che aspirava a 40 anni a diventare il tennista più anziano al terzo turno dai tempi di Ken Rosewall che nel 1978 aveva qualcosa come 44 anni e 62 giorni! Quando si dice un Maestro. In cinque set ha vinto anche Zverev con Chardy. Mentre Chung, semifinalista qui un anno fa, perdendo dal doppista francese Herbert, scenderà a n.50 dopo essersi arrampicato su fino a n.19. Una brutta retrocessione dovuta in buona parte a problemi fisici.

Invece sono bastati 3 set a Djokovic con Tsonga, 11 anni dopo la finale del 2008 che coincise con il primo Slam vinto da Djokovic, nel match serale cominciato molto tardi dopo che Serena aveva spazzato via la Bouchard ma il duello di 4 set e 4 tiebreak vinto da Raonic e Wawrinka era durato 4 ore (cui si era aggiunta anche l’interruzione dovuta alla pioggia). Così Djokovic e Tsonga hanno giocato fin quasi alle una di notte. Meno male che i due italiani questo venerdì non giocano per primi. Un po’ si dorme…se non si vuole cadere nelle braccia di Morfeo alla prossima conferenza stampa di Nadal (alle prese in serata con De Minaur) o di Federer (con Fritz).

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: Zverev costretto al quinto, Djokovic doma Tsonga

Il tedesco si fa rimontare due set da Chardy, che poi crolla in quello decisivo. Dura tre set la rivincita della finale 2008, con Djokovic che chiude dopo mezzanotte

Pubblicato

il

Thiem a mezzo servizio non basta. Esce anche Wawrinka

NOLE COME 11 ANNI FA – Nella riedizione della finale del 2008, Novak Djokovic supera in tre set Jo-Wilfried Tsonga facendo vedere una volta di più le capacità da uomo di gomma che hanno ridefinito il “mandare di là una palla in più” e, a sorpresa, un dritto che è sembrato spesso particolarmente incisivo, al netto della mobilità non propriamente eccelsa dell’antagonista. Dopo Khachanov e Sascha Zverev a fine 2018, come battere questo Nole è stato mostrato anche da Bautista Agut due settimane fa a Doha: palleggio a ritmo alto su entrambi i lati aspettando l’occasione per mettere i piedi in campo e cercare il punto, con il conforto dell’approccio avversario eccessivamente difensivista e del micidiale rovescio lungolinea che è quasi un ricordo.

Non sono però le caratteristiche di Tsonga che, non certo al meglio dal punto di vista atletico né all’altezza sul lato sinistro, deve allora cercare di abbreviare gli scambi, magari con qualche variazione, e fare affidamento sul servizio – ma la risposta di Djokovic è puntuale come al solito – e sul drittone che rischia così di andare fuori giri. Partenza francese subito in salita, con l’illusione che possa esserci partita durata solo lo spazio del contro-break al quinto gioco, perché il numero uno del mondo si riprende il maltolto e si dirige senza problemi verso il 6-3.

 

Il secondo parziale offre finalmente begli scambi e qualche emozione in più, con Tsonga che incendia il pubblico scodellando un dritto di fianco al palo della rete raggiungendo una controsmorzata incrociata e si crea subito una possibilità sul servizio serbo; se però è lui a cedere la battuta su un dritto al volo sbagliato per direzione ed esecuzione, lotta generosamente e riagguanta il set sul 5 pari, salvo poi cederlo con il rammarico di uno smash alla Basilashvili. Nessuna novità tattica nella terza frazione, con Nole che lancia un urlo in serbo verso la tribuna (unico episodio sopra le righe), ma che soprattutto non si arrende su nessuna palla e viene premiato prendendosi il break al quinto gioco nonostante i primi tre punti messi a segno da Tsonga; sul 5-4, serve mantenendo l’attenzione che gli era mancata sullo stesso punteggio della seconda partita, e stringe la mano di Jo- Wilfried dopo poco più di due ore. Al prossimo turno, lo aspetta la sfida inedita contro Denis Shapovalov, anch’egli autore finora di un percorso netto.

PROVACI ANCORA SASCHA – Occhi puntati su Sascha Zverev in questo Australian Open. Sarà la volta buona per portare a casa il primo major? Impresa difficilissima, cela va sans dire… ma, dopo lo straordinario risultato alle ATP Finals, ora ci si aspetta che il 21enne tedesco riesca a portarsi almeno tra i primi quattro nel draw di Melbourne; finora negli slam Sascha ha raccolto soltanto un quarto di finale al Roland Garros l’anno scorso. Intanto quest’oggi, contro il n. 36 del ranking Jérémy Chardy, Alexander ha dovuto lottare non poco per accedere al terzo turno. Il francese infatti gli ha dato un gran filo da torcere, costringendolo al quinto set in un match dai tre volti. Alla fine le gerarchie vengono rispettate e, dopo una battaglia di 3 ore e 46 minuti, il pupillo di Ivan Lendl viene a capo di un incontro complicato con il punteggio di 7-6(5) 6-4 5-7 6-7(6) 6-1 anche grazie a un crollo fisico e mentale di Chardy nel set decisivo.

AVVIO SOLIDO PER SASCHA – Parte con il piede sull’acceleratore Sascha Zverev che si assicura il break ad inizio match per poi allungare ancora le distanze sul 4-1. Ma il francese non si lascia intimidire e recupera terreno, dimostrandosi sempre più fiducioso e centrato. Nonostante un set point sul 6-5, Sascha è costretto a disputare il tIE-break che, alla fine, fa suo per 7 punti a 5. Nel secondo parziale, il tedesco riesce ancora ad alzare il livello e si porta sul 4-2. Ma Chardy gli tiene testa; aiutandosi soprattutto con il servizio, riduce il gap e gli si avvicina sul 4-5. Ecco che il francese ottiene una palla break sul 4-5 che, però, viene annullata da Zverev che, ancora una volta, nel momento topico, fa partire dalle proprie corde una soluzione vincente. L’ace è una di queste e anche il secondo set è suo per 6 giochi a 4.

L’OFFENSIVA DI CHARDY – Nella terza frazione il francese continua a dimostrarsi coriaceo e, per la prima volta nell’incontro, riesce a strappare il servizio all’avversario, salendo 4-2. Ma ecco che, recuperando da 0-30 e con una mobilità straordinaria, Zverev si difende alla grande e infligge il controbreak a Chardy con uno dei più bei punti del match. Il tedesco continua a spingere e, dopo un breve momento di distrazione, ora domina nuovamente il campo, pareggiando i conti sul 4-4. Chardy continua a produrre cose egregie e, aiutato da un secondo grave, fatale (almeno per ora) passaggio a vuoto di Zverev, si procura ben due set point. Spreca il primo a causa di un servizio vincente dell’avversario ma, al secondo, grazie al terzo errore di dritto del tedesco, Jérémy intasca il quarto parziale per 7-5.

Il quarto set comincia all’insegna dell’equilibrio. Zverev continua a muoversi benissimo in campo, sfoderando un altro rocambolesco passante, per poi beffare l’avversario con il gioco di fino a rete. Sul 3-3, Sascha ha due breakpoint, il primo lo getta alle ortiche e il secondo gli viene annullato da Chardy con un dritto vincente. Ce n’è un terzo per il tedesco, annullato ancora da un battagliero Jérémy, che si salva anche sulla quarta palla break, complice uno Zverev davvero troppo distratto e agitato nei momenti di tensione. Alla fine, dopo uno sfiancante testa a testa, il francese resta aggrappato al match salendo 4-3. Zverev continua a mostrare segnali di nervosismo commettendo due malaugurati doppi falli ma riesce comunque ad assicurarsi il pareggio sul 4-4 e sul 5-5.

Sul 6-5 Chardy, questi ottiene due setpoint grazie a due sanguinosi gratuiti di Zverev. Il tedesco li salva entrambi con lo smash ma il transalpino attacca ancora procurandosene un terzo. Ma questa volta lo sprecone è lo stesso Jérémy che caccia a rete il rovescio. Ed ecco che dopo aver rischiato tre volte di andare al quinto set, Zverev si assicura il tie-break. Chardy sembra sempre più in fiducia, sorprendendo l’avversario sul 4-2 e poi sul 5-3. Il n. 4 del mondo, nel momento più delicato della partita, mette a segno tre punti di fila e si procura il primo matchpoint. È un attimo. L’occasione sfuma malamente. Chardy ne approfitta e, alla quarta opportunità per allungare il match al quinto, chiude il tie-break per 7 punti a 5.

TUTTO DA RIFARE – Saprà ora Zverev tenere lontani i fantasmi del basso rendimento negli slam? Per ora sembra proprio di sì perché in avvio di quinto set stordisce l’avversario con un rapido e inappuntabile 3-0. Un notevole aiuto gli giunge dallo stesso Chardy che subisce un prevedibile e repentino calo di tensione dopo il grande sforzo fornito nel match. Non c’è più partita. Sascha affonda quel che resta di Jérémy infliggendogli un impietoso 6-1. Con lo score di 7-6(5) 6-4 5-7 6-7(6) 6-1 il giovane Zverev approda al terzo round a Melbourne; un’occasione ghiotta visto che ora lo attende la sorpresa del giorno, la wild card australiana Alex Bolt, n. 155 ATP. Ma Sascha dovrà far prova di accortezza e sangue freddo poiché il 26enne Aussie è riuscito comunque a venire a capo in cinque set del sempre temibile e talentuoso Gilles Simon.

a cura di Michelangelo Sottili e Laura Guidobaldi 

Risultati:

[8] K. Nishikori b. I. Karlovic 6-3 7-6(6) 5-7 5-7 7-6(7)
[11] B. Coric b. M. Fucsovics 6-4 6-3 6-4
[23] P. Carreno Busta b. I. Ivashka 6-2 6-3 7-6(7)
J. Sousa b. [32] P. Kohlschreiber 7-5 4-6 7-6(4) 5-7 6-4
[16] M. Raonic b. S. Wawrinka 6-7(4) 7-6(6) 7-6(11) 7-6(5)
[21] D. Goffin b. Marius Copil 5-6 7-5 6-2 6-4
F. Krajinovic b. E. Donskoy 6-4 7-6(8) 7-6(2)
[12] F. Fognini b. L. Mayer 7-6(3) 6-3 7-6(5)
P.H. Herbert b. [24] H. Chung 6-2 1-6 6-2 6-4
[15] D. Medvedev b. R. Harrison 6-3 6-3 6-3
[25] D. Shapovalov b. T. Daniel 6-3 7-6(2) 6-3
[WC] A. Popyrin b. [7] D. Thiem 7-5 6-4 2-0 rit.
[28] L. Pouille b. M. Marterer 7-6(8) 7-6(8) 5-7 6-4
[WC] A. Bolt b. [29] G. Simon 2-6 6-4 4-6 7-6(8) 6-4
[4] A. Zverev b. J. Chardy 7-6(5) 6-4 5-7 6-7(6) 6-1
[1] N. Djokovic b. [WC] J.W. Tsonga 6-3 7-5 6-4

Il tabellone maschile

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement