Mondiali di padel, flop inatteso. Carraro eletto presidente della FIP

Spagna e Argentina si rifiutano di giocare la finale maschile per protestare contro l'organizzazione paraguaiana. Brutto colpo per il movimento, che intanto cambia i suoi vertici: alla guida della federazione internazionale c'è un italiano

Mondiali di padel, flop inatteso. Carraro eletto presidente della FIP
Luigi Carraro, neo presidente della FIP, con Giovanni Malagò e Gianfranco Nirdaci

Il padel è un fenomeno in costante crescita a livello globale, la stessa decisione di Ubitennis di aprire una rubrica a riguardo lo dimostra. È proprio attraverso lo spazio che sarà in grado di guadagnare a livello mediatico che la disciplina potrà fare il salto di qualità e ottenere un ruolo significativo nel panorama sportivo internazionale. Ciò che è successo in Paraguay in occasione della quattordicesima edizione dei Mondiali ha fatto parlare di padel anche i grandi quotidiani sportivi spagnoli (Marca e Mundo Deportivo), ma la ribalta non è stata delle migliori.

Ad Asuncion, Spagna e Argentina hanno raggiunto la finale sia nel tabellone maschile che in quello femminile, come da pronostico. Tuttavia, mentre l’ultimo atto femminile si è concluso con la vittoria delle ragazze spagnole, la finale maschile non si è disputata per scelta dei giocatori delle due selezioni che avrebbero dovuto contendersi il titolo. Una notizia storica e soprattutto spiacevole, dal momento che non era mai successo prima che non si assegnasse un titolo mondiale. La ragione che ha spinto Navarro, Diaz, Gutierrez, Lamperti e gli altri fenomeni della ‘pala’ a rifiutarsi di disputare la finale è lo scarso livello di organizzazione dell’evento. Le condizioni meteorologiche avverse sono solo la punta dell’iceberg del disagio manifestato dalle nazionali ad Asuncion.

 

Attraverso la Federazione spagnola sono stati resi noti due comunicati distinti, uno firmato dalle giocatrici e uno dai giocatori della selezione iberica. Da un lato le ragazze hanno espresso la volontà di disputare la finale, tenendo in considerazione il grande sforzo degli organizzatori e intenzionate a non creare ulteriori disagi alla manifestazione. I ragazzi invece hanno da un lato citato i problemi enormi causati dalla pioggia torrenziale caduta sulla sede del torneo, ma hanno messo in luce le pessime condizioni del campo centrale (vetri instabili e condizioni del terreno di gioco inadeguate) con la conseguente scelta (condivisa dagli argentini) di non giocare la finale.

Guardando invece ciò che ad Asuncion ha raccontato il campo, la spedizione italiana ha fatto una discreta figura nella settimana paraguayana. Più di tutte vanno applaudite le ragazze, Martina Camorani, Carolina Orsi, Chiara Pappacena, Giulia Sussarello, Sara D’Ambrogio, Valentina Tommasi, Alessia La Monaca e Francesca Zacchini. Sotto la guida dei due capitani Marcela Ferrari e Gustavo Spector, hanno centrato un sorprendente quarto posto, battute in semifinale dalla Spagna, nettamente superiore. Epilogo amaro invece per i ragazzi (Juan Restivo, Andrés Britos, Enrico Burzi, Matías Nicoletti, Daniele Cattaneo, Simone Cremona, Michele Bruno e Luca Mezzetti), che hanno chiuso al decimo posto dopo essere stati eliminati nella fase a gironi in un gruppo di ferro, formato da Messico, Portogallo e la fortissima Argentina, poi finalista.

Ma la notizia più importante, che deve far sorridere tutto lo sport italiano, viene fuori dalle elezioni per la presidenza della FIP. Luigi Carraro, figlio di Franco, dirigente sportivo di lungo corso, è il nuovo presidente della federazione internazionale, eletto proprio nei giorni del mondiale di Asuncion. Carraro ha battuto la concorrenza di Ricardo Oliveira (Portogallo) ed è il successore di Daniel Patti. L’augurio è che possa contribuire non solo alla crescita del movimento internazionale, così da cancellare totalmente esperienze come quella dello sfortunato mondiale in Paraguay, ma anche allo sviluppo del padel sul territorio italiano, accanto al lavoro instancabile del presidente del Comitato italiano Gianfranco Nirdaci.

LE ULTIME DAL WORLD PADEL TOUR

Solo due tornei ci separano dal Masters di fine anno, l’appuntamento più atteso della stagione World Padel Tour 2018, che segnerà un solco profondo nella storia recente del circuito internazionale per la grande incertezza che regna al vertice della classifica. Proprio colui che passerà alla storia come il primo successore di Fernando Belasteguin (e suo compagno sino a qualche mese fa), il brasiliano Pablo Lima, ha colto un incredibile successo all’Open di Bilbao (21-28 ottobre). Lima giocava il primo torneo in coppia con Francisco “Paquito” Navarro, il quale rientrava a sua volta da un infortunio non banale. La coppia ha battuto con un doppio 6-3 in finale Lamperti e Mieres, che hanno preso il posto di Gutierrez/Sanchez. La prima dupla del mondo si è fatta sorprendere nei quarti di finale da Ruiz e Botello, una sconfitta del tutto inaspettata e che mette qualche apprensione ai neo-numeri uno in vista del Masters.

Nel torneo femminile Gemma Triay e Lucia Sainz non hanno confermato quando di buono avevano fatto vedere a Granada. Anche stavolta hanno raggiunto in scioltezza la semifinale, ma sono state demolite con un doppio 6-2 da Marta Marrero e Alejandra Salazar. Le due ragazze hanno sfoggiato una livello eccezionale anche nell’ultimo atto, dove hanno sorpreso in tre set le gemelle Alayeto centrando il loro quarto titolo nel 2018.

Il tabellone maschile di Bilbao
Il tabellone femminile di Bilbao

LUTTO – Prima del via del torneo Master di Buenos Aires, l’ultimo prima del torneo finale, il mondo del Padel è stato scosso da una terribile notizia. Gonzalo Salìas, talento argentino classe 1997 e n. 146 delle classifiche, ha perso la vita in un incidente d’auto. Salìas era da tutti considerato come una promessa della scuola argentina. Il destino gli è stato fatale mentre era di ritorno proprio dalla partita disputata nel torneo di Buenos Aires assieme al suo compagno Federico Chiostri.

CATEGORIE
TAG
Condividi