Wimbledon: Djokovic contro Federer, la miglior finale possibile

Focus

Wimbledon: Djokovic contro Federer, la miglior finale possibile

LONDRA – Novak e Roger hanno dimostrato sul campo di meritarsi la sfida per il titolo. Al di fuori della terra battuta, sono i più forti. Il risultato è impossibile da pronosticare

Pubblicato

il

Federer e Djokovic, pic from Twitter

da Londra, il nostro inviato

Non è semplice prevedere gli esiti delle partite di tennis. Quando si ha la fortuna di essere quasi sempre sul luogo dei grandi tornei, si hanno certamente molti strumenti in più, in particolare l’insostituibile possibilità di osservare il gioco dalla prospettiva bassa e laterale. Oltre a questo, andando ogni giorno a seguire gli allenamenti dei campioni, parlando con i coach, si possono scoprire una marea di piccoli dettagli, sia tecnici che relativi all’umore e alla convinzione (per esempio) dei giocatori. Difficile che uno che la mattina stecca venti dritti sulle siepi, e se ne va dal campo imprecando contro se stesso e a volte l’allenatore, il pomeriggio con quel colpo realizzi tanti punti e vinca. Esperienza personale e diretta, ma si dice il peccato, non il peccatore. D’altronde, se ci è proibito scommettere, c’è un motivo.

Nel caso della semifinale tra Roger Federer e Rafael Nadal, dopo averli visti per due settimane, mi ero convinto che il favorito fosse Roger, e il giorno prima ho azzardato un fortunato “vince Federer in 4 set“. Il ragionamento è in realtà molto semplice: vedi che lo svizzero gioca bene, e soprattutto è in crescendo, lo spagnolo sul medio-veloce (e son generoso con l’erba vetrata di quest’anno) non lo batte da anni, sai che è comunque difficile che un mastino come Rafa la molli in tre set, in cinque diventerebbe dura per Federer, ed ecco il pronostico. Quasi facile, alla fine.

 

Quando si tratta di provare a capire come potrebbe andare a finire il match tra Roger e Novak Djokovic, però, alzo le mani. Per me, è letteralmente impossibile propendere decisamente per l’uno o per l’altro. Posso solo raccontarvi cosa ho visto tra i match e i training, per poi lasciare che vi facciate voi un’idea.

Novak è il solito Novak, ovvero fortissimo. In allenamento è sempre stato bello concentrato, e la novità della presenza al suo fianco di Goran Ivanisevic se non grandi accorgimenti tecnici gli ha sicuramente portato utilissimi stimoli. Un nuovo coach, anche se “a tempo”, ti fa venire voglia di far bella figura, banale ma vero dalla quarta categoria all’ATP. Dritto e rovescio viaggiano bene, le geometrie in partita sono precise. Grazie alla pressione costante che riesce a generare in palleggio, sta andando a rete molto e con successo (in questo torneo, 146 punti fatti su 192 dicese, praticamente come Roger che ha realizzato un 152 su 191). Il servizio fa il suo dovere (65% di prime in campo con cui vince il 79% dei punti). I numeri, insomma, ci restituiscono il ritratto di un ottimo Djokovic.

I minimi punti dolenti (relativamente parlando, s’intende) sono emersi, forse, solo nell’ultima vittoria, in semifinale contro Roberto Bautista Agut. E non riguardano il tennis, ma gli aspetti psicologici. Durante i primi due parziali, con lo spagnolo che appariva via via sempre più solido e inscalfibile da fondocampo, a volte Novak ha manifestato un po’ di impazienza, andando diverse volte a commettere lui per primo gli errori non forzati. Non c’entrano i trascurabili screzi con il pubblico, anzi, conoscendolo (ne parlavo ieri con i commentatori di RTS, la TV nazionale serba) sono momenti di tensione che quasi quasi gli fanno bene, stimolandolo a reagire e ad aumentare la cattiveria agonistica. Rimane il fatto che più o meno per due set (da metà del primo a metà del terzo) Djokovic si è fatto imbrigliare da un giocatore che oltre alla disarmante regolarità del palleggio, non è che abbia fatto chissà che numeri da fenomeno. L’insofferenza esibita soprattutto rivolgendosi al suo angolo ne è stata un sintomo. Per quanto riguarda le presunte vulnerabilità tattiche ed emotive di Novak, è finita qui. Un po’ poco, in un intero torneo, direi. Il Djokovic che si presenterà in campo domenica, quindi, possiamo ragionevolmente ritenere che sarà una versione molto competitiva del 15 volte campione Slam.

Novak Djokovic – Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Dall’altra parte, Roger Federer ormai non deve dimostrare più nulla, e non ha mancato di farlo capire anche parlando con i media. Oltre alle parole delle conferenze stampa, ho notato un atteggiamento e un linguaggio del corpo estremamente rilassati. Dal modo in cui si siede, a quello in cui cammina, l’impressione costante è che fondamentalmente sia qui perchè si diverte a giocare a tennis, prendendo tutto quello che di buono arriva, senza tensione e senza drammi in caso di eventuale sconfitta. Ad Aorangi Park l’ho visto ridere e scherzare, provando trick-shots, come un ragazzino. Non può esserci attitudine migliore nel tennis. Se poi questo approccio sereno e disincantato si applica al mostruoso talento di Roger, la combinazione può diventare letale, come ha scoperto a sue spese Nadal venerdì sera. Risposte di rovescio spinte in scioltezza, interi scambi giocati in controbalzo a tutto braccio come fosse la cosa più naturale del mondo. Rafa ha detto che “quando Federer gioca così, ti toglie il tempo di preparare i colpi, non riesci mai a prendere l’iniziativa aprendo il campo“, ha ragione da vendere.

Come potrà svilupparsi, quindi, il confronto in finale? La cosa di cui possiamo essere quasi sicuri è che sarà una partita di alto, se non altissimo livello tecnico, per la semplice ragione che si apprestano a giocarla i migliori visti fino a questo momento a Church Road. L’idea è che, come spesso avviene, la vicenda dipenderà più da Federer che da Djokovic. Quello che è e sarà in grado di mettere sul piatto della bilancia il serbo lo sappiamo, e di norma basta e avanza per battere chiunque. Quello che saprà o potrà inventarsi Roger, invece, è un’incognita sia nel bene che nel male. Potrebbe subire senza possbilità di scampo la pressione e l’aggressività da fondo di Novak, così come trovare anticipi e colpi vincenti da qualsiasi posizione. Avrà il pubblico dalla sua parte al 90%, il che non è sinceramente bello, ma tant’è, Djokovic ha già dimostrato di avere la pellaccia dura al riguardo, ricordiamo la caciara dell’Arthur Ashe a New York nel 2015.

Se mi costringessero a sbilanciarmi con una pistola puntata alla tempia, molto (molto!) sottovoce direi che vincerà Federer in 4 set, però assai tirati tutti quanti, più o meno per le stesse ragioni esposte all’inizio di questo articolo parlando del pronostico sul “Fedal”. Ma non ci scommetterei nemmeno un centesimo, e sconsiglio di farlo anche a voi. La cosa che consiglio, di cuore, è di godersi insieme una finale potenzialmente epica, invece di perdere tempo a litigare nei commenti.

Roger Federer – Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

UN PO’ DI NUMERI:

  • PRECEDENTI TOTALI: 25-22 Djokovic
  • SLAM: 9-6 Djokovic
  • FINALI: 12-6 Djokovic
  • FINALI SLAM: 3-1 Djokovic
  • ERBA: 2-1 Djokovic
  • Totale set: 70-67 Federer
  • Set decisivi: 13-5 Djokovic
  • Tie-break: 12-12
  • Tie-break decisivi: 3-0 Djokovic
  • Al meglio dei cinque set: 9-7 Djokovic
  • Partite finite al quinto: 3-0 Djokovic
  • Totale game: 694-689 Federer

Continua a leggere
Commenti

ATP

Il “Medvedev Express” prenota la semifinale con Djokovic a Cincinnati

Altra prova di forza di Daniil Medvedev, che liquida rapidamente Andrey Rublev e sfida il n.1 Novak Djokovic, vincitore di Lucas Pouille

Pubblicato

il

Il Western&Southern Open di Cincinnati non è ancora finito, ma è abbastanza certo che il titolo di giocatore di quest’estate americana 2019 spetta a Daniil Medvedev. E non solamente per i risultati ottenuti, che a questo punto contano una finale nell’ATP 500 di Washington, un’altra nel Masters 1000 di Montreal e quantomeno una semifinale qui in Ohio, ma anche e soprattutto per il tennis espresso, un tennis certamente essenziale e senza fronzoli, ma tremendamente efficace.

Dopo i tre giochi lasciati giovedì negli ottavi a Jan Lennard Struff, quest’oggi nei quarti ha disposto del suo connazionale Andrey Rublev, giustiziere di Federer solo 24 ore prima, con un 6-2, 6-3 in un’ora e due minuti (curiosamente la stessa durata di Federer-Rublev) che non lascia spazio a repliche.

Partito alla grande portandosi subito sul 4-0 e servizio, Medvedev ha tirato un attimo il fiato restituendo uno dei due controbreak al suo avversario principalmente a causa di qualche errore non forzato di troppo. Rublev ha cercato di sviluppare il suo solito tennis fatto di grande pressione da fondocampo, ma soltanto in sporadici frangenti è riuscito a sfondare il muro di difesa messo in piedi da Daniil, un vero mostro di efficienza da fondo e una macchina perfettamente oliata al servizio.

 

Rublev ha giocato buona parte del match con una racchetta diversa rispetto a quella che usa di solito: sull’1-1 del primo set ha depositato sulla panchina la Wilson a scacchi bianchi e neri usata durante il vittorioso match con Federer ed ha sfoderato una racchetta nera senza marchio. Non che abbia fatto troppa differenza: Andrey si è sicuramente esibito in qualche scambio di grande effetto, ma sui turni di battuta di Medvedev è stato quasi sempre “un passeggero” trasportato dalle trame dell’avversario.

Nel secondo parziale Rublev ha ripreso la racchetta bianconera quanto è bastato per perdere il servizio a zero nel secondo game per poi tornare al fido attrezzo nero, che però non gli ha permesso di recuperare lo svantaggio accumulato.

Con questo successo Medvedev sale a 12 vittorie e 2 sconfitte da Wimbledon e si assicura di guadagnare almeno un’altra posizione in classifica mondiale, dove da lunedì prossimo sarà almeno alla settima posizione, con la possibilità di arrivare fino al n. 5 in caso di successo finale nel torneo.

In semifinale il suo avversario sarà il n.1 del mondo Novak Djokovic, che nel suo quarto di finale ha battuto il redivivo francese Lucas Pouille in un match che almeno nei 51 minuti del primo set ha tenuto il punteggio in equilibrio. Dopo aver annullato una palla break nel game d’apertura, il francese ha tenuto con ottima autorità i suoi turni di battuta, giocando alla pari con Djokovic negli scambi da fondo e piazzando qualche bella accelerazione vincente. Putroppo per lui, però, ha commesso due errori molto gravi sull’1-2 nel tie-break, concedendo due punti consecutivi sul suo servizio e compromettendo così le sue chance di vittoria nel parziale.

Poco dopo, poi, sullo 0-1 Pouille ha ceduto la battuta per la prima volta nel match dopo essere stato in vantaggio 40-15 e da quel momento in poi il match è scivolato fino al 7-6, 6-1 per Djokovic. Unico asterisco da segnalare un consulto con il medico richiesto da Nole per un dolore al gomito sinistro che comunque non lo ha condizionato.

Medvedev è stato uno dei giocatori che ha messo più in difficoltà Djokovic in questa stagione: ha tenuto in campo il n.1 del mondo per quattro set durissimi a Melbourne e lo ha sconfitto qualche mese dopo sulla terra di Montecarlo. Sarà sicuramente un test probante per Djokovic che finora sembra giocare su una nuvola.

Continua a leggere

evidenza

A Cincinnati, Kuznetsova rimonta Pliskova e vola in semi con Barty. Si ritira Osaka

Svetlana Kuznetsova ferma la rincorsa alla vetta della classifica di Karolina Pliskova, Ashleigh Barty vince in tre set su Maria Sakkari e Naomi Osaka si deve ritirare contro Sofia Kenin

Pubblicato

il

Svetlana Kuznetsova – Western & Southern Open (foto via Twitter @CincyTennis)

Sono almeno due i motivi di interesse per la giornata dei quarti di finale a Cincinnati: la promessa di match interessanti dopo alcuni godibilissimi incontri degli ottavi e la lotta a distanza (sempre più ravvicinata) per la vetta del ranking. Barty e Pliskova entrano infatti in campo anche per riprendersi il numero 1 WTA, mentre Osaka per non lasciare il trono che è tornata a occupare lunedì scorso.
Il giovedì, dicevamo, ha offerto alcune sfide pregevoli, come quella annunciata e tuttavia relegata sul campo 10 Su-Wei Hsieh e una Naomi che, risatine al limite dell’isteria a parte (anche un warning per la conseguente violazione di tempo), sembra poter tornare ai livelli precedenti alla rottura con coach Bajin. Oltre match tirato che ha visto Madison Keys prevalere su Simona Halep, c’è stata la vittoria in rimonta di un’incredibile trentanovenne di nome Venus Williams su Donna Vekic. E anche Barty e Sakkari, protagoniste del quarto d’apertura, se lo sono dovuto sudare parecchio contro, rispettivamente, Kontaveit e Sabalenka. Vediamo intanto cosa è successo nei primi due confronti e perché Pliskova sicuramente non si muoverà dal suo terzo posto…

LA TORRE DI IPSWICH? –Con l’esclusione di un breve passaggio a vuoto nel finale del primo set, un’Ashleigh Barty capace di salire inesorabilmente di intensità batte in rimonta Maria Sakkari, grazie anche a una resa al servizio con numeri che potrebbero essere propri di John Isner sul ghiaccio: 4 punti persi nei 7 turni di battuta tra secondo e terzo parziale in barba ai suoi 166 cm.
È proprio Ashleigh a partire meglio e, nonostante un dritto ancora da registrare appieno, piazza il break al secondo gioco. Maria muove finalmente il punteggio senza però a incidere minimamente in ribattuta e, sotto 1-4, chiede l’intervento di coach Hill che le consiglia di essere aggressiva in risposta e di tenere la diagonale sugli slice di rovescio australiani aspettando la palla giusta per tirare, senza farsi ingolosire subito. Finora inattaccabile al servizio, Barty lo cede addirittura a zero sul 5-3: prima, la ventiquattrenne di Atene sorprende l’avversaria (e tutti quanti) ricamando un rovescio tagliato strettissimo e imprendibile, un punto che deve fare malissimo ad Ash che poi “sbuccia” un dritto a campo aperto con la palla che le resta sulla racchetta. La gran corsa greca in avanti a scavare da terra un nastro fortunato dell’altra è premiata dal lob oltre la linea di fondo e, a quel punto, la fiducia a mille si concretizza in una risposta vincente. L’inerzia si è completamente invertita e Barty si è dimenticata di come vinceva i punti fino a pochi minuti prima, con l’inevitabile conseguenza di cinque giochi consecutivi e set per Sakkari.

Ashleigh torna incisiva in battuta, mentre Maria paga il calo di intensità al quarto game e si ritrova ancora a dover inseguire, così richiama in campo Tom Hill sullo stesso punteggio della prima partita. La mossa non funziona né dal punto di vista tattico né psicologico perché la numero 1 del seeding non sbaglia più, lascia due punti in battuta e pareggia il conto dei set andandosi a prendere un altro break, insperato dal 40-0, che le evita la pressione di servire per chiudere, magari con la testa a quanto successo prima. Entrambe cercano di mettere molta attenzione e dispensano qualche bella giocata, ma il match non si accende, anche perché i picchi dell’una coincidono con i cali dell’altra. Cali ormai dimenticati per Ashleigh, che continua a rasentare la perfezione nei suoi game di servizio, ha trovato contromisure ai kick e continuità in risposta e sale sempre più di livello. Sakkari non può evitare il bagel e Barty vola in semifinale contro una sorprendente Kuznetsova.

 

MISSION SVETLANA –È una rimonta quasi impossibile quella messa a segno da Svetlana Kuznetsova contro una Karolina Pliskova che ha vestito i suoi migliori panni da grande colpitrice per quasi due set, salvo poi disunirsi a due punti dalla vittoria. I suoi 47 vincenti sono stati annullati da altrettanti gratuiti e, soprattutto, da una Kuznetsova che non ha mai smesso di crederci a dispetto di un’avversaria che si era presentata subito in grande spolvero.

Aveva rischiato di addirittura di non essere qui, Svetlana, la cui età effettiva (34) inizia ad avvicinarsi a quella percepita – a quella percepita anni fa per una ragazza che è nel circuito dallo scorso millennio. Più forte delle vicende burocratiche e degli infortuni, Svetlana si è riavvicinata alla top 100 per essersi guadagnata i quarti battagliando da par suo nei primi due turni; e lo avrebbe fatto anche agli ottavi se non si fosse trovata di fronte una con l’entusiasmo di una stiratrice dipendente in una lavanderia il pomeriggio del 14 di agosto. Anzi, proprio a Ferragosto. Meglio così, un po’ di riposo per le gambe che le tornerà utile. Da parte sua, Pliskova ha sofferto un po’ o, forse, ha voluto dare l’impressione di doversela giocare contro Rebecca Peterson.

L’impressione è ben diversa, ora: partenza travolgente di Karolina che sale subito 3-0 con un break che custodirà fino ad assicurarsi la prima partita, grazie a tre prime su quattro in campo ; la ragazza di Louny (e moglie di Michal) aveva sottolineato la necessità di essere aggressiva e mantiene fede al suo piano, come dimostrano i 16 vincenti in nove game. Pliskova colpisce che è un piacere, però c’è anche Kuznetsova, brava ad annullare una potenzialmente letale palla break al terzo gioco con un gran passante di rovescio e a farsi pericolosa al game successivo, ma le sue prime tre occasioni sono schiacciate da gialli comodini made in Czechia. Sul 3 pari, Karo accelera in risposta e consolida il vantaggio salvando un’altra palla break con il servizio; contrariamente al primo set, ora si gioca almeno sulla seconda battuta di Karolina, ma il risultato pare non cambiare. Come nella miglior tradizione tennistica, l’ultimo treno per Svetlana passa quando Pliskova deve chiudere sul 5-4: la nativa dell’allora Leningrado ha il biglietto giusto, praticamente offerto dall’avversaria che sente il momento e deve addirittura risalire da 15-40 (due set point contro) per agguantare il 6 pari. Fatica inutile perché il feeling con la palla appare al momento irrimediabilmente perduto, come dimostra il tie-break a senso unico che porta Kuznetsova al terzo. Com’era logico aspettarsi, la leggerezza è tutta della russa che concretizza il vantaggio al terzo gioco e, con l’avversaria che pare inerme, si procura addirittura due palle del 4-1 pesante. La ceca le annulla e ciò basta per farla ridestare dal torpore ma, nonostante i consigli “base” di Conchita Martinez (guarda la palla, due-tre passetti non uno lungo, aspetta prima di cambiare direzione), manca l’opportunità dell’aggancio, prima al sesto poi all’ottavo game. Karolina accusa il colpo e Svetlana non si fa pregare oltre, prendendosi un altro break e il match dopo due ore e un quarto. E, ça va sans dire, rientra prepotentemente (e abbondantemente, n. 82 virtuale) fra le prime 100 del mondo.

OSAKA ABBANDONA E RISCHIA LA VETTA – Giornata davvero sfortunata per i tennisti giapponesi quella odierna al Western&Southern Open di Cincinnati: dopo il forfait per intossicazione alimentare che ha messo fuori gioco Yoshihito Nishioka, si è dovuta ritirare a partita in corso anche la n.1 del mondo Naomi Osaka durante il suo quarto di finale contro Sofia Kenin.

Sofia Kenin

Naomi ha iniziato la partita senza in maniera piuttosto distratta: il servizio era sicuramente a posto, tanto da mettere a segno due ace nel primo turno di battuta, ma il rovescio non ne voleva sapere di ingranare. Ben tre gratuiti le costavano il break al terzo gioco in un match che vedeva scambi molto scarni, molto probabilmente a causa del gran caldo (i paramedici hanno dovuto soccorrere un paio di persone colte da malore nel corso della giornata). Kenin proseguiva nella sua partita ordinata, alternava i rovesci coperti a quelli tagliati e gli errori da parte di Osaka continuavano ad arrivare, come sul 4-3, quando la nippo-americana metteva in rete un facile rovescio sulla palla del controbreak. Sofia mostrava grande carattere annullando con la battuta l’altra palla break di quel game (saranno tre in tutto nel set quelle cancellate) e poco dopo incamerava il primo parziale per 6-4 in 38 minuti.

Tutt’altra musica nel secondo set: Osaka vinceva i primi sette punti del set, si portava subito avanti 2-0, resisteva al ritorno di Kenin nel game successivo e poi finiva per dilagare: 5-0 per lei, con i colpi che d’incanto sembravano trovare gli angoli giusti. Purtroppo per Naomi però, nel corso del secondo parziale iniziavano ad affiorare dei fastidi alla gamba sinistra, che sullo 0-1 del terzo set la costringevano a fermare il gioco ed a chiedere l’intervento del fisioterapista. Dopo un medical time-out Osaka riprendeva con la zona intorno al ginocchio visibilmente fasciata, ma riusciva a giocare solamente altri due punti prima di stringere la mano all’avversaria e prendere mestamente la via degli spogliatoi.

Con questa vittoria Kenin conquista la seconda semifinale consecutiva di un Premier 5, dopo quella della settimana scorsa a Toronto, e si assicura per la prima volta in carriera l’ingresso nella Top 20 della classifica WTA. Osaka, invece, potrebbe perdere la vetta del ranking se Ashleigh Barty dovesse sconfiggere Kuznetsova sabato e arrivare in finale.

Risultati:
[1] A. Barty b. M. Sakkari 5-7 6-2 6-0
[WC] S. Kuznetsova b. [3] K. Pliskova 3-6 7-6(2) 6-3
S. Kenin b. [2] N. Osaka 6-4 1-6 2-0 rit.

Continua a leggere

ATP

Continuano le sorprese a Cincinnati: Rublev manda a casa Federer

Non si ferma l’ecatombe di favoriti: Roger Federer cede in due rapidi set contro Andrey Rublev.

Pubblicato

il

È toccato a Andrey Rublev vendicare, almeno parzialmente, l’ecatombe di rappresentanti della Next Generation a Cincinnati. Con una prestazione impeccabile, solida dall’inizio alla fine, in soli 62 minuti ha mandato a casa Roger Federer, testa di serie n.3 e sette volte campione del Western&Southern Open. Lo svizzero ha pagato la pessima partenza nel match, durante la quale ha perso il servizio per due volte consecutive, facilitando così l’ingresso in partita di Rublev che si è trovato subito a proprio agio e ha iniziato a macinare il suo solito gioco fatto di mazzate da fondocampo. “Ho visto che non ha iniziato bene – ha detto un Rublev quasi in lacrime ai microfoni della ESPN – e quindi mi sono detto che avrei dovuto cogliere l’occasione subito, perché quando comincia a servire bene diventa molto complicato giocare con lui”.

Federer ha recuperato subito il primo dei due break subiti, ma non è riuscito a confondere le idee al suo avversario, che per tutto il match è apparso estremamente composto, centrato e molto tranquillo nonostante fosse la prima volta che incontrava il supercampione elvetico. Decisamente immune dalla “tassa Federer”, dopo aver concesso il controbreak al terzo gioco del primo set, Rublev non ha più dovuto affrontare una palla break, anche se Federer ha fatto di tutto per aumentare la pressione sulla sua seconda, forzando quasi sempre la risposta per ottenere un punto diretto.

Con il pessimo inizio che ho avuto avrei forse bisogno di un giocatore che mi concedesse qualcosa di più, ma non è stato il caso oggi – ha commentato Federer nella sua consueta conferenza stampa pochi minuti dopo aver lasciato il campo – Con un campo così veloce, quando non puoi fare affidamento sull’uno-due sulla tua battuta diventa tutto complicato”.

 

Dopo aver ceduto il primo set in 29 minuti, Federer ha cominciato servendo molto meglio la seconda frazione, continuando nella sua strategia di accorciare quando possibile gli scambi sulla sua battuta. Rublev ha invece continuato con il suo solito gioco, tenendo molto bene gli scambi ed esaltandosi in qualche passante. Un brutto game di Federer sul 3-3, chiuso da un errore di diritto (saranno 19 i gratuiti dell’elvetico alla fine del match, contro i solamente sei di Andrey) ha perfezionato il break decisivo, che Rublev ha conservato fino alla fine del match mantenendo una insolita calma glaciale, arrivando persino a placare con un gesto della mano il suo angolo che lo incitava con “pugnetti” e “come on”.

Si tratta della seconda vittoria su un Top 5 per Rublev in carriera, e la seconda nell’ultimo mese, dopo aver sconfitto il n.4 ATP Dominic Thiem al torneo di Amburgo. Affronterà nei quarti di finale il connazionale Daniil Medvedev che ha lasciato solamente tre game a Jan Lennard Struff.

TABELLONE MASCHILE COMPLETO (con tutti i risultati)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement