US Open: Berrettini da sogno, è semifinale!

ATP

US Open: Berrettini da sogno, è semifinale!

NEW YORK – Emozioni indescrivibili: Matteo vince al quinto match point, battendo un Monfils mai domo. Italia maschile in semifinale nella Grande Mela dopo 42 anni

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (pic by Jo Vinci)

da New York, il nostro inviato

[24] M. Berrettini b. [13] G. Monfils 3-6 6-3 6-3 3-6 7-6(5)

Una gioia indescrivibile, arrivata con merito e grinta. Matteo Berrettini, 42 anni dopo Corrado Barazzutti, conquista la semifinale dello US Open. Il romano si inserisce nel ristrettissimo club degli italiani arrivati tra i primi quattro (o meglio) in uno Slam, insieme a De Stefani, Pietrangeli, De Morpurgo, Merlo, Sirola, Panatta, Barazzutti e Cecchinato. Con Berrettini, siamo a nove nella storia intera del tennis azzurro.

 

INIZIO SOTTOTONO – Matteo affronta Gael Monfils, primo incontro tra i due, in un Arthur Ashe che si va via via riempiendo di pubblico, fino ad arrivare quasi al tutto esaurito, davvero un gran colpo d’occhio. Sarà la prima volta in questo stadio enorme, sarà la consapevolezza di quanto importante sia il risultato, sta di fatto che Berrettini inizia decisamente sottotono. Una buona responsabilità (e merito) per le indecisioni e gli errori dell’italiano ce l’ha Gael, che si parcheggia a 5 metri dalla linea di fondo, e respinge con apparente scioltezza tutte le bordate che Matteo gli tira con servizio e dritto.

Quando sei costretto, ripetutamente, a giocare e rigiocare palle che di solito non tornano, è naturale andare in affanno, sovraritmo, e sbagliare. Diversi dritti messi a metà rete da Matteo, insieme a un paio di doppi falli, gli costano un servizio perso nel sesto game (già aveva salvato con l’ace una palla break nel turno di battuta precedente), Gael sale 4-2, e non concede più nulla. Zero opportunità per l’azzurro in risposta, il conseguente 6-3 per il francese è inevitabile, e onestamente se lo è meritato. Totalmente disinnescato sulla diagonale destra, dove per quanto cerchi di tirare fortissimo non fa praticamente mai male all’avversario, Berrettini è in evidente difficoltà, e va sotto di un break anche all’inizio del secondo set. Pure la palla corta, che di solito è un’arma importante, lo tradisce (due errori con quel colpo, contro Rublev ne aveva giocate cinque su cinque vincenti).

LA REAZIONE E IL SORPASSO – Pian piano, però, il tennis di Matteo si fa più incisivo: il rovescio regge, il dritto fa sempre più danni. Bravo in questa fase Berrettini a uscire dalla trappola del palleggio in crosso di dritto, facendo più spesso il giro intorno alla palla per scatenare lo sventAglio e uscire verso la sinistra del francese. Arriva il contro-break, finalmente, e il 2-2. Una breve interruzione causata da qualche goccia di pioggia, non roba da chiusura del tetto comunque, sembra distrarre Monfils, che perde ancora il servizio sul 4-3 commettendo diversi errori gratuiti. Ottimo e cinico Matteo ad approfittarne, tirando deciso e senza tremare. Sale anche la percentuale di prime palle, non straordinaria oggi (57% nel set), e l’azzurro tiene alla grande (due ace nel game) il servizio che gli consegna il 6-3. siamo un set pari, è tutta da giocare adesso.

Il terzo set vede continuare la tendenza positiva per Berrettini, mentre Gael sembra aver smarrito molte delle certezze e della tranquillità di inizio match. Arriva un break nel terzo game, Matteo sale fino al 4-2, poi gli organizzatori decidono che è il momento di accendere le luci e chiudere il tetto, il cielo sopra New York si è fatto plumbeo. Sempre più in fiducia, e a tratti dando spettacolo col dritto e i tocchi a rete, Berrettini brekka ancora, e chiude 6-2: che set, che livello. La manata spaventosa di dritto che dà all’azzurro il 5-2 echeggia sotto la copertura dello stadio come fosse esploso un petardo. Due set a uno, il sogno è sempre più vicino. Nel box giocatori, Santopadre e Rianna, con Craig O’Shannessy, non stanno nella pelle, anche in tribuna stampa l’atmosfera è di quelle da occasione irripetibile; personalmente, mi sembra di rivivere le sensazioni che ebbi esattamente seduto qui, dove sto scrivendo, nel 2015. E ci ricordiamo tutti cosa avvenne quell’anno.

Monfils alterna il ritmo, a volte carica i topponi rallentando la velocità, poi all’improvviso prova a spingere, è chiaro il tentativo di contenere un Berrettini a tratti straripante. Nel terzo set, per esempio, l’azzurro ha piazzato il 100% di punti fatti con la prima palla, ha fatto 14 vincenti e commesso 9 errori, per il francese solo quattro vincenti. Non ha più l’iniziativa e subisce praticamente sempre, a parte i punti fatti con il gran servizio. Per Gael è un problema.

Gael Monfils – US Open 2019 (via Twitter, @usopen)

GAEL TORNA A GALLA – Il quarto set inizia in modo equilibrato, poi tra il terzo e il quarto game Monfils piazza una mini-stricia di 7 punti a uno, che gli porta in dote due palle break consecutive. Era ovvia una reazione, Gael è un campione, mai dimenticarlo. La prima svanisce col drittaccio lungo in risposta alla seconda palla (occasione persa dal francese qui), poi è lo sventaglio a uscire di Matteo a cancellare la successiva. Ne arriva una terza, a causa di un errore evitabile dell’azzurro, che però non trema e la annulla con un’accelerazione diagonale che manda letteralmente al tappeto Gael, che rischia anche di farsi male sbattendo su una telecamera. Tanto per far capire quanto indietro lo spinge l’aggressività di Berrettini. Una steccata dà il quarto vantaggio a Monfils, cancellata stavolta da uno splendido rovescio lungolinea di Matteo. Sembra chiaro che il francese sta giocandosi il tutto per tutto adesso, spara qualsiasi palla stando parecchio più vicino alla riga di fondo. Alla fine il rischio paga, con un nastro che gli accomoda la facile chiusura che gli dà il break alla quinta occasione, 3-1 per lui.

Monfils continua a tirare tutto, annulla sparando un dritto all’incrocio una palla del controbreak (causata da due errori di misura), e tiene salendo 4-1. Bisogna stringere i denti adesso, Berrettini deve rimanere attaccato ai suoi turni di servizio a tutti i costi, e poi vedere come va in risposta. Matteo tiene senza problemi, poi nel settimo game va all’assalto del servizio avversario. Per tenera la battuta, pur non affrontando palle break, Gael ci mette dieci punti, sparando il dritto anche da fermo. Lo vediamo piegato in due a più riprese, anche la tattica “rischiatutto” è tipica di chi sente di non poter reggere gli scambi lunghi, ma tant’è, siamo 5-2 in suo favore. Conoscendolo, non mi fido finché non lo vedo lasciare il campo via in barella (si scherza, eh, intendiamoci). Alla battuta per andare al quinto set, sul 5-3, Monfils rimane concentrato, batte forte, e nonostante il dodicesimo doppio fallo della partita chiude 6-3, siamo al set decisivo. Il problema di Berrettini, nel contesto di un ottimo match, è la percentuale di prime palle, il 55%, mentre Gael sta al 61%. 44 vincenti, 47 errori Matteo, 30-39 Monfils; l’equilibrio ci sta, ma chi sta conducendo le danze è chiaramente l’italiano.

SPLENDIDO EPILOGO – Il quinto set è un’altalena di emozioni, fino all’incredibile finale. Matteo sale subito avanti di un break, ma si fa raggiungere sul 2-2. Non demorde, continua a spingere e con un break a zero nel sesto game ritorna in vantaggio, nonostante la prima palla continui a non sostenerlo. Al servizio per il match sul 5-3, Berrettini trema per la prima volta nel parziale. Brutta volée fallita sul 30-15, poi la frittata peggiore: sul match-point, un tremendo doppio fallo. Monfils ringrazia, e nella bolgia dell’Arthur Ashe si porta 5-5. Bravo Berrettini ad assorbire la botta, e tenere per il 6-5 rimontando da 0-30. Tocca a Gael battere per rifugiarsi nel tie-break: proprio ora, come accaduto pochi istanti prima a Matteo, il servizio tradisce crudelmente il francese che da 30-0 si incarta in una serie di doppi falli e di errori gratuiti. Matteo si trova quindi a beneficiare di altri due match point: sul primo Monfils trova la prima al centro, sul secondo è l’azzurro a fallire un rovescio. Arriva il tie-break, nello stadio sono tutti in piedi.

Berrettini va subito avanti 2-0, Gael continua a regalare al servizio con altri due doppi falli ed ecco materializzarsi altri due match point, dopo uno scambio da 24 colpi vinto dall’italiano. Monfils salva il primo (e siamo a quattro!) con l’ace al centro, ma una prima a 201 kmh di Matteo manda il ragazzo di Roma tra le stelle, ovvero i primi quattro giocatori dello US Open 2019. Grazie, solo grazie Matteo. Alla probabilità di affrontare Nadal ci penseremo tra qualche ora.

Vincenzo Santopadre e il team di Berrettini – US Open 2019 (foto Jo Vinci)

Monfils a fine match: “Prenderò le cose positive da queste due settimane, che sono state ottime per me. Nel tie-break pensavo a essere più aggressivo, ma ho servito molto male, non sono stato incisivo col dritto. Sapevo che Matteo avrebbe spinto per chiuderla, era sicuramente stanco anche lui. 5 doppi falli in 10 minuti? Sì, mi è già successo, contro Lu in Australia mi pare. Capita quando sei teso, oggi è proprio andata male. Non è la peggior delusione, non dimenticate che nel 2014 avevo avuto match-point contro Federer. Veri rimpianto nono ne ho, perché ho dato tutto, sono orgoglioso della mia prestazione. Berrettini ha servito bene per 4 ore, non è per nulla facile. Il suo dritto è molto pesante, lo slice di rovescio è migliore di quello che tanti pensano. Il punto debole di Matteo? La risposta al servizio, questo mi dispiace di più perché ho servito troppo male io e non ne ho saputo approfittare”.

Il tabellone maschile completo (con tutti i risultati aggiornati)

Continua a leggere
Commenti

ATP

Goffin interrompe il digiuno a Montpellier: rimontato Bautista Agut

Il belga vince in tre set in poco più di due ore di gioco e torna a sollevare un trofeo a tre anni di distanza dall’ultima volta

Pubblicato

il

David Goffin, con il trofeo - Montpellier 2021 (via Twitter, @OpenSuddeFrance)

[2] D. Goffin b. [1] R. Bautista Agut 5-7 6-4 6-2

David Goffin è il campione dell’edizione 2021 del torneo ATP 250 di Montpellier. Il belga supera in rimonta la prima testa di serie Roberto Bautista Agut e torna a sollevare un trofeo dopo più di tre anni dall’ultima volta (Tokyo 2017). Per entrambi si trattava di una partita molto importante, non tanto per il peso specifico del torneo in sé, ma per ricostruire un po’ di fiducia in vista del resto della stagione. Sia Goffin che Bautista non giocavano infatti una finale dal 2019 e nel corso della partita odierna si è chiaramente percepita la tensione di chi sapeva che in ballo c’era molto di più dei 250 punti e dell’assegno del vincitore.

Nonostante un difficile primo set, il belga è riuscito a reagire e a spuntarla al terzo, mentre Bautista Agut è andato via via spegnendosi di pari passo con la crescita del livello dell’avversario. Per Goffin questo è il quinto titolo in carriera su quattordici finali, mentre per lo spagnolo arriva la nona sconfitta su diciotto finali. Da lunedì il belga occuperà la quattordicesima posizione del ranking ad appena dieci punti di distanza proprio dal suo avversario odierno.

 

IL MATCH – Goffin parte subito molto aggressivo e si procura una palla break già nel terzo gioco. Il suo rovescio lungolinea però atterra largo, graziando così Bautista-Agut. Lo spagnolo ringrazia e nel game successivo è lui a ottenere il break, sfruttando un orrendo turno di servizio dell’avversario. Bautista Agut continua a servire con una percentuale di prime vicina al 90% e da fondo sembra avere una marcia in più. Entrambi giocano più o meno allo specchio, gestendo gli scambi con intelligenza e puntando sulle geometrie precise piuttosto che sulla potenza nuda e cruda. Il livello di gioco è anche gradevole, ma Bautista sembra in pieno controllo della situazione.

Sul 5-3 però, al momento di servire per il set, lo spagnolo incappa in tre errori di dritto che lo condannano a subire il break. Goffin tiene ai vantaggi il successivo turno di battuta e impatta sul 5-5. Entrambi appaiono piuttosto nervosi e la qualità del match ne risente in queste fasi finali del parziale. Bautista Agut riesce però a scendere a patti con la tensione e alza notevolmente il ritmo nel dodicesimo gioco, piazzando la zampata decisiva e facendo suo il set col punteggio di 7-5.

In avvio di secondo set, Goffin non sembra aver accusato il colpo del set appena perduto e affonda subito il piede sull’acceleratore. Un bel rovescio lungolinea vincente sigilla il break a zero in suo favore. Bautista Agut prova a rimanere attaccato, ma non riesce mai a impensierire l’avversario nei turni di risposta. Dal canto suo Goffin serve con percentuali decisamente migliori rispetto al primo parziale e addirittura mette a segno tre ace nel game che chiude il set.

Anche nel terzo set è Goffin a partire meglio. Il belga strappa subito la battuta a un Bautista un po’ impreciso e si difende dalla reazione dell’avversario, piazzando due prime robuste su altrettante palle dell’immediato controbreak. Il copione sembra tale e quale a quello del secondo parziale con Goffin ormai padrone degli scambi da fondo, mentre Bautista Agut fatica a trovare ritmo e soprattutto occasioni per potersi rifare sotto nel punteggio. Forte del vantaggio conquistato, Goffin gioca a braccio ancora più sciolto e costringe l’avversario, ormai visibilmente teso, a fare il tergicristallo ben lontano dalla linea di fondo. Il belga ottiene così un secondo break di vantaggio che lo proietta a servire per il match sul 5-2. Bautista prova a dare un ultimo colpo di coda e si procura una palla break, sulla quale è tradito dal nastro che smorza un dritto in avanzamento di Goffin. Una prima vincente e un rovescio sulla riga consentono al belga di alzare le braccia al cielo dopo più di due ore di partita.

Il tabellone completo di Montpellier

Continua a leggere

ATP

ATP Singapore: primo sigillo per Alexei Popyrin

A Singapore il 21enne Alexei Popyrin conquista il primo titolo ATP alla sua prima finale. Battuto Bublik in tre set

Pubblicato

il

Primo titolo ATP per Alexei Popyrin. Il 21enne di Sydney, attuale n. 114 del ranking, ha la meglio in finale a Singapore sul kazako Alexander Bublik, n. 46. Per Popyrin il primo successo giunge dunque alla prima finale in carriera, mentre per il 23enne Bublik, alla sua quarta finale finora (dopo quelle di Newport, Chengdu e Antalya), sfuma ancora la prima vittoria importante.

Un match combattuto tra i due nel quale il kazako prende subito il controllo intascando la prima manche con lo score di 6-4. Poi, il crollo. In soli 23 minuti cede il secondo set per 6-0 e non riesce più a risollevare le sorti di un incontro che sarà definitivamente appannaggio dell’australiano. Popyrin, alla fine, si aggiudica il titolo con il punteggio di 4-6 6-0 6-2 e, da lunedì, sarà n. 82 del mondo.

Continua a leggere

ATP

ATP Cordoba, in finale Ramos-Viñolas vs Cerundolo

Al torneo di Cordoba Open giungono in finale Albert Ramos Viñolas e il qualificato argentino Juan Manuel Cerundolo

Pubblicato

il

Al Cordoba Open giungono in finale lo spagnolo Albert Ramos Viñolas e il qualificato argentino Juan Manuel Cerundolo. Il 33enne di Barcellona, attuale n. 47 del mondo, raggiunge la sua nona finale in carriera (due titoli vinti), dopo aver battuto in semifinale Facundo Bagnis con lo score di 7-5 5-7 6-3. Ricordiamo che Ramos Viñolas ai quarti di finale ha estromesso la testa di serie n. 1 del torneo, Diego Schwartzman.

Per Juan Manuel Cerundolo, 19 anni, di Buenos Aires, e n. 335 ATP, invece si tratta della prima finale nel circuito, per giunta conquistata alla sua prima partecipazione ad un torneo del tour maggiore. L’argentino ha superato al penultimo round il connazionale Federico Coria in tre set (6-4 4-6 6-2). Che sia una svolta definitiva per la sua carriera?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement