US Open: Berrettini da sogno, è semifinale!

ATP

US Open: Berrettini da sogno, è semifinale!

NEW YORK – Emozioni indescrivibili: Matteo vince al quinto match point, battendo un Monfils mai domo. Italia maschile in semifinale nella Grande Mela dopo 42 anni

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (pic by Jo Vinci)

da New York, il nostro inviato

[24] M. Berrettini b. [13] G. Monfils 3-6 6-3 6-3 3-6 7-6(5)

Una gioia indescrivibile, arrivata con merito e grinta. Matteo Berrettini, 42 anni dopo Corrado Barazzutti, conquista la semifinale dello US Open. Il romano si inserisce nel ristrettissimo club degli italiani arrivati tra i primi quattro (o meglio) in uno Slam, insieme a De Stefani, Pietrangeli, De Morpurgo, Merlo, Sirola, Panatta, Barazzutti e Cecchinato. Con Berrettini, siamo a nove nella storia intera del tennis azzurro.

 

INIZIO SOTTOTONO – Matteo affronta Gael Monfils, primo incontro tra i due, in un Arthur Ashe che si va via via riempiendo di pubblico, fino ad arrivare quasi al tutto esaurito, davvero un gran colpo d’occhio. Sarà la prima volta in questo stadio enorme, sarà la consapevolezza di quanto importante sia il risultato, sta di fatto che Berrettini inizia decisamente sottotono. Una buona responsabilità (e merito) per le indecisioni e gli errori dell’italiano ce l’ha Gael, che si parcheggia a 5 metri dalla linea di fondo, e respinge con apparente scioltezza tutte le bordate che Matteo gli tira con servizio e dritto.

Quando sei costretto, ripetutamente, a giocare e rigiocare palle che di solito non tornano, è naturale andare in affanno, sovraritmo, e sbagliare. Diversi dritti messi a metà rete da Matteo, insieme a un paio di doppi falli, gli costano un servizio perso nel sesto game (già aveva salvato con l’ace una palla break nel turno di battuta precedente), Gael sale 4-2, e non concede più nulla. Zero opportunità per l’azzurro in risposta, il conseguente 6-3 per il francese è inevitabile, e onestamente se lo è meritato. Totalmente disinnescato sulla diagonale destra, dove per quanto cerchi di tirare fortissimo non fa praticamente mai male all’avversario, Berrettini è in evidente difficoltà, e va sotto di un break anche all’inizio del secondo set. Pure la palla corta, che di solito è un’arma importante, lo tradisce (due errori con quel colpo, contro Rublev ne aveva giocate cinque su cinque vincenti).

LA REAZIONE E IL SORPASSO – Pian piano, però, il tennis di Matteo si fa più incisivo: il rovescio regge, il dritto fa sempre più danni. Bravo in questa fase Berrettini a uscire dalla trappola del palleggio in crosso di dritto, facendo più spesso il giro intorno alla palla per scatenare lo sventAglio e uscire verso la sinistra del francese. Arriva il contro-break, finalmente, e il 2-2. Una breve interruzione causata da qualche goccia di pioggia, non roba da chiusura del tetto comunque, sembra distrarre Monfils, che perde ancora il servizio sul 4-3 commettendo diversi errori gratuiti. Ottimo e cinico Matteo ad approfittarne, tirando deciso e senza tremare. Sale anche la percentuale di prime palle, non straordinaria oggi (57% nel set), e l’azzurro tiene alla grande (due ace nel game) il servizio che gli consegna il 6-3. siamo un set pari, è tutta da giocare adesso.

Il terzo set vede continuare la tendenza positiva per Berrettini, mentre Gael sembra aver smarrito molte delle certezze e della tranquillità di inizio match. Arriva un break nel terzo game, Matteo sale fino al 4-2, poi gli organizzatori decidono che è il momento di accendere le luci e chiudere il tetto, il cielo sopra New York si è fatto plumbeo. Sempre più in fiducia, e a tratti dando spettacolo col dritto e i tocchi a rete, Berrettini brekka ancora, e chiude 6-2: che set, che livello. La manata spaventosa di dritto che dà all’azzurro il 5-2 echeggia sotto la copertura dello stadio come fosse esploso un petardo. Due set a uno, il sogno è sempre più vicino. Nel box giocatori, Santopadre e Rianna, con Craig O’Shannessy, non stanno nella pelle, anche in tribuna stampa l’atmosfera è di quelle da occasione irripetibile; personalmente, mi sembra di rivivere le sensazioni che ebbi esattamente seduto qui, dove sto scrivendo, nel 2015. E ci ricordiamo tutti cosa avvenne quell’anno.

Monfils alterna il ritmo, a volte carica i topponi rallentando la velocità, poi all’improvviso prova a spingere, è chiaro il tentativo di contenere un Berrettini a tratti straripante. Nel terzo set, per esempio, l’azzurro ha piazzato il 100% di punti fatti con la prima palla, ha fatto 14 vincenti e commesso 9 errori, per il francese solo quattro vincenti. Non ha più l’iniziativa e subisce praticamente sempre, a parte i punti fatti con il gran servizio. Per Gael è un problema.

Gael Monfils – US Open 2019 (via Twitter, @usopen)

GAEL TORNA A GALLA – Il quarto set inizia in modo equilibrato, poi tra il terzo e il quarto game Monfils piazza una mini-stricia di 7 punti a uno, che gli porta in dote due palle break consecutive. Era ovvia una reazione, Gael è un campione, mai dimenticarlo. La prima svanisce col drittaccio lungo in risposta alla seconda palla (occasione persa dal francese qui), poi è lo sventaglio a uscire di Matteo a cancellare la successiva. Ne arriva una terza, a causa di un errore evitabile dell’azzurro, che però non trema e la annulla con un’accelerazione diagonale che manda letteralmente al tappeto Gael, che rischia anche di farsi male sbattendo su una telecamera. Tanto per far capire quanto indietro lo spinge l’aggressività di Berrettini. Una steccata dà il quarto vantaggio a Monfils, cancellata stavolta da uno splendido rovescio lungolinea di Matteo. Sembra chiaro che il francese sta giocandosi il tutto per tutto adesso, spara qualsiasi palla stando parecchio più vicino alla riga di fondo. Alla fine il rischio paga, con un nastro che gli accomoda la facile chiusura che gli dà il break alla quinta occasione, 3-1 per lui.

Monfils continua a tirare tutto, annulla sparando un dritto all’incrocio una palla del controbreak (causata da due errori di misura), e tiene salendo 4-1. Bisogna stringere i denti adesso, Berrettini deve rimanere attaccato ai suoi turni di servizio a tutti i costi, e poi vedere come va in risposta. Matteo tiene senza problemi, poi nel settimo game va all’assalto del servizio avversario. Per tenera la battuta, pur non affrontando palle break, Gael ci mette dieci punti, sparando il dritto anche da fermo. Lo vediamo piegato in due a più riprese, anche la tattica “rischiatutto” è tipica di chi sente di non poter reggere gli scambi lunghi, ma tant’è, siamo 5-2 in suo favore. Conoscendolo, non mi fido finché non lo vedo lasciare il campo via in barella (si scherza, eh, intendiamoci). Alla battuta per andare al quinto set, sul 5-3, Monfils rimane concentrato, batte forte, e nonostante il dodicesimo doppio fallo della partita chiude 6-3, siamo al set decisivo. Il problema di Berrettini, nel contesto di un ottimo match, è la percentuale di prime palle, il 55%, mentre Gael sta al 61%. 44 vincenti, 47 errori Matteo, 30-39 Monfils; l’equilibrio ci sta, ma chi sta conducendo le danze è chiaramente l’italiano.

SPLENDIDO EPILOGO – Il quinto set è un’altalena di emozioni, fino all’incredibile finale. Matteo sale subito avanti di un break, ma si fa raggiungere sul 2-2. Non demorde, continua a spingere e con un break a zero nel sesto game ritorna in vantaggio, nonostante la prima palla continui a non sostenerlo. Al servizio per il match sul 5-3, Berrettini trema per la prima volta nel parziale. Brutta volée fallita sul 30-15, poi la frittata peggiore: sul match-point, un tremendo doppio fallo. Monfils ringrazia, e nella bolgia dell’Arthur Ashe si porta 5-5. Bravo Berrettini ad assorbire la botta, e tenere per il 6-5 rimontando da 0-30. Tocca a Gael battere per rifugiarsi nel tie-break: proprio ora, come accaduto pochi istanti prima a Matteo, il servizio tradisce crudelmente il francese che da 30-0 si incarta in una serie di doppi falli e di errori gratuiti. Matteo si trova quindi a beneficiare di altri due match point: sul primo Monfils trova la prima al centro, sul secondo è l’azzurro a fallire un rovescio. Arriva il tie-break, nello stadio sono tutti in piedi.

Berrettini va subito avanti 2-0, Gael continua a regalare al servizio con altri due doppi falli ed ecco materializzarsi altri due match point, dopo uno scambio da 24 colpi vinto dall’italiano. Monfils salva il primo (e siamo a quattro!) con l’ace al centro, ma una prima a 201 kmh di Matteo manda il ragazzo di Roma tra le stelle, ovvero i primi quattro giocatori dello US Open 2019. Grazie, solo grazie Matteo. Alla probabilità di affrontare Nadal ci penseremo tra qualche ora.

Vincenzo Santopadre e il team di Berrettini – US Open 2019 (foto Jo Vinci)

Monfils a fine match: “Prenderò le cose positive da queste due settimane, che sono state ottime per me. Nel tie-break pensavo a essere più aggressivo, ma ho servito molto male, non sono stato incisivo col dritto. Sapevo che Matteo avrebbe spinto per chiuderla, era sicuramente stanco anche lui. 5 doppi falli in 10 minuti? Sì, mi è già successo, contro Lu in Australia mi pare. Capita quando sei teso, oggi è proprio andata male. Non è la peggior delusione, non dimenticate che nel 2014 avevo avuto match-point contro Federer. Veri rimpianto nono ne ho, perché ho dato tutto, sono orgoglioso della mia prestazione. Berrettini ha servito bene per 4 ore, non è per nulla facile. Il suo dritto è molto pesante, lo slice di rovescio è migliore di quello che tanti pensano. Il punto debole di Matteo? La risposta al servizio, questo mi dispiace di più perché ho servito troppo male io e non ne ho saputo approfittare”.

Il tabellone maschile completo (con tutti i risultati aggiornati)

Continua a leggere
Commenti

ATP

La ragnatela russa intrappola Thiem: Daniil Medvedev è il campione delle ATP Finals 2020

Il tennista russo vince l’ultima edizione londinese delle ATP Finals completando un finale di stagione di altissimo livello: 10 vittorie consecutive tra Bercy e Londra, 2500 punti conquistati

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - ATP Finals 2020 (via Twitter, @atptour)

[4] D. Medvedev b. [3] D. Thiem 4-6 7-6(2) 6-4

Daniil Medvedev è il 51° campione delle ATP Finals. Il russo rimonta Dominic Thiem e centra la decima vittoria consecutiva, chiudendo l’anno con la doppietta Bercy-Finals. È stata una bella partita, degna conclusione di un torneo molto divertente, che ha in parte risarcito gli appassionati di tennis al termine una stagione dimezzata e molto sfortunata, figlia di un 2020 terribile per il mondo intero.

Una partita che Medvedev aveva iniziato a mille all’ora, salvo poi lasciarsi irretire dagli slice velenosi di Thiem, che la partita l’ha interpretata alla grande. Dal tie-break del secondo set in poi però, come accaduto contro Nadal, il russo ha cambiato ritmo e ha ribaltato l’inerzia dell’incontro, sfruttando anche un evidente calo fisico e mentale del proprio avversario. Medvedev alza dunque il suo nono titolo, il più prestigioso, avendo sconfitto i primi tre giocatori del mondo, e diventa dunque il secondo russo a vincere il torneo di fine anno, dopo Davydenko nel 2009.

 

LA PARTITA – Si capisce subito che di scambi se ne vedranno parecchi e anche di una certa intensità. Entrambi infatti entrano in partita belli decisi e cominciano a darsele di santa ragione da fondocampo fin dai primissimi punti. Medvedev però sembra avere una marcia diversa nel palleggio e mette subito in difficoltà Thiem sul suo servizio. L’austriaco annulla due palle break (la prima con un bel dritto a uscire, la seconda con un ace) già nel secondo gioco, che riesce ad aggiudicarsi solo dopo la bellezza di 16 punti. Proprio nel momento in cui sembra avere in mano la situazione, Medvedev ha un momento di buio simile a quelli avuti nel match contro Nadal in semifinale. Sul 2-2, il russo sciupa un vantaggio di 40-0 con una serie di gratuiti (tra i quali spicca un comodo smash affossato in rete) e completa il disastro con un doppio fallo che regala il break a Thiem.

Medvedev riaccende subito la luce e reagisce, ma l’austriaco riesce a uscire dal momento di difficoltà chiedendo aiuto al dritto e alla prima. I giochi scivolano via senza ulteriori scossoni fino al 5-4, quando Thiem si presenta a servire per il set. L’austriaco si guadagna un set point, sul quale la dea bendata decide di dargli una bella mano: Medvedev comanda lo scambio col dritto e si presenta a rete per una comoda chiusura al volo, ma il nastro devia il passante di Thiem e mette fuori causa il russo. I due vanno a sedersi scambiandosi un sorriso di divertita complicità per l’esito decisamente fortunoso del parziale.

Il secondo set si apre all’insegna dell’equilibrio con quattro game abbastanza agevoli per il giocatore al servizio. Sul 2-2, Medvedev rischia di complicarsi di nuovo la vita, esattamente come nel primo set. Stavolta però riesce a mettere una toppa i suoi errori, salvando una palla break e tenendo la battuta alla quinta parità. Il russo sembra un po’ confuso in questa fase, sbaglia di più e si presenta a rete in maniera disordinata e rischiosa (ma invero efficace). Dall’altra parte Thiem gli mette molta pressione, pur senza prendere rischi eccessivi, e raccoglie i graditi errori dell’avversario. Medvedev salva altre due palle break nel settimo game e sale 4-3 anche grazie all’aiuto di Thiem, che infatti si lascia andare ad un urlo di frustrazione. 

Dominic Thiem – ATP Finals 2020 (via Twitter, @atptour)

Tocca poi proprio all’austriaco annullare una palla break nel gioco successivo prima di impattare sul 4-4. Ora il livello della partita è decisamente alto con entrambi i finalisti che spazzolano le righe con invidiabile continuità. Molto interessanti anche i diversi approcci adottati in questo secondo set: Thiem ricorre sempre più spesso allo slice di rovescio per togliere ritmo a Medvedev; dal canto suo il russo cerca con insistenza la via della rete, sia nello scambio che immediatamente dietro al servizio, proprio per evitare di rimanere invischiato nella rete che l’austriaco ha iniziato a tessere. Si giunge così al tie-break, che Medvedev interpreta alla perfezione: il russo va sotto 0-2, ma poi vince sette punti consecutivi, facendo correre Thiem da una parte all’altra e costringendolo ad andare fuori giri col dritto.

In avvio di terzo set, l’austriaco accusa un po’ il colpo, e forse anche la stanchezza, salvandosi a fatica sia nel primo che nel terzo game (nel quale cancella tre palle break consecutive). I dolori però continuano per Thiem, che viene sballottato in continuazione qua e là dal forcing di Medvedev. Sul 2-2, l’austriaco salva altre due palle break prima di capitolare. Il russo riesce così a strappare il servizio all’avversario per la prima volta nel match, alla nona occasione utile. Thiem tenta qualche fiammata, ma non ha più le forze per tentare di rimontare lo svantaggio. Gli ultimi giochi sono una passerella trionfale per Medvedev, che con la solita pacatezza s’invola verso il successo più importante della sua carriera.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Medvedev sfata il tabù Nadal e va in finale: le Finals sono ancora stregate per lo spagnolo

Daniil Medvedev vince in rimonta una partita in cui Nadal ha servito per il match nel secondo set. Sfuma ancora il sogno di diventare Maestro per lo spagnolo

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - ATP Finals 2020 (via Twitter, @atptour)

[4] D. Medvedev b. [2] R. Nadal 3-6 7-6(4) 6-3

Daniil Medvedev supera in rimonta Rafael Nadal e raggiunge per la prima volta in carriera la finale alle ATP Finals. Ce la fa al termine di una partita strana, che avrebbe potuto (e forse dovuto) vincere in due set e invece ha seriamente rischiato di perdere in due. Il russo ha infatti mantenuto il pallino del gioco per larga parte dell’incontro, rovinandosi con le proprie mani sia nel primo set (con un disastroso turno di servizio nell’ottavo gioco) che nel secondo, quando ha mancato una palla del 5-1 per trovarsi poi sotto 5-4 e servizio Rafa. Da quel momento in poi però, il russo ha decisamente cambiato marcia ed è riuscito alla fine a ribaltare la partita, pur con maggior fatica del dovuto. Dall’altra parte infatti Rafa è stato bravissimo, come sempre, a rimanere attaccato alla partita e a raccogliere il massimo da ogni sbavatura dell’avversario, nonostante un prestazione tutt’altro che scintillante.

Penso di aver ottenuto abbastanza per non trovare scuse sulla pressione. Ho attraversato una situazione più difficile di questa. Certo che sei nervoso di vincere la partita, è normale avere tensione. Ho fatto qualche errore, lui ha giocato un bel tiebrek. Nel terzo avrei dovuto vincere il turno di servizio che ho perso, ho sbagliato una volée, sono piccoli errori che fanno una grande differenza”, ha detto Rafa a fine partita con la solita grande umiltà e lucidità. “I miei obiettivi sono sempre gli stessi, vincere ogni torneo e darmi la possibilità di competere. Il prossimo anno sarà un anno importante, spero di essere pronto per le cose per cui voglio lottare e lavorerò duramente durante la off season per riuscirci.”

 

Continua per lui la maledizione delle ATP Finals, uno titolo tra i più prestigiosi che ancora manca al suo strepitoso palmares. Medvedev invece approda in finale da imbattuto, dopo aver raccolto tre sconfitte su tre nella sua prima apparizione alla O2 Arena l’anno scorso, e contenderà il titolo di Maestro a Dominic Thiem (3-1 i precedenti in favore dell’austriaco).

LA PARTITA – Nadal inizia il match con poche prime ed è dunque costretto fin dall’inizio a lunghi scambi, terreno certo a lui congeniale di solito, ma perfetto anche per Medvedev che sul veloce indoor ha più armi per fare male da fondo. Il russo cerca di mettere grande pressione fin dalla risposta e nel terzo game si procura tre palle break, sulle quali però Rafa si disimpegna alla perfezione. Medvedev dal canto suo mette solo prime (letteralmente, 16 prime su 16 nei primi tre turni di battuta) e nel palleggio da fondo la sua palla fa molto male a Nadal, che deve sempre fare gli straordinari per aggiudicarsi il punto.

Lo spagnolo sa bene di non potersi invischiare nella ragnatela del russo e inizia a sfruttare sempre di più il rovescio slice per non dare ritmo all’avversario. Questo, unito a qualche sbavatura di troppo di Medvedev, lo aiuta a rimanere a galla, nonostante il misero 42% di prime palle in campo. Inaspettatamente, nell’ottavo game, il russo, che finora aveva dominato i propri turni di battuta, si incarta da solo: serve quattro seconde consecutive, sbaglia da fondo e perde addirittura a zero il servizio. Nadal non si fa pregare e intasca il primo parziale col punteggio di 6-3. Primo set perso nel torneo da Medvedev, che di rimpianti ne ha tanti, tantissimi per quello sciagurato ottavo gioco.

Rafael Nadal – ATP Finals 2020 (via Twitter, @atptour)

In avvio di secondo set Medvedev riesce a resettare e ripartire con rinnovata aggressività. Il russo vince dodici dei primi tredici punti e sale 3-0, anche grazie alla complicità di Nadal. Lo spagnolo infatti gioca un pessimo primo turno di battuta con tanto di doppio fallo, il primo del match, sulla palla break. Medvedev continua a macinare gioco, tenendo sempre sotto scacco Rafa quando lo scambio si allunga. Il russo arriva a un punto dal 5-1, ma Nadal riesce a ricacciarlo indietro e a difendere il turno di battuta. A questo punto, Medvedev spegne nuovamente la luce, come accaduto a metà del primo del primo set, e si fa recuperare fino al 4-4. Un altro disastroso game al servizio del russo spedisce Rafa a servire per il match. Vistosi con le spalle al muro, Medvedev si gioca il tutto per tutto e riesce a rimanere in partita, strappando addirittura a zero la battuta a Nadal.

Si approda dunque al tie-break, nel quale Medvedev decide di lasciare il meno possibile l’iniziativa a Nadal. Il russo domina con il rovescio e si porta avanti 4-1. Una stecca di dritto si trasforma in un pallonetto vincente (ma dopo che Nadal aveva sbagliato la direzione di un dritto che avrebbe dovuto essere vincente), in maniera un po’ fortunosa gli consente di arrivare a set point sul 6-3. Del resto si sa, audentes fortuna iuvat. La fortuna aiuta chi osa. Un altro rocambolesco scambio, vinto con pieno merito da Medvedev, permette al russo di pareggiare il conto dei set alla seconda occasione.

In avvio di terzo set, Rafa annulla subito una palla break con una l’ennesima curva mancina vincente da sinistra. Medvedev sembra aver decisamente ripreso il controllo della partita, ma deve trovare assolutamente il modo di rispondere alla prima di Nadal anche a sinistra, cosa che non è praticamente mai riuscito a fare nel match. Sul 3-3, il russo mantiene profondissimo il palleggio e si procura un’altra palla break, cancellata da un provvidenziale ace di Nadal. Lo spagnolo, forse un po’ stanco, si butta a rete dopo il servizio, non chiude un a volee abbastanza facile per il 4 3 e viene infilato dal passante di Medvedev che ha così una seconda chance, anche questa annullata con autorità da Rafa. Di nuovo Rafa gioca una volee troppo morbida e Medvedev ne approfitta. Dopo di che rovescio un po’ pigro di Nadal regala una terza possibilità al russo, che stavolta viene a prendersi il punto (e il break) a rete.

Lo spagnolo accusa nettamente il colpo e la stanchezza. Prova come suo solito a non arrendersi, ma il serbatoio è vuoto e Medvedev punisce i suoi tentativi di accorciare gli scambi andando a rete. Un secondo break sul 5-3 chiude la partita e consente al russo di festeggiare la prima finale nel Torneo dei Maestri.

Fino al 5-4 del secondo set sentivo che stavo facendo buone cose, ma non abbastanza – ha detto Medvedev alla stampa dopo la partita – non sentivo la connessione tra i miei colpi e me stesso. Ho cominciato a sentire quella connessione dopo il break per il 5-5 e poi ho iniziato a vederlo nello score, e da quel punto in poi credo di aver giocato una gran partita“.

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

ATP

ATP Finals: Thiem vince due volte e vola in finale. Djokovic si arrende al tie-break del terzo

L’austriaco fallisce quattro match point nel tie-break del secondo set ma si vendica un set più tardi: seconda finale consecutiva alle Finals, che avranno un nuovo Maestro

Pubblicato

il

Dominic Thiem - ATP Finals 2020 (via Twitter, @atptour)

[3] D. Thiem b. [1] N. Djokovic 7-5 6-7(10) 7-6(5)

Ha dovuto davvero vincere il match due volte Dominic Thiem. Prima ha sprecato quattro match point nel tie-break del secondo set, poi ha infilato sei punti di fila dallo svantaggio di 0-4 nel tie-break decisivo e ha battuto per la quinta volta in carriera Novak Djokovic (senza mai perdere il servizio nel match). Non un brutto modo per mettere la firma sulla sua vittoria numero 300 nel Tour professionistico. Per il quarto anno di fila, inoltre, è in grado di battere nel corso di una stagione sia Nadal che Djokovic: è la certificazione della sua esplosione ad alti livelli. Un altro dato lo conferma. Ha vinto in carriera almeno cinque partite contro ognuno dei Big Three. Solo un altro giocatore ci è riuscito: Andy Murray.

LA PARTITA – Entrambi hanno aperto il match con pochissime sbavature. Le prime sono arrivate in due game consecutivi (il sesto e il settimo) dove sono stati costretti a recuperare il turno di battuta dallo 0-30, riuscendo nell’operazione con relativa facilità. Il colpo che ha scombussolato un po’ lo scambio da fondo è stato il dritto inside-out di Thiem, l’unica situazione di gioco dove la difesa di Djokovic ha dato una risposta meno convincente rispetto alla norma. Spingendo a tavoletta sul 5-5, il finalista uscente delle Finals si è procurato due palle break e una stop volley sbagliata da Nole gli ha permesso di piazzare il primo break della partita. Al servizio per chiudere il set ha poi messo in fila un rovescio lungolinea con la palla che fumava e un ace: 7-5 in 52 minuti.

 

I dati che più saltano all’occhio sono l’86% di punti vinti con la prima di Dominic e la differenza nei colpi vincenti, 14 a 5 per Thiem (con 14 errori però), ma la forbice si amplierà a fine partita (l’austriaco farà cifra tonda, 50 winners, contro i 23 di Nole). Nel secondo set Djokovic ha provato a essere meno remissivo, a costo di mettere a referto qualche non forzato in più. Da un lato Thiem è riuscito a finalizzare i suoi attacchi a rete, mentre Nole a tratti è mancato proprio su questo aspetto. Tuttavia ha corso un unico rischio nel parziale, sul 2-2, ma il numero tre del torneo ha sparato un dritto in rete sul 30-40.

Sono tre invece le occasioni che Djokovic ha mancato sul servizio avversario, una sul 4-3 (risposta fuori di centimetri) e due sul 6-5. Giusto comunque che si sia arrivati al gioco decisivo per spezzare l’enorme equilibrio. Dopo essere stato sotto 4-2, Thiem si è guadagnato ben quattro match point, con un sostanziale aiuto del servizio: sul primo (6-5) è stato il servizio esterno di Nole ad allungare il match, mentre sul secondo e sul terzo (giocati con la battuta a disposizione) ha commesso un doppio fallo e spedito in corridoio un dritto. Sul quarto Nole ha pizzicato la riga col dritto inside-in e a quel punto il tie-break non poteva che finire nelle sue mani.

Il terzo set ha anche aperto la terza ora di gioco. Thiem è stato costretto a rimettere in ordine le idee per non farsi travolgere dall’onda dei rimpianti in apertura. Ha continuato a picchiare la palla e ha concesso poco o nulla, complice anche una prima di servizio che è entrata il 78% delle volte nel parziale decisivo. Tuttavia anche Djokovic ha giocato alla grande nei suoi turni e il risultato è stato un set molto rapido, con zero palle break e un solo game ai vantaggi (vinto da Nole sul 3-4). Raggiunto il tie-break anche nel terzo, il match è entrato nella storia: con 38 game giocati è la semifinale più lunga in termini di game della storia del torneo alla pari di Sampras-Ivanisevic del 1996.

Un doppio fallo ha dato un immediato vantaggio a Nole, che forte dei suoi 15 tie-break vinti su 16 nel 2020 si è portato avanti 3-0 col servizio e poi 4-0 dopo un errore di Dominic. Da qui in avanti ha perso sei punti consecutivi: prima un ace, poi un dritto vincente e un back in rete per mettere di nuovo in pari il tie-break. Sul 4-4 è arrivato un altro ace, seguito da un rovescio vincente in cross fulminante. Al sesto match point ha poi chiuso il match dopo quasi tre ore: come un anno fa nel Round Robin è riuscito a battere 7-6 al terzo il numero uno del mondo. Allora rimontò da 1-4, stavolta si è anche superato.

Avrà adesso una seconda possibilità di vincere il titolo alle Finals, dopo la finale persa lo scorso anno contro Tsitsipas. Nel frattempo, il tennis è già certo di avere un nuovo maestro: per Thiem, Nadal e Medvedev sarebbe infatti una prima volta. C’è di più. Per la seconda volta nella storia ci saranno sei campioni diversi in sei edizioni di fila delle ATP Finals. L’ultima volta era successo tra il 1974 e il 1979 (in ordine cronologico vinsero Vilas, Nastase, Orantes, Connors, McEnroe e Borg).

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement