Djokovic invincibile: batte Thiem in 5 set e vince l'ottavo Australian Open

ATP

Djokovic invincibile: batte Thiem in 5 set e vince l’ottavo Australian Open

MELBOURNE – In netta difficoltà, sotto due set a uno, il campione serbo resetta e ritrova il suo tennis. 17° Slam, Nole ritorna anche numero uno del mondo

Pubblicato

il

Novak Djokovic con il trofeo - Australian Open 2020 (foto via Twitter @AustralianOpen)
 
 

[2] N. Djokovic b. [5] D. Thiem 6-4 4-6 2-6 6-3 6-4 (da Melbourne, il nostro inviato)

Ogni volta che lo crediamo possibile, ogni volta che la sorpresa sembra davvero a un centimetro dal concretizzarsi, questi tre fenomeni spostano l’asticella un centimetro più in là. E alla fine vincono. Non ha fatto eccezione oggi Novak Djokovic, sotto due set a uno contro Thiem e – apparentemente – in balia completa del palleggio e delle bordate dell’avversario. Ha ricomposto le idee, ha ritrovato risposta e precisione nei colpi e si è proclamato padrone degli ultimi due set e poi vincitore del suo ottavo Australian Open, diciassettesimo Slam totale. A tre lunghezze dal record di Federer, a due dall’inseguitore Nadal. Sembra davvero non esserci niente da fare: a New York Medvedev ci era andato vicino, ci è andato vicino anche Thiem oggi ma non c’è stato verso di spodestare i campioni dal loro trono. Ah, a proposito di spodestare: Novak Djokovic tornerà anche numero uno del mondo tra poche ore.

INTRO E NUMERIIl clima è perfetto per giocare a tennis stasera a Melbourne, fresco il giusto, appena appena ventilato. Dopo una toccante cerimonia in onore del corpo dei pompieri dello stato di Victoria, il catino della Rod Laver Arena, strapieno in ogni ordine di posti, accoglie con un boato l’ingresso in campo di Novak Djokovic e Dominic Thiem, che si apprestano a chiudere l’edizione numero 108 dell’Australian Open. Per l’austriaco è la terza finale Slam, la prima sul cemento (le precedenti due perse al Roland Garros da Rafa Nadal, 2018 e 2019), per il serbo è la venticinquesima (fa effetto scrivere questi numeri ogni volta che si parla dei “mostri sacri”), 16 vinte, di cui sette qui.

 

A questo suo ottavo atto conclusivo in Australia Novak si presenta con un bilancio di 74 partite vinte e 8 perse a Melbourne, impressionante (solo Roger Federer gli è davanti, con un ancor più impressionante 102/15). 8 finali qui sono comunque un record assoluto, superato sempre Federer che ne ha giocate 7. Djokovic le sue precedenti finali le ha vinte tutte, e va per il 17° titolo Slam, Thiem va per il 17° titolo complessivo.

PRIMO SET – Inizia Nole al servizio, due ace consecutivi già nel primo game per il serbo, in quello successivo è già battaglia ai vantaggi, dopo uno scambio a rete arriva una palla break per Djokovic. Dritto sotto il nastro di Dominic e siamo 2-0: si alzano i cori “Nole, Nole”, ci sono gruppi di tifosi serbi che definire chiassosi è poco. Djokovic è partito a tavoletta, serve benissimo e sciorina ottime soluzioni in attacco (una gran palla corta in avanzamento), Thiem sembra ancora dover entrare in partita. In 13 minuti siamo 3-0 Nole, l’impressione è che voglia tenere sott’acqua da subito l’avversario, rischiando per primo, sapendo quanto potrebbe diventare pericoloso dovesse diventare una lotta a mazzate. Ineccepibile tatticamente, ma non lo scopro certo io ora. 16 punti a 7 nei primi 3 game, poco altro da dire.

Grande scambio nel quarto game, con tweener di Nole chiuso a rete da Dominic, l’austriaco muove il punteggio tenendo un servizio, Djokovic allunga 4-1. Il problema per Thiem è che finora ha fatto 3 punti su 15 in risposta. Onestamente, rispetto alle tante volte in cui l’ho visto fare la parte del muro inscalfibile affrontando bombardieri vari e giocatori brillanti, concentrato quasi solo sul contrattacco, stasera Nole mi sta piacendo molto, proprio perché lo vedo prendere l’iniziativa per primo. La qualità per farlo ce l’ha eccome, certi anticipi aggressivi sono splendidi, come detto è un piano tattico necessario visto il mazzuolatore instancabile che ha davanti, ma tant’è, il Djokovic da uno-due di oggi è spettacolare. Nel settimo game si capisce bene cosa intendo: l’iniziativa se la prende Dominic a fucilate, Nole è costretto alla difesa, e non ne esce, subendo il contro-break a 15: 4-3, il match si fa veramente interessante.

Novak Djokovic – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Tutta la classe in risposta del serbo, che mette un dritto in allungo, porta al 30-40 e a una palla break per ritornare in vantaggio, ma Thiem la annulla bene a rete, per poi scatenare i suoi attacchi e pareggiare 4-4. Punti da ovazione in serie adesso, bellissimo uno smash da fondocampo del serbo, ma da qualche minuto si sta giocando la partita che vuole Dominic, che potrebbe diventare incontenibile. 5-4 Djokovic, molto equilibrio, bene il serbo che cerca di togliere ritmo e certezze all’avversario: un brutto errore di dritto dell’austriaco porta a palla break che è anche set point. A tutto braccio, e margine zero, Thiem la annulla, due rovesci a una mano impattati alti davanti al corpo sono spaventosi; commette anche diversi gratuiti, ma tirando così forte è impossibile evitarli. Arriva così un secondo set-point, e beffardamente è il primo doppio fallo di Dominic a consegnare il parziale a Nole. Un brutto dato per Thiem è il 23% di punti fatti con la seconda palla (dall’altra parte, 80% di prime in campo per il serbo). L’austriaco ha 12 vincenti e 16 errori (Djokovic 9/14), un set teso, emozionante.

EMERGE DOMINIC – Nel secondo set, per la prima volta Dominic tiene un servizio senza andare ai vantaggi, poi spara un rovescio lungolinea irreale, dalla tribuna a occhio eravamo sopra i 150 kmh (ma comodamente!). Nole accusa il cazzotto, e con un doppio fallo (seconda tirata a 180, non vuole proprio entrare nello scambio) offre palla break, la annulla, se ne prende un’altra Thiem con due bombe di dritto, si salva bene in attacco ancora Djokovic, ma sta vacillando. Terzo errore, terza palla break, e stavolta la seconda palla di servizio – fuori di un metro – viaggiava a 192 kmh: che roba, break Dominic, ma autentica follia di nervi da parte di Nole. Non capita spesso di vederlo tanto in difficoltà nel gioco da fondo, e nel palleggio in pressione, tanto da volerlo evitare a tutti i costi. Nel primo set era stato eccezionale a gestire con intelligenza e classe l’irruenza dell’avversario, ora però è nei guai, siamo 3-2 e battuta per Thiem. Gli dà una gran mano Dominic commettendo doppio fallo e regalandogli una palla break, ma due bastonate di dritto risolvono il problema dell’austriaco, che sale 4-2.

Due game dopo, Thiem va di nuovo sotto con un paio di gratuiti evitabili (come se perdesse la pazienza, ma non dovrebbe: il pallino del gioco lo ha lui), giustamente Djokovic annusa l’occasione e la azzanna, piazzando il contro-break. Che fenomeno che è nei momenti importanti, siamo 4-4. Ma subito dopo, un altro game “horror” per lui: un doppio fallo, due time-violation per perdita di tempo alla battuta – che gli costano l’obbligo di servire direttamente una seconda sulla palla break – e un dritto facile sparato sui teloni. Ancora break Thiem, che va al servizio per il set sul 5-4, questi attimi di nervoso e perdita di lucidità da parte di Nole sono strani. Un fuoriclasse come lui ne ha viste e affrontate di tutti i colori, fa specie vederlo così a disagio in campo. Ben contento dell’omaggio, Dominic scatena quattro missili e chiude il parziale, 6-4 e un set pari, match che va a strappi, sia tecnicamente che emotivamente. In totale ora siamo a 25 vincenti e 27 errori per Thiem, 16/27 Djokovic; il dato deficitario per il serbo è però il 36% di punti fatti con la seconda, d’altronde quei due game “da matto” pesano.

Dominic Thiem – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

TESTA AVANTI DOMINIC – Sgradevole discussione con l’arbitro Dumusois (quello del match fra Fognini e Sandgren) per Nole, che a fine set gli dice “Bravo, ben fatto, ti sei reso famoso!” con il pollice alzato e la faccia polemica, ma i “time violation” erano corretti: Nole è molto nervoso ora. Nel primo game del secondo set, dopo un momento ancora polemico di Djokovic col pubblico (che aveva fatto il classico “oooh” di delusione per una pallata che sarebbe stata vincente di Dominic deviata fuori dal nastro), arriva il break in avvio per Thiem. Reazione immediata di Nole, che con una bellissima combinazione palla corta e volée si procura l’occasione del contro-break, ma il rovescio lungolinea sontuoso dell’austriaco gliela cancella, siamo 2-0. I serbi provano a incoraggiare Djokovic, ma sembrano meno convinti pure loro, nel frattempo Nole sembra in rottura prolungata, mette due palle di fila sotto la rete, scuote la testa e appare anche rigido con le gambe. Un altro tracciante lungoriga di rovescio di Dominic porta al 15-40 e a due palle del 3-0 e doppio break, una seconda palla a 188 kmh stavolta buona (di nuovo tirata a occhi chiusi), seguita però da un dritto sul nastro, sono fatali al serbo. Thiem non rallenta, poco dopo, sotto 4-1, Djokovic chiama il medico, e prende una pastiglia. In scioltezza Dominic va 5-1, dall’altra parte c’è poca resistenza adesso, solo qualche colpo a sprazzi. Alla battuta per chiudere Dominic si disunisce, forse a causa della tensione. Sciupa tre set-point e deve affrontare una palla break, ma Djokovic spreca in risposta e quando sono passate 2 ore e 29 minuti è 6-2 e due set a uno per Thiem. Nole esce dal campo per la pausa.

IL RUGGITO DI NOLE – Facce preoccupate nel box serbo, Djokovic rientra dopo cinque minuti di trattamento medico: vediamo se avrà le risorse per rimontare. Nole tiene il primo game di servizio, si alzano i cori di incoraggiamento, ma poco dopo, sull’1-1, è palla break Thiem: bravo Djokovic a salvarsi con il serve&volley, poi ancora bene a rete, e con un nastro favorevole sale 2-1. Certo non sono bei segnali per lui dover fare i ricami al volo per fare punto, dura vincerla così. Nonostante non ci sono grandi pericoli per chi serve, però, Nole pare essere più sciolto e pimpante. Dominic, da parte sua, continua a mollare manate spaventose sia di dritto che di rovescio. Un grandissimo punto in attacco dell’austriaco, nel sesto game, lo porta 3-3, il pubblico salta e grida intorno alla tribuna stampa. Negli suoi ultimi due turni di battuta Djokovic è stato autoritario, in quelli di Thiem si è fatto aggressivo, non è mica finita. Sotto 4-3, Dominic commette una sciocchezza a rete, poi subisce una risposta, e si ritrova 15-40. La prima palla break la annulla di dritto, sulla seconda spara lunga un’accelerazione, e siamo 5-3, con Nole al servizio per andare al quinto. Senza tremare il serbo tiene a zero, 6-3 ed è quinto e decisivo set. Bravissimo Djokovic a resistere in difficoltà all’inizio del parziale, brutto passaggio a vuoto di Thiem nel momento cruciale. Sono passate tre ore e 11 minuti, nel quarto set l’austriaco è nuovamente sceso a un tremendo 22% di punti fatti con la seconda palla di servizio.

IL TRIONFO – Si ringalluzziscono i cori dei tifosi di Djokovic, e ne hanno ben donde: Dominic adesso appare meno lucido e convinto, tira sempre fortissimo ma sbaglia molto, Nole è più tranquillo, a questo punto potrebbe succedere di tutto. Nel terzo game, sventaglio fallito da Thiem, ed è palla break Djokovic: il gratuito in lunghezza dell’austriaco regala a Nole un vantaggio che potrebbe essere decisivo, che tensione sia in campo che sugli spalti. Si arrabbia con se stesso Dominic, reagisce a sua volta di rabbia e grinta, arriva a 30-40 e palla del contro-break, ma la sbaglia di dritto, con conseguente sospiro di delusione di tre quarti del pubblico, a parte ovviamente i tifosi serbi. Seconda palla break Thiem, serve&volley Djokovic, ma il passante è lungo. Poco dopo, è 3-1 Nole, le occasioni mancate dall’austriaco stanno pesando tanto, è una partita più emozionante e tesa che bella. Ammirevole la sovrumana capacità di Djokovic di rimanere a galla davanti alle bordate che gli arrivano addosso da tre ore e mezza, e in qualche modo trovare la strada per uscirne in vantaggio alla fine, siamo 4-2.

Dominic continua ad andare in difficoltà ogni volta che serve la seconda palla, e quando dopo tre vantaggi un rovescio in rete dà la palla del 5-2 con due break a Nole, è come fosse un match point. Si salva col servizio Thiem, e accorcia sul 3-4, ma è appeso al proverbiale cornicione adesso. Un’ora fa pareva poterla vincere, è dura psicologicamente per lui. Con freddezza Nole sale 5-3, servendo bene Dominic arriva al 4-5, siamo in dirittura d’arrivo. Due errori di Thiem, e un ace di Djokovic, portano il 40-15 e due match point, il primo è quello che dà a Nole il 17esimo trionfo Slam, ottavo qui a Melbourne, incredibile. Delusione tremenda per Dominic, ma le risorse di un campione come Djokovic sono infinite. Rispetto e ammirazione, null’altro da aggiungere.

Novak Djokovic e Dominic Thiem – Australian Open 2020 (foto via Twitter @AustralianOpen)

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Lione: qualche segnale da Humbert e il tributo a Tsonga

Ai titoli di coda, Jo-Wilfried si arrende a Molcan. Humbert unico francese sopravvissuto alla giornata

Pubblicato

il

Ugo Humbert – ATP 250 Lione (foto vie Twitter @OpenParcARA)

Lontano dal livello a cui ci aveva abituato tra la fine del 2020 e la prima metà della stagione successiva a causa di problemi fisici, Ugo Humbert mette intanto a segno la quarta vittoria stagionale su 14 incontri del Tour. Sul Centrale dell’Open Parc Auvergne-Rhone-Alpes affollato di francesi, ne fa le spese il connazionale Gregoire Barrere, proveniente dalle qualificazioni, che ci ricordiamo perdere il duello a base di dritti steccati con Jannik Sinner un anno fa a Marsiglia. 6-3 6-4 per il ventitreenne di Metz, al prossimo turno atteso da Alex de Minaur che si è messo in testa di vincere degli incontri su terra battuta e ci sta pure riuscendo. Sarà quindi un buon banco di prova per Ugo.

È stata poi la volta di Lucas Pouille, anch’egli tradito dal fisico (chirurgia al gomito nel 2020) e sceso al n. 163 del ranking. Omaggiato di una wild card, non ha dimostrato un atteggiamento molto più combattivo rispetto ai suoi ultimi standard, facendosi rullare da tedesco Oscar Otte (senza alcun segno grafico sulle O). 6-3 6-1, ma almeno è durata più di un’ora.

Al suo penultimo appuntamento prima dell’addio a Parigi, Jo-Wilfried Tsonga si è arreso con un doppio 6-4 ad Alex Molcan. L’ostico mancino slovacco ha avuto vita piuttosto facile quando la prima francese mancava il campo, potendo così muovere un avversario non certo rapidissimo negli spostamenti laterali e che spesso ha addirittura rinunciato quando gli veniva proposta una smorzata, peraltro sempre ben nascosta. Falloso con il dritto, il classe 1985 ha perso il servizio sul 4 pari del primo parziale che Molcan ha chiuso sfoderando un paio di ottimi drop-shot di rovescio. Un break è stato sufficiente anche nel secondo set ed è arrivato al quinto gioco, emblematico delle difficoltà di Jo quando, non aiutato dalla prima battuta, veniva mosso dalle traiettorie del n. 47 ATP. Tsonga ha provato un’ultima zampata sul 4-5 ruggendo dopo il bel passante di dritto che valeva il 30 pari, ma i due successivi errori hanno decretato la vittoria di Molcan. Dopo l’incontro, tra la commozione generale, la moglie Noura, il figlio Shugar, il fratello brother e l’amico e coach Thierry Ascione gli hanno consegnato un trofeo simbolico.

 

Molcan ora dovrà vedersela con Karen Khachanov, vincitore per 6-1 6-4 di Gilles Simon, anch’egli all’ultima stagione da pro. L’incontro che andava via scontato a favore di Karen si è acceso nel finale quando Gilou ha annullato un primo match point con un gran passante bimane, che però non ha saputo replicare sulla palla del 5 pari. Sulla successiva parità, l’arbitro troppo frettoloso ha chiamato il vantaggio Khachanov per l’ace messo a segno; tuttavia, sceso a controllare su invito francese, ha dato la palla fuori scatenando le proteste di Khachanov. Rassicurato dall’avversario, ha tirato alcune martellate delle sue e chiuso la sfida.

Il tabellone dell’ATP 250 di Lione

Continua a leggere

ATP

ATP Ginevra: Cecchinato torna alla vittoria, il dritto e il kick stendono Thiem

Il numero 134 del ranking torna a sorridere dopo tempo immemore e lo fa contro un nobile decaduto come l’austriaco, ben lontano dalla miglior condizione

Pubblicato

il

Marco Cecchinato, Madrid 2021 (Credit: MMO21 Ángel Martínez)

[Q] M. Cecchinato b. D. Thiem 6-3 6-4

Nella riedizione della semifinale del Roland Garros 2018 – vinta 7-5 7-6 6-1 da Thiem, che avrebbe poi perso in finale contro Nadal – Cecchinato parte bene e finisce anche meglio, tornando a vincere nel circuito maggiore dopo quasi nove mesi. In realtà, l’italiano arrivava a questo match dopo due ottime prove nelle qualificazioni, dove ha estromesso Julian Lenz (6-3 6-2) e Pablo Cuevas (6-3 6-1). Manca ancora l’appuntamento con il successo l’austriaco: l’ex numero tre del mondo non vince dal secondo turno dello scorso torneo di Roma, quando si impose in rimonta su Márton Fucsovics (3-6 7-6 6-0) prima di cedere al meraviglioso Lorenzo Sonego.

IL MATCH – Dopo i due game iniziali, dove nessuno dei due giocatori fatica particolarmente, sull’1-1 Cecchinato è subito costretto a tirarsi fuori da una situazione complicata. L’azzurro salva due palle break in un lungo terzo gioco da 14 punti e, alla terza chance, riesce a mantenersi avanti nel punteggio. Il 29enne di Palermo prima rimonta da 15-30 nel quinto game – con due buoni vincenti di dritto – poi si apre bene il campo più volte in quello successivo. Anche smorzata e risposta funzionano bene e, con l’aiuto di questi fondamentali, anche Cecchinato si procura le prime palle break. A differenza del suo avversario, però, l’italiano sfrutta l’opportunità, mettendo la firma sul primo allungo del match e portandosi poco dopo sul 5-2. Thiem non riesce quasi mai ad opporsi al kick esterno da sinistra dell’ex numero 16 del mondo, con cui il palermitano ottiene tanti punti importanti. Il vincitore dello US Open 2020 prova a rimanere in scia, riducendo lo svantaggio nell’ottavo game, ma Cecchinato non fa sconti e chiude 6-3 un set davvero ben amministrato. Entrambi sono chiaramente lontani dalla loro miglior versione, ma l’azzurro prende spesso il comando delle operazioni, aiutato da dritto e servizio in grande spolvero (13 punti vinti su 17 quando entra la prima).

 

Ad inizio secondo set, almeno nei suoi primi turni di battuta, Thiem prova a modificare leggermente la sua posizione. L’austriaco prova ad entrare più spesso dentro al campo – dato che nel primo parziale era davvero eccessivamente lontano dalla riga di fondo – cercando maggiore aggressività. Questo atteggiamento comporta qualche gratuito di troppo, che permette a Cecchinato di arrivare a palla break nel terzo game, ben annullata però con la prima del 28enne di Wiener Neustadt. Thiem riesce ad emergere e a portarsi avanti, costruendosi a sua volta ben cinque opportunità di break nel quarto gioco. L’italiano alterna qualche grande giocata ad alcuni gravi errori, ma quando va a servire da sinistra continua ad essere una sentenza. Dopo un’ora abbondante di partita, infatti, l’ex numero tre del mondo non continua a non riuscire a decodificare il kick esterno del ceck, che cancella una dopo l’altra tutte le opportunità in favore del suo avversario e si porta sul 2-2. L’austriaco tiene ancora a 15 il suo turno di battuta e, nel sesto gioco, si inventa due tweener vincenti nel giro di tre punti, che sono uno la (meravigliosa) fotocopia dell’altro. Due ottimi dropshot di Cecchinato sembrano indirizzare il punto: Theim ci arriva, ma l’azzurro sfodera due ottimi lob. Sembra finita, eppure l’austriaco non solo arriva sulla palla, ma in entrambi i casi si inventa due colpi sotto le gambe vincenti, entrambi lungolinea. Sotto 15-30, comunque, il semifinalista del Roland Garros 2018 non fa una piega, ottiene i soliti punti da sinistra e, nel settimo game, piazza l’allungo decisivo. Due errori dell’attuale numero 194 del ranking gli regalano altrettante possibilità di break e, sulla seconda, l’austriaco sbaglia clamorosamente una volée di rovescio sopra la rete. Cecchinato sale 4-3 e servizio e, negli ultimi due game in battuta, concede appena due punti (uno dei quali è un doppio fallo sul 40-0). Finisce 6-3 6-4 per l’italiano, che torna al successo nel circuito maggiore 267 giorni dopo l’ultima volta (22/08/2021, 6-4 6-4 a Tennys Sandgren a Winston-Salem). Domani, al secondo turno, ceck affronterà il polacco Kamil Majchrzak, 26enne numero 81 ATP, che ha esordito vincendo 6-1 6-7 6-3 contro Alexander Bublik. In caso di vittoria, ai quarti di finale l’azzurro troverebbe uno tra Daniil Medvedev e Richard Gasquet.

GLI ALTRI MATCH – Si sono giocati altri tre match oggi al Geneva Open, in cui si sono registrate le vittorie di Ilya Ivashka, Federico Delbonis e Richard Gasquet. Il francese, come detto, affronterà domani Medvedev (che non gioca un match ufficiale dalla sconfitta di Miami contro Hurkacz), grazie al netto 6-3 6-1 rifilato a John Millman. Vittoria in due set – seppur più combattuti – anche per l’argentino, che si sbarazza di Ricardas Berankis con un duplice 6-4 e aspetta Fabio Fognini o Thanasi Kokkinakis. Più complicata, invece, l’affermazione del bielorusso, che ha perso il primo set e ha rischiato di andare subito sotto di un break nel secondo parziale. Scampato il pericolo, Ivashka è comunque riuscito ad imporsi 4-6 6-3 6-2 su Marcos Giron ed è atteso mercoledì da Denis Shapovalov, fresco semifinalista a Roma. Vittoria serale in tre set per Benoit Paire su Emil Ruusuvoori 7-5 5-7 6-4. Il francese sfiderà ora Casper Ruud al secondo turno.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

ATP Lione e Ginevra: Medvedev torna in campo in Svizzera, dove c’è un po’ d’Italia

In Svizzera oltre al russo, Ruud, Fognini e Thiem, che esordirà con Cecchinato. Norrie numero 1 del tabellone in Francia

Pubblicato

il

MEDVEDEV

Nel percorso da Roma a Parigi, il circuito ATP fa due tappe intermedie in Svizzera e nel sud della Francia per i due tornei ATP250 che precedono il secondo slam stagionale. Meno di centocinquanta chilometri separano Ginevra e Lione, le due città che saranno teatro di questa settimana di tennis sul mattone tritato che vedrà al via ben sei top 20.

GINEVRA –  Due dei migliori dieci al mondo saranno al via del Gonet Geneva Open. La prima testa di serie del torneo svizzero è il russo Daniil Medvedev al ritorno in campo dal match perso contro Hurkacz lo scorso 31 marzo in quel di Miami. Il russo esordirà contro il vincente della sfida tra il francese Gasquet e l’australiano Millman. Reduce dalla semifinale agli Internazionali BNL d’Italia, Casper Ruud, testa di serie numero 2 del tabellone elvetico, è chiamato a difendere il titolo conquistato lo scorso anno. Il norvegese esordirà contro uno tra il finlandese Ruusuvuori e il francese Paire. Beneficiano di un bye al primo turno anche le teste di serie numero 3 e 4 Denis Shapovalov, finalista della scorsa edizione, e Reilly Opelka.

Curiosità anche per la presenza di Dominic Thiem che dal suo rientro nel circuito dall’infortunio al polso ha collezionato 5 sconfitte, pur mostrando ottimi segnali di miglioramento nel match contro Fognini in quel di Roma. Anche in Svizzera, l’avversario al primo turno sarà un italiano. In questo caso Dominic affronterà Marco Cecchinato, che si è qualificato al tabellone principale sconfiggendo Lenz e Cuevas mettendo in cassaforte i primi due successi di questo 2022. Oltre alle due sfide nel lontano 2013 a livello future vinto da Cecchinato e nel 2014 a livello Challenger vinta da Thiem, il più recente precedente tra i due è la semifinale del Roland Garros vinta da Thiem in tre set nel 2018.

 

Insieme a Cecchinato, per i colori italiani al via ci sarà Fabio Fognini subito chiamato alla sfida contro l’australiano Kokkinakis. In caso di successo troverà al secondo turno il vincente del match tra l’argentino Federico Delbonis e il lituano Ricardas Berankis.

I TABELLONI COMPLETI

LIONE– Nessun top 10 al via, invece, in terra francese. A guidare il tabellone dell’Open Parc Auvergne-Rhone-Alpes Lyon è il numero 11 al mondo Cameron Norrie. Il britannico, finalista della scorsa edizione sconfitto solo da Stefanos Tsitsipas, esordirà contro l’argentino Francisco Cerundolo. Testa di serie numero 2 del torneo francese è il numero 18 al mondo Pablo Carreno Busta. Lo spagnolo, dopo la finale conquistata a Barcellona, è stato autore di due eliminazioni precoci, rispettivamente al primo e al secondo turno, a Madrid e Roma. Il match di esordio per lo spagnolo lo vedrà opposto contro il vincente della sfida tra Coria e Altmaier, reduce dal successo al Challenger di Heilbronn.

A guidare la pattuglia di francesi, ben dieci su 28 nel tabellone principale, ci sarà la testa di serie numero 3 Gael Monfils, fresco di annuncio di paternità. Monfils è certo di essere protagonista di un derby dato che al secondo turno troverà uno tra Gaston e Guinard. Già eliminato invece il russo Karatsev, testa di serie numero 6 del tabellone. Il russo continua la sua stagione negativa sulla terra perdendo in due set contro Mannarino. Sempre in tema di francesi si tratterà del penultimo torneo in carriera per Jo-Wilfred Tsonga, che ha annunciato il suo ritiro dopo il Roland Garros e sarà l’ultima apparizione a Lione anche per Gilles Simon che ha annunciato il ritiro a fine stagione.

I TABELLONI COMPLETI

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement