Original 9: da Bartkowicz a Pigeon, chi sono le donne che hanno cambiato il tennis

WTA

Original 9: da Bartkowicz a Pigeon, chi sono le donne che hanno cambiato il tennis

Iniziamo a scoprire le ‘Original 9’, le nove donne a cui la WTA deve la sua esistenza

Pubblicato

il

Questo articolo racchiude estratti da due pezzi di Adam Lincoln, uno del 2017 e uno del 2020. Qui il link alla versione originale del primo, e qui quello del secondo. Seguiranno nelle prossime settimane le storie di questi nove personaggi cruciali per la storia della WTA

Il primo articolo – Original 9: un retaggio di indipendenza ed emancipazione


Jane “Peaches” Bartkowicz aveva 21 anni quando firmò il contratto da un dollaro per giocare a Houston. Dopo una stellare carriera juniores che l’aveva vista vincere innumerevoli titoli, fra cui Wimbledon a soli 15 anni, Bartkowicz ottenne scalpi importanti quali Virginia Wade e Evonne Goolagong, raggiungendo i quarti allo US Open nel 1968 e nel 1969 e vincendo l’Open del Canada nel 1968. Parte della squadra americana che vinse la Fed Cup nel 1969, si ritirò nel 1971 per poi tornare brevemente a giocare nel tour e nel World Team Tennis nel 1974.

 

Era fuor di dubbio che qualcosa andasse fatto, così quando venne organizzato il torneo di Houston non esitai, soprattutto perché sapevo che c’era Gladys Heldman dietro l’iniziativa”, racconta. “Era la proprietaria di una rivista di tennis, era una donna, e sua figlia Julie avrebbe partecipato al torneo, perciò sapevo che era interessata a noi. Onestamente, Gladys mi intimidiva, era una donna molto decisa, ma era anche molto gentile, ed ero sicura che sapesse cosa stava facendo. Capii che se si riesce a fare qualcosa del genere nel tennis, nel mondo degli affari, o in qualunque altro campo, può esserci un effetto domino che alla lunga porterà benefici a tutti”.

Terza miglior giocatrice del mondo nel 1970 (suo best ranking), Rosie Casals aveva 22 anni quando sconfisse Judy Dalton nella finale del Virginia Slims Invitational. Vincitrice di 11 tornei professionistici, raggiunse due finali Slam, entrambe a Forest Hills, perdendo da Court nel 1970 e da King nel 1971. Il suo bottino di 112 tornei vinti in doppio, che include cinque Wimbledon in coppia con King e nove Slam totali, è secondo solo a quello di Martina Navratilova – ha anche vinto tre Slam in doppio misto. Sette volte campionessa in Fed Cup, fa parte della Hall of Fame di Newport dal 1996.

La parte più rischiosa nell’affrontare l’establishment era probabilmente il mettere a repentaglio la possibilità di giocare gli Slam”, dice Casals. “Che altri rischi c’erano? Eravamo già delle cittadine di Serie B quando giocavamo negli stessi eventi degli uomini. Da questo punto non avevamo molto da perdere, mentre gli Slam erano tutto per noi all’epoca. Non era solo una questione di soldi, ma di riconoscimento, era questione di avere posti dove giocare e di essere pagate equamente per qualcosa che sapevamo fare bene”.   

Judy Dalton (Tegart il cognome da nubile) aveva 32 anni quando perse quella finale. Nel corso della sua carriera realizzò il Career Grand Slam in doppio, vincendone nove in totale (cinque in coppia con Margaret Court). In singolare fece finale a Wimbledon nel 1968, eliminando a sorpresa Court e Nancy Richey prima di perdere contro Billie Jean King. Nel periodo che va da Wimbledon 1967 al suo ritiro (avvenuto all’Australian Open 1977, a 40 anni), Dalton raggiunse almeno i quarti in 10 Slam sui 20 a cui prese parte, vincendo anche due Fed Cup.

Addentrarsi nella politica del tennis era veramente difficile, ma quando firmammo quel contratto sapevamo che era la cosa giusta da fare”, dice oggi. “Avevo aiutato a far circolare i questionari sul gradimento del tennis femminile allo US Open, e alcuni uomini mi dissero addirittura di preferirlo a quello maschile, perché si identificavano maggiormente con scambi più lunghi. Penso che sia fantastico vedere giocatrici provenienti da così tanti Paesi diversi ora. Non credo che all’epoca potessimo anche solo sognarci che il tennis sarebbe diventato uno sport tanto globale”.

Julie Heldman, la figlia di Gladys, aveva 25 anni all’epoca. Vinse 25 tornei in carriera, fra cui Roma, e raggiunse tre semifinali Slam, divenendo la N.2 americana (N.5 del mondo) nel 1969. Fu parte di tre squadre capaci di vincere la Fed Cup prima di ritirarsi nel 1975.

La tensione era palpabile – le vite di ciascuna di noi stavano per essere stravolte”, è il suo ricordo. “I giocatori erano contro di noi e i dirigenti erano contro di noi – va tenuto a mente che allora non c’erano donne ai piani alti del tennis”.

Affettuosamente chiamata “the Old Lady”, Billie Jean King non aveva ancora compiuto 27 anni quando si prese la responsabilità di guidare le sue colleghe a Houston. A quel punto aveva già vinto cinque dei suoi 12 Slam in singolare (39 includendo le varie specialità) ed era già stata in cima alle classifiche di singolare e di doppio. Nonostante questo, aveva ancora tanto da fare, sia in campo che fuori. Mentre il suo ruolo politico si rafforzava durante i primi anni Settanta, King stava anche raggiungendo il proprio picco di tennista. Solo nel 1971 (la prima stagione disputata per intero sotto l’egida della Virginia Slims) vinse 17 tornei in singolare e divenne la prima atleta donna a guadagnare più di 100.000 dollari in una sola stagione. Nel 1973 sconfisse Bobby Riggs nella Battaglia dei Sessi e divenne fondatrice e presidente della WTA.

Billie Jean King e Bobby Riggs

“Sapevamo che per garantirci un futuro dovevamo avere un circuito, o quantomeno una serie di tornei”, racconta. “Non avevamo idea di cosa sarebbe successo, ma avevamo il sogno, la visione”.

Nel 1970, Nancy Richey aveva 28 anni e aveva vinto due Slam in singolare, l’Australia Open 1967 e il Roland Garros 1968 – il primo Slam dell’Era Open. In una carriera durata vent’anni, la texana vinse 69 tornei di singolare, raggiunse il N.2 delle classifiche nel 1969, e vinse anche quattro Slam in doppio. Si ritirò a 36 anni, allo US Open 1978, e venne ammessa nella Hall of Fame nel 2003.

Mi ricordo il tennis nei giorni del dilettantismo, quando dovevamo prendere la metro da Midtown a Forest Hills portandoci le borse, per poi tornare indietro con 20 chili di vestiti bagnati in più”, dice Richey. “Niente soldi, niente mensa, niente di niente. Adesso si gioca per milioni di dollari, il prize money è lo stesso per gli uomini e per le donne, e il gioco è cresciuto – penso che sia assolutamente fantastico. Ogni volta che vado a Flushing Meadows mi abbraccio da sola, perché è tutto ciò che sognavamo per il gioco”.

Kerry Melville Reid aveva 23 anni quando giocò a Houston nel 1970. Fra i 22 titoli in singolare che conquistò durante la sua carriera c’è anche lo Slam di casa, l’Australian Open 1977. Fra le altre 40 finali giocate si annoverano Melbourne 1970 e lo US Open 1972, anno in cui raggiunse l’ultimo atto anche nella prima edizione del torneo conclusivo del Virginia Slims Tour – le odierne WTA Finals. Presenza fissa nella Top 10 per tutti gli anni Settanta, vinse tre Slam di doppio, fra cui Wimbledon 1978 con Wendy Turnbull.

Volevo delle condizioni migliori per noi, certo, ma non mi considero una femminista”, dice oggi. “Credo che i miei genitori fossero un po’ preoccupati, ma sentivo che avevamo una leader molto forte in Billie Jean – era una top player ed era potente. Io e l’altra australiana del gruppo, Judy Dalton, non potemmo giocare in patria per un po’, ma alla fine tutto si sistemò. Alcune delle altre ragazze ci misero un po’ a convincersi, e lo capisco – era una decisione importante per il futuro di una carriera”.

Kristy Pigeon era il membro più giovane delle Original 9, visto che aveva solo 20 anni all’epoca del Virginia Slims Invitational. Dopo aver vinto Wimbledon e US Open a livello juniores, Pigeon fece due volte gli ottavi all’All England Club nel 1968 e nel 1969, ed entrò fra le dieci migliori statunitensi. Si ritirò nel 1975 dopo aver giocato per la nazionale americana e dopo aver vinto l’Open del Galles.

Ero andata a scuola a Oakland e Berkeley, dove i valori femministi erano promossi con forza… Ricordo che Betty Friedan [attivista scomparsa nel 2006, ndr] venne a farci lezione. Penso però che molte delle prime femministe non avessero approcciato la questione dalla giusta prospettiva”, racconta. “In un certo senso non fecero tanto rumore quanto ne facemmo noi tenniste, perché noi riuscimmo a dimostrare che come atlete eravamo interessanti quanto gli uomini. Le nostre partite erano stimolanti da guardare e potevano coinvolgere il pubblico – per quanto mi riguarda, questo è un modo più efficace di raggiungere la parità di genere”.

Valerie Ziegenfuss aveva 21 anni nel 1970. In singolare, raggiunse gli ottavi in tre Slam e una finale nel nascente circuito, al torneo Virginia Slims dell’Oklahoma, nel 1972. Fu anche la settima miglior giocatrice americana in singolare, mentre raggiunse il N.1 delle classifiche di doppio nel 1967.

Giocai per 14 settimane su 16, ma non mi posso certo lamentare – volevamo il nostro circuito, quindi qualcuno doveva pur farlo!” racconta. “Avevamo la responsabilità di promuovere il tour, ma onestamente mi divertii a farlo, e penso di essere stata brava. Contribuimmo tutte in qualche modo, facendo tutto ciò che potevamo per far progredire il circuito, e tutte potemmo goderci qualche abito alla moda grazie a Teddy Tinling [stilista e player liaison, una sorta di factotum, per il tour femminile, ndr]. Mi fece un abito di velluto nero con strass sul collo da abbinare a una gonna di lamé color argento. Era pensato per le luci di un’arena ed era strepitoso”.

Continua a leggere
Commenti

Italiani

WTA Palermo: Giorgi in rimonta, sono tre le azzurre ai quarti di finale

Camila perde il primo parziale contro la slovena Juvan poi viene fuori alla distanza. Ma quanti errori e quanti patemi. Raggiunge Errani e Cocciaretto, che sfiderà Kontaveit. Passa la n.1 Martic

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

È la solita Camila Giorgi, nel bene e nel male, quella che supera in rimonta la 19enne slovena Kaya Juvan, n.121 del ranking mondiale, con lo score di 3-6 6-2 6-4 in due ore di gioco nel suo match di secondo turno al torneo di Palermo, il primo dell’era post-Covid per la WTA. Sprazzi di un tennis dominante, con vincenti a raffica, e passaggi a vuoto, causati anche dagli eccessivi rischi che il suo gioco comporta. Alti e bassi, non solo all’interno della stessa partita ma anche dello stesso set. Alla fine, comunque basta per piegare la resistenza della combattiva e promettente Juvan, debilitata anche da qualche dolore alla schiena nelle fasi finali del match. “Per me è stata una bella partita; lei non mi ha messo in difficoltà, sono io che ci ho messo un po’ a entrare in partita ed ero sempre io a sbagliare. Avevo il punto sempre in mano, infatti nel terzo ho set ho dominato” ha detto Camila dimostrato buona sicurezza a fine partita.

La tennista di Macerata approda così ai quarti di finale del torneo siciliano, insieme alle altre italiane Sara Errani ed Elisabetta Cocciaretto. Affronterà Dayana Yastremska che ha battuto facilmente Oceane Dodin. 

IL MATCHAvvio di incontro spumeggiante per Camila che mette pressione alla sua avversaria in risposta e la infilza sia di dritto che di rovescio con grande facilità. Juvan però non si scompone, mantiene basso il numero degli errori e si riprende subito il break di svantaggio pareggiando sul 2 a 2. Giorgi invece perde verve e cede il servizio nel settimo gioco. La slovena conferma il vantaggio e approfitta di un orrendo turno di servizio da parte di Giorgi, concluso con un doppio fallo, per conquistare il primo set per 6-3. Rinfrancata dal set di svantaggio, Juvan ora gioca tranquilla, mostrando un gioco solido e dalle soluzioni tecniche talvolta interessanti. Giorgi ha però il merito di non andare via di testa. Ne vengono fuori una serie di giochi lottati al termine dei quali è Camila a venire fuori con un break sul 2 pari. L’azzurra vince altri 3 game e rimanda tutto al set decisivo. 

 

Juvan nella pausa chiama l’intervento del fisioterapista per un dolore nella parte inferiore della schiena. Sfruttando l’inerzia e i fastidi fisici dell’avversaria, Giorgi va subito avanti sul 3 a 0. A causa di un passaggio a vuoto perde uno dei due break, ma poi lo recupera immediatamente portandosi sul 5 a 1. La partita sembra ormai indirizzata definitivamente con Juvan che comincia a buttare via gli scambi. Giorgi però pecca in quanto a killer instinct, commettendo una serie di errori inopinati che riportano la giovane balcanica incredibilmente sotto, fino al 5 a 4. Nonostante anche un po’ di malcelata tensione, Giorgi riesce al secondo tentativo a tenere il servizio, ottenendo la vittoria in un match che ha messo in mostra i soliti pregi e difetti della marchigiana. Il Covid-19 ha cambiato il mondo, ma non Camila Giorgi. 

Camila Giorgi – Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

GLI ALTRI MATCH – Negli altri due match di giornata, vittorie in rimonta per la teste di serie per Petra Martic e Anett Kontaveit, rispettivamente n.1 e n.4 del seeding. A far sudare la croata è la Liudmila Samsonova, n.117 del ranking WTA, russa di nascita ma italiana d’adozione, che a causa di un passaporto mai arrivato da qualche anno purtroppo non veste più i colori azzurri. Primo set equilibratissimo e tutto giocato sui servizi, a dir il vero notevoli per gli standard femminili delle due tenniste. Avanti 5 a 4, Samsonova ha sei occasioni per portarsi a casa il set in risposta (di cui tre consecutive) ma Martic si salva. La 21enne russa però non accusa il colpo, e dopo aver tenuto a fatica il proprio turno di battuta riesce finalmente a conquistare il parziale per 7 giochi a 5.

Parte meglio la 29enne di Spalato nel secondo set, mettendo a segno il break in apertura. C’è però equilibrio in campo e Samsonova si riporta sotto sul 4 pari. La russa però non conferma il vantaggio in uno sciagurato game di servizio a zero e Martic vince il set per 6-4. Nel secondo set la favorita del seeding dilaga con due break, nel terzo e nel settimo gioco. La tennista balcanica vince il parziale per 6-2 dopo poco meno di due ore e mezza di gioco e va ai quarti. Affronterà la bielorussa Aliaksandra Sasnovich, come Samsonova proveniente dalle qualificazioni, giustiziera della nostra Jasmine Paolini al secondo turno. 

Maggiormente pronosticabili le difficoltà incontrate da Kontaveit contro la tedesca Laura Siegemund, ex top 30, tennista dal gioco potente e vario. Ed è proprio grazie a questo mix che la veterana tedesca, allenata dal siciliano Antonio Zucca, mette subito la testa avanti nel primo parziale. Kontaveit recupera sul 2 pari ma la sua avversaria è più pimpante e può fare affidamento su un maggior numero di soluzioni tecniche. Siegemund si prende un altro break e sale 4 a 2. A spianarle la strada è la stessa estone la quale con un game di servizio da tre doppi regala il primo set per 6-3.

Kontaveit cambia marcia nel secondo parziale: più incisiva sia di dritto che di rovescio e meno fallosa da fondocampo. E gli equilibri in campo si alterano radicalmente. La n.4 del seeding si invola facilmente sul 3 a 0 pesante. Siegemund recupera un break e si riporta sotto. Kontaveit però è padrona del campo: strappa ancora il servizio all’avversaria nel settimo gioco e si prende il set per 6-2. L’estone mette subito la testa avanti nel parziale decisivo. La tedesca non molla e rimane agganciata. La n.22 del mondo dà la spallata decisiva sul 5 a 2. Un’indomita Siegemund annulla quattro palle break ma deve cedere sulla quinta. Sarà dunque, Kontaveit l’avversaria di Elisabetta Cocciaretto ai quarti: un’altra Top 30 da sfidare, un’altra montagna da scalare. Ma la teenager di Porto San Giorgio ha già dimostrato in questo torneo di non farsi intimorire facilmente. 

Risultati:

[1] P. Martic b. L. [Q] Samsonova 5-7 6-4 6-2
[4] A. Kontaveit b. L. Siegemund 3-6 6-2 6-2
C. Giorgi b. [Q] K. Juvan 3-6 6-2 6-4
D. Yastremska b. O. Dodin 6-2 6-4

IL TABELLONE COMPLETO

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: imprese di Cocciaretto ed Errani, male Paolini

Giornata piena di gioia per i colori italiani a Palermo, Cocciaretto ed Errani volano ai quarti di finale

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

PAOLINI KO – È Jasmine Paolini la prima italiana a scendere in campo a Palermo, contro la numero 116 del mondo Aliaksandra Sasnovich. Nonostante la differenza di classifica Sasnovich si presentava alla partita dopo la grandissima vittoria contro Mertens e non si può dire che la partita non abbia rispettato le aspettative. Paolini viene dominata completamente nel primo set, dove vince solo 6 punti su 19 al servizio e subisce un pesante 6-0 senza appello. Non migliora molto la situazione nel secondo set, dove subisce subito il break e ha un sussulto solamente nel sesto game, dove non sfrutta 5 palle break per tornare dentro la partita. Sasnovich scampa il pericolo e chiude comodamente con 6-2.

Molto lucida Paolini nella sua analisi post-partita Paolini: “In queste situazioni è molto difficile. Ho provato a incitarmi, a rimanere vicina nel punteggio ma quando parti male e l’altra parte molto bene è difficile. L’atteggiamento però è quello giusto, oggi purtroppo non è andata: lei mi è salita subito sopra“. Sasnovich sfiderà la vincente tra la numero 1 del seeding Petra Martic e Samsonova per un posto in semifinale.

ERRANI IN RIMONTA – Sfida inedita quella tra Sara Errani e Krystina Pliskova ed è la tennista italiana a volare nei quarti del Palermo Ladies Open. La tennista ceca, reduce da una grandissima vittoria contro Maria Sakkari, non rispetta le previsioni della vigilia e cede ad una Sara Errani che parte male ma che carbura col passare dei game.

 

L’inizio non è appunto dei migliori. La Pliskova vince ben 13 punti di fila ad inizio partita portandosi abbastanza comodamente sul 3-0. Sembra una partita dall’esito scontato, sulla falsariga di quella di Jasmine Paolini, ma Errani ha il merito di rimanere dentro la partita. Paradossalmente Errani non sembra soffrire tanto al servizio quanto in risposta, dove non riesce mai a mettersi in posizione di comando nello scambio e subisce perennemente l’iniziativa di Pliskova.

Nonostante la situazione pesante di punteggio sembra essere scattato qualcosa in Sara, che dopo il quarto game salvato aumenta i giri del motore in risposta e rende sempre la vita difficile a Pliskova sin dal primo colpo dopo il servizio. E il break arriva per l’italiana, dopo aver salvato tre set point. Ma bastano due seconde attaccabili di Errani per portarsi a due palle break e un rovescio affondato a rete vale il set per la ceca.

Lo spartito del match cambia completamente nel secondo set. Errani non sbaglia praticamente niente da fondocampo e Pliskova non riesce più a dominare lo scambio con il suo dritto. In un attimo la tennista ceca si ritrova sotto 0-2 e rischia anche il doppio break, ma una bellissima demi-volée di dritto la tiene a galla. Una riga profonda salva Pliskova da un pericoloso set point ma non basta, Errani va a servire per il set sul 5-4 e chiude con autorità un secondo set pienamente meritato. Un set in cui Sarita non ha mai perso il servizio.

Il momentum della tennista bolognese continua nel terzo set, con Errani che continua a dominare da fondocampo e a tenere medie accettabili al servizio. Chiuderà la partita con il 78% di prime in campo e il 59% di punti vinti con la prima. L’italiana trova il break nel quinto game e non si guarda più indietro. Tiene la concentrazione nonostante il rain delay sul 5-3 e chiude il match con l’ennesimo break. Troverà una Fiona Ferro in grandissima forma nei quarti, ma visto il livello tenuto in questo inizio di torneo tutto è possibile. “Ho cercato di rimanere concentrata durante la pausa per la pioggia – ha detto Errani a fine match -. Sono più tranquilla rispetto allo scorso anno, sono sempre dentro la partita. Ferro prossima avversaria? Questa mattina ci siamo allenate insieme. È giovane e molto potente”.

SORPRESA COCCIARETTO – Elisabetta Cocciaretto si conferma il nostro miglior prospetto femminile e sconfessa i pronostici della vigilia battendo Donna Vekic dopo un’ora e mezzo di battaglia. È la prima vittoria contro una top30 e la seconda contro una top100 nell’arco di due giorni. La tennista italiana ha fatto valere la sua maggiore solidità da fondocampo e soprattutto al servizio, dove nonostante non abbia brillato particolarmente per potenza è stata molto più costante dell’avversaria.

La partita è dura sin da subito. Cocciaretto deve salvare due palle break in un game di dieci minuti e la stessa Vekic soffre parecchio al servizio in altri due game interminabili. È Cocciaretto però a spuntarla grazie al suo dritto. L’italiana si porta a palla break con un bellissimo dritto in corsa e si prende il 4-2 grazie ad un errore non forzato della croata. Vekic non trova mai il ritmo da fondocampo e soprattutto ha un servizio troppo poco incisivo per creare problemi a Cocciaretto. L’italiana è estremamente aggressiva sulle seconde della numero 24 del mondo e non ha problemi a sfruttare il servizio timoroso della Vekic, portandosi a casa break e set per il 6-2.

Le distrazioni della tennista croata non si fermano nel secondo set, dove viene breakkata subito e mostra un linguaggio del corpo che non lascia presagire niente di buono. Nonostante ciò ha un sussulto e tanto basta per riaprire il set, approfittando di un passaggio a vuoto di Cocciaretto al servizio. L’italiana non si perde d’animo e tiene senza problemi i suoi turni di battuta, per poi trovare il break decisivo nel decimo game e lanciare la racchetta al cielo per quella che è la più grande vittoria della sua carriera finora. Saranno i primi quarti a livello WTA per Elisabetta Cocciaretto, che troverà la vincente tra Kontaveit e Siegemund.

Risultati:

[Q] A. Sasnovich b. J. Paolini 6-0 6-2
[WC] S. Errani b. Kr. Pliskova 3-6 6-4 6-3
[WC] E. Cocciaretto b. [6] D. Vekic 6-2 6-4
F. Ferro b. [8] E. Alexandrova 7-5 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: Camila Giorgi completa il poker azzurro

Convincente esordio per Camila Giorgi a Palermo contro Rebecca Peterson. Prossimo impegno contro Juvan. Fuori la n. 2 Vondrousova

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Ritorno vincente per la n.1 italiana Camila Giorgi (n. 89 del ranking) che ha fatto il suo rientro sul circuito WTA aggiudicandosi il suo in contro di primo turno al Palermo Ladies Open contro la svedese Rebecca Peterson (n. 44 WTA) con il punteggio di 7-5 6-4. Nel suo primo match sulla terra battuta da più di due anni a questa parte, la marchigiana ha fatto un po’ fatica all’inizio del match a trovare il ritmo partita e ha dovuto recuperare da 1-3 e servire per rimanere nel set sul 4-5. Da lì però ha infilato ben sette giochi consecutivi che hanno segnato il destino del match. “Mi sono allenata qualche settimana sulla terra, mi sono trovata molto bene – ha spiegato Giorgi -. I primi punti sono stati un po’ difficili per il ritmo, poi ho iniziato a muovermi meglio. Il pubblico è stato fantastico”.

La vittoria di Camila completa l’en-plein azzurro al primo turno della competizione palermitana, raggiungendo Errani, Cocciaretto e Paolini che avevano superato il loro primo impegno nella giornata di lunedì. Il prossimo turno per Giorgi sarà contro la slovena qualificata Kaja Juvan (n. 121 WTA) che nel primo incontro della giornata sul campo centrale aveva eliminato la testa di serie n.2 Marketa Vondrousova (n. 18 WTA), finalista lo scorso anno al Roland Garros.

Negli altri incontri di martedì da segnalare il facile ingresso del torneo della testa di serie n.1 Petra Martic, che ha lasciato solamente tre giochi alla belga Van Uytvanck, e l’affermazione di altre tre giocatrici provenienti dalle qualificazioni: la russa Samsonova, che ha superato Flipkens, la bielorussa Sasnovic che ha eliminato la n. 5 del seeding Elise Mertens e la lucky loser Dodin che ha avuto la meglio di Zidansek.

 

I risultati:

[1] P. Martic b. A. Van Uytvanck 6-0 6-3
[Q] L. Samsonova b. K. Flipkens 6-4 6-2
[Q] A. Sasnovich b. [5] E. Mertens 6-4 6-1
F. Ferro b. [Q] N. Podoroska 6-2 6-1
[LL] O. Dodin b. T. Zidansek 2-6 6-4 6-4
C. Giorgi b. R. Peterson 7-5 6-4
[Q] K Juvan b. [2] M. Vondrousova 1-6 7-5 6-4

Il tabellone aggiornato

Il programma di mercoledì 5 agosto

Campo centraleore 16
[8] E. Alexandrova vs F. Ferro
J. Paolini vs [Q] A. Sasnovich
[WC] S. Errani vs Kr. Pliskova
[WC] E. Cocciaretto vs [6] D. Vekic

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement