Le dieci regine del Foro Italico e il successo pugliese di Raffaella Reggi

WTA

Le dieci regine del Foro Italico e il successo pugliese di Raffaella Reggi

L’albo d’oro dell’Italian Open: dal dominio di Evert alla doppietta di Elina Svitolina, passando per i successi di Sabatini, Martinez e Sharapova e le finali perse da Navratilova

Pubblicato

il

Chris Evert è la giocatrice che ha vinto più volte l'edizione femminile degli Internazionali d'Italia

Dall’10 al 17 maggio, se non fosse intervenuto il coronavirus a complicare tutto, si sarebbero giocati gli Internazionali BNL d’Italia. Per lenire un po’ la nostalgia, e sperando che il torneo possa essere recuperato quest’anno, abbiamo preparato una serie di articoli sui Sette Re di Roma da pubblicare fino a domenica, il giorno in cui si sarebbe disputata la finale.

Oggi integriamo la storia del torneo maschile con una selezione di campionesse che hanno brillato all’Italian Open.


La storia degli Internazionali d’Italia femminili non ha nulla da invidiare a quella del maschile. Finali memorabili, campionesse straordinarie e rivincite si sono alternate anche tra le donne, che a dirla tutta sono state “sfrattate” dal Foro Italico nel 1980, costrette a traslocare prima a Perugia e poi a Taranto. Questo l’albo d’oro, con le dieci regine dell’Italian Open di cui ripercorreremo i successi che hanno segnato la storia della manifestazione.

Evert: 5 titoli
Sabatini, Martinez, Serena Williams: 4 titoli
Sharapova: 3 titoli
Seles, Hingis, Mauresmo, Jankovic, Svitolina: 2 titoli

La giocatrice più vincente in Italia è Chris Evert con i suoi cinque titoli. Tuttavia perde la sua prima finale agli Internazionali d’Italia nel 1973 contro Evonne Goolagong, alla quale fa seguito anche la sconfitta al Roland Garros (sua prima finale Slam) poche settimane dopo. Ma la sua è una storia di riscatto: nei due anni successivi centra la doppietta Roma-Parigi, battendo facilmente Martina Navratilova al Foro nel ’74 e ’75. Passano cinque anni prima di rivederla in finale all’Italian Open, che nel frattempo ha traslocato al Junior Tennis di Perugia solo per il torneo femminile, mentre gli uomini continuano a calcare i campi della Capitale. In Umbria stavolta Evert si supera, inanellando tre successi consecutivi: i primi due contro Virginia Ruzici e l’ultimo, nel 1982, battendo Hana Mandlikova. Due anni dopo avrà anche l’opportunità di vincere il sesto titolo, ma dovrà arrendersi a Manuela Maleeva in due set.

Il 1985 è invece l’anno di gloria per Raffaella Reggi. Gli Internazionali d’Italia hanno nuovamente cambiato sede. Roma è ancora off-limits e perciò è Taranto a ospitare un edizione del torneo in tono decisamente minore. Il tabellone è piuttosto aperto per le giocatrici italiane e infatti in semifinale le azzurre occupano tre dei quattro posti disponibili. Laura Garrone viene eliminata però dalla statunitense Vicki Nelson e sfuma il sogno di una finale tutta azzurra. Il derby nella parte bassa del main draw se lo aggiudica Raffaella Reggi, che lascia solo un game a Caterina Nozzoli. In finale la romagnola si impone con un doppio 6-4 e riesce a vincere il titolo, l’ultimo di una giocatrice italiana agli Internazionali. Si tratta di una settimana speciale per Raffaella, che trionfa anche in doppio con la compagna Sandra Cecchini.

Per rivedere una tennista italiana in finale agli Internazionali, stavolta a Roma, si dovranno attendere altri 29 anni. Sara Errani raggiunge infatti la finale nel 2014, ma viene sconfitta da Serena Williams, che nell’albo d’oro si piazza appena un gradino dietro Chris Evert, con quattro titoli. Procedendo in ordine cronologico, a fine anni Ottanta incontriamo altre due campionesse che eguagliano i successi di Serena al Foro.

Gabriela Sabatini e Conchita Martinez, che dominano per un decennio nella Capitale: l’argentina gioca ben sei finali in sette anni. Perde la prima contro Steffi Graf (unico trionfo della tedesca in Italia) nel 1987, l’anno del ritorno del torneo femminile nella Città Eterna. La stagione successiva si prende la rivincita su Steffi a Boca Raton e due mesi più tardi centra il primo di quattro trionfi a Roma, battendo Helen Kelesi in finale. Riesce a difendere il titolo nell’89, ma nel 1990 Martina Navratilova (quattro finali e zero vittorie in carriera al Foro) la ferma in semifinale prima di cedere a Monica Seles nell’ultimo atto. La stessa Seles, dieci anni dopo il primo titolo e sette anni dopo l’attentato di Amburgo, riesce a cogliere anche un secondo successo agli Internazionali nel maggio del 2000.

Prima però dovrà ingoiare amaramente due sconfitte consecutive in finale contro Sabatini. Gabriela è presente anche nella finale del 1993, ma la spagnola Conchita Martinez le soffia il titolo, vincendo in due set. Si apre qui un nuovo ciclo nel segno dell’attuale allenatrice di Garbine Muguruza. Conchita vince quattro titoli di fila finché nel 1997, alla sua quinta finale a Roma, Mary Pierce mette fine al suo progetto di dominio quinquennale. La tennista spagnola rimane a quattro titoli, una lunghezza dietro Chris Evet.

A fine secolo il Foro saluta la nascita di diverse future stelle del tennis. Martina Hingis vince nel 1998, ma dovrà aspettare otto anni per trionfare una seconda volta. Nel 1999 la svizzera ha già messo cinque Slam in saccoccia, ma si ferma in semifinale e ad alzare il trofeo è Venus Williams, che nel 2000 inizierà a collezionare Slam assieme alla sorella Serena, campionessa per la prima volta a Roma nel 2002. A cavallo tra anni Novanta e Duemila esplode anche il talento di Amelie Mauresmo, una delle giocatrici con più finali disputate in carriera al Foro Italico, ben cinque, le prime tre tutte perse. L’anno buono è il 2004, quando vince al tie-break del terzo contro Jennifer Capriati; lafrancese centra anche il bis dodici mesi più tardi. Tra 2007 e 2008 è invece tempo di doppietta per Jelena Jankovic, che manca il tris nel 2010 contro una straordinaria Maria José Martinez Sanchez.

Anche Maria Sharapova ha scritto pagine di storia importanti a Roma negli anni Dieci. Dopo il primo titolo nel 2011, vince una delle finali più belle delle ultime edizioni contro Li Na nel 2012 e il mese successivo trionfa anche a Parigi, completando il Career Grand Slam. Tra il suo secondo e terzo successo agli Internazionali ecco che ritorna lo strapotere di Serena Williams, che trita Viktoria Azarenka nella finale 2013 (stagione in cui ritroverà anche il titolo al Roland Garros) e un’acciaccata ed eroica Sara Errani l’anno successivo.

Dopo il quarto (e per ora ultimo) titolo di Serena a Roma nel 2016 e la terza affermazione di Sharapova nel 2015, è l’ucraina Elina Svitolina a incantare il Foro Italico per due stagioni consecutive, nel 2017 e 2018, battendo Simona Halep in entrambe le finali. In attesa che il mondo si tolga di dosso il grave peso del coronavirus e ATP e WTA possano annunciare una ripresa delle gare, il Foro Italico attende, gli Internazionali attendono. Fino ad allora Karolina Pliskova resterà la campionessa in carica.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il nuovo calendario WTA fino allo US Open

Spostamenti, cancellazioni e nuovi tornei da maggio ad agosto

Pubblicato

il

La WTA ha annunciato un aggiornamento del proprio calendario, con prevedibili cambiamenti rispetto alla scorsa stagione sia per il protrarsi degli effetti della pandemia, sia a causa dello spostamento di una settimana del Rolad Garros. Saltano i tornei di Colonia e ‘s-Hertogenbosch per i quali l’appuntamento dovrebbe essere solo rimandato al 2022. La triste notizia è subito compensata dalla decisione di aumentare il numero di eventi WTA 125 per offrire più opportunità di lavoro e di giocare. Si parla di oltre 15 tornei di questo livello intermedio già in questa stagione, con l’obiettivo di un ulteriore aumento in quelle successive.

Il presidente del CdA e CEO Steve Simon ha parlato di una “stagione che ha già dato prova di essere eccezionale per il livello di tennis di cui siamo stati testimoni finora”, mostrando altresì “apprezzamento verso tornei e giocatrici per l’impegno profuso nell’agire in modo efficiente e sicuro in questi tempi impegnativi”.

Ecco allora cosa ci riserva il calendario WTA dalla settimana n. 20 alla n. 34.

 
  • 17 maggio: il torneo cinese di Anning si sposta a Belgrado, solo per quest’anno.
  • 24 maggio: Strasburgo si sposta per coprire il “buco” nella settimana prime di Parigi.
  • 30 maggio: Roland Garros.
  • 7 giugno: il WTA 250 di Nottingham in attesa di conferma. 125 a Bol.
  • 14 giungo: WTA 500 di Berlino e 250 di Birmingham.
  • 21 giugno: WTA 500 di Eastbourne e 250 di Bad Homburg.
  • 28 giugno: Wimbledon.
  • 5 luglio: WTA 125 Bastad.
  • 12 luglio: il 250 di Bucarest va a Budapest. Ci sono anche i tornei di pari livello a Praga, che dalla terra di maggio diventa cemento estivo, e Losanna.
  • 19 luglio: il duro di Washington diventa terra polacca a Gdynia (250). C’è anche Palermo, l’evento da cui è ripartito il Tour lo scorso anno.
  • 26 luglio: nei giorni del torneo olimpico, ci sarà spazio per i WTA 125 di Belgrado e Charleston.
  • 2 agosto: WTA 250 San José.
  • 9 agosto: WTA 1000 Montreal.
  • 16 agosto: WTA 1000 Cincinnati. Un 125 a Chicago.
  • 23 agosto: un nuovo torneo 250 sul duro a Cleveland.

Continua a leggere

Flash

WTA Charleston 2: la quindicenne Linda Fruhvirtova accede ai quarti di finale

Avanti anche Ons Jabeur, mentre Osorio Serrano vince la settima partita di fila. Per lei Clara Tauson, che ha battuto Tomljanovic

Pubblicato

il

Linda Fruhvirtova - WTA Charleston 2021 (via Twitter, @VolvoCarOpen)

Si sono conclusi gli ottavi di finale del torneo di Charleston 2, dove non è verde solo la terra ma anche la linea, visto che, fra le otto rimaste in gara, tre nella parte bassa sono sotto i vent’anni, e una, Linda Fruhvirtova, deve ancora compierne 16.

La classe 2005 ceca, N.499 WTA, ha sconfitto un’altra wildcard, la 2001 Emma Navarro, con il punteggio di 6-4 6-2. La partita ha vissuto di parziali: dopo il 2-0 iniziale in suo favore, Fruhvirtova ha perso quattro giochi di fila, prima di restituire il favore e chiudere il parziale. Similmente, nel secondo ha recuperato subito il break subìto nel primo gioco e ha chiuso vincendo gli ultimi quattro game dell’incontro – 30 vincenti per lei, ma anche 11 doppi falli, cosa che spiega il misero 26 percento di punti vinti sulla seconda a fronte del 75 sulla prima. Al momento guadagnerebbe 138 posizioni, salendo al N.361; la sua prossima avversaria sarà l’australiana Astra Sharma, a cui sono servite due ore 27 minuti per battere la tds N.8 Madison Brengle per 6-4 4-6 7-5.

Sempre nella parte bassa, si prospetta un quarto estremamente interessante fra Clara Tauson e Maria Camila Osorio Serrano. Le due hanno praticamente un anno di differenza (la colombiana è del 22 dicembre 2001, la danese del 21 dicembre 2002) e hanno recentemente vinto il primo titolo a livello WTA, rispettivamente a Lione e Bogotà. Encomiabile l’endurance di Osorio Serrano, che dopo il successo della scorsa settimana ha preso un volo per la South Carolina e sta sfruttando appieno la Special Exemption fornitale dagli organizzatori: al secondo turno ha ottenuto la settima vittoria consecutiva in poco più di una settimana, la terza al set decisivo, rimontando Christina McHale per 2-6 7-6(2) 7-6(1) in due ore e 32 minuti. La statunitense (che aveva eliminato Errani al primo turno) sembrava in controllo del match, trovandosi a servire per il match sul 5-4 e sul 6-5 nel secondo set, ma in entrambi i casi l’avversaria è riuscita a strapparle la battuta, dominando il tie-break. Nel terzo è stata Osorio Serrano a non chiudere sul 5-4 e servizio, ma nonostante il break subito è riuscita a mantenere la calma, conquistando gli ultimi sei punti del match dall’1-1 del gioco dirimente.

 

Nei quarti, come detto, fronteggerà Tauson, che nei primi due match ha mostrato la stessa condizione che l’aveva portata a vincere sette incontri di fila senza concedere set in Auvergne-Rhône-Alpes. Particolarmente convincente la vittoria più recente ai danni di Ajla Tomljanovic, un perentorio 6-1 6-4 in 96 minuti sull’onda di 31 vincenti. Nel primo parziale la danese è scappata rapidamente, portando a casa gli ultimi cinque giochi con un parziale di 21-8, ripetendosi nel secondo quando dall’1-4 è riuscita a cambiare l’inerzia del parziale. Qualche rimpianto comunque per l’australiana, che ha avuto una palla per andare a servire per il set sul 4-3 in suo favore prima di procurarsene ben quattro nell’ultimo game dell’incontro – solo un break point sfruttato (su dieci) per lei.

Nella parte alta, invece, prosegue spedito il percorso della tds N.1 Ons Jabeur, alla ricerca del suo primo titolo WTA; dopo il facile 6-4 6-0 amministrato nel match di secondo turno con la qualificata Alycia Parks, si giocherà un posto in semi con la giapponese Nao Hibino. L’ultimo quarto di finale, infine, vedrà di fronte giocatrici in ascesa come Shelby Rogers, che con il doppio 6-2 inferto a Liu si è assicurata il best ranking di 45, e Danka Kovinic; la finalista di Charleston 1 della scorsa settimana ha battuto Lauren Davis per 6-1 1-6 6-3.

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Flash

WTA 1000 Roma, l’entry list: tutte presenti ai piani alti, per ora nessuna italiana

Da Barty a Osaka, da Halep a Williams: nessuna defezione al momento nella lista delle partecipanti al torneo della capitale

Pubblicato

il

Simona Halep - Roma 2020

Dopo la lista dei partecipanti al torneo maschile, sono stati rilasciati anche i nomi delle tenniste che dal 9 al 16 maggio si contenderanno il titolo agli Internazionali di Roma. Nel WTA 1000 della capitale finora non si registrano defezioni ed infatti sono presenti tutte le tenniste di vertice, a partire dalla n. 1 del mondo Ashleigh Barty che su questa superficie ha vinto il suo titolo più prestigioso (Roland Garros 2019). Poco dietro in classifica troviamo Naomi Osaka, ancora in fase di apprendimento sulla terra rossa per sua stessa ammissione mentre come testa di serie n. 3 momentaneamente c’è Simona Halep, una che certamente potrebbe darne eccome di lezioni alla giapponese sul rosso.

La campionessa in carica precede di circa 1000 punti la statunitense Sofia Kenin, la quale a sua volta precede di una manciata di punti Elina Svitolina, quest’ultima vincitrice a Roma nel biennio 17-18; un altro nome di grande spicco presente nell’entry list è ovviamente quello di Serena Williams, vincitrice a Roma per quattro volte. Se nel tabellone maschile il tennis italiano è degnamente rappresentato con quattro giocatori, purtroppo quello femminile bilancia questa cifra con la totale assenza di tenniste azzurre. Se si vorrà tifare per Giorgi, Paolini, Errani e via dicendo si dovrà ricorrere alle qualificazioni o più probabilmente alle wild card.

Ancora non è stato comunicato nulla di ufficiale per quanto riguarda la presenza o meno del pubblico. Il presidente della FIT Binaghi ha dichiarato un paio di settimane fa che è possibile riproporre la soluzione dei 1000 spettatori al giorno vista a settembre, ma anche organizzare un piano che prenda in considerazione la parte di popolazione già immune al Covid-19.

 

L’entry list aggiornata

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement