Le dieci regine del Foro Italico e il successo pugliese di Raffaella Reggi

WTA

Le dieci regine del Foro Italico e il successo pugliese di Raffaella Reggi

L’albo d’oro dell’Italian Open: dal dominio di Evert alla doppietta di Elina Svitolina, passando per i successi di Sabatini, Martinez e Sharapova e le finali perse da Navratilova

Pubblicato

il

Chris Evert è la giocatrice che ha vinto più volte l'edizione femminile degli Internazionali d'Italia

Dall’10 al 17 maggio, se non fosse intervenuto il coronavirus a complicare tutto, si sarebbero giocati gli Internazionali BNL d’Italia. Per lenire un po’ la nostalgia, e sperando che il torneo possa essere recuperato quest’anno, abbiamo preparato una serie di articoli sui Sette Re di Roma da pubblicare fino a domenica, il giorno in cui si sarebbe disputata la finale.

Oggi integriamo la storia del torneo maschile con una selezione di campionesse che hanno brillato all’Italian Open.


La storia degli Internazionali d’Italia femminili non ha nulla da invidiare a quella del maschile. Finali memorabili, campionesse straordinarie e rivincite si sono alternate anche tra le donne, che a dirla tutta sono state “sfrattate” dal Foro Italico nel 1980, costrette a traslocare prima a Perugia e poi a Taranto. Questo l’albo d’oro, con le dieci regine dell’Italian Open di cui ripercorreremo i successi che hanno segnato la storia della manifestazione.

Evert: 5 titoli
Sabatini, Martinez, Serena Williams: 4 titoli
Sharapova: 3 titoli
Seles, Hingis, Mauresmo, Jankovic, Svitolina: 2 titoli

La giocatrice più vincente in Italia è Chris Evert con i suoi cinque titoli. Tuttavia perde la sua prima finale agli Internazionali d’Italia nel 1973 contro Evonne Goolagong, alla quale fa seguito anche la sconfitta al Roland Garros (sua prima finale Slam) poche settimane dopo. Ma la sua è una storia di riscatto: nei due anni successivi centra la doppietta Roma-Parigi, battendo facilmente Martina Navratilova al Foro nel ’74 e ’75. Passano cinque anni prima di rivederla in finale all’Italian Open, che nel frattempo ha traslocato al Junior Tennis di Perugia solo per il torneo femminile, mentre gli uomini continuano a calcare i campi della Capitale. In Umbria stavolta Evert si supera, inanellando tre successi consecutivi: i primi due contro Virginia Ruzici e l’ultimo, nel 1982, battendo Hana Mandlikova. Due anni dopo avrà anche l’opportunità di vincere il sesto titolo, ma dovrà arrendersi a Manuela Maleeva in due set.

Il 1985 è invece l’anno di gloria per Raffaella Reggi. Gli Internazionali d’Italia hanno nuovamente cambiato sede. Roma è ancora off-limits e perciò è Taranto a ospitare un edizione del torneo in tono decisamente minore. Il tabellone è piuttosto aperto per le giocatrici italiane e infatti in semifinale le azzurre occupano tre dei quattro posti disponibili. Laura Garrone viene eliminata però dalla statunitense Vicki Nelson e sfuma il sogno di una finale tutta azzurra. Il derby nella parte bassa del main draw se lo aggiudica Raffaella Reggi, che lascia solo un game a Caterina Nozzoli. In finale la romagnola si impone con un doppio 6-4 e riesce a vincere il titolo, l’ultimo di una giocatrice italiana agli Internazionali. Si tratta di una settimana speciale per Raffaella, che trionfa anche in doppio con la compagna Sandra Cecchini.

Per rivedere una tennista italiana in finale agli Internazionali, stavolta a Roma, si dovranno attendere altri 29 anni. Sara Errani raggiunge infatti la finale nel 2014, ma viene sconfitta da Serena Williams, che nell’albo d’oro si piazza appena un gradino dietro Chris Evert, con quattro titoli. Procedendo in ordine cronologico, a fine anni Ottanta incontriamo altre due campionesse che eguagliano i successi di Serena al Foro.

Gabriela Sabatini e Conchita Martinez, che dominano per un decennio nella Capitale: l’argentina gioca ben sei finali in sette anni. Perde la prima contro Steffi Graf (unico trionfo della tedesca in Italia) nel 1987, l’anno del ritorno del torneo femminile nella Città Eterna. La stagione successiva si prende la rivincita su Steffi a Boca Raton e due mesi più tardi centra il primo di quattro trionfi a Roma, battendo Helen Kelesi in finale. Riesce a difendere il titolo nell’89, ma nel 1990 Martina Navratilova (quattro finali e zero vittorie in carriera al Foro) la ferma in semifinale prima di cedere a Monica Seles nell’ultimo atto. La stessa Seles, dieci anni dopo il primo titolo e sette anni dopo l’attentato di Amburgo, riesce a cogliere anche un secondo successo agli Internazionali nel maggio del 2000.

Prima però dovrà ingoiare amaramente due sconfitte consecutive in finale contro Sabatini. Gabriela è presente anche nella finale del 1993, ma la spagnola Conchita Martinez le soffia il titolo, vincendo in due set. Si apre qui un nuovo ciclo nel segno dell’attuale allenatrice di Garbine Muguruza. Conchita vince quattro titoli di fila finché nel 1997, alla sua quinta finale a Roma, Mary Pierce mette fine al suo progetto di dominio quinquennale. La tennista spagnola rimane a quattro titoli, una lunghezza dietro Chris Evet.

A fine secolo il Foro saluta la nascita di diverse future stelle del tennis. Martina Hingis vince nel 1998, ma dovrà aspettare otto anni per trionfare una seconda volta. Nel 1999 la svizzera ha già messo cinque Slam in saccoccia, ma si ferma in semifinale e ad alzare il trofeo è Venus Williams, che nel 2000 inizierà a collezionare Slam assieme alla sorella Serena, campionessa per la prima volta a Roma nel 2002. A cavallo tra anni Novanta e Duemila esplode anche il talento di Amelie Mauresmo, una delle giocatrici con più finali disputate in carriera al Foro Italico, ben cinque, le prime tre tutte perse. L’anno buono è il 2004, quando vince al tie-break del terzo contro Jennifer Capriati; lafrancese centra anche il bis dodici mesi più tardi. Tra 2007 e 2008 è invece tempo di doppietta per Jelena Jankovic, che manca il tris nel 2010 contro una straordinaria Maria José Martinez Sanchez.

Anche Maria Sharapova ha scritto pagine di storia importanti a Roma negli anni Dieci. Dopo il primo titolo nel 2011, vince una delle finali più belle delle ultime edizioni contro Li Na nel 2012 e il mese successivo trionfa anche a Parigi, completando il Career Grand Slam. Tra il suo secondo e terzo successo agli Internazionali ecco che ritorna lo strapotere di Serena Williams, che trita Viktoria Azarenka nella finale 2013 (stagione in cui ritroverà anche il titolo al Roland Garros) e un’acciaccata ed eroica Sara Errani l’anno successivo.

Dopo il quarto (e per ora ultimo) titolo di Serena a Roma nel 2016 e la terza affermazione di Sharapova nel 2015, è l’ucraina Elina Svitolina a incantare il Foro Italico per due stagioni consecutive, nel 2017 e 2018, battendo Simona Halep in entrambe le finali. In attesa che il mondo si tolga di dosso il grave peso del coronavirus e ATP e WTA possano annunciare una ripresa delle gare, il Foro Italico attende, gli Internazionali attendono. Fino ad allora Karolina Pliskova resterà la campionessa in carica.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Portorose: una grande Jasmine Paolini conquista il suo primo titolo

L’azzurra si libera in fretta dell’emozione per la sua prima finale e supera Alison Riske rimontando due break di svantaggio nel primo set. Sarà n. 64 del mondo

Pubblicato

il

Jasmine Paolini - 2021 US Open (Manuela Davies/USTA)

J. Paolini b. [3] A. Riske 7-6(4) 6-2

Alla sua prima finale del Tour maggiore, Jasmine Paolini parte contratta ma poi doma l’emozione e l’avversaria, imponendosi in due set sulla n. 3 del seeding Alison Riske, lei invece per la decima volta all’atto conclusivo di un torneo, per quanto solo in due occasioni sia riuscita ad alzare il trofeo. Il WTA 250 di Portorose si conclude così nel migliore dei modi per l’allieva di Renzo Furlan, giunta in finale superando le più quotate Yastremska, Cirstea e Putintseva, oltre che Kalinskaya, per un titolo che lunedì le varrà il nuovo best ranking al 64° posto.

Un incontro iniziato sentendo la pressione per Jasmine che ha ritrovato il suo miglior tennis quando il primo parziale sembrava ormai compromesso dal 2-5 pesante. Lì è iniziata la rimonta che si sarebbe fatta sentire nella testa di Alison nel secondo set. Un trionfo che conferma i progressi compiuti e la sempre maggiore consapevolezza nei propri mezzi. Una nota positiva, nonostante la sconfitta, anche per Riske, che in questa settimana slovena è tornata a vincere due incontri di fila dall’Australian Open 2020, dopo aver patito le conseguenze di una fascite plantare; ora, pienamente recuperata dal punto di vista fisico, sta rimettendo insieme il gioco che l’aveva portata al n. 18 WTA alla fine del 2019.

 

IL MATCH – La pioggia ritarda l’ingresso in campo delle giocatrici di quasi due ore e mezza rispetto alle ore 17 originariamente previste. C’è però giusto il tempo per un paio di minuti di palleggio preliminare perché Jasmine fa notare che almeno la sua metà campo presenta ancora zone bagnate e quindi pericolose. Un’altra mezz’ora se ne va e finalmente si comincia con Paolini che ha scelto di servire. Entrambe commettono alcuni errori di troppo che si traducono in tre break, finché Riske tiene, subito imitata da Jasmine grazie anche ai primi punti diretti portati dalla battuta – fondamentale in cui la 175 cm da Pittsburgh è superiore. Spinge affidandosi alle sue solite traiettorie relativamente piatte, Alison, che si produce in un paio di buone chiusure a rete ma anche in altrettanti attacchi pentiti, forse preoccupata della velocità dell’azzurra che ha già sfoderato un bel passante in corsa. Ancora contratta e non del tutto lucida, tuttavia, Paolini cede un altro turno di servizio mandando l’altra a servire sul 5-2.

Sarà la situazione di punteggio disperata, sarà la voglia di giocarsi davvero la sua prima finale, ma Jasmine entra finalmente in partita, mette a segno dieci punti consecutivi e, con il livello del match che si alza offrendo scambi intensi e spettacolari, prima pareggia e poi sorpassa, costringendo l’avversaria a servire per riparare al tie-break, compito che porta a termine nonostante l’iniziale 0-30. I colpi azzurri hanno cominciato a girare e il dritto, nonostante qualche imperfezione, mette la necessaria pressione alla terza testa di serie che si ritrova sotto di due mini-break dopo un punto perso sulla diagonale sinistra e uno smash fuori misura. Riske approfitta con coraggio di due scambi giocati in maniera troppo conservativa dalla venticinquenne toscana, ma un suo errore bimane manda Paolini a set point, immediatamente trasformato grazie all’errore al volo statunitense al termine di uno scambio tiratissimo in cui la nostra ha dato veramente tutto.

MTO per un massaggio alla coscia sinistra di Jasmine che ricomincia da dove aveva lasciato, vale a dire spingendo con il dritto e trovando anche ottime soluzioni con il rovescio che valgono il 2-0, mentre le statistiche mostrano il saldo vincenti-gratuiti ampiamente negativo, eppure la sfida risulta assolutamente godibile. Dal canto suo, Alison si fa vedere a rete e incide con il bimane lungolinea, ma è troppo incostante e il pareggio subito agguantato svanisce in un battito d’ali di farfalla. Vola, Paolini, e adesso tocca a lei servire sul 5-2, opportunità che non si lascia sfuggire e chiude al primo match point con un pesante dritto inside-in.

Due vittorie di fila sul cemento in un main draw WTA le aveva centrate una sola volta in carriera prima di questa settimana, al Gippsland Trophy che ha preceduto l’Australian Open. Il WTA 250 australiano era stato anche l’unico torneo assieme a Guangzhou 2019 nel quale Jasmine fosse riuscita a battere una top 50 sul duro; qui a Portorose si è spinta oltre i suoi limiti, vincendo cinque partite di fila – le ultime tre contro avversarie che abitano la top 50. In una parola, bravissima.

Il tabellone completo di Portorose

Continua a leggere

Flash

WTA Lussemburgo: Ostapenko abdica, secondo titolo in carriera per Tauson

La lettone si sveglia nel secondo set, ma finisce per cedere al terzo. Buona prestazione per la danese che vince la seconda finale su due disputate

Pubblicato

il

Prosegue il settembre d’oro delle 2002 grazie alla vittoria di Clara Tauson nel WTA 250 di Lussemburgo. La danese vince il secondo titolo su due finali giocate, superando in tre set la campionessa in carica Jelena Ostapenko (nel 2020 il torneo non si è disputato causa pandemia) e andando a sedersi poco lontano dalla top 50 (da lunedì sarà numero 52, migliorando di diciotto posizioni il suo best ranking). La partita si è animata ed è diventata interessante da metà secondo set in poi, dopo che per un’oretta l’incostanza e il nervosismo della lettone avevano reso le cose molto facili a Tauson.

Entrambe giocano in maniera molto aggressiva da fondo, spingendo molto bene con ambedue i fondamentali. La differenza però, almeno a inizio match, è che Tauson mantiene la palla in campo con buon margine, mentre Ostapenko o piazza il vincente o sbaglia entro i primi tre colpi (più spesso la seconda). La danese trova dunque il break già nel terzo game e bissa poi nel nono, chiudendo 6-3 e guadagnandosi il diritto di servire per prima anche nel secondo set. Le difficoltà continuano per una nervosissima Ostapenko, che salva una palla break nel quarto gioco e riesce a mantenersi in scia nel punteggio. Sul 3-3, la lettone ottiene per la prima volta la chance di strappare il servizio all’avversario, ma la manca. Il nastro gliene regala un’altra smorzando in maniera imprendibile un suo slice un po’ tremebondo e Jelena stavolta non vanifica il dono della sorte, giocando in maniera molto aggressiva. L’improvviso break destabilizza Tauson che non riesce a esprimersi al meglio nei game successivi, ritrovandosi in poco tempo da una posizione di totale controllo a dover giocare un insidioso terzo set.

L’urlo con cui Ostapenko accompagna la vittoria del parziale lascia presagire battaglia e così è. La lettone addirittura sale 2-1 con un break a zero, ma si fa subito recuperare da Tauson. Il gioco decisivo probabilmente è il quinto, durato ben sedici punti: Ostapenko si procura due palle break (la prima con un gran pallonetto vincente), ma la danese riesce a cancellarle entrambe con coraggio e tiene alla fine il servizio. Lo scoglio superato permette a Tauson di recuperare sicurezza e di rimettere dunque pressione sull’avversaria, che infatti al primo momento delicato crolla. Chiamata a servire per rimanere in partita sul 5-4, Ostapenko abdica con quattro erroracci non forzati e concede a Tauson la gioia del secondo titolo in carriera.

 

Continua a leggere

Flash

WTA Lussemburgo: la finale sarà Ostapenko-Tauson

Ostapenko si complica la vita nel secondo set, ma alla fine elimina Samsonova senza andare al terzo. Tauson supera Vondrousova in tre

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko e Clara Tauson si giocheranno la finale 2021 del WTA 250 di Lussemburgo. La lettone ha superato in due set Liudmila Samsonova, complicandosi non poco la vita in dirittura d’arrivo in pieno stile Ostapenko. La partita è infatti filata liscia fino al 6-1 5-1 risultato toccato quando ancora mancavano una decina di minuti allo scoccare della prima ora di gioco, poi improvvisamente qualcosa si è inceppato e, dopo il controbreak a zero sul 5-2, il dominio di Jelena si è rapidamente dissolto. Dopo cinque game consecutivi persi, Ostapenko si è aggrappata al dritto e ha centrato l’approdo al tiebreak, iniziato in maniera orribile con uno svantaggio di 4-1. Da quel momento in poi però, complice anche un po’ di leggerezza di Samsonova, la lettone è tornata a spingere con coraggio, aggiudicandosi tutti i successivi sei punti e con essi il match.

Decima finale in carriera per Jelena, che domenica andrà a caccia del quinto titolo (il secondo in Lussemburgo dopo quello del 2019). Ad attenderla ci sarà Clara Tauson, danese classe 2002, che ha eliminato in tre set la testa di serie numero 5, Marketa Vondrousova. La diciottenne – compirà gli anni il prossimo 21 dicembre – è stata molto brava a gestire i vantaggi sfumati nel primo e nel terzo set, così come il secondo dominato da Vondrousova. In tutto questo va segnalato anche un problemino alla coscia sinistra (che presentava una vistosa fasciatura), che l’ha costretta a chiedere l’intervento della fisioterapista sotto 4-3 (senza break) nel terzo. In verità la pausa potrebbe averle anche permesso di rimettere in ordine le idee, tanto è vero che al rientro in campo Tauson ha vinto tre game di fila, facendo suo il match.

La danese ha gestito piuttosto bene gli scambi e soprattutto l’insidiosa diagonale sinistra, sulla quale Vondrousova è riuscita a imporsi con continuità solo nel secondo set tra incrociati liftati e repentini lungolinea. Quella di domenica sarà la seconda finale della giovane carriera di Tauson, che è emersa vincitrice dalla prima, giocata lo scorso marzo a Lione (6-4 6-1 a Viktorija Golubic).

 

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement