La tennista positiva a Palermo non è uno shock, è solo la nuova normalità

Flash

La tennista positiva a Palermo non è uno shock, è solo la nuova normalità

Il tennis in regime di COVID-19 sarà così: servono rigidi protocolli per isolare chi è positivo al coronavirus, ma è corretto provare a giocare. Perché non sappiamo quanto durerà questa situazione

Pubblicato

il

Si parla di ‘partenza shock’ per il Ladies Open 2020 (titolano così La Gazzetta dello Sport e anche Palermo Today), Tuttosport è un po’ più morigerato e scrive ‘a Palermo è subito Covid‘, che può assomigliare alla tag-line o addirittura al titolo di una commedia. La giornata di sabato, che doveva essere dedicata ai primi match di qualificazione e al sorteggio del tabellone principale, è stata archiviata in realtà come la giornata della prima positività di una giocatrice nel contesto di un torneo ufficiale.

Sull’identità di questa giocatrice l’organizzazione del torneo di Palermo non ha fatto luce né sui canali social né a mezzo comunicato stampa, ma avendo informato del suo trasferimento in una struttura adibita alla raccolta di pazienti asintomatici – e implicitamente confermato la sua esclusione dal torneo – non è stato troppo difficile capire che si trattava della bulgara Viktoriya Tomova, l’unica giocatrice il cui nome sia scomparso dai tabelloni nella giornata di sabato.

Tralasciando il difetto di comunicazione (a che pro nascondere un nome che sarebbe venuto fuori meno di un’ora dopo, e continuare a non comunicarlo anche dopo?), non siamo – forse meglio dire ‘sono’: non amo utilizzare la prima persona, ma in questo caso sarebbe preferibile poiché ognuno in redazione ha la sua opinione – d’accordo con chi si riferisce al Ladies Open come ci si riferirebbe a un paziente malaticcio, appena entrato in ospedale. Quello che ci si attendeva da un torneo di tennis organizzato in regime di pandemia è esattamente questo, è la nuova normalità, ovvero che venissero stabiliti e poi rispettati determinati protocolli sanitari per identificare e isolare eventuali giocatori o membri dello staff positivi.

 

Tra main draw e qualificazioni, ci sono circa sessanta giocatrici che rappresentano ventidue nazioni diverse. Non è dato sapere quante di loro siano arrivate a Palermo senza aver mai effettuato un tampone o un test sierologico, ma è facile immaginare che ce ne sia più di qualcuna. Si aggiunga che si tratta del primo torneo ufficiale dopo i cinque mesi di stop, e quindi da un punto di vista strettamente lavorativo le tenniste non si erano mai trovate di fronte all’obbligo di testarsi prima di atterrare a Palermo. Onestamente, era piuttosto semplice immaginare che sarebbe emersa una positività.

Se siamo d’accordo sul fatto che questo scenario non è uno ‘shock’, e non dovrebbe sorprendere proprio nessuno, allora possiamo interrogarci sull’opportunità di giocare in queste condizioni. Siamo ancora nel campo delle opinioni ed esprimerò la mia: sì, è giusto provarci. In linea di principio non sono d’accordo con Kyrgios, sebbene in questo momento non abbia senso esprimere pareri assolutistici perché la situazione di ogni Paese è differente, perché siamo andati ben oltre la fase di contenimento del coronavirus. Dove la situazione sanitaria e i regolamenti nazionali lo consentono è giusto provare a giocare perché ci troviamo nel pieno della convivenza con il virus e non sappiamo per quanto tempo ancora ci toccherà rispettare queste precauzioni.

Se fossero solo pochi mesi forse varrebbe la pena attendere, ma la scienza non è in grado di darci questa certezza. Così come si sta provando a ripartire in ogni settore, adeguandosi alla nuova normalità o addirittura reinventandosi, così deve fare il tennis. Mettere al primo posto la sicurezza di atleti e addetti ai lavori, giocare a porte chiuse se non è sicuro ospitare i tifosi, ma con il dovere di provarci. Che non sia obbligo, perché la struttura organizzativa del tennis addossa l’intero rischio d’impresa sulle spalle degli organizzatori dei tornei, i quali sono costretti a decidere se giocare o meno sulla base del crudele parere di una calcolatrice. Senza tifosi e senza merchandising conviene imbarcarsi in questa avventura?

Quasi tutti i tornei di rango inferiore ai Masters 1000 ci hanno rinunciato, con poche eccezioni: l’ATP 250 di Kitzbuhel – sospinto dal direttore Alex Antonitsch – unico nel calendario maschile, Praga, Lexington (che fu Washington) e appunto Palermo in quello femminile. Da questo punto di vista Oliviero Palma, direttore del torneo siciliano, merita un plauso. Sicuro di organizzare un evento in perdita, a cui è stato concesso di incassare appena 40.000 euro dalla vendita dei biglietti in tutta la settimana, e forse sfavorito dal successivo inserimento in calendario di Praga, è andato avanti con i mezzi di cui dispone.

Non sono mancate e non stanno mancando le critiche. L’allenatore di Elena Rybakina, Stefano Vukov, che già un mese fa aveva duramente accusato la WTA di non avere a cuore la salute delle giocatrici acconsentendo alla ripresa del tennis negli Stati Uniti, se l’è presa anche con il torneo di Palermo che sta svolgendo i tamponi in strada e dunque in ambiente non abbastanza protetto. Ha inoltre rilevato che nell’albergo in cui soggiornano le giocatrici, lo stesso in cui hanno trascorso in isolamento le 24 ore tra lo svolgimento del test e la comunicazione dell’esito, ci sono anche altri ospiti. Come ha fatto notare il giornalista britannico Mike Dickson, che nonostante la sostanziale chiusura del torneo ai media è a Palermo per seguire il torneo (nessuna irregolarità, il torneo non ha accreditato giornalisti ma ha predisposto degli spazi separati perché alcuni ‘ospiti’ possano sedere sugli spalti), semplicemente i mezzi del WTA International di Palermo non consentono di prenotare un intero hotel in alta stagione, specie con la certezza di un bilancio in rosso (la perdita massima sostenibile è stata stimata in 80.000 euro) e quindi nessun margine operativo.

Oliviero Palma ci ha anche raccontato di aver rifiutato dei contributi pubblici per l’organizzazione del torneo, un gesto apprezzabile e neanche così scontato, e ha specificato che la WTA è venuta in soccorso del torneo solo accordando uno sconto sul montepremi del 18%, (quest’anno le singolariste si divideranno 163.000 euro, mentre il montepremi totale ammonta a circa 190.000 €). Intanto, pochi che siano, il torneo di Palermo consentirà alle semifinaliste di portare a casa poco più di 6.000 euro, alla finalista di vincerne circa 11.000 e alla vincitrice di lasciare la Sicilia con un assegno da 20.161 euro e 280 punti. Anche solo per aver fatto ripartire una macchina ferma da cinque mesi – e impantanata nel fango, mica ferma nel parcheggio di un centro commerciale – Palermo merita la nostra considerazione.

Giulia Gatto-Monticone ha servito la prima palla del torneo di qualificazione, anche se il punto (e poi la partita) l’ha vinto Martina Trevisan. Lunedì si giocherà il primo quindici del tabellone principale. Il torneo lo vincerà forse la prima favorita Petra Martic, una di quelle a cui con le dovute proporzioni potrebbe applicarsi la massima di Rosewall su Pietrangeli (se finissimo tutti per mesi su un’isola deserta e poi ci dessero delle racchette per giocare, quel torneo lo vincerebbe Pietrangeli) vista la qualità del braccio in questione. In realtà, in regime di CovidTennis, le giocatrici hanno avuto tutto il tempo di allenarsi e probabilmente la contesa si deciderà su altri fattori: chi sopporterà meglio il caldo, chi si adeguerà meglio all’assenza di un vero contorno al torneo. Intanto, è già bello parlarne.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Madrid 1000: Nadal non fa sconti e stravince il duello generazionale con Alcaraz

In una sfida dai contorni generazionali Nadal domina un Alcaraz troppo emozionato e contratto per opporre resistenza. Sfiderà Popyrin giustiziere di Sinner negli ottavi

Pubblicato

il

[1] R. Nadal b. [WC] C. Alcaraz 6-1 6-2

Non mancavano l’attesa e la curiosità per la prima sfida di sempre tra Carlos Alcaraz e Rafa Nadal, il probabile futuro del tennis spagnolo e il gigantesco presente. Una partita interessante più a livello narrativo che a livello tecnico, dato che il giudizio del campo è stato pesantemente a favore del tennista maiorchino, che ha liquidato il suo avversario in un’ora e un quarto di gioco. Molto contratto e falloso Alcaraz, praticamente mai in partita e che ha mostrato il suo tennis solamente a sprazzi. Nonostante la pesante sconfitta resterà sicuramente qualcosa per il giovanissimo tennista spagnolo, che lascia il torneo di Madrid con sei posti in classifica guadagnati e…una torta di compleanno, portata da Feliciano Lopez per i suoi 18 anni compiuti oggi.

C’è poco tennis e molta emozione nel primo set. Alcaraz paga subito lo scotto della sua inesperienza e del suo poco peso palla al confronto del gigante che gli si para dall’altra parte del campo. Il tennista di El Palmar fa fatica nei primi due game e oltre al break, la beffa, un medical time-out per un problema agli addominali che sembra mettere a rischio la sua partita. Alcaraz torna a giocare ma Nadal dall’altra parte non si impietosisce, e il suo benvenuto da padrone di casa è un rapido 5-0 inflitto al suo più giovane avversario. Il maiorchino da vero gentiluomo concede l’onore delle armi ad Alcaraz lasciandogli un game per poter chiudere il primo set per 6-1 in 33 minuti.

Non va molto meglio il secondo set, con Alcaraz ancora immobilizzato dalla tensione e Nadal che non accenna a fermarsi. Il tennista 18enne alterna colpi potenti ad errori marchiani, soprattutto al servizio dove ha veramente poco peso. Una cosa che però sta mostrando anche oggi Alcaraz è la sua notevole capacità in risposta, molto sopra il livello dei suoi coetanei. La prima palla break della partita per il numero 120 del mondo arriva nel quarto game, ma per cancellarla “basta” una gran prima di Nadal. Alcaraz insiste e si guadagna una seconda chance, che questa volta chiude meritatamente dopo essersi costruito il punto con due splendidi dritti. Rafa si rimette subito in carreggiata e gli restituisce il favore, infilando tre giochi consecutivi che sbrigano la pratica e lo proiettano agli ottavi di finale, contro Alexei Popyrin che ha superato a sorpresa Jannik Sinner.

In conferenza stampa il tennista maiorchino non ha risparmiato i complimenti per Alcaraz. “Penso che lui sia un giocatore completo, coraggioso, forte da fondo e che va avanti e bene a rete. Deve migliorare il servizio ma è un ragazzino, ha tanto tempo davanti e lavora parecchio, e non ho dubbi che migliorerà.”. Non manca un paragone curioso di Nadal, che paragona Alcaraz a…un’insalata. “[…](è come ndr) Quando fai un’insalata e metti tutti gli ingredienti dentro, lui ha tutti gli ingredienti giusti per diventare un ottimo giocatore“. Qualche parola di elogio per un altro giovane tennista, l’australiano Alexei Popyrin che sfiderà il numero 2 del mondo negli ottavi. “Ottimo servizio e dritto, avversario difficile ma siamo in un 1000, non posso aspettarmi altro. Spero di essere pronto.“.

Il tabellone aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere

Flash

Internazionali d’Italia 2021: a Mager l’ultima wild card, Cecchinato si lamenta su Instagram

Il ligure si è aggiudicato l’ultimo invito dopo che Cecchinato è stato eliminato da Bautista Agut a Madrid. Il siciliano ha polemizzato sui social per la scelta

Pubblicato

il

Gianluca Mager sarà il beneficiario dell’ultima wild card disponibile per gli Internazionali d’Italia 2021. Il ligure ha vinto il “ballottaggio” con Marco Cecchinato, che non è sembrato gradire la scelta e ha pubblicato una storia su Instagram dal sapore polemico. “Evidentemente non è bastato fare il ‘bravo bimbo’ per meritarmi la caramella… Che belle le prese per il c**o“, questo è il laconico commento che sembra proprio alludere al mancato invito nel Masters 1000 di casa. Cecchinato dovrebbe comunque poter usufruire di una wild card nel torneo di qualificazione.

In realtà le wild card sono state assegnate in base al ranking e il dubbio su chi tra Mager e Cecchinato dovesse riceverla permaneva per il semplice motivo che Marco, facendo bene a Madrid, avrebbe potuto scavalcare il connazionale in classifica. Il sorpasso non è avvenuto, dato che Cecchinato è stato eliminato (con onore) da Roberto Bautista Agut, e la scelta è dunque ricaduta su Mager, che andrà ad aggiungersi a Stefano Travaglia, Salvatore Caruso e Lorenzo Musetti. Ricordiamo che in campo femminile, invece, gli inviti per il tabellone principale sono stati assegnati a Giorgi, Trevisan e Cocciaretto; Paolini ed Errani dovranno accontentarsi di un invito nel tabellone di qualificazione.

TUTTE LE ENTRY LIST AGGIORNATE DI ROMA

 

Continua a leggere

ATP

ATP Madrid: buona la prima per Medvedev. Karatsev sommerge Schwartzman di vincenti

MADRID – Il n.3 del mondo ritrova campo e vittoria dopo lo stop per coronavirus. Vince anche Zverev. Schwartzman sconsolato: “Ha iniziato a tirare 2 vincenti a game!”

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - ATP Madrid 2021 (ph. Alberto Nevado)

dal nostro inviato a Madrid

La sfida inedita tra il 21enne idolo di casa Alejandro Davidovich Fokina, in tabellone grazie a una wild card, e Daniil Medvedev ha aperto il programma di giornata sul centrale della Caja Magica. L’ha spuntata il russo in rimonta (4-6 6-4 6-2), sebbene sia stato lo spagnolo a interpretare meglio il match dal punto di vista tattico: ha preso la rete quando era il momento di farlo, accelerato quando ne aveva l’opportunità e ha tenuto lo scambio da fondo quando il russo cercava di prendere il sopravvento.

Questo mercoledì è la prima vera giornata calda del torneo, con la temperatura sempre sopra i 20°, e Davidovich l’ha scaldata ulteriormente costringendo il suo avversario a scattare spesso in avanti per rincorrere le sue palle corte. Nel primo set con questo colpo ha avuto più fortuna, e la sua maggior dimestichezza con la superficie gli ha permesso di recuperare un break e vincere persino il primo parziale 6-4.

 

Nel secondo set Medvedev ha iniziato ad innervosirsi un po’, sia per il campo a suo dire non perfetto (ha ricevuto anche un warning per aver colpito il suolo con la racchetta) sia per certe palle imprendibili del suo avversario, ma tutto sommato questa frustrazione ha avuto un effetto benefico sul suo tennis. Il n. 3 del mondo si è fatto leggermente più solido da fondo e questo è bastato per rimettersi in corsa; Davidovich Fokina invece, che ha comunque sempre lottato alla pari col suo avversario per quasi due ore, ha pagato a caro prezzo un solo game denso di errori grazie al quale Daniil ha rimesso il punteggio in parità restituendogli il 6-4.

Nel set decisivo Davidovich è calato sensibilmente e Medvedev ne ha approfittato sfiancandolo con i suoi classici scambi lunghi ed estenuanti, chiudendo 6-2 in due ore e 12 minuti. Per il russo questa (contro il più giovane spagnolo in top 50) è comunque un’ottima vittoria, e arriva al primo match dopo il torneo di Miami e soprattutto dopo aver contratto il coronavirus, circostanza che l’ha costretto a saltare Montecarlo.

EL PEQUE DURA POCO, PASSA KARATSEV – Aslan Karatsev, alla sua prima partecipazione a questo torneo, prosegue il suo cammino battendo il n. 9 del mondo Diego Schwartzman. Viste le recenti prestazioni del russo sulla terra (finale a Belgrado con vittoria su Djokovic in semi) non è un risultato del tutto inaspettato, ma sorprende di più l’arrendevolezza dell’argentino nei due set conclusivi, dopo che aveva vinto abbastanza agevolmente il primo set. In conferenza, Diego ha analizzato la partita in modo semplice e conciso: “Io non sto giocando il mio miglior tennis, ma lui, dopo aver sbagliato quasi tutto per un set, ha iniziato a fare due o tre vincenti per game“. Con buona approssimazione, in effetti, è andata così: il 31-3 nel confronto tra i colpi vincenti riassume bene la questione. I due tennisti sono simili per conformazione fisica: baricentro basso e grande potenza nelle gambe, lo stile però differisce eccome. Diego predilige colpi più arrotati, classici da terra battuta, ed è riuscito a tenere a bada Aslan – che invece picchia forte e piatto dalla riga di fondo – solamente nel primo set, nel quale Karatsev era apparso piuttosto impreciso e scarico emotivamente.

Aslan Karatsev – ATP Madrid 2021 (courtesy of tournament)

Ancor meno difficoltà ha incontrato Sascha Zverev nel liberarsi d(el fantasma d)i Kei Nishikori, un rapido 6-3 6-2 da 75 minuti che potrebbe aver riconsegnato uno Zverev decente al circuito: sarà Evans agli ottavi a testarne gli effettivi miglioramenti. Non riuscivo ad allenare come si deve al servizio da più di un mese, praticamente da Miami; in questi giorni per la prima volta da allora sono tornato alla mia routine” ha detto Zverev in conferenza, confermando poi il suo feeling con questo torneo vinto nel 2018 senza perdere il servizio. “L’altitudine aiuta molto chi serve come me, qui mi trovo bene anche se forse a Roma ancora meglio. Mentre Parigi è il torneo in cui posso migliorare di più“.

TSITSIPAS PASSEGGIA SU PAIRE – Seppur il risultato raramente è stato messo in discussione, almeno Paire con le sue frequenti discese a rete ha allietato la serata del pubblico del centrale rimasto un po’ a bocca asciutta dopo il ritiro di Mertens. Questi infatti erano i due match della sessione serale, che combinati hanno fatto un’ora e tre quarti di spettacolo. Il prezzo dei biglietti, per i settori più alti dello stadio partiva da 40 euro… chissà quanti dei presenti avrebbero preferito risparmiarsi l’uscita per restare a casa a guardare il Real. La condizione atletica del francese comunque non era sufficiente per disputare un match ATP, soprattutto se la ‘preparazione’ è consistita in 10 giorni di vacanza alle Maldive. Stefanos Tsitsipas ha dominato nel primo set cercando spesso il dritto del suo avversario, oggi estremamente falloso, e dopo aver chiuso 6-1 se l’è presa un po’ più comoda nel secondo set lasciando un game in più al francese. Con la sua sconfitta esce di scena anche l’ultimo transalpino in gara mentre il finalista dell’edizione 2019 si è conquistato un posto agli ottavi contro il vincente di Ruud-Nichioka.

Il tabellone completo di Madrid

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement