Federer: "Sulla terra giocherò sicuramente". Ma intanto rinuncia a Dubai

Flash

Federer: “Sulla terra giocherò sicuramente”. Ma intanto rinuncia a Dubai

Lo svizzero è soddisfatto delle due prestazioni offerte: “Il corpo sta bene. Mi fa solo un po’ male la spalla, ma è normale”. Per lui niente Dubai e rientro sulla terra

Pubblicato

il

Qatar Exxon Mobil Open 2021 ATP Media Day Roger Federer , Switzerland

Si è concluso con una sconfitta nei quarti di finale a Doha il primo torneo di Roger Federer dopo oltre un anno. A dispetto della sconfitta con match point a favore contro Basilashvili, però, in conferenza stampa lo svizzero si è soffermato principalmente sui lati positivi delle due intense partite giocate: “Ero fermo da così tanto tempo che sono contento di essere riuscito a giocare due partite di fila in tre set, contro ottimi giocatori. È uno step importante per me. Sento di non essere ancora al 100%, lo vedo, ma l’importante sarà essere al 100% per la stagione su erba. Potrebbe succedere prima, ma sarebbe una sorta di bonus“.

COME SONO ANDATI I MATCH IN QATAR?

Queste le parole sono le parole che hanno riassunto le due partite giocate a Doha: “Contro Evans e Basilashvili so esattamente cosa devo fare per provare a vincere, ed ho provato a fare quello che dovevo. Naturalmente non ho ancora a mia disposizione tutte le risorse per poterlo fare, ma il livello di attenzione nel match mi ha lasciato molto soddisfatto. Tutto sommato sono contento di come mi sono sentito oggi in campo; forse con Dan mi sono sentito ancora meglio, ma Basilashvili gioca un tennis completamente differente e questo mi ha messo in difficoltà“.

 

Un altro fattore distintivo è stata poi la diversa preparazione fra ottavi e quarti: “Il bilancio di queste due partite è più che positivo. Ovviamente sono state due partite molto diverse: ieri sono arrivato con la preparazione di due settimane per quella specifica partita, mentre oggi sono sceso in campo dopo 22 ore dalla partita precedente, dopo essere andato a letto un po’ più tardi, contro un giocatore completamente diverso. […] Mi sarebbe piaciuto giocare anche domani, ma sono anche contento di poter riposare un po’“.

Da un punto di vista tecnico, infatti, è difficile trovare due giocatori più agli antipodi del georgiano e del britannico: “In generale credo che quella di oggi sia stata una prestazione più equilibrata, ma Basilashvili ha saputo spingermi molto di più nell’angolo destro. Evans ha spinto molto sul mio rovescio, mentre trovo che Basilashvili mi abbia fatto più male dalla parte del mio diritto. Sono comunque riuscito a trovare delle soluzioni adatte per arrivare a match point, mi è mancato un punto per andare in semifinale, mi è mancato ancora qualcosa di extra per poter fare la differenza“.

In generale, comunque, quello che traspare dalle sue parole sembra essere una certa soddisfazione per il tipo di match giocati e per il livello espresso. In particolare, a livello di preparazione sembra trovarsi esattamente dove vuole essere, e così non sarebbe stato se fosse tornato a giocare a gennaio: “Avrei potuto giocare l’Australian Open, magari giocando un po’ peggio di così, però non avrei avuto chance di vincere quindi non c’era motivo di andarci“.

LA RISPOSTA DEL FISICO AL RITORNO IN CAMPO

Se quello di Doha doveva essere un test sulla tenuta fisica, il responso sembrerebbe dunque essere positivo: “Ho servito bene, al punto di essere piacevolmente sorpreso di come ho servito nel corso di tutto il torneo. Anche se si tratta di un colpo che mi richiede di saltare ogni volta il ginocchio non mi ha fatto male per nulla e per questo sono molto contento”.

Per certi versi, il momento più importante della sua settimana sembrerebbe essere stato il risveglio di oggi con una partita sulle spalle, come confermato alla stampa francese: “Stamattina mi sono sentito… non male. Ovviamente ci sono alcune parti del corpo che impiegano più tempo a riscaldarsi, come la spalla. La schiena era un po’ dura, ma le gambe, che di solito sono quelle che sentono maggiormente la fatica, sono state quelle che si sono comportate meglio, e questo è molto positivo. Sono contento di come mi sono sentito nel corso di tutta questa partita, anche se ovviamente ci sono stati dei momenti in cui sono stato un po’ fermo sulle gambe, ma questo me lo aspettavo. Oltretutto Basilashvili è uno dei giocatori che tira più forte da ambo le parti, e questo mi ha creato un problema perché è una situazione che non ho potuto allenare. Contro Evans il rovescio spesso mi dà più tempo per organizzare il mio colpo, mentre [Basilashvili] tira talmente forte e pesante che se non sono perfettamente dietro alla palla non riesco a colpirla correttamente, ma questo è merito suo”.

Detto questo, qualche piccolo acciacco c’è, ma stando alle sue parole niente di imprevisto: “Mi aspettavo di sentirmi così. La spalla mi fa un po’ male, a livello muscolare. Credo sia da attribuire alla pressione della partita, dove cerchi sempre quel 5% in più. In generale il corpo sta bene, mi sento bene. Poteva andare molto peggio“.

IL CALENDARIO DEI PROSSIMI MESI

Dopo aver detto durante la conferenza stampa che era incerto se avrebbe partecipato al Dubai Duty Free Championships della settimana prossima, e che avrebbe preso una decisione entro 24 ore, Federer ha poi fatto sapere attraverso i propri canali social di aver optato per un altro blocco di allenamenti. “Tornare a giocare nell’ATP Tour è stato bellissimo, mi sono goduto ogni minuto passato a Doha. Un grande ringraziamento al miglior team, il più leale del mondo che mi ha aiutato ad arrivare fin qui. Ho deciso che è meglio tornare ad allenarmi e quindi mi sono ritirato dal torneo di Dubai della prossima settimana“.

Visto che ha già fatto sapere di non avere in programma di volare a Miami per il primo Masters 1000 della stagione, la sua attenzione si sposterà quindi sulla terra europea; c’era qualche dubbio riguardo alla sua presenza sul rosso, in virtù della più o meno chiara intenzione voler essere al massimo a Wimbledon, ma la conferenza di oggi ha sciolto positivamente i dubbi in questo senso o quasi: “La cosa importante è giocare partite, e prima dell’erba viene la terra. Da quel punto di vista, se avrò bisogno di giocare partite non avrò scelta che giocare sulla terra. Potrebbe essere un bene o un male per me, ma alla fine credo che giocherò da qualche parte sulla terra. Ma mi sono detto di aspettare il ‘responso’ di Doha ed eventualmente Dubai prima di prendere una decisione. La salute viene prima di tutto. In definitiva, farò qualsiasi cosa possa aiutarmi ad essere al 100% per la stagione su erba“.

L’AMICO DELPO

Alla fine della conferenza, Roger ha anche risposto a una domanda su un altro grande campione che sta cercando di tornare, vale a dire Juan Martin Del Potro, fermo dal giugno del 2019 per problemi al ginocchio: “Il punto è che al nostro livello vuoi tornare in campo quando sai di poter dare davvero qualcosa. Spero possa trovare il modo di tornare, prima o poi, non importa se gli serviranno altri due o tre mesi. Gli auguro solo di tornare finalmente in salute; tutto quello che ha passato è più grande di quello che ho passato io“.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Coppa Davis: la Spagna passa soffrendo con l’Ecuador, si giocherà tutto con la Russia

La Spagna rischia grosso nel secondo singolare e nel doppio ma si prende un 3-0 importantissimo in ottica qualificazione

Pubblicato

il

Spain - Davis Cup 2021 (Twitter - @DavisCup)

Rispetta il pronostico la Spagna, che guidata da Carreno-Busta supera l’Ecuador per 3-0 e fa un passo importante verso la qualificazione nel girone A, lo stesso della favorita Russia. Ad assicurare il primo punto della giornata ci ha pensato il veterano Feliciano Lopez. Schierato nel posto che probabilmente sarebbe stato occupato da Carlos Alcaraz, Lopez non ha deluso le attese, battendo con un doppio 6-3 l’ecuadoregno Roberto Quiroz, numero 291 della classifica ATP. Il tennista spagnolo non ha avuto problemi nella sfida contro il suo peggio classificato avversario; Lopez che ha dovuto soffrire soltanto nel primo game, dove ha concesso quattro palle break a Quiroz. Da quel momento in poi ha concesso solo una palla break, chiudendo con quattordici ace e sei doppi falli. Feliciano bene anche in risposta, con Quiroz costretto a cedere il servizio nel quarto game e dominato nel secondo set, breakkando l’ecuadoregno nel quinto e nel nono game, il che ha regalato il primo punto del tie alla sua nazionale.

Ha dovuto soffrire molto di più Pablo Carreno-Busta. La medaglia di bronzo a Tokyo 2020 ha avuto bisogno di tre set per superare l’ecuadoregno Emilio Gomez, numero 149 del mondo e giocatore sicuramente più abituato alla terra rossa. Il figlio di Andres, vincitore del Roland Garros 1990, ha sorpreso il suo più quotato avversario, reggendo bene il ritmo da fondo di Carreno e trovando il break nel sesto game. Il break subito ha scosso il tennista spagnolo, che ha trovato subito il controbreak. La pressione però ha fatto brutti scherzi a Carreno, che nel game per mandare il set al tie-break ha commesso troppi errori e Gomez si è preso un primo set clamoroso per il pronostico.

Con l’aiuto del pubblico di casa Carreno-Busta si è scosso ed ha alzato il suo livello nel secondo set, dove lo spagnolo ha trovato due break nel finale. Molto meglio anche la prestazione al servizio, Pablo ha dovuto affrontare solo una palla break, merito anche dell’aggressività maggiore nel colpo di inizio gioco, dovuta anche alla lontananza dalla riga di fondo di Gomez in risposta. Lo stesso spartito tattico si ripropone nel terzo, che è sembrato andare in discesa con il break di Carreno nel quarto game. Il numero 20 del mondo si è guadagnato anche due match point nell’ottavo game. La reazione di Gomez è stata inaspettata ma quanto mai puntuale, e sfruttando un pessimo game di Carreno l’ecuadoregno ha pareggiato il conto dei break trascinando la partita al parziale decisivo.

 

Sulla spinta emotiva del finale di set Gomez è riuscito anche a ribaltare il minibreak in avvio dello spagnolo, ma l’ex semifinalista dello US Open ha fatto valere tutta la sua esperienza e con una discesa a rete ha chiuso partita e tie, evitando un clamoroso pareggio dell’Ecuador.

Tiratissimo anche il doppio finale, in cui Marcel Granollers e Carreno-Busta hanno rischiato grosso contro Diego Hidalgo e Gonzalo Escobar, rispettivamente numero 166 e 39 al mondo di doppio. La coppia spagnola si è trovata un set avanti e con quattro palle break a disposizione nel primo game, oltre che di un minibreak avanti nel tie-break. Tutte occasioni sprecate dagli spagnoli, che hanno perso il secondo set al tie-break e hanno visto l’Ecuador andare a servire per il match nel terzo set. Un doppio fallo e una buona risposta spagnola sono state abbastanza per trascinare la partita al tie-break, dove la coppia di casa ha dilagato assicurando un 3-0 molto più complicato del previsto. Un punto fondamentale in ottica delle migliori seconde, specialmente con la partita da sfavoriti con la Russia alle porte.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis: Novak Djokovic guida la Serbia al successo contro l’Austria

Il numero uno del mondo torna a giocare in Davis liquidando Novak in due facili set: “Giocare per la mia patria è una motivazione in più”. Lajovic supera Gerald Melzer in tre set tirati

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Davis Cup 2021 (Twitter - @DavisCup)

SERBIA b. AUSTRIA 3-0
D. Lajovic b. G Melzer 7-6 3-6 7-5
N. Djokovic b. D. Novak 6-3 6-2

N. Cacic/F. Krajinovic b. O. Marach/P. Oswald 7-6 4-6 6-3

Lajovic suda anche più del previsto ma supera Melzer, poi Djokovic archivia facilmente la pratica Novak. Come da pronostico, la Serbia vince i due singolari contro l’Austria e vince il tie inaugurale del Girone F prima del doppio conclusivo all’Olympia-Halle di Innsbruck, arena rimasta chiusa al pubblico a causa delle restrizioni introdotte dal governo per fronteggiare il rialzo di contagi Covid. I serbi, che poi hanno centrato il tris vincendo anche il doppio, sono trascinati da un Djokovic che si è presentato in Austria con grandi motivazioni e in buona forma: domani la nazionale del capitano Viktor Troicki si giocherà contro la Germania il passaggio ai quarti di finale.  

SECONDO SINGOLARE – Non delude Djokovic, che regola in due set facili facili il numero 118 del mondo Dennis Novak. Nel primo set c’è partita solo nei primi sei game, poi Djokovic rompe gli argini, prende in mano l’iniziativa, opera il break nell’ottavo gioco e chiude il primo set. Nel primo gioco del secondo set ci sono subito due palle break: Novak riesce a venirne a capo ma subito dopo ne concede un’altra con un grave errore di rovescio. Qui Djokovic prima mette in piedi una difesa granitica e poi si avventa su un drop-shot un po’ estemporaneo dell’austriaco per operare il break (1-0). Nole tiene il servizio senza problemi, chiudendo il gioco con uno smash da fondocampo eseguito con nonchalance (2-0) e poi nel terzo gioco approfitta di una volée in rete e di un gratuito dell’austriaco per volare sul 3-0 e servizio. Si veleggia tranquillamente verso fine match: Novak riesce a vincere due game, ma sul 5-2 Djokovic non si fa pregare e con un rovescio in avanzamento si impone per 6-3 6-2. Il serbo non ha bisogno di dannarsi per chiudere in due set: la palla di Novak semplicemente non gli fa male. Il numero uno del mondo, allora, ne approfitta per provare anche qualche soluzione serve&volley. “E’ bello giocare di nuovo per la Serbia, non mi succedeva da due anni. Il tennis è uno sport individuale ma la Davis è una competizione storica, e mi è mancata. Amo giocare per la mia patria ed essere disponibile quando la mia squadra ha bisogno di me – ha detto Djokovic a caldo dopo la partita -. Il match di oggi? Dennis ha iniziato bene, con molta aggressività; mixando un po’ i colpi gli ho tolto il ritmo. Tra primo e secondo set ho dato l’accelerata decisiva, sono molto contento di come ho giocato”. Djokovic, comprensibilmente, ha scelto di disertare il doppio finale a risultato acquisito per preservarsi in vista del match di domani contro la Germania.

 

PRIMO SINGOLARE – Nel primo match non si nota più di tanto la differenza di classifica tra il numero 33 del mondo Dusan Lajovic e il numero 287 Gerald Melzer: al serbo servono 2 ore e 42 minuti per aver ragione del fratello del più noto Jurgen, che gioca bene ma suo malgrado si irrigidisce proprio nei momenti chiave. Il primo set è all’insegna dell’equilibrio (solo due palle break salvate da Lajovic) fino al tie-break, che si apre con un brutto errore di Lajovic. Il finalista di Montecarlo 2019 però rimette le cose a posto con un grande recupero vincente di diritto, che gli costa anche un’escoriazione al ginocchio. Un errore gratuito di Melzer regala il mini-break al serbo, che lo restituisce subito con un doppio fallo. Ma col diritto l’austriaco fa danni: due palle steccate portano Lajovic sul 6-4. Ed è buono il secondo set point, quando Melzer si presenta a rete ma viene infilzato dal passante di rovescio di Dusan. L’austriaco però non molla, e nel secondo set è il giocatore più incline a prendere il comando delle operazioni, mentre dall’altra parte c’è un Lajovic fin troppo passivo. Così Gerald trova il break nel sesto gioco e scappa 4-2 e servizio. Al momento di servire per il primo set disegna bene il campo, verticalizza e costringe il serbo a un passante molto difficile che termina fuori; e sul primo set point prende fin da subito il comando delle operazioni con il diritto incrociato per poi affondare con un’accelerazione di rovescio incrociato imprendibile. Nel terzo set, break Lajovic al quarto gioco e pensi che la partita sia in dirittura d’arrivo, ma Melzer reagisce e controbrekka nel settimo gioco. Peccato che al dodicesimo gioco, al momento di servire per arrivare al tie-break, Gerald si disunisca. Lajovic va 0-40, l’austriaco si aiuta col servizio e arriva a palla game ma qui rovina tutto con un doppio fallo e completa l’opera con un errore di rovescio. “Avvertivo tanta pressione, non ero al meglio – ha confessato Lajovic dopo il match -. Lui negli ultimi due mesi ha giocato bene e ha accumulato fiducia. Devo dire grazie alla mia squadra, i loro incitamenti mi sono serviti molto, anche perché si giocava a porte chiuse. Fortunatamente alla fine mi sono ricomposto, e lui ha fatto un paio di errori tra cui un doppio fallo. Sono contento di aver vinto anche se ci sono volute quasi tre ore”.

DOPPIO – Visto il risultato già acquisito, Djokovic ha disertato il doppio: capitan Troicki ha schierato Cacic e Krajinovic per fronteggiare gli austriaci Marach e Oswald. Per i padroni di casa di capitan Koubek, vincere sarebbe stato importante per aumentare le possibilità di qualificazione come una delle migliori seconde (in caso di vittoria contro la Germania), ma i serbi sono stati insaziabili: Cacic e Krajinovic hanno vinto la partita in tre set, sfruttando un miglior rendimento in risposta nel terzo set.

Continua a leggere

Flash

L’outfit di Sonego allo US Open: ecco la Collezione uomo per il tennis di Mizuno

SPONSORIZZATO – Traspirabilità ed elasticità dei tessuti, scarpe appropriate per qualsiasi livello di gioco e qualsiasi superficie: così Mizuno veste i suoi tennisti

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego è stato uno degli uomini di punta del tennis italiano nell’anno 2021: la semifinale a Roma, il titolo a Cagliari, la finale a Eastbourne e gli ottavi a Wimbledon sono stati i suoi risultati migliori, risultati che hanno fatto di lui il terzo miglior singolarista italiano dopo i top ten Matteo Berrettini e Jannik Sinner. Sonego è da tantissimo tempo uomo Mizuno: il brand multisport, la cui sede italiana è a Torino nella centralissima via Soleri (dove è stato organizzato pochi giorni fa un bell’evento con protagonisti l’uomo-Davis dell’Italia e l’altro tennista torinese Andrea Vavassori), veste il tennista torinese e ne ha accompagnato fin dagli albori della sua carriera la crescita sportiva, una crescita che può avere margini ulteriori, tutti da esplorare nella stagione 2022. Nella settimana che dovrebbe vedere l’esordio di Lorenzo in Coppa Davis con i colori della nazionale italiana, Mizuno ci propone un approfondimento sull’outfit che Lorenzo Sonego ha vestito durante l’ultimo US Open.

La Collezione uomo parte dalla maglietta, denominata Shadow Polo. Bianca con due bande blu e arancioni sfumate, dal punto di vista dei materiali è composta all’87% da poliestere e al 13% da Elastane. I benefit consistono nella leggerezza e nell’estensibilità del tessuto, nonché nella sua notevole traspirabilità che facilitano la termoregolazione del corpo. Da notare il colletto a polo per i due bottoncini, ma il taglio è moderno e performante. I colori disponibili sono White (come nella foto), Harbour Blue e Violet Blue, le taglie S e XXL. Il prezzo al pubblico della maglietta è di 50 euro.

Il pantaloncino, denominato “8 in Flex Short”, è quasi identico come composizione (86% poliestere, 14% Elastane) ed è caratterizzato da traspirabilità e libertà di movimento. Ha due tasche aperte e una coulisse interna per una migliore vestibilità durante l’attività sportiva. La lunghezza interno gamba è di 20,3 cm. I colori disponibili sono Harbour Blue (come nella foto), White e Black, le taglie S e XXL. Il prezzo al pubblico è 40 euro.

 


La bandana, disponibile, nei colori bianco (con logo blu) e nero (con logo bianco) è in 100% poliestere e propone una taglia unica. Il prezzo al pubblico è 10 euro. I polsini sono fatti al 77% di nylon e al 23% di gomma; i colori sono gli stessi della bandana e il prezzo è sempre 10 euro l’uno.


Last but not least, la scarpa: La Wave Exceed Tour 4 garantisce massima leggerezza e velocità con tecnologia D-flex Groove integrata nel mesopiede che permette ai giocatori cambi di direzione alla massima velocità con la massima potenza. La tomaia a diamante flessibile offre una calzata confortevole ma stabile. Il peso è di 340 grammi, la calzatura è adatta a giocatori di livello avanzato ed è disponibile in due versioni: con suola All Court (adatta a tutte le superfici) e quella Clay Court (perfetta per le superfici in terra rossa). I colori disponibili sono Harbour Blue (come nella foto), White e Firecracker. Il prezzo al pubblico è 145 euro

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement