Bianca: "Non mi vergogno a mostrare le mie emozioni". Ashleigh: "Non devo provare di essere la n.1"

Flash

Bianca: “Non mi vergogno a mostrare le mie emozioni”. Ashleigh: “Non devo provare di essere la n.1”

Le parole di Bianca Andreescu e Ashleigh Barty dopo la finale del Miami Open

Pubblicato

il

Bianca Andreescu (di schiena) e Ashleigh Barty (di fronte) - finale Miami Open 2021 (foto Twitter @MiamiOpen)

 La Congenital Insensitivity to Pain with Anhidrosis (CIPA) è una patologia congenita molto rara del sistema nervosa che impedisce ad un individuo di sentire dolore. Qualcuno potrà pensare che si tratti di una manna dal cielo, ma in realtà si tratta di una malattia molto pericolosa perché il dolore è il segnale che il nostro corpo manda per far capire che qualcosa non va.

Bianca Andreescu sembra patire le conseguenze di una sindrome simile, perché la sua straordinaria carica agonistica che più e più volte le ha fatto letteralmente rifiutare la sconfitta anche in situazioni disperate sembra spingerla a giocare oltre il dolore e oltre i limiti del suo stesso corpo. Anche in questa finale del Miami Open, nella quale un incidente abbastanza fortuito a una caviglia l’ha resa sostanzialmente incapace di continuare a giocare, Bianca avrebbe voluto continuare, “ma il mio preparatore atletico Abdul mi ha salvato da me stessa e mi ha fatto capire che avrei dovuto fermarmi” ha dichiarato durante la conferenza stampa post-match in un discorso interrotto più volte dalle lacrime.

Era già accaduto prima, era già accaduto che avevo spinto il mio corpo fino a peggiorare il problema che mi stava fermando. Questa volta mi sono fidata del mio team, e so che è stata la decisione giusta”.

 

È stato comunque un torneo positivo per me – ha aggiunto una volta ricompostasi – ho passato talmente tante ore in campo che mi sembra di aver giocato tre tornei in uno, ed è fantastico, perché ha aiutato molto la mia fiducia. In Australia mi sentivo soverchiata da tutto quello che stava succedendo, e sono contenta di aver giocato i miei primi match al rientro, perché sono convinta che quelle partite mi abbiano aiutato a raggiungere questo splendido risultato”.

Ci sono state parole di grande apprezzamento per la sua avversaria: “Ashleigh è stata molto carina con me, mi ha detto che le dispiaceva e che sicuramente ci incontreremo tante altre volte. Il suo gioco è molto vario, le piace alternare i colpi, un po’ come me. Ora so come ci si sente a giocare contro di me”.

È presto per sapere se l’infortunio alla caviglia richiederà una sosta più o meno lunga, “ma so quello che devo fare, continuare con il piano che stiamo seguendo e guardare avanti. Mi è costato molto fare quello che ho fatto oggi, ma sono convinta che sia stato un bene aver preso questa decisione, è stata la decisione giusta. Non mi vergogno di mostrare le mie emozioni, in campo e fuori, perché così facendo spero di poter dare l’esempio e far vedere che mostrare le proprie emozioni non vuol dire mostrarsi deboli, e che non c’è niente di sbagliato nel farlo”.

Ovviamente di altro tono l’incontro di Ashleigh Barty con la stampa: questo Miami Open è il primo titolo che l’australiana difende con successo in carriera, e si tratta anche di una sorta di legittimazione del suo ruolo di n. 1 del mondo che più di una volta era stato messo in dubbio a causa della sua scelta di non giocare alla ripresa dell’attività nella stagione 2020. “Onestamente non credo di dover provare nulla a nessuno. Sono consapevole del lavoro che faccio giorno dopo giorno in campo e in palestra. Lo scorso anno non ho giocato, ed è vero che non ho perso punti per questo, ma non ho nemmeno avuto la possibilità di migliorare il mio ranking come invece hanno fatto le altre giocatrici. So che ci sono persone che pensano che non meriti di essere al n.1, e questo fa parte dell’ordine naturale delle cose, ognuno ha diritto alla sua opinione. Ma siccome si tratta di opinioni che non posso in alcun modo cambiare, non lascio che mi influenzino”.

Il match si è disputato in condizioni ambientali piuttosto difficili e sicuramente diverse da quelle avute durante il resto del torneo. “Sì, c’era molto vento – ha confermato Barty – era molto difficile capire come giocava l’altra, ci è voluto un po’ di tempo, soprattutto perché non ci eravamo mai incontrate quindi non sapevo esattamente cosa aspettarmi”.

Uno dei reporter che copre il torneo di Miami da più tempo ha ricordato ad Ashleigh che le sole altre giocatrici che sono state capaci di vincere due Miami Open consecutivi sono state Steffi Graf, Monica Seles, Arantxa Sanchez Vicario, Venus Williams e Serena Williams. “Non credo di essermi guadagnata il diritto di appartenere a questo gruppo di campionesse – ha ribattuto Barty – si tratta di vere leggende del nostro sport, per me è un privilegio anche solo essere menzionata nella stessa frase con loro, ma davvero penso di avere ancora molta strada da fare per poter essere considerata al loro livello”.

Ora Barty continua il lunghissimo tour di questa stagione 2021 con i tornei sulla terra. L’australiana ha infatti dichiarato prima dell’inizio del torneo che trascorrerà tutta la stagione senza tornare in Australia (dove dovrebbe fare 14 giorni di quarantena) ed inizierà con due tornei nuovi nel suo calendario: il Volvo Open di Charleston, in South Carolina, e il Porsche Tennis Grand Prix di Stoccarda, tradizionale appuntamento indoor sulla terra battuta di metà aprile.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Sorpresa all’ATP di Mosca: Rublev eliminato da Mannarino. Avanza Karatsev

Il francese (sconfitto nella finale 2019) si prende una dolce rivincita sul numero 5 della Race ATP, salvando anche un match point

Pubblicato

il

Andrey Rublev - Mosca 2021 (foto Telegram VTB Kremlin Cup)

È una vera e propria storia d’amore (ma mai a lieto fine, sinora) quella che intercorre tra Adrian Mannarino e l’ATP di Mosca. Il francese ha raggiunto la finale per ben due volte nell’evento, nel 2019 e nel 2018 e un anno prima si è fermato solo in semifinale. Ancora non sa se riuscirà ad arrivare in fondo quest’anno, ma è comunque riuscito a conquistare un risultato di altissimo livello. Nel secondo turno ha infatti estromesso dal torneo la testa di serie numero 1 Andrey Rublev, salvando anche un match point sul 5-6 del secondo parziale. I due si erano affrontati nella sopra citata finale del 2019 a Mosca, quando Rublev si impose nettamente (6-4 6-0), alzando il trofeo di fronte alla sua gente.

Rublev conduceva 5-2 il primo parziale, ma ha rischiato di subire una clamorosa rimonta: sul 5-5 ha salvato un break point e ha chiuso il set nel dodicesimo gioco. Le difficoltà palesate sul finale del primo parziale sono state però un campanello d’allarme per Rublev. Nel secondo set ha ceduto per due volte il servizio e Mannarino sul 5-4 ha avuto sulla racchetta due set point. Il russo ha reagito e, come accaduto un’oretta prima, si è portato a un punto dalla conquista del set. Un rovescio in rete sul match point gli ha negato l’opportunità di archiviare una partita molto complessa con un doppio 7-5 e Mannarino ha forzato la partita al terzo set nel tie-break. Rublev è apparso affaticato nel finale, incapace di reagire al break subìto nel quinto game. “Siamo entrambi migliorati rispetto alla finale di due anni fa” ha detto il 33enne francese. Andrey è migliorato molto più di me, ma anche se un giocatore ti è superiore, tutto può succedere. Oggi sono stato un po’ fortunato, sono comunque contento della mia performance”. Lo attende Berankis nei quarti di finale, un match totalmente alla sua portata.

Il primo favorito del torneo è diventato dunque Aslan Karatsev che ha aperto il suo torneo (dopo il bye al primo round) contro Egor Gerasimov. Non ha impiegato molto più tempo del necessario a disfarsi del suo avversario, nemmeno 90 minuti ad essere precisi. Ha chiuso 6-4 6-3 e attende ora il vincente dell’incontro tra Simon e McDonald.

 

Il tabellone dell’ATP di Mosca

Continua a leggere

Flash

WTA Mosca: avanti tutte le favorite

Halep elimina Kudermetova in due set e troverà Maria Sakkari, che ha beneficiato del ritiro di Kalinskaya a inizio secondo set

Pubblicato

il

Maria Sakkari - Mosca 2021 (foto Telegram VTB Kremlin Cup)

Giornata priva di sorprese nel torneo femminile di Mosca. Tutti gli incontri si sono conclusi infatti con la vittoria della giocatrice che partiva coi favori del pronostico. In apertura di programma, Kontaveit ha rifilato un netto 6-1 6-4 ad Andrea Petkovic, sfiorando addirittura il bagel nel primo set e recuperano un iniziale svantaggio di 0-2 nel secondo. Ai quarti troverà Garbine Muguruza. Tutto facile anche per Marketa Vondrousova che si è imposta con un doppio 6-3 su Lesia Tsurenko e al prossimo turno sfiderà Anastasia Pavlyuchenkova.

È durato appena nove giochi il secondo match tra Maria Sakkari e Anna Kalinskaya. La greca ha vinto agevolmente il primo set 6-2 e si è presa un break di vantaggio nel secondo, prima di beneficiare del ritiro della russa. L’avversaria nei quarti di finale di Sakkari sarà Simona Halep, l’unica testa di serie ad aver sofferto un pochino nella giornata odierna. Nel primo set la romena ha passeggiato, grazie anche al dritto a dir poco ballerino di Veronika Kudermetova. Sotto 6-1 2-0, la russa però ha cominciato a trovare un po’ di continuità, mentre Halep ha iniziato a sbagliare qualcosina in più. Kudermetova ha recuperato due volte un break di svantaggio e impatta sul 3-3. Al tiebreak, Halep ha tentato due volte la fuga, ma è stata subito ripresa (anche con la complicità del nastro). Sul 4-4 la rumena è poi riuscita a trovare l’allungo decisivo.

Continua a leggere

Flash

Campionati AGIT: più di 100 giornalisti! Vincono Gibi Olivero, Alessandro Baschieri, Orazio Carabini e Erika Calvani

Sui campi del Foro Italico è andata in scena la sessantesima edizione dei Campionati Giornalisti italiani

Pubblicato

il

I campi del Foro Italico, una finale da incorniciare come quella andata in scena tra i due terza categoria Gibì Olivero e Riccardo Ceccagnoli, il sole delle ottobrate romane e tanta voglia di tennis dopo l’anno di stop imposto dal Covid, che ha portato nella capitale quasi cento giornalisti-tennisti. C’erano tutti gli ingredienti necessari a far sì che la sessantesima edizione dei campionati assoluti dell’Agit andasse in porto a gonfie vele. Il titolo del singolare maschile è andato a Olivero della Gazzetta dello Sport (classifica Fit 3/1) che si è imposto su Riccardo Ceccagnoli del Tg 5 (3/2) in un match che ha regalato colpi spettacolari e grandi emozioni soprattutto nel primo set, deciso dal tie break. In semifinale sono arrivati Miska Ruggeri (Tg2) e Salvatore Raggio (free lance). Olivero, in coppia con la moglie e collega della Gazzetta, Fabiana Della Valle si è portato a casa anche lo scudetto del doppio misto, in finale su Ceccagnoli e Antonella Piperno (Agi e Rai). Medaglia di bronzo per le coppie Calvani-Calabrò e Pesci-Valentini. Nel singolare over 50 ha trionfato Alessandro Baschieri del Corriere della Sera, in finale contro Ugo Peretti del Tirreno; semifinalisti Guglielmo Nappi del Messaggero e Stefano Mosca della Stampa. Il titolo dell’over 65 è andato a Orazio Carabini (già Sole 24ore) che ha avuto la meglio su Roberto Stigliano(Il Messaggero).

Erika Calvani (SKY Sport() Foto Felice Calabrò

Si è visto un grande tennis anche nel singolare femminile con il ritorno all’Agit del volto Sky Erika Calvani (ex 3-1) vincitrice del titolo sulla free lance romana Rossella Pesci, new entry dell’associazione, dotata di un dritto corposo. Tra le nuove racchette anche la conduttrice di Supertennis Elena Ramognino, arrivata in semifinale insieme con Claudia Fusani. Il doppio libero è andato alla coppia Ceccagnoli-Gianluca Galeazzi (La 7)contro Baschieri-Mosca, con Olivero-Annovazzi(Repubblica) e Peretti-Ruggeri, semifinalisti. Il doppio veterani se lo sono aggiudicati Antonello Valentini e Delfino Giroldini contro Orazio Carabini e Bruno Costi; terzo posto per le coppie Antonio De Florio-Bata Janjic e Marco Francalanci-Massimo Mapelli.

Riccardo Ceccagnoli, a sinistra, Gibi Oliviero a destra
Riccardo Ceccagnoli, a sinistra, Gibi Oliviero a destra (Foto Felice Calabrò)

Non è riuscito a scendere in campo nel torneo ufficiale ma si è aggiudicato ugualmente un premio prestigioso Stefano Meloccaro di Sky, protagonista con i volti Rai Alessandro Fabretti, Francesco Giorgino e Marco Betello del doppio “special” organizzato dal main sponsor del torneo Ivsi (Istituto di valorizzazione dei salumi italiani) nella giornata dedicata al lancio del progetto triennale alimentar-salutista “Let’s eat” che, benedetto dalla Commissione europea, promuove il connubio tra i salumi italiani e la frutta greca del consorzio Asiac. A Meloccaro, premiato da Jimmy Ghione e Pierluigi Pardo, è andata la targa “Let’s eat” dedicata al giornalista più capace di coniugare l’impegno per la professione con quello salutista e sportivo. Gli altri sponsor del torneo che ha visto in campo, tra gli altri, il vicedirettore di Repubblica Dario Cresto-Dina e l’opinionista politica Mediaset Claudia Fusani, sono stati l’acqua Valmora e le cantine Mascarello e La Cedraia.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement