Peng Shuai intervistata da L'Equipe: "La mia vita quotidiana? Niente di speciale"

Flash

Peng Shuai intervistata da L’Equipe: “La mia vita quotidiana? Niente di speciale”

L’atleta cinese annuncia il ritiro e lancia un messaggio di speranza: “Auguro a tutti di affrontare meno insidie e più pace”. Si fa un po’ di luce sulle comunicazioni avvenute negli ultimi mesi ma restano tanti dubbi

Pubblicato

il

Peng Shuai - Indian Wells 2017
 

Dopo il 2 novembre dello scorso anno la vita di Peng Shuai e l’attenzione mediatica su di lei non è più la stessa. In un post pubblicato su un social cinese aveva denunciato di aver subito violenze sessuali dall’ex vicepremier cinese Zhang Gaoli, ma dopo trenta minuti il messaggio era stato rimosso. Da quel momento è iniziata un’odissea che ha visto la tennista cinese ricoprire il ruolo di protagonista fantasma e a fatica si sono riuscite ad ottenere informazioni su dove si trovasse e sulle sue condizioni. La WTA ha preso una posizione forte annullando tutti i tornei sul suolo cinese (manterrà la decisione alla luce di questa intervista?) mentre il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach, dopo averci parlato un paio di volte in video-chiamata l’ha invitata a Losanna.

L’ultima apparizione di Peng Shuai intanto risaliva a metà dicembre in compagnia, tra gli altri, dell’ex stella NBA Yao Ming e in quell’occasione c’era stata anche una prima (discutibile per i modi e le interazioni) intervista a Zaobao, testata di Singapore, in cui la doppista cinese aveva fermamente smentito di aver subito qualsiasi forma di violenza. Ora questa storia si arricchisce di un nuovo preziosissimo capitolo fornitoci dal quotidiano sportivo francese L’Equipe il quale, in occasione delle Olimpiadi invernali in svolgimento a Pechino, è riuscito ad intervistare Peng Shuai domenica 6 febbraio. Come si legge sulle pagine del giornale, la richiesta di incontro era stata mandata lo scorso 18 gennaio direttamente al presidente del COC Comitato Olimpico Cinese, Gou Zhongwen, e la risposta positiva è giunta lo scorso giovedì con le seguenti condizioni: l’atleta avrebbe risposto alle domande in cinese e avrebbe ricevuto le domande in anticipo. L’Equipe ovviamente ha accettato, facendo sapere comunque che l’articolo non sarebbe passato a revisione da parte del COC prima della pubblicazione.

La scelta di rivolgersi al Comitato Olimpico Cinese si è comunque rivelata vincente perché la testata francese, essendo l’unica ad aver intrapreso questa strada, è stata ritenuta la più autorevole e dunque la sola ad aver ricevuto l”ok’ per intervistare Shuai. Alla fine l’incontro, avvenuto nel soggiorno di una suite di un hotel, è andato ben oltre la mezz’ora stabilita e la tennista, sempre indossando la mascherina ad eccezione del momento delle foto, ha risposto anche a domande che non erano presenti nella lista iniziale.

 

L’argomento iniziale della prima intervista ad una testata internazionale ed indipendente di Peng Shuai dall’inizio dello scandalo non poteva che essere il post pubblicato sul social Weibo e l’enorme reazione internazionale che ha scatenato. “Non credo di essere stata a conoscenza di tutto perché non guardo molto le notizie dei media stranieri” ha subito affermato Peng. “Non so leggere in inglese ma ne ho sentito parlare. In primo luogo, vorrei ringraziare tutti i tanti giocatori ATP e WTA, sportivi e personaggi di spicco che si sono preoccupati per me. Non avrei mai pensato che ci sarebbe stata una tale preoccupazione“.

Queste invece le parole circa il suo post accusatoria e il motivo della sua cancellazione: “Cos’è successo… Ho già risposto a questa domanda in un’intervista a Shanghai, in un’e-mail che ho inviato alla WTA e molte altre e-mail. C’è stato un enorme malinteso nel mondo esterno dopo questo post. Non voglio più che il significato di questo post venga distorto. E non voglio altro interesse mediatico su di esso.[…] Non ho mai detto che qualcuno mi ha molestata sessualmente in nessun modo”. Sulla domanda diretta del perché quel post sia svanito lei ha risposto con fermezza di averlo cancellato per sua stessa volontà.

Una delle principali preoccupazioni immediate all’insorgere di questo caso era sapere dove si trovasse Peng Shuai, tanto che si iniziò persino a parlare di sparizione. Lei però anche qui vuole mitigare qualsiasi sensazionalismo: “Non sono mai scomparsa. È solo che molte persone, come i miei amici o persone del CIO, mi hanno mandato messaggi ed era semplicemente impossibile rispondere a così tanti messaggi. Ma sono sempre stata in stretto contatto con i miei amici più cari. Ho parlato con loro, ho risposto alle loro e-mail, ho parlato anche con la WTA… Ma alla fine dell’anno il sistema informatico di comunicazione del loro sito web è stato modificato e molti giocatori hanno avuto difficoltà ad accedere. Ma io e i miei colleghi siamo sempre rimasti in contatto. Ecco perché non so perché si è diffusa la notizia che ero scomparsa”.

Alla domanda sulla sua libertà di movimento la risposta è stata un po’ vaga e marchettistica: “Prima di tutto vorrei dire che i sentimenti, lo sport e la politica sono tre cose ben distinte. I miei problemi sentimentali, la mia vita personale non devono essere mescolati con lo sport e la politica. E lo sport non deve essere politicizzato perché quando succede, il più delle volte significa voltare le spalle allo spirito olimpico e va contro la volontà del mondo sportivo e degli atleti. […] Com’è la mia vita dal 2 novembre? Come dovrebbe essere: niente di speciale…”.

“In primo luogo, vorrei che le persone capissero davvero chi sono: sono una ragazza perfettamente normale, una tennista perfettamente normale. A volte sono serena, a volte sono felice, a volte mi sento triste. Posso anche sentirmi molto stressata o molto sotto pressione… Qualunque siano la normale sensazioni e reazioni che le donne hanno, le provo e le sento anch’io. Mi stai chiedendo se posso viaggiare. Prima, se viaggiavo all’estero, era o per competere o per prendermi cura del mio ginocchio…”.

A questo punto la conversazione si sposta sulla sua carriera tennistica e ciò che si apprende è che è praticamente terminata. “Nel mio cuore io sarò sempre una giocatrice di tennis professionista. Sempre”. Ma quando le viene chiesto se la rivedremo nel circuito si lascia andare in una risata: “Forse in una squadra senior!” “Il tennis ha cambiato completamente la mia vita. Mi ha portato gioia, sfide e molto altro ancora. A volte è difficile dire addio e andare in pensione. Molte persone mi stanno facendo la stessa domanda. Anche se non partecipo più alle competizioni professionistiche, sarò sempre un tennista. Questa improvvisa pandemia ha annullato tutti i nostri progetti. Stiamo tutti soffrendo per questa pandemia, che è una sfida enorme. Non avremmo mai pensato che un giorno avremmo affrontato una cosa del genere. Molte gare sono state annullate, tutto è in fermento”.

Queste nel dettaglio le motivazioni che l’hanno spinta a chiudere la sua carriera a 36 anni: “Se prendi la mia età, i miei molteplici interventi chirurgici e la pandemia che mi ha costretto a smettere di giocare per così tanto tempo, penso che sarebbe molto difficile tornare al livello in cui stavo fisicamente. Ho avuto bisogno di iniezioni nel ginocchio per una dozzina di anni e ho subito due interventi chirurgici circa sette anni fa. Negli ultimi cinque anni ho subito altre tre operazioni. Questo è un grave infortunio. Prima della pandemia, volavo a Monaco ogni due o tre mesi per farmi le iniezioni. Ora, con la pandemia, non possiamo più fare progetti. Devi viaggiare, mettere in quarantena, allenarti. È praticamente impossibile tornare ad allenarsi normalmente, recuperare e tornare a gareggiare. […] Quando è arrivata la pandemia, ero in convalescenza da circa un anno dopo l’intervento chirurgico ed era difficile sapere se potevo davvero tornare al livello in cui ero. Ecco perché la mia partecipazione ai grandi tornei era già molto diminuita”. Terminato l’argomento tennis si è tornato a parlare del suo periodo di ‘isolamento’.

Domanda: Perché hai scelto di comunicare con il presidente dell’CIO Thomas Bach piuttosto che con la WTA? “Non ho scelto niente. Come tutti, te compreso, ho visto la dichiarazione sul sito ufficiale della WTA. Prima di allora, avevo ricevuto solo un’e-mail dal team di supporto psicologico della WTA; nessun collega si era messo in contatto con me. Quando sono venuta a conoscenza della dichiarazione WTA, ho ricevuto una seconda e-mail e un messaggio di testo dallo stesso team di supporto psicologico. Questo è stato molto insolito per me. Perché dovrei aver bisogno di supporto psicologico o qualcosa del genere? Non sapevo come prenderla… Ma se gli psicologi WTA non sono riusciti a raggiungermi e (per questo motivo) pensavano che fossi scomparsa, penso sia un po’ eccessivo. Quindi, dopo aver letto quella dichiarazione, ho risposto personalmente al presidente della WTA, Steve Simon. Sono state inviate diverse copie e ho scritto io stessa quelle e-mail. Era una mia dichiarazione personale. L’ho inviata quella stessa notte ai miei colleghi giocatori tramite WeChat per confermare di persona che avevo effettivamente scritto le e-mail inviate dalla mia casella di posta di lavoro. Poi, tutti mi hanno visto partecipare a un evento promozionale di tennis per giovani. È stato dopo quell’evento che ho ricevuto la notizia che il presidente dell’CIO, il signor Thomas Bach, desiderava chattare in video con me. Alla fine, abbiamo deciso di chiacchierare quella sera stessa”. E poi è arrivata anche la conferma dell’avvenuta cena tra i due, Peng Shuai e Thomas Bach, un paio di giorni prima dell’intervista.

Durante l’intervista, trovandosi sempre in presenza di membri del Comitato Olimpico Cinese era praticamente impossibile per l’ormai ex-tennista poter fare qualsiasi dichiarazione che esulasse dalla narrativa impostagli (sempre che lei ne abbia ancora intenzione), e consapevole di ciò l’intervistatore de L’Equipe ha provato fino alla fine a leggere tra le parole. Questa è stata infine l’ultima domanda: Cosa possiamo augurarti adesso? “Se intendi quello che spero, spero che le contese tra paesi del mondo con culture e sistemi diversi siano meno numerosi e la loro comprensione reciproca più profonda. Spero che ognuno di noi possa vivere nella gioia e nella felicità. Auguro a tutti di affrontare, nel proprio percorso di vita, meno insidie ​​e più pace. Spero anche che ogni atleta che gareggerà in questi Giochi Invernali possa dare il meglio di sé, e anche… Ovviamente auguro vivamente che gli atleti cinesi vincano molte medaglie!” Queste dolci e speranzose parole di Peng Shuai fanno calare definitivamente il sipario sulla questione?

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Hua Hin: cade la testa di serie n.3 Xiyu Wang. Vittorie per Tsurenko e Zidansek

Buona vittoria anche per la sudcoreana Su Jeong Jang contro la britannica Boulter nel 250 thailandese

Pubblicato

il

Lesia Tsurenko al Piatti Tennis Center (foto: Ufficio Stampa Piatti TC)

Si è consumata la prima giornata del WTA di Hua Hin, in Thailandia. Dopo le due settimane di Slam australiano, il circuito femminile riparte da qui, con la testa di serie n.1 Bianca Andreescu – in gara grazie ad un wild card – a guidare la compagine. Qualche sorpresa c’è stata in questo lunedì, ma andiamo a vedere meglio gli incontri disputati in questa giornata inaugurale.

IL TABELLONE COMPLETO DEL WTA 250 DI HUA HIN

La prima testa di serie a cadere è la cinese classe 2001 Xiyu Wang, che cede il passo alla connazionale Lin Zhu in tre set, 4-6 6-3 6-0. E dire che le cose per Wang si erano anche messe bene nel primo set, grazie al break nel nono gioco che le ha permesso di vincerlo. La testa di serie n.3 era ad un passo dalla vittoria anche nel secondo quando dopo aver strappato nuovamente il servizio alla rivale si era portata avanti 3-1. Da lì la reazione di Zhu che prima contro breakka, e poi infligge il colpo che vale il set sul 5-3. Nel terzo set Wang è inerme, annichilita dai tre break che valgono il lapidario 6-0.

 

Nelle altre partite del WTA 250, vittoria in tre set per l’ucraina Lesia Tsurenko contro la belga Ysaline Bonaventure, 3-6 6-4 6-4 il punteggio finale. Partita questa con diversi capovolgimenti di risultato. Specie in un terzo set molto combattuto, con ben 5 break ed un finale pirotecnico. Tsurenko serve per il match, ma viene breakkata; nel game successivo Bonaventure è fallosissima e restituisce il break – a 15 – per il 6-4 conclusivo. Da segnalare la vittoria della sudcoreana Su Jeong Jang in tre set , 3-6 6-3 3-6, contro la britannica Katie Boulter. Poi la cinese Wang Xin lascia solo quattro game all’elvetica Joanne Zuger, il 6-2 6-2 punteggio conclusivo. Infine la vittoria della slovena Tamara Zidansek in due set , 6-2 6-3, contro l’australiana Astra Sharma,.

IL TABELLONE COMPLETO DEL WTA 250 DI HUA HIN

Continua a leggere

Circoli in vista

Pietro Romeo Scomparin e il successo nei tornei Open: “In due anni punto a fare il salto” [ESCLUSIVA]

Il 21enne veneto ha vinto l’Open Rodeo di Mirano e sta preparando la stagione del suo decollo. “Mi piace sciare ma non sono bravo come Sinner”

Pubblicato

il

Scomparin Pietro - Foto Padova Oggi

Nel penultimo week-end di gennaio a Mirano è andata in scena la sesta edizione del ‘Rodeo Aquarius FITP’ riservato ai seconda categoria, primo appuntamento dell’anno nel club Miranese, con più di 40 partecipanti provenienti da svariate regioni d’Italia. L’ha spuntata il vicentino Pietro Romeo Scomparin che in finale ha avuto la meglio su un ottimo Riccardo Parravicini, classificato 2.6 e tesserato per il TC Padova. Il tennista veneziano infatti ha dato parecchio filo da torcere al più titolato avversario (classificato 2.2), arrivando anche ad avere un set point nel primo set. Lo avesse messo a segno forse il match avrebbe raccontato una storia diversa, ma il 21enne Scomparin, tesserato per il Tennis Villafranca, è riuscito a salvarsi e a rimettere la partita sui giusti binari fino a concludere col punteggio di 5-4(3) 4-1.

Abbiamo raggiunto telefonicamente il vincitore per avere un suo commento.

Buongiorno Pietro, disturbiamo?

 

Assolutamente no, oggi sono stato a sciare ad Asiago con mio padre e mio fratello e adesso stiamo tornando a casa. Lo sci mi piace moltissimo, tanto che da piccolo facevo le gare.

Un emulo di Sinner dunque?

No, no (ride, ndr), non ero così forte come lui. Diciamo che me la cavavo.

Come te la cavi anche con la racchetta in mano. Nella tua zona fai letteralmente man bassa di Open.

(ride, ndr), effettivamente ne vinco abbastanza. L’anno scorso ho vinto quattro tornei e pure questa stagione è iniziata nel migliore dei modi con la vittoria a Mirano. Anche se qui purtroppo come testa di serie n.1 ho disputato solo una partita mentre avrei bisogno di giocare molto di più per preparare le prossime trasferte.

C’era un premio in denaro?

No, gli unici benefit sono stati che non ho pagato l’iscrizione e che alla fine mi hanno regalato del materiale del Circolo.

Parlavi delle tue prossime trasferte.

In febbraio sarò ad Antalya (Turchia), in marzo invece in Croazia e ad aprile a Palmanova (Spagna).

Riprendi dunque l’esperienza nei tornei Futures che avevi cominciato nel 2022 quando hai giocato 30 partite (con 19 vittorie), raggiungendo tre volte il tabellone principale. Poi ti sei fermato, come mai?

Sì, nei primi mesi ho avuto un buon rendimento, conquistando anche il mio primo punto ATP al Cairo. Poi ho interrotto perché ho cambiato allenatore e mi sono trasferito al Tennis Villafranca. Poi ho anche studiato disperatamente inglese perché mi erano arrivate un paio di proposte di borsa di studio dai College USA. Solo che era richiesto un livello linguistico C1 (il secondo più alto dopo il C2, ndr) e io sono riuscito ad ottenere solo un B2. Così non sono andato (ride, ndr).

Hai detto che ti sei trasferito a Villafranca. Con chi ti alleni?

Con Marco Speronello che come vincitore di Open avrebbe parecchie cose da insegnarmi (ride, ndr).

Con il Villafranca giochi la B2?

Quest’anno non più perché farò la B1 con Schio e probabilmente la prossima stagione giocherò in A2 con Bassano.

La tua superficie preferita?

La terra, però adesso mi sto allenando parecchio sul veloce a Treviso perché il primo torneo sarà a Ortisei per le pre-qualificazioni BNL e lì non solo il superficie è molto rapida ma saremo anche in quota.

Sempre sulle orme di Sinner. A proposito di giocatori forti hai mai giocato con qualcuno di loro?

Con Sinner cinque anni fa ci palleggiai in Grecia quando lui stava iniziando a fare i primi ITF.

E con gli altri ragazzi della cosiddetta new wave italiana?

Non è che tennisticamente li conosca tanto bene perché da piccolo non ero forte come loro. Tanto per dire a 16 anni ero ancora terza categoria. Ho giusto incrociato Bellucci all’Open di Trissino un anno e mezzo fa quando lui vinse battendo in finale Speronello (da cui io persi in semifinale) che era sopra 6-4 4-1 e poi finì per perdere 7-6 al terzo.

Adesso non stanno attraversando un momento particolarmente brillante.

Ci sta perché nel tennis non è facile tenere costantemente un livello alto. Poi ci sono vari fattori che possono influire: infortuni, cambio di allenatore, la famiglia. Quindi non è mai un processo rettilineo.

Tu comunque li vedi tutti in top 100?

Certamente, hanno tutti il livello per ottenere quei risultati.

E tu invece che ambizioni hai?

Per quest’anno mi piacerebbe arrivare al n.600 ATP. L’anno prossimo magari arrivare a 300/400 per poi fare il salto.

Parliamo anche di un eventuale piano B. La scuola?

Ho fatto il Liceo Scientifico Scienze Applicate, i primi quattro anni frequentando e l’ultimo online perché viaggiando non ci riuscivo più.

Grazie Pietro, speriamo tu ci dia occasione di scrivere ancora di te.

Farò il possibile (ride, ndr) e intanto grazie per l’interesse.

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere

Australian Open

Marijana Kovacevic, da lei il sollievo muscolare di Djokovic?

Volto nuovo nel box del serbo in questo Australian Open: una fisioterapista che tra i suoi pazienti ha avuto anche Cristiano Ronaldo e la nazionale ghanese

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Australian Open 2023 (foto: twitter @ausopen)

La scalata di Novak Djokovic al decimo Australian Open ha paradossalmente visto il campione serbo affrontare qualche difficoltà in più nei primi turni, dovute soprattutto alle incerte condizioni fisiche. In particolare, il tendine del ginocchio gli ha creato preoccupazione in merito addirittura alla possibilità di non portare a termine il torneo. Le condizioni dell’asso serbo sono progressivamente migliorate e sul campo non ha mai mostrato alcun imbarazzo a partire dal match di terzo turno con Grigor Dimitrov, per arrivare fino alla finale con Tsitsipas nel pieno delle sue possibilità atletiche.

Nelle ultime fasi del torneo Novak è stato raggiunto da Marijana Kovacevic, dottoressa fisioterapista anch’essa di Belgrado. Per lei, Djokovic ha avuto parole di ringraziamento e di elogio: “Non entro in dettagli particolari” – ha detto il campione – “ma sono molto grato a Marijana. Mi sono affidato a quanti più esperti possibile qui a Melbourne. Lei è volata fin qua per aiutarmi, e ho sentito i benefici del suo intervento”.

Tra gli altri, Kovacevic ha avuto in cura niente di meno che Cristiano Ronaldo nel 2016, per l’infortunio durante gli Europei, ma anche giocatori come Alexis Sanchez e Robin Van Persie. L’ex calciatore israeliano Yossi Benaioun, ai tempi della sua militanza nel Liverpool (2007-2010) fu curato dalla dottoressa Kovacevic, e ricorda come la cura si sostanziasse in “massaggi con una sostanza che lei indicava come fluido proveniente da placenta umana. Nessuna iniezione, nessun rischio di doping”.

 

Lo stesso Benayoun ricorda di come poté nel 2009 accorciare un infortunio con tempi di recupero fissati in cinque settimane a soli quindici giorni, riuscendo a essere subito protagonista in campo. Sul sito Ghana Guardian si parla di come abbia collaborato con la nazionale di calcio del Ghana ai tempi della presidenza della Federazione Ghana Calcio di Nwesi Nyantaky, dal 2005 al 2018. Inoltre, ha fatto parte della spedizione della nazionale della Serbia ai mondiali del 2010.

Danilo Gori

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement