Al Challenger di Forlì 4 vince ancora Jack Draper

Challenger

Al Challenger di Forlì 4 vince ancora Jack Draper

Secondo successo dell’anno in Romagna per il britannico. A Bangalore 2 l’australiano Vukic solleva il primo trofeo della sua carriera

Pubblicato

il

Jack Draper – ATP Challenger Forlì 4 (foto Ufficia Stampa Torneo)
 

Il Challenger 80 di Forlì 4 ha decretato la seconda vittoria nell’ultimo mese (sempre in terra romagnola) di Jack Draper che in finale ha letteralmente schiantato Tim Van Rijthoven in un’ora esatta col punteggio di 6-1 6-2. Il 20enne di Sutton probabilmente ha faticato più nella cerimonia di premiazione che non in campo, dove il 24enne olandese non è proprio riuscito ad impensierirlo, a parte forse nel primo quarto d’ora di partita in cui ha faticosamente mantenuto la parità fino al 2-2. Dopo è crollata la diga e non c’è stato più alcun argine per la prorompente energia dell’inglese che ha colpito senza pietà, dominando al servizio ed annullando le uniche quattro palle break concesse. Cosa che non è riuscita invece al suo avversario che ha perso quattro volte il servizio e che è apparso, fin troppo presto, rassegnato al proprio destino. Peccato perché fin qui aveva giocato un torneo straordinario che l’aveva visto, partendo dalle qualificazioni, vincere sei match consecutivi senza lasciare per strada un solo set.

Draper, al momento della premiazione, ha dichiarato: ‘”Ho giocato un torneo in crescendo e proprio in finale ho dato il mio meglio, battendo un avversario che qui a Forlì ha fatto miracoli. In questi giorni ho capito che, se lavorerò bene col mio team, posso davvero raggiungere traguardi importanti. Intanto da lunedì sarà n.162 ATP, di gran lunga il suo nuovo best ranking. Van Rijthoven manca invece l’appuntamento con il primo successo Challenger e si ferma in finale, proprio come gli successe nello scorso agosto a Segovia, migliorando però a sua volta il proprio record, che da lunedì sarà alla posizione n.200.

Il Challenger 80 di Bangalore (India, cemento outdoor) ha visto trionfare l’australiano Aleksandar Vukic che in finale ha avuto la meglio sul bulgaro Dimitar Kuzmanov con un doppio 6-4. Il 25enne Vukic (n.135 ATP) ha vinto senza nemmeno faticare troppo e senza mai cedere il servizio, contrariamente all’avversario che ne ha persi due, giusto uno per set. In questo modo il 25enne Aleksandar vince il suo primo Challenger dopo che i primi tre tentativi (Monterrey, Charlottesville e Champaign) lo avevano sempre visto rimbalzare davanti all’ultimo ostacolo. Per lui anche il nuovo best ranking alla posizione n.118. Kuzmanov che pure ha disputato un ottimo torneo e aveva impressionato nella semifinale vinta contro il francese Enzo Couacuad (n.155 ATP), deve rimandare l’appuntamento con la sua seconda vittoria Challenger, dopo quella dello scorso ottobre a Barcellona.

 

Continua a leggere
Commenti

ATP

Presentato a Torino il Piemonte Open Intesa Sanpaolo: “Un bel regalo per appassionati italiani”

Il torneo si disputerà nella seconda settimana degli Internazionali d’Italia a Roma. Previsto un importante parco giocatori

Pubblicato

il

A sinistra Fabrizio Paschina (direttore comunicazione e immagine Intesa Sanpaolo) a destra Giorgio Di Palermo (direttore del torneo Piemonte Open Intesa Sanpaolo) - foto Andrea Pellegrini / FITP

Torino val bene un Super Challenger. Nella mattinata di oggi, lunedì 20 marzo, è stato presentato il nuovo “Piemonte Open Intesa Sanpaolo”, torneo in programma dal 14 al 20 maggio 2023 appartenente alla neonata categoria ATP Challenger 175, quella che comprende anche gli eventi di Phoenix (andato in scena nella settimana appena conclusa, con la vittoria di Nuno Borges) e Cagliari (si gioca dall’1 al 7 maggio). Si tratta di un ristrettissimo elenco di eventi “Premium” che si collocano di fatto a metà tra il circuito Challenger e quello ATP per punti, montepremi e parco partecipanti. L’idea, come noto, è stata quella di collocare questi tornei durante la seconda settimana dei Masters 1000 con tabelloni a 96 giocatori, in modo da consentire ai tennisti eliminati nei primi turni di avere una possibilità per rifarsi in tornei logisticamente collegabili. A Torino si giocherà dunque nella seconda settimana degli Internazionali d’Italia a Roma.

Il Challenger 175 della capitale piemontese non è certo paragonabile alle ATP Finals, ma ne è in qualche modo parente, non foss’altro perché si gioca nella struttura che a novembre funge da Training Center per il torneo dei maestri. Ovviamente, cambia la stagione e la collocazione nel calendario, dunque la superficie sarà la terra rossa. “La prima edizione del Challenger ATP ‘Piemonte Open Intesa Sanpaolo’ è una grande notizia per il Circolo della Stampa Sporting e per il movimento tennistico piemontese, per almeno tre motivi – dice Pietro Garibaldi, presidente del Circolo -. Innanzitutto il torneo segna il ritorno del grande tennis nel restaurato Campo Stadio del Circolo della Stampa Sporting che ospitò gli Internazionali del 1961 e degli incontri di Coppa Davis degli anni ‘70. Il secondo motivo riguarda il movimento tennistico piemontese; con il torneo di prequalificazione che si svolgerà presso il Circolo della Stampa Sporting a partire dal 23 aprile 2022, daremo a tutte le giovani leve tennistiche piemontesi e del resto d’Italia la possibilità di qualificarsi per un torneo internazionale di primo livello. Infine, il Challenger ATP ‘Piemonte Open Intesa Sanpaolo’ conferma il ruolo del Circolo della Stampa Sporting come casa del tennis piemontese in stretto legame con tutte le istituzioni che ci hanno sostenuto in questi anni: il Comune di Torino, la Regione Piemonte, la Camera di commercio di Torino, la Sovrintendenza ai Beni Architettonici, le Fondazioni ex bancarie e lo sponsor Intesa Sanpaolo”.

Proprio nella forte presenza di Intesa Sanpaolo, title sponsor dell’evento, si ravvisa un altro elemento di contatto con le ATP Finals. Così Fabrizio Paschina, Executive Director Comunicazione e Immagine Intesa Sanpaolo: “Nel percorso di sostegno al tennis intrapreso da Intesa Sanpaolo con le Nitto ATP Finals e le Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals si apre oggi il nuovo capitolo del torneo Challenger 175. Gli atleti che si sfideranno al Circolo della Stampa Sporting, del quale sosteniamo il rilancio, esprimono capacità, energia, passione – le stesse della Banca nell’accompagnare ogni giorno lo sviluppo del Paese. Grazie a questo nuovo evento Torino si consolida come sede ideale per i grandi eventi sportivi e culturali”.

 

Direttore del torneo sarà Giorgio Di Palermo. “Il Challenger 175 ‘Piemonte Open Intesa Sanpaolo’ rappresenta un bel regalo per gli appassionati italiani e una nuova grande occasione per tutti i tennisti impegnati in quei giorni sulla terra rossa europea. I campioni usciti di scena nei primi giorni del Foro Italico avranno, infatti, l’opportunità di confrontarsi da domenica 14 a sabato 20 maggio al Circolo della Stampa Sporting; sugli storici campi torinesi troveranno le condizioni ideali per acquisire punti importanti per la classifica mondiale ATP. Questa nuova categoria premier garantisce, infatti, un alto tasso di qualità di tutti i partecipanti e rappresenta un’ottima opportunità per i giovani azzurri in rampa di lancio sul tour”, ha detto.

Le partite del torneo di Torino saranno trasmesse live sulla tv della Federazione Italiana Tennis e Padel SuperTennis Tv e sulla piattaforma digitale SuperTenniX. I biglietti per il torneo sono acquistabili a questo link: https://www.ticketone.it/artist/piemonte-open-intesa-sanpaolo/

Continua a leggere

Challenger

Challenger Phoenix: vince Borges e vola al 22° posto della Race

Nuno Borges, colui che mai perde al primo turno di un torneo ATP, batte in rimonta Shevchenko, l’autore dell’eliminazione di Berrettini e Monfils

Pubblicato

il

Nuno Borges - Phoenix 2023 (Twitter @ATPChallenger)
Nuno Borges - Phoenix 2023 (Twitter @ATPChallenger)

[Alt] N. Borges b. [Q] A. Shevchenko 4-6 6-2 6-1

Si ferma in finale la corsa di Alexander Shevchenko, il ventiduenne di Rostov sul Don proveniente dalle qualificazioni che ha battuto tra gli altri Gael Monfils e Matteo Berrettini. Arrivato a un set dal traguardo, Shevchenko si è arreso alla rimonta del portoghese Nuno Borges che, dopo Monterrey, ha alzato il secondo trofeo Challenger consecutivo su due disputati quest’anno. Poco più di un’ora e mezza di match in cui Shevchenko è stato il giocatore più aggressivo, mentre Borges – che risponde abbastanza vicino alla riga e poi si allontana, tipo Nadal o Medvedev al contrario – ha fatto valere le proprie doti difensive. E proprio vincendo un punto (quasi) perso due o tre volte sul 3-2 30-30 del secondo set Nuno ha preso lo slancio per un parzialone da 10 giochi a 1.

I 175 punti in palio all’Arizona Tennis Classic (Challenger dalla partecipazione di altissimo livello in cui sono arrivati in finale un qualificato e un alternate) gli valgono il best ranking al n. 68, il 22° posto della Race e l’aggiunta del nome al dizionario del nostro programma di videoscrittura.

Classe 1997 (quindi teoricamente un Orginal Next Gen, anche se all’epoca della prima edizione del Masterino era fuori dai primi 500 della classifica), con quattro anni di tennis alla Mississippi State University, Borges è un esempio di come ci si possa costruire un’ottima classifica con i tornei Challenger. Tuttavia, nonostante l’esperienza nel circuito maggiore sia al momento limitata a 20 match, Nuno vanta una statistica interessante: non ha mai perso al primo turno di un torneo ATP. Un altro modo di dirlo è che non ha mai superato il secondo ostacolo nelle sue sei partecipazioni ma, in ogni caso, il prossimo passo non potrà che essere un quarto di finale (almeno) in un “250”.

“Sono così felice e orgoglioso che non so se riuscirò a dormire stanotte” ha commentato Borges dopo il successo. “Ero nelle qualificazioni quando mi sono iscirtto, ma sono entrato in tabellone all’ultimo momento, peraltro con basse aspettative, visto il primo turno tosto che mi aspettava”. E invece ha battuto in due set Diego Schwartzman e non si è più fermato.

Per quanto riguarda il ventiduenne Shevchenko, allievo della scuderia di Gunter Bresnik, si ferma a un solo passo dalla top 100, ma ha già dell’ottimo materiale da raccontare ai nipotini, come quella volta che batté due top 10, senza bisogno di entrare nei dettagli. Insomma, a dispetto del nome benaugurante, a Phoenix né Monfils né Berrettini sono risorti dalle proprie ceneri. Ceneri si fa per dire, naturalmente. Dopotutto, Lamonf è appena rientrato nel circuito e, dopotutto, Matteo è andato in Arizona per giocare qualche match e qualche match ha giocato; se poi, invece di perdere dal presunto ex pallone d’oro, fosse arrivato in fondo, sarebbe stato criticato per aver messo a rischio la propria integrità fisica giocando cinque incontri in quattro giorni. Ammettiamolo, Spike Lee dava un consiglio impossibile con il suo “Fa’ la cosa giusta”.

Continua a leggere

Challenger

Al Challenger di Vina del Mar si ferma in semifinale la corsa di Andrea Vavassori

Vince Seyboth Wild mentre l’azzurro non riesce a prendersi la rivincita nella finale di doppio. In Ungheria il trofeo è del 19enne Medjedovic.

Pubblicato

il

Hamad Medjedovic vince a Szekesfehervar, Ungheria - foto via Instagram

Al Challenger 75 di Vina del Mar (Cile, terra outdoor) è il brasiliano Thiago Seyboth Wild a vincere il torneo che poteva essere di Andrea Vavassori. Facciamo allora un passo indietro, alla semifinale di sabato che ha visto l’azzurro uscire dal torneo con qualche rimpianto.

La giornata di Andrea Vavassori era iniziata con tante speranze, la più grande delle quali era di togliersi finalmente dalle spalle quella scimmia che gli ha finora impedito di vincere un Challenger in singolare. Purtroppo Hugo Gaston (n.106 ATP) non ci stava a recitare la parte della vittima predestinata e si portava avanti di un break, andando così a servire sul 5-4 in proprio favore. Ma il tennista piemontese, con un sussulto d’orgoglio, si procurava velocemente due palle break, trasformando la seconda con una bella discesa a rete. Si arrivava così al tie-break che purtroppo Vavassori inaugurava nel peggiore dei modi schiacciando in rete una palla che forse sarebbe finita fuori. E lì Andrea ha un po’ perso ritmo, lasciando galoppare l’avversario fino al 6-1. Sul primo dei cinque set point, l’azzurro decideva di servire dal basso, pur sapendo quanto sia azzardato sfidare il francese sul tocco. Finito così il primo set, non meglio iniziava il secondo con Andrea che si ritrova sotto 3-0 in un batter d’occhio, mentre Gaston comincia a fare un po’ il clown: colpisce di testa una pallina, scherza coi raccattapalle lanciandogli le palline da dietro la schiena. Fin troppo signorile invece Andrea che sul 1-3 e palla break concede all’avversario un punto che l’arbitro sarebbe stato propenso a far rigiocare. Il francese ringrazia e nel giro di pochi minuti è il momento delle strette di mano.

Non meglio per il torinese sarebbe andata la finale del doppio in cui, dopo doccia e merenda, si è presentato in campo in coppia con Luciano Darderi. Avversari l’equadoregno Diego Hidalgo e il colombiano Cristian Rodriguez, entrambi di poco dentro la top 100 e alla fine vincitori col punteggio di 6-4 7-6(5). Insomma, diciamo che la giornata poteva anche finire meglio ma già essere spesso presente alle curve finali è merito non piccolo per Andrea che chiude comunque con un bilancio più che positivo questa lunga trasferta sudamericana, con la gemma della vittoria nell’ATP 250 di Santiago.

 

Il suo nuovo best in una classifica di doppio che lo vede ora al n.50, ripropone con forza la sua candidatura a un futuro tinto d’azzurro. Nella giornata di domenica poi Gaston non è riuscito a capitalizzare questo successo ed è uscito sconfitto abbastanza nettamente (7-5 6-1) nel confronto col brasiliano Thiago Seyboth Wild (n.226 ATP) che così si aggiudica il suo secondo titolo Challenger (a Guayaquil 2019 il precedente) e cerca di risalire in classifica dove nel 2020 era arrivato alla posizione n.106.

Al Challenger 50 di Szekesfehervar (Ungheria, terra battuta indoor) il trofeo è di Hamad Medjedovic che in finale regola in scioltezza (6-4 6-3) il croato Nino Serdarusic (n.257 ATP). Il 19enne serbo ha in realtà faticato parecchio ad ingranare nel torneo e nei primi tre match è sempre stato costretto al set decisivo, rischiando anche parecchio. Poi quando il motore è andato in pressione non ce n’è stato più per nessuno, come può confermare, oltre al croato, anche Evan Furness (il giustiziere di Cobolli nei quarti) che in semifinale ha racimolato la miseria di tre games. Per il giovane talento, che ha già suscitato l’interesse di Sua Maestà Djokovic, è il secondo successo Challenger dopo quello di Luedenscheid del luglio scorso. Con questo risultato migliora il proprio best ranking alla posizione n.192, sesto miglior giocatore serbo in classifica.

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement