Indian Wells, Federer: “La favola del mio ritorno continua”

Indian Wells, finale: [9] R. Federer b. [3] S. Wawrinka 6-4 7-5. L'intervista del dopo partita a Roger Federer

Indian Wells, Federer: “La favola del mio ritorno continua”

Oggi in campo sembrano esserci state parecchie emozioni, provate da entrambi. Parlaci un po’ delle tue sensazioni.
Sì, guarda, lo sport è emozionante. Quindi quando vinci o quando perdi certe volte la cosa diventa più forte di te, mi piace assistere alla cosa. Penso che ai fan piaccia vedere i giocatori che si interessano davvero a una vittoria o a una sconfitta. Allo stesso tempo ritengo che Stan debba essere orgoglioso degli sforzi messi in atto qui e del suo inizio anno. Qui nel deserto ha sempre avuto difficoltà in passato. E poi, per quanto riguarda la mia situazione, la favola del mio ritorno continua. Di nuovo, non sono sorpreso come lo ero in Australia, ma comunque questo risultato è molto, molto inaspettato per me. Non potrei essere più felice di aver battuto i giocatori che ho battuto, nel modo in cui li ho battuti. Per me è assolutamente un inizio anno enorme. Nel 2016 non vinsi neanche un titolo, il cambiamento è evidente.

Chiariamo la cosa. Stavi davvero ridendo mentre Stan piangeva durante la cerimonia?
Beh, stavo cercando di tirarlo su di morale. Lui lo sa. Quando mi ha guardato ho cercato di non fargli vedere una faccia triste. Lo stavo guardando con una espressione del tipo: presto starai meglio, e poi gli ho fatto un sorriso pensando che forse lo avrebbe distratto. Suppongo di esserci riuscito (sorride).

 

È questa la prima volta in vita tua che sei stato chiamato st***zo?
Stai scherzando? No, mi è successo tante, tante volte in passato. È per questo che lo prendo come un complimento. Non ci sono sempre telecamere in giro, quindi qualche volta sono stato chiamato in quel modo. Piuttosto spesso a dir la verità. In campo è la prima volta, ma va bene così.

Che consigli ti ha dato Ivan Ljubicic per questo match?
Era anche il suo compleanno, per lui è stata una bella vittoria sotto molti aspetti. Mi ha ricordato cosa avevo fatto di buono durante il torneo e cosa non era andato bene, poi come mi ero comportato contro Stan a Melbourne. In pratica questo, cose piuttosto semplici. Non ho dovuto cambiare di molto il mio match rispetto ai match precedenti. Di solito, a seconda dell’avversario, devi fare molti aggiustamenti al tuo gioco, ma non è stato questo il caso e la cosa mi ha aiutato. Poi ovviamente ho anche parlato con Severin prima dell’incontro, il quale conosce Stan molto bene, giusto per sapere cosa aveva da aggiungere. Ha sempre degli spunti importanti da sottolineare che io tendo a dimenticare. In sostanza penso che quello che mi hanno detto alla fine ha funzionato.

Parlando della stagione che ti aspetta, pensi che adesso ti si presenterà una sorta di sfida mentale visto il grande successo ottenuto finora?
Sì, penso di aver avuto questa sensazione a Dubai. Quando sono tornato negli spogliatoi dopo la sconfitta con Donskoy, Severin mi ha detto che forse in preparazione per Indian Wells e Miami quella era la cosa migliore, perché avevo davvero bisogno di un po’ di tempo libero. Perché per via dell’infortunio che mi portava avanti da Melbourne non ero al 100%, sfortunatamente. Mi mancava dell’energia. Ho cercato di spiegarlo in conferenza stampa ma non è stato facile. Ho cercato di ottenere un buon risultato ma semplicemente Donskoy giocò alla grande e io faticai molto. Quando sono arrivato qui mi sono ripromesso che avrei giocato con la giusta energia. Non si giocano solamente finali dello Slam, bensì si parte sempre da zero. Bisogna farsi strada attraverso i primi turni, e qui ho trovato subito la forza. Intorno a novembre o dicembre, quando la preparazione stava andando bene, abbiamo fatto una riunione per stabilire gli obiettivi della stagione, e anche se il ranking è una cosa secondaria, avevamo fissato di raggiungere la posizione numero 8 intorno al periodo dopo Wimbledon. Perché se fossi uscito presto in Australia sarei sceso fino alla posizione numero 35. È stato un buon modo di approcciare la cosa. Sono riuscito ad arrivarci molto prima e quindi ovviamente bisogna riassestare i propri piani. Dove possiamo arrivare a questo punto? Perché tutto ciò non faceva parte del piano, posso dirtelo con franchezza. Penso che per me ora sia davvero importante riposare al massimo e poi, dopo Miami, ci organizzeremo soprattuto per la stagione sulla terra rossa, e vedremo quali potranno essere i nuovi obiettivi. Perché ciò che possiamo raggiungere è chiaramente cambiato dopo quest’inizio da sogno.

Come pensi di riuscire a trovare un equilibrio tra la tua carriera di tennista e quella di cantante?
Sarà molto difficile (sorride). Ho sentito molti responsi positivi e ho ricevuto molte offerte. È per questo che non so se riuscirò a giocare ancora tanto tennis. Dopo Miami, ho davvero bisogno di riorganizzare la mia stagione, non solo come giocatore, ma anche come cantante. Devo mettermi d’accordo con Grigor e Tommy. Sarà parecchio difficile, ma ti farò sapere quale sarà il nostro calendario, il nostro tour, le magliette della band, dove ci esibiremo (sorride). Sto scherzando.

Una piccola proposta: se Stan promette di non chiamarti più in maniera volgare in campo, gli sarà permesso di entrare a far parte della band musicale del rovescio a una mano?
No, no, no, non è necessario che abbassi i toni, va bene così. Forse dovrebbe cambiare tono nella sala di registrazione. Non conosco il suo livello canoro. Lui è certamente invitato ad unirsi a noi. Tutti sono i benvenuti. Sono quelli con il rovescio a due mani sui quali dobbiamo discutere se farli entrare o no, ma quelli con il rovescio a una mano possono venire, manteniamo in vita la cosa, davvero (sorride).

CATEGORIE
TAG
Condividi